Un uomo si innamora dopo aver fatto l’amore?

un uomo si innamora dopo aver fatto l'amoreUn uomo si innamora dopo aver fatto l’amore?

Questa è una delle domande che ho ricevuto nella mia casella di posta email durante la settimana.

È una domanda che secondo me in molte si fanno e in pochissime hanno il coraggio di esternare.

La risposta richiede un po’ di attenzione e di capacità di compiere dei distinguo.

Sono arciconvinta che se parliamo di interesse verso una persona, di innamoramento o amore che non vedono coinvolte altre motivazioni, il primo ed essenziale richiamo tra due persone è di tipo sensuale, di attrazione a breve termine.

Tradotto in parole povere, ho in mente una persona che conosco piuttosto bene che mi ha riferito: “Appena ho visto quello che sarebbe stato mio marito mi son detta: “Che brutto!””

Infatti tutte le evidenze dimostrano che lei lo abbia sposato prima per interesse economico e poi perché di certo lui ha un ottimo carattere e non è possibile non andarci d’accordo.

Quindi è ben difficile che un sentimento sincero nasca senza una sincera attrazione sensuale.

Diciamo che questo è equivalente per i due sessi e i due generi e forse per educazione e tradizione vale di più per gli uomini

Poi, è ovvio che sull’attrazione a breve termine non si “innesta” l’attrazione a lungo termine, cioè quella fatta di intesa di caratteri, di corrispondenza di valori e di standard, non si va da nessuna parte.

I meccanismi dell’attrazione

Quando è presente attrazione, c’è eccitazione e magari anche passione.

A questo punto il sesso, l’incontro sessuale diventa un amplificatore dell’attrazione e un collante potentissimo.

Per le donne, le quali spesso devono darsi anche una ragione di quanto hanno fatto.

Cioè le donne spesso si raccontano di essere innamorate per giustificare un comportamento che magari inconsciamente ritengono “immorale” o non aderente ai loro valori.

Per gli uomini, che si sentono gratificati, accolti, riconosciuti nella loro virilità.

Stiamo parlando di quando l’intesa sessuale è buona, ovvio, se no il discorso non vale.

Non è raro che un incontro a letto sia molto deludente e spesso ciò accade perché si fa sesso con persone con le quali manca anche l’attrazione di base, cioè quella a breve termine e si è finiti a letto così, tanto per fare, per superare la noia e appunto fare solo sesso.

Andiamo oltre e facciamo riferimento senza tentennamenti a un’autorità nel campo, una scienziata i cui studi sull’antropologia e sulla sessualità umana sono un riferimento indiscusso, Helen Fisher.

Allora, la dottoressa Fisher sostiene che il primo incontro sessuale con una persona che si frequenta e per la quale si prova attrazione è un momento chiave della relazione.

È una vera e propria “epifania”, una rivelazione a tutti gli effetti che può dare la svolta decisiva alla relazione.

Finalmente, quando hai un rapporto ravvicinato con una persona, la vedi nella sua interezza e dovresti anche vederla con grande chiarezza, anche se questo ultimo aspetto non è da dare per scontato.

Ne senti gli odori e perfino i “sapori”, ascolti i suoi sospiri e le sue parole nell’intimità, senti il suo corpo.

Che cosa succede nell’intimità

Se l’incontro è veramente intimo, di quell’intimità che non coinvolge solo il corpo, scopri se il tuo partner ha senso dell’umorismo a letto e riguardo il sesso (un aspetto della personalità davvero prezioso).

Avventura o amore vero? Scopri se la relazione che stai vivendo è una storiella temporanea o è destinata a durare nel tempo...

E poi ti rendi conto se ascolta, le parole e non solo, se è rilassato e sicuro di sé, se è inibito, se è “moralista” o se è intraprendente ai limiti della prepotenza.

Durante l’incontro sessuale il cervello raccoglie un enorme quantità di informazioni sugli aspetti “più segreti” di una persona, quelli che sono importanti indicatori dei tratti della sua personalità.

Ci si può innamorare dopo una prima notte di sesso?

Secondo la dottoressa Fisher non è improbabile che sia uomini sia donne si innamorino dopo un primo incontro sessuale, avvenuto in tempi molto vicini alla prima conoscenza.

Infatti la stimolazione dei genitali mette in moto il sistema della dopamina, l’ormone sul quale si base la sensazione di intenso amore romantico (si dice “amore romantico” per distinguerlo dalla pura attrazione sensuale).

Con l’orgasmo, poi, c’è una letterale inondazione di ossitocina e vasopressina, ormoni che sono associati all’attaccamento a una persona, in quanto lo rafforzano.

Quindi, durante un buon incontro sessuale, puoi superare una certa soglia, quella che porta all’innamoramento per merito della dopamina e poi sentire un forte attaccamento per la persona grazie all’ossitocina.

Secondo un approfondito studio della dottoressa Fisher, dati alla mano, su migliaia di coppie di intervistate, dal 25 al 35% dichiarano che dopo il primo incontro al quale è seguito anche il primo incontro sessuale, hanno iniziato una relazione duratura.

Sia ben chiaro, e questo lo specifica bene anche la dottoressa Fisher.

Non è così vero che gli uomini vogliono solo sesso dalle donne ed è anzi vero che dopo una sola notte di sesso, se spinti da attrazione a lungo termine sono disposti a impegnarsi in una relazione seria e duratura.

Molti uomini desiderano invece solo del buon sesso e così pure molte donne.

Per cui sappiamo bene che dopo una notte di sesso fantastico molti uomini scompaiono.

E lo fanno anche molte donne.

Diciamo che già in partenza ci deve essere una predisposizione caratteriale e un’apertura personale, un progetto personale, ad avere un partner a lungo termine, diversamente si combina ben poco.

Un uomo si innamora dopo aver fatto l’amore? Attenzione a fantasticherie e a illusioni

Mi è sembrato importante rispondere alla domanda un uomo si innamora dopo aver fatto l’amore, spiegando anche un po’ la fisiologia di quanto accade nel corpo e nel cervello umano durante l’incontro sessuale.

Sono informazioni importanti da conoscere se non ci si vuole muovere nel mondo delle relazioni privi di qualsiasi mappa e riferimento.

Ciò detto mi tocca considerare che questa domanda, come molte altre che ricevo, poteva avere altre intenzioni e alcuni sottintesi.

Del tipo poteva essere letta come: “Se mi rendo disponibile a un uomo sessualmente, posso farlo innamorare di me?”

Ebbene se la domanda alla quale si cerca risposta è questa, è doveroso dire che ci troviamo di fronte, ahimé, all’ennesima modalità attraverso la quale alcune donne se la raccontano.

Nello specifico si raccontano che potrebbero cambiare il disinteresse di un uomo in innamoramento offrendo il proprio corpo.

No, questo è uno dei tanti, troppi modi, con i quali le donne danno troppa importanza agli uomini e svalutano se stesse.

Evitiamo, per favore.

Lascia un Commento!

11 Commenti

  1. Avatar di Chiara

    Chiara 2 mesi fa (31 Luglio 2021 23:44)

    Ciao Ilaria! A me sono capitate tutte le cose che dici nell’articolo: - fare sesso senza attrazione - fare sesso e sparire - fare sesso e lui sparisce - fare sesso la prima sera e… sposarmi con lo stesso uomo! Quindi credo che il sesso sia alla base di una relazione e vedo più ipocrisia in chi dice che quando lo ha visto la prima volta lo ha trovato brutto! E ti dico di averlo fatto anche io per giustificare che pur di non stare sola ok quel periodo mi ero accontentata! Hai ragione su tutto… come sempre ed è sempre un piacere leggerti! Chiara
    Rispondi a Chiara Commenta l’articolo

  2. Avatar di Gabriella

    Gabriella 2 mesi fa (1 Agosto 2021 13:21)

    Ciao Ilaria, trovo molto interessante questo articolo e vorrei parlarti di un problema che credo di avere, opposto a quello delle donne che se la raccontano. Io ho avuto sia delle avventure, sia una breve relazione (ho 25 anni). Il punto, però, è che di solito tendo, al contrario, a "giudicare" gli uomini. Mi spiego: se percepisco che l'uomo in questione è molto attratto da me (e intendo come percezione dell'attrazione, non che la manifesti insistendo o pressando o scadendo nel volgare) lo classifico immediatamente nella categoria "uomini con cui non poter costruire una relazione". Invece se lo vedo quasi "asessuato", sento di poter approfondire la conoscenza e andare avanti a conoscerlo. Mi è capitato di avere il primo incontro sessuale dopo qualche appuntamento, oppure anche al primo, l'uomo in questione andava avanti a cercarmi, non solo sessualmente, ma anche per cose semplici, progettava, ma io mi tiravo indietro finchè non lasciava perdere, perchè ormai ero dell'idea che non fosse il tipo di uomo serio. Non mi piace quello che sto scrivendo perchè non è bello giudicare le persone, catalogarle, e nemmeno il concetto di serietà, però mi sento così, come se non accettassi che qualcuno fortemente attratto sensualmente volesse anche altro, come se non ci credessi. Diciamo che separo l'attrazione sessuale ed emotiva/mentale, e non riesco a farle coincidere nella stessa persona. Non so se mi sia spiegata e mi scuso per essermi dilungata, mi farebbe piacere sentire qualche parere da persone esterne. Buona Domenica
    Rispondi a Gabriella Commenta l’articolo

    • Avatar di Fabio

      Fabio 2 mesi fa (1 Agosto 2021 16:03)

      Ciao Gabriella, il mio pensiero, è che l'attrazione sessuale è fondamentale per poter costruire un rapporto duraturo senza alcuna zona d'ombra. Non potrei mai instaurare un rapporto basato in partenza sul reciproco rispetto, serietà o amore platonico, sarebbe un rapporto minato alla base, con un futuro incerto e sicuramente insoddisfacente. Avrò pure delle idee "strane", ma se manca l'attrazione reciproca non comincio neppure, e se invece esiste, non tendo a correre troppo sul versante sessuale per non trovarmi poi in situazioni imbarazzanti se mai l'altra non dovesse piacermi caratterialmente ( parlo come se avessi una montagna d'esperienza sulle relazioni, mentre praticamente sono a zero, però le situazioni me le immagino comunque e ci rifletto). Serietà contro attrazione, l'una non esclude l'altra. Buona domenica, Fabio
      Rispondi a Fabio Commenta l’articolo

    • Avatar di Gabriella

      Gabriella 2 mesi fa (1 Agosto 2021 23:24)

      Ciao Fabio, ti ringrazio per avermi risposto. Credo anche io a livello razionale che l'attrazione sessuale sia importantissima, a livello inconscio però poi agisco come ho scritto sopra. Devo poi ammettere che effettivamente quando continuavo in assenza di grandi spinte a livello fisico, non andava mai avanti per molto, e non era nemmeno tanto entusiasmante. Ora non so se fosse per questo, magari era tra i vari motivi, chissà. In ogni caso serietà e attrazione non si escludono... ci rifletterò. Grazie e buona serata
      Rispondi a Gabriella Commenta l’articolo

    • Avatar di Chiara

      Chiara 1 mese fa (2 Agosto 2021 22:58)

      Ciao Gabriella, potrebbe essere paura del'intimità di mettersi completamente in gioco, di "compromettersi" con un umo? Lo scrivo a te e nello stesso tempo lo chiedo e dico a me: per anni ( e non sono una ragazzina) per paura dell'intimità con un uomo, mi avvicinavo/lasciavo avvicinare solo chi vedevo assessuato, per un'amicizia... E non a caso ero attratta da chi era "irraggiungbile" Avevo quasi paura di chi percepivo attratto. Sto capendo che forse era paura di una relazione, di mettemi in gioco completamente...
      Rispondi a Chiara Commenta l’articolo

    • Avatar di Gabriella

      Gabriella 1 mese fa (3 Agosto 2021 23:55)

      Ciao Chiara, esattamente!!! Mi lascio avvicinare da chi è asessuato, o si comporta da amico! E noto che sono anche molto più sciolta nel parlare, a mio agio, frizzante. Chi percepisco attratto mi fa chiudere proprio a riccio, divento quasi (o forse senza il quasi) scontrosa e respingente. Non avevo pensato che potesse essere paura di mettermi in gioco... Ma effettivamente non potrei negarlo, perché infatti quando vedo che si avvicinano anche per conoscermi, oltre l'aspetto sessuale, alzo una muraglia, quindi ha senso. Ti ringrazio molto, credo che ci rifletterò più a fondo perché la sento un'opzione quasi "irritante" da prendere in considerazione e di solito quando ho questa sensazione è perché è la verità (che non voglio scoprire). Buona serata
      Rispondi a Gabriella Commenta l’articolo

  3. Avatar di Miriam

    Miriam 1 mese fa (6 Agosto 2021 16:41)

    Ciao Ilaria e ciao a tutti, vorrei chiedere un parere riguardo alla situazione in cui mi trovo. Ho iniziato a frequentare un uomo un mese fa, c'é stata subito attrazione e dopo un paio di incontri c'é stato il primo rapporto. Ci siamo visti varie volte a casa sua, mai fuori, ci si sentiva quasi tutti i giorni ma con conversazioni per me poco stimolanti. Ad un certo punto ho iniziato a sentire disagio e rancore, penso per il fatto che da un lato lui mi piace ma dall'altro non mi sento appagata su tutti gli aspetti da questa conoscenza. Ho deciso quindi, con una modalità errata, presa dalle emozioni, di troncare il rapporto. Mi sono pentita, pensando che forse ho mal interpretato alcuni comportamenti leggendoli come mancato interesse quando magari erano solo modi del suo carattere di manifestare interesse, e così ho fatto marcia indietro..... lui si ê inizialmente risentito della mia decisione ma non mi ha apertamente detto di essere interessato, dice che vuole confrontarsi di persona ma dopo 10 giorni non ha preso l'iniziativa di vederci. Ho commesso un errore irreparabile? Come dovrei comportarmi ora? Premetto che ho chiesto scusa per la modalità e mi sono dimostrata aperta al dialogo e propositiva. Grazie
    Rispondi a Miriam Commenta l’articolo

    • Avatar di Ilaria Cardani

      Ilaria Cardani 1 mese fa (7 Agosto 2021 12:16)

      Lascialo perdere, non vederlo e non sentirlo più. Concentrati sulla tua consapevolezza: un uomo, solo per il fatto di essere un uomo, non è un essere superiore che ha sempre ragione. Vedo tanto squallore nel suo comportamento e tanto senso di inferiorità da parte tua. Rovescia il tuo modo di vedere le cose.
      Rispondi a Ilaria Cardani Commenta l’articolo

  4. Avatar di Lela

    Lela 1 mese fa (7 Agosto 2021 13:42)

    Ciao Miriam, effettivamente uno che dice di volersi confrontare e poi non si fa sentire per 10 giorni non sembra avere il vostro rapporto tra le sue priorità. Ma la vera domanda è: perché vuoi riallacciare a tutti i costi con qualcuno con cui avevi conversazioni poco stimolanti e non ti appagava come avresti voluto? Sembra un po' il solito dietrofront per paura di rimanere sola dettato dal famosissimo dialogo nella testa: "E se avessi esagerato? E se gli servisse solo più tempo? E se quello fosse solo il suo modo di esprimere i sentimenti"? Scusa ma che t'importa se quello è semplicemente il suo modo se a te non piace e non sta bene??? Dai ragazze, smettiamo di accontentarci!!! Un abbraccio.
    Rispondi a Lela Commenta l’articolo

    • Avatar di Emma

      Emma 1 mese fa (7 Agosto 2021 17:10)

      Ciao Ilaria, grazie per questo articolo. Ho sempre giudicato male chi adotta strategie di qualsiasi genere per trovare un partner . In più mi sembra molto degradante nei propri confronti utilizzare il sesso per fare innamorare qualcuno senza neanche mettere in conto che potrebbe essere piacevole soprattutto per se stesse. Ho assistito a dibattiti assurdi tra le donne quando si parla di starci o non starci, come se fosse un investimento da bilanciare e non un Modo per rilassarsi . Il sesso non dovrebbe essere visto così secondo me e nessuno dovrebbe aspettarsi nulla dopo una notte passata assieme con qualcuno, questo a prescindere da quanti appuntamenti ci siano stati prima . Magari per uno è stato bellissimo e per l'altro svilente, il mondo è bello perché è vario. Il sesso può essere l'inizio o la fine di un rapporto . Di certo è la base di una relazione romantica. Se io passassi una notte con qualcuno Di appena conosciuto e nascesse una storia importante ne sarei felice ovviamente, però comunque non mi aspetterei niente . Non mi aspetterei niente neanche se prima di andarci a letto ci fossero stati mesi di frequentazione . Non possiamo idealizzare chi ci sta accanto, siamo umani. Io non mi aspetto mai nulla , forse sbaglio ma penso che siamo fatti di impulsi e istinti e non si può possedere mai una persona , non siamo portachiavi da mettere in tasca e portare in giro. Per quanto possiamo relazionarci socialmente e costruire vite assieme comunque dobbiamo contare solo su noi stessi. così come oggi ci può essere una buona intesa non è detto che tra un anno ci sarà ancora. A quel punto come funziona ? Facciamo un corso per diventare il top del top a letto anche se il nostro ragazzo a stento ci bacia ? Non so se sono egoista io ma onestamente le cose si fanno in due e per il piacere di entrambi. Volevo semplicemente esprimere il mio parere e magari sentire quello di qualcun altro. Spero di non aver offeso nessuno e se l'ho fatto mi dispiace. Vi posso lanciare una domanda ? Secondo voi davvero una storia d'amore può nascere dall'utilizzo di strategie ? Sono Certa di leggere risposte interessanti :) buona giornata
      Rispondi a Emma Commenta l’articolo