Perché sbaglio sempre in amore? Una domanda che puoi smettere di farti

perché sbaglio sempre in amore?

Perché sbaglio sempre in amore?

Oh, che brutta domanda!

Ed è una domanda che, guarda un po’, si fanno sempre le donne e se la fanno perché si sentono insicure, non credono in se stesse, non sanno darsi valore.

In altre parole: non hanno una buona autostima.

Per cui avere una bassa autostima ha effetti deleteri.

Fa sentire perennemente sbagliate e in errore.

E se fossero gli altri invece a essere sbagliati e a sbagliare?

Ogni tanto sarebbe un’ipotesi da valutare.

Sappiamo bene che il mondo è pieno zeppo di uomini sbagliati dotati della straordinaria capacità di far sentire sbagliate le donne.

Come anche di genitori sbagliati capaci di far sentire sbagliati i figli o di insegnanti sbagliati  capaci di far sentire sbagliati gli allievi.

O di amici sbagliati capaci di far sentire sbagliati gli amici.

E allora succede che la bassa autostima è certo nata dai tanti episodi e dalle tante persone che consapevolmente o inconsapevolmente ti hanno fatto sentire sbagliata.

Poi viene rinforzata dal fatto che tu non perdi occasione per sentirti sbagliata.

O per trovare sempre e solo persone che ti fanno sentire sbagliata.

Alla fine in effetti, questa benedetta bassa autostima, degli errori te li fa commettere.

Sappiamo bene che nessun essere umano è esente dal commettere errori, per carità.

Tutti sbagliano, tutti sbagliamo.

Ma ci sono degli errori che sono quasi esclusivo appannaggio delle donne e sono quegli errori che commettono con gli uomini e in amore.

In che modo le donne sbagliano in amore e perché lo fanno?

In che modo le donne sbagliano in amore?

Le donne sbagliano in amore perché sono state male-educate riguardo ai sentimenti, cioè hanno ricevuto e continuano a ricevere per lo più un’educazione o  messaggi sbagliati riguardo le relazioni e l’amore.

Per molte ragazze e molte donne l’amore è ancora una priorità della vita, per gli uomini no.

E comunque molti uomini, pur non avendo l’amore come priorità, hanno accanto a sé donne e compagne di valore e importanti per loro con le quali instaurano rapporti di coppia significativi ed estremamente soddisfacenti.

Le bambine e le ragazze vengono cresciute con l’idea di essere esseri fragili e comunque bisognose di protezione, deboli fisicamente, spesso incapaci di difendersi e quindi viene instillata in loro l’idea che devono avere paura e non coraggio.

Che sono delicate bamboline di porcellana, destinate a rimanere sempre un po’ bambine bisognose della guida di un uomo.

E che forza e coraggio devono essere date loro da un uomo, naturalmente portatore di forza, coraggio e perfino, ohibò, di un’intelligenza superiore.

Seee…

Infatti constatiamo tutti i giorni quanto geni sono i maschi, a tutti i livelli.

Lo vedi un po’ come si costruisce fin da piccole una bassa autostima per le bambine?

E da lì che vengono fuori poi gli errori delle donne adulte in amore.

Ahi ahi ahi!

Come sbagliano le donne in amore: ti riconosci in certi errori?

Tanti sono gli errori che si possono commettere in ogni campo della vita e quindi anche in amore, accidenti.

E ciascun errore può essere commesso con innumerevoli varianti, quindi è impossibile fare un elenco completo.

Quello che è importante è che la bassa autostima è una delle cause principali di questi errori, insieme con il senso di colpa, con il senso di inadeguatezza e con il bisogno ossessivo di conferme e di amore che si porta dietro.

Ora ti elenco alcuni dei più comuni sbagli che le donne commettono in amore.

Ricordati che questo non fa di loro delle donne sbagliate, però…

E se tu sbagli, non sei sbagliata.

Sei solo umana e hai fatto il meglio che hai potuto rispetto alla situazione in cui ti trovavi.

Ecco di seguito gli errori delle donne che io riscontro più spesso. Non in un ordine particolare.

Amare troppo. Cioè amare, credere di amare e credere di essere ricambiate quando la persona che amano non solo non le ama, ma non sa amare.

Avere un’idea romantica dell’amore, idea che include sentimenti assoluti e distruttivi. Grande trasporto ed eccitazione, sacrificio e sofferenza.

Eh no, per amare ed essere amate non è necessario soffrire.

Pensare di essere loro a sbagliare e di essere loro sbagliate, quando in realtà sono l’uomo con cui stanno e la storia con lui a essere sbagliati.

Accettare compromessi inaccettabili pur di non lasciare un uomo o una storia.

Non saper distinguere l’amore dal non amore.

“Psicologizzare” troppo i sentimenti e l’amore.

Le storie che funzionano non hanno bisogno di grandi analisi e di grani rimuginii. O di ripensamenti, compromessi e discussioni. Filano lisce come l’olio.

Se si deve rimuginare, capire, capirsi, confrontarsi, interrogarsi, ci si trova in una storia disfunzionale, malata.

Analizzare e dissezionare ogni piccolo evento di in storie piccole e poco importanti.

E’ solo una perdita di tempo.

Rimuginare e fantasticare su quello che non è reale ma è frutto della loro immaginazione, delle loro paure, delle loro aspettative, negative o positive che siano.

Non sapere distinguere che cos’è l’attrazione autentica da quella fasulla, il sesso veramente soddisfacente da quello deludente, non conoscere e non sapere conoscere il vero piacere.

Confondere il sesso con l’amore.

Considera che se e quando un uomo ti porta a letto non lo fa perché è innamorato, perché ti ama o perché è attratto da te. Spesso lo fa solo perché sei lì sotto mano e ci stai

Non sapere e non voler capire che gli uomini corteggiano, poco, mediamente o tanto molto spesso per ragioni che non hanno nulla a che fare con un genuino interesse per la persona, ma per scopi ambigui e frequentemente morbosi.

Non fare selezione. Non fare una selezione severa, Non fare una selezione spietata,

Dare per scontato che un uomo pensi e ragioni come loro e che abbia i loro stessi valori anche se non lo conoscono minimamente.

Per cui molte donne buone, oneste e candide sono convinte che tutti siano come loro e non riconoscono le molte carogne che si trovano di fronte.

Innamorarsi di qualcuno solo perché questo qualcuno ha mostrato interesse verso di loro, senza chiedersi se loro sono coinvolte, se hanno di fronte una persona di valore e se vale la pena ricambiare così, tanto per fare, perché un uomo si è fatto avanti.

Adattarsi a un uomo e a una relazione per farla funzionare fino ad annullare se stesse.

Terribile ma molto frequente!

Voler cambiare l’altro.

Orribile. E’ come lanciarsi a 200 all’ora contro un muro di cemento armato.

Come fai a recuperare la tua autostima o scoprirla per la prima volta?
Come fai a trovare di nuovo fiducia in te stessa dopo un fallimento o in un momento difficile? Dove trovi tutta la sicurezza che ti serve per avere successo nelle relazioni e nella vita? Scarica adesso l'ebook gratuito "Pronto Soccorso Autostima", ricevilo senza rischi e senza impegno nella tua casella email.

Comportarsi e pensare in modo di avere un uomo a ogni costo. Un uomo purchessia.

Non essere lungimiranti: appassionarsi, soffrire, inseguire un uomo inadatto, sbagliato, magari maltrattante in vari modi, senza pensare a quello che loro saranno e che cosa sarà di questa storia dopo un anno, due anni, cinque anni, dieci anni.

Quanto tempo buttato via!

Se una storia non funziona oggi, domani sarà peggio.

Non considerare le caratteristiche importanti di una persona e di una storia.

Quante volte ricevo messaggi: “Ci siamo visti tre o quattro volte, siamo stati bene insieme, ci siamo divertiti, abbiamo riso tanto”.

Ma il valore di una relazione si misura davvero da quanto ci si diverte e si ride insieme?

Accettare storie senza sesso, con sesso scadente o sesso malato.

Comportarsi come le geishe del proprio partner.

Compiacere il partner in tutto e per tutto pur di non perderlo.

Mettere una storia d’amore prima di se stesse, della propria istruzione, delle proprie passioni, del proprio lavoro e della propria autonomia emotiva e materiale.

Credere solo alle parole e non ai fatti. Il che significa farsi far fesse.

Prendersi la colpa per tutti i problemi della coppia, inclusi quelli sessuali.

Prendersi la colpa per tutti i problemi del partner.

Non voler vedere la realtà per quello che è e diventare complici della propria rovina.

Non saper distinguere che cos’è l’amore da che cosa con l’amore non c’entra niente e fare confusione fra le due cose.

Grave.

Credere che l’amore sia quello di romanzi e film di serie B.

Parlare ossessivamente con le amiche di sentimenti, amiche che credono che l’amore sia quello di romanzi e film di serie B.

Confrontarsi con le amiche di cui sopra e competere con loro.

Chiedere consigli alle amiche di cui sopra.

Mettersi in “vendita” a saldo assoluto (gratis) come merce di scarto su siti per incontri sessuali auto convincendosi che un po’ di amore lo si raggranella.

Accontentarsi delle briciole.

Stare con uomini impegnati e/o che non vogliono impegnarsi.

Mettersi perennemente in discussione ma solo su quelli che non sono gli aspetti sui quali mettersi in discussione e, viceversa, non mettersi in discussione su quelli che sono gli aspetti sui quali sarebbe il caso di operare dei cambiamenti nella propria vita.

Prendersi colpe e non assumersi responsabilità.

Pretendere di essere più furbe di chi è più furbo di loro e le ha già messe in un sacco, giacché loro sono coinvolte e lui non si lascia coinvolgere.

Significa non saper distinguere tra amore e odio, amore e sadismo.

Parlare delle proprie disgrazie alla prima uscita con un uomo.

Dichiarare di essere diversa da tutte le altre alla prima uscita con un uomo o in qualsiasi altro momento.

Comportarsi esattamente come tutte le altre.

Tirarsela con chi non è proprio il caso di tirarsela e quindi risultare ridicole oltre che facili prede per i malintenzionati.

Lamentarsi degli uomini e cercarli ossessivamente.

Porsi in rivalità con le altre donne e farsi “beccare” in questo dagli uomini senza scrupoli, che tra i litiganti, godono.

Confrontarsi con le altre donne.

Desiderare, soffrire per e cercare uomini che le danneggiano o le hanno danneggiate.

Essere aggressive con le donne, ed essere remissive e passive con gli uomini.

E anche i più idioti ne traggono vantaggio.

Assumere un atteggiamento passivo-aggressivo con gli altri in generale e con il mondo.

Lamentarsi della solitudine, della sfortuna, della disonestà dei partner passati, presenti e futuri.

Puntare eccessivamente sulla propria sensualità, di fatto svalutando il proprio valore.

Essere convinte che intelligenza, integrità, simpatia, acume, cultura, capacità di sostenere dialoghi complessi siano caratteristiche che affascinano l’uomo medio o medio-basso.

L’uomo di valore comprende e apprezza queste caratteristiche quando sono accompagnate dalla sincera volontà di costruire un legame solidale e di affetto genuino.

Pretendere di sedurre uomini che non sono alla loro altezza, con strumenti che loro (questi uomini) non sono nemmeno in grado di comprendere.

Resistere in relazioni o con persone quando non è proprio il caso.

E’ un comportamento autodistruttivo.

Pretendere di controllare la relazione e la vita dell’altro, anche quando non ci sono promesse o impegni da parte di nessuno.

Volere a tutti i costi imporre le proprie ragioni, posizioni e visioni come le più corrette, giuste, ricche di valore.

Pretendere di avere ragione con persone che non devono niente a loro.

Insistere quando non ce n’è proprio.

Sottovalutare i segnali di allarme, i semafori rossi.

Non tenere in considerazione che anche gli uomini hanno bisogno di attenzione, onestà, affetto, amore, sincerità.

Sentirsi menomate se senza un compagno.

Non fare scelte autonome o rinunciare a godersi la vita perché senza un compagno.

Comportarsi con gli uomini in modo manipolatorio o contro manipolatorio.

E’ il modo migliore per realizzare relazioni disfunzionali.

Assillare.

Mettere al centro della propria vita un uomo e una relazione e lasciar perdere tutto il resto.

Per evitare questi errori è utile prenderne consapevolezza e recuperare la propria dignità.

E’ una missione possibile, che ti rende super ai tuoi occhi e non solo.

Ecco come smettere di ripetersi la domanda colpevolizzante e controproducente perché sbaglio sempre in amore.

Lascia un Commento!

100 Commenti

  1. Avatar di Forse perché

    Forse perché 1 mese fa (21 Settembre 2020 23:21)

    Forse perché i consigli che vi da questa qui sono sbagliati. Si prende gioco di voi sbandierando del falso femminismo quando in realtà è proprio quello la causa dell'annientamento delle relazioni sentimentali uomo-donna durature.
    Rispondi a Forse perché Commenta l’articolo

    • Avatar di Ilaria Cardani

      Ilaria Cardani 1 mese fa (22 Settembre 2020 9:25)

      Coraggio, dia lei consigli giusti con un autentico maschilismo, costruttivo di relazioni sentimentali uomo-donna durature. Anch'io sono convinta che un po' di quel bel maschilismo sano e autentico faccia durare le coppie. Sulla durata non ho dubbi. Lei mi sembra carico/a già con la sua bella dose di maleducazione e di prepotenza, in termini di maschilismo sa sicuramente dare i consigli giusti. Coraggio, cominci a dirci se è un uomo o una donna e come si chiama, se no si potrebbe sospettare che oltre maleducato/a è pure vigliacco/a.
      Rispondi a Ilaria Cardani Commenta l’articolo

  2. Avatar di Anna***

    Anna*** 2 settimane fa (18 Ottobre 2020 15:58)

    Ciao Ilaria. Il mio è un passato problematico, ma dal quale ne sono quasi uscita, c'è voluto impegno, consapevolezza e aiuto esterno. Per uscire dal malessere tre anni fa ho tagliato tutti i rapporti che reputavo rami marci per poterne far crescere di nuovi e così è stato. Ho fatto un errore di valutazione però. Ho escluso dalla mia vita un amico che sempre mi ha supportata, non mi ha mai lasciata sola con i miei demoni. L'ho fatto solo perché faceva parte, anche se in maniera lontana, di persone che mi hanno ferita. A mente lucida sono riemerse tutte le sue attenzioni nei miei confronti ed i suoi gesti, lui non mi consolava a parole ma arrivava, sempre e questo per anni. Ai tempi il mio concetto di amore era malato, non ero in grado di vedere ciò che adesso mi appare per il sentimento puro che è stato nei miei confronti. Ora che nelle mie priorità non c'è il volere una relazione sento di essere innamorata di lui, sono costernata. Scusami Ilaria ma sentivo il bisogno di esternare. Grazie.
    Rispondi a Anna*** Commenta l’articolo

    • Avatar di Ilaria Cardani

      Ilaria Cardani 2 settimane fa (18 Ottobre 2020 17:00)

      Scusa Anna***, ma per non sapere né leggere né scrivere, se quest'uomo è libero, perché non ricontattarlo con un pretesto serio (tipo, sapere come sta andando in questo momento complicato per tutti)? Poi se non è cosa, te ne troverai uno simile a lui, sapendo adesso come si riconoscono quelli giusti.
      Rispondi a Ilaria Cardani Commenta l’articolo

    • Avatar di Anna***

      Anna*** 2 settimane fa (18 Ottobre 2020 17:17)

      Grazie Ilaria per aver risposto. Lo farò, forse avevo solo bisogno di una spintarella esterna, un incoraggiamento! ti ringrazio :)
      Rispondi a Anna*** Commenta l’articolo

    • Avatar di Vanessa

      Vanessa 2 settimane fa (19 Ottobre 2020 0:18)

      Diglielo Anna, non lasciartelo scappare! Questa sì che è una storia romantica *.*
      Rispondi a Vanessa Commenta l’articolo

    • Avatar di Anna***

      Anna*** 1 settimana fa (20 Ottobre 2020 8:43)

      Ciao Vanessa, grazie per aver risposto! Beh non so come realmente potrà andare la faccenda, se effettivamente potrà evolvere in qualcosa o meno e se di base la nostra amicizia avrà resistito a questi miei anni in cui sono sparita. Vedremo! Però di fatto in tutto questo c'è già una piccola vittoria, ovvero avere ben chiaro cosa sia una relazione sana e il rispetto e credimi Vanessa, per me è un traguardo importante, è una cosa normale ma per me la normalità non è mai esistita. Vi ringrazio per l'ascolto :)
      Rispondi a Anna*** Commenta l’articolo

    • Avatar di Silvia

      Silvia 1 settimana fa (20 Ottobre 2020 12:52)

      Ciao Anna***, è un grande traguardo! In bocca al lupo!
      Rispondi a Silvia Commenta l’articolo

    • Avatar di Anna***

      Anna*** 1 settimana fa (22 Ottobre 2020 17:18)

      Grazie Silvia!
      Rispondi a Anna*** Commenta l’articolo