Trovare l’uomo giusto: come dimenticare l’uomo sbagliato (che credi di non riuscire a dimenticare)

Come dimenticare un uomoAttenzione, attenzione: questo articolo riguarda davvero tante donne  che, per una ragione o per l’altra, si “fissano” su un ex partner, un conoscente, un amico, si convincono che sia la “persona giusta” per loro e fermano la loro vita nel e per il dolore di non poterlo conquistare o ri-conquistare. Non riescono a dimenticare un uomo

 Invece, come spiego nella mia guida gratuita “Come attrarre la persona giusta per te in 11 passi”, per avere una vita sentimentale serena è necessario fare piazza pulita del passato e di ciò che non si è realizzato nel modo desiderato. E’ necessario riuscire a dimenticare un uomo sbagliato per te.

Ricevo davvero decine di mail ogni giorno da persone che vivono un amore impossibile.

Credono di essere innamorate di qualcuno che, di riffa o di raffa, non ha nessuna intenzione di ricambiarle nella direzione di un rapporto di coppia pieno, oppure continuano a sentirsi legate a una persona con la quale hanno avuto una relazione, ma con la quale ormai non c’è più storia…

Una nota importante: so benissimo che c’è una bella differenza tra il non riuscire a dimenticare un uomo sul quale ci si è fissati senza che vi sia stato mai nulla e il non riuscire a dimenticare un uomo con il quale si è vissuta una relazione importante, una convivenza e un matrimonio.

Sono convinta che prima o poi io debba affrontare di petto qui sul blog la questione caldissima di tutti coloro che soffrono e perdono un sacco di tempo dietro amori non solo impossibili, ma totalmente immaginari, cioè, come dicevo poco fa, per persone che non hanno nessuna intenzione di ricambiare.

E’ un tema che mi sta molto a cuore (mi sembra uno spreco immenso tutta questa sofferenza per una persona che nemmeno ti considera) e sul quale ogni tanto mi arrabbio tanto che ho paura davvero di spararle troppo forte anche per i lettori di questo blog, che sono particolarmente pazienti e intelligenti.

Ok, dài, vedremo.

Dimenticare un uomo: come si fa?

Ora dedichiamoci più attentamente al tema centrale: come fai dimenticare una persona che “non riesci” a dimenticare?

Prendiamo il caso classico, giusto per esemplificare, di quando si tratta di toglierti dalla mente e dal cuore un ex partner che ha già un’altra relazione. Si tratta di dimenticare un uomo che si è di nuovo impegnato con un’altra persona.

Di solito lo schema che si manifesta è: vi lasciate;  tu sai bene – razionalmente – che la storia non funzionava e non può funzionare; sai anche che dovresti lasciar perdere e dedicarti a te e a cercare qualcuno di veramente giusto per te. Ma non ci riesci, in ogni momento torni con il pensiero a lui, ti fai prendere da un dolore che ti risulta insopportabile e da tutti quei pensieri – assurdi – su come avrebbe potuto essere bella la vostra storia, se solo…

Allora, consideriamo gli aspetti emotivi di questo fenomeno.

1)    Perdere qualcuno che si ama fa provare sensazioni molto simili al lutto e questo è senza dubbio uno dei dolori più grandi nella vita di una persona (lo so bene: questa consapevolezza non ti deve servire per compiangerti).

2)   E’ tipico della natura umana che, quando si perde qualcosa o qualcuno, si crei, di quel qualcosa o qualcuno,  un’immagine iper positiva, sia rispetto alla persona in sé, sia rispetto a quello che si è vissuto con lei. Un’immagine che – sia ben chiaro – è fuori dalla realtà.

3)  Il dolore della perdita ti blocca, ti immobilizza, ti porta all’inazione, cioè a non prendere decisioni e iniziative in nessun campo della tua vita. E l’inazione porta a concentrarsi con ancora più insistenza sulla perdita e sul dolore. Ecco bell’e costruita la spirale negativa che ti risucchia sempre più giù.

E allora come fai a non “morire di dolore” e a eliminare quella sensazione di disastro, fine della vita e disperazione?

3 semplici mosse per dimenticare un uomo

Eccoti qui tre passi facili facili, che propongo anche ai miei clienti di coaching personale:

1. Interrompi lo “schema del dolore”. C’è uno schema che ti trascina nella spirale di dolore? Interrompilo! Ogni volta che senti “montare il dolore” e soprattutto la sequenza di pensieri che ti portano al dolore, inizia una nuova attività: chiama un amico/a (ma non per sfogarti, eh!), esci a fare una passeggiata o qualche commissione utile, vai in palestra, e, magari, mettiti a fare un’attività “creativa”  che riguarda la tua esistenza. Per esempio: componi il quadro delle cose che ami: ti basta anche un foglio di cartoncino colorato sul quale scrivere frasi positive o incollare immagini di ciò che ami (luoghi, monumenti, oggetti, sport) o di obiettivi che vuoi raggiungere.

2. Fai tuo un principio base della felicità sentimentale: chi non ti offre l’amore che desideri non può essere in nessun modo la persona giusta per te. La persona giusta per te è solo quella che ti ama davvero e desidera stare con te, senza ricatti, costrizioni, prepotenze.

3. Creati più opzioni possibili, sia per quel che riguarda le attività che ti sono utili a interrompere lo “schema del dolore” (e ad arricchire la tua vita), sia per quel che riguarda le persone che frequenti. Fai vita sociale, amplia le tue conoscenze: ti renderai conto rapidamente di quante persone interessanti ci sono in giro e quante nuove amicizie puoi stringere, e ancora di più in questo momento della tua vita nel quale non hai un partner.

In definitiva, mi permetto di farti presente che c’è sempre del dolore nel momento in cui si perde qualcuno che si ama. Il dolore si trasforma in infelicità se tu lo nutri, se tu ti ci soffermi per troppo tempo. Il dolore fa parte della vita – non sono certo io a farti questa rivelazione – ma l’infelicità è una scelta. Dipende da te, se l’accetti senza condizioni o se invece ti dài da fare per trovare tutti gli antidoti possibili.

Lasciami i tuoi commenti e racconta le tue esperienze, in particolare riguardo quegli atteggiamenti che ti permettono o ti hanno permesso di interrompere lo “schema del dolore”.

Dopo che lo hai letto, per favore ricordati di condividere questo articolo sui social (Facebook, Twitter etc.) attraverso i pulsanti che trovi qui sotto. Metti anche il tuo “Mi piace” alla pagina Facebook (c’è il quadratino con tutte le faccine dei fan, qui in fondo, a destra).

Cordialmente

Ilaria

P.S. Attraverso il percorso “I 7 Pilastri dell’Attrazione” ti avvii alla scoperta del tuo equilibrio interiore e delle tue risorse personali, quelle utili a evitare lo “schema del dolore” in amore. E’ un percorso essenziale, semplice e, soprattutto, molto pratico. Inizia subito!

Lascia un Commento!

1.005 Commenti

  1. Avatar di Sil

    Sil 5 mesi fa (5 ottobre 2017 18:58)

    Interessante questo articolo, peccato che sia facile a dirsi e difficilissimo a farsi. Sono reduce ko di una storia di 6 anni vissuta tra alti e profondi bassi, di lascia e prendi(sempre da parte del mio ex) che poi si riavvicinava ed io ero sempre li pronta. È una persona con varie insoddisfazioni lavorative e 3 mesi fa mi ha rilasciata per l'ennesima volta. Ovvio che ne se sento la mancanza e che mi tornano in mente i momenti passati insieme, ma la cosa che mi fa più male è che nelle poche volte che ci sentiamo(lo chiamo sempre io) lui mi offende, umilia, insulta e malgrado questo io non riesco a non cercarlo. Soffro di qualche patologia? Come faccio a liberarmi seriamente da questa 'ossessione'? Io non vivo più
    1
    Rispondi a Sil Commenta l’articolo

    • Avatar di max

      max 5 mesi fa (6 ottobre 2017 8:03)

      Sil, il primo passo è volerlo...voler voltare pagina, tagliare i ponti, interrompere ogni comunicazione, dire ADDIO, senza se e senza ma, abbandonare il vecchiume per aprirsi al nuovo...ma devi volerlo, sennò ti stai solo raccontando delle barzellette per somministrarti emozioni...emozioni negative, ma l' amore è ben altra cosa, fidati.
      -1
      Rispondi a max Commenta l’articolo

    • Avatar di Consuelo

      Consuelo 4 mesi fa (16 ottobre 2017 2:52)

      Anke a me succede la stessa identica cosa
      1
      Rispondi a Consuelo Commenta l’articolo

    • Avatar di Anna

      Anna 4 mesi fa (16 ottobre 2017 9:57)

      Esiste un efficace strumento che si chiama "blocco" su tutti i social e anche sul cellulare. Ma ti pare normale starsene a sentire degli insulti?
      -4
      Rispondi a Anna Commenta l’articolo

  2. Avatar di Emilia

    Emilia 3 mesi fa (29 novembre 2017 13:22)

    "Il dolore fa parte della vita, ma l'infelicità è una scelta". Concetto per nulla banale... Da non dimenticare.
    -1
    Rispondi a Emilia Commenta l’articolo

  3. Avatar di gianna

    gianna 3 mesi fa (10 dicembre 2017 9:52)

    non riesco a trovare nessun atteggiamento per uscire dallo schema del dolore
    4
    Rispondi a gianna Commenta l’articolo

  4. Avatar di Val

    Val 2 mesi fa (3 gennaio 2018 22:39)

    Nella mia esperienza ho provato di tutto per dimenticare una persona con la quale sono stata insieme per 3 anni. Metodi canonici e non; esserci amica, interrompere i contatti, odiarlo, avere altre relazioni e cosi via. Mi sono data mille motivazioni, razionali e non. Tutto ció per 3 anni dopo che ci siamo lasciati e ad oggi ancora non posso dire di averlo dimenticato. Mi sono completamente bloccata nel passato e non riesco ad andare avanti. La vivo come se tutto fosse effimero a differenza della mia relazione con lui e come se nessuno potesse "reggere il confronto". Negli ultimi mesi sono letteralmente perseguitata dalla sua immagine ogni volta che mi addormento e sono arrivata all´esasperazione. Ho veramente bisogno di passare oltre, ma non so piú come fare.
    2
    Rispondi a Val Commenta l’articolo

    • Avatar di Carlotta

      Carlotta 2 mesi fa (4 gennaio 2018 0:36)

      Ti sei chiesta per quale motivo ti stai punendo?
      -1
      Rispondi a Carlotta Commenta l’articolo

    • Avatar di Emilia

      Emilia 2 mesi fa (5 gennaio 2018 10:37)

      Ciao Val, sei perseguitata dalla sua immagine, non da lui. L'immagine che hai di lui è frutto della tua idealizzazione, non corrisponde alla realtà. Fai pace col tuo passato e non colpevolizzarti. La relazione con lui è andata male, speravi fosse l'uomo giusto ma non è stato così. Cerca di accettarlo e datti altre possibilità, senza tormentati. Buon anno nuovo!
      -2
      Rispondi a Emilia Commenta l’articolo

    • Avatar di Gea

      Gea 2 mesi fa (5 gennaio 2018 13:24)

      Cara Val, se fosse stato l'uomo giusto sareste ancora insieme. Lascialo prender polvere nella soffitta dei ricordi inutili. Buon anno!
      -8
      Rispondi a Gea Commenta l’articolo

  5. Avatar di Paola

    Paola 1 mese fa (12 gennaio 2018 13:39)

    Giusto ciò che scrivi. Ho provato tante volte ma ritorno demone da dove son partita...mi sono innamorata di un uomo che ho scoperto solo dopo aver fatto sesso con lui che è impegnato io sarei x lui la scopata extra...cosa che nn ho più fatt da quel momento...io gli ho dato cuore lui merda....
    0
    Rispondi a Paola Commenta l’articolo

  6. Avatar di Marisol07

    Marisol07 1 mese fa (16 gennaio 2018 18:37)

    io mi sto trovando nella stessa situazione:mi piace un ragazzo che però è fidanzato,ho voglia di dimenticarlo oer non soffrire più
    0
    Rispondi a Marisol07 Commenta l’articolo

  7. Avatar di Mauri

    Mauri 2 settimane fa (8 febbraio 2018 20:11)

    Credo che la vita sia solo un'illusione...per cui anche il dolore....
    0
    Rispondi a Mauri Commenta l’articolo

  8. Avatar di Ary

    Ary 2 settimane fa (13 febbraio 2018 18:04)

    Ciao.. beh sono passate due settimane dall'ultima volta che ho scritto qui, be lui dopo avermi lasciata per telefono dopo 4 anni, si è fatto risentire pochi giorni fa dicendomi che gli mancavo tanto ma che era proprio confuso perchè non sapeva se sarebbe riuscito a rendermi felice.... beh.. ieri dopo avermi illusa nuovamente, dicendomi che ci sentivamo tra poco (sono passate 9 ore da quel tra poco) lui sapeva che periodo difficile fosse e quanta ansia mi mettesse "a tra poco" (sopratutto perchè non mi ha chiamata per 10 giorni l'ultima volta che mi ha detto ci sentiamo domani)... vedendolo online ... sono esplosa e gli ho detto che non volevo sentirlo mai più... e lui da indecisissimo e bisognoso di riavermi nella sua vita mi ha risposto "non so che dirti, va bene, dopo tutto quello che ti ho fatto, non so che dirti" mi sono infuriata ancora di più, volevo un confronto, ne lui non voleva neanche parlarmi, non mi ha chiesto scusa non ha fatto nulla perchè non accadesse.... mi chiedo se sono stata una stupida ieri... ma ero così esasperata... sapeva bene che soffrivo come un cane già per la sua indecisione.... eppure... mi sento in colpa... sono nella spirale del dolore ma girò così vorticosamente che diventa disperazione e dolore fisico... io so di essere giovane e di avere ancora tutta la vita davanti...ma io non so perchè... volevo lui... il problema è che è venuto fuori che lui non mi amava più molto, provava solo affetto nei miei confronti... e li... mi è mancato il respiro... davvero il colpo di grazia. non so come superarla e come potermi fidare del prossimo di nuovo... non mi ha voluta vedere perchè dice "che eravamo troppo emotivi" non ha avuto il coraggio... non mi vuole più bene... io credevo così tanto in questo rapporto, pensavo che fosse davvero per sempre... lo credevo la mia anima gemella e il bello è che anche lui me lo diceva spesso... mi sento così umiliata... ho continuato a dirgli che l'amavo... e tutt'ora non provo rancore per lui, volevo solo che mi amasse... l'avrei sempre perdonato se solo si fosse scusato con me... sto impazzendo... e fa male... mi spiace scrivere così tanto... in realtà avevo un po' di domande... ad esempio se non si hanno amici... come si fa a fare nuove conoscenze? come si fa a non morire di solitudine? non riesco a farmi amici... non ci sono mai riuscita... e mi fa sentire così inadeguata... mi sento così sola... i miei tentativi di uscire dalla spirale del dolore sono al momento: saltellare sul posto, fare calchi in gesso e prenderli a martellate per far uscire il positivo della scultura, piangere a dirotto e buttarsi per terra domandandosi dove caspita ho sbagliato per 45 minuti circa e dopo mangiare un pugno di anacardi. mi scuso ancora per la lunghezza del commento.. ma avevo tanto bisogno di parlare un pochino con qualcuno...
    -2
    Rispondi a Ary Commenta l’articolo