Come corteggiare un uomo di valore e diventare più forti emotivamente e più interessanti

come corteggiare un uomo

Come corteggiare un uomo? Come corteggiare un uomo di valore?

Soprattutto, come corteggiare un uomo di valore senza “inseguirlo”, come una disperata che è alla canna del gas, ma trasmettendogli il tuo interesse e divertendovi insieme?

Perché parlo nello specifico di uomo di valore?

Per due motivi.

Il primo è molto semplice. Vorrai mica metterti a inseguire una mezza calzetta?

Davvero, se devi divertirti a corteggiare un uomo, corteggia un uomo di valore e di valori, con valori. Valori forti, eh!

E’ molto più divertente, dà molta più soddisfazione ed è un investimento garantito.

Il secondo è che gli uomini di valore si lasciano corteggiare solo se sono interessati sul serio, rispettandoti e divertendosi e probabilmente pensando a seri, eventuali progetti con te.

Le mezze calzette, i predatori da smartphone, i giocolieri da chat, gli sciacalli sentimentali, coloro che giocano con i sentimenti altrui, si lasciano corteggiare anche loro, ma lo fanno per il gusto di prendersi sadicamente gioco delle donne e di rafforzare la loro autostima inesistente.

Solo per usarti o per ridere alle tue spalle, insomma.

Questo è.

Quindi bisogna sapere distinguere tra uomini di valore e tra diversi tipi di corteggiamento.

Vi sono, per esempio, dei corteggiamenti espliciti e banalotti, che mettono in imbarazzo gli uomini di valore e li allontanano, mentre scatenano i peggio istinti negli stronzetti mezze calze.

Scoprendo come corteggiare un uomo, scopri molto sulla psicologia maschile, sulle relazioni e su… te stessa.

Molto bene.

Ma una donna può e deve corteggiare un uomo?

“Un momento”, dirai tu, “ma che discorso è che una donna corteggi un uomo? Non è il contrario che deve succedere, e cioè che sia un uomo a corteggiarmi? Io non ho voglia e non mi sembra giusto corteggiare un uomo… Non mi sembra giusto starli a inseguire ‘sti uomini. Credo anche che in effetti, alla fine, rischio di sembrare una facile oltre che una disperata.”

Se mi conosci appena un po’ e sai quale è la mia “linea” dovresti ben sapere anche che io sono della scuola di lasciare fare tutto o quasi a un uomo, tutt’al più di incoraggiarlo nel mantenere il suo interesse per te e nel suo percorso di corteggiamento.

Questo perché, soprattutto al giorno d’oggi e soprattutto per coloro che devono formarsi una “giusta” esperienza riguardo le relazioni sentimentali, dato che si sono prese delle grandi delusioni e delle grandi capocciate, e hanno tanto sofferto, misurare la vera intensità dell’interesse di un uomo serve a fare selezione.

Lo rispiego più semplicemente: siccome molti uomini “giocano”,  far fare loro fatica serve a scremare quelli che vogliono solo “giocare” e serve a far rimanere quelli veramente interessati.

Anche se bisogna tenere presente che ci sono i seduttori incalliti che prendono di mira una “preda” e insistono finché non cede.

E lì son dolori, se si è “senza pelle”, indifese, inermi.

Infatti, ci sono anche i narcisisti che vogliono vincere a tutti i costi o gli stalker, e per questi è necessario individuare i “campanelli di allarme” di cui spesso parliamo.

E sapersi proteggere. Sempre.

Teniamo presente che ci sono anche molte donne che in nome della “parità” (:D :D :D, scusa mi viene da ridere), sostengono che, certo, un uomo si può e si deve corteggiare, non siamo nel 1800.

No, non siamo nel 1800, quasi peggio.

Quindi, dopo tutte queste considerazioni si può e si deve corteggiare un uomo?

Sì, quando la frequentazione ha già un buon livello di durata e di intensità e quando lui si è dimostrato un uomo di valore.

E’ pieno di uomini di valore, è necessario saperli intercettare e saperli riconoscere, senza fare confusione.

Spesso – se non quasi sempre – gli uomini di valore sono coloro meno appariscenti, che meno vogliono farsi notare e/o stare al centro dell’attenzione.

Sono anche coloro che sono “seri” e “affidabili”.

Che cosa significa?

Significa che fanno quello che dicono.

Parlano poco e fanno molto. Ma molto di giusto e di concreto, non di stupido e di impalpabile.

Ci siamo?

Ok, quindi, mettiamo che conosci un tipo che ti piace, ti pare proprio che tu gli piaccia, è uno che rispetta impegni e appuntamenti, non scappa, non si nasconde, è presente con regolarità e costanza.

Bene, come puoi corteggiarlo, cioè riscaldare e rafforzare il vostro rapporto che sta per partire e nessuno di voi due sa ancora se partirà o si fermerà?

Cose sbagliate da fare per corteggiare un uomo di valore e cose  giuste

1 Non fare la manipolatrice.

Cioè non comportarti come colei che usa delle mezze verità, delle piccole bugie o dei “trucchetti” per far fare agli altri quello che vuole.

Non usare giochetti o strategie del cavolino o trappolette di seduzione.

Per un uomo intelligente sono insopportabili, per uno stronzo profittatore un richiamo potente per farti del male.

Che cosa fare invece:

sii onesta con lui e trasparente, digli quello che ti piace fare e quello che non ti piace fare, come ti senti e come vorresti sentirti, ma senza nemmeno farti passare per l’anticamera del cervello che è lui che ti deve far sentire in un modo invece che in un altro.

2 Non raccontargli bugie su fatti significativi che ti riguardano, sul tuo passato o sulla tua famiglia.

Come fai ad attrarre un uomo senza sembrare una facile o una poco di buono?
Scoprilo con i 5 video gratuiti dell'anteprima "Come fare innamorare un uomo e tenerselo". Iscriviti qui senza rischi e senza impegno e ricevi il materiale nella tua casella mail.

E’ importante essere sinceri e onesti in una relazione.

Quando si è abbastanza certi che questa relazione diventa importante.

Non è affatto necessario sapere tutto dell’altra persona, soprattutto se certi aspetti riguardano non lui/lei direttamente, ma altre persone.

Ma se ci sono fatti gravi che possono essere importanti per conoscersi meglio, è necessario che vengano a galla.

Non al primo incontro, ovvio…

Che cosa fare invece:

ometti quello che non è necessario, racconta l’essenziale, con obiettività ed equilibrio, facendo intendere che sai perfettamente gestire – e lo saprai fare anche in futuro – le tue questioni complicate presenti e passate ed eventualmente future, senza farle pesare sulla vostra relazione.

Non fare giochi di potere

3 Non metterlo su un piedestallo e non trattarlo né come un re, né come un principe.

Un uomo sano ed equilibrato sa quanto vale ed è consapevole di valere ma non ha bisogno di esibirsi o di lodi o peggio di mielose lusinghe, che dimostrano solo bisognosità e un eccessivo attaccamento.

Che cosa fare invece:

rispettalo, esattamente come vuoi e come vorresti essere rispettata tu: non sminuirlo, non prenderlo in giro in modo svalutante, non disprezzare chi lui ama, che cosa gli piace e che cosa apprezza.

Rispettalo come persona, come uomo, come possibile compagno (o come compagno, giacché anche i partner con cui si sta una vita intera, vanno corteggiati, senza insistenza e con costanza).

Questa distinzione tra “adorazione”/”sottomissione” e “rispetto”, una volta fatta completamente tua, ti aiuta a trovare il perfetto equilibrio in una relazione.

Ti permette di capire quando un uomo ti sta rispettando, quando non ti rispetta e quando è bisognoso e manipolatore.

E ti permette di capire quando tu rispetti e ami, non sei bisognosa e dipendente o manipolatrice.

4 Non fare la vittima, non frignare, non lamentarti, non assumere comportamenti infantili, non lasciarti andare alla mania del controllo, non cogliere ogni scusa per fare un dramma, per inscenare una tragedia.

Ipotizziamo che tu sia una donna che ha avuto tante storie sbagliate con uomini sbagliati e che ora tu abbia incontrato un uomo che è sano ed equilibrato.

Un uomo sano ed equilibrato non vuole stare con una donna che non è ancora uscita dalle “pastoie” che l’hanno portata in storie sbagliate o che non sta facendo nulla in prima persona e con determinazione per uscire da quelle “pastoie”.

Per cui, se ti aspetti da lui i comportamenti di un uomo sbagliato e già assumi i comportamenti che assumeresti con un uomo sbagliato, usando la lamentela, il ricatto emotivo, il farti vittima e tutta quella serie di atteggiamenti disfunzionali che si appaiano perfettamente a un uomo disfunzionale, l’uomo di valore si allontanerà.

Nota: non è detto che se si allontana è un uomo di valore e che siano i tuoi comportamenti ad allontanarlo.

Sappi distinguere!

Magari non è interessato, il che non significa che tu non sia una donna interessante.

E forse è solo uno che voleva prenderti in giro.

La questione è che molte persone (donne e uomini) sono così disabituate ad avere a che fare con interlocutori di valore che non li sanno riconoscere, non li vedono proprio e, soprattutto, non li sanno trattare.

Che cosa fare invece:

assumi un comportamento da persona adulta.

Valuta che cosa è importante davvero per te nella vita, non usare le tue disgrazie eventuali, passate, presenti e future per impietosire chicchessia, tantomeno il tuo partner potenziale o un uomo che ti piace.

Esprimi le tue emozioni negative quando pensi che esprimerle sia buono e costruttivo ed esprimile come frutto del tuo personale sentire e del tuo personale pensare e non come effetto di azioni di altri su di te.

5 Non chiedergli di fare l’indovino, il mago di telepatia o di assumersi responsabilità che non ha scelto e non vuole.

Che cosa significa? Molte donne (anche molti uomini, per la verità, ma in quantità minore rispetto alle donne) hanno bisogno di essere capite e pretendono di essere non solo capite, ma “pre-capite”, capite prima ancora di provare sentimenti ed emozioni.

Ma no!

Non funziona così!

Si pretende di essere capite e sostenute costi quel che costi.

Come se fosse un diritto assoluto. E se l’uomo non si comporta in modo totalmente comprensivo e non capisce “ancora prima” lo si considera non all’altezza.

Questo è un modo disfunzionale di relazionarsi, che porta a relazioni disfunzionali.

O all’allontanamento del partner.

Che cosa fare invece:

esprimi le tue esigenze con chiarezza, sii determinata nel raggiungere quello che vuoi dalla relazione e se, dopo che vi siete aperti reciprocamente e vi siete fatti delle promesse, lui non le rispetta, digli chiaramente che a te non va bene e che te ne vai.

E te ne vai sul serio. Non giochi all’avanti indietro come fanno molte donne.

Se hai domande riguardo alle indicazioni che ti ho fornito, sentiti libera di scriverle nello spazio commenti qui sotto.

Questo è un modo serio ed efficace per scoprire facilmente come corteggiare un uomo.

 

Lascia un Commento!

48 Commenti

  1. Avatar di Lali

    Lali 2 mesi fa (23 Marzo 2020 19:10)

    Credo che questo sia uno degli articoli più densi che hai scritto, pieno di intelligenza e punti di vista alternativi, nel senso proprio di diversi dal pensare comune, che richiede un sacco di riletture per scoprire tutto quello che dice e rifletterci su. E alla fine consola pensare che molte cose una le sa e se le dice, cavoli se se le dice.... Ma si vede che dirsele non basta, a volte.
    Rispondi a Lali Commenta l’articolo

    • Avatar di Ilaria Cardani

      Ilaria Cardani 2 mesi fa (23 Marzo 2020 19:47)

      Ciao Lali, al proposito, un articolo: Tecniche di seduzione e altro: se lo sai, fallo! https://www.lapersonagiusta.com/relazioni/tecniche-di-seduzione-e-altro-se-lo-sai-fallo/
      Rispondi a Ilaria Cardani Commenta l’articolo

    • Avatar di Lali

      Lali 2 mesi fa (23 Marzo 2020 20:08)

      Scoprire che cosa ti impedisce di fare quello che sai: 1) una sorta di instabilità emotiva, che mi prende ogni volta che qualcuno mi piace 2) collegata ad una autostima altalenante, ma per fortuna in via di rafforzamento 3) e anche ad una certa "fretta" di ottenere dei risultati concreti, perché attendere e pazientare non sono il mio forte e li vivo con frustrazione, e invece sono utili e necessari, sto scoprendo. I sentimenti e le emozioni sono lente e richiedono lentezza. Almeno per i miei standard iperveloci
      Rispondi a Lali Commenta l’articolo

  2. Avatar di luisa

    luisa 2 mesi fa (26 Marzo 2020 3:29)

    In questi 5 anni di singlelitudine (vari tentativi di storie ma nulla andato a buon fine) ho ricontattato il mio ex, il mio primo piccolo e grande amore. Avevo 19 anni quando ci siamo conosciuti e frequentati. Ora ne ho 34. Lui ha 4 anni più di me. Siamo stati assieme 3 anni con vari tira e molla. Nonostante abbiamo intrapreso due vite diverse (e siamo su continenti diversi) non abbiamo mai smesso di pensarci...e di sentirci. Di amarci, credo. Al momento, di tanto in tanto (1 volta al mese o 1 volta ogni 2 mesi) ci sentiamo. Parliamo di tutto, ridiamo, scherziamo, ci raccontiamo le nostre vite e ricordiamo i momenti buffi e divertenti passati assieme. Non c'è rivalità, non c'è orgoglio o rancore rispetto al nostro passato. Ci vogliamo bene. Sono single e non ho figli. Lui ha avuto un bimbo due anni fa e poco dopo si è separato. Entrambi abbiamo sempre avuto storie poco convincenti. 12 anni fa lo lasciai io, soffrendo molto, perché la storia non poteva crescere a mio avviso a causa della nostra immaturità. Ma eravamo entrambi follemente innamorati. L'unico ad oggi che mi abbia fatto sentire desiderata. E' sbagliato che ci sentiamo ancora visto che molto probabilmente rimarremo su due contenenti diversi e che non possiamo praticamente vederci? Dovremmo staccarci definitamente? Se lui fosse in Italia inizierei a corteggiarlo, vorrei vedere se maturando la nostra storia potrebbe funzionare. Sono sicura che sarebbe la stessa cosa anche per lui.
    Rispondi a luisa Commenta l’articolo

  3. Avatar di Nadia

    Nadia 2 mesi fa (23 Marzo 2020 17:58)

    Grazie! Che intendi dire per disgrazie?
    Rispondi a Nadia Commenta l’articolo

    • Avatar di Maria

      Maria 2 mesi fa (26 Marzo 2020 9:57)

      Buongiorno a tutti! Onestamente, io sto cercando di trascorrere questo periodo all'insegna della positività, cercando di fare chiarezza nella mia mente per comprendere i miei bisogni e rafforzare la mia autostima. Spero che, quando tutto questo sarà finito, riuscirò a ripartire alla grande e ad allargare la mia cerchia di conoscenze. Un saluto a tutti
      Rispondi a Maria Commenta l’articolo

  4. Avatar di Denise

    Denise 2 mesi fa (26 Marzo 2020 9:35)

    Qualche tempo fa ho conosciuto un uomo della mia stessa età (33 anni) al parco. Io ero su una panchina al sole a leggere, lui faceva jogging e si è fermato proprio accanto a me per fare stretching. Abbiamo iniziato a chiacchierare e ci siamo scambiati i numeri con l'idea di prenderci un caffè un giorno. Qualche giorno dopo, per motivi di lavoro, sono dovuta andare fuori città per un mese. Ci sentivamo regolarmente, al telefono o per messaggio. Mi raccontava di progetti per il lavoro, dettagli della vita privata, la voglia dopo tanto tempo di avere qualcuno accanto. Insomma si era creato un bel feeling. Rientro in città e prendiamo un caffè assieme. Neppure un'ora dopo mi bacia. Iniziamo a frequentarci: cinema, birre, passeggiate, parliamo di tutto e ci troviamo su tutto. Un giorno, così dal nulla e come una doccia fredda, ricevo un suo messaggio in cui mi dice che con me sta bene ma che non vuole avere legami e che la mia priorità in quel momento era un'altra. Ciò nonostante nessuno dei due, men che meno io, avesse mai affrontato l'argomento relazione. Io mi sono innamorata e lui... Non so. È sparito per un po', poi è tornato a farsi vivo (sapevo che avevo una dura prova da affrontare), poi è sparito di nuovo, oggi mi tiene d'occhio pur non facendosi sentire. Che fare?
    Rispondi a Denise Commenta l’articolo

    • Avatar di Cristina

      Cristina 2 mesi fa (26 Marzo 2020 12:48)

      Ciao Denise. Guarda io non conosco nè te, nè lui, però intanto: cosa vuol dire che ti tiene d'occhio pur non facendosi sentire? Riguardo al suo comportamento secondo me era solo annoiato, perché mi sembra strano che una persona dopo nemmeno un'ora al primo appuntamento, considerando che eravate perfetti estranei perchè non c'è stato prima un momento di conoscenza, ti baci. O meglio, più che strano, mi sembra abbastanza prematuro che uno che voglia davvero conoscerti si metta a baciarti. In più lui sparisce di colpo, per messaggio, dicendoti che sta bene con te ma di avere altre priorità. Quasi come se in quell'intervallo temporale volesse una distrazione e ha trovato te. Non so, non mi suona da persona seria e sinceramente interessata. Questo è il mio pensiero, potrei sbagliarmi ovviamente. Mi dispiace molto che tu ti sia innamorata di lui, è normale che ora ci resti male, ma penso che proprio per questo sia meglio che eviti di sentirlo: secondo me, complice anche il momento particolare, ti farebbe peggio.
      Rispondi a Cristina Commenta l’articolo

    • Avatar di Denise

      Denise 2 mesi fa (26 Marzo 2020 14:16)

      Ciao Cristina, Non era lui ad avere altre priorità in quel periodo, ma io. Lui si è limitato a dirmi che non voleva legami anche perché io in quel momento avevo cose più importanti cui pensare. Mi tiene d'occhio in senso bonario eh. Qualche mi piace alle foto, cose del genere. Ad ogni modo non ho intenzione di risentirlo in questo momento che stiamo vivendo proprio perché è un periodo strano per tutti. Il mio 'che fare?' era in senso generico, perché non so come interpretare il suo comportamento.
      Rispondi a Denise Commenta l’articolo

    • Avatar di Ilaria Cardani

      Ilaria Cardani 2 mesi fa (26 Marzo 2020 14:19)

      Denise, si chiama "orbiting", cioè scomparire dalla vita di una persona ma continuare a "orbitare" intorno a lei proprio per creare dubbi e incertezze e non farsi dimenticare. E' un comportamento perverso. Facile da interpretare, è una bruttissima persona. Io fossi in te lo bloccherei.
      Rispondi a Ilaria Cardani Commenta l’articolo

    • Avatar di Denise

      Denise 2 mesi fa (26 Marzo 2020 14:22)

      Non farsi dimenticare a quale scopo? Non si fa sentire né prova a riavvicinarsi quindi non ne vedo l'utilità
      Rispondi a Denise Commenta l’articolo

    • Avatar di Cristina

      Cristina 2 mesi fa (26 Marzo 2020 15:11)

      Scusa Denise, avevo interpretato che avessi sbagliato a scrivere e fosse lui ad avere altre priorità. Il discorso però non cambia ugualmente, perchè a maggior ragione si è solo divertito sapendo tu avessi altre priorità e quando si è stufato ha addotto la scusa che tu sei troppo impegnata, tanto non potevi nemmeno negarlo. Ha anche un po' di perverso sparire dicendoti così. Quanto ai mi piace alle foto e come interpretare il suo comportamento, non conoscevo il termine "orbiting" che ha indicato Ilaria, quindi ti avrei solo scritto che semplicemente gli piace esser presente anche nella vita di persone che lui non vuole più. Il motivo è che secondo me, ma anche qui Ilaria poi ti dirà meglio riguardo all'orbiting, alcune persone godono nel sapere di essere nella mente di persone che provano/abbiano provato un sentimento verso di loro. Credo che li faccia sentire importanti, desiderati. Qualcosa del tipo "Io mi diverto con te, ti faccio legare a me, poi quando mi sarò annoiato me ne vado senza dare spiegazioni, rimanendo comunque a distanza, in modo che so che non mi dimentichi e probabilmente hai difficoltà ad andare avanti". Ecco, secondo me nella loro testa funziona più o meno così.
      Rispondi a Cristina Commenta l’articolo

  5. Avatar di Mononoke

    Mononoke 2 mesi fa (27 Marzo 2020 15:06)

    Ciao Ilaria, mi piacerebbe condividere questo link https://www.youtube.com/watch?v=rEP3RtmdijY&ck_subscriber_id=507135137 per due motivi: ho scoperto le lezioni di musica di questo maestro che mi ha colpito tanto per il suo garbo e poi perché in questo video specifico parla di un libro che non conoscevo di De Maistre "Viaggio intorno alla mia camera", perfettamente in linea con quello che stiamo vivendo in questi giorni. Valuta tu se è possibile condividerlo con le altre lettrici. Grazie mille!
    Rispondi a Mononoke Commenta l’articolo

  6. Avatar di anna

    anna 2 mesi fa (10 Aprile 2020 9:57)

    Ciao Ilaria, leggo sempre con molto interesse i tuoi articoli. Dai tanti consigli utilissimi su come conquistare un uomo e saper scegliere quello giusto tra tutte le persone che incontriamo. Ho pero' una domanda. Puo' capitare a volte di non essere pronti ad una relazione seria e contemporaneamente si incontrano uomini sbagliati, che pero' ti illuminano a capire cosa vuoi davvero. La mia domanda è questa: perchè quando arrivi a maturare e capire cosa vuoi e ti senti pronta seriamente non conosci piu' nessuno per poterti confrontare e avere la storia giusta che tanto desideri? Grazie
    Rispondi a anna Commenta l’articolo

  7. Avatar di Cristina

    Cristina 2 mesi fa (25 Marzo 2020 15:35)

    Ciao Ilaria, e ciao a tutte/i voi del blog. In questo periodo di quarantena ho notato una "tendenza umana" che mi ha colpita e vorrei condividerla con voi, avendo i vostri pareri: vedo molto spesso sui social network post e video di gente (non seguita da me, però su Instagram alcuni profili, nonostante non li si segua, appaiono sulla schermata ed ecco perchè li vedo) che affermano che in questo periodo di insicurezza, solitudine, incertezza, hanno avuto la tentazione di ricontattare gente ormai fuori dalla propria vita (ex, vecchi amici). Addirittura alcune consigliano a chi chiede cose del genere "ci siamo visti una sera, mi ha invitata a casa sua, non me la son sentita ed è sparito, non so se cercarlo" (cito testuali parole) di farlo, perchè in quarantena "tutto è lecito". Ora, a me sembra un comportamento ai limiti del patetico, soprattutto perchè in un periodo del genere oltre a famiglia, amici e fidanzato, penserei giusto al massimo a qualcuno con cui mi sto frequentando, non di certo a gente che non fa parte della mia vita. Non ora in ogni caso. Invece ho notato che in tantissimi la prendono come un "rispolvero" della rubrica. Cosa ne pensate?
    Rispondi a Cristina Commenta l’articolo

    • Avatar di Ilaria Cardani

      Ilaria Cardani 2 mesi fa (25 Marzo 2020 17:05)

      Penso che le persone siano molto fragili, soprattutto coloro che mimano sicurezza e che giocano con i sentimenti degli altri. La quarantena, ma soprattutto questa situazione totalmente nuova e irripetibile, sono, letteralmente "spaventose". Chi di noi non è sgomento e non ha paura? Siccome queste persone sono fragili, nella quarantena, non potendo andare in giro a scassare i marroni ad altri, si fanno prendere dalla paura della solitudine e dalla consapevolezza di non valere niente e di non avere l'amore di nessuno, dato che non sono capaci di amore. Ecco che, allora, per puntellare la loro paura cercano disperate qualcuno. Che poi è la cosa che fanno quando sono all'asciutto di nuove conoscenze, anche in situazioni normali. Meravigliosa la frase insensata e giustificatoria "In quarantena tutto è lecito". Cioè, imbecilli, ma non l'hanno ancora capito che la vita non è il loro parco giochi e mai, in nessun momento "tutto è lecito"?
      Rispondi a Ilaria Cardani Commenta l’articolo

    • Avatar di Emanuele

      Emanuele 2 mesi fa (25 Marzo 2020 17:45)

      Analisi perfetta Ilaria. Mi rammarica che ci siano persone così fragili ed è del tutto comprensibile avere paura. Detto questo non è "tutto lecito" in nessun momento come dici tu. Poi ognuno reagisce ed è fatto a suo modo. Io ho reagito studiando pensando al dopo seppur con qualche punta di rabbia. A me è la rabbia che poi mi fare uno switch. Ecco guarda caso oggi creano un gruppo aziendale per ripartire e io ero già pronto. C'è chi ha accolto in modo favorevole le mie idee e sta contribuendo con altre per venirne fuori. I primi input gli dati io perché ho studiato e non mi sono perso dietro a sciocchezze come altri.
      Rispondi a Emanuele Commenta l’articolo

    • Avatar di Cristina

      Cristina 2 mesi fa (25 Marzo 2020 20:10)

      Si parrebbe essere la frase del momento... non so. Io capisco che siamo tutti spaventati, siamo tutti straniati da questa situazione, ma mi sembra che si stia perdendo proprio il raziocinio, facendo prevalere alcuni atteggiamenti come questo... Quasi all'insegna del "cogli l'attimo" "Fallo adesso", come se prima non si potesse, o in futuro. Quasi un rischiatutto, anche se al di là ci sono persone vere e non slot machines. Non so, secondo me adesso è il momento di ristabilire un po' il contatto con noi stessi e ricaricarci, stando vicino per quanto possibile ai propri affetti.
      Rispondi a Cristina Commenta l’articolo

    • Avatar di Silvia

      Silvia 2 mesi fa (25 Marzo 2020 22:04)

      Sembrano un po’ quelle reazioni della serie: viene meno la corrente in tutta la città per un paio di ore, e tutti si buttano a saccheggiare i negozi di elettronica. Ora, sembrerà un paragone azzardato, ma sembra come che queste persone si sentano autorizzate a valicare le regole (sociali e umane, in questo caso) per il solo fatto di stare vivendo un momento di emergenza. Torniamo al far West!
      Rispondi a Silvia Commenta l’articolo

    • Avatar di Ilaria Cardani

      Ilaria Cardani 2 mesi fa (25 Marzo 2020 22:10)

      Sciaccallaggio dei sentimenti. Ma questi del resto sono sciacalli. Quelli che svaligiano i negozi in tempi di calamità naturali, non è che di solito sono dei santi, eh!
      Rispondi a Ilaria Cardani Commenta l’articolo

    • Avatar di Lita❣️

      Lita❣️ 2 mesi fa (12 Aprile 2020 13:54)

      Salve,allora io non sono in una buona situazione con il ragazzo che mi piace, da quando ha conosciuto una ragazza tra noi è cambiato tutto quanto, infatti abbiamo avuto una brutta lite e abbiamo chiuso perché lui ha preferito lei a me solo perché(voleva andarci a letto con sta qua, secondo te dureranno?). Mi potresti dare dei consigli su come far tornare tutto come prima,gli manco secondo lei?
      Rispondi a Lita❣️ Commenta l’articolo

    • Avatar di Shibumi

      Shibumi 2 mesi fa (12 Aprile 2020 16:36)

      Lita, secondo me non sente la tua mancanza e soprattutto non gli interessi. Sinceramente mi stupisco di chi fantastica su amori impossibili.
      Rispondi a Shibumi Commenta l’articolo

    • Avatar di Ilaria Cardani

      Ilaria Cardani 2 mesi fa (12 Aprile 2020 17:12)

      Con "sta qua" voleva solo andarci a letto. Con te è evidente che è vero amore, giusto?
      Rispondi a Ilaria Cardani Commenta l’articolo

    • Avatar di Lita❣

      Lita❣ 2 mesi fa (12 Aprile 2020 18:56)

      Secondo me si,però non lo so,cosa mi consigli di fare? All'inizio filava tutto liscio mi chiamava "piccola, amore...(però lui dice che non provava nulla)..."arrivata lei abbiamo fatto una lite tremenda e adesso ci sentiamo però non più come prima
      Rispondi a Lita❣ Commenta l’articolo

    • Avatar di Ilaria Cardani

      Ilaria Cardani 2 mesi fa (12 Aprile 2020 22:02)

      Ma come si fa a pensare a uno che ti ha detto che "non provava nulla" quando ti chiamava "piccola e amore...". Intanto è evidente che non ne vuole sapere di te per dirti una cosa del genere. Poi che non si fa nemmeno lo scrupolo di quel minimo di rispetto di evitare di dirti una verità così squallida. E poi è un bugiardo e un maleducato cosmico. Cioè fino a che livello vuoi essere maltrattata?
      Rispondi a Ilaria Cardani Commenta l’articolo

  8. Avatar di Vic

    Vic 2 mesi fa (12 Aprile 2020 17:07)

    Ve le ricordate le domande su Cioè di 25 anni fa: "Ci siamo sfiorati lì sotto con tutti i vestiti addosso, sono incinta?" Ilaria, quanto vorrei poter vedere la tua faccia :-D
    Rispondi a Vic Commenta l’articolo

    • Avatar di Ilaria Cardani

      Ilaria Cardani 2 mesi fa (12 Aprile 2020 17:11)

      Vic, ti faccio presente che io "Cioè" lo studiavo a memoria. Al liceo eravamo in una classe di 25 ragazze e 5 ragazzi. Non so come, regolarmente spuntava una sola copia di "Cioè". Rimaneva sempre in aula e il criterio era che la si leggeva a turno, durante le lezioni, infilata nelle pagine del libro. C'era qualcuno che generosamente sottolineava i passaggi più interessanti, tipo quello che citi...
      Rispondi a Ilaria Cardani Commenta l’articolo

    • Avatar di Vic

      Vic 2 mesi fa (12 Aprile 2020 17:59)

      Anch'io me lo portavo a scuola ma ognuna aveva la sua copia. Io e mia sorella gemella, però, una in due. Le litigate… bei tempi :-)
      Rispondi a Vic Commenta l’articolo

    • Avatar di Cristina

      Cristina 2 mesi fa (12 Aprile 2020 17:46)

      Vic sai che per un periodo lo leggevo anche io? Ho 23 anni quindi quando ero adolescente io non andava più di moda (per lo meno non nel mio giro), però per un breve periodo non so chi ne aveva parlato e l'aveva "rilanciato", quindi io e tutte le mie amiche ci fiondavamo dal giornalaio. Io ricordo di aver letto dell'uso della Coca-cola come metodo contraccettivo, fai tu :) Poi ovviamente tutte domande "Come capire se gli piaci, come far si che si faccia avanti" e compagnia.
      Rispondi a Cristina Commenta l’articolo

    • Avatar di Ilaria Cardani

      Ilaria Cardani 2 mesi fa (12 Aprile 2020 21:58)

      Ah, ma ecco da dove viene questa storia: "Io ricordo di aver letto dell’uso della Coca-cola come metodo contraccettivo". Quindi, di certo allora è vero, che funziona, vista la fonte...
      Rispondi a Ilaria Cardani Commenta l’articolo

    • Avatar di Cristina

      Cristina 2 mesi fa (12 Aprile 2020 22:41)

      Eh confesso di non ricordarmi altre "perle" . La cosa comica è che quando eravamo ragazzine io e le mie amiche ci veniva davvero il dubbio fossero vere queste cose! Pazzesco... Il problema è chi a queste cose crede ancora, perchè ogni tanto visto ciò che sento mi sorge il dubbio che alcune persone si siano fermate agli "insegnamenti" di questi giornaletti...
      Rispondi a Cristina Commenta l’articolo

    • Avatar di Ilaria Cardani

      Ilaria Cardani 2 mesi fa (12 Aprile 2020 23:15)

      Allora, ovviamente tutte ci credevamo, anche se poi, appunto sottolineavamo i punti "pepati" e incredibili... Il tema è che quella della Coca Cola io lìhp sentita di recente e credevo fosse una bufala da social. Invece...
      Rispondi a Ilaria Cardani Commenta l’articolo

    • Avatar di Cristina

      Cristina 2 mesi fa (13 Aprile 2020 0:44)

      Ilaria in realtà l'ho letta anche io da qualche parte qualche mese fa, su fb se non erro. Non per la prima volta visto che appunto l'avevo letta sul "Cioè" anni addietro, però è capitato anche a me di risentirla abbastanza recentemente sui social.
      Rispondi a Cristina Commenta l’articolo

    • Avatar di Mononoke

      Mononoke 2 mesi fa (12 Aprile 2020 18:23)

      Cosa mi avete fatto ricordare ragazze! Il Cioè! Fantastico!
      Rispondi a Mononoke Commenta l’articolo

    • Avatar di Vic

      Vic 2 mesi fa (13 Aprile 2020 0:03)

      Eh ragazze, grandi tempi. "Cioè" era la nostra bibbia dei rapporti maschi-femmine. E ci trovavi domande veramente assurde. "Non mi calcola manco di striscio e flirta con la mia migliore amica: gli piaccio?" "Mi ha tradito con Jennifer del 3° G e adesso se la fa con Sonia di ragioneria. Però ama me, giusto?" "Mi evita e dice di lasciarlo in pace, che non gliene frega una mazza di me: quindi è innamorato?!!". E noi tutte lì, a sperare, a scrivere i nomi sui diari, ad aspettare la ricreazione per "vederlo". Però, c'è da dire che noi veramente certe cose non le sapevamo, era proprio quello il bello. C'era l'ingenuità dei tempi senza internet, dove sull'enciclopedia cartacea trovavi una definizione del termine "orgasmo" che pure Cavalcanti avrebbe faticato a capire :-) E poi niente, dopo decenni ti giri e senti ancora parlare di Coca Cola condom e affini! XD
      Rispondi a Vic Commenta l’articolo

    • Avatar di Silvia

      Silvia 2 mesi fa (13 Aprile 2020 15:21)

      Cioè per me era proprio un piccolo manuale portatile sulle relazioni! Perché la copertina era un po' rigida, e aveva delle parti in cui potevi attaccare e staccare gli stickers - quindi proprio tipo libretto cartonato. Gli articoli finivano sul diario di scuola, nell'idea di rileggerseli ogni tanto, così poi da applicarli con amici e compagni :D
      Rispondi a Silvia Commenta l’articolo

    • Avatar di anna

      anna 2 mesi fa (17 Aprile 2020 9:35)

      Grazie per la risposta Vic, ma se è davvero così, tutti i consigli per trovare l'uomo giusto servono a poco, visto che non si sa a chi applicarli. Bisogna solo affidarsi al caso e se capita di trovare bene, altrimenti niente. Un po' come cercare lavoro oggi...un terno al lotto che non tutti vincono.
      Rispondi a anna Commenta l’articolo

    • Avatar di Vic

      Vic 2 mesi fa (17 Aprile 2020 12:39)

      @Anna Beh ma infatti è così, se no non ci sarebbero così tante single in giro. I consigli servono ad allontanare l'uomo sbagliato, visto che usciamo da una storia sbagliata e spesso, dopo un periodo di solitudine, ci infiliamo in un'altra della stessa risma. Va da sé che se capiamo che un uomo non è sbagliato, potrebbe eventualmente essere giusto per noi. E la fortuna conta, è vero. Perché contano i tempi in cui ci si incontra, che devono essere azzeccati per entrambi. Ad esempio, lo conosci ma lui si è appena lasciato dopo 150 anni di convivenza e ancora pensa solo a lei. Oppure, vi incontrare ma lui sta divorziando e vuole solo storie di sesso. Quindi sì, è un terno al lotto. E' difficile ma non impossibile. Ovviamente per non renderlo impossibile occorre giocare, rimettersi in pista, sul mercato, darsi da fare per conoscere qualcuno di interessante, coltivare hobby e passioni. Se si sta ritirate a casa a piangere, come si può sperare che cambino le cose. Certo è faticoso, e anch'io spesso mi sento triste e sola. Ma non mollo e penso che un giorno sarò di nuovo felice.
      Rispondi a Vic Commenta l’articolo

  9. Avatar di Angy

    Angy 1 mese fa (2 Maggio 2020 9:03)

    Avrei una domanda.. In genere si parla che l uomo all inizio non da esclusività al rapporto.. Quindi se in un anno e mezzo ho scoperto bugie menzogne e tradimenti di vario tipo, vengono giustificati? Non riconosco il confine
    Rispondi a Angy Commenta l’articolo

    • Avatar di Ilaria Cardani

      Ilaria Cardani 1 mese fa (2 Maggio 2020 12:26)

      "In genere si parla che l uomo all'inizio non da esclusività al rapporto" chi ne parla? Chi lo dice? Perché l'"uomo" dovrebbe in sostanza fare quel che accipicchia gli pare? Cos'è questa distinzione di ruoli tra uomo e donna che nemmeno nel Medioevo?! "Giustificare"?! Io le uniche giustificazioni che ho in mente sono quelle che al liceo falsificavamo per entrare un'ora dopo o uscire un'ora prima per evitare l'interrogazione. Ed erano, quelle sì, ragazzate, da adolescenti finto furbi. Perché mai tu donna dovresti "giustificare" un povero stronzo?! Cos'è, un incapace bisognoso della psicologa e dell'insegnante di sostegno? Con tutto il rispetto di chi di sostegni e di supporto ne ha bisogno e diritto? "In un anno e mezzo ho scoperto bugie menzogne e tradimenti di vario tipo". Eh, un anno e mezzo non è proprio un tempo breve e se all'inizio un uomo (o una donna) non è preso dall'incantamento d'amore, quando? E' un pessimo soggetto. Un povero stronzo. Il confine è chiarissimo. Urge togliersi le fette di salame dagli occhi e dismettere questi comportamenti da "mi faccio manipolare e contromanipolo".
      Rispondi a Ilaria Cardani Commenta l’articolo

    • Avatar di Emilia

      Emilia 1 mese fa (2 Maggio 2020 12:34)

      "Urge togliersi le fette di salame dagli occhi" e mangiarle all'istante per non correre il rischio di usarle di nuovo come bende... :D :D
      Rispondi a Emilia Commenta l’articolo

  10. Avatar di Claudia

    Claudia 2 settimane fa (22 Maggio 2020 23:56)

    Cara Ilaria, dopo una serie di esperienze non positive non riesco più a riaccendere la famosa luce di cui spesso parli e talvolta non riesco a mostrare la mia solarità , ma sorrido a forza e i risultati sono penosi. Come fare per resettare i miei atteggiamenti? Da dove partire e cosa fare in concreto?
    Rispondi a Claudia Commenta l’articolo

    • Avatar di carlotta II

      carlotta II 2 settimane fa (23 Maggio 2020 10:49)

      Datti del tempo, la solarità non è qualcosa di immediato che accendi con un interruttore, va alimentata bene prima di diventare espressione della tua personalità attuale, come? Con molti pensieri giusti e mettendo a tacere le voci negative... io per esempio riesco a trovare il buonumore ritornando un po' bambina, prendendomi in giro bonariamente, alimentando i miei sogni personali con l'immaginazione e piccole azioni, e fidandomi di me stessa: sono (come tutti) naturalmente portata a cambiare, e, come dice una canzone "non c'è niente che sia per sempre", nemmeno i momenti in cui ci si percepisce più spenti... dopo un anno le persone che mi conoscono bene hanno visto questa luce nel mio caso, ci vuole pazienza ma ne vale la pena!
      Rispondi a carlotta II Commenta l’articolo

    • Avatar di Silvia

      Silvia 1 settimana fa (24 Maggio 2020 12:26)

      I cambiamenti significativi in noi stessi spesso si vedono facendo micro o piccoli passi, invece che con le grandi rivoluzioni. Pazienza, dedizione e divertimento. Grazie dell'energia, Carlotta!
      Rispondi a Silvia Commenta l’articolo

    • Avatar di Ilaria Cardani

      Ilaria Cardani 2 settimane fa (23 Maggio 2020 16:00)

      Ciao Claudia, Carlotta II ti ha dato una risposta bellissima, piena di meravigliose suggestioni. Se non ti va di sorridere non sorridere. Come dice Carlotta II ci vuole tempo e quel tempo riempilo con attività piacevoli e rasserenanti e tanta attività fisica.
      Rispondi a Ilaria Cardani Commenta l’articolo

    • Avatar di Claudia

      Claudia 1 settimana fa (24 Maggio 2020 9:11)

      Grazie Ilaria e grazie anche a te Carlotta II :)
      Rispondi a Claudia Commenta l’articolo