Come capire se gli piaci: le domande giuste da farti (così non lavori di fantasia)

come capire se gli piaciCome capire se gli piaci? 

Come capire se gli piaci? come fai a capire se piaci a un uomo con il quale hai appena iniziato una frequentazione oppure che conosci appena? O anche che conosci da un po’ e ti pare che il tuo interesse per lui stia cambiando?

"Trova quella persona che con i tuoi difetti ci fa l’amore. C.Prevale"

Donne o uomini, a centinaia di miliardi di persone piacerebbe sapere che cosa gli altri pensano – davvero – di loro.

E che cosa gli altri provano – davvero – per loro.

E chi di noi non vorrebbe essere un indovino o, ancor di più, un mentalista ed essere in grado di leggere nel pensiero degli altri per aver chiare e certe le loro intenzioni, soprattutto in amore?

In modo da non avere paura a esporsi o rischiare di fare “brutte figure”.

Diciamocelo sinceramente, in molti e soprattutto in molte fanno “lettura del pensiero”, cioè attribuiscono agli altri opinioni, sentimenti e intenzioni.

Tutta roba che, nel 99% dei casi non ha nulla a che fare con gli altri, ma con con le proiezioni che si fanno “sugli” altri.

Fare lettura del pensiero non è per nulla utile, anzi!

Soprattutto non è utile quando diventa una delle tante modalità per costruire “castelli in aria” e vedere, sentire, capire quello che non c’è. E che non ci sarà mai

Non solo, molte persone – e anche in questo campo a primeggiare sono le donne – applicano a tappeto la “negazione”.

Siccome non basta inventarsi quel che non c’è, si convincono che non ci sia quello che c’è.

Se non ti è chiara questa frase forse è perché lavori molto di fantasia e anche di negazione.

Le persone che negano non vogliono riconoscere e accettare quello che è trasparente, ovvio ed evidente, quando il riconoscere e accettare va contro i loro desideri, le loro intenzioni e le loro aspettative.

Quante donne di fronte a un uomo che non le considera di pezza, insistono nel sostenere che è interessato?

Quante donne, di fronte a un farabutto senza arte né parte si ostinano a ritenerlo un uomo “meraviglioso”?

Quante donne, quando il loro intuito e inconscio dice loro chiaramente: “Scappa via subito e correndo il più veloce possibile!” restano e subiscono?

Sarai d’accordo con me che quindi è importante scoprire come capire se gli piaci, ma è ancora più importante dare retta ai segnali, comportarsi di conseguenza, agire coerentemente.

Perché capire è un conto, agire in base a quel che si è capito, un altro.

E fare, agire, comportarsi di conseguenza è molto più importante.

Chiaro?

Perché se il tuo istinto, il tuo inconscio, il tuo intuito, – chiamalo come vuoi – ti dicono che non è cosa e tu insisti, allora concorderai con me che è perfettamente inutile “capire”.

Come capire se gli piaci: perché le domande sono importanti

Per capire se piaci a un uomo – ma anche se sei simpatica oppure no a una tua collega – è essenziale che tu sviluppi la tua intelligenza emotiva.

Per svilupparla è fondamentale imparare a osservare e soprattutto a “sentire”. E a creare dei collegamenti, trovare un principio di coerenza, un minimo comune denominatore rispetto a quel che si osserva e si sente.

Prima di tutto è importante sentire il tuo corpo e le sue reazioni, il ritmo del tuo respiro e il modo in cui “traspiri” (cioè se sudi o no o se cambia la tua sudorazione), i battiti del tuo cuore e le emozioni che provi.

Sei calma e rilassata o entri in agitazione e perdi lucidità?

Quello che provi tu ti dice molto riguardo a quello che provano gli altri.

Si tratta di “energia”, in senso non spirituale ed esoterico, ma in senso molto concreto.

Fisico. E’ l’istinto. Si tratta di corporeità, di reazioni chimiche, di odori, sapori, umori.

Di comunicazione inconscia.

Quando sei diventata abile ad “ascoltare” te stessa, a osservarti, puoi dedicarti agli altri.

A osservare, sentire e capire gli altri.

Come si muove la persona che hai di fronte? Com’è il suo colorito? Pallido o vivace? E’ “rosso” per qualche emozione? Positiva o negativa? La sua sudorazione si è modificata? Il suo respiro ha un ritmo che cambia di continuo?

Che cosa spinge un uomo a impegnarsi in una relazione e a rimanere fedele?
Scoprilo con i 5 video gratuiti dell'anteprima "Come fare innamorare un uomo e tenerselo". Iscriviti qui senza rischi e senza impegno e ricevi il materiale nella tua casella mail.

Oppure si “raffredda”, impallidisce, perde colore e anche entusiasmo?

Il suo sguardo dove si posa più frequentemente? Il suo è un sorriso sincero o forzato o di semplice cortesia?

Segui il tuo istinto e non negare se c’è qualcosa di evidente che non ti va di riconoscere!

Anzi, se cogli alcune “falle” nella comunicazione tra te e qualcuno al quale tieni, quella è un’opportunità.

Essere lucidamente obiettiva ti aiuta, altroché.

Perché puoi scegliere di mollare il colpo e di dedicarti a qualcosa – o a qualcuno – di più interessante o di adottare comportamenti più utili.

***

È amore vero o solo un’avventura? Ho preparato un test per scoprirlo, per farlo ti basta cliccare sul bottone qui sotto:

Avventura o amore vero: fai il test

 

***

Come capire se gli piaci: le domande che riguardano lui

Bene! Ora che hai indubbiamente raggiunto un elevatissimo grado di autoconsapevolezza è giunto il momento di dedicarti alla consapevolezza dell’altro, cioè a capire se gli piaci.

E anche in questo caso ci sono delle domande alle quali  rispondere.

La prima è: lui sa della tua esistenza? Sa che sei al mondo? Saprebbe riconoscerti, non dico tra mille ma almeno tra tre altre donne?

So bene che potresti pensare: “Accidenti Ilaria, che cinica che sei! Ma per chi mi hai preso?

Non ci crederai, eppure il mondo è pieno di amori inventati e molte donne si convincono che il cassiere del supermercato, affabile e simpatico, sia così sorridente solo quando e perché in coda a pagare ci sono loro.

No. Il primo indicatore del fatto che piaci a un uomo è che lui sia attivo nel cercarti.

Non solo: la sua attività deve intensificarsi col tempo.

"Cercarsi è già fare l’amore. D. Adonini"

La seconda domanda da farti su di lui è: è libero a livello sentimentale (e anche di stato civile)?

E’ necessario tenere in conto che per quanto siano “meravigliosi” – soprattutto agli occhi di una donna bisognosa – certi uomini amano molto fare gli scemi.

Forse perché un po’ scemi in fondo in fondo lo sono.

E, per piacersi in modo autentico, è fondamentale essere animati da intenzioni buone e autentiche.

Se no, alla meglio si commettono sciocchezze (che non è mai buono), alla peggio ce le suonano.

Se quest’ultimo concetto non ti è completamente chiaro nella sua ampiezza, chiudi il sito e cerca blog dedicati alle teorie sulla terra che è piatta.

"L’amore esiste solo quando due persone si incontrano in mezzo a due viaggi diversi.P.Chagas Freitas"

La terza domanda da porti per capire se piaci a un uomo è a sua volta composta da tre domande.

Queste danno per scontato il fatto che lui ti cerchi attivamente e spontaneamente e che ti trovi.

Danno per scontato che in qualche modo vi troviate. E anche in qualche tempo, ecco.

"Avevano trovato l’uno nella vita dell’altra lo spazio per accogliersi, per questo erano stati da subito un incastro perfetto, senza aggiustamenti. F.Volo"

Le tre domande sono: dove vi incontrate? Che cosa fate quando vi incontrate? Di che cosa parlate quando vi incontrate?

Ora che hai riflettuto con distacco e obiettività alle risposte, c’è l’ultima domanda: il tuo istinto e il tuo intuito che cosa ti dicono rispetto all’interesse che quest’uomo ha per te?

Se hai delle buone amiche, queste sono riflessioni utili da condividere con loro.

Purché tu ti faccia sostenere dall’obiettività per come capire se gli piaci.

Lascia un Commento!

33 Commenti

  1. Avatar di Gea

    Gea 1 anno fa (9 Settembre 2018 9:17)

    Cara Ilaria, articolo magistrale, che avrei tanto voluto leggere quattro anni fa. Per fortuna non e' successo niente e ormai e' acqua strapassata, ma in quell'annetto perso a pensare e per qualche mese frequentare castamente una nullita' ho imparato vari punti che tu esponi nel tuo nuovo articolo e ho tagliato i ponti con una pseudoamica (di recente conoscenza) che dall'alto della sua eta' ed esperienza voleva guidarmi a schiantarmi contro il muro, mentre tu mi avevi dato un'ottima risposta. Grazie di cuore per il tuo lavoro e il tuo blog! ❤ Buona domenica! 😊
    -1
    Rispondi a Gea Commenta l’articolo

  2. Avatar di B

    B 1 anno fa (9 Settembre 2018 9:24)

    Leggere l'articolo mi ha sconvolta, ho risposto alle domande, obbiettivamente e adesso sono qui attonita. Sa che esisto, ma non credo mi riconoscerebbe, è troppo libero, o meglio cosi mi dice, si definisce uno spirito libero. In realtà se è legato non lo so, lui giura e spergiura di no, anche se ho sensazioni, atteggiamento e fatti che mi fanno supporre di no. Credo anche di non essere l'unica che vede segretamente, sono forse una delle varie. È innamorato di se stesso, troppo, e gliel'ho detto che x me era un egocentrico. L'ultima domanda....la più dura.... Ci vediamo quando possiamo ma di nascosto in luoghi dove non ci conosce nessuno, cosa succede, non te lo sto a dire, credo sia scontato. Parliamo del suo lavoro, di quanto è impegnato, dei suoi problemi del poco tempo, quando chiedo di vederci in altri posti e momenti, mi dice no, perché boh, ti dico quello che mi dice, non sa come "giustificarmi", perché lo conoscono non vuole chiacchiere, dobbiamo preparate il terreno.... Ci sa fare con le parole, è dolce quando vuole, ma quando lo faccio arrabbiare... Con richieste o domande, esce fuori la verità, che sempre non voglio vedere. Sono un giocattolo, x l'attività fisica settimanale, da usare quando lui ha due minuti,non abbiamo quando ha tempo e...non ha di meglio da fare... Mi ha detto che, preferisce stare male lui, un po, ma lasciarmi andare, piuttosto che sapere che sto male, per colpa sua. Questo perché, mi vuole molto piu bene di quanto io possa pensare ma non lo so, io penso ben altro e cioè che non gliene frega niente, se ci sono bene senno avanti la prossima.
    0
    Rispondi a B Commenta l’articolo

  3. Avatar di Lu

    Lu 1 anno fa (9 Settembre 2018 21:08)

    Finalmente un nuovo articolo! A breve avrei scritto di sentirne la mancanza! Di recente ho commesso una sciocchezza, mi sono innamorata di un uomo sbagliato. Non mi va manco di parlarne per quanto sto innamorata. Ho cercato di farmi andare bene la situazione ma fortunatamente non ci sono riuscita. Ci vuole cervello in amore. Mi stavo rovinando la vita. Ho chiuso i contatti, tutti, ed ora mi concentro su quello che è importante per me, almeno ci provo. Sempre, ogni giorno, rimango legata a questo blog!! Un abbraccio a tutte!
    0
    Rispondi a Lu Commenta l’articolo

  4. Avatar di sonia

    sonia 1 anno fa (9 Settembre 2018 21:53)

    Bell'articolo, proprio quello che mi serviva :) rispondere lucidamente però mica è tanto facile... l'istinto da un lato mi dice che se gli interessassi seriamente si sarebbe già fatto avanti e che quindi è solo gentile; dall'altro mi dice invece che c'è interesse, basta pensare al suo sguardo e a come negli ultimi mesi siamo diventati sempre più vicini. Dunque il dubbio rimane. Ripensando ad un tuo vecchio articolo penso che sia io bisognosa e che quindi abbia "fretta" di far succedere qualcosa. Però non voglio illudermi. Hai proprio ragione quando dici che una persona anziché godersi un momento così magico lo "sprechi" stressandosi la vita!
    -1
    Rispondi a sonia Commenta l’articolo

  5. Avatar di Arnica

    Arnica 1 anno fa (9 Settembre 2018 22:01)

    Ho frequentato un uomo, la maggior parte delle volte ci si vedeva a casa sua, si cenava, si guardava un film in dvd, si parlava sempre delle solite cose superficiali. Quelle poche volte che ho cercato di parlare del nostro rapporto, era in imbarazzo. Non ci vedevamo quasi mai il sabato e la domenica, stava sempre con il cellulare in mano, tutte le volte che proponevo io qualcosa la risposta era: mi spiace non posso. Avrei dovuto capire un sacco di cose, invece me lo sono fatta andare bene per un anno. Quando si vuole tenere le fette di salame sugli occhi, non c'è niente da fare...
    -4
    Rispondi a Arnica Commenta l’articolo

  6. Avatar di Marmeid

    Marmeid 1 anno fa (10 Settembre 2018 11:45)

    Ciao Ilaria, ciao tutte. Bello questo articolo, ciò che mi ha colpito è l'assoluta mancanza di riferimenti alle parole: "se lui ti dice.." "se lui ti scrive.. allora significa" no, qui è tutto incentrato sui fatti e i corpi. L'amore è quindi qualcosa di attivo e costante: ti cerca. La mia vita è cambiata da quando leggo questo blog, perchè ho cercato di cambiare io, al di là della ricerca della persona giusta, mi ha fatto capire che dovevo io, prima, diventare la donna giusta per me. La mia vita ha uno spessore completamente diverso, non mi sento più in balia degli eventi, e capire che tra tante cose da fare ogni giorno non è il caso di sprecare energie per chi lancia messaggi di fumo è il genere di pragmatismo che sto adottando, con tutti, non solo con gli uomini. Quanta energia sprecata prima a credere di aver trovato l'uomo della mia vita per le frasi, parole, messaggi che rileggevo.. e il corpo: sguardi sfuggenti, sorrisi di circostanza, invece di concentrarmi sul significato: non è concentrato su di te, lasciavo che mi sminuissero.. no, no, no. Mai più, grazie.
    0
    Rispondi a Marmeid Commenta l’articolo

  7. Avatar di Cris83

    Cris83 1 anno fa (10 Settembre 2018 19:06)

    Grande articolo Ilaria! Grazie
    0
    Rispondi a Cris83 Commenta l’articolo

  8. Avatar di Tauriel

    Tauriel 1 anno fa (11 Settembre 2018 14:18)

    Bello questo articolo! Come sempre. Ho imparato molto leggendoti, in questi anni e la mia vita è davvero migliorata. Negli ultimi mesi mi è successa una cosa cusriosa, però. Dopo almeno 2 anni durante i quali mi sono concentrata su me stessa e la mia vita, non cercando più altro (e stavo bene) si fa avanti un uomo che avevo conosciuto in un gruppo culturale. L’avevo conosciuto ma non mi ero mai soffermata a pensare a lui: ero troppo concentrata su me stessa. Quindi all’improvviso mi ritrovo che mi cerca e che mi corteggia con garbo. Rispondo all’interesse senza lasciarmi troppo andare. Però mi fa piacere, anche perchè abbiamo molti interessi culturali in comune e quindi tanto di cui parlare. Poi, all’improvviso, comincia a diradare i contatti. Non dico che è sparito, ma quasi. Per fortuna non ero innamorata e più di tanto non mi sono sbilanciata. Eravamo solo all’inizio. Non era una storia d’amore. Non stavamo insieme. Era solo un riconoscere un interesse reciproco e vedere dove poteva arrivare col tempo. Non ci inseguiva nessuno. Non c’era da correre. Non ho mai spinto in nessuna direzione o creato ansia. Comunque lui è semi-sparito. Sinceramente sono stanca. Ritrono ad occuparmi della mia vita e dei miei interessi. Sono stanca degli uomini. Di questi loro comportamenti anche quando fanno tutto da soli. Ho riscoperto quanto sia piacevole stare bene con me stessa e sentirmi libera.
    -6
    Rispondi a Tauriel Commenta l’articolo

  9. Avatar di Laura

    Laura 1 anno fa (11 Settembre 2018 23:14)

    Ciao Ilaria, finalmente un articolo! A volte ho messo in dubbio le tue teorie, in questi anni di singletudine. Ma sapevo che purtroppo era tutto dannatamente reale, e talmente crudo, da essere a volte difficile da accettare. In questi 5 anni di vita da single, dopo una separazione difficile e la fine di un rapporto durato ben 23 anni! , ho avuto modo di avvicinarmi ed essere avvicinata dal mondo maschile, nei modi che descrivi, accettando persino il fuggitivo e l'impegnato in genere. Ma non è amore. O speravo nel mio cuore che lo diventasse più che altro, ma quando nasce così, è sbagliato tutto in partenza. E lo so ora, perché da pochi mesi mi sono felicemente rifidanzata. Quello che scrivi in questo articolo è vero, lui mi ha cercato, lui era libero, con lui mi sono frequentata per alcuni mesi, con i rispettivi figli, senza avere alcun interesse sentimentale, ma per il piacere di stare bene assieme. Ora, inaspettatamente fidanzati, stiamo anche meglio. Un abbraccio
    -6
    Rispondi a Laura Commenta l’articolo

  10. Avatar di Cla

    Cla 12 mesi fa (7 Ottobre 2018 20:32)

    Ciao a tutte! Vi racconto brevemente la mia storia. Ci siamo conosciuti un mese fa su Instagram, abbiamo cominciato a messaggiare e.. da lì non abbiamo più smesso! Abitiamo a un'ora di macchina l'uno dall'altra, io sono fuori sede e non ho la macchina (tra un mese dovrei portarla, ma lui comunque ha detto che non vuole faccia tutta quella strada, ma soprattutto che vada nelle "zone sue"). Ci siamo visti due volte, e l'interesse e l'intesa c'era da entrambe le parti. Nell'ultimo periodo lo vedo un po' cambiato. Mi scrive sempre il buongiorno, ma prima messaggiavamo molto di più, scherzavamo tutto il giorno, mentre ora lo sento più distaccato. Lui lavora nella mia città, viene qui anche il weekend a vedere la sua squadra del cuore, ma né durante la settimana né durante il weekend trova un posto per me, se non le due volte che ci siamo visti (un venerdì e un sabato). Tra calcetto, calcio e amici, mi sento messa un po' in disparte. Lui dice che gli interesso, che non prova interesse per altre ragazze, ma non vedo da parte sua uno sforzo per organizzare di vederci. Non so cosa pensare, non riesco a decifrare questo ragazzo. È single da qualche mese dopo una storia di 6 anni, lui ha detto che non cerca "l'innamoramento", ma che comunque sono cose che non si possono controllare. Io vorrei solo delle certezze da parte sua, cioè che mi dimostri che effettivamente l'interesse da parte sua c'è, perché il mio sta un po' andando a quel paese per il fatto che non ci vediamo mai.. cosa dovrei fare? Come dovrei comportarmi?
    3
    Rispondi a Cla Commenta l’articolo

    • Avatar di Mononoke

      Mononoke 12 mesi fa (7 Ottobre 2018 21:13)

      Ciao Cla, io credo che non ti stia dando dei bei segnali, vi siete visti due volte in un mese, lo senti distaccato e non trova il tempo per vederti, in più ti ha detto che "non cerca l'innamoramento" e credimi non te lo dice perché vuole essere sincero con te ma per mettere già le mani avanti. Considera solo i fatti e ascolta la tua "pancia" (se hai scritto qui la cosa non ti quadra per niente) e non quello che ti dichiara e lascia intendere o quello che tu immagini possa succedere. Lascialo perdere e te lo dico per esperienza perché questo tipo di storie mai partite, mi hanno fatto soffrire anche se era inconsistenti anzi forse proprio per questo. Spero di esserti stata un pochino d'aiuto. Un caro abbraccio.
      -6
      Rispondi a Mononoke Commenta l’articolo

  11. Avatar di Laura

    Laura 10 mesi fa (16 Novembre 2018 12:59)

    Ciao. Articolo interessante, soprattutto per me che non riesco quasi mai a cogliere determinati segnali o, se li colgo, non riesco a capire se denotano interesse o no da parte di un uomo. Nell'articolo si dice di seguire il proprio istinto, ma il problema è che il mio istinto mi dice sempre di lasciare perdere. Credo che la paura di subire delusioni, mi porti ad essere poco obiettiva. Insomma, almeno per me, non è così facile capire se un uomo è interessato o no.
    0
    Rispondi a Laura Commenta l’articolo

  12. Avatar di Carla

    Carla 7 mesi fa (6 Febbraio 2019 11:53)

    Gli sono piaciuta eccome. All'inizio quasi intimorito e sorpreso che una donna"come me" (parole sue) si interessasse a lui. Forse già fingeva modestia? Ma non voglio essere in malafede. Campanelli di allarme sentiti presto, ma ho voluto continuare la conoscenza. In fondo piaceva molto anche a me! Poi, alle mie prime osservazioni lecite sul suo comportamento, senza calcare troppo (ormai sto imparando), i primi distanziamenti. Anche io ho cominciato ad essere meno entusiasta e meno disponibile. Poi quando gli ho detto che forse lui non meritava tutte le attenzioni e energie che gli dedicavo, ha ascoltato. Pian piano è sparito, mi ha mandato un messaggio per dirmi che avevo ragione etc.etc. Non ci siamo più visti. Non ho motivo di credere che lui voglia ripensarci. A che pro? Là fuori c'è scelta no? E così ci si demolisce e ci si ricostruisce all'infinito...
    0
    Rispondi a Carla Commenta l’articolo

  13. Avatar di cla

    cla 7 mesi fa (8 Febbraio 2019 12:02)

    ciao Ilaria. da alcuni mesi seguo un corso di inglese (una classe di 12 persone dai 40 agli 80 anni, per lo più sposati, impegnati ecc. tranne io e altre due), l'insegnante ha 47-48 anni come me, è divorziato con 2 figli adolescenti che non ho capito se vivono con lui o meno.. sin da subito abbiamo capito che c'era molta attrazione (lui non riusciva a farmi parlare a lungo quando girava per i banchi ad ascoltare le conversazioni, quando era il caso in cui dovessi parlare alla classe o alla mia compagna di banco per conversazione su un tema specifico deciso precedentemente) perchè arrossiva e doveva "contenersi", io arrossivo di mio... a Natale ci siamo salutati affettuosamente (si è dovuto operare per un neo sospetto..). Alla fine della lezione normalmente scappa per tornare a casa (vive a 10-15km dalla scuola). Ma ogni volta che il nostro sguardo si incrocia c'è sempre molta tensione palpabile. Mercoledì scorso è successo che, salutandolo (andavo via) lui ha pensato che volessi parlargli e ha cominciato lui a parlarmi... fino a che siamo arrivati alla sua macchina (che era più vicina rispetto alla mia)... ridendo e con molto interesse (mi ha dato delle dritte per migliorare la comprensione dell'inglese) fin quando ci hanno interrotto due altri componenti della classe. Lui ovviamente ha douto dare retta anche agli altri, e il tempo è "scaduto". Ora, la domanda che ti pongo è: come faccio a dargli il "la" perchè ad aprile (che finisce il corso) si rimanga in contatto? abbiamo un gruppo di whatsapp per i compiti settimanali... ho il suo n di cellulare, ovviamente, ma non l'ho mai usato. Quale scusa o quale approccio posso usare? E poi: se lui "scappa" sempre il mercoledì sera (per impegni suoi), non mi sento di "creargli trabocchetti" perchè "casualmente" facciamo insieme il tratto per arrivare al parcheggio. Vorrei che lui capisse la mia disponibilità a conoscerlo ma... sono davvero sprovvista di idee.
    0
    Rispondi a cla Commenta l’articolo

  14. Avatar di Emilia

    Emilia 1 anno fa (9 Settembre 2018 14:26)

    Ciao Ilaria, ho letto il tuo ultimo articolo e in gran parte condivido le tue riflessioni, ma penso che in questo caso non esista un'equazione algebrica che possa farci capire con certezza se piacciamo a qualcuno oppure no. E se lui, nonostante un interesse, non cerca e non ha intenzione di esporsi? E se lui è uno di quelli che inizialmente cercano ma poi, improvvisamente, si "volatilizzano"? Per me alcune dinamiche sono e restano un mistero. Buona domenica a tutti!
    2
    Rispondi a Emilia Commenta l’articolo

    • Avatar di Shy

      Shy 6 mesi fa (13 Marzo 2019 17:20)

      Vi avevo scritto dicendovi che uno dei ragazzi che lavora con me (lavoro in questo posto da un mese e mezzo circa) mi aveva inviato la richiesta di amicizia poche settimane dopo il mio arrivo. Fin lì niente di strano, anche se già dai primi giorni mi accorgo che questo ragazzo non mi è indifferente. I giorni passano e entriamo un po’ più in confidenza. Un giorno ho annunciato che sarei andata a prendere un caffè fuori ufficio e lui, che aveva preso il caffè poco prima, mi ha accompagnata, offrendomelo pure una volta arrivati al bar. Nel tragitto, si apre. Mi parla della sua ex, della sua attuale fidanzata (eh si…) mi chiede ed ascolta. In ufficio lo vedo che mi guarda, a volte lo sorprendo con lo sguardo fisso. Oggi, mi ha messo mi piace all’immagine del profilo. So bene che sono cose da niente, ma sono pur sempre piccoli segnali. Ad un certo punto, annuncio che mi sarebbe piaciuto andare ad un concerto, e lui mi ha chiesto se ci andavamo insieme. Mi ha poi scritto su Skype proponendomi delle date, e gli ho risposto che potevamo andare. Secondo voi,prova dell’interesse o è solo amicizia? Cosa dovrei fare per fargli capire che sono interessata? Tenendo conto che è fidanzato da quasi un anno...
      0
      Rispondi a Shy Commenta l’articolo

    • Avatar di Ilaria Cardani

      Ilaria Cardani 6 mesi fa (13 Marzo 2019 17:29)

      Sei interessata a che cosa, scusa? Non lo conosci, è fidanzato, te lo ha detto. A che cosa sei interessata? A un uomo fidanzato? Guarda che quello a cui siamo interessati dice molto di noi, anche a chi siamo interessati...
      0
      Rispondi a Ilaria Cardani Commenta l’articolo

    • Avatar di FrancescaF

      FrancescaF 6 mesi fa (13 Marzo 2019 18:30)

      Senza voler apparire come la milanese stakanovista: lavori in un posto da un mese e mezzo e tu, invece di concentrarti sul lavoro (oggi ci si mette un nonnulla a perderlo) e sulle relazioni tra colleghi (ma lavorative!), ti metti a pasticciare con un collega fidanzato che, se vogliamo dirla tutta, ha già travalicato i limiti del rispetto (non si raccontano certe cose personali a una collega arrivata da pochissimo).
      0
      Rispondi a FrancescaF Commenta l’articolo

    • Avatar di Ilaria Cardani

      Ilaria Cardani 6 mesi fa (13 Marzo 2019 22:40)

      Sì, in effetti, qui a proposito della "Ragazza CercaGuai" dobbiamo aggiungere anche che è un collega di lavoro, per cui, già intravedendo scenari poco chiari dietro l'angolo, poi si passa alla fase: "...me ne ha fatte di ogni, ci sono cascata, e oltretutto è un collega di lavoro per cui lo vedo tutti i giorni, non riesco a dimenticarlo, mi ha creato il vuoto intorno, la mia vita è diventata un inferno etc etc etc..."
      0
      Rispondi a Ilaria Cardani Commenta l’articolo

    • Avatar di Emilia

      Emilia 6 mesi fa (14 Marzo 2019 8:39)

      Condivido tutto, nel modo più assoluto. Tutelarsi sempre, soprattutto negli ambienti di lavoro.
      0
      Rispondi a Emilia Commenta l’articolo

    • Avatar di Vittoria

      Vittoria 6 mesi fa (14 Marzo 2019 16:46)

      Al lavoro con me c'era un tipo simile. Carino, ci sapeva fare, fidanzato, puntava sempre la nuova arrivata, che magari era ancora un po' spaesata e vedeva in lui una persona disponibile e aperta. Sono persone a cui piace piacere, pavoneggiarsi un po' tra le ragazze che incontrano e hanno facile presa. Non so se sarebbe giunto a tradire la sua ragazza, ma non ho mai approfondito.
      0
      Rispondi a Vittoria Commenta l’articolo

    • Avatar di London

      London 6 mesi fa (13 Marzo 2019 21:05)

      Shy, scappa, è fidanzato!
      0
      Rispondi a London Commenta l’articolo

    • Avatar di Mia

      Mia 6 mesi fa (14 Marzo 2019 0:21)

      Shy, ti prego non farti ingannare! Ho vissuto la tua stessa, precisa situazione ma posso spoilerarti anche il finale... Saranno dolori! Il mio collega era come il tuo: mi guardava con una faccia da ebete, si presentava ogni santa mattina fuori all'ufficio per salutarmi, mi invitava a prendere il caffè insieme, veniva a portarmi dei cioccolatini, fino a quando ha iniziato a offrirmi dei passaggi a casa e, dopo un po', è scappato un bacio, poi due, per poco non siamo arrivati a fare sesso (eravamo in auto in mezzo al nulla, lui voleva farlo - è stato pure parecchio insistente - mentre io mi sono tirata indietro dopo aver udito il suo cellulare vibrare insistentemente: presumo fosse la fidanzata, mi sentii squallida). Lui era fidanzato da ben 10 anni, con lei "tutto a posto", diceva che ci stava bene e con gli altri colleghi parlava di matrimonio. Era solo un traditore meschino, pusillanime, inetto e annoiato, che si è sentito attraente per qualcuna al di là della fidanzata e ne ha approfittato per rinvigorire l'ego. Quando è terminato il mio stage e non mi hanno rinnovato il contratto, è sparito. Lascia perdere, davvero, è un'esperienza penosa fare "l'altra", avrai solo briciole, avanzi di tempo e la dignità sottoterra.
      0
      Rispondi a Mia Commenta l’articolo

  15. Avatar di Shy

    Shy 6 mesi fa (13 Marzo 2019 20:12)

    Beh standoci a contatto tutti i giorni per 8 ore posso dire di conoscere i suoi interessi e come si approccia con gli altri, che è già qualcosa, d’altra parte quando si esce con una persona la prima volta non si conosce nulla. Mi piacerebbe appunto, arrivare a fare questa uscita da lui proposta per vedere come va.
    0
    Rispondi a Shy Commenta l’articolo

    • Avatar di Ilaria Cardani

      Ilaria Cardani 6 mesi fa (13 Marzo 2019 22:35)

      E' fidanzato...
      0
      Rispondi a Ilaria Cardani Commenta l’articolo

    • Avatar di AnnaV

      AnnaV 6 mesi fa (14 Marzo 2019 11:56)

      Ce le ha tutte proprio... anche io ho una specie di spasimante al lavoro, la si butta in caciara e finisce lì. Si deve lavorare e in Italia è più facile cambiare marito che lavoro, quindi se succede qualcosa diventa un inferno, o bisogna riprogettarsi una vita (sempre noi donne, mica loro, poi). Non mi pare il caso. Sono sicura che lì fuori è pieno di gente per te
      0
      Rispondi a AnnaV Commenta l’articolo

    • Avatar di FrancescaF

      FrancescaF 6 mesi fa (14 Marzo 2019 13:44)

      Ecco, sì, buttarla in caciara, percularli alla grande per far capire loro che tu hai capito e che sono degli indegni. Ma magari non all'inizio di un'attività lavorativa. Che ti fanno le scarpe essendo navigati e sapendo come girano le cose. Mai mettere la propria indipendenza dietro un omuncolo, ma neanche dietro a un Uomo. Io resto un po' allibitina dinnanzi a certa ingenua distrazione, devo dire...
      0
      Rispondi a FrancescaF Commenta l’articolo

    • Avatar di Ilaria Cardani

      Ilaria Cardani 6 mesi fa (14 Marzo 2019 14:10)

      Un attimo. Non è necessario perculare nessuno, se nessuno ci infastidisce. Di solito costoro sanno bene con chi iniziare questi corteggiamenti del nulla, dato che trovano corrispondenza nelle risposte dell'altra persona. Se non dài loro corda non se la prendono. Certo, ci sono anche quelli che si offendono perché tu sei l'unica del gruppo che non cade ai loro piedi o non si uniforma al comportamento della maggioranza. Inoltre nel caso specifico non mi sembra che stiamo parlando del manipolatore vampiro già pieno di potere e assetato di potere, ma di un impiegato qualsiasi che fai il gentile, non si capisce se in buona fede o con l'intenzione di sedurre o anche - come capita - perché non sa quello che fa e non sospetta di aver creato tante illusioni e aspettative. Vero è che se non dài corda non se la prendono, che siano vampiri o semplicemente seduttori di piccolo cabotaggio, anche perché se non si "fissano" su di te (e questo di solito lo fanno i vampiri o quelli con altri disturbi seri, lo fanno per ottenere vantaggi ben precisi e di valore), si rivolgono alla successiva, dato che, come vediamo, che sia ai vertici o in fondo alla catena di potere, di fronte alle attenzioni di un uomo purchessia ancora decine di donne danno tutte se stesse. Senza dignità ma soprattutto senza un minimo di lungimiranza.
      0
      Rispondi a Ilaria Cardani Commenta l’articolo

    • Avatar di FrancescaF

      FrancescaF 6 mesi fa (14 Marzo 2019 18:13)

      Certamente, non è necessario. In questo caso - come in altri - neppure auspicabile. La cosa andrebbe fatta morire declinando ogni suo aggancio. In realtà mi riferivo ad altre situazioni, sempre di lavoro ma in contesti diversi. Perdonate l’ambiguità.
      0
      Rispondi a FrancescaF Commenta l’articolo

    • Avatar di AnnaV

      AnnaV 6 mesi fa (14 Marzo 2019 20:53)

      Io non perculo nessuno. L’attrazione capita e ci si può anche giocare senza che venga meno il rispetto. Non ci prova e non fa niente di inopportuno, non telefona o manda messaggi a vanvera. È un modo di giocare scherzoso, a volte anche un flirtare, che finisce là. Mai avuto problemi da queste situazioni. Se fanno così e tu sei capace di giocare a tua volta, capiscono benissimo che non c’è trippa per gatti. Non è che siccome c’è attrazione o simpatia, parte il fotoromanzo. Questo per gli uomini è normalissimo, nella mia esperienza.
      0
      Rispondi a AnnaV Commenta l’articolo