Come superare una crisi personale

come superare una crisi personaleCome superare una crisi personale e recuperare serenità?

Come uscire dalle sabbie mobili in cui ogni tanto scivoliamo e che non ci fanno percepire nessun genere di speranza e avere nessuna visione sul futuro?

Come tornare a vivere una vita normale e soddisfacente?

Come andare oltre l’avvilimento, la tristezza e il senso di sconfitta e di sconforto e riprendere il controllo sulla propria vita?

Innanzitutto consideriamo che la vita non è un rettilineo, con asfalto drenante (quello che non fa ristagnare l’acqua e quindi rende la guida piacevole e facile anche quando piove forte), senza traffico e senza code e/o senza incidenti o senza lavori in corso.

La vita è tutto è il contrario.

È una strada fatta a curve, piena di buche, con macchine parcheggiate in seconda fila, affollata di automobilisti che non rispettano le regole, fanno i “furbetti” e magari sono dei veri e propri criminali che guidano in stato alterato o non sanno guidare o guidano in modo incosciente.

Può piovere, nevicare, tirare vento, ci possono essere frane e incidenti.

Eppure noi nel 99% delle volte su quella strada dobbiamo procedere, perché non stiamo andando alla spiaggia, ma al lavoro, o a visitare una persona cara o ad assistere una persona bisognosa.

Insomma, in un certo qual modo, la vita va vissuta.

È la nostra missione.

È la prima e più importante delle nostre missioni.

Non possiamo tirarci indietro.

La vita non è facile, è fatta però di momenti bellissimi e di momenti meno belli.

“Shit happens” come dicono gli inglesi e ripeto anch’io spesso: “la melma può arrivare”. Può grandinare melma, talvolta.

Anzi diciamo che momenti di melma arrivano per tutti, non esistono persone che non abbiano vissuto o non vivano momenti di melma.

Denaro, posizione, privilegi, successo, potere non mettono nessuno al riparo da momenti di crisi, che possono essere crisi personali, di contesto, professionali, economiche, sentimentali, famigliari e via dicendo.

O tutte messe insieme, come spesso accade.

Le crisi sono inevitabili

Pensiamo a chi è studente e passa lunghi periodi senza combinare un granché all’università e rimane in stallo con gli esami per mesi o per anni, girando in tondo e perdendo tempo.

Consideriamo chi viene lasciato dalla fidanzata o a chi viene lasciata dal fidanzato.

Pensiamo a chi perde una persona cara: un genitore ancora giovane – ma è terribile anche se non è più tanto giovane -, un figlio, un fratello o un amico.

Consideriamo le molte donne che perdono un bambino quando ce l’hanno ancora in grembo: è un lutto pesantissimo di cui si parla molto poco.

E poi non dimentichiamo chi viene abusato o abusata, da bambino e da adulto, in particolare dalle persone che dovrebbero amarlo e proteggerlo.

O a chi perde tutto il proprio denaro o il lavoro.

Che dire poi dei malati e dei malati cronici e di coloro che in famiglia devono occuparsi dei più fragili?

Per quel che ci riguarda da vicino sappiamo quanto sono dolorosi una separazione o un divorzio.

Insomma, diciamo pure che l’elenco delle sfighe è infinito e ciascuno di noi può pensare a quella che sente più vicina…

So che ai giorni d’oggi molti sono convinti che attraversare i momenti di crisi sia da sfigati, da persone “anormali” e fallite e che invece per essere delle persone di successo e vincenti bisogna avere una vita sempre bella e fortunata.

Come fai a recuperare la tua autostima o scoprirla per la prima volta?
Come fai a trovare di nuovo fiducia in te stessa dopo un fallimento o in un momento difficile? Dove trovi tutta la sicurezza che ti serve per avere successo nelle relazioni e nella vita? Scarica adesso l'ebook gratuito "Pronto Soccorso Autostima", ricevilo senza rischi e senza impegno nella tua casella email.

Oppure che la felicità spetti loro di diritto, così, perché la mamma li ha viziati e la pubblicità trasmette loro l’idea che debbano avere tutto quello che vogliono, meglio se senza muovere un dito.

Per non parlare poi dei social e di chi appare sui social solo per far vedere quanto è meravigliosamente magnifico.

Perché apparire con un filino di problemi fa sentire terribilmente inadeguati.

E invece no!

Siccome la vita è un po’ tutta un risolvere problemi, come diceva quello, la nostra dimensione umana si rivela al suo pieno quando i problemi li affrontiamo (e magari li risolviamo) e non quando li evitiamo o continuiamo a lamentarci perché li abbiamo.

Soprattutto in questo momento storico è necessario assumere un atteggiamento adulto verso la vita, atteggiamento che ci porta a vivere meglio, superare gli ostacoli e assaporare la vita al cento per cento.

Perché, come ripeto spesso, solo gli adulti, coloro che vivono da adulti e non da bambini sono veramente liberi e sanno percepire la bellezza della vita a tutto tondo: dal sapore di piatti pregiati, al raggiungimento di un traguardo importante, al sesso e l’amore con la persona giusta.

Come superare una crisi personale: 7 passi da compiere

1 Prendi atto della realtà: osserva quello che ti accade e accetta quello che non è in tuo potere modificare. Considera che questa è la vita.

2 Nel prendere atto della realtà stai usando la ragione e non la “pancia”. Sempre usando la ragione, considera che cosa tu puoi fare, anche di molto piccolo, per trovare una soluzione o anche cambiare la situazione di un poco. Dico poco poco, senza sforzi “sovrumani” che sono inutili e ti sfiancano.

3 Assumi una dimensione eroica, per quel che riguarda la tua esistenza. Non sei onnipotente, non sei un super-eroe, però puoi essere l’eroina della tua vita, colei che con coraggio e fiducia prende in mano la situazione, con tutto il potere di cui dispone, né più, né meno, e può salvare quello che è davvero importante salvare

4 Tieni presente che nella vita nulla dura per sempre: non durano per sempre le situazioni ideali o belle, non durano per sempre nemmeno le situazioni brutte o che non ci piacciono. Usa la pazienza.

5 Impiega bene il tuo tempo: piangi e vivi il lutto oppure lasciati andare allo sconforto, ma non per sempre, non per tutta la giornata. Dedica il tuo tempo ad arricchirti di competenze, a trovare consolazione in passatempi sani e costruttivi (per esempio la lettura di un buon libro, ascoltare un podcast, guardare un bel film, non la telefonata lamentosa sempre uguale con la solita amica che ti rimanda lamenti o i social. I social no, no e poi no!)

6 Datti una dimensione di presente e di futuro equilibrata. E così pure del passato. Il passato forse era migliore, forse no. Considera che cosa era migliore e che cosa il meglio e il peggio del passato ti hanno insegnato.

Il presente è il momento in cui puoi fare molto, più che mai: i piccoli passi verso l’uscita dalla crisi; piangere per consumare lutto e tristezza; riposarti per ricaricare le pile; studiare per trovare soluzioni.

Il futuro è il tempo delle possibilità e le possibilità ci sono fin tanto che tu operi con calma e usando ragione e buon senso in modo che queste possibilità diventino disponibili per te.

7 Se vivi in un momento di stallo, nella vita di relazione, di coppia, nello studio, nel lavoro, cerca una dimensione tua personale definendoti con chiarezza.

Fatti domande del genere:

che tipo di donna sono e voglio essere?

Che tipo di essere umano?

Che tipo di relazioni voglio instaurare con le altre persone, con gli altri esseri umani?

Che tipo di partner voglio essere?

E di professionista?

Di sorella? Di figlia? Di madre? Di cittadina?

Che cosa intendo fare nella pratica di questi miei “voglio”?

Tieni sempre sotto mano un tuo diario, un semplice quaderno su cui appuntare le tue osservazioni sul viaggio della vita.

Ecco come superare una crisi personale.

Lascia un Commento!

73 Commenti

  1. Avatar di Kicca

    Kicca 6 giorni fa (22 Novembre 2020 19:54)

    Grazie Ilaria, queste indicazioni sono molto utili e di supporto per me in questo momento, e penso lo siano per molte persone
    Rispondi a Kicca Commenta l’articolo

  2. Avatar di Rosa Maria

    Rosa Maria 6 giorni fa (22 Novembre 2020 19:15)

    Condivido ogni parola. Dopo la mia separazione e un brutto lutto , c’è voluto tempo , forza e coraggio per ricostruire una vita nuova per me e i miei figli. Ritrovare la ragazza intraprendente che ero e imparare dalle esperienze , costruendomi le difese necessarie, ma senza perdere quella capacità di meravigliarsi e di sognare ( che non devono mai venire meno), si può fare . È necessario un duro lavoro interiore per capire chi sei e chi vuoi essere . Aiuta studiare, informarsi, ma anche scoprire uno sport, meditare , cucinare e ridere con gli amici .
    Rispondi a Rosa Maria Commenta l’articolo

  3. Avatar di Sebastiana

    Sebastiana 5 giorni fa (23 Novembre 2020 10:19)

    La situazione è talmente chiara, limpida e surreale da scappare a gambe levate, il più lontano possibile! Secondo me è inutile farsi delle domande spezza cuore o mettersi in discussione per un soggetto del genere! Vedila così "mi sono divertita, si è divertito anche lui, ma alla fine ho capito che divertirsi così non mi piace molto. Ho avuto un atteggiamento disponibile pensando di conquistarlo e di fargli cambiare idea su cosa aveva chiaramente espresso all'inizio. Ho pensato di amare per due e di controllare la situazione..però non ha funzionato, perché ho capito che non si ha il controllo su qualsiasi cosa (soprattutto se parliamo di sentimenti), che amare è bello, ma quando si è corrisposti con rispetto, equilibrio e buon senso è molto meglio! sbagliando s'impara e ora vado dritta come un treno verso il resto della mia vita che è bellissima semplicemente perché io posso viverla! Ci vorrà tempo per guarire, ma siccome io mi amo, avrò pazienza. Me lo merito!"....detto questo sii felice di aver conosciuto un farfallone del genere perché ora sicuramente se ne riconosci il genere saprai evitarli!
    Rispondi a Sebastiana Commenta l’articolo

  4. Avatar di Isabella

    Isabella 5 giorni fa (23 Novembre 2020 17:01)

    Ciao Ilaria, si la mia situazione è effettivamente delicata. Lui è in fase di separazione dalla moglie. Sta soffrendo molto per questo anche se sua moglie lo ha sempre trattato male. È molto cattolico e crede nell:indissolubilita' del matrimonio anche perché si è consultato con un prete carismatico che gli ha detto che il divorziato che si rifà una vita con un'altra donna commette un peccato mortale. Tuttavia ha manifestato la volontà di parlare con altri sacerdoti per ascoltare altri pareri. Noi in realtà ci conosciamo da 25 anni, abbiamo passato insieme l'infanzia e la fanciullezza poi lui si è sposato, io mi son sposata ed ora ci ritroviamo tutti due separati. Lui sta facendo adesso tutto un percorso di mediazione familiare per arrivare alla separazione. Ci siamo messi insieme a giugno per 4 mesi che devo dire sono stati mesi intensi, di amore e sesso travolgente. Mi ha detto subito :ti amo e addirittura si facevano progetti a lungo termine, si parlava di un secondo matrimonio. Poi si è fermato un attimo dicendo che deve affrontare la separazione però con la speranza che il matrimonio si ripristini, sempre per rispettare i principi cattolici, vuole fare chiarezza con sé stesso pur sostenendo di amarmi. Mi ha chiesto dunque del tempo. Dice che in me vede la persona giusta per lui ma vuole comunque tempo per capire bene tutto quanto. Noi però continuiamo a sentirci telefonicamente, quando non riesce a chiamare di scusa per questo, continua a dirmi che mi ama, che non riesce a staccarsi mentalmente ed emotivamente da me e dice di voler del tempo. Delle volte immagina il futuro insieme a me. A questo punto mi chiedo ne vale effettivamente la pena credere a tutto questo e aspettarlo?? Fiduciosa in una tua risposta colgo l'occasione per salutarti.
    Rispondi a Isabella Commenta l’articolo

  5. Avatar di Anna

    Anna 5 giorni fa (23 Novembre 2020 20:27)

    @Riccardo: Ci tengo a raccontarti la mia storia. Ho cnosciuto il mio attuale compagno su Badoo, eravamo entrambi in cerca di sex. Lui era fidanzato da poki mesi cn una ragazza bruttina e piuttosto noiosa, io invece ero single. Ci siamo scritti x un pò e tempo 1 paio di appuntamenti siamo finiti a letto insieme. Mi diceva ke mi voleva bn, si portava il telefono anke in bagno x scrivermi(mentre lei pensava guardaxe il calcio). Il sex, estremo cm piace ad entrambi, era grandioso e csì siamo diventati amanti. Ci vedevamo ogni volta ke era poxibile e ci scrivevamo giorno e notte. Allora siccome lei aveva cominciato ad essere sospettosa e a me essere l altra nn bastava +, 1 pomeriggio gli ho fatto una sorpresa mentre c era anke lei. La poveretta appena ha capito ki ero l ha mollato in tronco e se n e' andata. Cosi' abbiamo potuto finalmente vivere la nostra favola. Ammetto ke forse ho giocato un pò sporco, xke' mi sn inventata ke lei mi mandava sms di minaccie e il mio amore c ha creduto e non l ha piu' cercata. Le ho anke scritto di stare lontano da lui, ke ormai era solo mio e nn ci avrebbe mai separati, mai. Sn 6 anni ke stiamo insieme, siamo andati a convivere subito nella casa nuova ke stava facendo e in cui la sua ex nn e' mai entrata e 1 anno e mezzo fa è nato nostro figlio. Aspetto solo ke mi kieda di diventare sua moglie e poi la ns felicita' sara' completa. Ovviamente gli controllo ogni gg il tel e il pc e lo seguo ovuncue xke' nn si sa mai, ma siamo felici e innamorati. Lotta x la tua felicita', se tua moglie nn e' in grado di soddisfarti trovati un altra e lasciala ad un altro scntato e prevedibile cm lei.
    Rispondi a Anna Commenta l’articolo

    • Avatar di Vic

      Vic 5 giorni fa (23 Novembre 2020 22:23)

      Tiè. A regà, è ufficiale: non c'ho capito un kaiser della vita! :D
      Rispondi a Vic Commenta l’articolo

    • Avatar di FrancescaF

      FrancescaF 5 giorni fa (24 Novembre 2020 0:11)

      E' palesemente un fake. Un povero annoiato o una povera annoiata dal momento Covid (povero Covid che fa il capro espiatorio) e che è talmente pigro o pigra che non vuole intrattenersi altrimenti.
      Rispondi a FrancescaF Commenta l’articolo

    • Avatar di Giulia

      Giulia 4 giorni fa (24 Novembre 2020 11:08)

      Cielo che pesantezza di te! Devi sempre avere l'ultima parola ed oltretutto sei onnipresente! Lascia commentare anche gli altri per cortesia, si legge soltanto il tuo nome!
      Rispondi a Giulia Commenta l’articolo

    • Avatar di Ilaria Cardani

      Ilaria Cardani 4 giorni fa (24 Novembre 2020 16:23)

      Giulia, non c'è limite ai commenti che ciascuno può lasciare, ognuno può commentare quanto gli pare, purché rispetti alcune regole di rispetto e di buona educazione. Mi permetto di fare un'osservazione sul tuo dai 18 anni in su non ci sono giustificazioni all'ingenuità e citi il voto e la patente. Uhm, bello il mondo che immagini tu dove chi ha almeno 18 anni è un essere responsabile e assennato e dove siccome per legge gli viene data patente e diritto di voto questa dovrebbe essere un'ulteriore prova di saggezza e sapienza. Io vedo un mondo pieno di cretini, che comprano sale per migliaia di euro da un'imbonitrice televisiva (peraltro alla quale per anni è stato concesso), persone di età che negano l'esistenza del virus (per favore nessuno si permetta di discutere su questo, lasci il blog e basta), crede alle scie chimiche, elegge ai vertici delle istituzioni persone con le quali io mi vergognerei a farmi vedere a un angolo di strada a scambiare due chiacchiere. Mi spiace, la maggioranza è profondamente inadeguata e insufficiente, preferisce l'aperitivo rispetto a proteggere i propri cari, si lascia imbambolare dalle multinazionali che impoveriscono il paese e impoveriscono i miserabili. La maggioranza è costituita da mediocri che conducono vite mediocri, altro che ingenuità. Il mio non è un discorso disfattista o "apocalittico", è la presa di coscienza di quel che vediamo. Coraggio, teniamo alte le bandiere della collaborazione e della cooperazione.
      Rispondi a Ilaria Cardani Commenta l’articolo

    • Avatar di Emilia

      Emilia 4 giorni fa (24 Novembre 2020 11:56)

      Mi associo a te Vic! :D :D :D
      Rispondi a Emilia Commenta l’articolo

    • Avatar di Lali

      Lali 4 giorni fa (24 Novembre 2020 12:18)

      Dubito che chi possiede una tale capacità di scrittura (forma e contenuto) capisca più di un kaiser. Lasciamo che passi la sua meravigliosa favola a controllare il di lui telefono ogni giorno, che non si sa mai che lui possa trovare sex altrove :D @Ilaria, non intervengo quasi mai ma dopo questo non ce l'ho fatta... Sta diventando un blog comico!
      Rispondi a Lali Commenta l’articolo

    • Avatar di Ilaria Cardani

      Ilaria Cardani 4 giorni fa (24 Novembre 2020 16:09)

      In realtà commenti di questo tenore ci sono sempre stati, e danno uno spaccato interessante della vita e della mentalità di molti.
      Rispondi a Ilaria Cardani Commenta l’articolo

    • Avatar di Serena

      Serena 4 giorni fa (24 Novembre 2020 15:30)

      "Ovviamente gli controllo ogni gg il tel e il pc e lo seguo ovuncue xke' nn si sa mai, ma siamo felici e innamorati". Ovviamente. :-D :-D :-D :-D Adoro!!!
      Rispondi a Serena Commenta l’articolo

    • Avatar di Maria

      Maria 4 giorni fa (24 Novembre 2020 11:28)

      Cara Anna, ti ringrazio per questa lezione di vita. Concordo con Vic: non ho capito nulla della vita!
      Rispondi a Maria Commenta l’articolo

  6. Avatar di Livia

    Livia 5 giorni fa (23 Novembre 2020 11:12)

    Ciao Ilaria, voglio oggi scrivere questo commento dato che altre volte nel blog, ho raccontato che non ho vissuto bene a casa mia per via di mia madre. Posto in cui era di routine la manipolazione, le cose dette e non dette, i controlli, gli spionaggi, la mancanza di ascolto e di empatia, il giudicare tutto e tutti, dulcis in fondo.. i silenzi, i ricatti emotivi, tu hai fatto ammalare tuo padre, hai rovinato una famiglia ecc. Ho avuto la fortuna di trovare lavoro come collaboratrice scolastica dato che sono nelle graduatorie da anni, ma voglio diventare insegnante ed ho un concorso da preparare. Ci sarebbe molto da raccontare al riguardo, della serie che, in otto mesi di convivenza con una persona che non piaceva alla mia famiglia e poi si è rivelata narcisista e manipolatoria, come mia madre, non ho mai ricevuto una telefonata e tantomeno una visita da mia madre e mio fratello. La mia colpa è stata mentire a mio fratello dato che non ho detto che andavo a convivere perché sono stata malmenata da mia madre e avrei dovuto subito denunciarla. Mi ha fatto inimicare chiunque, mi rivolgevo a qualche conoscente di famiglia per farmi aiutare, ma nulla.lei è una persona squisita, ti ama, una mamma non tradisce mai invece la mia si. Per strada, se mi vede in compagnia di persone che per età, nazionalità o vissuto, non le vanno a genio, fa finta di vedermi dicendomi che sono paranoica e che ho le visioni. Ieri anche mio fratello ha detto che sono satana e sono volate maleparole, mia madre a.fare la vittima che si sentiva male e a mio fratello l'ho offeso pesantemente, non me ne pento, dicendo che la sua ex ha fatto bene a lasciarlo dato che è prepotente e violento con le donne, e lui a piangere. Per due giorni nemmeno a tavola con loro mi hanno invitata, hanno apparecchiato per due. Sto cercando un monolocale per andarmene e non chiamarli più ma dovrò poi andare a prendere le mie cose. Ho una madre di una cattiveria unica che non mette da parte l'orgoglio e una famiglia di m.... che usa la violenza e la manipolazione per farti male. Nel frattempo un amico potrebbe ospitarmi mentre cerco casa. Tu che faresti Ilaria?
    Rispondi a Livia Commenta l’articolo

    • Avatar di Ilaria Cardani

      Ilaria Cardani 5 giorni fa (23 Novembre 2020 11:32)

      Ciao Livia, la domanda: "tu che cosa faresti al mio posto?" è sterile, dato che io non sono al tuo posto. Se la tua famiglia è come la descrivi, credo che sia una famiglia "malata" nel vero senso della parola. Vedo da parte tua un senso di rabbia e di rivalsa nei loro confronti che è inutile e ti fa del male. Dovresti essere concentrata su di te e sulla tua vita. Io sconsiglio sempre di andare ospiti di un "amico", meglio trovarsi casa da soli. Trovati una casa e fai questo trasloco, non vedo dove sia il problema di andare a prenderti le tue cose a casa dei tuoi dato che ora ci convivi. Cercati un monolocale, non l'ennesima dipendenza da un estraneo per giunta e fai trasloco. Come del resto fanno tutti quando vanno a vivere da soli. Ma investi su di te, non sulla rabbia che hai per loro.
      Rispondi a Ilaria Cardani Commenta l’articolo

    • Avatar di Livia

      Livia 5 giorni fa (23 Novembre 2020 11:46)

      Grazie Ilaria, difatti non voglio stare alle dipendenze di altre persone. Era solo stare lì al max qualche giorno per staccare un po' dalla mia famiglia, dato che sono arrivata al punto che non mi sento a mio agio ad entrare in casa. Mi nascondo in camera, non voglio uscire e passo per menefreghista ma la mia è stanchezza di trattarmi con loro e voglia di stare bene. Non ero pronta ad avere la conferma che sono sola perché i famigliari sono stati vicino a me economicamente e solo per aiuti di facciata. Tutto doveva essere perfetto agli occhi della gente. Hai presente quelle madri che si lamentano perché i figli tornano sempre a casa in lacrime per le pesanti prese in giro e anziché difenderti, danno la colpa a te, hai qualcosa che non va ecco perché ti succede, se un pazzo ti manda i fiori a casa la colpa è tua. Hai presente?
      Rispondi a Livia Commenta l’articolo

    • Avatar di Ilaria Cardani

      Ilaria Cardani 5 giorni fa (23 Novembre 2020 11:49)

      Livia, ti ho detto che non è questo il punto. Il punto è andarsene e non da un "amico".
      Rispondi a Ilaria Cardani Commenta l’articolo

    • Avatar di Emilia

      Emilia 5 giorni fa (23 Novembre 2020 12:48)

      Ciao Livia, posso capire quello che stai vivendo. Almeno tu hai la fortuna di poterti allontanare da casa andando a vivere da sola. Io ancora non ho trovato lavoro, e il periodo difficile che stiamo attraversando complica ulteriormente la faccenda. Stamattina il mio nipotino stava spolverando in sala e mio padre ha approfittato per fare un video e inviarlo a mia sorella (la madre del bimbo). Mentre registrava, ha fatto un commento di pessimo gusto: "Bravo, fai quello che non fanno le femmine qui!". Io gliel'ho fatto notare e lui si è difeso dicendo che era soltanto una battuta. Allora ho replicato che non faceva ridere, essendo una battuta molto infelice. Ebbene, ho citato solo un esempio, ma potrei farne tanti altri che dimostrano la sua mentalità maschilista e il suo triste approccio alla vita. Nonostante io e mia madre teniamo pulita la casa, cuciniamo e via discorrendo, questi sono i suoi ringraziamenti. Tutto ciò per dire che, purtroppo, finché non si è indipendenti economicamente non si può fare altro che incassare i colpi, sperando di non ammalarsi per comportamenti simili. Soffro di colite nervosa da mesi... Spero di reagire a tutto questo prima che mi venga un esaurimento. Tu che puoi, vai via da quella casa e comincia una nuova vita. Se è necessario troncare definitivamente con la tua famiglia d'origine, fallo. E non sentirti in colpa. Spesso le persone che accusano gli altri di assumere atteggiamenti paranoici, soffrono di disturbi di varia natura. Lo dico per esperienza diretta. Quando si analizzano le vicende con cognizione di causa e le persone manipolatrici non sanno come difendersi dalle accuse che vengono loro rivolte, la prima cosa che dicono è: "Sei paranoica!". Per questo motivo, ti consiglio di non dar peso alle offese o agli insulti che ricevi. Un abbraccio
      Rispondi a Emilia Commenta l’articolo

    • Avatar di Eliana

      Eliana 5 giorni fa (23 Novembre 2020 13:01)

      Devi imparare a camminare con le tue gambe, a non affidarti ad altri per risolvere i tuoi problemi o sarai sempre dipendente dagli altri.
      Rispondi a Eliana Commenta l’articolo

    • Avatar di Livia

      Livia 5 giorni fa (23 Novembre 2020 14:31)

      Grazie Emilia ed Eliana per i vostri consigli, oltre naturalmente ai ringraziamenti per Ilaria. Emilia, ti abbraccio forte. Pensa che hai tua madre per essere solidale contro tuo padre e che almeno non sei sola. Penso che tua madre detesti tuo padre per queste battute. Con tutto il rispetto, non fategli più le pulizie e al tuo posto avrei risposto lui così:-"Almeno tuo nipote ha capito che anche gli uomini devono pulire e non far fare tutto alle donne."
      Rispondi a Livia Commenta l’articolo

    • Avatar di Emilia

      Emilia 4 giorni fa (24 Novembre 2020 12:05)

      @Livia, anche mia madre gliel'ha fatto notare, ma lei ormai si è rassegnata. Sa che non cambierà. Comunque, davvero acuta la tua risposta! :D Io ero troppo presa dal momento per fare battute come la tua...
      Rispondi a Emilia Commenta l’articolo

    • Avatar di Livia

      Livia 4 giorni fa (24 Novembre 2020 17:32)

      Capisco, li per li non ti vengono ma vedrai che dopo tanta esasperazione, quella che "non ti fa vedere più", ti verranno naturali. :*
      Rispondi a Livia Commenta l’articolo

  7. Avatar di Anna

    Anna 6 giorni fa (22 Novembre 2020 17:59)

    Buongiorno. Mi scuso per il disturbo, leggo molto spesso i suoi articoli e li ritengo molto interessanti oltre che utili. Per questo motivo ho pensato che lei fosse la persona più indicata per potermi dare un parere giusto su una cosa che mi è accaduta recentemente e che mi ha fortemente segnata. Mi ritrovo vittima di un narcisista manipolatore e sadico che, da 5 mesi a questa parte credo che non abbia fatto altro che giocare con me e con i miei sentimenti. Inizialmente nella fase della conoscenza era stato sincero con me fin da subito. MI aveva detto di non volere impegnarsi con nessuna ragazza, dal momento in cui era uscito da poco da una relazione molto importante durata un anno e mezzo che lo aveva fatto soffrire molto. Ci siamo ugualmente legati l'un l'altro, siamo andati oltre al bacio più di una volta e lui stesso aveva detto di tenerci a a me, ma che comunque quello non fosse il momento giusto per lui e che quindi non voleva rinunciare al divertimento estivo. Nonostante ciò, abbiamo passato l'estate a scriverci ogni giorno. Mi dava il buongiorno e la buonanotte, anche e soprattutto quando ero io a non cercarlo; si interessava a me, a quello che facevo e a volermi vedere, a volte passavamo le serate in discoteca assieme ai suoi amici(senza però che trascurasse i pomeriggi con loro alle partitelle di calcetto in spiaggia, ci mancherebbe). Ho iniziato a sentirmi molto confusa; una sera infatti, dopo averglielo fatto notare, aveva voluto parlarmi seriamente. Mi aveva detto di avere paura di innamorarsi di me dal momento in cui gli piacevo in tutto e per tutto ,fisicamente e caratterialmente e che fosse quello il motivo per il quale cercava di mantenere le distanze e di cercarmi fisicamente ogni tanto, perché non voleva soffrire nuovamente per una ragazza.. Finché un giorno, casualmente, ero venuta a scoprire che molto spesso passava i pomeriggi in spiaggia tenendosi per manina con un'altra ragazza. Ovviamente lì non ci avevo visto più dalla rabbia. Gli avevo detto di avere saputo come trascorreva i pomeriggi quando mi ignorava e la sua reazione era stata chiamarmi e giustificarsi per mezz'ora dicendomi che, in quanto single, si sentiva libero di fare quello che voleva e soprattutto con chi voleva, che prendersi per mano con una o baciarla comunque non volesse significare nulla. Dopo quell'episodio pensai di chiudere i rapporti momentaneamente per fare chiarezza su quanto accaduto. Passato qualche giorno decisi stupidamente di ricontattarlo, ma comunque nulla era cambiato. Si era ripetuto tutto ciclicamente: lui faceva quello che voleva alle mie spalle, io mi arrabbiavo anche quando mi ignorava per passare il tempo con gli amici e continuavo a non capire che tipo di rapporto e di interesse ci fosse da parte di entrambi. Addirittura qualche giorno prima del mio compleanno mi aveva detto che non sarebbe venuto, né lui né di conseguenza i suoi amici o, per meglio dire, i suoi zerbini. Alla mezzanotte del mio compleanno stavo festeggiando con le mie amiche in centro città e, neanche fare apposta, lui era solo a 30 metri da dove mi trovavo io per festeggiare. L'assurdità in tutto questo era stato vederlo proprio con la ragazza di cui ero venuta a conoscenza. Quello che vidi mi faceva vomitare, lei seduta sopra di lui. In poche parole: era riuscito a rovinarmi il compleanno. Gli ero passata addirittura davanti con menefreghismo e lui non aveva mosso un dito e, ovviamente, il giorno dopo non mi aveva fatto nemmeno gli auguri. Le cose poi con il passare del tempo non hanno fatto altro che peggiorare. Sui social vedevo addirittura che passava serate con altre ragazze o, per meglio dire, con altre vittime. Ho capito solo in quel momento che la sua non era una triangolazione volta ad ingelosirmi ma semplicemente si comportava così con tutte, usava le ragazze unicamente per i suoi sporchi comodi, egoisticamente parlando. Da quella volta erano passate tre settimane di puro silenzio in cui stavo cercando di lasciarmi tutto il passato alle spalle, finché non avevo sentito nuovamente un bisogno estremo di ricontattarlo e, una volta fatto, ci eravamo riappacificati. Un giorno era dalle mie parti e mi aveva addirittura chiamata per sapere se fossi in zona, visto che era nel bar vicino casa mia per vedere i suoi amici. Avevo acconsentito al volerlo vedere e nonostante tutto avevamo passato una piacevole seppur breve serata in compagnia nella quale mi aveva addirittura detto di aver chiuso con quella ragazza con cui si era frequentato. Nelle settimane successive mi aveva risposto a una mia instagram stories che avevo messo in evidenza sul mio profilo in cui era presente pure lui, dicendomi con il suo solito tono da presuntuoso che "era stata lui la mia estate". Da quel momento siamo andati avanti a scriverci su instagram per circa una settimana e in quell'occasione gli avevo detto che mi avrebbe fatto piacere vederlo per dargli un pensierino che gli avevo comprato prima della sua presunta partenza all'estero per impegni calcistici. Mi aveva chiesto quando avessi avuto intenzione di dargli il regalo ma, nonostante ciò, non ci siamo mai visti. Finché, solo un mese e mezzo fa ho ricevuto una chiamata inaspettata su whatsapp da parte sua seguita da una videochiamata alla quale non avevo voluto rispondere. Gli avevo chiesto tramite messaggio cosa volesse e mi aveva risposto che voleva semplicemente salutarmi. Il pomeriggio di quello stesso giorno, infatti, aveva messo una storia su instagram nella lista degli amici stretti in cui c'era scritto che la sera ci sarebbe stata una festa privata e di contattarlo se interessati. Sarebbe stato troppo facile per lui se gli avessi risposto, visto che era una trappola volta a farmici cascare. Ed ecco spiegata la chiamata di quella sera. Dopo un altro mese di silenzio da parte di entrambi, arriviamo a domenica scorsa in cui ho ricevuto una chiamata dal suo migliore amico alla quale non sono riuscita a rispondere in tempo. Anche in quell'occasione ho deciso di scrivere su whatsapp a questo ragazzo chiedendogli come mai mi avesse chiamata e la sua risposta è stata, guarda a caso "volevo salutarti. Come stai?". Stavo decisamente impazzendo. Non riuscivo a trovare una spiegazione a niente. A seguito di quanto successo ho così deciso di scrivere nuovamente a quel ragazzo narcisista che mi ha fatto perdere la testa, in tutti i sensi. Si è dimostrato disponibile fin da subito e addirittura sorpreso che lo avessi cercato. Abbiamo parlato del più e del meno per circa un giorno, finché ho preso il coraggio di dirgli ciò che pensavo, ovvero che in quei mesi di "no contact" avevo capito di tenerci ancora a lui e che mi infastidiva non sapere che rapporto fosse il nostro, oltre ad essere dispiaciuta di non averlo potuto più vedere. La sua risposta iniziale è stata "okay, e quindi?" seguita poi da una sua chiamata. Per mezz'ora di telefonata mi ha detto cose del tutto inaspettate che mai mi sarei immaginata di sentire. La prima cosa che gli ho chiesto è stata se dovesse dirmi qualcosa di brutto e la sua risposta è stata che in realtà aveva qualcosa di fin troppo positivo da comunicarmi. Dopo qualche secondo di silenzio e di insistenza ed impazienza da parte mia, mi ha confessato che il mio messaggio di qualche minuto prima gli aveva dato la forza di dirmi ciò che pensava e che si teneva dentro da tanto, ovvero di avere capito di provare qualcosa per me e di non avermi dimenticata e che, per paura di non essere ricambiato, non aveva voluto dirmelo. Mi ha addirittura spiegato che i motivi delle chiamate dell'amico sono state pensate da lui perché voleva semplicemente sentire la mia voce, oltre al fatto di ave avere capito di non essere mai stato così preso da una ragazza come con me ma che, nonostante tutto, aveva preferito andare avanti con la sua vita e dimenticarmi, soprattutto dopo aver visto che sui social pubblicavo foto con altri miei amici. Dopo ben 34 minuti di chiamata, però. il mio sogno è finito: mi ha detto che era tutto uno scherzo e che l'aveva fatto per noia, che non pensava davvero le cose che mi aveva detto fin dall'inizio della chiamata. Da quel momento in poi ho sentito una fitta al petto, non riuscivo più a ragionare né tantomeno a capire per quale motivo avesse dovuto compiere un gesto così crudele nei miei confronti, soprattutto dal momento in cui mi ero aperta con lui dichiarandogli i miei sentimenti. Come se non bastasse, dopo avergli detto che mi veniva da vomitare per la situazione è andato avanti con la sua stupida recita senza nemmeno rendersi conto di aver esagerato e di avermi ferita più di quanto non avesse già fatto. Non mi sono mai sentita così umiliata e ingenua in vita mia. La sera stessa dopo qualche ora ho sentito il bisogno di mandargli un messaggio vocale in cui mi sono ironicamente complimentata con lui per lo scherzo geniale da attore nato che mi avesse fatto e per ringraziarlo della telefonata fatta, visto che finalmente avevo aperto gli occhi e mi ero resa conto con chi avevo a che fare: un narcisista che gode del malessere altrui, incapace di provare rimorsi e sensi di colpa dal momento in cui usa chi gli fa comodo per raggiungere i propri scopi. Gli ho aggiunto che se continuerà così si ritroverà sicuramente da solo e gli ho detto di avere capito che, dopo quanto successo, non può più fare parte della mia vita. La mattina seguente, ovvero questo venerdì mattina, ha ascoltato il mio audio senza che ricevessi una risposta. Ho così deciso di bloccarlo sui social, ma prima di farlo ho notato che continuava ai guardarmi in continuazione le storie su instagram comparendo tra i primi visualizzatori, come un vero e proprio stalker ossessionato da sapere comunque tutto su di me. Ancora adesso a distanza di giorni continuo a non capacitarmi di quanto sia successo, ma soprattutto non riesco a trovare il senso di mentire su una cosa così seria, profonda e sincera. Ho addirittura pensato che tutto quello che mi avesse detto fosse vero ma che, per paura di mostrare i suoi veri sentimenti o non saperli riconoscere, avesse voluto rimangiarsi tutto facendomi credere che fosse tutto uno scherzo. Il problema è che ora non so più a cosa credere e a cosa no e per quanto io voglia trovare spiegazioni e scoprire la verità, so che la soluzione migliore sia lasciarmi il passato alle spalle e riprendere in mano la mia vita. Questa persona mi ha tolto energia, positività, mi ha fatto crescere incertezze su di me e sensi di colpa del tutto inutili con l'unico scopo, forse, di aumentare il suo ego, la sua autostima e il suo controllo su di me. Continuo soprattutto a non capire perché, pur sapendo il dolore che mi ha causato, io continui ad avercelo come chiodo fisso, come se avessi una forte dipendenza emotiva dalla quale non riesca a staccarmi completamente. Continuo giorno dopo giorno a pormi domande su cosa pensa veramente lui quando so che dovrei focalizzare l'attenzione unicamente su me stessa e sul mio bene, che in fin dei conti è la cosa più importante. Vorrei solo ritrovare me stessa, la mia pace e serenità interiore senza pormi più domande su quello che possa o meno pensare lui di me. Voglio semplicemente tornare a vivere senza pensieri negativi e paure ingiuste di non riuscire più a credere e a fidarmi di altri ragazzi. Detto ciò, mi scusi davvero tanto per questo tema infinito. Spero solo che lei possa darmi un parere su quanto le ho raccontato e magari anche un consiglio su come uscire il prima possibile da questa situazione a testa alta e senza cascare di nuovo in questi giochetti da persona malata ed instabile.. Credo che questa volta non lo sopporterei. La ringrazio per la pazienza e il tempo speso a leggere le mie paturnie, Sarei davvero curiosa di sapere come la pensa lei. Cordiali saluti
    Rispondi a Anna Commenta l’articolo

    • Avatar di Vic

      Vic 6 giorni fa (22 Novembre 2020 18:24)

      Ciao Anna, la dipendenza che senti è reale, è dipendenza affettiva ed è biochimica, causata dal rapporto altalenante che ti ha fatto vivere questo figuro. Il punto è che hai capito chi è, ora realizza pure che questo soggetto non cambierà mai. Ti farà solo del male ancora e ancora e ancora. Ti umilierà fino a ridurti uno straccio. L'unico modo per far andare via a poco a poco la dipendenza è un no contact totale e definitivo. Se continui a contattarlo o a guardare i suoi social, non ne uscirai più. Chiudi con lui e con tutte le persone collegate a lui. Chiudi definitivamente, o ti succhierà via tutto il sangue come un vampiro e poi ti butterà via come spazzatura.
      Rispondi a Vic Commenta l’articolo

    • Avatar di Anna

      Anna 6 giorni fa (22 Novembre 2020 20:54)

      Hai ragione, concordo con ogni tua singola parola! So che non sarà facile ma di certo è la cosa migliore per proteggere sé stessi. Ho capito che l’indifferenza è l’arma migliore per uscire a testa alta da situazioni di questo tipo. Grazie!
      Rispondi a Anna Commenta l’articolo

    • Avatar di Eliana

      Eliana 6 giorni fa (22 Novembre 2020 19:49)

      Non so se Ilaria ce la farà, ma io non sono riuscita a leggere neanche un quinto del tuo melodramma. Il tipo(sempre molto onesto con te oltretutto) si é soltanto divertito, esattamente come fanno mille altri. Non ti ha fatto nulla alle spalle come invece dici 1)perché non ti ha mai fatto alcun tipo di promesse; 2)perché non avete alcun tipo di legame(fidanzamento, matrimonio, ecc.). Ed anzi, lo capisco pure un po' poveretto... Tu sei diventata pesante pretendendo quello che non era disposto a darti e lui ti ha preferito una che o gli piaceva di più(fisicamente e/o caratterialmente) o ha preso la frequentazione con maggior leggerezza o che l'ha fatto innamorare. Tu, invece di rincorrerlo come un cagnolino, fargli scenate senza averne il titolo, passargli davanti "del tutto casualmente", ecc. perché non ti preoccupi di preservare intatta quel poco di dignità che ti resta, lo mandi a fanbagno e ti occupi della tua vita? Sai com'é, potresti conoscere del tutto inaspettatamente un uomo libero che non chiede che di amare e di essere amato! Per carità, sempre se hai voglia d'impegnarti al 100% in una conoscenza/frequentazione e non preferisci essere trattata come un giocattolino... A te la scelta
      Rispondi a Eliana Commenta l’articolo

    • Avatar di Vic

      Vic 6 giorni fa (22 Novembre 2020 20:45)

      Questi soggetti non sono "poveretti", però. Sono tutto tranne che poveretti, e non sono mai onesti.
      Rispondi a Vic Commenta l’articolo

    • Avatar di Eliana

      Eliana 6 giorni fa (22 Novembre 2020 23:12)

      Vediamo, uno che ti dice dal primo istante che non vuole impegnarsi non é onesto. Era decisamente meglio che la illudesse con parole d'amore e promesse non mantenute, hai ragione.
      Rispondi a Eliana Commenta l’articolo

    • Avatar di Vic

      Vic 5 giorni fa (23 Novembre 2020 11:55)

      Ma questi si contraddicono in continuazione, lo fanno apposta. Quando ci stai insieme ti fanno sentire importante e ti fanno sperare, poi non ti ci fanno capire più nulla. Tra l'altro, la ragazza è molto giovane e non ha esperienza nel campo, se hai maggiore esperienza lo capisci che non ha un vero interesse ma ti sta prendendo in giro. Ma se lei ha usato i termini "narcisista manipolatore e sadico" non credo sia un caso. Di solito, non è mai un caso. Solo che dal di fuori nessuno è in grado di capire come ci si sente, il turbinio di emozioni contraddittorie che questi soggetti ti fanno vivere, e che crea dissonanza cognitiva e dipendenza. Vista dall'esterno potrebbe essere una storia lapalissiana di scarso interesse e onestà nel dichiararlo. Ma qualcosa di strano c'è. E io le credo.
      Rispondi a Vic Commenta l’articolo

    • Avatar di A

      A 5 giorni fa (23 Novembre 2020 12:28)

      Adesso nel 2020 c'è l'etichetta di manipolatore e sadico, e vabbé. Quando avevo io 20 anni questi erano semplicemente str****. Lui le dice che non vuole impegnarsi e che non si sente impegnato con lei. Chiarissimo. Ma lo condisce con un "ho paura di innamorarmi". Evvai con le farfalle nello stomaco. Per fortuna con gli anni le farfalle verranno sostituite da abbondante pelo, sullo stomaco, che porterà come vantaggio: prendere meno abbagli e fregature, apprezzare di più altri uomini, senza effetti speciali magari, ma migliori. È capitato a tutte/i di incontrare il furbetto, niente di nuovo sotto il sole. Forza @Anna, hai incontrato un ragazzetto/ominicchio, ti servirà questa esperienza per migliorare le prossime.
      Rispondi a A Commenta l’articolo

    • Avatar di Vic

      Vic 5 giorni fa (23 Novembre 2020 13:19)

      @A Adesso c'è più informazione, più ricerca, più studio. Manipolatore e sadico è molto diverso da stronzo. Sono cose totalmente diverse e solo chi c'è passato può capire.
      Rispondi a Vic Commenta l’articolo

    • Avatar di Ilaria Cardani

      Ilaria Cardani 5 giorni fa (23 Novembre 2020 19:33)

      Sì, ma anche stronzo va evitato. E' pile? E' cashmere? E' morbido e mi tiene caldo, fuori fa un freddo boia, che mi frega se è pile o cashmere? Mi massacra di botte o di svalutazioni? E' un uomo sbagliato, chi se ne frega se è ludopatico, borderline, bipolare, narcisista perverso, tossicodipendente, alcolista, stronzo, manipolatore, dipendente dal sesso? Non facciamo diagnosi, diamoci alla fuga. Semplifichiamo: mi fa del bene, mi vuole bene ed è buono (in senso ampio, non "buonino") ci sto; mi fa male, non mi vuole bene ed è cattivo, non ci sto. Le diagnosi lasciamole agli altri.
      Rispondi a Ilaria Cardani Commenta l’articolo

    • Avatar di Vic

      Vic 5 giorni fa (23 Novembre 2020 20:27)

      Certo, che è un uomo sbagliato non ci piove, a prescindere da tutto.
      Rispondi a Vic Commenta l’articolo

    • Avatar di Sole

      Sole 5 giorni fa (23 Novembre 2020 20:34)

      Le ultime tre righe della risposta di Ilaria andrebbero marchiate a fuoco sull'"ingresso" di tutti i gruppi di sostegno (o pseudo tali) per vittime di narcisismo. E semplificherebbero davvero molte cose per molte donne.
      Rispondi a Sole Commenta l’articolo

    • Avatar di Eliana

      Eliana 5 giorni fa (23 Novembre 2020 22:05)

      Andrebbero marchiate a fuoco su tutti i gruppi di sostegno femminili in generale, non solo sull'ingresso di quelli di vittime di narcisismo.
      Rispondi a Eliana Commenta l’articolo

    • Avatar di White

      White 2 giorni fa (26 Novembre 2020 8:55)

      Mi chiedo perché noi donne ci incaponiamo a tutti i costi a voler analizzare e spezzare il filo in 4, 8 , 10 . Capita a molte, io stessa l'ho fatto ma dall'ultima esperienza vissuta sono diventata molto più "tranchant" in questo senso. Cioè, ma chi me lo fa fare ad accettare di essere trattata al di sotto dello standard che io decido vada bene per me... ma quanto tempo e salute mentale /fisica mi risparmio se solo tengo le "antenne" ben dritte? Non so, talvolta la facciamo cosi complicata la questione ma penso ci voglia veramente poco eh :) no diagnosi fai da te. uomo adatto uomo non adatto. punto. via via :)
      Rispondi a White Commenta l’articolo

    • Avatar di Ilaria Cardani

      Ilaria Cardani 2 giorni fa (26 Novembre 2020 11:20)

      Spesso White lo si fa perché non si ha null'altro...
      Rispondi a Ilaria Cardani Commenta l’articolo

    • Avatar di Eliana

      Eliana 5 giorni fa (23 Novembre 2020 19:51)

      Vic, Ilaria ha detto bene: le diagnosi lasciamole agli altri.
      Rispondi a Eliana Commenta l’articolo

    • Avatar di Giulia

      Giulia 5 giorni fa (23 Novembre 2020 13:47)

      Brava A! La definizione é alquanto ridicola, oserei dire quasi comica, considerata la situazione. Ci si fa castelli in aria da sola e adesso vien fuori che é colpa degli altri. Bisogna assumersi la responsabilità della propria felicità e lavorare sull'estremo bisogno di credere ad ogni cosa che ci viene detta da qualunque s@@@@@o che respira. La "ragazzina" non ha 14 anni(o non frequenterebbe il blog), dai 18 in su(patente, voto, ecc.) non ci sono giustificazioni alla propria ingenuità.
      Rispondi a Giulia Commenta l’articolo

    • Avatar di Vic

      Vic 5 giorni fa (23 Novembre 2020 21:47)

      "Dai 18 in su non ci sono giustificazioni alla propria ingenuità". Porca zozza, siamo tutte fregate! 😂
      Rispondi a Vic Commenta l’articolo

    • Avatar di Eliana

      Eliana 5 giorni fa (23 Novembre 2020 22:13)

      Porca zozza, come faremmo senza le tue continue puntualizzazioni! Saremmo tutte fregate! 😂
      Rispondi a Eliana Commenta l’articolo

    • Avatar di Vic

      Vic 5 giorni fa (23 Novembre 2020 23:18)

      Beh ti ringrazio, anche il tuo modo in generale non mi sembra utile ma lo accetto, ognuno ha il suo. Porta pazienza anche tu e sopportami, c'è spazio per tutti. Sono seria, comunque. Purtroppo non si nasce imparate ed è molto facile essere ingenue in amore. Non è un fatto di "dai 18 anni in su", ovvero non è un fatto di età. Intanto, bisogna aver avuto esperienza con soggetti di questo genere, essere state ingannate, riempite di bugie, usate e abbandonate. Poi, anche l'esperienza in sé purtroppo non è sufficiente. Ci sono moltissime donne che infilano una storia sbagliata dietro l'altra e non imparano dai propri errori. Perché la bisognosità vince sulla cautela e non si guardano i segnali, si mette la testa nella sabbia, si decide di rischiare pure se grandi possibilità non ce ne sono. Cos'è questa, se non ingenuità dettata dal bisogno? Quindi, l'unico modo per evolvere e farsi crescere il famoso pelo sullo stomaco non è semplicemente invecchiare e aver avuto varie esperienze negative, ma è fare un lavoro su di sé, alzare la propria autostima, riconoscere il proprio valore. Solo la consapevolezza di valere e meritare aiuta a non ricadere nelle trappole di chi finge interesse e amore per i propri scopi. E nonostante questo ci si può ricadere, malgrado tutte le nostre consapevolezze possiamo inciampare ancora. Basta un momento di debolezza, un periodo difficile in cui ci sentiamo vulnerabili, sole, abbattute, e può capitare. L'importante è perdonarsi, essere indulgenti con noi stesse, amarsi e ripartire a testa alta. Dire che "non ci sono giustificazioni alla propria ingenuità dopo i 18 anni" è sbagliato, perché porta a fustigarsi, a incolparsi di tutto, a pensare di non valere nulla. E' come dire: "Te la sei cercata, ora piangi". Ma in realtà sappiamo tutte quanto sia difficile, estremamente difficile, rimanere lucide quando si è coinvolte con una persona, quando abbiamo paura di perderla, che non ci ricambi, che se ne vada. Lì la razionalità va a farsi benedire, purtroppo. Soprattutto se si hanno poche o zero esperienze al riguardo. Ma in ogni caso. Quello che conta è non accanirsi dietro una persona sbagliata, riconoscerne la tossicità per noi e cambiare strada. E Anna lo ha fatto. Lo ha bloccato, ha capito i suoi errori e la sua ingenuità e ha deciso di meritare di più di questo. Mi sembra un comportamento molto maturo per una ragazza della sua età. E dal modo in cui scrive mi sembra anche una ragazza acculturata e in gamba. Quindi non diamo giudizi tranchant che minano ancora di più l'autostima e fanno sentire sbagliate in tutto. Siamo qui per sostenerci. Capita a tutte di essere ingenue, in amore e in amicizia, sul lavoro anche. E la gente se ne approfitta. Alcuni ci godono, oltretutto. Però capita a qualsiasi età, a 20 anni come a 60. Questa è la mia opinione, se non sei d'accordo va bene. Peace&Love
      Rispondi a Vic Commenta l’articolo

    • Avatar di Vic

      Vic 4 giorni fa (24 Novembre 2020 0:35)

      Tra l'altro, Ilaria ha giustamente definito quel ragazzo uno stronzo, che sia narcisista o meno. Tu l'hai definito addirittura "onesto" e hai scritto che "un po' lo capisci pure, poveretto". Quindi, di che parliamo? La diagnosi l'hai fatta anche tu. Su di lei (Anna), però. E senza neanche aver letto il commento, non mancando però di ridicolizzarlo ("il tuo melodramma").
      Rispondi a Vic Commenta l’articolo

    • Avatar di Eliana

      Eliana 5 giorni fa (23 Novembre 2020 12:59)

      Dal di fuori si capisce eccome come ci si sente se ci si é passate.
      Rispondi a Eliana Commenta l’articolo

    • Avatar di Anna

      Anna 6 giorni fa (22 Novembre 2020 21:17)

      Mi dispiace che lei non sia riuscita a leggere tutto il mio “melodramma”, perché in quel caso avrebbe notato che a fine messaggio ho espressamente detto di avere bloccato sui social questa persona dal momento in cui vorrei iniziare a stare bene con me stessa e, di conseguenza, sarei ben propensa a trovare qualcuno che sia davvero in grado di amarmi e che io stessa possa amare. Mi rendo conto che sia davvero facile vedere la situazione da fuori per come appare, ma sinceramente io non riesco a giustificare una persona che si dimostra costantemente incoerente con ciò che dice e con ciò che fa. Ciò non toglie il fatto che mi rendo conto di avere anche io parti di colpe, come potrebbe essere stato il voler “stare” alle sue condizioni per paura di perderlo o ingelosirmi inutilmente senza essere legittimata a farlo. Ho voluto condividere questa mia esperienza per ricevere consigli e critiche costruttive, non per sentirmi in colpa o per pensare che sia stata solo io nella parte del torto. L’educazione e il rispetto sono la base di un buon vivere con le persone e quando queste condizioni non ci sono, viene a mancare tutto il resto. Io non giustifico questa persona per come mi abbia trattata, tanto più dopo avermi riempita di belle parole per poi rimangiarsi tutto senza un apparente motivo, per uno semplice scherzo da persona sadica. A volte ci vuole solo più tempo del previsto per ammettere a sé stessi quanto sia nociva una persona nella nostra vita e per trovare il coraggio di lasciarla andare. Del resto, sono ancora una giovane ragazzina e ammetto di avere ancora tanto da imparare. Le lezioni di vita non finiscono mai! La ringrazio comunque per la pazienza e il tempo speso a darmi la sua opinione.
      Rispondi a Anna Commenta l’articolo

    • Avatar di Eleonora

      Eleonora 6 giorni fa (22 Novembre 2020 23:39)

      Cara Anna, io invece ho letto tutta la tua storia e mi sento profondamente dispiaciuta ed empatica nei tuoi confronti per quello che hai passato. Ho sempre sofferto di dipendenza sentimentale nei confronti di "cattivi ragazzi", evidentemente convinta dentro di me di poter meritare solo attenzioni vuote e sentimenti idealizzati proiettati su chi meno avrebbe potuto offrirmene di reali, e ho sofferto tanto per molto meno (cioè senza averci combinato nulla, senza che mi scrivessero quotidianamente, senza che mi dicessero che avevano paura ad innamorarsi di me), quindi posso solo immaginare come ti senti dopo aver vissuto una situazione del genere, con tante emozioni "forti" per quanto disfunzionali messe in ballo, e dipendenza probabilmente anche biochimica oltre che psicologica come ti dicevano sopra. Se ho imparato qualcosa da questo blog, credo che non dovresti colpevolizzarti piu' del dovuto per esserci cascata e soprattutto non interrogarti troppo su quello che davvero passava nella sua testa, per esempio se i sentimenti che ha millantato nella telefonata finale siano reali ma abbia paura ad ammetterli. Quello che conta sono i fatti: i fatti sono che ha dimostrato per te solo trattamenti opposti a sentimenti d'amore, facendoti violenza in mancanze di rispetto piccole, grandi e grandissime (come quest'ultima telefonata stessa), e una persona che prova qualcosa di buono nei tuoi confronti non può trattarti così, altrimenti sarebbe super gravemente disturbato e questo lo renderebbe egualmente sbagliato per te che se provasse solo astio e voglia di giocare. Penso davvero che tu abbia fatto benissimo ad allontanarti da lui e che dedicandoti a qualcosa che ti fa stare bene, che ti tenga impegnata e che ti può far crescere riuscirai a dimenticarlo e fare degli ottimi passi per te stessa e verso la conoscenza di qualcuno che davvero ti merita. Un carissimo abbraccio, Eleonora
      Rispondi a Eleonora Commenta l’articolo

    • Avatar di Vic

      Vic 5 giorni fa (23 Novembre 2020 11:59)

      @Eleonora Ecco, sottoscrivo appieno il tuo pensiero.
      Rispondi a Vic Commenta l’articolo

    • Avatar di Pamela

      Pamela 5 giorni fa (23 Novembre 2020 8:06)

      Esatto Eliana! Condivido ogni tua singola parola.
      Rispondi a Pamela Commenta l’articolo

    • Avatar di Haze

      Haze 5 giorni fa (23 Novembre 2020 17:50)

      Ciao Anna. Purtroppo te l'ha confessata lui stesso la radice di questo suo comportamento, forse in uno dei pochi momenti di verità che ti ha concesso: la noia. Sembra che questi personaggi abbiano un ego illimitato,ma in realtà il più delle volte semplicemente non sanno cosa fare delle proprie giornate. Forse i più intelligenti si rendono conto di fare un pochino schifo, e quindi preferiscono divagare, trovare qualcuno pronto ad adularli, piuttosto che fare i conti con se stessi. Sostanzialmente traggono autostima dagli altri, e, al contempo, per sentirsi pienamente realizzati, li sminuiscono. Infatti, sminuire l'altro alimenta il loro ego. Ecco perché alla fine ti senti stravolta e priva di energie e di motivazione. Non permettere a questi individui di crearti insicurezze.se ti può consolare, probabilmente scelgono le vittime proprio in base alla loro bellezza interiore e alla loro energia vitale, così hanno più linfa da succhiare. Tronca i rapporti. Non c'è niente che faccia loro più male che essere ignorati. Sicuramente lui tornerà, lo farà per forza, ma tu lo ignoralo ancora e dopo un po' ti tornerà la forza. Questa è la mia modesta opinione. Spero ti possa essere utile. Coraggio :)
      Rispondi a Haze Commenta l’articolo

    • Avatar di Sole

      Sole 5 giorni fa (23 Novembre 2020 19:07)

      Anna, mi dispiace per quello che hai passato. Non è facile barcamenarsi quando ci si ritrova davanti per la prima volta un soggetto del genere. Ce ne sono tanti in giro, ma ci sono anche dei ragazzi perbene e ti assicuro che, se si riesce a mettere da parte le fantasie inculcate dalle favole e/o dai media, le emozioni vere si vivono accompagnandosi a quelli del secondo tipo. Ilaria è una grande guida per acquisire consapevolezza di ciò, e ti consiglio caldamente di seguirla con costanza. Tranquilla, con il distacco la dipendenza man mano passerà e anche se ora non riesci a crederlo ti sentirai meglio. Un abbraccio
      Rispondi a Sole Commenta l’articolo

    • Avatar di Anna

      Anna 5 giorni fa (23 Novembre 2020 21:58)

      Grazie a tutte per le parole di conforto e per i preziosi consigli che mi avete dato. Li terrò sicuramente a mente se e quando dovessi avere delle ricadute o dei pensieri negativi sempre più presenti ed insistenti. Nonostante ciò, mi rendo conto che alcune persone hanno preferito credere che io abbia voluto usare termini esagerati e che sia convinta di non avere alcuna colpa quando anzi, ho specificato proprio nei commenti precedenti di essermi resa conto di averci messo del mio per non essere stata in grado di fermarmi da questa relazione malata nonostante fossi a conoscenza delle “condizioni” stabilite dal ragazzo. Ma sapete..quando il cuore e la testa sono completamente coinvolte da una persona che sa mentire in modo naturale e che ti fa credere tutto ciò che vuoi, non ci si rende nemmeno più conto di quanto questa sia nociva per la propria salute(sono sicura che molte di voi capiranno). Non a caso ho sentito il bisogno, proprio su suggerimento di Ilaria, di pubblicare e quindi condividere con persone a me sconosciute per la prima volta la mia storia personale, con l’obbiettivo di ricevere pareri e consigli UTILI su come poter uscire a testa alta da una crisi personale. Del resto il blog parlava proprio di questo e l’ingenuità bene o male(tanto più a 21 anni) credo che sia normale e talvolta giustificata. Io credo che l’importante sia prendere atto della situazioni e degli individui che ci troviamo davanti per non cascarci nuovamente in futuro, ed è proprio questo ciò che sto facendo. Sono sicura che queste esperienze nella vita servano sia per uscirne più fortificate, sia per evitare un domani di coinvolgersi nuovamente con persone del genere. Un abbraccio
      Rispondi a Anna Commenta l’articolo

    • Avatar di Eliana

      Eliana 5 giorni fa (23 Novembre 2020 22:11)

      Io non la chiamerei neanche relazione comunque. Non lo é stata. Sa mentire in modo naturale, mah... Hai visto e sentito quello che volevi sentire e vedere. Impara ad amarti e a dedicarti alla tua vita, con il lockdown certo non ti manca il tempo.
      Rispondi a Eliana Commenta l’articolo

  8. Avatar di Riccardo

    Riccardo 5 giorni fa (23 Novembre 2020 9:49)

    Buongiorno, sono un uomo di 47 anni, due figli, sposato da quasi 21 anni. Da circa un anno ho iniziato a sentire la mancanza di feeling con mia moglie e ne abbiamo anche parlato stando ora in una sorta di limbo matrimoniale. Non ho più il desiderio di coccolarla e fare l'amore con lei, anche se, quando capita, è sempre una bella cosa e mai meccanica. Francamente io ho voglia di assecondare me stesso e non sottostare più ai ritmi della coppia e soprattutto al costante dover giustificare ogni mio movimento, anche se lei cerca di lasciarmi lo spazio che voglio (il lock down ovviamente ha annebbiato molto questa reale possibilità). Altra franchezza è che mi sono reso conto di avere una forte sessualità, che lei non riesce ad assecondare per questioni caratteriali (non ne faccio una colpa), ma a me manca l'Eros fantasioso anche spinto e un po' "bizzarro": insomma quella fantasia divertente che i manca moltissimo.; abbiamo provato qualche gioco, ma noto che lei lo fa imbarazzata e quindi rispettandola ho preferito non insistere. In sintesi, spero di ottenere da voi donne una visione costruttiva e un indirizzo sul cosa fare. Mi raccomando: siate dirette e assolutamente sincere senza giri di parole
    Rispondi a Riccardo Commenta l’articolo

    • Avatar di Sebastiana

      Sebastiana 5 giorni fa (23 Novembre 2020 10:42)

      come hai scoperto di avere questa forte sessualità? cosa intendi per "dover giustificare ogni mio movimento"? secondo me la forte sessualità non è indice di bizzarie fatte a letto! la sessualità è soggettiva e ognuno la manifesta in maniera diversa. Ti è mai passato per la testa che tua moglie potrebbe avere altrettanto una forte sessualità che tu non hai saputo cogliere ma che potrebbe perfettamente cogliere un altro uomo? non vuoi giri di parole e io allora ti dico che in ciò che scrivi non vedo nessuna sincerità. Da parte tua "non c'è più voglia di assecondare la coppia", e se ti manca la buona volontà di risolvere questo aspetto, che senso ha continuare?! Se hai trovato qualcuno che fuori soddisfa i tuoi personali desideri, invece di cercare comprensione e pareri da altre donne (tra l'altro sentendo solo la tua campana) sii uomo e comunicalo a tua moglie, così che anche lei possa andare avanti.
      Rispondi a Sebastiana Commenta l’articolo

    • Avatar di Riccardo

      Riccardo 5 giorni fa (23 Novembre 2020 13:29)

      Intanto Sebastiana grazie per il parere diretto (è ciò che voglio), ma devo puntualizzare questo: mia moglie mi ama moltissimo e sicuramente, oggi, io posso solo dirle "ti voglio bene". Ne abbiamo parlato molto anche di questa diversa sessualità (molto più carnale la mia a fronte della sua maggior dolcezza nell'atto), ha provato ad assecondarmi, ma il risultato è stato "lo faccio solo perché ti fa piacere" e ovviamente non è ciò che volevo ma solo maggior coinvolgimento di lei. Io non ho nessuna fuori, ma su una cosa non posso darle torto, probabilmente non sento più la coppia come una parte di me. Lasciandola so che procurerò tanto dolore a lei e ai miei figli, ma allora mi/Vi chiedo: la felicità va comunque perseguita oppure la famiglia deve vincere a prescindere su tutto e tutti?
      Rispondi a Riccardo Commenta l’articolo

    • Avatar di kerry

      kerry 3 giorni fa (25 Novembre 2020 11:13)

      Ciao Riccardo, sono giovane, ho solo 31 e sono stata sposata fino a due anni fà con un uomo con cui sono stata per ben 14 anni (8 di convivenza e quasi uno di matrimonio) Ho i genitori separati e la loro separazione, avvenuta in tarda età mia (avevo 20 anni) mi ha tanto distrutta, li avevo sempre visti molto molto innamorati e non capivo perchè. Ora ti dico questo... Con il tempo, la maturità e dialogo (anche con i miei) ho capito che sacrificarsi (in generale, quindi anche per la famiglia) NON è mai un bene, nè per te stesso (che è la cosa importante) nè, a questo punto, per la tua famiglia. Pensaci...per quanto riusciresti ancora a "vivere" in una situazione nella quale ciò che provi per tua moglie non è più amore ma affetto? Ora magari le cose sono anche tranquille, nel senso che non ci sono problemi e ancora comunque vi volete bene, ma non credi che con il passare del tempo, questa tua (leggera per ora) "frustrazione" possa ingigantirsi? E che persona sarai quando la frustrazione o peggio, la rassegnazione avranno preso il sopravvento su di te? Perchè mettere da parte se stessi e la propria natura e volontà, è un atto davvero difficoltoso ed estremo, e magari potrai riuscirci per qualche anno...e poi? Rifletti molto su questo. Sò che "lasciare" tutto è una decisione che terrorizza, la paura di soffrire e far soffrire. MA: i figli crescono e se li tratterai con amore e rispetto e avrai un buon dialogo con loro, con il tempo capiranno (te lo dico per esperienza, ho odiato mia madre per anni, e ora che l'ho capita, siamo tornate in simbiosi) e i partner, anche loro capiranno, soffriranno (e io sono stata lasciata da mio marito per un altra donna) ma andranno avanti lo stesso, e anzi, avranno modo magari anche loro di trovare nuovamente una persona più vicina al loro modo di essere, oppure di ritrovare se stesse. Ora, non ti sto dicendo di lasciare tua moglie, se credi che le cose in qualche modo si possano sbloccare e tu la AMI e sei disposto a impegnarti nel farle funzionare, allora fallo! Ma devi esserne sicuro, e credo che alla fine le risposte ognuno di noi le abbia già dentro di sè, solo che spesso si ha paura di ascoltarle. Spero tu possa trovare la tua dimensione. Un forte abbraccio.
      Rispondi a kerry Commenta l’articolo

    • Avatar di Emanuela

      Emanuela 3 giorni fa (25 Novembre 2020 12:33)

      Ciao Kerry, un commento bellissimo, esprime buon senso, sensibilità, maturità. Ammiro la tua consapevolezza. Alla tua età io ero ancora in alto mare:)
      Rispondi a Emanuela Commenta l’articolo

    • Avatar di kerry

      kerry 3 giorni fa (25 Novembre 2020 18:33)

      Ti ringrazio molto :) <3
      Rispondi a kerry Commenta l’articolo

    • Avatar di Riccardo

      Riccardo 3 giorni fa (25 Novembre 2020 16:29)

      Cara Kerry, sei una persona davvero speciale (anche se ho letto solo la tua risposta e non ti conosco affatto) perché nelle tue parole si comprende quanto hai sofferto, ma quanta lucidità c'è nel tuo vissuto, anche da ragazza di genitori separati. Rifletterò molto sulla tua disamina del mio problema e già di dico che hai veramente illuminato ciò che sentivo in me seppur con le mille difficoltà personali a doverlo ammettere. Ti ringrazio di vero cuore della tua esperienza condivisa e dei tuoi suggerimenti. Ti auguro una splendida vita commisurata alla sensibilità che sprigioni anche nei confronti di un perfetto sconosciuto. Ricambio l'abbraccio con estremo affetto.
      Rispondi a Riccardo Commenta l’articolo

    • Avatar di kerry

      kerry 3 giorni fa (25 Novembre 2020 18:32)

      Ti ringrazio di vero cuore anche io e sono molto felice che la mia risposta e la mia esperienza ti abbia aiutato, anche solo un pò, a fare chiarezza. <3
      Rispondi a kerry Commenta l’articolo

    • Avatar di Daniela

      Daniela 5 giorni fa (23 Novembre 2020 15:00)

      iniziare con un bel dialogo nella coppia?
      Rispondi a Daniela Commenta l’articolo

    • Avatar di Riccardo

      Riccardo 2 giorni fa (26 Novembre 2020 8:49)

      L'abbiamo affrontato Daniela, lei desidera la mia felicità e giustamente però, non vuol rimanere in un limbo indefinito con una persona che non riesce più a renderla felice. Oggi lei mi ama, lo ha dichiarato, ma io non riesco a dire lo stesso e sento che la sto trascinando nell'apatia che non merita. Tra l'altro è molto religiosa (ma estremamente lucida ed intelligente nelle argomentazioni amorose di coppia) e purtroppo anche nel sesso lei "fa costantemente l'amore", mentre si sente "sporca" nel fare sesso come invece io avverto il desiderio: carnale, fantasioso,anche particolare purché assolutamente condiviso nella curiosità erotica...
      Rispondi a Riccardo Commenta l’articolo

    • Avatar di FrancescaF

      FrancescaF 3 giorni fa (25 Novembre 2020 20:46)

      Secondo me, un professionista esterno alla coppia potrebbe aiutare. Tentare potrebbe comunque fare chiarezza sl di là di qualsiasi decisione si prenderà. Andatevi a vedere il discorso Ted di Esther Perel, è una psicoterapeuta belga che vive a New York. Chi desidera i sottotitoli in italiano, può guardare il video su desktop. https://youtu.be/sa0RUmGTCYY
      Rispondi a FrancescaF Commenta l’articolo

    • Avatar di Riccardo

      Riccardo 2 giorni fa (26 Novembre 2020 8:51)

      Francesca, grazie per avermi suggerito il video di TED: illuminante e assolutamente vero!
      Rispondi a Riccardo Commenta l’articolo

  9. Avatar di Livia

    Livia 2 giorni fa (26 Novembre 2020 16:52)

    Ciao Ilaria, forse il tuo sito sta avendo problemi perché mi aggiorna i commenti ma poi non mi compaiono sotto gli articoli.
    Rispondi a Livia Commenta l’articolo

    • Avatar di Viviana

      Viviana 2 giorni fa (26 Novembre 2020 17:05)

      Sta succedendo anche a me, ho provato più volte, in momenti diversi, da dispositivi diversi, ma non mi compaiono i commenti sotto l'articolo relativo all'importanza di avere amiche fidate.
      Rispondi a Viviana Commenta l’articolo

    • Avatar di Serena

      Serena 2 giorni fa (26 Novembre 2020 17:15)

      Ho l'impressione che semplicemente Ilaria abbia cancellato i messaggi incriminati... Per questo motivo compaiono ancora le anteprime ma non i commenti per intero. Magari mi sbaglio! Mi dispiace comunque per la persona (credo di aver capito chi sia) che ha subito il furto di identità, che brutta cosa :(
      Rispondi a Serena Commenta l’articolo

    • Avatar di Ilaria Cardani

      Ilaria Cardani 2 giorni fa (26 Novembre 2020 17:20)

      Risposta, riassunto e conclusione. Il mondo è pieno di persone scorrette e che mancano di equilibrio. I temi trattati qui sul blog sono "temi sensibili" e qualcuno, che evidentemente ha sensibilità tutte sue, non si vuole dare pace che questo è un ambito privato in cui la "padrona di casa" apre le porte a chi è educato e rispettoso e le chiude a chi non lo è. Come molte si saranno accorte, negli ultimi giorni ci sono stati interventi di una commentatrice oltremodo decisa e troppo tranchante. Costei ha trasceso e io in modo simpatico gliel'ho fatto notare. Mi ha insultato, che è un meccanismo psicologico piuttosto banale. Quando le ho fatto capire che non avrei accettato più suoi interventi, ha assunto il nickname di una lettrice che commenta sempre in modo educato e costruttivo e io stessa sono cascata nell'inganno. Fatto sta che la stessa commentatrice (quella vera, con nome cognome etc) mi ha scritto dopo che si è scatenata la tempesta dicendo di essere impegnata in tutt'altro e di essersi accorta della tempesta, di non voler intervenire in prima persona sul blog per non creare altro scompiglio. A quel punto mi sono svegliata anch'io e mi sono accorta dell'imbroglio (attenzione alle trappole!) ho eliminato i commenti falsati e trollati. Di nuovo è accaduto che sia stata bombardata di commenti di insulti da account il più possibile fantasiosi. Ricordo che chi agisce in questo modo oltre che scorretto, commette atti non leciti e quindi perseguibili. Per quanto riguarda i commenti, ovviamente quelli dei troll sono stati cancellati, ritengo di mantenere alcune considerazioni utili che sono giunte in risposta e ritengo di fare cosa utile per tutti. Purtroppo nella vita incappiamo nelle persone sbagliate o loro ci vengono a cercare. Non diamo altro fieno a queste polemiche, continuiamo come al solito, nella massima pace e tranquillità. Grazie a tutte voi per la collaborazione e la pazienza.
      Rispondi a Ilaria Cardani Commenta l’articolo

    • Avatar di emanuele

      emanuele 2 giorni fa (26 Novembre 2020 19:37)

      Ciao Ilaria, Questo è davvero un episodio increscioso. Qualcuno poi tralascia un aspetto molto importante del tuo lavoro. Dai davvero tanto, ci sarebbero persone che dopo il primo consiglio non esiterebbero a farsi pagare parcelle salate per consulenze private .Io sto continuando a studiare sono alle prese con un corso intensivo in Digital Marketing e Social Media Manager.
      Rispondi a emanuele Commenta l’articolo