Conquistare un uomo: perché lui a un certo punto perde interesse?

Come ri-conquistare un uomoSono sicura che già solo leggendo il titolo hai perfettamente capito di che cosa sto parlando. Il titolo è molto esplicito e soprattutto il tema è molto noto. Come si fa a ri-conquistare un uomo che si sta annoiando nella relazione, dopo che si è partiti alla grande?

A meno che le tante mail che ricevo dalle lettrici di questo blog e quello che mi raccontano le mie clienti di coaching sia tutto tremendamente falso… :)

Mi riferisco a storie del genere (ti riporto una delle tante mail che ho ricevuto solo questa settimana): “Ciao Ilaria, vorrei raccontarti un mio fatto personale sul quale chiedo il tuo aiuto. Dopo una serie di storie andate male, ho deciso di riprendere in mano la mia vita. Ho cominciato a frequentare il tuo blog e a leggere tutti gli articoli settimana per settimana e ho anche scaricato e letto la tua guida gratuita “Come attrarre la persona giusta per te in 11 passi”. Mi è stata utilissima. Infatti, dopo qualche mese ho incontrato un ragazzo fantastico, col quale c’è stata intesa immediata, sotto tutti i punti di vista. Io sono convinta che sia proprio l’uomo giusto per me. La cosa bella è che lui dice di stare benissimo con me. O, almeno, me lo ha detto fino a circa due settimane fa… Ora è da un po’ che si è chiuso in se stesso, appare distaccato e se gli faccio domande al proposito evita di rispondermi.  Sono preoccupata, che cosa devo fare, secondo te?” Manuela (nome di fantasia per evitare il riconoscimento).

Manuela ha iniziato un percorso importante, che ha dato frutti: è riuscita ad attrarre un uomo interessante, facilmente e spontaneamente.

Ha avuto successo sotto molti punti vista: ha acquistato molta sicurezza in se stessa e questo le permette di essere attraente senza sforzo e senza tensione.

Che dire del suo atteggiamento mentale verso la relazione?

Questo è il tema di questo articolo.

Allora: è un’esperienza piuttosto dolorosa quella di iniziare una storia con un uomo con il quale senti una profonda connessione – e hai tutte le ragioni per credere che per lui sia la stessa cosa – e, a un certo punto accorgerti che lui sta perdendo interesse e non vuole continuare la relazione o, almeno, non la vuole continuare allo stesso livello al quale vorresti continuarla tu.

E, ancor peggio, è vivere l’esperienza della fine di una relazione iniziata molto bene e vedere il proprio ex convolare a nozze (o in un rapporto serio e duraturo) subito dopo la fine della storia con te.

Quando stava con te sosteneva di amarti ma di non essere pronto a un rapporto impegnativo.

Appena finita la vostra storia, si butta anima e corpo nella relazione seria con un’altra.

Che cosa è successo? Ti ha raccontato solo un sacco di bugie?

La risposta è nel modo particolare che alcuni uomini hanno di vivere e gestire le proprie emozioni più profonde.

Innanzittutto, ci due aspetti importantissimi dei quali devi tenere conto:

1)      per gli uomini una relazione sentimentale non è così importante come lo è per la maggior parte delle donne. Gli uomini hanno una serie di altre priorità, che sono diverse da quella di avere una bella relazione sentimentale.

2)      Gli uomini tendono a vivere e ad esprimersi riguardo la relazione sentimentale – soprattutto all’inizio – in base a quello che sentono momento per momento, nell’immediato.

Non sono interessati a un coinvolgimento a lungo termine, a fare progetti.

Questo che cosa significa?

Che cosa fa innamorare un uomo e lo fa impegnare in una relazione?
Scoprilo con i 5 video gratuiti dell'anteprima "Come fare innamorare un uomo e tenerselo". Iscriviti qui senza rischi e senza impegno e ricevi il materiale nella tua casella mail.

Significa che quando si lasciano andare a dichiarazioni romantiche piuttosto forti (per loro) del tipo “Mi piaci da impazzire”, “Con te sto benissimo” non stanno mentendo, ma stanno descrivendo la loro realtà emotiva di quello specifico momento.

In sintesi: per un uomo dirti “Mi piaci da impazzire”,  significa: “In questo momento mi piaci da impazzire” e non sottintende affatto “voglio passare il resto della mia vita con te, impegnarmi con te etc etc.”.

Il fatto è che molte donne, al contrario degli uomini, pongono la relazione settimentale in cima alle proprie priorità di vita e in questo modo entrano nel noto atteggiamento che io definisco “sindrome dell’uomo della mia vita”.

Cioè, con qualsiasi uomo inizino un qualche tipo di relazione, pensano di poter fare progetti a lungo e lunghissimo termine (matrimonio, figli, pensione felice e badante condivisa…)

E questo le fa entrare in un atteggiamento emotivo di “attaccamento” e di “bisogno” che ha come effetto automatico di far allontanare l’uomo con cui hanno una relazione e/o che ha espresso del coinvolgimento per loro.

Quindi che fare?

E’ utile conoscere bene questo aspetto della psicologia maschile.

Ti è ancora più utile “rubare” agli uomini l’idea che la tua felicità non dipende dalla relazione sentimentale che hai e che vivi.

La relazione sentimentale è solo una parte della tua vita.

La tua vita è composta anche da altre parti importanti.

Lasciami i tuoi commenti e le tue opinioni.

Per favore, quando hai finito di leggere, ricordati di condividere questo articolo sui social (Facebook, Twitter, etc.) attraverso i pulsanti che trovi qui sotto.

Grazie!

Cordialmente

Ilaria

P.S. Per comprendere meglio la psicologia maschile ed essere davvero  efficace nel comunicare con un uomo è essenziale che tu viva bene nella tua pelle, ti senta sicura di te e di quello che vuoi da una relazione.  Se ti interessa smettere di soffrire e davvero raggiungere quello che vuoi in compo sentimentale – e non solo – il percorso “I 7 Pilastri dell’Attrazione” è ideale per te. Attenzione: non è consigliato a chi ama lamentarsi e fare la vittima e vuole continuare a stare nella situazione negativa in cui si trova.

Lascia un Commento!

156 Commenti

  1. Avatar di Milena

    Milena 6 anni fa (20 Ottobre 2013 11:28)

    Cara Ilaria quanto hai reagione, noi donne appena conosciamo un uomo lo immaginiamo immediatamente come il padre dei nostri figli mentre loro pensano alla riunione della mattina dopo!!! Adoro il tuo blog anche se devo dirti che in certi momenti trovo che gestire una relazione (o pseudo tale) sia stancante quasi quanto un lavoro, ma la cosa più difficile è sicuramente mantere alta la propria autostima, noi donne tendiamo a mettercela sotto ai piedi TROPPO facilmente. Grazie.
    1
    Rispondi a Milena Commenta l’articolo

  2. Avatar di elena

    elena 6 anni fa (5 Novembre 2013 23:19)

    Ilaria sono elena mi piace che spieghi come sono e come dovremmo conoscere gli uomini , dico una cosa se la situazione che io ho visduto e questa , vivo per 6 anni con un uomo ptogetti cioe figli matrimonio mai visti , gelosie uscite e s volte litigste per le sue uscite , tornava alle 3 di notte non vado nei dettagli. Se ami una persona lascials libera sara vero , io lo fstto ma lui pisn piano mi svevs fonsumata stressata stsnca non mangiavo quasi piu decisi di lasciare mollo tutto e vado via da un altro conosciuto 3 mesi prima lui mi capi subito ero ststa manipolata , mentre l alro mi cercava disperatamente , mi chiedo so di averlo fetito ma io non permetto a nessuno di fsrmi del male dentro , e solo ora ho capito come sono gli uomini , da mio ex avevo tutto ma non la sua presenza non c era quasi mai , diventicavo ilaria se oltre ai sentimenti ci deve essere altro allora non esistono le coppie se uno vs da una parte e anche l altro e dolo un bisogno che uno ha. ?. Un particolare era sposato si e separato appens aveva trovato la mia sicurezza in lui .era stanco della moglie....attendo un tua opinione ciao
    0
    Rispondi a elena Commenta l’articolo

  3. Avatar di ilariacardani

    ilariacardani 6 anni fa (5 Novembre 2013 23:50)

    Se avessi capito qualcosa ti darei la mia opinione. Non ho capito proprio meglio. Riordina le idee e le parole (già ti sarà di aiuto) e vediamo se riesco a capire.
    4
    Rispondi a ilariacardani Commenta l’articolo

  4. Avatar di ANNA

    ANNA 5 anni fa (23 Maggio 2014 22:04)

    ANNA sono Anna fidanzata da 8 mesi con un ragazzo del mio stesso paese, andava tutto benissimo quando 6 giorni fa mi ha chiesto che voleva 7-10 giorni per riflettere se la relazione se la sarebbe portata avanti oppure no. non lo sto cercando faccio bene? poi è ovvio se passa un altro pochino di tempo devo pur chiedere spiegazioni, giusto? ANNA
    0
    Rispondi a ANNA Commenta l’articolo

  5. Avatar di angela

    angela 5 anni fa (30 Settembre 2014 12:16)

    sono angela,.ho conosciuto un ragazzo da una settimana ,lui abita a due ore di strada da me e non ci vediamo spesso. lui già si lamenta con me perchè non gli do più attenzioni...dice che faccio fatica a scrivergli messaggi e crede che le cose siano già cambiate fra noi,non sente più l'entusiasmo da parte mia e questo si riversa anche sul suo stato d'animo! come devo comportarmi?
    0
    Rispondi a angela Commenta l’articolo

  6. Avatar di elena

    elena 5 anni fa (15 Ottobre 2014 16:44)

    Cara Ilaria, non so se ti è mai capitato di leggere libri di John Gray (Gli uomini vengono da Marte e le donne da Venere, Marte e Venere si corteggiano). Secondo lui gli uomini e le donne hanno diversa ciclicità soprattutto all'inizio di una relazione (soprattutto correlata a livelli ormonali) e quindi il rinchiudersi di un uomo nella caverna fa parte del suo modo naturale di ritirarsi periodicamente. Questo atteggiamento puo' essere ulteriormente esasperato da dinamiche sbagliate "ansiose" della donna che non sa riconoscere questo meccanismo primordiale.
    1
    Rispondi a elena Commenta l’articolo

  7. Avatar di elena

    elena 5 anni fa (15 Ottobre 2014 16:44)

    Io trovo che qualcosa di vero ci sia, nel senso che retaggi ancestrali, questioni ormonali, modalità culturali non ci mettono mai su un piano di "uguaglianza". Ovvero un conto è la parità salariale o di diritti, un conto è la rivendicazione di uguaglianza di genere troppo estesa che dà luogo a continui fraintendimenti. In tal senso lo schema di cui sopra è tipico di chi si è posto in un'ottica di apertura (dellas erie adesso sono pronto per una relazione), ha incontrato un soggetto poetnzialmente buono (la donna), ma poi la donna non ha saputo gestire/guidare le diverse fasi e i suoi tempi. Non so se tu sei d'accordo con queste interpretazioni. Saluti e abbracci. elena
    -1
    Rispondi a elena Commenta l’articolo

  8. Avatar di Steph

    Steph 5 anni fa (18 Gennaio 2015 21:17)

    Ilaria, continuo a leggere i tuoi articoli e continuo a trovarli molto utili. Negli ultimi 6 anni circa ho sentito l'esigenza di intraprendere un percorso di "rinnovamento" personale, che è stato lento e difficoltoso, partito da timidezza nelle relazioni con gli altri e autostima fragile. A un certo punto ho capito di poter dichiarare compiuto il percorso, quello che ha sistemato il "grosso", le fondamenta e ho provato una sensazione di felicità e soddisfazione. Adesso sto pensando ad ambiti più specifici della mia vita e a rifinire e migliorare sempre alcune cose. Passando a questo tuo articolo, riflettevo su una cosa. Noi donne e ragazze di oggi dovremmo effettivamente liberarci non dall'umiltà, che può essere un valore per una persona sana nel rapporto con sé stessa, ma da quell'atteggiamento mentale che va oltre, che ci fa credere di essere persone di poco valore o dipendenti dal giudizio altrui. Tuttavia credo che questa incapacità di progettare a lungo termine sia più frequente negli uomini di oggi piuttosto che in quelli, che so, del tempo dei miei genitori, a causa di motivi culturali. Questo non per rimpiangere tempi passati, assolutamente, ogni epoca ha i suoi pregi, i suoi difetti e in ogni caso viviamo ora, nel presente. Forse la progressiva liberazione da regole ha fatto emergere in modo maggiore una differenza 'biologica', chissà. Immagino comunque che se il mio desiderio è quello di una relazione a lungo termine, dovrei cercare chi ha una mente maggiormente orientata o compatibile con questo aspetto, tenendo però presente la verità e i consigli del tuo articolo. Almeno nel capire una persona sotto questi punti di vista me la cavo bene. Passando alla pratica è più facile cadere in errore. Ho scaricato la tua guida e la leggerò :)
    0
    Rispondi a Steph Commenta l’articolo

  9. Avatar di Vale

    Vale 5 anni fa (16 Marzo 2015 12:50)

    Ilaria dimmi se ho capito bene perché sto vivendo una relazione e vorrei vedere se sto affrontando la cosa con il giusto atteggiamento mentale. L'uomo vive giorno per giorno e non fa progetti e quindi noi donne dobbiamo solo goderci il momento non entrando in quel meccanismo in cui abbiamo verso di lui aspettative o dove ci affidiamo totalmente a questa persona. Quando facciamo questo lui avverte la nostra bisognosità e gli diamo modo di allontanarsi prima ancora di quanto magari l'avrebbe fatto in condizioni di non bisognosità. Se viviamo e prendiamo le cose come vengono senza ansie ed aspettative, tutto questo si rifletterà nella relazione e le possibilità che non ci si annoi o non si venga lasciate sono più alte. (bisogna sempre considerare che una cosa non decolli ma che fallisca, stare con i piedi per terra nella sostanza).
    0
    Rispondi a Vale Commenta l’articolo

  10. Avatar di vera

    vera 4 anni fa (29 Marzo 2015 20:39)

    È quello che sto vivendo per ora... cosa posso fare? Sto davvero male anche se cerco di non farmi sentire e di non assillarlo... :(
    0
    Rispondi a vera Commenta l’articolo

  11. Avatar di ilariacardani

    ilariacardani 4 anni fa (29 Marzo 2015 20:55)

    @ Vale, hai capito bene.
    0
    Rispondi a ilariacardani Commenta l’articolo

  12. Avatar di ilariacardani

    ilariacardani 4 anni fa (29 Marzo 2015 21:01)

    @ Vera: dedicati alle tue passioni, cosi' smetti di stare male e di trasmettergli l'idea di bisognosità. E nel frattempo ti apri anche a conoscere nuove persone, probabilmente più interessanti e interessate.
    5
    Rispondi a ilariacardani Commenta l’articolo

  13. Avatar di stefano

    stefano 4 anni fa (7 Aprile 2015 18:32)

    Buongiorno Ilaria, sono Stefano, ho letto il tuo articolo interessante e volevo comunicare anche la mia esperienza con una donna con la quale sono stato durante il periodo della sua separazione dal marito e che prima della formale separazione (di fatto gia' avvenuta perche' lui se ne era andato con un'altra) era gia' tra noi "un tira e molla" ove e' stata sempre lei a troncare anche per normali incomprensioni che secondo me , volendo, potevano essere superate (anche se con una sana litigata)......questo fino al mese di gennaio in cui c'e' stata l'ultima "rottura" sempre da parte sua,dopo di che ho saputo che nel giro di due settimane (e sempre prima della separazione formale) si e' messo con un "collega del marito" e che sarebbe anche voluta andare a dirglielo al marito stesso........Questo atteggiamento che ho descritto mi sembra simile a quello da te decritto per gli uomini,anche se magari nel mio caso questa donna che mi diceva di volermi bene e di voler stare con me e poi invece appena c'erano dei problemi tra noi, delle incomprensioni, troncava di netto la relazione e mi "scacciava" dalla sua vita........e dispiace .....volevo da te un po' di comprensione ed un aiuto, scrivendoti ho capito di essere il classico zerbino.Grazie del consiglio che mi vorrai dare.Un saluto.
    0
    Rispondi a stefano Commenta l’articolo

  14. Avatar di ilariacardani

    ilariacardani 4 anni fa (7 Aprile 2015 18:42)

    @ Stefano: mi sembra che tu abbia chiara la situazione. Sì, ti sei comportato da zerbino e sei stato tratta da zerbino. Sì, aggiungo, sei un uomo che ama troppo e come tutti coloro che amano troppo ami le persone sbagliate. Il consiglio che ti dò: esplora velocemente le ragioni antiche per le quali permetti a certe donne senza scrupoli di trattarti male e recupera fiducia in te stesso, fiducia nel tuo valore e nella tua possibilità di innamorarti di una donna libera, che si instauri con te un rapporto autentico e alla pari. Per il resto, moltissimi degli articoli rivolti alle lettrici del blog sono sicuramente anche utili per te. Un saluto affettuoso.
    4
    Rispondi a ilariacardani Commenta l’articolo

  15. Avatar di stefano

    stefano 4 anni fa (7 Aprile 2015 22:01)

    Grazie, ho sentito il tuo affetto.Stefano
    0
    Rispondi a stefano Commenta l’articolo

  16. Avatar di Cristina

    Cristina 4 anni fa (18 Luglio 2015 15:35)

    Ecco, la parte più difficile di questo periodo della mia relazione è proprio rassegnarmi al fatto che io non sono più importante di altre cose che, per me, sono di molto secondarie. Sto arrivando al punto di chiudere una storia fino a poco tempo fa splendida, per queste divergenze che ci bloccano e che rendono infelice me o lui per forza...
    0
    Rispondi a Cristina Commenta l’articolo

  17. Avatar di Elly

    Elly 4 anni fa (20 Luglio 2015 2:09)

    Salve a tutti invece volere sapere come comportarsi con gli uomini che vanno e vengono e nelle chiamate ti dicono che sei la donna più importante del mondo ecc.. Poi scompaiono ancora...
    -7
    Rispondi a Elly Commenta l’articolo

  18. Avatar di Anna

    Anna 4 anni fa (29 Settembre 2015 20:29)

    Stavano meglio le nostre nonne che non la davano via prima del matrimonio
    -6
    Rispondi a Anna Commenta l’articolo

    • Avatar di Gnuni

      Gnuni 4 anni fa (29 Settembre 2015 23:29)

      Già, quando più usciva del sangue più si veniva considerate donne per bene, quelli sì che erano bei tempi! (fra l'altro, non mi risulta che le nostre nonne fossero destinate a quello, magari mi sbaglio boh..)
      3
      Rispondi a Gnuni Commenta l’articolo

    • Avatar di helen

      helen 4 anni fa (30 Settembre 2015 7:09)

      Poi magari si prendevano corna e botte ma ...erano tanto dignitose:)
      4
      Rispondi a helen Commenta l’articolo

    • Avatar di helen

      helen 4 anni fa (30 Settembre 2015 12:29)

      Anna scusa ma ogni tanto leggo i tuoi interventi e sono di un becero, di una bassezza, di uno squallore che non ha confini. Mi verrebbe da pensare che sei un uomo maschilista mascherato sotto mentite spoglie tanto tocchi il fondo. Le donne di una volta redigevano innanzitutto contratti matrimoniali : la f#ga intonsa in cambio della rispettabilita' che poi aveva un prezzo altissimo a sua volta. Ti sei mai chiesta perché le donne di una volta pari età rispetto a quelle di oggi sembrano molto più vecchie? E con vecchie intendo più goffe, più spente, più asessuate. Perché dopo il matrimonio e la riproduzione dovevi metterti tranquilla, risultare meno fascinosa possibile. La gonna deve avere l 'orlo basso, il capello è meglio corto ( come diceva mia nonna), niente scollature, calze coprenti. Così entravi a pieno titolo nelle barzellette di handy capp con la moglie trucida che piglia a randellate il marito vittima che sogna le ventenni piacenti. Prima ti condannavano a essere una non donna e poi ti pigliavano anche per i fondelli perché ti eri inacidita. Io me la ricordo ancora la storica gaffe di Mike Bongiorno che aveva apostrofato una concorrente quarantenne stagionata, come dire di seconda scelta, scaduta come lo yogurth. E questo era il bel tempo che fu?? Ma dove vivi? Vuoi un ritorno al passato? Per trovare cosa? Un mantenimento sicuro? Non sei capace di procurartelo da sola?
      10
      Rispondi a helen Commenta l’articolo

    • Avatar di Gnuni

      Gnuni 4 anni fa (30 Settembre 2015 18:58)

      Io lo penso sul serio che si tratti di un ragazzo che è qui solo per fare il troll.
      0
      Rispondi a Gnuni Commenta l’articolo

  19. Avatar di claudia

    claudia 4 anni fa (27 Gennaio 2016 2:27)

    Ciao a tutti sono Claudia, Vi chiedo un'opinione. Ho da poco preso una pausa da una storia di 5 anni. Da due anni infatti sento un mio vecchio conoscente che mi corteggia da ben 8 anni. Dopo esserci visti sempre di sfuggita, in macchina, di nascosto , per parlare, ci siamo scambiati dei baci fino ad aver fatto sesso pochi giorni fa. L'ho visto tremare come un adolescente, è stato molto bello per entrambi. Ammetto di non essere mai stata gentile con lui mettendo sempre al primo posto il mio ragazzo, per questo rifiutavo inviti a cena, passeggiate ecc. Dopo aver fatto l'amore incomincio ad avere atteggiamenti sospettosi nei suoi confronti, premetto che ogni volta che ci incontriamo parla di sesso anche in modo esplicito e questo mi fa vedere lui come poco affidabile. Il punto è che una mattina presa dalla rabbia gli incomincio a scrivere cose orribili come una stalker sulle altre donne e su quanto fosse schifoso perché da me voleva solo sesso. Lui si inalbera e mi dice che non vuole una pazza al suo fianco, io pretendo di vederlo e lui mi risponde "sono due anni che sei stata fidanzata, sono due anni che mi maltratti e mi rifiuti. Tu mi piaci e provo qualcosa per te. tu ti avvicini solo quando io mi allontano, dici a me di volere solo sesso quando tu sei quella che si è avvicinata dopo il sesso, mi vuoi vedere in macchina e rifiuti le mie cene". Mi ha chiesto del tempo, la prossima settimana capiremo che fare della nostra frequentazione. Oltre a scusarmi per la lunghezza del testo mi chiedo se io sia davvero pazza come dice lui e sia tutto così perché non credo ad una singola parola di ciò che dice?! Oppure ho ragione a pensare che la sua ossessione per il sesso con me sia solo quello e tutto questo sia una miriade di scuse!?
    -3
    Rispondi a claudia Commenta l’articolo

  20. Avatar di Mjriam

    Mjriam 4 anni fa (14 Marzo 2016 23:21)

    Io direi che dipenda dagli uomini...ci sono uomini che intendono mettere le basi per un futuro e altri con cui meglio non parlarne. ogni uomo ed ogni donna son diversi.
    3
    Rispondi a Mjriam Commenta l’articolo