Ti comporti anche tu come una reduce?

reduceSe hai sofferto o stai soffrendo per amore e pensi di non trovare la persona giusta per te o che l’uomo giusto per te proprio non esista – perché, tra l’altro, pensi che gli uomini siano tutti stronzi – è possibile che tu ti stia comportando come una reduce. Ci hai mai pensato?

"Se la sofferenza vi ha resi cattivi l’avete sprecata. ida_bauer Twitter"

Ma chi è un reduce? Un reduce è chi è tornato da un’esperienza drammatica, pericolosa e terrorizzante magari durata anche a lungo, tanto da sembrare eterna.

E questa esperienza in un modo o nell’altro ha lasciato segni o ha lasciato tracce. Ferite e cicatrici. O magari anche un dono (segnatelo questo)…

Di solito ci si riferisce ai reduci come reduci di guerra. Il cinema e la narrativa hanno fatto enormi fortune sulle storie dedicate ai reduci. Pensa ad esempio alla serie dei vari Rambo.

In realtà io sono convinta che ci sono molte altre esperienze nella vita che rendono persone “comuni” simili a reduci di guerra, anche se quasi nessuno ne è consapevole o vuole considerarlo. E sempre più studi e ricerche lo dimostrano.

Un abbandono, la fine di una storia, un divorzio possono essere tutte esperienze traumatiche che hanno la stessa intensità e gli stessi effetti sulle persone di quello che può avere il combattere in prima linea in uno scontro armato.

Anche un tradimento può essere un trauma difficile da superare e che lascia segni.

Così come pure il mobbing, la violenza psicologica, la violenza sessuale o l’essere stati vittime di un evento naturale tragico (terremoto, alluvione, frana etc.). O anche la perdita di una persona cara, la perdita di un figlio, anche prima della sua nascita. Perfino perdite finanziarie o raggiri e furti subiti possono essere traumi gravi, ai quali attribuire la giusta importanza. Cioè eventi da non sopravvalutare ma soprattutto da non sottovalutare per il loro impatto sulla nostra emotività.

Un modo utile di considerare le tue esperienze

Questo significa che chiunque abbia sperimentato un tradimento, una separazione o un abbandono ha per forza subito un trauma difficile da superare? No di certo.

L’intensità dell’esperienza e la sua percezione come traumatica dipendono dall’individuo che la sperimenta, dalle caratteristiche specifiche dell’esperienza vissuta, dal contesto e dalla elaborazione che ne fa chi la vive.

Un divorzio consensuale e amichevole che avviene tra due persone che hanno condiviso molto e condividono anche l’idea di essere arrivate a fine corsa è ben diverso da “un fulmine a ciel sereno” subito e non consensuale.

Il “furto” di un giocattolo da parte di un compagno di classe alla scuola materna può avere nel ricordo della stessa persona un impatto molto più doloroso dello scippo di mille euro in centro città.

Accettare un divorzio come uno dei tanti accadimenti della vita che causa molti cambiamenti spiacevoli ma porta anche nuove opportunità di realizzazione, è ben diverso che considerarlo la “fine di tutto” e “il fallimento dei fallimenti”.

Il punto di vista e il significato che attribuiamo agli eventi possono fare la differenza tra serenità e dannazione (segnati anche questo).

"Non sai che ognuno ha la pretesa di soffrire molto più degli altri? H. de Balzac"

Immagino che ora tu possa pensare qualcosa del genere: “Scusa Ilaria, adesso proprio non ti seguo più. Prima mi dici che la fine di una storia è un trauma simile a quelli provati da chi è stato a combattere in prima linea e poi mi dici che invece è un’opportunità di rinascita. No, perché prima mi spaventi e mi fai credere di essere stata traumatizzata, poi neghi? Dov’è la verità?”

In questo momento il mio obiettivo è chiarire che spesso sperimentiamo dei veri e propri traumi e non lo sappiamo e non ne teniamo conto e il fatto di non saperlo e non tenerne conto non va bene.

Ribadisco, a proposito di traumi, molti ricercatori sono concordi nel ritenere che per esempio il disturbo post traumatico da stress (PTSD nell’abbreviazione in lingua inglese), che  all’origine è stato diagnosticato sui veterani di guerra, può colpire persone sottoposte a vari traumi, inclusi per esempio il divorzio e la separazione.

Questo potrebbe significare allora che se sei divorziata o sei separata o se il tuo corteggiatore non ti chiama da una settimana tu inevitabilmente e senza dubbio hai sperimentato o stai sperimentando un trauma?

Assolutamente no. Però in certi casi potrebbe accadere (non nel caso in cui lo spasimante di turno non si fa sentire da una settimana, si spera).

In certi casi invece non accade proprio.

Se pensi di avere subito un trauma e di stare sperimentando qualcosa di simile al disturbo post traumatico da stress, te ne devi occupare, chiedendo aiuto a persone capaci ed esperte, a professionisti.

Nello stesso tempo evita di drammatizzare. Soffrire o aver sofferto non significa necessariamente avere bisogno di aiuto o di sostegno specifici.

Bene, ora che abbiamo chiarito possiamo andare oltre, al nocciolo della questione dell’articolo.

Ti consiglio di continuare a leggere in ogni caso. Se hai vissuto esperienze veramente traumatiche; se credi di averle vissute o anche se sei solo un po’ arrabbiata e addolorata per quanto ti è successo in passato e hai poca fiducia e poca speranza nel tuo futuro.

Non puoi fare la reduce per sempre

A chi mi riferisco quando parlo di reduci? A quale tipo di atteggiamento mentale penso?

Mi riferisco a tutte quelle signore che dopo qualche esperienza sentimentale deludente assumono un atteggiamento negativo, cinico e distruttivo verso qualsiasi cosa capiti loro e in particolare verso tutto quello che riguarda le relazioni di coppia e gli uomini (soprattutto).

Esattamente come lo stereotipo del reduce da film americano di cassetta (o anche pseudo intellettuale), le reduci non fanno altro che esprimere il loro dolore (unico e irripetibile), il loro disgusto (esagerato e insuperabile) e il loro disprezzo (radicato e soprattutto articolatamente e dettagliatamente motivato) verso qualsiasi proposta che possa far loro trovare un minimo di serenità (impossibile) o un uomo passabile (“gli uomini sono tutti delle melme, degli immaturi, quelli di oggi poi, mica come mio nonno”).

In realtà, come il reduce di guerra da stereotipo è rancoroso con il mondo perché si sente incompreso, “colpito al cuore”, non riconosciuto per quanto ha fatto e per quanto ha sofferto, così la reduce da delusioni sentimentali è arrabbiata, risentita e delusa.

Per una/due/tre relazioni con uomini sbagliati che l’hanno fatta soffrire, si è convinta che TUTTI gli uomini siano sbagliati.

Per uno/due anaffettivi dei quali si è innamorata, è certa che l’amore non esista.

Per il fatto di essere stata tradita dieci volte dallo stesso soggetto, garantisce che tutti gli uomini sono dei bugiardi bastardi traditori.

La reduce sente un bisogno potente e insopprimibile di conforto, di consolazione, di comprensione.

Per questo si lamenta in continuazione.

Vuole essere compresa nel suo dolore enorme e insuperabile e cerca supporto sfoderando cinismo, sarcasmo e disfattismo. E non è finita qui.

Se hai visto il film Forrest Gump, ti ricorderai il personaggio del tenente Dan, che, durante uno scontro in Vietnam ha perso le gambe ed è stato salvato da Forrest.

Il tenente Dan, come ogni reduce che si rispetti, disprezza Forrest per il suo approccio entusiasta alla vita, per il fatto di averlo salvato e di averlo quindi “condannato” a una esistenza infame. Si dà all’alcol e a una vita miseramente dissoluta.

Ma non per sempre…

Come il tenente Dan, anche la reduce da sofferenze sentimentali è disgustata da tutto e da tutti, in particolare da chiunque tenti di portare con parole opere o anche omissioni un barlume di luce e di speranza nella sua vita.

La reduce si comporta come se fosse infastidita da ogni pensiero positivo su relazioni, amore e uomini.

Cerca consolazione e quindi è inconsolabile.

"Concediti un momento di dolore quando le sventure della vita ti visitano. Tuttavia, non trascorrere le tue giornate nella costruzione di un monumento in loro onore. Dodinsky"

Ma la vera verità è che la reduce tiene moltissimo ad avere una nuova relazione, a incontrare l’uomo giusto, a vivere una vita di coppia.

Il suo è un cinismo difensivo. La reduce desidera enormemente una bella vita sentimentale e allo stesso tempo ha una paura folle di soffrire ancora. E’ per questo che fa la reduce.

E’ combattuta tra un sentimento di profonda sfiducia verso il mondo dei sentimenti e il sogno mai sopito di una relazione fantastica e appagante. In fondo al proprio cuore crede e vuole credere ancora nell’amore.

Anche se afferma esattamente il contrario.

Ecco perché assumere il comportamento della reduce è una trappola mentale e anche reale.

Fare la reduce è una trappola (mentale e non solo)

E’ una trappola mentale perché i pensieri della reduce sono tanto negativi da avvelenarla e da renderla respingente per gli uomini di valore.

Quale uomo sano, di buon senso e con un po’ di amor proprio vorrebbe star vicino a una donna che pensa e parla in modo cinico e distruttivo delle relazioni, dei sentimenti e dell’altro sesso?

Quale uomo con un equilibrio mentale minimo può sentirsi attratto da una donna che considera tutti gli uomini bugiardi, traditori e anche stupidi?

Fare la reduce è una trappola reale perché, guarda caso, sono proprio le reduci che, a dispetto di tutti i muri e gli steccati che erigono nel vano tentativo di proteggersi dal dolore passato e futuro, le prime a cedere alle lusinghe del primo adulatore da due soldi che passa di lì.

Cadendo, di nuovo, calzate e vestite nell’ennesimo imbroglio sentimentale.

Come anche la storia del tenente Dan insegna, la via alla serenità personale e a una relazione sana passa attraverso la fase dell’accettazione del dolore vissuto e delle ferite e cicatrici che il dolore ha lasciato.

"Il dolore è l’agonia di un istante, l’indulgere nel dolore è l’errore di una vita.
Benjamin Disraeli"

Passa anche dalla rielaborazione del fallimento come “insegnamento” e dalla consapevolezza che anche l’evento più luttuoso non solo ha fatto scorrere lacrime e lasciato pessimi ricordi e orribili sensazioni, ma anche un dono di saggezza rispetto alla comprensione di se stesse, degli altri e del mondo.

Dopo tanto dolore, dobbiamo considerare non solo di avere la possibilità e l’opportunità di una felice rinascita, ma anche un dovere morale verso noi stesse e la nostra esistenza.

 

Articoli Correlati

Gratis per te!

Non sbagliare e non soffrire più! Trova l'amore! Vuoi capire quali sono i tuoi comportamenti sbagliati con gli uomini e come puoi evitarli? Vuoi aumentare la tua autostima e avere più sicurezza nelle relazioni?

Lascia un Commento!

50 Commenti

  1. Avatar di Claudine

    Claudine 4 mesi fa (10 dicembre 2016 9:17)

    Buon giorno Ilaria e buongiorno a tutti! Questo articolo è molto interessante e mi ha fatto riflettere. Probabilmente sono stata una reduce inconsapevole...gli ultimi incontri che ho avuto con uomini hanno preso a volte strane, con messaggi incomprensibili e stranezze da gente non apposto. Ci rimanevo male e mi colpevolizzavo pensando che ero io a suscitare in loro questo atteggiamento, perché non uno, ma vari casi, che ormai prevedevo la mossa e accadeva...L'essere reduce significa anche questo: prevedere la mossa, cioè aspettarsi il peggio...la stranezza è che il peggio, dalla persona che avevo conosciuto in buona fede, arrivava. Adesso non ci rimango più male, perché sono più forte e consapevole. Ultimamente mi sono posta l'obbiettivo di rimettermi in forma. Lo devo a me stessa. Sono soddisfatta di me perché ho perso 9 kg, sto bene e mi sento carica. Ho visto subito il cambio dell'atteggiamento maschile nei miei confronti. Mi notano, mi fermano. Un uomo mi ha chiesto il numero è gliel'ho dato perché mi piaceva. Ok, ha fatto tutto lui. Messaggi poco carini...poi un filmato di un vecchio che racconta una storia sporca, con un' scusa mi sono sbagliato'...chi ci c
    -1
    Rispondi a Claudine Commenta l’articolo

    • Avatar di Claudine

      Claudine 4 mesi fa (10 dicembre 2016 9:27)

      Scusate è partito in messaggio. Nel mentre altri casi così. So di non essere e avere più un approccio da reduce, anzi... Ma certi soggetti continuano ad incrociare la mia strada con le loro stranezze incomprensibili. La cosa che mi rende fiera è che non mi turbano più di tanto, accetto la loro presenza e tiro dritto. Un tempo avrei chiesto il perché di un simile atteggiamento o il perché mi chiedono il numero se poi non chiamano e invece mandano certi messaggi strani, ecc...invece cancello e tiro dritto serena.
      2
      Rispondi a Claudine Commenta l’articolo

  2. Avatar di Claudine

    Claudine 4 mesi fa (11 dicembre 2016 17:55)

    Buonasera! Che bello l' usanza kintsugi! Mi farebbe piacere che se ne parlasse nel blog. Scrivo qui stasera per condividere con voi un evento a cui parteciperò fra un pó. Una cena a cui mi hanno invitato a forza. Si tratta del vecchio gruppo di amiche. Mi fa piacere rivederle, erano anni che mancavo ai loro ritrovi, ma questa volta l'anno organizzata quasi solo per noi. Noi saremmo la mia amica ed io, praticamente le uniche single. Il piacere di rivederli è sempre stato smorzato da un senso di disagio e fuori posto che provo in mezzo a tutte queste famiglie felici con tanti figli e dal grosso punto interrogativo che vedo loro teste. Anche questa volta l'invito era 'porta chi vuoi'. Riconosco che io ho tergiversato nel passato, sbagliato, compromesso tempo prezioso, mentre loro sono state ferme, irremovibili e adesso appagate. Ma guardandoli penso anche che esiste una buona e grande fetta di fortuna. Ecco, di fronte a loro mi sento ancora una reduce, di cui hanno assistito ad alcune battaglie (perse) e che non conoscono (e non conosceranno mai) tutte le altre. Temo la domanda 'allora novità?' Ecco, non è facile. Se volessi essere single probabilmente non avrei questo disagio, ma è una condizione che per ora scelgo perché mi voglio bene e che abbandonerò solo per un uomo di valore, se c'è.
    0
    Rispondi a Claudine Commenta l’articolo

  3. Avatar di Lu

    Lu 4 mesi fa (11 dicembre 2016 13:34)

    Ho letto di un'antica pratica giapponese, il kintsugi; quando un oggetto di ceramica si rompe, i giapponesi non lo buttano via, lo riparano, incollano i pezzi e riempiono le crepe con dell'oro. Impreziosiscono le ferite perché rendono l'oggetto più bello, unico. Una trama di preziosissime ferite. Un'opportunità nella sventura. Non possiamo sempre programmare quello che ci capita (e spesso è una fortuna), però possiamo imparare ad utilizzare in maniera sapiente quello che resta. Un abbraccio a tutte!
    12
    Rispondi a Lu Commenta l’articolo

    • Avatar di Ilaria Cardani

      Ilaria Cardani 4 mesi fa (11 dicembre 2016 16:34)

      Grande Lu, anch'io spesso penso alla pratica del kintsugi e mi sono spesso riproposta di parlarne. Tu l'hai fatto prima di me e tra l'altro in un articolo quanto mai appropriato. Grazie. Magari un giorno anch'io ne parlerò...
      11
      Rispondi a Ilaria Cardani Commenta l’articolo

    • Avatar di Lu

      Lu 4 mesi fa (11 dicembre 2016 19:21)

      Cara Ilaria, grazie a te per tutto quello che scrivi! E' utile per mettere insieme i pezzi!:)! Spero tanto ne parlerai prima o poi!
      2
      Rispondi a Lu Commenta l’articolo

    • Avatar di Gea

      Gea 4 mesi fa (11 dicembre 2016 19:42)

      @ Lu: grazie per aver parlato del kintsugi! Avevo letto di quest'arte tempo fa, ma non ricordavo più come si chiamasse. Peraltro, come scrive Ilaria, il tuo commento é azzeccatissimo per questo articolo. Per me l'oro che unisce i pezzi della nostra vita é la resilienza, quella forza che permette di ricostruirci facendo appello a tutte le nostre buone qualità e al coraggio che tiriamo fuori per rinascere. @ Ilaria: si, quando hai tempo, un bell'articolo sul kintsugi sarebbe fantastico! ;-)
      5
      Rispondi a Gea Commenta l’articolo

    • Avatar di Lu

      Lu 4 mesi fa (12 dicembre 2016 16:10)

      Grazie Gea! Sono molto d'accordo con te sulla resilienza!:)!
      1
      Rispondi a Lu Commenta l’articolo

  4. Avatar di Gio'speranza

    Gio'speranza 4 mesi fa (11 dicembre 2016 13:26)

    Un ciao a tutte/i ! Sono nuova ( il sito mi è stato indicati da un'amica ) e scrivo in questo articolo , dato che è l'ultimo postato ! Ho letto alcuni articoli ,altri mi sono stati riferiti dalla mia amica , su alcune cose sono anche d'accordo , su altre un po' meno ! Anch'io sono una separata , già anta e con figli preadolescenti e leggendo una parte degli articoli ( ovviamente quelli che mi interessavano ) , denoto, comunque , che in ogni articolo c'è la spinta a essere single ( io sono single da 4 anni , non ho più avuto incontri ne sessuali né più profondi con nessun uomo , non per volere mio ) ma in qualsiasi articolo manca la speranza ! Le parole più usate sono " stare da sole " , " propri interessi " e " stronzi , bambinoni ecc " ! Io comprendo che in giro c'è di tutto ma questo non toglie che la completezza della persona è con un'altra persona ! Di certo è giusto non andare con il primo che capita per bisognicita' ma neanche precludersi totalmente ! Va bene un periodo di siglitudine, certamente ti ritrovi , ti riscopri e vivi a modo tuo ma quella sensazione di calore, quello vero , quello profondo lo trovi con una persona accanto che in quel momento è affine ( perché una persona può essere giusta in quel dato periodo ma non lo può essere per sempre , noi cambiamo nel tempo e così anche la persona accanto ) . Per evitare incomprensioni so di aver scritto che sono single da 4 anni e non ho avuto più nessun rapporto ma questo per mancanza di incontri ! Finché hai 20-30 anni ne hai di uomini in giro ,son tutti ancora single e la scelta è vasta, poi c'è il calo fisiologico , dai 40 la maggior parte sono sposati o impegnati ed ovvio che trovi poco e quel poco deve essere selezionato , tra quelli che non ne vogliono sapere di rapporti duraturi ( perciò solo sesso ) e quelli che c'è un motivo perché sono da soli ( problematiche caratteriali ) ed infine quelli che sono stati scottati ( sottolineo che anche gli uomini possono aver avuto delusioni e di aver paura di avere un'altro ko ) ! Ok concludo ! Ci sono tanti tipi di amore e la completezza avviene assaporandoli tutti !
    3
    Rispondi a Gio'speranza Commenta l’articolo

    • Avatar di valentina.maidiremai

      valentina.maidiremai 4 mesi fa (11 dicembre 2016 18:39)

      cara giò, nella parte finale del tuo commento elenchi i vari motivi per cui gli uomini in giro sono pochi... chiedo a te e rilancio anche ad altre, Ilaria compresa ovviamente ;)... gli stessi motivi non valgono anche per il mondo delle donne? perchè sembra sempre che noi stiamo alla ricerca di quella parte di uomini, come se noi non avessimo la stessa percentuale di problemi che hanno loro e che hai elencato? Secondo voi anche lo stesso numero di uomini elencano le stesse difficoltà nostre di trovare una donna "decente" ? Dovrebbe essere così, e invece dove sta la differenza? Secondo me nell'atteggiamento di ricerca spasmodica che spesso noi abbiamo e che sembra essere meno sentita da "loro", ma spero in vostri riscontri... Grazie e buona serata
      1
      Rispondi a valentina.maidiremai Commenta l’articolo

    • Avatar di Giosperanza

      Giosperanza 4 mesi fa (13 dicembre 2016 2:44)

      Sono arrivata a questa conclusione per esperienza e sentendo anche le molte single di ritorno o meno ! In effetti noi,come donne , siamo più "bisognose " di affetto ( lo vedo anche con il mio lavoro , infermiera , ho lavorato sia in reparti maschili che femminili e le donne esigono moooooooooolto di più dell'uomo , più attenzioni ! Su un reparto femminile suonano in media ,in un turno di 8 ore, una cinquantina di campanelli , di cui una buona parte solo per cose futili , mentre nel reparto maschile sono tra i 5 o 6 e solo se stanno male ) ! Perciò l'uomo non è alla ricerca , come noi , se capita di trovare qualcuna bene , altrimenti va bene lo stesso ! Noi no ! Io mi guardo attorno e noto che gli uomini guardano le donne ma poi vanno via dritti , al bar o sono in gruppo e se la passano tra loro o sono da soli e sono tutt'uno con il giornale e manco alzano la testa, non parliamo di cene perché ti parlano ma poi finisce lì ! Che dire .......io cerco di metterci una pietra sopra anche se sotto sotto ciò sempre la speranza che capiti ........
      0
      Rispondi a Giosperanza Commenta l’articolo

    • Avatar di Anna

      Anna 4 mesi fa (13 dicembre 2016 8:30)

      Nella mia esperienza gli uomini hanno la stessa difficoltà a trovare la persona giusta, con la differenza che sono pochissimi quelli che pensano di valere poco se sono single. Certo, da soli all'atto pratico non sanno stare neanche loro, ma mi pare che siano meno dipendenti
      2
      Rispondi a Anna Commenta l’articolo

  5. Avatar di monica

    monica 3 mesi fa (25 dicembre 2016 3:49)

    Articolo in cui le tue parole fanno riflettere molto .
    0
    Rispondi a monica Commenta l’articolo