E’ innamorato o non è innamorato? Ecco come fai a capirlo (a grande richiesta!)

come capire se è innamorato

Perché è così importante saper riconoscere gli atteggiamenti di un uomo innamorato? Come capire se lui è innamorato? Una delle più belle emozioni del vivere una relazione di coppia è quella di stare con una persona che ti ama, che ti vuole bene e che pensa che tu sia la donna più bella e più speciale del mondo. Avere accanto a sé un uomo veramente innamorato è un’esperienza che non ha pari dal punto di vista emotivo, supera addirittura l’eccitazione perversa di avere accanto a sé uno stronzo che fa sperimentare continui alti e bassi e alterna fasi di folle innamoramento ad altre di inspiegabile rifiuto e di umiliazione. Ebbene sì, stare con un uomo autenticamente innamorato potrebbe addirittura essere più eccitante che stare con uno stronzo. Molte donne abbonate a storie d’amore sbagliato e disfunzionale dovrebbero per lo meno prendere in considerazione l’idea di mettersi con un uomo veramente innamorato, che riconosca loro il valore che hanno e che le tratti come compagne e non come proiezioni delle proprie frustrazioni e/o del proprio bisogno di riscatto. Dovrebbero prendere in considerazione l’idea di mettersi con un uomo sinceramente innamorato che le ingaggi nella sfida (questa sì davvero eccitante), di vivere una storia d’amore come si deve, sfida impegnativa per tutti e due i partner. Ma non divaghiamo ora, tanto il semino l’abbiamo lanciato. Procediamo su come riconoscere quali sono gli atteggiamenti di un uomo innamorato.

"Se ti tratta male non ti ama. Punto. Ilaria Cardani"

Intanto non bisogna fare confusione su quali sono i comportamenti di un uomo che tiene veramente a una donna. Non bisogna credere alle “favole” dure a morire per le quali un uomo innamorato è geloso (magari ai limiti dell’ossessione), è possessivo e vuole fare di te una “sua creatura” a propria immagine e somiglianza. Queste sono teorie buone per chi è molto, ma molto indietro dal punto di vista evolutivo. Tipo l’antenato dell’uomo delle caverne, che usava la clava e forse non conosceva la ruota.

E’ abbastanza evoluto per essere innamorato?

Ecco, per l’appunto. Facciamo un altro inciso importante. Parliamo di evoluzione. Non tutti siamo evoluti allo stesso modo. Tra due compagni di banco, nello stesso quartiere, nella stessa classe, nella stessa scuola, uno può essere più evoluto dell’altro. In questo nostro mondo contemporaneo, che sembra tanto moderno, ci sono uomini che girano con l’i-Phone 7 e il P9 e sono al livello evolutivo dell’uomo di prima delle caverne. Per carità, ci sono anche donne che sono allo stesso livello evolutivo (lo dico per la pignolina che dovrà sentirsi in dovere di fare questa precisazione nei commenti, anche se so che non la scamperò). Ci sono persone più evolute e ci sono persone meno evolute. E tra le meno evolute possono esserci anche quelle che hanno tre lauree, un ottimo posto di lavoro e sessanta dipendenti a riporto. E la macchina grossa.

"Innamorarsi di una donna non è difficile. Difficile è amarla. Guido Morselli"

Il proprio modo di amare è legato al proprio livello di evoluzione personale. E’ per questa ragione che qui ci facciamo un mazzo tanto sulla crescita personale che riguarda noi, prima di tutto e come punto di partenza.

Per questo, di converso, quando decidi di metterti con un uomo devi anche saper bene identificare a che livello di evoluzione è il soggetto. Perché da un uomo poco evoluto puoi aspettarti un amore che è ben poco evoluto, un amore che non è amore. Questo è un punto di riflessione importante. Inutile interrogarsi sulla natura di sentimenti e di emozioni quando non si ha ben chiaro il punto di evoluzione dell’interlocutore.

Detto in altre parole: ci sono idioti, imbecilli, cretini che non sanno amare o “hanno paura di amare” come va di moda dire adesso, non perché abbiano dei limiti emotivi (anche quelli, sì, va bene, d’accordo, ma non nel senso che sono stati traumatizzati dal prete da piccoli), ma perché sono troppo arretrati, troppo poco evoluti. Sono per l’appunto idioti, imbecilli, cretini. Ed è bene smettere di fare le piccole fiammiferaie e cominciare a vedere la realtà per quella che è. Anche se nessun giornale, insegnante o libro te lo spiega. E bisogna smettere di vivere in un mondo di frutta candita. Prendiamo atto che non tutti siamo uguali: ci sono persone più evolute e persone meno evolute. E da persone poco evolute puoi aspettarti solamente comportamenti poco evoluti. Presta attenzione.

"Se ti considera “sua”, non ti ama. Ilaria Cardani"

Quindi, per tornare all’uomo innamorato o no, il simpaticone che ti picchia perché “tiene a te”, quello che ti sminuisce perché “vuole il meglio per te”, quello che minaccia di bruciare la macchina a o di malmenare qualsiasi altro uomo che ti si avvicina perché lui “ti ama” ed è “geloso”, ecco questo personaggio l’amore non sa nemmeno dove sta di casa. Questo personaggio è poco evoluto, indietro nella catena evolutiva. Primitivo, di anima e di cervello. Anche se sa scrivere e far di conto come Einstein. Poi, magari, chissà, è anche perverso. Il che, oltre a non essere un titolo di merito, è pure un’aggravante. In ogni caso, alla larga. Alla larga. Senza incertezze.

Segnatela ‘sta cosa dell’evoluzione, perché può cambiarti la vita, non solo la vita sentimentale.

Se è evoluto, quando è davvero innamorato?

Sai perché è importante questa faccenda dell’evoluzione? Perché il legame creato dall’attrazione sessuale e dal senso di importanza che dà avere un partner è potentissimo sia per chi è evoluto sia per chi non lo è. Anzi, per chi non lo è, è ancora più potente. Quindi non bisogna confondere i comportamenti di una persona attratta (e magari anche bisognosa) con quelli di una persona innamorata, intenzionata e disposta a investire in una relazione. C’è una bella differenza. Essere attratti è fondamentale, ma è anche molto semplice. E’ molto “basico”. Dall’attrazione per alcuni può nascere un attaccamento morboso, la possessività e un legame disfunzionale. Per molti altri, invece può nascere un vero e proprio innamoramento, l’amore. Si parte dall’attrazione, ma si tratta di tipi di attrazione che vengono sperimentati ed elaborati in modo diverso, molto diverso.

"Se ti critica non ti ama. Ilaria Cardani"

Helen Fisher una delle maggiori ricercatrici nel campo dei comportamenti sessuali e amorosi degli esseri umani dà una grande importanza alla biochimica e cioè a quanto accade nel corpo e nel cervello. La dottoressa Fisher individua tre fasi dell’innamoramento, ciascuna delle quali è caratterizzata dalla presenza di determinati ormoni.

Come nasce l’amore

La prima fase è quella del desiderio, del desiderio sessuale. In questa fase, sono in gioco gli estrogeni e il testosterone (anche per le donne). Il desiderio sessuale è il bisogno “base” di avere un partner (detto in modo diretto, spero chiaro, anche). E, tornando al principio dell’evoluzione è condiviso da persone evolute e non evolute (e meno male!).

La seconda fase è quella dell’attrazione, della cotta, delle farfalle nello stomaco, del vivere su una nuvoletta di incantamento e di piacere. Gli ormoni che provocano tutto questo sono la dopamina, la noradrenalina e la serotonina. E direi che ancora qui evoluti e non evoluti condividono questi stati e questa “biochimica”.

La terza fase è quella dell’attaccamento. Si esce dalla fase dell’attrazione, tanto eccitante, ma che non può durare per sempre o troppo a lungo (non si può vivere la vita vera, anche quella di coppia, su una nuvoletta) e si entra in quella del rapporto saldo e continuativo. In questa fase se la giocano l’ossitocina (l’ormone dell’amore e dell’attaccamento, appunto) e la vasopressina. Nella mia opinione in questa fase si possono osservare le più grandi differenze tra il comportamento di chi evoluto e di chi non lo è. Detto sinteticamente: chi è evoluto considera il partner o la partner. come tale, cioè come un compagno. Chi non lo è lo/la considera come una proiezione di sé, una proprietà, un mezzo (in posizione subordinata). E questo non è buono per niente.

A questo punto tu starai pensando: “A me di queste cose francamente non mi interessa, io voglio sapere quando un uomo è innamorato oppure no”. Uhm, in realtà ti interessa, dato che sapere come andare nel profondo dei fenomeni ti fornisce strumenti potentissimi per proteggerti, non soffrire e ottenere quello che vuoi.

Come capire se è innamorato

Detto questo e certa che tu terrai in grande considerazione quanto ho scritto finora, vediamo un po’ quali sono gli atteggiamenti di un uomo veramente innamorato.

Che cosa spinge un uomo a impegnarsi in una relazione e a rimanere fedele?
Scoprilo con i 5 video gratuiti dell'anteprima "Come fare innamorare un uomo e tenerselo". Iscriviti qui senza rischi e senza impegno e ricevi il materiale nella tua casella mail.
  • Rispetta i tuoi tempi, a tutto tondo. Chiaro il concetto? (Questo non significa che tu debba approfittartene e tirarlo scemo).

  • Rispetta e ammira quello che sei (compresa la ciccia e i brufoli, dei quali – di tutti e due – essendo un uomo sano, nemmeno si accorge), quello che fai e quello che ti piace. Senza adorarti, beninteso, ché quella è una cosa che tra persone sane non esiste proprio.

  • Ha una comunicazione fluida con te. Eh, mica ti fa impazzire ad aspettare telefonate, Whatsapp, sms e strombate del genere, su, siamo seri… Soprattutto parla chiaro rispetto al fatto che gli interessi, mica ha paura di impegnarsi. Fluidità, fluidità, fluidità…

  • Vuole condividere progetti di vita vera, reali, concreti. Non minchionate alla Cenerentola.

  • Condisce tutto questo, talvolta (non sempre, veh!), con frasi stucchevoli e pronunciate con stato semialterato di coscienza del tipo: “Sei bellissima…”, “Che bel vestito che hai…“, “Mi piaci un sacco…” (e tu ricambia dimostrando di apprezzare e di divertirti, su!).

  • Mette te al primo posto senza stravolgere la propria vita o, peggio, rovinarsela.

  • Dà segnali evidenti (fatti non parole) che da quando ti ha visto/conosciuto/ha incominciato a frequentarti, lui e la sua vita sono diventati ancora più belli e più buoni.

  • Ti presenta ad amici e parenti e magari a colleghi (se è il caso) e non fa mistero di avere una relazione con te e di quanto tu sia importante per lui. Ma non in maniera esplicita, esibita e insistente. In modo naturale.

  • Vuole sapere gli affari tuoi, non per controllarti, ma per far parte della tua vita, per “condividere”, per scoprirti, per amarti meglio.

  • Vuole conoscere i tuoi amici parenti e magari colleghi (se è il caso) ma non per essere “invischiato” o “invischiare”, ma per essere partecipe, con equilibrio

    " Se non ti cerca, non ti ama. Ilaria Cardani "
  • Ti ascolta, anche quando parli per 23 minuti ininterrotamente solo per sfogarti della tua collega insopportabile della quale non gli frega niente (e ci mancherebbe). Questo ovviamente non significa che tu devi abusare di lui e fargli violenza, sfogandoti come faresti con uno psicoterapeuta superpagato. Dacci un taglio, è ora.

  • E’ orgoglioso di sé e dei propri risultati positivi esattamente come di te e dei tuoi.

  • Non è il tuo zerbino, il tuo cavalier servente, il tuo bancomat etc.

  • Non racconta bugie (e dài, questo è proprio il minimo).

  • Ti fa coccole per farti le coccole e starti vicino, non per altro.

  • Quando fate sesso cerca il proprio piacere e anche il tuo. E si diverte davvero (non come i tanti che si stufano subito anche di quello) nel processo di saperne sempre di più.

Ora, so che ci saranno gruppi di superscettiche che penseranno (e magari scriveranno nei commenti) che è impossibile trovare un uomo che ti ami in questo modo. Se nella vita non hai mai incontrato nessuno che potesse amarti in questo modo, considererei la possibilità di volgere il tuo sguardo in direzioni completamente nuove e diverse e di prestare attenzione a dettagli nuovi e diversi, mai osservati prima, per scoprire tipi di uomini nuovi e diversi. Differenti e migliori.

Aspetto tuoi commenti e opinioni sui temi dell’evoluzione e su quali sono gli atteggiamenti di un uomo veramente innamorato.

Lascia un Commento!

407 Commenti

  1. Avatar di Matteo

    Matteo 2 anni fa (20 Agosto 2017 12:43)

    Dopo che ho cercato di specificare che stavo dando ragione, che ringraziavo per il consiglio, che mi sono cercato di rispiegare dicendo che non stavo usando nè ironia nè arroganza io non so cosa dirvi... Per il consiglio datomi continuo a ringraziare ancora e lo reputo la cosa più saggia, che io in parte sia sofferente ancora e magari un poco ancora restio a lasciarmi andare ad un cambiamento in generale può essere vero ma sentirmi attaccato come se fossi quello che maleducato volontariamente affronta e "morde" tutti quelli che lo cercano di aiutare non mi piace. La più educata e logica qua mi sembra anna per il resto continuate a vedermi come il maleducato perchè ribadisco dopo che ho avuto pazienza e riprovato ad essere educato e spiegarmi senza rispondere alle critiche mi continuo ancora a vedere 4/5 dita puntate contro non mi fa piacere. Se son parso maleducato o invadente mi scuso. Il fatto di cercare un punto personale di Ilaria era per trovare un approccio un poco più amichevole e meno formale per ricevere risposte da una persona che ha studiato ma in maniera meno formale e più leggera per il resto dei fatti suoi personali mi interessa meno di zero dal momento che non la conosco e non mi servirebbe proprio a nulla sentire una storia come ne troverei a tonnellate su internet. Buona giornata e spero che la calmata non me la dia solo io se proprio la volete vedere così a sto punto (si ora sono anche io diretto e provocatorio).
    Rispondi a Matteo Commenta l’articolo

  2. Avatar di Matteo

    Matteo 2 anni fa (19 Agosto 2017 16:02)

    Sono lo stesso matteo a cui hai risposto pochi minuti fa e intanto ti ringrazio per la disponibilità e il consiglio di prima e vorrei chiederti ancora un consiglio anche se questo ha più a che fare con il coaching. Io non so da dove tu abbia iniziato questa crescita personale sta di fatto che hai mai provato le batoste amorose di cui scrivi? Immagino di si perchè sennò non ne parleresti e non ne sapresti parlare così almeno. Comunque io mi ritrovo a capire cosa scrivi e a capire con la testa che ciò che dici è giusto ma vivo come una certa forma di blocco e paura a ragionare e diventare così logico perchè è come se mi sentissi vuoto e distaccato dalle persone. In più stavo acquisendo controllo di me stesso e questo stava facendo prendere una bella cotta alla ragazza di cui ti ho parlato prima, dopo quattro mesi lei piangeva quando me ne stavo per andare, li io mi sono accorto che mi stavo prendendo e la mia testa stava iniziando a volare e ho deciso di lasciarmi andare e forse è anche questo che mi fa più paura per le prossime relazioni, riuscire a fidarmi e quando mi accorgo che mi sta prendendo la testa lasciarmi andare ricordando quanto ho sofferto la scoperta di questo tradimento (sono stato in confusione totale e senza controllo dei miei sentimenti per un mese e stavo per rivolgermi ad uno specialista visto che non trovavo profondità più in nessun ambito della mia vita anche se alla fine fortunatamente ha iniziato ad andare sempre meglio..) Questo per dire che da un lato dico si hai ragione tu mentre dall'altro provo una paura interna di lasciare questo modo di vivere sentimentale.
    Rispondi a Matteo Commenta l’articolo

    • Avatar di Ilaria Cardani

      Ilaria Cardani 2 anni fa (19 Agosto 2017 16:20)

      Guarda, caro, l'ultimo dei miei problemi è avere ragione. Ti sembra importante capire se io ho sperimentato delle batoste perché ti infastidisce che io ti suggerisca di allontanarti da una povera stronza sadica che si sta prendendo gioco di te? Stai sereno, il mio parere non conta, puoi tornare a farti zerbinare da lei e dalla compagnia in tutta tranquillità. Immaginiamoci se io devo stare qui a leggermi le tue paturnie manipolatorie. Tornatene da dove sei venuto senza nemmeno salutare.
      Rispondi a Ilaria Cardani Commenta l’articolo

    • Avatar di Matteo

      Matteo 2 anni fa (19 Agosto 2017 17:38)

      Non avete capito il mio tono, non ero affatto aggressivo e/o manipolatorio nè stavo giudicando te tant'è che ho pure scritto che ti do ragione! Cerco di tornare a spiegarmi con altre parole e più in breve; ti ho chiesto se sei mai caduta anche tu in rapporti amorosi mal sani di questo tipo per chiederti se quando hai iniziato un percorso di crescita personale avevi anche tu un poco di blocco interno nell'abbandonare lo stile di vita sentimentalista e fiducioso. Il fatto del valutare se andare da uno psicologo l'ho detta per cercar di far capire che sono arrivato al limite del dolore perchè almeno per me il fatto di andare da uno psicologo vuol dire stare male veramente da non rivedere positività.
      Rispondi a Matteo Commenta l’articolo

    • Avatar di Anna

      Anna 2 anni fa (19 Agosto 2017 18:36)

      io personalmente trovo difficile capire come sia possibile avere difficoltà nell'abbandonare lo stile "sentimentalista e fiducioso", dopo essere stato così male come dici. Comunque se leggi gli altri commenti ai vari post, molte persone pensano che il sentimentalismo e la fiducia a prescindere siano una bella cosa, e che invece sia "brutto" restare in controllo. Poi se becchi le stronze, sicuramente faranno leva sui sensi di colpa e zac la frittata è fatta. Io ti consiglio di leggere il blog con calma.
      Rispondi a Anna Commenta l’articolo

    • Avatar di Emanuela T

      Emanuela T 2 anni fa (19 Agosto 2017 19:07)

      @Matteo, se ti serve un confronto sincero per la tua esperienza, puoi leggere le migliaia di commenti che ci sono qui. Mi pare però, che ci sia anche una buona dose di sentimento di superiorità ingiustificato se ti poni in modo così diretto e maleducato verso chi ti ha già messo a disposizione tutti gli articoli necessari per crescere, senza indagare sulla persona. Inizia a considerare che nulla ti è dovuto a prescindere.
      Rispondi a Emanuela T Commenta l’articolo

    • Avatar di Atolla

      Atolla 2 anni fa (19 Agosto 2017 19:38)

      Ma che importanza ha conoscere gli affari sentimentali e PRIVATI di Ilaria? Il blog è ricco di argomenti e spunti utili e preziosi, tra articoli e commenti, sfrutta al meglio quello che hai a disposizione e inizia ad occuparti del tuo benessere no?
      Rispondi a Atolla Commenta l’articolo

    • Avatar di Ilaria Cardani

      Ilaria Cardani 2 anni fa (19 Agosto 2017 20:58)

      Sono d'accordo e faccio presente che la questione non sono i miei fatti privati che hanno un'importanza molto relativa e peraltro chi mi segue un minimo intuisce che di esperienze ne ho vissute, spesso faccio esempi concreti in certi post, e non ho mai fatto mistero di aver avuto una vita interessante, per usare un eufemismo ironico. Inoltre ho l'esperienza delle esperienze delle persone con cui lavoro e ho scambi continui. Quello che trovo sterile per non dire distruttivo è questo atteggiamento che si riscontra un po' dappertutto nei confronti di 'esperti' di vario genere: ma come, ti do' un suggerimento autentico, se non altro di buon senso per stare meglio e proteggerti e tu mi attacchi? Capisco che il senso dell'attacco è comunicare il disagio e la difficoltà al cambiamento, ma l'approccio è totalmente disfunzionale e io non posso e non voglio essere il partner disfunzionale di chi è specializzato in relazioni disfunzionali e si fa calpestare da chi lo maltratta e aggredisce chi gli tende una mano. Conto di aver fornito un'opportunità di riflessioni a tutti.
      Rispondi a Ilaria Cardani Commenta l’articolo

    • Avatar di Gretel

      Gretel 2 anni fa (19 Agosto 2017 19:55)

      Io vado da uno psichiatra/psicanalista junghiano e la parola che il buon uomo ripete di più è FIDUCIA. Per le relazioni ci vuole quella. Per vivere ci vuole quella. Il distillato che Ilaria condivide con noi è frutto di studio, aggiornamento ed esperienza. E menomale.
      Rispondi a Gretel Commenta l’articolo

    • Avatar di Lu

      Lu 2 anni fa (20 Agosto 2017 10:06)

      Sai Gretel, questa osservazione che hai condiviso mi ha fatto riflettere molto. Credo che sia vera e spesso io di fiducia, specie nelle relazioni, ne ho molto poca.
      Rispondi a Lu Commenta l’articolo

    • Avatar di Gretel

      Gretel 2 anni fa (20 Agosto 2017 10:52)

      @Lu. Non che io ne abbia molta, come vedi. Ma capire dove stanno i problemi per arrivare alle soluzioni è centrale. Arrivare a scambiare la fiducia per sentimentalismo (che poi che c'è di sbagliato nel sentimentalismo) anche no!
      Rispondi a Gretel Commenta l’articolo

    • Avatar di Lu

      Lu 2 anni fa (20 Agosto 2017 11:31)

      La penso come te. Secondo me l'essere sentimentale e fiducioso sono buone qualità. Forse Matteo il problema è che pecchi un pò di ingenuità. Inoltre mi sembra che se c'è un dito che ti sta indicando la luna, tu ti stia concentrando sul dito.
      Rispondi a Lu Commenta l’articolo

    • Avatar di Anna

      Anna 2 anni fa (20 Agosto 2017 13:21)

      Mah, non sono d'accordo per niente. La fiducia non è dovuta a nessuno, e il sentimentalismo fa parecchi guasti.
      Rispondi a Anna Commenta l’articolo

    • Avatar di max

      max 2 anni fa (21 Agosto 2017 1:04)

      La fiducia non è dovuta a nessuno, ma è donata coscientemente a qualcuno, è un dono enorme e manca a tante persone -soprattutto ahimè uomini- che per aridità di sentimentalismo non l' hanno mai data (o ricevuta reciprocamente), oppure non la danno più, e se la tengono stretta facendola invecchiare con loro stessi...fiducia sprecata in entrambi i casi
      Rispondi a max Commenta l’articolo

    • Avatar di Anna

      Anna 2 anni fa (21 Agosto 2017 13:51)

      Se passa uno per strada e ti chiede 50 euro in prestito glieli dai? Non credo. E ti senti in colpa tu per essere malfidato, o pensi che sia un grande sfacciato chi te li ha chiesti? Rifletti bene su quante storie vengono raccontate qui in cui sono state affidate ad altri, sulla base del nulla, cose ben più importanti di 50 euro.
      Rispondi a Anna Commenta l’articolo

    • Avatar di max

      max 2 anni fa (21 Agosto 2017 15:24)

      Dei paragoni con i soldi me ne infischio Anna...se uno vuole essere amato deve dare fiducia e ovviamente riceverne in cambio...amore senza fiducia non esiste, non è amore completo...condizione necessaria è che la fiducia va data in una relazione sana dove dall' altra parte arrivano i segnali per abbassare la guardia anche se di certezze non ce ne sono mai al 100%..ma decidere di amare e dare fiducia a qualcuno è sempre un rischio, forse il più grande, e più si invecchia e più questo rischio fa paura, sia a chi non l' ha mai provato, sia a chi l' ha provato ed è rimasto scottato
      Rispondi a max Commenta l’articolo

    • Avatar di Emanuela T

      Emanuela T 2 anni fa (21 Agosto 2017 15:31)

      @Anna, Max ha aggiunto un "coscientemente" alla frase " dare fiducia", ossia non dovrebbe essere un donare alla cieca, ma dopo una valutazione dei pro e dei contro e quindi con piena consapevolezza di quello che si sta facendo. Quello che spesso è mancato nel momento in cui ci siamo aperti agli altri è stato proprio valutare chi avevamo davanti e si è donato, come dici tu, ben più di 50 euro senza preoccuparci dell'avvedutezza del gesto.
      Rispondi a Emanuela T Commenta l’articolo

    • Avatar di Anna

      Anna 2 anni fa (21 Agosto 2017 17:07)

      Ho detto che non è dovuta a nessuno, non che non ci debba fidare di nessuno. Se non ti conosco, non ti conosco, mi pare un dato di fatto. È anche strano che io possa dire di amarti, se non ti conosco. Perché è "brutto" fare attenzione ed essere "razionali"? Questo era il punto di partenza del discorso. Si parlava di abbandonare comportamenti disfunzionali O restare fiduciosi e sentimentali, e secondo me è un falso dilemma, una difesa o un alibi.
      Rispondi a Anna Commenta l’articolo

    • Avatar di Emanuela T

      Emanuela T 2 anni fa (21 Agosto 2017 18:06)

      @Anna, sul fatto che non sia dovuta eravamo tutti concordi, anche Max, se rileggi le sue parole. È che pare che tu faccia un ragionamento binario. Ti faccio un esempio: io ho un'azienda e quindi mi si pone il problema della modalità di pagamento da assegnare ad un cliente nuovo. Ho tre ( non due ) alternative: 1)Do fiducia al cliente, quindi viene servito e asseconderò la modalità di pagamento da lui richiesta. 2)Non mi fido perché giustamente è nuovo e preferisco non vendergli per non ricevere un bidone. 3) mi fido, ossia accetto un pagamento con titolo, ma prima ho preso tutte le informazioni bancarie dovute sulla sua solvibilità. Che è l'ipotesi posta da Max. Certo Anna, ti posso assicurare che nemmeno questo azzera il rischio di una fregatura, semmai lo riduce. Ma comprendi che un'azienda che non acquisisce nuovi clienti è destinata a morire alla pari di una che agisce senza criterio e accumula bidoni su bidoni.
      Rispondi a Emanuela T Commenta l’articolo

    • Avatar di Anna

      Anna 2 anni fa (22 Agosto 2017 1:01)

      Non ci piove. L'apertura di credito è qualcosa che dobbiamo in primis a noi stesse, per evitare che il passato determini anche il futuro e si resti bloccate li. Matteo però non parlava di questo, e non mi pare il caso di farne un aut-aut: farsi abbindolare dalla/o stronza/o di turno non è indicativo di moralità specialmente elevata o di bontà d'animo, e stare attenti non significa perdere la possibilità di essere "sentimentali". Mi pare che diciamo la stessa cosa, con un focus un po' diverso :)
      Rispondi a Anna Commenta l’articolo

    • Avatar di max

      max 2 anni fa (21 Agosto 2017 0:51)

      Come ha detto lo junghiano Rocky Balboa ricordando Adriana "io volevo solo che si fidasse di me"...una delle frasi più belle e semplici che abbia mai sentito e mi vengono i brividi a risentirla..https://m.youtube.com/watch?v=C6rj0tWspmg
      Rispondi a max Commenta l’articolo

    • Avatar di Emanuela T

      Emanuela T 2 anni fa (21 Agosto 2017 6:53)

      :D
      Rispondi a Emanuela T Commenta l’articolo

    • Avatar di Serena

      Serena 2 anni fa (21 Agosto 2017 17:28)

      Sono d'accordo con te, max. Con la diffidenza non si va da nessuna parte. Ti eviterai qualche batosta, magari, ma anche molto altro. La fiducia, il "crederci", sono il presupposto di ogni atto creativo e di tutto quel che si muove; senza rischiare si resta fermi dove si è. E per rischiare occorre proprio la fiducia: in se stessi, in primis, nella propria capacità di ottenere quel che si vuole, nei propri sogni e nei propri progetti. Questa fiducia di base ti apre alla fiducia verso il mondo e gli altri, in un'ottica di abbondanza e non di scarsità. Se sono convinta di avere a disposizione molte cose buone, troverò più facilmente cose buone. Oppure su quelle negative mi soffermero' il meno possibile. Ma se non dai fiducia -agli altri, alla vita- difficilmente otterrai quel che desideri.
      Rispondi a Serena Commenta l’articolo

    • Avatar di Milly

      Milly 2 anni fa (20 Agosto 2017 12:04)

      Ciao Matteo. Credo d'aver capito cosa intendi. Aldilà dei toni che essendo colloquali e confidenziali possono aver toccato la sfera personale in modo fastidioso. Da ciò che scrivi mi pare di capire che tu stia sostanzialmente dicendo: la mia razionalità mi fa comprendere che ciò che leggo è vero, che dovrei uscirne e che dovrei attuare una serie di comportamenti per farlo. Un altra parte di me, di forza pari e opposta, si ribella e si contorce mentre legge. Intesse un dialogo interiore fatto di motivazioni giustificazioni ed argomentazioni per cui non è possibile, non è lecito e sarebbe addirittura disastroso per te e il tuo attuale equilibrio uscire da una dinamica di rapporto tossica. 1. Notizia: sei umano. Il nostro cervello si è evoluto per mantenerci lontano dal pericolo. Punto. Una volta trovato un equilibrio, seppur dannoso, farà di tutto per mantenerci in quella posizione e non farci andare verso il cambiamento. In quanto il cambiamento presuppone uno scenario sconosciuto e per il nostro cervello non poter esercitare la sua natura previsionale di controllo rappresenta un enorme logico pericolo. Un consiglio se posso. Comincia dalle piccolissime cose. Piccole e anche apparentemente insignificanti. Un abitudine, una piccola forzatura. Per me, anche grazie a Ilaria, questo stratagemma ha funzionato. Piccole cose apparentemente insignificanti ti danno tregua e ti consentono di fare il passo successivo. Milly
      Rispondi a Milly Commenta l’articolo

    • Avatar di Matteo

      Matteo 2 anni fa (20 Agosto 2017 18:24)

      Grazie mille milly, forse fa parte di quelle realtà che per paura di affrontare ci mentiamo anche sapendo la verità del tipo dottore che ci dice che dobbiamo dimagrire e noi per paura di iniziare a fare dieta e sentire il bisogno di cibo spazzatura iniziamo con le scuse di metabolismo, ossa grosse eccetera. Proverò come dici tu dalle piccole cose e forse il mio problema è stato avere una bassa autostima perchè talvolta chi mi si è avvicinato con interesse non l'ho trovato interessante. Penso sia come dici tu e di dover iniziare a cercarmi relazioni positive e persone che non mi fanno venir dubbi e dopo che mi sono preso la cottache mi distruggano l'autostima: io son quello che gestisce la sua vita e cercando di rimanere me stesso, se mi vuole bene non mi farà soffrire e non tentennerà alla morte. Il mio problema è stato propio trovare sempre relazioni in cui le ragazze erano confuse e io cotto a struggermi li ma non penso che questo sia amare dal primo momento che non ho avuto rispetto per me stesso.
      Rispondi a Matteo Commenta l’articolo

    • Avatar di Anna

      Anna 2 anni fa (19 Agosto 2017 17:13)

      Leggi anche gli altri post del blog, respira e rilassati. Capita di essere ingannati, ovviamente queste sono persone che fanno di tutto per ingannare, apparentemente senza nessun motivo. E abbiamo tutti il problema di tornare a fidarci, dopo. Ma non credo che ti piaccia sul serio perdere il controllo al solo scopo di raccontare quanto è romantico andare dallo psichiatra ...
      Rispondi a Anna Commenta l’articolo

    • Avatar di Matteo

      Matteo 2 anni fa (20 Agosto 2017 13:34)

      La risposta più corretta e la via da intraprendere per me sta molto qua: Regola numero 3: impara a difenderti da bastardi, carogne, persone mediocri e da quelli che sono semplicemente stupidi Continua a leggere su http://www.lapersonagiusta.com/essere-felici/difendersi-seduzione-attrazione-uomo/
      Rispondi a Matteo Commenta l’articolo

  3. Avatar di Emilia

    Emilia 1 anno fa (23 Settembre 2017 15:34)

    Ciao a tutti/e, vorrei condividere una poesia di Alda Merini, che a me piace molto, e dedicarla a tutte le donne. :) Ci sono donne… Buon fine settimana.
    Rispondi a Emilia Commenta l’articolo

    • Avatar di Emilia

      Emilia 1 anno fa (23 Settembre 2017 15:50)

      Scusami Ilaria, ho dimenticato che non si possono pubblicare poesie o altro oltre le 20 righe! Va be', comunque il titolo è "Ci sono donne". Ciao!
      Rispondi a Emilia Commenta l’articolo

    • Avatar di Emilia

      Emilia 1 anno fa (24 Settembre 2017 7:42)

      Dopo una ricerca più accurata, ieri sera ho scoperto che in realtà la poesia che mi piace tanto non è di Alda Merini, bensì di Antonia Storace. Il titolo corretto è "Donne al quadrato". Mi scuso per l'equivoco di attribuzione, causato dalla diffusione in rete di un componimento che possiede - come spesso accade - una falsa paternità autoriale. Nonostante l'errore commesso, vale la pena di leggerlo. Buona giornata.
      Rispondi a Emilia Commenta l’articolo

    • Avatar di Gea

      Gea 1 anno fa (24 Settembre 2017 11:50)

      Ciao Emilia, grazie per la precisazione e non sentirti in colpa. Purtroppo il Web pullula di pubblicazioni illegali, scopiazzature e inesattezze. Questa e' una delle ragioni che mi frena ancora nel pubblicare sul Web i miei scritti letterari, anche se noto che i miei articoli su letteratura, arte, musica etc., pubblicati o da me condivisi sul Web, vengono sempre citate indicando la mia maternita' intellettuale. Non so se sia perche' in Francia fanno piu' attenzione o perche' ho pubblicato su un sito del ministero della cultura e su Academia.edu. Vorrei tanto creare un mio sito e pubblicare (parzialmente, s'intende) i miei testi letterari, alcuni in francese e altri in italiano, ma poi il timore dei plagiari mi frena. Ilaria, anche se e' un po' OT, avresti consigli in merito? Grazie, buona domenica a te, Emilia e a tutti i lettori! 😊
      Rispondi a Gea Commenta l’articolo

    • Avatar di Anna

      Anna 1 anno fa (24 Settembre 2017 12:07)

      Plagiare e pubblicare/citare online senza autorizzazione non sono la stessa cosa. Possono plagiare anche quello che pubblichi in cartaceo: o, per meglio dire, non possono ma se lo fanno è sempre un problema sia scoprirlo che ottenere il riconoscimento del plagio. Ripubblicare online senza autorizzazione, ci sono dei limiti, non so esattamente quali. A me comunque non darebbe fastidio, e infatti non mi pare che fiocchino denunce e chiusure di siti (come accade per film e musica). Perché? Perché fanno conoscere e vendere i libri (e gli autori), in un paese che legge pochissimo e ancor meno spende in libri. Ci sono blog di autori che promuovono le raccolte degli stessi racconti pubblicati online, figurati ... i libri di Ilaria li compriamo, no? :)
      Rispondi a Anna Commenta l’articolo

    • Avatar di Gea

      Gea 1 anno fa (24 Settembre 2017 14:07)

      Ciao Anna, lo so sono d'accordo con te. Oltre ad Ilaria, c'e' Andrea Giuliodori che, in altro ambito, produce contenuti di qualita' accessibili a tutti e vende i suoi lavori con successo. Comunque la notorieta' e il successo commerciale non sono la mia prima preoccupazione: al momento mi preme soprattutto aprire il mio sito e venire alla luce. Da quando mi sono liberata del mio ex, ho realizzato tante cose che desideravo fare da tanto tempo e ho finalmente capito che il talento non espresso, non solo appassisce, ma fa appassire chi lo ha e non lo esprime. Se non diamo voce e corpo a chi siamo e a cosa vogliamo davvero, ci sotterriamo da vivi. Buona domenica!
      Rispondi a Gea Commenta l’articolo

    • Avatar di Ilaria Cardani

      Ilaria Cardani 1 anno fa (24 Settembre 2017 12:19)

      Ciao Gea, in effetti il tema è molto OT :) . Alcune lettrici hanno blog letterari e questo ha permesso loro di mettersi in luce. In italiano ci sono parecchi siti e blog che forniscono consigli agli scrittori e aspiranti scrittori che vogliono farsi conoscere e presumo anche in francese e di sicuro in inglese. Direi che puoi fare delle ricerche su Google, trovare questi siti/blog e applicare i loro consigli, dopo aver fatto una selezione intelligente, come in tutte le cose.
      Rispondi a Ilaria Cardani Commenta l’articolo

    • Avatar di Gea

      Gea 1 anno fa (24 Settembre 2017 13:12)

      Grazie Ilaria, in effetti mi sono abbondantemente informata e pensavo a una piattaforma come WordPress.org. Non mi dilungo oltre perche' OT, pero' ho una riflessione che forse puo' essere utile a chi, come me, ha un progetto ed esita a realizzarlo. Mi domando se la mia esitazione non sia un po' l'ultimo residuo di remore che ho dall'adolescenza... un eccesso di modestia e ritrosia che mi sono scrollata all'80% della mia vita: resta un 20%, di cui fa parte la mia apparizione come autrice, nonostante l'incoraggiamento ricevuto in tanti anni da tante persone competenti. L'anno scorso ho superato la barriera dei social iscrivendomi a LinkedIn, per prepararmi un'eventuale cerchia di lettori piu' ampia. Quest'anno mi sono data una scadenza per darmi una mossa e lanciarmi, aprendo il mio sito: il giorno del mio compleanno, fra meno di 2 settimane! Anche questa e' una sfida per rafforzare l'autostima, credo. Grazie ancora e buona domenica!
      Rispondi a Gea Commenta l’articolo

    • Avatar di Ilaria Cardani

      Ilaria Cardani 1 anno fa (24 Settembre 2017 13:25)

      E' come dici.
      Rispondi a Ilaria Cardani Commenta l’articolo

    • Avatar di Gea

      Gea 1 anno fa (24 Settembre 2017 13:37)

      Grazie Ilaria!
      Rispondi a Gea Commenta l’articolo

    • Avatar di London

      London 1 anno fa (24 Settembre 2017 17:33)

      Ciao Gea, tanti auguri per il tuo lancio e complimenti! Tanti auguri anche di compleanno, bilancina... Mi sa che potremmo essere nate lo stesso giorno... O quasi ;)
      Rispondi a London Commenta l’articolo

    • Avatar di Gea

      Gea 1 anno fa (24 Settembre 2017 20:38)

      Ciao London! Grazie di cuore per il pensiero e l'incoraggiamento! Da "expat" mi sarebbe convenuto vivere in Germania perche' la festa nazionale e' il giorno del mio compleanno... Ma, per il resto, preferisco stare dove sono! Un abbraccio da bilancina a bilancina! 😉
      Rispondi a Gea Commenta l’articolo

    • Avatar di London

      London 1 anno fa (24 Settembre 2017 21:01)

      Bene Gea, mi ricorderò ;)... Io due giorni dopo.. ;) .. Un abbraccio, buona serata
      Rispondi a London Commenta l’articolo

    • Avatar di Gea

      Gea 1 anno fa (24 Settembre 2017 21:28)

      Bene London, e' facile da ricordare anche il tuo! 😉 Buona serata, un abbraccio
      Rispondi a Gea Commenta l’articolo

    • Avatar di max

      max 1 anno fa (24 Settembre 2017 21:27)

      Geaaaa mi accodo agli auguri per la tua nuova avventura web e per il birthday!
      Rispondi a max Commenta l’articolo

    • Avatar di Gea

      Gea 1 anno fa (24 Settembre 2017 21:30)

      Grazie di cuore, Max! Buona serata! 😊
      Rispondi a Gea Commenta l’articolo

    • Avatar di Emilia

      Emilia 1 anno fa (24 Settembre 2017 21:36)

      Anch'io, Gea, ti faccio un grande in bocca al lupo per la tua "avventura" e gli auguri di buon compleanno :)
      Rispondi a Emilia Commenta l’articolo

    • Avatar di Gea

      Gea 1 anno fa (24 Settembre 2017 21:39)

      Ciao Emilia, grazie di cuore! Buona serata! 😊
      Rispondi a Gea Commenta l’articolo

    • Avatar di Ilaria Cardani

      Ilaria Cardani 1 anno fa (23 Settembre 2017 15:50)

      Ciao Emilia, grazie dello spunto. Non è legale pubblicare - senza autorizzazioni e senza averne pagato i diritti - testi di autori ancora con diritti in esistenza. Si possono pubblicare solo testi non superiori alle 20 righe. Si tratta, ripeto, della legge che tutela i diritti di autore e che impedisce che qualcuno tragga profitto o vantaggio dal pubblicare testi non suoi senza retribuire l'autore. In questo caso chi incorrerebbe nell'illecito sono io. So bene che il web è pieno di siti che pubblicano tali testi impunemente - alcuni copiano e incollano di sana pianta anche i miei articoli -. Questi siti compiono un illecito. Che io non intendo compiere. Se volete condividere materiale di valore con altri lettori, è sufficiente che citiate il nome dell'autore e il titolo della sua opera. Ovviamente rimane valida la regola che non si pubblicano link a caso e tantomeno pubblicitari.
      Rispondi a Ilaria Cardani Commenta l’articolo

  4. Avatar di Sam

    Sam 1 anno fa (3 Gennaio 2018 22:41)

    Premetto: propendo per una autorisposta negativa. Mesi di messaggi, qualche uscita soli, baci, preliminari, una partenza, lontani, messaggi, ritorno, uscite con amici in comune. Mai più di tre giorni senza che mi scriva. Ultimamente contatto più volte al giorno tutti i giorni.. Mai più usciti soli. Sj parla di progetti, di lavoro di filosofie, a volte si finisce su argomenti hot. Ma .Mai nulla di lontanamente romantico. Mi dice non avere fetta. Per fortuna ci sono partenze imminenti in ballo: un paio di mesi lontani e sarà facile perdere i contatti. Per entrambi. Ma allora che voleva?
    Rispondi a Sam Commenta l’articolo

  5. Avatar di mary

    mary 1 anno fa (8 Gennaio 2018 19:44)

    Ciao:) Condivido l'articolo nelle varie fasi di innamoramento e relativi comportamenti,senza escludere la casistica degli imbecilli/poco sviluppati o meglio non evoluti. La mia attenzione si è focalizzata proprio su questi ultimi,chi sono e come sono? Sono degli emeriti ignoranti e maleducati che non sanno vivere e soprattutto mi riferisco dei cervelloni con tanto di Attestatini. Sanno solo trattare le donne a loro piacimento e con manipolazione e disonestà , brutta gente! E' vero che loro che sono orrendi ma noiiiii!!!!??? A volte , non me ne vogliate , leggo molta mediocrità negli scritti e poca capacità di problem solving. Sarà che molte lettrici sono giovanissime e quindi chiedono conferme più del normale ma tante altre, più adulte ,fanno solo pasticci!!! Non ci rendiamo conto che: per noi dobbiamo meritare e solo meritare il MEGLIOOO!!! La vita è UNA e di stronzi ce ne sono tanti , quindi equazione difficile! Ma no, su vià.. dobbiamo imparare a capire dai più piccoli segnali che un uomo ci invia e noi saper inviare a lui i nostri , in modo da non aver fraintendimenti. Direte ma che brava...wow , beh....le cantonate son capitate anche a me ,ma con l'esperienza intorno ai 30 in più... qualcosina la si capisce. Voglio dire che quando esco con uomo ,per come mi pongo , mi vesto o parlo...insomma loro capiscono con chi hanno a che fare. Infatti prese in giro o lucciole per lanterne non me stanno più capitando , si è chiari e trasparenti. Capità chi mi dice voglio frequentarti seriamente e poi vediamo oppure chi esplicitamente mi dice voglio una rapporto leggero sul sesso/amicizia. Cioè pensiamo anche a noi di come ci poniamo con loro , perchè a volte siamo noi a trasmettere aspetti sbagliati ,compromettendo il rapporto ed il suo andamento. Tornando all'uomo non evoluto, facciamo di questo articolo,come tanti altri di Ilaria, un vero manuale da consultare e segnarci i punti salienti per premunirci dai falsi "MITI". Siamo donne libere di pensiero , donne moderne , andiamo avanti anche da sole!
    Rispondi a mary Commenta l’articolo

  6. Avatar di valentina

    valentina 1 anno fa (11 Gennaio 2018 13:38)

    Lui da mesi mi chiama ogni giorno, parliamo tantissimo, e non ci vediamo quasi mai. L'altra settimana finalmente si è buttato, e abbiamo subito fatto sesso. Pensavo che rotto il ghiaccio le cose cambiassero, in meglio o in peggio,invece di nuovo ci sentiamo ogni giorno ma nemmeno chiede di vederci. Non sono innamorata, sono solo molto curiosa di capire.
    Rispondi a valentina Commenta l’articolo

    • Avatar di Ilaria Cardani

      Ilaria Cardani 1 anno fa (11 Gennaio 2018 13:55)

      Non c'è molto da capire. Il mondo è pieno di smidollati che non sanno che cosa vogliono dalla vita e di base vogliono poco, perché hanno ambizioni e prospettive ridotte. A loro va di chiamare una signora tutti i giorni? La signora accetta? La chiameranno tutti i giorni. A loro va a un certo punto di uscire e di fare subito sesso? La signora esce con loro e fa subito sesso? La prossima volta lo rifaranno. Tanto che gli costa? E' tutto facile, posto che dall'altra parte c'è sempre qualcuno che dice di sì, qualsiasi comportamento assurdo loro assumano, non c'è nessuno che li argini, nessuno che faccia pagare loro un prezzo per quel che chiedono e per quel che fanno. Tutto concesso, tutto gratis, tutto impunito.
      Rispondi a Ilaria Cardani Commenta l’articolo

    • Avatar di Vesper

      Vesper 1 anno fa (12 Gennaio 2018 7:59)

      Ilaria io ti adoro punto!!!
      Rispondi a Vesper Commenta l’articolo

    • Avatar di Lucas

      Lucas 1 anno fa (4 Febbraio 2018 14:29)

      OK, ma non è solo colpa di lui. Anche lei ha delle responsabilità ed infine lei cosa vuole ? Faccio un esempio: mio padre è una persona finta. Eppure senza chissà quale impegno si è sposato mentre aveva già un'altra donna ed ha avuto un figlio, fregandosene della famiglia e di tutto, tanto c'era suo padre che pagava e copriva tutto. A parte mio padre che non valeva nulla, ma mia madre perchè ci si è messa assieme ? non è che forse perchè valeva poco come lui ? E l'altra che ha accettatto la sua doppia vita sempre ? Eppure mio padre aveva successo con le donne, visto che era promiscuo. Ma sentimenti zero, valore lavorativo zero. Poi ci sono io che invece mi sono sempre innamorato, ho perso la testa per le donne che mi piacevano , ho corteggiato ed ho ottenuto 1/100 di mio padre che non valeva nulla come uomo. Vedi che alla fine contano le apparenze , la fortuna, l'opportunismo, i soldi di famiglia etc. Gente che non vale nulla va avanti, e gente decisamente più seria ma meno fortunata resta sempre col cerino in mano. Non è per fare la vittima , è solo questione di osservare comportamenti assurdi anche di donne che vanno con uomini senza credibilità. Poi , sinceramente, in effetti non invidio mio padre sia per la scelta della moglie che dell'altra: alla fine in effetti nessuna donna di valore per un uomo senza valore. Per me invece nessuna storia seria (e ne ho 38 ormai)o forse il destino sta selezionando una persona di valore che magari, invece, non arriverà mai più perchè in realtà non valgo nemmeno io e non mi merito nulla, non saprei. La morale qual è? che si ottiene di più illudendo che non mostrando ciò che si è realmente se quello che si è non "abbastanza" per l'altra persona, anche quando magari i sentimenti sono sinceri.
      Rispondi a Lucas Commenta l’articolo

    • Avatar di Carlotta

      Carlotta 1 anno fa (4 Febbraio 2018 18:44)

      Ciao Lucas, probabilmente nella tua vita hai scelto e sei stato attratto da donne sbagliate. Come tua mamma ha scelto ed è stata sposata con un uomo sbagliatissimo e che l’ha fatta soffrire. Non ci trovo nulla di invidiabile nella sua situazione e men che meno in quella di tuo padre. Ti assicuro però che in questo mondo ci sono tante, tantissime, donne di valore che desiderano una persona onesta e sincera con cui avere una relazione. Quello che posso consigliarti è - invece che stare lì a guardare l’erba del vicino - cerca di capire concretamente cosa puoi fare per migliorare la tua vita e per conoscere una persona con cui costruire una relazione. Comunque sì, nelle tue parole si percepiscono vittimismo e pure bisognosita’, quindi comincerei con il leggere gli articoli di questo blog sul punto (e non solo) e poi mi darei da fare per metterli in pratica. P.s. Sono principalmente per donne, ma credo che tu possa trarre spunti utili per te e anche per capire un po’ di più la psicologia femminile.
      Rispondi a Carlotta Commenta l’articolo

  7. Avatar di Chiara

    Chiara 1 anno fa (22 Febbraio 2018 12:15)

    Ciao Ilaria! Grande lo spunto sull evoluzione personale!! E' proprio questo che crea la differenza tra persone che hanno intelligenza emotiva e quelli che non ce l hanno. Vorrei dire a tutte quante voi che esistono ancora uomini evoluti che sanno amare davvero, innamorarsi son capaci tutti, amare no... Buona giornata a tutti
    Rispondi a Chiara Commenta l’articolo

  8. Avatar di Gaia

    Gaia 10 mesi fa (28 Maggio 2018 22:24)

    E per capire se vuole me o se vorrebbe semplicemente accasarsi ?( Quindi una donna vale l'altra)Come faccio?
    Rispondi a Gaia Commenta l’articolo

  9. Avatar di Antonella

    Antonella 10 mesi fa (30 Maggio 2018 12:56)

    Esco da una relazione con uno stronzo e ora sto frequetando un amico che conosce tutta la storia mi ha sempre ascoltato e cercato di dare consigli mi sto accorgendo di essermi innamorata di lui quando lo bacio sento di poter toccare il cielo con un dito ma come faccio ad accorgermi che lui non si sta prendedo gioco di me approfittando di una mia debolezza?? diciamo che lui è ambiguo non ci stiamo frequetando da molto ma alcune volte lo sento quasi lontano e la cosa mi spaventa a morte
    Rispondi a Antonella Commenta l’articolo

    • Avatar di Anna

      Anna 10 mesi fa (30 Maggio 2018 14:11)

      Certo ti sei messa nella situazione di poter essere manipolata... prendi tempo e non sfogarti più con lui. Così da una parte vedi se lui è interessato, dall’altro stoppi la tua dipendenza e non gli dai gli strumenti per manipolarti
      Rispondi a Anna Commenta l’articolo

  10. Avatar di Alessandra

    Alessandra 2 mesi fa (16 Gennaio 2019 10:46)

    Sono stata due mesi con un ragazzo che mi dimostrava tutto questo e anche di più, non parlavamo ancora di progetti futuri perché la relazione è iniziata presto, ma all’ improvviso di punto in bianco mi lascia dicendomi che non mi ama quanto io amo lui, non prova quello che provo io anche se mi vuole bene. Il tutto è scoppiato all’improvviso quando pensavo che andasse tutto bene, perché lui mi ha sempre detto di essere felice e di stare bene. Cosa devo pensare? Sono distrutta
    Rispondi a Alessandra Commenta l’articolo

  11. Avatar di Francesca

    Francesca 2 mesi fa (17 Gennaio 2019 8:09)

    Buongiorno, ieri sera mi sono vista con uno per la prima volta che dopo appena 5 minuti che ci siamo incontrati ha provato a baciarmi. Io naturalmente l'ho respinto. Mi ha detto che era una provocazione per vedere come mi sarei comportata. Secondo me queste sono cose vecchie che si facevano all'epoca di mia nonna, e poi se uno è serio non ci prova subito per mettere alla prova una ragazza, dico giusto? O il comportamento di questo che premetto ha 40 anni è lecito?
    Rispondi a Francesca Commenta l’articolo

    • Avatar di Ilaria Cardani

      Ilaria Cardani 2 mesi fa (17 Gennaio 2019 10:58)

      Una provocazione per vedere come ti saresti comportata? Ma di che 'avolo stiamo parlando? Per metterti alla prova? Ma chi è questo pezzente che pensa di potersi permettere di metterti alla prova? Ma cioè, la gente pensa quando parla e noi pensiamo quando ascoltiamo? Ma chi 'azzo al mondo può permettersi di "mettere alla prova" qualcuno? Ma stiamo scherzando?! La madre dei cretini è sempre incinta...
      Rispondi a Ilaria Cardani Commenta l’articolo

    • Avatar di Francesca

      Francesca 2 mesi fa (17 Gennaio 2019 12:50)

      Concordo.
      Rispondi a Francesca Commenta l’articolo

    • Avatar di Francesca

      Francesca 2 mesi fa (17 Gennaio 2019 12:57)

      Poi ha detto ah allora sei seria! Ho detto io: perché avevi dubbi? Ha risposto: Si non si capisce a primo impatto com'è una persona, bisogna baciarsi per capire. Roba da pazzi! Poi mi faceva in continuazione complimenti come se io fossi disperata da abboccare per così poco, gli ho fatto capire che ha sbagliato altamente approccio. Pensare che ha convissuto per 17 anni con una ragazza, non so come abbia fatto questa.
      Rispondi a Francesca Commenta l’articolo

    • Avatar di Francesca

      Francesca 2 mesi fa (17 Gennaio 2019 13:13)

      Io infatti ho voluto conoscerlo perché mi incuriosiva il fatto della convivenza di 17 anni, ho pensato che se si è riuscito a tenere una donna per così tanto tempo evidentemente ci sapeva fare.
      Rispondi a Francesca Commenta l’articolo

    • Avatar di Emanuela T

      Emanuela T 2 mesi fa (17 Gennaio 2019 16:20)

      Lo hai pescato da internet, vero?
      Rispondi a Emanuela T Commenta l’articolo

    • Avatar di Francesca

      Francesca 2 mesi fa (17 Gennaio 2019 17:11)

      No l'ho conosciuto in palestra
      Rispondi a Francesca Commenta l’articolo

    • Avatar di AnnaV

      AnnaV 2 mesi fa (17 Gennaio 2019 17:13)

      @EmanuelaT primo pensiero pure io :) :) :)
      Rispondi a AnnaV Commenta l’articolo

  12. Avatar di A

    A 2 mesi fa (19 Gennaio 2019 16:51)

    A me sembra che grandi spiegazioni per questo o quel comportamento non ce ne siano, se non pensare che oggi tutto è lecito, e il contrario di tutto. L’impunità è la regola, figuriamoci per quisquilie amorose. Manca il rispetto del prossimo, e c’è talmente disamore per se stessi (o rassegnazione, egoismo, pigrizia, mala educazione) che nemmeno si teme più di ricevere indietro quello che si fa agli altri. Questo andazzo a mio avviso è molto democratico, coinvolge tutte le fasce di età, persino gli ultra settantenni. Perfino questi “vecchi”, che dovrebbero essere custodi di valori e tradizioni, proteggono se va bene i figli i tutte le loro cavolate...questo è l’unico concetto di famiglia che si è salvato. Io credo che si possa sperare di trovare ancora persone interiormente sane, pronte a dare anche senza la certezza di ricevere, ma è difficile. Le donne non sono da meno. Quante conoscete che avevano l’obiettivo figlio...che veniva dopo l’obiettivo padre? Alcune coppie sono felici. Altre non so, glielo auguro. In ogni caso capire cosa pensano questi uomini così svolazzanti, che cambiano idea come forse le mutande, è un compito che richiede molta energia e masochismo. Oggi la penso così. Buona domenica a tutti!
    Rispondi a A Commenta l’articolo

  13. Avatar di alessandra

    alessandra 2 mesi fa (17 Gennaio 2019 18:31)

    qualcuno può darmi qualche consiglio? grazie...
    Rispondi a alessandra Commenta l’articolo

    • Avatar di Ilaria Cardani

      Ilaria Cardani 2 mesi fa (17 Gennaio 2019 19:15)

      Alessandra, penso che tu sia giovane e inesperta. Non sono difetti, né limiti si intenda. E' giusto per chiarirsi. Di storie come le tue, identiche, fotocopiate, prodotte in serie, se ne sentono, leggono, vedono a dozzine ogni giorno. Il lui di turno che fa credere di essere coinvolto (è lui che lo fa credere o gli si crede perché gli si vuole credere?) e poi da un giorno all'altro scompare. E' pieno di uomini e di storie così e anche di donne che pensano che si tratti di cose serie. Prima ti convinci che il mondo, in qualsiasi ambito, è pieno di cialtroni, meglio stai. Prima ti convinci che il mondo delle relazioni è affollato di persone superficiale e poco corrette che giocano sulla certezza dell'impunità, meglio stai.
      Rispondi a Ilaria Cardani Commenta l’articolo

    • Avatar di Alessandra

      Alessandra 2 mesi fa (18 Gennaio 2019 10:44)

      Grazie Ilaria. Vorrei solo capire quanto lui sia stato davvero sincero nei miei confronti, dal momento che fino alla fine ha professato questa sua sincerità, sostenendo che nonostante non provi quello che provo io, mi vuole bene e prova affetto per me. Mi ha parlato di persona, ed è anche scoppiato a piangere. Io non sarò un’esperta nelle relazioni ma nemmeno lui lo è(ha avuto una sola relazione, lunga, ma che non lo ha mai fatto sentire amato) e dopo di me è rimasto da solo per quasi 10 anni. Mi domando come faccia una persona a farti credere che con te e felice e sta bene, che cerca fin da subito un storia stabile, che vuole viverla con serietà, per poi lanciarti addosso questa bomba. Perdonami ma non riesco a capire. Grazie del tuo consiglio
      Rispondi a Alessandra Commenta l’articolo

    • Avatar di AnnaV

      AnnaV 2 mesi fa (18 Gennaio 2019 15:17)

      Secondo me, quello che in generale deve far scattare il campanello di allarme è la repentinità dell'intenzione di una relazione stabile ecc. A tale repentinità corrisponde sempre la repentinità del cambiamento di idea e della sparizione, con o senza pentimento e lacrime. E' stato sincero? a) chissene come premessa; b) può essere che lui pensi di volere una relazione stabile, ma siccome non ti conosceva poi così bene, non poteva sapere se la voleva precisamente con te. E può essere che non ne sia capace, da quel che dici. A me francamente da come la racconti sembra un gran chiacchierone.
      Rispondi a AnnaV Commenta l’articolo

    • Avatar di alessandra

      alessandra 2 mesi fa (19 Gennaio 2019 10:14)

      Grazie AnnaV. Noi ci stavamo conoscendo in realtà, il punto è che lo stavamo facendo come coppia, e non come due persone che provano interesse reciproco e provano a vedere se può funzionare, ma senza "impegnare" la cosa. Perché allora dopo 3 uscite dire "Da quale giorno ci consideriamo una coppia? me lo segno sul cell…", " la mia famiglia è felice perché dopo tanto tempo ho accanto qualcuno che ci tiene…", "ho parlato di te a mia nonna, è molto felice. Preparati perché la conoscerai presto.". Io non sono nessuno, ma non mi sarei lanciata così avanti per poi mandare tutto all'aria. Io ho cercato di essere cauta, ma dopo un mese ho cominciato ad innamorarmi davvero, e la prima volta che mi è uscito un "ti amo" sentito lui mi ha risposto con ti amo! quando mi sono resa conto che forse mi ero esposta troppo presto ho rallentato cercando di rispettare i suoi tempi e i suoi spazi. Non sono mai stata ne opprimente, ne pretenziosa, ne avevo aspettative. E all'improvviso l'amore non corrisposto che salta, e l'essere per lui su due piani diversi. Il punto è che rileggendo i punti su come si comporta un uomo innamorato io ci ritrovo tutto quello che lui era e mi ha dimostrato, la cosa brutta è questa. Grazie
      Rispondi a alessandra Commenta l’articolo

    • Avatar di AnnaV

      AnnaV 2 mesi fa (19 Gennaio 2019 16:55)

      Io ho detto che bisogna diffidare di quelli che vogliono una relazione stabile dopo 3 uscite. Diffidare. Non chiedersi: perché. Non può esserci una buona ragione per volere una relazione stabile con una sconosciuta. È una cosa da persone come minimo instabili. Torno ad invitarti a leggere il post sul velocista
      Rispondi a AnnaV Commenta l’articolo

    • Avatar di Vittoria

      Vittoria 2 mesi fa (19 Gennaio 2019 17:35)

      Ciao Alessandra, Ti do il mio parere. Da quello che racconti, forse ti sei gettata troppo di fretta in questa storia. In soli due mesi vi siete conosciuti, fidanzati, ti sei innamorata, progetti, lui che scappa. Forse ti dovevi dare più tempo per ascoltare le tue impressioni, senza focalizzarti così tanto su di lui e i suoi tempi. Tanto più che materiale per il campanellino d'allarme sembra esserci: storia tossica alle spalle ok, ma un uomo vergine a 34 anni dà pensare. Non è per giudicare, ma usando il buonsenso il dubbio che ci sia qualcosa di irrisolto in questa persona andrebbe preso in esame, che sia poi fondato o meno. Insomma, un po' più di cinismo non fine a se stesso non farebbe male. Con il tempo e considerando razionalmente la situazione forse ti renderai conto che è stato meglio così!
      Rispondi a Vittoria Commenta l’articolo

    • Avatar di Alessandra

      Alessandra 2 mesi fa (19 Gennaio 2019 22:35)

      Grazie Vittoria. Purtroppo ho sbagliato anche ma è stato un colpo di fulmine per entrambi, so che sembra stupido ma è così. Io non ho mai cercato di forzare le cose, eravamo una coppia ma di certo non fidanzati ufficialmente, ed i progetti non erano a lungo termine. Sicuramente mi sono lasciata trascinare illudendomi che anche lui provasse qualcosa. E sicuramente c’è qualcosa di irrisolto nella sua vita. Grazie del tuo parere.
      Rispondi a Alessandra Commenta l’articolo

    • Avatar di Doris

      Doris 2 mesi fa (18 Gennaio 2019 15:31)

      Ciao Alessandra, la tua situazione mi fa pensare a questa: Una mia amica più che quarantenne, circa otto mesi fa ha conosciuto un uomo di alcuni anni più giovane, single e, diciamo, senza grilli per la testa. Una brava persona, apparentemente, almeno. Si sono innamorati velocemente e dopo pochi mesi hanno cominciato a parlare di convivenza. E pure di avere un figlio. Entrambi entusiasti e coinvolti, sono partiti per un viaggio. Al ritorno da questo viaggio lui le annuncia di essersi disamorato e questo in conseguenza ad alcune domande di lei riguardanti delle foto che lui aveva ricevuto sul suo telefono, di cui lei non conosceva la provenienza. Lui sparisce dalla sera alla mattina (ti faccio presente che, in conseguenza ai loro progetti, lei stava per dare la disdetta dell'appartamento in cui vive e, in questa settimana, aveva appuntamento col ginecologo x capire se, alla sua età, ci fossero i presupposti x una gravidanza, che per lei sarebbe la prima) . Proprio ieri sera, mentre lei si sfogava con me io le consiglio di prepararsi mentalmente all'idea di non rivederlo mai più. Lei allora, avvilita e arrabbiata mi aggredisce dicendo che io sono diventata intollerante e dura e che lei ha ancor a bisogno di credere in lui e nel progetto di vita che si erano fatti! Ecco Alessandra. Lei aveva bisogno di crederci. Lui, forse allo stesso modo, aveva bisogno di crederci (? cosa che non ci è data sapere, visto che si è defilato praticamente senza spiegazioni), ma nessuno dei due, sapeva veramente ciò che stava facendo. Questa è la spiegazione più tenera che sono riuscita a trovare. Perché ogni altra può essere solo molto più cattiva...
      Rispondi a Doris Commenta l’articolo

    • Avatar di alessandra

      alessandra 2 mesi fa (19 Gennaio 2019 10:04)

      Ti ringrazio Doris. L'unica spiegazione che è riuscito a darmi è che "ci troviamo su due piani differenti, che lui non era al punto nel quale ero arrivata io, che mi stavo innamorando." Non abbiamo mai fatto piani per il futuro perché dopo appena due mesi era difficile ipotizzarli. La mia paura è che lui volesse costruire una relazione secondo le sue aspettative, quelle di provare un sentimento forte, deluse da una relazione precedente di parecchi anni fa che lo aveva portato ad annullarsi per l'altra. Forse alla base c'è una sua insicurezza di fondo, non saprei. Io sono stata la prima ragazza importante per lui dopo tanto tempo che era solo e sono stata la sua prima volta (parlo di un ragazzo di 34 anni), e questo non mi ha portata a dubitare di lui e della sua sincerità. Lui mi ha detto che fino alla fine è stato sincero e non mi ha mai presa in giro, quindi ripenso a tutto ciò che mi ha dimostrato in questi due mesi e a come una persona possa fare questo per poi all'improvviso dirti che non può andare. Grazie ancora
      Rispondi a alessandra Commenta l’articolo

    • Avatar di Serena

      Serena 2 mesi fa (19 Gennaio 2019 15:27)

      Ma soprattutto, Alessandra: la sua prima volta a 34 anni?? Perdonami ma a me sembra un gran bel campanello d'allarme...
      Rispondi a Serena Commenta l’articolo

    • Avatar di Alessandra

      Alessandra 2 mesi fa (20 Gennaio 2019 9:50)

      Lo so serena. Lui quando me l’ha detto se ne è vergognato. Si aspettava che lo giudicassi ma non è stato così. Col senno di poi avrei dovuto riflettere su questa cosa, ma inizialmente non vi ho dato peso. È vero forse mi sono fatta prendere troppo presto, ma non posso dire che per lui non sia stato lo stesso, ed eravamo entrambi molto coinvolti. Capisco che certe storia a volte semplicemente non decollano, ma ingenuamente penso che se tu dici ad una persona che con lei stai bene, che sei felice, che ti fa stare sereno, e scegli consapevolmente di fare coppia con lei prendendo anche impegni seri, come il presentarmi la famiglia e gli amici, e ne sei convinto, dopo due mesi non puoi tirare fuori una crisi di questo genere, saltata fuori da un momento all’altro. Io mi sarò fatta incantare ma le dimostrazioni lui me le ha date. Per quella che è la mia esperienza, sicuramente migliore della sua nonostante tutto, io non mi sarei spinta così oltre rischiando poi di illudere una persona. Se c’è interesse ci si conosce e ci si frequenta nei dovuti tempi, senza impegnarti in qualcosa di più grande di te! Solo così puoi capire se si può costruire qualcosa. Almeno io la penso così
      Rispondi a Alessandra Commenta l’articolo

    • Avatar di Lallac

      Lallac 2 mesi fa (19 Gennaio 2019 12:07)

      A me purtroppo queste situazioni trasmetto la quasi certezza matematica della presenza di una altra, a vario titolo preferita
      Rispondi a Lallac Commenta l’articolo

    • Avatar di Ally

      Ally 2 mesi fa (19 Gennaio 2019 15:21)

      Io invece sto notando che c é tanta gente che si innamora ma che non ama. Gente che vive di emozioni come le onde del mare, che accolgono con spirito vivo queste nuove sensazioni e si lanciano quindi in grandi discorsi, ipotesi, progetti e poi.. Puff. Si spengono. Amare per me é insieme di cuore e cervello. Seppure ammaccata non voglio smettere di pensare che ci sia anche per me, per voi ❤️. Un abbraccio
      Rispondi a Ally Commenta l’articolo

    • Avatar di Emilia

      Emilia 2 mesi fa (20 Gennaio 2019 18:00)

      Condivido Ally! C'è una grossa perdita di valori alla base di tutto questo. Sembra banale dirlo ma è così. Un abbraccio anche a te!
      Rispondi a Emilia Commenta l’articolo

    • Avatar di alessandra

      alessandra 2 mesi fa (19 Gennaio 2019 15:37)

      Lallac non saprei. So che ha una migliore amica che però è fidanzata e innamoratissima del suo ragazzo, l'ho conosciuta a capodanno ma non mi ha quasi mai parlato… credo che però lui la consideri molto e non vorrei gli abbia fatto notare certe cose che magari secondo lei non andavano o non funzionavano...non so. Lui mi ha sempre detto che non dovevo essere gelosa anzi se la cosa mi infastidiva di dirglielo, perché non voleva ci fossero problemi tra di noi. Non credo nemmeno ci sia un'altra, lui ha diverse amiche da anni ma con loro non ha mai avuto niente di più, anche come amiche le considera poco… se mi ha detto che è stato sincero vorrei credergli, altrimenti vorrebbe dire che è abbastanza psicolabile! (e un po' lo è secondo me, o almeno instabile) ;)
      Rispondi a alessandra Commenta l’articolo