Come capire se gli piaci: le domande giuste da farti (così non lavori di fantasia)

come capire se gli piaciCome capire se gli piaci? 

Come capire se gli piaci? come fai a capire se piaci a un uomo con il quale hai appena iniziato una frequentazione oppure che conosci appena? O anche che conosci da un po’ e ti pare che il tuo interesse per lui stia cambiando?

"Trova quella persona che con i tuoi difetti ci fa l’amore. C.Prevale"

Donne o uomini, a centinaia di miliardi di persone piacerebbe sapere che cosa gli altri pensano – davvero – di loro.

E che cosa gli altri provano – davvero – per loro.

E chi di noi non vorrebbe essere un indovino o, ancor di più, un mentalista ed essere in grado di leggere nel pensiero degli altri per aver chiare e certe le loro intenzioni, soprattutto in amore?

In modo da non avere paura a esporsi o rischiare di fare “brutte figure”.

Diciamocelo sinceramente, in molti e soprattutto in molte fanno “lettura del pensiero”, cioè attribuiscono agli altri opinioni, sentimenti e intenzioni.

Tutta roba che, nel 99% dei casi non ha nulla a che fare con gli altri, ma con con le proiezioni che si fanno “sugli” altri.

Fare lettura del pensiero non è per nulla utile, anzi!

Soprattutto non è utile quando diventa una delle tante modalità per costruire “castelli in aria” e vedere, sentire, capire quello che non c’è. E che non ci sarà mai

Non solo, molte persone – e anche in questo campo a primeggiare sono le donne – applicano a tappeto la “negazione”.

Siccome non basta inventarsi quel che non c’è, si convincono che non ci sia quello che c’è.

Se non ti è chiara questa frase forse è perché lavori molto di fantasia e anche di negazione.

Le persone che negano non vogliono riconoscere e accettare quello che è trasparente, ovvio ed evidente, quando il riconoscere e accettare va contro i loro desideri, le loro intenzioni e le loro aspettative.

Quante donne di fronte a un uomo che non le considera di pezza, insistono nel sostenere che è interessato?

Quante donne, di fronte a un farabutto senza arte né parte si ostinano a ritenerlo un uomo “meraviglioso”?

Quante donne, quando il loro intuito e inconscio dice loro chiaramente: “Scappa via subito e correndo il più veloce possibile!” restano e subiscono?

Sarai d’accordo con me che quindi è importante scoprire come capire se gli piaci, ma è ancora più importante dare retta ai segnali, comportarsi di conseguenza, agire coerentemente.

Perché capire è un conto, agire in base a quel che si è capito, un altro.

E fare, agire, comportarsi di conseguenza è molto più importante.

Chiaro?

Perché se il tuo istinto, il tuo inconscio, il tuo intuito, – chiamalo come vuoi – ti dicono che non è cosa e tu insisti, allora concorderai con me che è perfettamente inutile “capire”.

Come capire se gli piaci: perché le domande sono importanti

Per capire se piaci a un uomo – ma anche se sei simpatica oppure no a una tua collega – è essenziale che tu sviluppi la tua intelligenza emotiva.

Per svilupparla è fondamentale imparare a osservare e soprattutto a “sentire”. E a creare dei collegamenti, trovare un principio di coerenza, un minimo comune denominatore rispetto a quel che si osserva e si sente.

Prima di tutto è importante sentire il tuo corpo e le sue reazioni, il ritmo del tuo respiro e il modo in cui “traspiri” (cioè se sudi o no o se cambia la tua sudorazione), i battiti del tuo cuore e le emozioni che provi.

Sei calma e rilassata o entri in agitazione e perdi lucidità?

Quello che provi tu ti dice molto riguardo a quello che provano gli altri.

Si tratta di “energia”, in senso non spirituale ed esoterico, ma in senso molto concreto.

Fisico. E’ l’istinto. Si tratta di corporeità, di reazioni chimiche, di odori, sapori, umori.

Di comunicazione inconscia.

Quando sei diventata abile ad “ascoltare” te stessa, a osservarti, puoi dedicarti agli altri.

A osservare, sentire e capire gli altri.

Come si muove la persona che hai di fronte? Com’è il suo colorito? Pallido o vivace? E’ “rosso” per qualche emozione? Positiva o negativa? La sua sudorazione si è modificata? Il suo respiro ha un ritmo che cambia di continuo?

Oppure si “raffredda”, impallidisce, perde colore e anche entusiasmo?

Il suo sguardo dove si posa più frequentemente? Il suo è un sorriso sincero o forzato o di semplice cortesia?

Segui il tuo istinto e non negare se c’è qualcosa di evidente che non ti va di riconoscere!

Anzi, se cogli alcune “falle” nella comunicazione tra te e qualcuno al quale tieni, quella è un’opportunità.

Essere lucidamente obiettiva ti aiuta, altroché.

Perché puoi scegliere di mollare il colpo e di dedicarti a qualcosa – o a qualcuno – di più interessante o di adottare comportamenti più utili.

Come capire se gli piaci: le domande che riguardano lui

Bene! Ora che hai indubbiamente raggiunto un elevatissimo grado di autoconsapevolezza è giunto il momento di dedicarti alla consapevolezza dell’altro, cioè a capire se gli piaci.

E anche in questo caso ci sono delle domande alle quali  rispondere.

La prima è: lui sa della tua esistenza? Sa che sei al mondo? Saprebbe riconoscerti, non dico tra mille ma almeno tra tre altre donne?

So bene che potresti pensare: “Accidenti Ilaria, che cinica che sei! Ma per chi mi hai preso?

Non ci crederai, eppure il mondo è pieno di amori inventati e molte donne si convincono che il cassiere del supermercato, affabile e simpatico, sia così sorridente solo quando e perché in coda a pagare ci sono loro.

No. Il primo indicatore del fatto che piaci a un uomo è che lui sia attivo nel cercarti.

Non solo: la sua attività deve intensificarsi col tempo.

"Cercarsi è già fare l’amore. D. Adonini"

La seconda domanda da farti su di lui è: è libero a livello sentimentale (e anche di stato civile)?

E’ necessario tenere in conto che per quanto siano “meravigliosi” – soprattutto agli occhi di una donna bisognosa – certi uomini amano molto fare gli scemi.

Forse perché un po’ scemi in fondo in fondo lo sono.

E, per piacersi in modo autentico, è fondamentale essere animati da intenzioni buone e autentiche.

Se no, alla meglio si commettono sciocchezze (che non è mai buono), alla peggio ce le suonano.

Se quest’ultimo concetto non ti è completamente chiaro nella sua ampiezza, chiudi il sito e cerca blog dedicati alle teorie sulla terra che è piatta.

"L’amore esiste solo quando due persone si incontrano in mezzo a due viaggi diversi.P.Chagas Freitas"

La terza domanda da porti per capire se piaci a un uomo è a sua volta composta da tre domande.

Queste danno per scontato il fatto che lui ti cerchi attivamente e spontaneamente e che ti trovi.

Danno per scontato che in qualche modo vi troviate. E anche in qualche tempo, ecco.

"Avevano trovato l’uno nella vita dell’altra lo spazio per accogliersi, per questo erano stati da subito un incastro perfetto, senza aggiustamenti. F.Volo"

Le tre domande sono: dove vi incontrate? Che cosa fate quando vi incontrate? Di che cosa parlate quando vi incontrate?

Ora che hai riflettuto con distacco e obiettività alle risposte, c’è l’ultima domanda: il tuo istinto e il tuo intuito che cosa ti dicono rispetto all’interesse che quest’uomo ha per te?

Se hai delle buone amiche, queste sono riflessioni utili da condividere con loro.

Purché tu ti faccia sostenere dall’obiettività per come capire se gli piaci.

Lascia un Commento!

13 Commenti

  1. Avatar di Gea

    Gea 2 settimane fa (9 settembre 2018 9:17)

    Cara Ilaria, articolo magistrale, che avrei tanto voluto leggere quattro anni fa. Per fortuna non e' successo niente e ormai e' acqua strapassata, ma in quell'annetto perso a pensare e per qualche mese frequentare castamente una nullita' ho imparato vari punti che tu esponi nel tuo nuovo articolo e ho tagliato i ponti con una pseudoamica (di recente conoscenza) che dall'alto della sua eta' ed esperienza voleva guidarmi a schiantarmi contro il muro, mentre tu mi avevi dato un'ottima risposta. Grazie di cuore per il tuo lavoro e il tuo blog! ❤ Buona domenica! 😊
    -1
    Rispondi a Gea Commenta l’articolo

  2. Avatar di B

    B 2 settimane fa (9 settembre 2018 9:24)

    Leggere l'articolo mi ha sconvolta, ho risposto alle domande, obbiettivamente e adesso sono qui attonita. Sa che esisto, ma non credo mi riconoscerebbe, è troppo libero, o meglio cosi mi dice, si definisce uno spirito libero. In realtà se è legato non lo so, lui giura e spergiura di no, anche se ho sensazioni, atteggiamento e fatti che mi fanno supporre di no. Credo anche di non essere l'unica che vede segretamente, sono forse una delle varie. È innamorato di se stesso, troppo, e gliel'ho detto che x me era un egocentrico. L'ultima domanda....la più dura.... Ci vediamo quando possiamo ma di nascosto in luoghi dove non ci conosce nessuno, cosa succede, non te lo sto a dire, credo sia scontato. Parliamo del suo lavoro, di quanto è impegnato, dei suoi problemi del poco tempo, quando chiedo di vederci in altri posti e momenti, mi dice no, perché boh, ti dico quello che mi dice, non sa come "giustificarmi", perché lo conoscono non vuole chiacchiere, dobbiamo preparate il terreno.... Ci sa fare con le parole, è dolce quando vuole, ma quando lo faccio arrabbiare... Con richieste o domande, esce fuori la verità, che sempre non voglio vedere. Sono un giocattolo, x l'attività fisica settimanale, da usare quando lui ha due minuti,non abbiamo quando ha tempo e...non ha di meglio da fare... Mi ha detto che, preferisce stare male lui, un po, ma lasciarmi andare, piuttosto che sapere che sto male, per colpa sua. Questo perché, mi vuole molto piu bene di quanto io possa pensare ma non lo so, io penso ben altro e cioè che non gliene frega niente, se ci sono bene senno avanti la prossima.
    0
    Rispondi a B Commenta l’articolo

  3. Avatar di Emilia

    Emilia 2 settimane fa (9 settembre 2018 14:26)

    Ciao Ilaria, ho letto il tuo ultimo articolo e in gran parte condivido le tue riflessioni, ma penso che in questo caso non esista un'equazione algebrica che possa farci capire con certezza se piacciamo a qualcuno oppure no. E se lui, nonostante un interesse, non cerca e non ha intenzione di esporsi? E se lui è uno di quelli che inizialmente cercano ma poi, improvvisamente, si "volatilizzano"? Per me alcune dinamiche sono e restano un mistero. Buona domenica a tutti!
    2
    Rispondi a Emilia Commenta l’articolo

  4. Avatar di Lu

    Lu 2 settimane fa (9 settembre 2018 21:08)

    Finalmente un nuovo articolo! A breve avrei scritto di sentirne la mancanza! Di recente ho commesso una sciocchezza, mi sono innamorata di un uomo sbagliato. Non mi va manco di parlarne per quanto sto innamorata. Ho cercato di farmi andare bene la situazione ma fortunatamente non ci sono riuscita. Ci vuole cervello in amore. Mi stavo rovinando la vita. Ho chiuso i contatti, tutti, ed ora mi concentro su quello che è importante per me, almeno ci provo. Sempre, ogni giorno, rimango legata a questo blog!! Un abbraccio a tutte!
    0
    Rispondi a Lu Commenta l’articolo

  5. Avatar di sonia

    sonia 2 settimane fa (9 settembre 2018 21:53)

    Bell'articolo, proprio quello che mi serviva :) rispondere lucidamente però mica è tanto facile... l'istinto da un lato mi dice che se gli interessassi seriamente si sarebbe già fatto avanti e che quindi è solo gentile; dall'altro mi dice invece che c'è interesse, basta pensare al suo sguardo e a come negli ultimi mesi siamo diventati sempre più vicini. Dunque il dubbio rimane. Ripensando ad un tuo vecchio articolo penso che sia io bisognosa e che quindi abbia "fretta" di far succedere qualcosa. Però non voglio illudermi. Hai proprio ragione quando dici che una persona anziché godersi un momento così magico lo "sprechi" stressandosi la vita!
    0
    Rispondi a sonia Commenta l’articolo

  6. Avatar di Arnica

    Arnica 2 settimane fa (9 settembre 2018 22:01)

    Ho frequentato un uomo, la maggior parte delle volte ci si vedeva a casa sua, si cenava, si guardava un film in dvd, si parlava sempre delle solite cose superficiali. Quelle poche volte che ho cercato di parlare del nostro rapporto, era in imbarazzo. Non ci vedevamo quasi mai il sabato e la domenica, stava sempre con il cellulare in mano, tutte le volte che proponevo io qualcosa la risposta era: mi spiace non posso. Avrei dovuto capire un sacco di cose, invece me lo sono fatta andare bene per un anno. Quando si vuole tenere le fette di salame sugli occhi, non c'è niente da fare...
    -2
    Rispondi a Arnica Commenta l’articolo

  7. Avatar di Marmeid

    Marmeid 2 settimane fa (10 settembre 2018 11:45)

    Ciao Ilaria, ciao tutte. Bello questo articolo, ciò che mi ha colpito è l'assoluta mancanza di riferimenti alle parole: "se lui ti dice.." "se lui ti scrive.. allora significa" no, qui è tutto incentrato sui fatti e i corpi. L'amore è quindi qualcosa di attivo e costante: ti cerca. La mia vita è cambiata da quando leggo questo blog, perchè ho cercato di cambiare io, al di là della ricerca della persona giusta, mi ha fatto capire che dovevo io, prima, diventare la donna giusta per me. La mia vita ha uno spessore completamente diverso, non mi sento più in balia degli eventi, e capire che tra tante cose da fare ogni giorno non è il caso di sprecare energie per chi lancia messaggi di fumo è il genere di pragmatismo che sto adottando, con tutti, non solo con gli uomini. Quanta energia sprecata prima a credere di aver trovato l'uomo della mia vita per le frasi, parole, messaggi che rileggevo.. e il corpo: sguardi sfuggenti, sorrisi di circostanza, invece di concentrarmi sul significato: non è concentrato su di te, lasciavo che mi sminuissero.. no, no, no. Mai più, grazie.
    0
    Rispondi a Marmeid Commenta l’articolo

  8. Avatar di Cris83

    Cris83 2 settimane fa (10 settembre 2018 19:06)

    Grande articolo Ilaria! Grazie
    0
    Rispondi a Cris83 Commenta l’articolo

  9. Avatar di Tauriel

    Tauriel 2 settimane fa (11 settembre 2018 14:18)

    Bello questo articolo! Come sempre. Ho imparato molto leggendoti, in questi anni e la mia vita è davvero migliorata. Negli ultimi mesi mi è successa una cosa cusriosa, però. Dopo almeno 2 anni durante i quali mi sono concentrata su me stessa e la mia vita, non cercando più altro (e stavo bene) si fa avanti un uomo che avevo conosciuto in un gruppo culturale. L’avevo conosciuto ma non mi ero mai soffermata a pensare a lui: ero troppo concentrata su me stessa. Quindi all’improvviso mi ritrovo che mi cerca e che mi corteggia con garbo. Rispondo all’interesse senza lasciarmi troppo andare. Però mi fa piacere, anche perchè abbiamo molti interessi culturali in comune e quindi tanto di cui parlare. Poi, all’improvviso, comincia a diradare i contatti. Non dico che è sparito, ma quasi. Per fortuna non ero innamorata e più di tanto non mi sono sbilanciata. Eravamo solo all’inizio. Non era una storia d’amore. Non stavamo insieme. Era solo un riconoscere un interesse reciproco e vedere dove poteva arrivare col tempo. Non ci inseguiva nessuno. Non c’era da correre. Non ho mai spinto in nessuna direzione o creato ansia. Comunque lui è semi-sparito. Sinceramente sono stanca. Ritrono ad occuparmi della mia vita e dei miei interessi. Sono stanca degli uomini. Di questi loro comportamenti anche quando fanno tutto da soli. Ho riscoperto quanto sia piacevole stare bene con me stessa e sentirmi libera.
    -5
    Rispondi a Tauriel Commenta l’articolo

  10. Avatar di Laura

    Laura 2 settimane fa (11 settembre 2018 23:14)

    Ciao Ilaria, finalmente un articolo! A volte ho messo in dubbio le tue teorie, in questi anni di singletudine. Ma sapevo che purtroppo era tutto dannatamente reale, e talmente crudo, da essere a volte difficile da accettare. In questi 5 anni di vita da single, dopo una separazione difficile e la fine di un rapporto durato ben 23 anni! , ho avuto modo di avvicinarmi ed essere avvicinata dal mondo maschile, nei modi che descrivi, accettando persino il fuggitivo e l'impegnato in genere. Ma non è amore. O speravo nel mio cuore che lo diventasse più che altro, ma quando nasce così, è sbagliato tutto in partenza. E lo so ora, perché da pochi mesi mi sono felicemente rifidanzata. Quello che scrivi in questo articolo è vero, lui mi ha cercato, lui era libero, con lui mi sono frequentata per alcuni mesi, con i rispettivi figli, senza avere alcun interesse sentimentale, ma per il piacere di stare bene assieme. Ora, inaspettatamente fidanzati, stiamo anche meglio. Un abbraccio
    -1
    Rispondi a Laura Commenta l’articolo