Trovare l’uomo giusto: come dimenticare l’uomo sbagliato (che credi di non riuscire a dimenticare)

Come dimenticare un uomoAttenzione, attenzione: questo articolo riguarda davvero tante donne  che, per una ragione o per l’altra, si “fissano” su un ex partner, un conoscente, un amico, si convincono che sia la “persona giusta” per loro e fermano la loro vita nel e per il dolore di non poterlo conquistare o ri-conquistare. Non riescono a dimenticare un uomo

 Invece, come spiego nella mia guida gratuita “Come attrarre la persona giusta per te in 11 passi”, per avere una vita sentimentale serena è necessario fare piazza pulita del passato e di ciò che non si è realizzato nel modo desiderato. E’ necessario riuscire a dimenticare un uomo sbagliato per te.

Ricevo davvero decine di mail ogni giorno da persone che vivono un amore impossibile.

Credono di essere innamorate di qualcuno che, di riffa o di raffa, non ha nessuna intenzione di ricambiarle nella direzione di un rapporto di coppia pieno, oppure continuano a sentirsi legate a una persona con la quale hanno avuto una relazione, ma con la quale ormai non c’è più storia…

Una nota importante: so benissimo che c’è una bella differenza tra il non riuscire a dimenticare un uomo sul quale ci si è fissati senza che vi sia stato mai nulla e il non riuscire a dimenticare un uomo con il quale si è vissuta una relazione importante, una convivenza e un matrimonio.

Sono convinta che prima o poi io debba affrontare di petto qui sul blog la questione caldissima di tutti coloro che soffrono e perdono un sacco di tempo dietro amori non solo impossibili, ma totalmente immaginari, cioè, come dicevo poco fa, per persone che non hanno nessuna intenzione di ricambiare.

E’ un tema che mi sta molto a cuore (mi sembra uno spreco immenso tutta questa sofferenza per una persona che nemmeno ti considera) e sul quale ogni tanto mi arrabbio tanto che ho paura davvero di spararle troppo forte anche per i lettori di questo blog, che sono particolarmente pazienti e intelligenti.

Ok, dài, vedremo.

Dimenticare un uomo: come si fa?

Ora dedichiamoci più attentamente al tema centrale: come fai dimenticare una persona che “non riesci” a dimenticare?

Prendiamo il caso classico, giusto per esemplificare, di quando si tratta di toglierti dalla mente e dal cuore un ex partner che ha già un’altra relazione. Si tratta di dimenticare un uomo che si è di nuovo impegnato con un’altra persona.

Di solito lo schema che si manifesta è: vi lasciate;  tu sai bene – razionalmente – che la storia non funzionava e non può funzionare; sai anche che dovresti lasciar perdere e dedicarti a te e a cercare qualcuno di veramente giusto per te. Ma non ci riesci, in ogni momento torni con il pensiero a lui, ti fai prendere da un dolore che ti risulta insopportabile e da tutti quei pensieri – assurdi – su come avrebbe potuto essere bella la vostra storia, se solo…

Allora, consideriamo gli aspetti emotivi di questo fenomeno.

1)    Perdere qualcuno che si ama fa provare sensazioni molto simili al lutto e questo è senza dubbio uno dei dolori più grandi nella vita di una persona (lo so bene: questa consapevolezza non ti deve servire per compiangerti).

2)   E’ tipico della natura umana che, quando si perde qualcosa o qualcuno, si crei, di quel qualcosa o qualcuno,  un’immagine iper positiva, sia rispetto alla persona in sé, sia rispetto a quello che si è vissuto con lei. Un’immagine che – sia ben chiaro – è fuori dalla realtà.

3)  Il dolore della perdita ti blocca, ti immobilizza, ti porta all’inazione, cioè a non prendere decisioni e iniziative in nessun campo della tua vita. E l’inazione porta a concentrarsi con ancora più insistenza sulla perdita e sul dolore. Ecco bell’e costruita la spirale negativa che ti risucchia sempre più giù.

E allora come fai a non “morire di dolore” e a eliminare quella sensazione di disastro, fine della vita e disperazione?

3 semplici mosse per dimenticare un uomo

Eccoti qui tre passi facili facili, che propongo anche ai miei clienti di coaching personale:

1. Interrompi lo “schema del dolore”. C’è uno schema che ti trascina nella spirale di dolore? Interrompilo! Ogni volta che senti “montare il dolore” e soprattutto la sequenza di pensieri che ti portano al dolore, inizia una nuova attività: chiama un amico/a (ma non per sfogarti, eh!), esci a fare una passeggiata o qualche commissione utile, vai in palestra, e, magari, mettiti a fare un’attività “creativa”  che riguarda la tua esistenza. Per esempio: componi il quadro delle cose che ami: ti basta anche un foglio di cartoncino colorato sul quale scrivere frasi positive o incollare immagini di ciò che ami (luoghi, monumenti, oggetti, sport) o di obiettivi che vuoi raggiungere.

2. Fai tuo un principio base della felicità sentimentale: chi non ti offre l’amore che desideri non può essere in nessun modo la persona giusta per te. La persona giusta per te è solo quella che ti ama davvero e desidera stare con te, senza ricatti, costrizioni, prepotenze.

3. Creati più opzioni possibili, sia per quel che riguarda le attività che ti sono utili a interrompere lo “schema del dolore” (e ad arricchire la tua vita), sia per quel che riguarda le persone che frequenti. Fai vita sociale, amplia le tue conoscenze: ti renderai conto rapidamente di quante persone interessanti ci sono in giro e quante nuove amicizie puoi stringere, e ancora di più in questo momento della tua vita nel quale non hai un partner.

In definitiva, mi permetto di farti presente che c’è sempre del dolore nel momento in cui si perde qualcuno che si ama. Il dolore si trasforma in infelicità se tu lo nutri, se tu ti ci soffermi per troppo tempo. Il dolore fa parte della vita – non sono certo io a farti questa rivelazione – ma l’infelicità è una scelta. Dipende da te, se l’accetti senza condizioni o se invece ti dài da fare per trovare tutti gli antidoti possibili.

Lasciami i tuoi commenti e racconta le tue esperienze, in particolare riguardo quegli atteggiamenti che ti permettono o ti hanno permesso di interrompere lo “schema del dolore”.

Dopo che lo hai letto, per favore ricordati di condividere questo articolo sui social (Facebook, Twitter etc.) attraverso i pulsanti che trovi qui sotto. Metti anche il tuo “Mi piace” alla pagina Facebook (c’è il quadratino con tutte le faccine dei fan, qui in fondo, a destra).

Cordialmente

Ilaria

P.S. Attraverso il percorso “I 7 Pilastri dell’Attrazione” ti avvii alla scoperta del tuo equilibrio interiore e delle tue risorse personali, quelle utili a evitare lo “schema del dolore” in amore. E’ un percorso essenziale, semplice e, soprattutto, molto pratico. Inizia subito!

Lascia un Commento!

926 Commenti

  1. Avatar di Eleonora

    Eleonora 2 mesi fa (4 giugno 2017 16:15)

    Ciao Ilaria. La tua mail mi è arrivata proprio oggi che il mio lui mi ha chiesto di stare solo. Un anno e mezzo che stiamo insieme. Io ho 8 anni più di lui e due figli di 9 e 7 anni. Ho lasciato il mio ex marito e ho buttato tutta ne stessa in questo amore che è amore. Adesso lui ha molti dubbi perché si sta affezionando ai miei figli e non pensa che il suo futuro possa essere con me e dice di aver bisogno di tempo per capire..... io ho 42 anni e potrei dargli un figlio ma non so se vorrebbe averlo con me. In preda al dolore gli ho chiesto in ginocchio di non lasciarmi e penso di avergli fatto pena. Io gli ho dato tutto e adesso non so come fare senza di lui. Come posso stare con i miei figli? Cosa dico loro? Sono sola, non ho i genitori .... lui è' un "sangue blu" con molti preconcetti che ha dimostrato di combattere in questi ultimi mesi. Siamo stati bene. Ma adesso, ad un tratto, sta male e mi dice che ha bisogno di stare solo per capire cosa vuole veramente. Io l'ho scongiurato di restare con me, che non esiste la giustizia in amore.... se avessi 10 anni meno e non avessi due figli sarebbe perfetto. Ma è davvero così? Cosa devo fare? Sono disperata e non so come tornare dai miei figli. Aiutami.
    -8
    Rispondi a Eleonora Commenta l’articolo

    • Avatar di Ilaria Cardani

      Ilaria Cardani 2 mesi fa (4 giugno 2017 18:43)

      Ciao Eleonora, al di là dei dettagli specifici, e cioè che quest'uomo sta prendendo le distanze da te accampando scuse banali e "socialmente accettabili" tipo che si sta affezionando ai tuoi figli (immaginati), quello che fa specie di storie come le tue è la drammatizzazione e la melo-drammatizzazione dell'amore. Questi amori "totalizzanti", disperati, distruttivi che, guarda caso, sono sempre riversati su persone che oggettivamente e palesemente non meritano, non sono amori, sono disfunzioni. Di questo bisognerebbe occuparsi e da lì poi tutto discende in positivo, anche il contatto e la narrazione ai figli. Inoltre: quale uomo sano può tollerare un minuto di questo melodramma? L'esistenza, soprattutto al giorno d'oggi, non si può ridurre a un amore, nemmeno se sano e appagante. Figurati a una camera a gas come quella che traspare dalla tua interpretazione.
      1
      Rispondi a Ilaria Cardani Commenta l’articolo

  2. Avatar di Alessandra

    Alessandra 2 mesi fa (4 giugno 2017 19:59)

    Sono separata da quasi tre anni oramai con un ex marito che continua a tenermi in bilico tra un torno perché sei la persona più importante per me, e ti odio perché sei la stronza che mi ha rovinato la vita. Direi che oramai ho il fegato (ma anche cuore, stomaco, cervello...) che alza bandiera bianca e chiede un momento di pace e silenzio intorno. Non ci ho provato a fare quello che consigli tu... e che hai consigliato anche in altri articoli... perché li ho letti tutti, letti e riletti tante volte, salvo poi a crogiolarmi in questa situazione di limbo... in questo non scegliere perché allo stesso tempo non sceglie lui, e questo lascia la porta aperta alla possibilità... alla speranza... alla delusione... e via così. Dopo quasi venti anni oramai non so da dove partire... o meglio... razionalmente lo so da dove partire ma non riesco a trovare la forza e la volontà per farlo questo passo. Scusa per lo sfogo, poco costruttivo e probabilmente senza grosse possibilità di uscita. Un abbraccio
    -2
    Rispondi a Alessandra Commenta l’articolo

    • Avatar di Gea

      Gea 2 mesi fa (4 giugno 2017 21:14)

      Ciao Alessandra, parti dal tuo bisogno di "pace e silenzio intorno": il prima possibile, prenditi un periodo di distacco totale, una vacanza in un posto tranquillo e sereno, in mezzo alla natura, con il telefono staccato. Ci sono conventi aperti a chi cerca un po' di pace per una o due settimane, il che ti aiuterebbe a staccare la spina e i contatti con il tuo ex. Puo' essere un modo per disintossicarti, smettere di ripeterti che non puoi farcela, e in questo modo potrai sviluppare la tua forza di volontà. Coraggio!
      4
      Rispondi a Gea Commenta l’articolo

  3. Avatar di Sari

    Sari 2 mesi fa (4 giugno 2017 22:54)

    Dopo alcune storie sbagliate, l'anno scorso finalmente avevo conosciuto un ragazzo con il quale le cose sembravano andare bene... Poi all'inizio di dicembre lui ha interrotto la nostra frequentazione con un messaggio. Un mese fa ho saputo che è tornato con la ex, di cui non mi aveva mai parlato. Non scendo nei particolari ma si è comportato veramente male e so che non merita la mia sofferenza, ma dopo mesi io sto ancora male per quel che è successo. La delusione è stata enorme. Ho cercato di razionalizzare, ho continuato la mia vita e mi sono concentrata sullo studio (a breve ho un esame), ma dentro di me continuo a soffrire. Da febbraio sto affrontando la grave malattia di mio padre e il fatto di non avere nessuno al mio fianco rende tutto ancora più difficile. Anche se non ne ho voglia, cerco di fare vita sociale. Sono anche uscita con un ragazzo che mi piace, ma la cosa non decolla. Sono molto scoraggiata. Non riesco a dimenticarlo e non riesco più ad avere la speranza che un giorno potrò trovare qualcuno da amare e da cui essere amata. Ma voglio assolutamente riuscire a stare bene. Cosa posso fare? Qualche consiglio?
    0
    Rispondi a Sari Commenta l’articolo

  4. Avatar di Gloria

    Gloria 2 mesi fa (5 giugno 2017 10:58)

    Ciao carissima Ilaria. Ti ringrazio come sempre per le tue mail che ricevo...ci sono giorni in cui riesco a partecipare alle varie discussioni altre volte latino perché sempre indaffarata nella morsa del mio tempo e dei miei impegni....innanzi tutto l'argomento è molto interessante perché ho vissuto questi momenti nonché certe sensazioni emotive, dopo l'abbandono da parte del mio ex marito......ora da un paio di mesi vivo una bellissima storia d'amore dopo sette anni di......isolamento fortemente da me voluto......anni in cui ero decisa di mettere la parola fine allè parole UOMINI E AMORI...ho passato momenti a dir poco terribili e che non ho intenzione di rievocare ma mi ci è voluto il tempo necessario...Proprio così....il tempo a mio avviso è la chiave di ogni cosa....ho metabolizzato quel...,,.lutto ....già.....proprio perché io a quell'uomo avevo giurato amore fedeltà lealtàe tanto altro ancora ma....,,,,va beh...,,,,trovarsi sole con un figliolo adolescente.......a me personalmente mi aveva.....terrorizzata e non poco.....poi pian piano col tempo appunto ci si rende conto della marea di tempo perso.....appresso ad un........,,.,,...che non aveva fatto altro che farmi del male....a me e al mio figliolo....mi sono rimboccarsi per benino le cosiddette maniche ed ho cominciato a pensare che dopotutto si certi mali non vengono sempre per nuocere...a volte sono segni.....provvidenziale che fanno sì che ci si possa far furbe davvero....perché va bene AMARE ma bisogna appunto ANCHE ESSERE AMARE...ossia la strada della vita di coppia deve SEMPRE essere a doppio senso altrimenti......NON È AFFATTO AMORE.......quindi care amiche del Blog che come me avete avuto certe......chiamiamole bonariamente...disavventure simili alla mia....bene.....ricordatevi che NULLA È PERSO.....anzi al contrario saranno certi farabutti a perderci ma tutto sommato prima o poi la vita sa e saprà premiare tutte coloro e diciamolo anche qualche maschietto ci sta che possa avere avuto certi....,,pacchi indesiderati.....basta rispedire al mittente....e andare avanti con tutta la dignità e serenità che ognuna/o di noi merita da questa vita...... BUONA GIORNATA
    3
    Rispondi a Gloria Commenta l’articolo

  5. Avatar di Cristina

    Cristina 2 mesi fa (5 giugno 2017 22:08)

    Grazie Ilaria ❤️
    2
    Rispondi a Cristina Commenta l’articolo

  6. Avatar di Monica

    Monica 2 mesi fa (6 giugno 2017 21:59)

    Ciao :)) sono triste !! Ho avuto una convivenza di 6 anni e sono stata lasciata 1 anno e mezzo fa !! E da 7 mesi che mi frequento con il mio ex professore dell università ., ci sentiamo tutti i giorni ma vederci no perché io sono in Germania che studio e lui sempre di qua e di la per lavoro !! Poi ci sono momenti tipo questi che non lo sento da 2 gg !!! :(( devo lasciarlo stare secondo te ???
    -3
    Rispondi a Monica Commenta l’articolo

    • Avatar di Anna

      Anna 2 mesi fa (7 giugno 2017 1:02)

      E direi di sì! Che te ne fai di uno al telefono?
      2
      Rispondi a Anna Commenta l’articolo

    • Avatar di london

      london 2 mesi fa (7 giugno 2017 10:11)

      Quanti anni avete Monica? Si, io non ho mai concepito una relazione dove, e se soprattutto lontani, non ci si senta tutti i giorni....anche solo per un saluto....ogni relazione è a sè ma questo mi sembra il minino a meno che si è consapevoli che per determinate ragioni si è impossibilitati a contattare.
      0
      Rispondi a london Commenta l’articolo

  7. Avatar di Angie

    Angie 2 mesi fa (7 giugno 2017 15:21)

    C'é un Dio?
    0
    Rispondi a Angie Commenta l’articolo

  8. Avatar di Ele

    Ele 2 mesi fa (5 giugno 2017 0:12)

    Ciao,mi è arrivata la mail ed ho letto l'articolo che rispecchia parecchio la mia situazione. Sono più di 5 mesi che la mia relazione se così si può definire è finita, assurdo da dirsi è più iò tempo passato da quando non sto più con lui che il tempo insieme (2 mesi) eppure mi condiziona parecchio e mi fa parecchio male.Il tipo in questione sembrava volermi bene, sembrava andare tutto bene, 5 giorni prima di mollarmi mi ha fatto pure una sorpresa con regalo e poi mi lascia a telefono dicendo che è confuso e non sa se una relazione è ciò che vuole. Onestamente neanche io so perchè ci sto così male, perchè sento quel senso di abbandono, misto a rabbia ed umiliazione, ma ricascandoci quelle poche volte che lui mi contatta per sapere "come sto" (probabilmente solo per verificare che io ci sia ancora per lui e non perchè realmente gli importa). Dopo essere stata lasciata ho capito che persona è, una persona priva di veri interessi, prima di stare con me lavorava da anni, poi causa tagli a lavoro è stato licenziato, ha iniziato un corso mentre stava con me, ma quando non aveva corso praticamente passava le giornate a dormire, tutto il giorno, anche quando c'ero io, la sua vita è: sonno, film/musica, disco/amici/ragazze. Io sono totalmente diversa: laureata alla triennale ed adesso studio alla magistrale, ho un contratto di lavoro a chiamata e comunque spesso mi capitano altri lavori e se posso li faccio (gli ho anche offerto di aiutarlo con un lavoretto e mi ha risposto che non sapeva), ho tantissimi amici ed amiche che mi vogliono bene... Beh se una ci pensa bene ha perso più lui che io e razionalmente lo so e ne sono consapevolissima, ma allora se so di non aver perso niente, pechè sto così male? perchè mi sono fatta umiliare così? Sono bloccata praticamente, c'è anche un ragazzo che mi viene dietro, molto paziente, che rispetta i miei tempi e che malgrado gli abbia detto che non sono pronta ad una relazione sta lì ad aspettare, vuole vedermi, vuole sentirmi, malgrado abbia provato a baciarmi ed io lo abbia rifiutato, anche se ha capito benissimo che io penso ancora al mio ex... Non riesco ad andare avanti, non so se perchè troppo legata al mio ex, se perchè non sono interessata. Sicuramente non mi fido, non perchè abbia fatto qualcosa ma perchè il "trauma" della relazione precedente mi porta a stare in guardia. Non so come faread uscire da tutta questa situazione, come dimenticare il mio ex e poter andare avanti tranquillamente. Grazie per i consigli che mi darete :)
    0
    Rispondi a Ele Commenta l’articolo

    • Avatar di Ilaria Cardani

      Ilaria Cardani 2 mesi fa (5 giugno 2017 9:32)

      Rifletti bene sul fatto che, come riconosci anche tu, questa nemmeno era una relazione. Quindi la relazione e la sua fine hanno ben poco a che fare con il tuo malessere e sono state semplicemente la causa scatenante per fare emergere frustrazioni e bisogni che sono indipendenti dalle persone che frequenti (peraltro altamente tossiche).
      11
      Rispondi a Ilaria Cardani Commenta l’articolo

    • Avatar di Ele

      Ele 2 mesi fa (5 giugno 2017 11:53)

      Ciao Ilaria, grazie per la risposta. È vero che riconosco che non era una relazione e sono anche consapevole che questo oltre ad essere un dolore inutile è stata la mia salvezza. Ma se sono così tanto consapevole perché ne soffro così tanto? Ho avuto altre relazioni in precedenza più o meno dolorose, ma sono sempre stata pronta a ricominciare anche dopo relazioni più lunghe. Se fossero dei bisogni e delle mie mancanze emersi, dovrei in qualche "modo" riuscire a colmarle col nuovo tipo che in questo momento SEMBRA comportarsi bene, ma è più forte di me, tutti i miei pensieri sono verso al mio ex. Ho un pochino fatto delle ricerche su Internet e da quello che posso pensare è che il mio ex possa essere un Narcisista. Io non sono a livelli di disperazione elevati, ma il dolore viene a momenti e come arriva va via e poi sto bene. Ho parecchia rabbia repressa sento un senso di abbandono misto a vendetta nei suoi confronti. A volte lo rivorrei, altre lo odio, altre vorrei vendetta. Insomma lui blocca parecchio la mia vita sentimentale, si "introduce" mentalmente nelle mie giornate rovinandole e questo non è assolutamente giusto, vorrei lui sparisse dalla mia vita, come se non fosse mai esistito. È tra i miei amici su Facebook ma è da febbraio che non entro sul suo profilo e non ho suoi aggiornamenti, onestamente non voglio farmi male da sola vedendo ciò che fa. Ho eliminato il suo numero di telefono dalla rubrica, così non vedo le sue foto profilo whatsapp, ho deciso da questo mese di non andare agli eventi in disco dove so che posso trovarlo, è estate ci sono 1000 robe da fare, giusto dove c'è quel parassita devo andare? Ma anche no. Ora non avendo quasi più contatto se non il pallino fb di quando è online che mi dice che è ancora vivi (ma la soddisfazione di elimarlo non gliela do) cosa devo fare per togliermelo dalla mente già pur consapevole che è soloamente un parassita che si nutre delle mie qualità, perché si, io sono consapevole di esser migliore di lui e che non mi merita, l'ultimo mio passo è lasciarlo andare, ma come fare a lasciarlo andare?
      -1
      Rispondi a Ele Commenta l’articolo

    • Avatar di Ilaria Cardani

      Ilaria Cardani 2 mesi fa (5 giugno 2017 12:39)

      Non gli dài la soddisfazione di eliminarlo da Facebook? Sei seria? Ma davvero pensi che questo abbia un benché minimo significato? Secondo te FB e i suoi contatti rientrano nelle cose minimamente importanti della vita? Secondo te, soprattutto, pensi di essere per caso nella visuale di quest'uomo? Scrivi: "Se fossero dei bisogni e delle mie mancanze emersi, dovrei in qualche “modo” riuscire a colmarle col nuovo tipo che in questo momento SEMBRA comportarsi bene, ma è più forte di me, tutti i miei pensieri sono verso al mio ex.". In questa tua frase c'è tutta la stortura di certe convinzioni. Nessun uomo, nessuna persona, nessun patrimonio, nessuna professione o successo possono colmare dei bisogni e delle frustrazioni interiori. Niente di tutto ciò, se non la consapevolezza che porta a ridefinire la propria vita decidendo di occuparsi di sé in prima persona. E il fatto che tu consideri un uomo come la "soluzione" di eventuali mancanze tue ti dice quanto sia poco utile e poco amorevole, poco generoso e altruista il modo in cui ti poni verso gli altri e rivela, per paradosso, quanto tu abbia bisogni insoddisfatti che nessuno potrà colmare, se non tu.
      8
      Rispondi a Ilaria Cardani Commenta l’articolo

    • Avatar di Emanuela

      Emanuela 2 mesi fa (5 giugno 2017 14:23)

      Ho letto questo messaggio e non mi è piaciuto. Non ci leggo rabbia o delusione, ma aggressività. Tu hai qualità e doti, dici, e lui è un parassita, dici. L'unica cosa nefanda che riporti di lui è il suo averti detto che non sapeva se voleva una storia, il resto del tuo racconto mi pare delirante. Non comprendo questo non accettare che una persona abbia pieno diritto di fermare una storia in qualsiasi momento della propria vita. Posso comprendere il dolore e la delusione, al limite anche la rabbia quando si comprende di essere state prese in giro con promesse che si sapeva non sarebbero mai avvenute, ma questa aggressività per aver dato uno stop ad una storia no, non la comprenderò mai. Ho amato un solo uomo nella mia vita e l'ho capito quando sono stata sinceramente felice di averlo visto sposato con una ragazza di valore. Quando si ama o si vuole bene a qualcuno si lascia andare, verso chi ho compreso che non potevo nutrire sentimenti positivi perché non meritevole di nulla da parte mia, ho proceduto alla cancellazione di ogni possibile contatto, ma non per lui, ma per me stessa, perché non potevo davvero permettere di tornare indietro. Il calcolo persino sull'effetto che si produce nell'altro bloccando o eliminando un nome, mi inquieta.
      1
      Rispondi a Emanuela Commenta l’articolo

    • Avatar di Ele

      Ele 2 mesi fa (6 giugno 2017 20:49)

      Non mi sono voluta dilungare nel racconto... ma è giusto che lo faccia perché effettivamente non sono stata precisa. È vero quello che dici tu, se lui mi avesse lasciato perché non voleva una storia con me era liberissimo di farlo, il problema è stato tutto quello che ha fatto: era tutto sereno e tranquillo, regalino fatto... il giorno in cui sono partita per le vacanze e sono tornata a casa dai miei per 10 giorni mi ha mollata a TELEFONO il giorno stesso che sono arrivata dai miei dicendo che era confuso e ne avremmo parlato al mio ritorno (perché non parlarmi 2 giorni prima??? Avevo dormito da lui), inutile dire l'ansia di quei giorni e lui che mi rispondeva in maniera acida senza un motivo. Torno, come se nulla fosse mi vede, mi bacia, stiamo insieme, chiedo spiegazioni (avevo pensato ad un pochino di confusione) e mi dice che non ne vuole parlare, passa 2 giorni da me, torna a casa ed il giorno dopo mi lascia definitivamente a telefono 2 giorni prima di capodanno. Il 1 gennaio mi scrive per sapere come sto, più silenzio fino al 9/10 circa... si fa risentire con più frequenza, mi invita da lui perché vuole vedermi, passiamo la notte insieme, torno a casa (era venerdì ) il sabato ci vediamo in discoteca, mi bacia mentre balliamo, poi come se niente fosse a fine serata balla con un'altra, tenta di baciarla ma lo rifiuta. Come pensi mi sia sentita??? Ero bloccata, mi ha tirata via il moroso della mia amica. Silenzio fino a febbraio che magicamente mi scrive, per sapere come sto e continua così la situazione sentendoci ogni tanto. Fino ad aprile che dopo una serata mi dice che ha problemi a tornare a casa sua e mi chiede se può restare da me, si passa 2 giorni da me il lunedì prende il treno e mi manda a quel paese dicendomi che non è giusto continuare così... Io ammetto le mie colpe, sono stupida e gli ho permesso questo, ma lui non è un gran signore... Lui mi ha illusa nei 2 mesi in cui siamo stati insieme, eravamo SEMPRE insieme, le parole, i baci, le canzoni che mi dedicava e poi? E poi si è trasformato in un mostro...
      -4
      Rispondi a Ele Commenta l’articolo

    • Avatar di Anna

      Anna 2 mesi fa (7 giugno 2017 1:01)

      Questo tipo ti ha trattata male, ti ha confusa, e ti ha tenuta in ballo per il gusto di farlo. È normale che tu ti senta traumatizzata dalla cosa. Non ho capito perché non bloccarlo su tutti i social, cellulare ecc. Mi pare che tu sia ancora alle prese con la guerra che - quella si - a questi soggetti piace tanto. Muoiono di noia, altrimenti. Dagliela vinta, a nemico che fugge ponti d'oro: fai qualcosa di buono per te.
      1
      Rispondi a Anna Commenta l’articolo

    • Avatar di Emanuela

      Emanuela 2 mesi fa (7 giugno 2017 11:03)

      Ciao Ele, hai fatto bene a spiegare meglio la situazione. Non bisogna dare mai per scontato che da poche parole si possa comprendere tutto, ma soprattutto non bisogna pensare che spiegarsi sia inutile e che i tuoi pensieri e ogni dubbio in merito sia di poco conto. Il tuo pensiero, il tuo stato d'animo sono importanti. Da quello che hai descritto la persona ha davvero non pochi problemi e non puoi fare affidamento su un soggetto così instabile e inaffidabile. Prendi le tue contromisure tenendolo a distanza.
      -1
      Rispondi a Emanuela Commenta l’articolo

    • Avatar di Ele

      Ele 2 mesi fa (7 giugno 2017 14:00)

      La sofferenza è stata parecchia, sono passata dai sensi di colpa e il senso di colpa all'abbandono. Ho passato i primi giorni a darmi la colpa a chiedermi se avessi fatto così, magari... vedevo il mio letto vuoto e non riuscivo a dormire perché mi mancava il suo abbraccio la notte, non riuscivo più a vedere un film da sola a letto, odiavo casa mia. Mi ero chiusa, passavo le giornate a letto e soffrivo, soffrivo terribilmente... Ho lavorato e sto lavorando tantissimo su me stessa, ho iniziato con il cercare di dormire, per colmare quel senso di vuoto la notte mi sono comprata un orsacchiotto, lo abbracciavo la notte e guardavo a letto i film al pc con lui, ma quel peluche mi è tornato utile è stata una sorta di terapia, piano piano ho cercato di prendere in mano la mia vita ma comunque stavo male e soffrivo, avevo bisogno di sentirlo, come una droga, ero assuefatta da lui, sentivo il bisogno di parlargli, di essere contattata, andavo pure nella discoteca una volta al mese dove sapevo che lui c'era. I primi di maggio poi sono stata ad un evento in disco, mi sono divertita tantissimo ero serena, felice, con i miei amici, bellissima serata. La settimana dopo sono andata alla serata in cui sapevo che c'era lui, ansia, tensione, mi chiedevo dove fosse, se fosse con qualcuna quando non lo vedevo, se si fosse portata qualcuna in auto... dopo quella sera ho detto BASTA, adesso quella disco è chiusa, inizia la stagione estiva, so benissimo dove sarà lui ed ho deciso che NON andrò... È un altro passo in avanti, ma lo faccio con i miei tempi... l'ho eliminato da instagram, non volevo vedere le sue foto, ho eliminato il numero di telefono quindi non lo vedo neanche tra i contatti di Whatsapp, mentre su Facebook non lo seguo più, ciò significa che pur restano "amici" sul social, io devo proprio andare nella sua pagina Facebook per vedere cosa fa e se devo essere sincera da quando ho deciso di non "seguirlo" più io non HO MAI controllato la sua bacheca, NON voglio farmi male da sola.. so benissimo che eliminarlo da Facebook sarebbe il passo successivo ma in questo momento non riesco, lo farò ma con i miei tempi. Per uscirne fuori mi sto documentando un pochino, seguo sempre gli articoli di Ilaria, mi sto documentando, sto cercando di prendere consapevolezza di ciò che mi è successo e chi è lui e cosa mi ha fatto. Ho rabbia nei suoi confronti è vero, ma ne ho tutto il diritto, meglio la rabbia nei suoi confronti che avercela con me stessa. Sto imparando tanto, non mi sto accontentando neanche del tipo che mi viene dietro, so che non fa per me, quindi perché iniziare qualcosa se sono consapevole? Mi sto prendendo un periodo per me stessa, studio, lavoro, vedo le amiche... ho iniziato la dieta che avevo preso un pochino di kg dopo che mi ha lasciata, ho iniziato la palestra... insomma mi sto dedicando a me, poi se mentre penso a me stessa vedrò che c'è qualcuno che ritengo idoneo a star con me ne sarò felice, ma non voglio passare più assolutamente l'inferno che ho passato e che a tratti sto passando adesso.
      1
      Rispondi a Ele Commenta l’articolo

    • Avatar di Anna

      Anna 2 mesi fa (7 giugno 2017 15:16)

      Benissimo! Coraggio. Su Facebook puoi escluderlo dalla chat, così non vedi il pallino verde (e non lo vede lui).
      0
      Rispondi a Anna Commenta l’articolo

    • Avatar di Ele

      Ele 2 mesi fa (7 giugno 2017 19:35)

      Grazie Anna, non sapevo si potesse escludere qualcuno dalla Chat! Ora controllo come si fa
      0
      Rispondi a Ele Commenta l’articolo

  9. Avatar di Cristina

    Cristina 2 mesi fa (5 giugno 2017 15:23)

    Cara Ilaria sto passando giornate un po' nere , il mio patrigno che non vedo da 6 o 7 anni sta male in ospedale .. mi dicono di andarlo a trovare si trova in in altra città .. ma io ci sto male solo al pensiero .. cosa ne pensi ?? Non c entra molto sull argomento lo so ,, ma è L uomo che mi ha visto crescere bene o male . Il rapporto tra noi non è stato unito ne affettuoso .. con i suoi veri figli si invece .. io notavo le differenze ..ciao
    2
    Rispondi a Cristina Commenta l’articolo

    • Avatar di Ilaria Cardani

      Ilaria Cardani 2 mesi fa (5 giugno 2017 15:58)

      Guarda Cristina, io un'idea chiara ce l'avrei e credo sia in linea con i tuoi sentimenti. Non so chi ti dice di andarlo a trovare, chiunque te lo dica, mandalo mentalmente a quel paese. Che gli altri pensino agli affari loro, che non sarebbe niente male.
      13
      Rispondi a Ilaria Cardani Commenta l’articolo

    • Avatar di Cristina

      Cristina 2 mesi fa (5 giugno 2017 22:04)

      Grazie della risposta . Mio fratello o fratellastro mi ha chiamato e mi ha detto di andare che potrebbe essere troppo tardi .. io mi sento da schifo .. e affrontare tutta la famiglia che non vedo da 15 o 20 anni ,senza contatti intermedi , io mi sento morire al pensiero .. e lui vederlo invecchiato .. aiuto ho bisogno di aiuto !!!! Non voglio vedere nessuno e parlare con nessuno ..
      3
      Rispondi a Cristina Commenta l’articolo

    • Avatar di Ilaria Cardani

      Ilaria Cardani 2 mesi fa (5 giugno 2017 22:07)

      Troppo tardi per cosa, scusa? Troppo tardi per chi, soprattutto? Per loro e per la loro ansia di normalità e di salvare la facciata? Per te è una grande occasione per scegliere in autonomia che cosa fare e sottrarti alle manipolazioni di chi mi pare evidente non ti voglia affatto bene. Ti abbraccio, ti sono vicina, ti appoggio :) .
      5
      Rispondi a Ilaria Cardani Commenta l’articolo

  10. Avatar di Elly

    Elly 2 mesi fa (8 giugno 2017 13:10)

    Eu non so se hai ricevuto la mia risposta , ho vissuto la tua stessa situazione e ho chiuso a fine a marzo, stessa identica situazione , stesse identiche emozioni forti e sensazioni di non essere l'unica.
    0
    Rispondi a Elly Commenta l’articolo

  11. Avatar di Eu

    Eu 2 mesi fa (4 giugno 2017 22:10)

    Ciao Ilaria, ancora grazie per i tuoi articoli. Dimenticare? Non si dimentica mai, si impara ad andare avanti senza quella persona che in fondo ci ha provocato il dolore. . . Purtroppo non si può forzare nessuno ad amarci, nessuno che ama non provoca sofferenza... noi donne, siamo sempre più sensibili agli sentimenti, ci creiamo favole intorno a qualsiasi storia, dando più valore di quello che un uomo si merita... mi è capitato di perdere la testa per un collaboratore di lavoro, tra l'altro sposato come me, non so se posso dire di essere stati amanti, ci vedevamo 3/4 volte al anno, quando capitava, senza programmare niente e scattavano scintille... per 5 anni... ogni volta che lo vedevo, provavo delle sensazioni fantastiche, mi sentivo più viva, più stimolata a fare qualsiasi cosa nella mia vita. Ma penso che la mia vita, sarebbe stata più bella, senza questo tipo di stimoli esterni... per l'amarezza che rimane dopo. Adesso, con la mente lucida, mi rendo conto di aver scambiato una storia di soltanto sesso, da parte sua, per un amore impossibile, da parte mia... quella persona che io vedevo così perfetta, adesso la vedo diversamente, sesso e le donne sono fondamentali nella sua vita e ho anche il dubbio, che frattempo avrebbe avuto anche delle altre storie simili alla mia... quel tipo gentile, affascinante e buono, che non avrebbe fatto del male neanche ad una mosca, non fa fatica a trovare delle prede. In conclusione, non si dimentica mai, io ne sono sicura che questo non accadrà, però per andare serena sulla mia strada, in primis non penso ai momenti stupendi passati insieme... e per non provocarmi altri dolori, evito di pensare se poteva essere diverso e di quello che lui potrebbe pensare su di me ... e finita e basta, doveva andare cosi... Se uno ti vuole nella sua vita, ti cerca di sicuro, se no, è meglio che se ne vada a fare posto a qualcun'altro che ti fa vivere... Ecco, Ilaria, un articolo su come si fa a non perdere la testa per un uomo e sulle storie di soltanto sesso, che a volte fanno male, penso che sarebbe interessante. Io ormai la mia sciocchezza l'ho fatta, però potrebbe essere utile ad altre come me. Un abbraccio a tutte!
    3
    Rispondi a Eu Commenta l’articolo

    • Avatar di Ilaria Cardani

      Ilaria Cardani 2 mesi fa (4 giugno 2017 22:30)

      Guarda che se pensi che sia stato un predatore - come mi pare probabile - lo dimentichi eccome, sai, soprattutto considerando i passi che hai già fatto. Ti toccherà di avere l'illuminazione che quei momenti che tu credi stupendi non lo fossero proprio e di mettere nella tua vita qualcosa di davvero importante, che ti coinvolga. Tutto qui. Forse subentrerà la rabbia e alla fine ti farai un ragione anche di quella, perché di sicuro è meglio vivere e stare con qualcuno di degno che ricordare il sesso con un predatore.
      9
      Rispondi a Ilaria Cardani Commenta l’articolo

    • Avatar di Eu

      Eu 2 mesi fa (6 giugno 2017 1:51)

      Ilaria, la rabbia è subentrata e come, rabbia con me stessa, per quanto sono stata stupida a pensare che un uomo sposato che non vuole rovinare il suo matrimonio, potrebbe provare amore, anche se al momento, mi sembrava innamoratissimo... (su questo sono ancora confusa... sono capaci di fingere così???)... rabbia con me stessa per il fatto di essere stata usata per divertimento, noia, narcisismo e chi sa che altro cercava ... per essere scesa così in basso, pur non avendo bisogno. . . poi per l'ultimo, rabbia verso di lui, della sua furbizia, manipolazione... è proprio quello che lo fa sentire in gamba ... Spero che arrivi anche il momento di rendermi conto che tutto era così "stupendo" , perché ero io che immaginavo che tutto era stupendo. Che brutto scherzo, l'immaginazione!!! Non lo dimentico come fatto accaduto, ci vorrà un po di tempo, ma non ci penso proprio di aver più da fare con lui e personaggi simili... Ciao a tutte!
      -1
      Rispondi a Eu Commenta l’articolo

    • Avatar di Elly

      Elly 2 mesi fa (8 giugno 2017 13:59)

      Io ci sto provando con tutta me stessa e devo dire che ci sto riuscendo a stare bene. Ma a dimenticarlo no, ci sono momenti in cui mi sento tanto triste, ho tanta rabbia dentro di me. Si è comportato malissimo, se avessimo chiuso in modo diverso forse sarebbe stato meglio .
      0
      Rispondi a Elly Commenta l’articolo

    • Avatar di Elly

      Elly 2 mesi fa (8 giugno 2017 11:06)

      Sai che ho avuto la stessa identica relazione con un collega?ho provato tutto quello che hai provato tu comprese le sensazioni che avesse altre storie . Si sono predatori, me lo confermó lui stesso che era così ! Sentiva il bisogno di tradire la moglie per sfuggire dalla noia della vita matrimoniale.ora sono quasi 3 mesi che ho chiuso definitivamente, si è comportato malissimo e nonostante ciò non riesco a dimenticarlo. Mi fa rabbia perché non merita nulla eppure mi capita di pensarlo, ma come si fa?! Io penso solo a tutto quello che di negativo mi ha dato, a quanto stupida sono stata ad infangarmi con lui eppure lo penso!
      -1
      Rispondi a Elly Commenta l’articolo

  12. Avatar di Angie

    Angie 2 mesi fa (7 giugno 2017 15:17)

    Cara Ilaria, quello che dici è solo razionale, anche se giusto; in verità, al cuore non si comanda, se siamo innamorate o invaghite di qualcuno, non è che le cose passino per buona volontà. Io, quando sto in certe condizioni psicologiche, non ho la forza di alzarmi, scrivere su cartoncini, andare in palestra o vedere gente nuova: devo aspettare solo che passi (ci metto anni); la grande paura è solo una, che non incontrerò mai più un uomo che mi piaccia e che la mia vita sia finita così, senza emozioni (anche l'innamoramento e l'attrazione non sono volontari). E ho ben 53 anni...che vita è senza le emozioni dell'amore? A me tutto pare spento.
    -3
    Rispondi a Angie Commenta l’articolo

    • Avatar di Ilaria Cardani

      Ilaria Cardani 2 mesi fa (7 giugno 2017 16:02)

      Angie, so bene che ci sono molte donne che sentono e pensano come te. La grande letteratura ha raccontato le vicende di donne del genere: Didone, Madame Bovary, Anna Karenina, per citare quelle più pop. Che cosa vuoi che ti dica? Deve essere davvero una poca cosa la vita di chi pensa e sente che non è vita senza le emozioni dell'amore e ho il sospetto che non a caso siano proprio queste persone ad avere poche emozioni di amore, dato che non si può avere emozioni di amore quando niente nella vita emoziona tranne quel genere di emozioni.
      9
      Rispondi a Ilaria Cardani Commenta l’articolo

    • Avatar di Mayra

      Mayra 2 mesi fa (9 giugno 2017 11:11)

      Ciao Ilaria,ti trovo sempre inappuntabile sulle risposte . Grande. Quanto hai ragione anche su quest'ultimo tema :le emozioni e le capacità di emozionarsi . Notavo quanto mi sia emozionata alla vista della bellezza di Roma ,di Venezia ,di un quadro ,di una musica ,di una nascita . Di emozionarsi per le gratificazioni sul lavoro . L'emozione per una squadra di calcio che mi cantò una canzone nel mio locale . Una poesia scritta per me da un poeta noto in zona . E tanto altro ancora ... Il bello di tutto questo è che io non ricordo chi ci fosse al mio fianco . Non lo ricordo in nessuno degli episodi . Io ero felice . Un forte abbraccio ,ti stimo tantissimo ...
      11
      Rispondi a Mayra Commenta l’articolo

    • Avatar di Ilaria Cardani

      Ilaria Cardani 2 mesi fa (9 giugno 2017 14:00)

      Grazie, ne sono onorata, ricambio l'abbraccio :)
      2
      Rispondi a Ilaria Cardani Commenta l’articolo

    • Avatar di PAMELA

      PAMELA 2 mesi fa (9 giugno 2017 14:13)

      MAYRA posso dirtelo? che lezione ci hai dato!!!! Complimenti e come dici tu e Ilaria, emozioniamoci, stupiamoci di quanto è bella la vita, iniziando da NOI. A me è capitato ieri che ero beatamente stesa - SOLA - nel lettino al mare a godermi i colori di cielo e mare mosso, da sola, si me li sono goduta tutti, e non mi sonop sentita sfigata per niente
      4
      Rispondi a PAMELA Commenta l’articolo

  13. Avatar di Margherita

    Margherita 2 mesi fa (11 giugno 2017 22:56)

    Non so se sto commentando l'articolo giusto, so solo che avevo voglia di condividere il mio stato con il blog. Dopo settimane che il mio ex mi scrive perché ha dimenticato qualcosa a casa (cose vecchie che si ricomprano con pochissimi euro) e che suona il campanello con la scusa di riprendersele...e io non rispondo e non apro la porta perché non ha senso, oggi capita all'improvviso ad una festa dove sapeva che mi avrebbe trovata (ovviamente delle cose dimenticate a casa non si ricorda più). Io cerco di evitarlo e poi me ne vado. Gli scrivo un messaggio dicendo che avrebbe potuto evitare. Lui dice che voleva salutare altre persone e che mi vuole bene e che possiamo fare due chiacchiere quando ci vediamo. E così gli rispondo di starmi alla larga e gli auguro felice vita. Che dura. Speriamo ne sia valsa la pena perché ora sto peggio di prima.
    0
    Rispondi a Margherita Commenta l’articolo

  14. Avatar di Anonima

    Anonima 1 mese fa (16 giugno 2017 0:57)

    Ecco io sto vivendo una situazione che tratta di questo e davvero non so come uscirne. Purtroppo in ambito sentimentale,non ho mai avuto fortuna. Tralasciando le altre,parlo di quelle serie per me,prima sono stata con un ragazzo,da cui ero presa e con cui pensavo potesse crearsi una cosa veramente seria e che poi si é rivelato frivolo e con uno solo scopo,tanto che quando la storia é diventata a distanza é sparito e postava foto con un'altra;poi adesso,dopo tanto,risento un ragazzo,che mi interessava,single,con cui ci chattavo e basta e mi dice che é fidanzato ma nonostante questo,mi propone un rapporto occasionale,io subito rifiuto,non accetto e voglio chiuderla ma lui si fa parecchio insistente,fino ad arrivare a conversazioni hot,poi decide che vuole un'amicizia e poi di nuovo cambia idea e poi arriva il fatidico giorno in cui ci vediamo,lui con un amico e io con un'amica. Poi tipo,poco fa,mi racconta dei problemi con la sua ragazza troppo possessiva e gelosa e qua i conti non mi tornano e 2 domande me le faccio e chiedo spiegazioni e mi torna a dire che vuole un'amicizia,come sempre,cosa assolutamente non vera,in quanto,mi ha sempre fatto intendere con messaggi moooolto espliciti,ben altro a me e allora mi chiedo dove ho sbagliato ? Non li sono piaciuta forse ?.....sisi lo so,é fidanzato ma lui non si fa tutti sti problemi,in realtà sono io che ho discusso molto perché é sbagliato e sono tuttora incerta e infatti non abbiamo fatto niente,anche perché voglio conoscerlo meglio,io voglio una cosa seria,a me piace davvero e so che fa schifo ma per quanto me lo imponga,mi piace,mi sa tenere testa e nessuno lo ha fatto finora. E alla fine dicevo appunto,che mi ha proposto un'amicizia e io ho accettato,perché odio far vedere che sono rimasta male e che mi piaceva e speravo in altro,anche se dopo tutti i miei discorsetti e domande l'avrà capito purtroppo,bé ho accettato,perché voglio farli vedere che sono la solita,non é cambiato nulla per me,che é indifferente sto fatto ma non so quanto producente può essere per me,tutto ciò,perché intanto potrei sempre più prendermi e rimanerci male e comunque lui,alla fine diceva frasi come "ma non ho la palla di vetro,non si sa cosa accadrà nella mia vita,poi qualcosa potrebbe sempre succedere".....e qua lascia speranze,speranze e ancora speranze e io parto con le mille paranoie e idee....e poi io siccome non voglio che veda quanto io sia vulnerabile e quanto pendo dalle sue labbra,li ho detto per me solo un 'amicizia punto e anche lui,da lí è diventato più duro e diceva che voleva l'amicizia e basta...........bah e quindi come faccio a togliermelo dalla testa o vederlo solo con un amico,continuando a frequentarlo ?
    -1
    Rispondi a Anonima Commenta l’articolo

    • Avatar di Anna

      Anna 1 mese fa (16 giugno 2017 13:35)

      Qualche amicizia maschile ce l'ho, quindi non voglio generalizzare. Però gli uomini credono poco all'amicizia femminile. Se dici sì e fai no, non se ne accorgono neanche. Conversazione a base di cliché: "Restiamo amici?" "Certo come no!" E poi fine, non lo vedi e non lo senti più, non rispondi e ciao. Mica vuoi veramente essere amica di uno così? Anche l'amicizia è un impegno ed ha un valore.
      0
      Rispondi a Anna Commenta l’articolo

  15. Avatar di Gaia

    Gaia 1 mese fa (19 giugno 2017 17:05)

    Ciao Ilaria, sono stata lasciata dal ragazzo con cui stavo da 2 anni e mezzo l'altro ieri. Ho solo 18 anni, lo so è normalissimo, ma la cosa che mi spiazza è che pur avendo qualche discussione in più nell'ultimo anno, andava tutto abbastanza bene, ci amavamo da pazzi. Si è comportato in un modo assurdo con me lasciandomi in mezzo alla strada, è sparito per 4 giorni e quando l'ho cercato mi ha lasciata dicendomi di amarmi,ma che non avremmo potuto andare avanti così. Mi ha spiazzata. In questi quasi tre anni siamo riusciti a superare veramente tante cose e, il giorno in cui mi ha lasciata sola in mezzo alla strada avevamo avuto una discussione davvero inutile. Ho provato ad avvicinarmi cercando di fargli capire quali fossero i problemi all'interno della relazione (che ho capito bene durante i 4 giorni in cui non abbiamo parlato), gli ho detto che questi problemi erano più che risolvibili e che se ci amiamo ancora entrambi tanto vale provarci. Ma non ne ha voluto sapere. È tutto molto strano, non mi ha mai trattata così e non si è mai arreso. Dopo come sono stata ho anche pensato che forse sarebbe stato meglio rimanere soli, ma c'è qualcosa che mi spinge a continuare a lottare. (Cosa che solitamente non mi accade con nulla) Avevamo deciso di vederci oggi per discuterne meglio ma ha avuto (davvero) problemi fisici per il quale non ha potuto. L'ho pregato fino a ieri di tornare con me, e oggi dopo la sua bidonata gli ho risposto "ok ciao" Dalla sua risposta ci è rimasto malissimo. Inoltre noto che continua a tenere sui social network la foto profilo con me e anche la nostra fedina. Non capisco davvero cosa fare, mi sembra un'altra persona. Aiutami a capire ti prego
    0
    Rispondi a Gaia Commenta l’articolo

    • Avatar di Ilaria Cardani

      Ilaria Cardani 1 mese fa (19 giugno 2017 17:51)

      Ciao Gaia, io credo che l'amore debba portare gioia e divertimento sempre, immaginati a 18 anni. Mi sembra di cogliere dal modo in cui ti esprimi che questo "amore da pazzi" sia (stato) ben poco gioioso e divertente, una "lotta" piena di problemi. Mi sembra l'anticipazione di una bruttissima storia di dipendenza con un uomo difficile. In aggiunta a questo, io non sono particolarmente entusiasta dei "matrimoni" precoci cioè di quelle storie che iniziano in età adolescenziale o molto giovanile con l'idea che continuino "per sempre". Conosco coppie (pochissime) che si sono trovate da molto giovani e hanno mantenuto legame e affetto forti negli anni e nelle difficoltà dell'esistenza, ne conosco molte di più che a causa di un legame precoce tirano avanti con la sensazione da parte dei due partner di aver perso molte opportunità di sperimentarsi come individui. So di molte persone, soprattutto donne, che si buttano in una storia precoce per fuggire a problemi della famiglia d'origine. Si mette una toppa a un dolore creando una storia ancora più dolorosa. Io ho la sensazione che questo ragazzo sia problematico e se anche sbagliassi onestamente non avrei nulla da rimproverare a un diciottenne che lascia una storia sentimentale per sperimentare qualcosa di diverso. Mi spingo fino a giustificare da parte sua apparenti "scorrettezze". E penso a te che tanto giovane sei già così attaccata a una persona e a una relazione, forse non propriamente sane, forse in modo non propriamente sano. Il che potrebbe motivare ulteriormente la fuga di lui (già peraltro comprensibilissima).
      6
      Rispondi a Ilaria Cardani Commenta l’articolo

  16. Avatar di Jhosselin

    Jhosselin 1 mese fa (27 giugno 2017 21:48)

    Ciao Ilaria. Ho letto la tua E-mail e mi è stata davvero di aiuto... è ormai da due giorni che il mio ex mi ha lasciata. E non mi ha ancora dato una ragione valida. Mi ha solo detto che mi lasciava perché c'è una probabilità che si trasferisca in un'altra città, e che per questo motivo ci saremo visti pochissimo, visto che probabilmente abiteremo in due città diverse. inoltre mi ha detto che quest'anno non voleva avere distrazioni soprattutto perché si voleva concentrare nello studio. All'inizio io non l'amavo infatti mi ero messa con lui solo perché volevo dimenticarmi di un mio ex di cui ero ancora innamorata. Però poi con il tempo mi sono affezionata davvero a lui. E non riesco a dimenticarlo. All'inizio credevo di essermi dimenticata per davvero di lui, però poi guardandolo ho capito che non è cosi.Guardandolo negli occhi ho capito che gli manco ancora,anche se lui cerca in tutti i modi di ignorarmi e di non parlarmi. Molti miei amici dicono che gli manco ancora e che lui per primo sta soffrendo, però per non farmi soffrire ancora di più della distanza, a deciso di fare il duro e lo stronzo. Altri invece dicono che si è semplicemente stancato di me. Pero non penso che da un giorno all'altro un ragazzo che ti ha veramente amata ti dimentichi facilmente. Io non so davvero a chi credere , e non posso neanche chiederglielo perché mi ha bloccata su tutti i social e anche su whattsapp, e tutte le volte che lo chiamo mi riattacca in faccia. Non so più che cosa fare davvero!!! Grazie mille se mi aiuterai e buona serata
    0
    Rispondi a Jhosselin Commenta l’articolo

    • Avatar di Ilaria Cardani

      Ilaria Cardani 1 mese fa (27 giugno 2017 21:54)

      Se ti riattacca in faccia deve essere, oltre che educato e gentile, molto innamorato. Ora, per dimenticare lui, non metterti con un altro stronzo.
      11
      Rispondi a Ilaria Cardani Commenta l’articolo

    • Avatar di Emanuela T

      Emanuela T 4 settimane fa (28 giugno 2017 9:29)

      Ciao Ilaria, in questi giorni è circolata la storia dell'ennesima sposina abbandonata sull'altare. Ignoro il gossip, anche perché le solite storie costruite ad arte per rinfrescare l'estate rovente mi annoiano. Questa mattina invece la notizia è addirittura sul corriere della sera, nella categoria cronache e vi sono riportati i nomi e cognomi dei protagonisti della vicenda, insomma la storia è vera. Il titolo dell'articolo è " Nadia, abbandonata all'altare: " La faccio breve perché tutta la vicenda mi è sembrata un sunto meraviglioso di tutte le storie che raccontiamo qui sopra. Lei conosce lui niente meno che su Facebook, lei è sola con un figlio di soli 5 anni e lui è un bell'imbusto di caserma, insomma non proprio il militare americano, ma conserva pur sempre il fascino della divisa mimetica, quella che spesso indossano non i valorosi, ma quelli che non avendo voluto studiare e quindi potuto trovare un lavoro decoroso, indossano per tirare a campare. Ed in effetti di valoroso questo ominicchio dimostra ben poco, perché il giorno delle nozze, che avvengono dopo soli 7 mesi dall'incontro sul mitico favebook ( fissate quando? una settimana dopo il primo incontro? ), lui si barrica nella caserma e non ne esce più. Spero per lui che gli abbiano anche tenuto la luce accesa la notte per evitargli la paura del buio. Insomma, non si presenta all'altare, né lui né tutta la sacra famiglia di lui. Qui l'epilogo però supera la miseria della situazione, il padre di lei prende la situazione in mano e propone di proseguire con i festeggiamenti al ristorante. Insomma, è bene sempre festeggiare quando ci si scrolla di dosso qualche senza palle. Il resto passa e si va avanti, lui resterà sempre quello senza palle e inetto.
      8
      Rispondi a Emanuela T Commenta l’articolo

    • Avatar di Ilaria Cardani

      Ilaria Cardani 4 settimane fa (28 giugno 2017 9:44)

      Eh, abbiamo avuto un paio di commenti di innamorate disperate di ominicchi in divisa nelle ultime 24 ore. Quello che dici tu è molto crudo e vero. Non tutti gli uomini in divisa sono dei quaraqquaquà, molti sono dei veri uomini ed eccellenti servitori dello stato. Come del resto in tutti i campi e gli ambiti ci sono melme e grandi. Il Corriere della Sera sguazza su notiziucole e in effetti la notizia che riporti - che io non ho avuto voglia e tempo di approfondire - mi sembra che rientri precisamente nell'ambito dello squallore che caratterizza molte relazioni e che sempre più le caratterizzerà in futuro e d'altra parte fa anche molto il paio con quelle vicende di giovani che scompaiono o, peggio, si suicidano il giorno della presunta laurea perché hanno raccontato a casa di aver fatto tutti gli esami quando non si sono nemmeno iscritti all'università e non osano dimostrare la loro vulnerabilità o "deludere" gli altri. Sono consapevole di quanto molte persone siano capaci di ingannare e di vestire elegantemente e insospettabilmente panni non loro e allo stesso mi chiedo: possibile che non sia mai stato dato nessun segnale? Probabilmente sì, il fatto è che, per una serie di ragioni, sia a livello personale, sia a livello collettivo spesso il desiderio di vivere un'ipnosi meravigliosa è troppo forte. Concordo su un aspetto: grande il padre della ragazza, ha fatto una cosa eccellente, proprio anche a livello di scienza psicologica.P.S. Scrollarsi di dosso un tipo del genere è una fortuna che, se si viene da una famiglia minimamente di buon senso, viene recepita come tale proprio dalla famiglia. Sono convinta e auguro alla fanciulla di avere un futuro radioso, soprattutto per sé e in autonomia, appoggiata dall'affetto del saggio padre, per un pochino. Quanto alle tue certezze su di lui che rimarrà un inetto senza palle per sempre, non ci giurerei: qualche scemetta pronta a innamorarsi di lui è già partita per la sua strada, magari ulteriormente motivata dalla notorietà raggiunta dal soggetto. Non dimentichiamoci che frotte di donne si innamorano di assassini, dittatori, criminali.
      7
      Rispondi a Ilaria Cardani Commenta l’articolo

    • Avatar di Emanuela T

      Emanuela T 4 settimane fa (28 giugno 2017 10:12)

      Che lui sarebbe stato corteggiato non lo metto in dubbio, del resto ho voluto curiosare sui profili Facebook di entrambi e sotto quello di lui un commento recita testualmente " Ti rendi conto che tu e la tua ( ex ) ragazza siete diventati delle star? ( ok i punti interrogativi erano 3, ma penso che anche uno solo sia utile alla comprensione. n.d.r. ) Tutti i giornali parlano di voi ... ". Insomma il fascino della celebrità che si fa strada non per meriti di cui andare orgogliosi, ma per lo squallore delle proprie azioni.
      2
      Rispondi a Emanuela T Commenta l’articolo

    • Avatar di max

      max 4 settimane fa (28 giugno 2017 11:50)

      Io direi che essere in prima pagina per una figura di me*da colossale non è proprio una cosa da star..
      0
      Rispondi a max Commenta l’articolo

    • Avatar di London

      London 4 settimane fa (28 giugno 2017 10:51)

      Detta così è da brividi...ma reale. Ho letto la notizia, la "ragazza" ha 39 anni e 15 in più dell'inetto, il quale avrà eccome distribuito segnali. Colti ? Non colti dalla "ragazza"? Chissà. Fatto sta che secondo me, sì il padre sicuramente eccellente nell'iniziativa, tra l'altro il pranzo già pagato da lui, ma se fossi in lei mi scrollerei anche un po' dalla famiglia, oltre che dall'inetto, per avere una propria indipendenza dato che, visto che doveva seguire il figlio di 5 anni - ragazza madre forse - è disoccupata non perchè non trova lavoro ma perchè ha lasciato un lavoro che aveva, quindi questo mi dice che è mantenuta dalla famiglia = dipendi da loro.
      3
      Rispondi a London Commenta l’articolo

    • Avatar di max

      max 4 settimane fa (28 giugno 2017 11:57)

      I motivi per cui ha lasciato il lavoro non si sanno, magari non aveva alternative...certo è che senza lavoro è dura staccarsi dalla famiglia, le due cose cozzano...mi sembra evidente la sprovvedutezza di questa donna che s'è andata ad impelagare con uno più giovane, distante, e conosciuto sui social...il compendio della situazione "ad alto rischio", ed immagino pure che fosse pure accecata dall' amore e dalle parole di lui, o sicuramente da quello che lei voleva vedere in lui...grosso monito per tutte le donne bisognose, forse è un bene che abbiano resa pubblica la vicenda.
      1
      Rispondi a max Commenta l’articolo

    • Avatar di London

      London 4 settimane fa (28 giugno 2017 12:31)

      sottolineerei : quello che lei voleva vedere in lui! Decisamente. E poi cosa fa, si chiude in caserma? Direi atteggiamento molto maturo. Ma di cosa stiamo parlando? Uno definito con fisico da Rambo? Rambo con cervellino e senza xalle! Comunque speriamo davvero che stia festeggiando e non lo abbia già perdonato!
      2
      Rispondi a London Commenta l’articolo

    • Avatar di Emanuela T

      Emanuela T 4 settimane fa (28 giugno 2017 13:10)

      Purtroppo pare che lei stia imperversando in TV e il ( mancato ) suocero invece abbia messo radici nel corriere. Niente viene a caso, a quanto pare.
      0
      Rispondi a Emanuela T Commenta l’articolo

    • Avatar di PAMELA

      PAMELA 4 settimane fa (29 giugno 2017 13:08)

      Almeno si ripaga le spese del matrimonio , ironia a parte..io non avevo letto la notizia e guardo poco la tv, ma se serve a farci aprire a tutte noi un pò piu' ingenue gli occhi ( mi ci metto pure io che ancora non mi sento proprio la donna piu' sicura del mondo ) ben venga
      1
      Rispondi a PAMELA Commenta l’articolo

    • Avatar di Emanuela T

      Emanuela T 4 settimane fa (28 giugno 2017 12:45)

      Sicuramente lei è stata sprovveduta, non meno di quanto lo siamo state in qualche punto della nostra vita quando abbiamo avuto a che fare con personaggi forse meno Don Abbondio di questo ragazzo, ma comunque dannosi. Infatti non volevo tanto soffermarmi sui dettagli della storia ( a questo ci sta pensando sempre il corriere con interviste ai familiari di lui e ho dovuto smettere di leggere perché il mio disgustometro quotidiano aveva già raggiunto la fascia rossa di primo mattino ), ma volevo puntare sullo sguardo d' insieme di una storia che ha una base fin troppo comune con quelle lette qui, ma con un epilogo sicuramente da prendere di riferimento quando si pensa di aver toccato il fondo e di aver buttato la propria dignità alle ortiche. Insomma di può sempre vedere il bicchiere mezzo pieno, ovviamente imparando a svegliarsi per non incappare più in certe dinamiche.
      1
      Rispondi a Emanuela T Commenta l’articolo

    • Avatar di max

      max 4 settimane fa (28 giugno 2017 19:02)

      Esatto, "toccare il fondo" rende bene l' idea...poi le alternative sono due, o ci si rende conto che si è permesso di fare -e farsi- violenza alla propria intelligenza, dando ascolto a se stesse/i, oppure si continua a perseverare, in una vita sostanzialmente incapace di arrivare a sentire i propri sentimenti e quelli dell' Altro, e allora...il fondo lo si continua a raschiare non avendo capito nulla dalla lezione...capita anche questo e a sto punto chi è causa del suo mal, pianga se stesso/a
      3
      Rispondi a max Commenta l’articolo

    • Avatar di Anna

      Anna 4 settimane fa (28 giugno 2017 12:15)

      Sempre inetto resta. Un inetto famoso e corteggiato, come un tronista
      0
      Rispondi a Anna Commenta l’articolo

    • Avatar di Ilaria Cardani

      Ilaria Cardani 4 settimane fa (28 giugno 2017 12:31)

      Oddio, sempre per trovare corrispondenze: lei un genio non sembra proprio, eh. E nemmeno quelle che lo corteggiano.
      7
      Rispondi a Ilaria Cardani Commenta l’articolo

    • Avatar di Anna

      Anna 4 settimane fa (29 giugno 2017 15:17)

      Dati i recenti aggiornamenti, e anche le interviste da lei rilasciate, mi sa che è lui ad essersi salvato... Per essere equanime, direi: tutto è bene, quel che finisce bene
      1
      Rispondi a Anna Commenta l’articolo

    • Avatar di Ilaria Cardani

      Ilaria Cardani 4 settimane fa (29 giugno 2017 15:26)

      Ho visto qualcosa anch'io, ma il livello di disgusto, anche per me come per Emanuela, è stato troppo forte per approfondire ulteriormente: due subumani, circondati da un contesto di subumani e grandi complimenti al Corriere per la morbosità e l'infimo livello. Tra l'altro anche qui, l'inverosimile al potere: sposarsi è una faccenda burocratica con non poche adempienze da portare a termine, non è certo come fanno vedere le commedie americane. Possibile che lui non avesse informato i suoi referenti in caserma e si sia dato per malato? Evidentemente mancano dei pezzi fondamentali per farsi un'idea concreta e reale dell'accaduto. E questo è male. Disapprovo i media che contribuiscono a dare un'idea di realtà contraria a ogni buon senso.
      6
      Rispondi a Ilaria Cardani Commenta l’articolo

    • Avatar di PAMELA

      PAMELA 4 settimane fa (29 giugno 2017 12:59)

      Oddio Emanuela T la luce accesa di notte per paura del buoio ti giuro ho sorriso per un'ora Grandeeeeeeee. Ti voglio come amica :)
      2
      Rispondi a PAMELA Commenta l’articolo

    • Avatar di Emanuela T

      Emanuela T 4 settimane fa (29 giugno 2017 14:07)

      :)
      0
      Rispondi a Emanuela T Commenta l’articolo

  17. Avatar di Manuela

    Manuela 2 mesi fa (4 giugno 2017 13:16)

    Ilaria, ho 33 anni e frequento da circa tre mesi un uomo, 43enne, sposato. Lo sono anch'io, sposata, ma la mia è praticamente una convivenza sotto lo stesso tetto, senza amore e ormai da mesi nemmeno sesso. Lui mi ignora totalmente, pensa solo al calcio e agli amici, io non ricevo un abbraccio da mesi e mesi. Quest'altro uomo, invece, è dolce, passionale, bello, virile e quanto una donna possa desiderare. Io sono follemente innamorata, e anche lui mi dice, e così sento, di amarmi molto. Però, a differenza mia, che non ho figli e potrei troncare da subito, ha un figlio di 9 anni e dice di volere un po' di tempo per preparare il terreno per lasciare la moglie senza creare traumi al figlio, molto legato a lui, padre stupendo. Anche lui, mi dice, ha un rapporto davvero burrascoso con la moglie e ho potuto verificare che è effettivamente in rotta, con litigi e infelicità da parte di entrambi loro. Io ho deciso di lasciare mio marito per avere più libertà nel frequentarlo e perchè, comunque, il mio matrimonio non ha più senso. In attesa che lo faccia anche lui. Io ci credo, sento che è l'uomo per me, sia quando siamo in intimità che quando mi guarda, a lungo e intensamente, con i suoi begli occhi immersi nei miei. Sbaglio a crederci? Lui è la felicità, è la vita ritrovata. Non lo idealizzo, non sono una ragazzina, e conosco il marcio che c'è dentro tante persone. Lui è speciale. Non ne uscirei se non distrutta, se lo perdessi. Cosa devo fare?
    -7
    Rispondi a Manuela Commenta l’articolo

    • Avatar di max

      max 2 mesi fa (4 giugno 2017 14:57)

      Manuela l' importante è che lasci tuo marito perché non vi amate più, non perché hai un' altro uomo, sposato...perché se lui poi non lascia la sua compagna (cosa che accade nella maggioranza dei casi), poi ti pigli una scoppola di quelle da antologia, eh...quindi tu calcola di rifarti una vita per te stessa, indipendentemente da quello che ne verrà con questo nuovo uomo, e se manterrà fede alle sue promesse tanto meglio!
      15
      Rispondi a max Commenta l’articolo

    • Avatar di Stellina3

      Stellina3 2 mesi fa (4 giugno 2017 16:33)

      Concordo con Max...
      2
      Rispondi a Stellina3 Commenta l’articolo

    • Avatar di Ilaria Cardani

      Ilaria Cardani 2 mesi fa (4 giugno 2017 18:47)

      Manuela un uomo non può essere la felicità e la vita ritrovata, tanto più se lo si frequenta da soli 3 mesi. Non per niente tu affacci tanti dubbi e tante cautele. Bene fai ad avere dubbi e cautele. Ancora più utile è pensare alla tua vita realizzata in autonomia e indipendenza, senza per forza attaccarti a un uomo, ideale o reale che sia. Anche una donna può realizzarsi da sola, garantito. Ed è l'unico modo perché poi si realizzi in coppia. Ecco.
      16
      Rispondi a Ilaria Cardani Commenta l’articolo

    • Avatar di Mayra

      Mayra 2 mesi fa (4 giugno 2017 20:06)

      Ciao Ilaria. Credo ,ma spero di sbagliarmi ,che questi siano tempi un po' più complicati per dimenticare ciò che credevamo fosse un amore. Ci sono i benedetti social ,che aldilà di tutti i blocchi possibili ,che tornano prepotenti a ricordartelo. C'è sempre un contatto che mette le foto ,vuoi per lavoro o divertimento ,e ops ... Che ritorna il tormento . Soprattutto quando il "fenomeno"in questione lo vedi in dolce compagnia e piu in forma che mai. Mi dirai :qual è il problema ? Chiudi internet e vai a riprenderti la tua vita . Giusto . Opportuno . Coi social c'è più visibilità e c'è sempre qualcuno che vede e vuole riferirtelo . A volte sembra che lo facciano apposta . La lei di turno che commenta una tua amica e ops ... La fitta allo stomaco che torna . Perché si hanno più strumenti rispetto al passato per ferire e mortificare . Questo purtroppo è. Se poi il fenomeno ogni tanto bussa alla tua porta o manda lettere (poiché bloccato su altre metodiche) la risalita è un pochino più faticosa . Col tuo aiuto si può . Ho imparato che tutto ciò che sento lo devo esternare . E sento di esserti riconoscente per il grande lavoro che sto facendo su me stessa grazie ai consigli preziosi che dai. Dalle mie parti una donna sola è una donna SF****a,io ,grazie al tuo blog , oggi so che non è propriamente così . Mi considero fortunata ad aver conosciuto te ,il tuo blog e la possibilità che dai di esprimerci sui vari problemi affettivi. E la possibilità di confrontarci su queste pagine è molto generoso da parte tua . Sono convinta che molte cose cambierebbero se incominciassimo a cambiare noi. Se noi donne facessimo più squadra e non fossimo sempre nemiche tra noi ... Molto spesso non essere solidali tra noi è un tremendo autogol . Pensare che per noi sarà diverso ,che l'altra è sbagliata è una menzogna . Una volta sentii in TV un famoso psichiatra dire :se volete sapere di più su un uomo chiedetegli come è finita la sua ultima storia . Scoprirete tante cose se siete attente . Ecco, se l'avessi sentito prima , probabilmente non avrei perso 5anni della mia vita . Perché dall'amore si può guarire ,dalle sue conseguenze un po' meno . Un abbraccio ❤
      0
      Rispondi a Mayra Commenta l’articolo

    • Avatar di Ilaria Cardani

      Ilaria Cardani 2 mesi fa (4 giugno 2017 20:14)

      In attesa della squadra, si può fare uno sport individuale. Si può.
      8
      Rispondi a Ilaria Cardani Commenta l’articolo

    • Avatar di Gea

      Gea 2 mesi fa (4 giugno 2017 21:02)

      Giustissimo, Ilaria. ;-) E, aggiungo, é utile e indispensabile imparare ad essere selettivi anche con le amicizie: evitare le "nemiche" al pari degli stronzi. Grazie a Dio, non si è obbligati a frequentare gente pettegola, ipocrita e malevola! E se si tratta di colleghi, mantenere solo un rapporto lavorativo, senza perdersi nelle ciarle. Fare pulizia intorno aiuta a incontrare gente pulita.
      8
      Rispondi a Gea Commenta l’articolo

    • Avatar di Anna

      Anna 2 mesi fa (4 giugno 2017 21:23)

      Non so, ma più leggo il blog e i commenti, più mi pare che le sfigate siano quelle che pensano di essere sfigate se non in coppia ... poi addirittura pensare di essere sfigate e stare appese agli aggiornamenti e ai likes su Facebook dell'ex mi pare proprio il top della sfiga. Non so, sarà che - sfiga per sfiga :) - ho parecchie cose da risolvere nella mia vita ... ma quello che le amiche dicono di quello che il tipo ha fatto o detto su Facebook non mi pare un gran contributo al benessere. Si blocca tutto e si dice alle "amiche": guardate ho chiuso con X, vado avanti ma per un po' non voglio sentire pettegolezzi su di lui.
      9
      Rispondi a Anna Commenta l’articolo

    • Avatar di mayra

      mayra 2 mesi fa (4 giugno 2017 23:33)

      Ciao Anna , probabilmente mi sono spiegata male. Succede . Non sono e non mi sento una donna sfigata perché non ho un uomo al mio fianco . Parlavo di mentalità di parte della gente della mia città . È così . Qui le donne ,non tutte ma buona parte si, soffrono non essere accompagnate da una presenza maschile . Farà sorridere ,lo so ,ma questo è. Io non mi sento una sfigata ... Lo sarei nel momento in cui ,pur di non stare sola ,mi affiancassi a qualcuno giusto per . Non è il mio caso . Mi nutro di musica ,lettura ,politica e sostanzialmente mi piace stare con me stessa . Ciò non toglie che la vita affettiva abbia riservato diversi dolori ,ma grazie ai quali ,oggi mi sento una donna con la D maiuscola. Il fatto che tra donne non ci sia molta solidarietà è un dato di fatto . E grazie alla mancanza di sorellanza molti" rospi " si moltiplicano . Questo ,concedimelo,succede un po' dappertutto. Che i social rendano tutto più difficile non è frutto di una mia allucinazione . Si può bloccare e persone un po' centrate , ovviamente,lo fanno . Non parlavo di me, nello specifico ,ma di quello che si avverte ,si legge ,si cerca di capire . Tutto qui ... Notavo quanto prima fosse più facile per tutti dimenticare ,voltare pagina. Oggi mi appare un pochino più faticoso . Perdona la mia franchezza ,ma dare della sfigata non mi sembra carino . Grazie ancora ad Ilaria per la disponibilità e grazie anche a voi ❤
      2
      Rispondi a mayra Commenta l’articolo

    • Avatar di Ilaria Cardani

      Ilaria Cardani 2 mesi fa (5 giugno 2017 8:51)

      Tutto bene Mayra e davvero l'opinione degli altri e i social sono così importanti? E' questo che forse colpisce un po'. Sì, certo, la maggioranza delle donne si sente un nulla senza un compagno, la massa usa i social per fingere un'importanza che non ha e fare pettegolezzo e so di persone che piangono se la squadra del cuore non vince. E allora? Se si sta dietro ai mediocri e alla mediocrità non si può pensare di volare alto, che dici?
      15
      Rispondi a Ilaria Cardani Commenta l’articolo

    • Avatar di Anna

      Anna 2 mesi fa (5 giugno 2017 13:42)

      Si Mayra, questo era chiaro. Infatti mi riferivo all'ambiente.
      1
      Rispondi a Anna Commenta l’articolo

    • Avatar di Manuela

      Manuela 2 mesi fa (5 giugno 2017 11:15)

      Non so Ilaria, la tua mi sembra una visione un po' manichea, perdonami, da femminista. Un uomo può essere la vita ritrovata esattamente come può esserlo una donna per un uomo. Entrambi si completano, a vicenda, ed entrambi (uomo e donna) sono entità che nascono per accoppiarsi non solo sessualmente e non solo a fini riproduttivi. Pensare all'essere umano come a una monade che si deve realizzare da sè e solamente da solo è completamente errato, a mio parere. I miei dubbi sono relativi al comportamento che dovrei tenere, non al fatto che un uomo possa rappresentare la felicità per una donna. Sono certa sia così, come fortunatamente tante altre.
      -6
      Rispondi a Manuela Commenta l’articolo

    • Avatar di Ilaria Cardani

      Ilaria Cardani 2 mesi fa (5 giugno 2017 11:31)

      Cara Manuela, grazie per l'opportunità di confronto. Mi colpisce davvero il ricorso al termine "femminista" e mi piacerebbe che chi lo usa in maniera spregiativa spiegasse dettagliatamente le ragioni per cui lo fa, potrebbero uscire delle spiegazioni interessanti. Ho la sensazione che tu non abbia ben compreso il senso del realizzarsi in autonomia: non significa isolarsi o non avere l'amore, significa proprio evolversi a tal punto da amarsi, essere amate e amare e in modo pieno. Non disperato, illusorio, frustrato. Le affermazioni che fai sull'amore suonano molto da repertorio di romanticismo da giornaletti e sono la fonte principale di rapporti disfunzionali, quelli che fanno perdere alle persone dignità, potere e opportunità di vita. Non mi sembra il tuo caso, però. Infatti se quest'uomo, come sei certa, rappresenta la tua felicità e le fondamenta sulle quali tale felicità si basa, non ci dovrebbero essere dubbi sui comportamenti da tenere. La felicità non genera incertezze, domande, volontà di discutere. E' felicità mica per niente. Buona fortuna, di cuore :)
      13
      Rispondi a Ilaria Cardani Commenta l’articolo

    • Avatar di Anna

      Anna 2 mesi fa (5 giugno 2017 13:49)

      Scusa Ilaria, vuoi davvero farci credere che i rapporti uomo-donna non siano paritari?! :))) scambio equo: lavoro, pulisco, cucino, lavo, stendo, stiro, mi occupo dei figli, e in cambio gliela devo dare. Però lui mi ama, mica cavoli :)))
      3
      Rispondi a Anna Commenta l’articolo

    • Avatar di Emanuela

      Emanuela 2 mesi fa (5 giugno 2017 15:45)

      Pur non comprendendo il nesso logico tra il messaggio di Ilaria e questo di Anna, mi piace soffermarmi su quel " in cambio gliela devo dare". Fare sesso in modo consapevole non è una donazione o un atto di elemosina. Si presume si faccia per soddisfazione personale oltre che reciproca. Io questa mentalità che vede la donna frigida la spero superata.
      0
      Rispondi a Emanuela Commenta l’articolo

    • Avatar di Gea

      Gea 2 mesi fa (5 giugno 2017 17:21)

      Ciao Emanuela, il messaggio di Anna mi sembra semplicemente sarcastico. Un'ironia pungente sui rapporti uomo-donna visti con occhio maschilista-patriarcale. Dubito fortemente che Anna condivida questa idea e pensi che la donna debba tutto, sesso compreso, come triste "dovere coniugale". ;-)
      3
      Rispondi a Gea Commenta l’articolo

    • Avatar di Anna

      Anna 2 mesi fa (5 giugno 2017 17:41)

      Si, ovviamente ero sarcastica, e il nesso con il messaggio di Ilaria è il diffuso uso dispregiativo del termine "femminista". Diffusissimo, peggio che negli anni 60 e 70, quando le femministe erano derise ed insultate. Inquietante, e preoccupante.
      4
      Rispondi a Anna Commenta l’articolo

    • Avatar di Emanuela

      Emanuela 2 mesi fa (5 giugno 2017 18:39)

      Diffusissimo secondo quali statistiche? Anche giorni fa leggevo questo tuo estremizzare i dati con un " tutte qui ... ". Da dove deriva questa assoluta certezza degli avvenimenti e dei dati fuori e dentro il sito? Te lo chiedo non per colpevolizzarti, ma perché sono davvero curiosa di sapere.
      0
      Rispondi a Emanuela Commenta l’articolo

    • Avatar di Anna

      Anna 2 mesi fa (5 giugno 2017 19:18)

      Non so a livello statistico, ma a livello del linguaggio comune - soprattutto fra i giovani, uomini e donne - mi pare che oramai prevalga decisamente il senso dispregiativo. Come a dire che una è estremista nelle sue posizioni, se non addirittura rompiscatole o misandrica. Mi capita veramente spessissimo di sentirlo. Difficile invece sentire una donna dire "io sono femminista". Lasciamo stare il web, che è proprio un disastro. E anche qui non mi pare che sia la prima volta che esce questo uso. Dipende anche dagli ambienti che si frequentano, probabilmente. L'altro esempio non lo ricordo ... su questo no, anzi me lo segno perché è curioso, ma qualche dato per lavoro mi capita di vederlo. Ma non so a cosa ti riferivi. Magari era per dire, capita pure.
      0
      Rispondi a Anna Commenta l’articolo

    • Avatar di Emanuela

      Emanuela 2 mesi fa (5 giugno 2017 20:48)

      Sì, dipende dall'ambiente e dalle persone che si frequentano. Esco fresca da una sorta di associazione che frequentavo con entusiasmo perché ritenevo fosse composta da persone colte. Qualcosa però non mi tornava pur lasciandomelo scivolare addosso, della serie " vivi e lascia vivere". In realtà non è così, non vivi bene accanto a persone che sotto sotto erano misogine e neanche tanto velatamente razziste. Qui ho realizzato che appunto dire che una persona sia colta solo perché ha un titolo di studio è dire nulla sul valore intrinseco della stessa. Mi sono sentita scavare, svuotare e rivoltare come un cucchiaio ogni convinzione persino radicata post dopo post. Sto bene e pochi giorni fa mi sono riaffacciata proprio lì da dove sono fuggita, leggendo gli stessi commentatori di sempre mi sono chiesta come facessi a tollerare la scarsa evoluzione di queste persone, maschi e donne indistintamente. Ho sentito di non avere più nulla in comune con loro e ne sono stata felice. Ecco, ho imparato che c'è un peggio, ma che posso prenderne le distanze senza avere la pretesa di sporcarmici le mani, ma volgo lo sguardo altrove, più avanti partendo già dal meglio che sono io oggi, e posso solo guardare da me in poi. Io voglio essere da parametro sotto il quale non andare, ma non posso pensare che non ci sia altro di positivo anche migliore di me. Voglio non interessarmi più della spazzatura perché solo grande perdita di tempo, mi pare invece che tu tenda a rievocarla spesso come pietra al collo che ti spinge sempre giù.
      2
      Rispondi a Emanuela Commenta l’articolo

    • Avatar di Emanuela

      Emanuela 2 mesi fa (5 giugno 2017 18:32)

      Gea, che Anna volesse essere sarcastica lo avevo intuito, per questo non mi soffermavo sul tono, ma sul concetto comunque espresso del "darla", concetto che più volte ho letto qui.
      0
      Rispondi a Emanuela Commenta l’articolo

    • Avatar di Anna

      Anna 2 mesi fa (5 giugno 2017 19:25)

      Emanuela, ma tu hai l'impressione che il modello patriarcale sia superato sul serio? E perché secondo te stiamo qui a farci svalutare come fosse una cosa normale, o abbiamo tante remore nell'avere avventure puramente sessuali? Purtroppo non è affatto un modello superato, solo che ora lavoriamo pure. Il che per carità sarebbe uno strumento formidabile di autonomia, se fossimo autonome di testa.
      7
      Rispondi a Anna Commenta l’articolo

    • Avatar di Emanuela

      Emanuela 2 mesi fa (5 giugno 2017 20:10)

      Anna, non so dove avrei accennato ad un superamento del modello patriarcale o più semplicemente ne abbia parlato tout court. Di certo c'è che ad una visione distorta e sbilanciata come quella esposta da Manuela e rettificata da Ilaria, ne corrisponde una ugualmente negativa espressa da te che vede il mondo intero come minaccia costante per la donna. Entro qui perché cerco di star bene con me stessa con tutto quel che ho, spogliarmi dell'ingenuità che è un falso valore positivo e affrontare la quotidianità mantenendomi centrata su me stessa. Leggere costantemente che " tutto " va peggio di prima, che le tue fonti parlano chiaro e addirittura parliamo di patriarcato, mi fa chiedere se io e te stiamo davvero leggendo lo stesso sito.
      0
      Rispondi a Emanuela Commenta l’articolo

    • Avatar di max

      max 2 mesi fa (6 giugno 2017 1:37)

      Non te la prendere Anna, ma come dice Emanuela anche io ho percepito il tuo messaggio allo stesso modo...sinceramente, sarò fortunato, ma nella moltitudine di coppie, amici, conoscenti e parenti (con i gradi di studio più disparati, felici o con problemi a vari livelli) ma la questione del femminismo con il maschio-padrone non esiste...diversa ovviamente la questione della violenza sulle donne, sia chiaro.
      0
      Rispondi a max Commenta l’articolo

    • Avatar di Emanuela

      Emanuela 2 mesi fa (6 giugno 2017 9:30)

      Ciao Max, l'aspetto negativo del messaggio di Manuela risiede nella convinzione che il maschio sia portatore unico di svolte e appagamenti nella vita della donna, di qui consegue il suo giudizio di "femminista" rivolto a Ilaria che invece suggerisce di essere capaci da sole di appagarsi, ma non per restare sole ( come ne deduce Manuela ), ma per non relazionarsi con il maschio in modo bisognoso. L'errore che spesso si commette è di vedere il maschio non come persona o uomo con la sua testa, ma come farmaco. Tu ( generico ) sei maschio e mi basta che mi porti a cena, mi mandi qualche messaggino e la terapia fa effetto. Praticamente non è vero che c'è un rispetto dei reciproci bisogni, come farebbe intendere Manuela, ma al contrario l'uomo è oggetto-farmaco in tutto e per tutto ( più femminista di questo... ). Tant'è che appena il farmaco osa agire in modo autonomo e dire di no ( cosa che tu hai saggiamente suggerito di prendere in considerazione, ma lei ha del tutto ignorato perché un farmaco non pensa ) e tirare i remi in barca, nasce aggressività e svalutazione del prodotto, come del resto già avvenuto per il farmaco-marito ormai inefficace. Qui non è questione di chi lava i piatti e del maschio padrone è la mancanza di rispetto dell'altro oltre che di se stessi.
      1
      Rispondi a Emanuela Commenta l’articolo

    • Avatar di Emanuela

      Emanuela 2 mesi fa (6 giugno 2017 10:33)

      Preciso che avrei dovuto inserire il termine "femminista" tra virgolette perché l'ho utilizzato secondo la stessa valenza negativa e spregiativa utilizzata da Manuela.
      0
      Rispondi a Emanuela Commenta l’articolo

    • Avatar di Anna

      Anna 2 mesi fa (6 giugno 2017 11:02)

      Probabilmente vivete in Finlandia.
      1
      Rispondi a Anna Commenta l’articolo

    • Avatar di Anna

      Anna 2 mesi fa (6 giugno 2017 2:08)

      Scusa Emanuela ma ho solo detto che secondo me il contesto generale delle relazioni di genere è (grosso modo) questo, che stiamo qui a discutere di schemi disfunzionali dove guarda caso il punto è la scarsa autostima delle donne, e che secondo me si tratta di fare caso ad entrambi gli aspetti. Poi non c'è alcun motivo per prendere per buone le mie affermazioni, e questo è giusto e ragionevole. Ma a livello strettamente personale per me significa ad esempio fare attenzione ad una relazione paritaria anche quando questo va contro gli schemi comuni (e succede), e anche a costo di passare per rompiscatole. Fa parte dei miei valori non negoziabili, come l'integrità fisica e il rispetto.
      0
      Rispondi a Anna Commenta l’articolo

    • Avatar di Serena

      Serena 4 settimane fa (2 luglio 2017 23:32)

      Ti stimo e ti ammiro tantissimo, Ilaria!!! E adoro soprattutto questi tuoi confronti che denotano ancora una volta la tua intelligenza!!! 😍
      0
      Rispondi a Serena Commenta l’articolo

  18. Avatar di Rossella

    Rossella 2 settimane fa (16 luglio 2017 0:32)

    Articolo ad hoc per me! Sono vedova, ho due bambine che cresco da sola (niente nonni) Ergo tempo per me sola praticamente inesistente. Anche per incontrare un uomo. .. Eppure uno lo avevo incontrato. Un padre separato. Desideroso di avere una relazione seria, diceva. Mi sono innamorata pazzamente ma lui, dopo due mesi in cui mi ripete che "MI AMA", dice che si è sbagliato. Che soffre e preferisce chiudere. Oggi, dopo 7 mesi di patimenti, scopro da un'amica comune che lui ha un'altra già da tempo. Razionalmente lo so che è solo un immaturo egoista e che devo dimenticare. Ma ora non mi fido più. Abbiamo entrambi più di 40 anni. Come si può scambiare una passione per amore? Io oggi non mi fido più. ..
    0
    Rispondi a Rossella Commenta l’articolo

  19. Avatar di laura

    laura 7 giorni fa (21 luglio 2017 7:57)

    cara Ilaria, grazie per questo spazio. ho trovato l'articolo molto interessante, e mi spiace non averlo letto anni fa. ho incontrato un uomo 4 anni fa. l'ho incontrato in una fase "magica" della mia vita, ero di ritorno da alcune settimane di ritiro, a stretto contatto con me stessa, con la natura, e aperta totalmente alla vita. in quei giorni passa lui. non so come, mi sono ritrovata quasi subito a letto con lui. non mi era mai capitato in tutta la mia vita: mi sentivo irresistibilmente attratta, come se qualcosa di più forte di me mi aveva travolta. in più in lui vedevo tutto ciò che di e in un uomo mi sarebbe piaciuto. tutto mi piace di lui: come si muove, quello che fa, come si cucina... ogni dettaglio. per circa 8 settimane ci siamo visti quasi tutte le settimane. a me sorrideva anche la pelle! puoi immaginare come mi sono sentita?. non avevo mai vissuto una tale sensazione, la sensazione di "essere a casa" quando ero tra le sue braccia, come se quello fosse finalmente l'uomo con cui stare. arrivavo da una separazione e da 4 anni non mi si era avvicinato nemmeno un uomo. capirai! l'entusiasmo e lo stupore che ho provato mi hanno fatta sentire in paradiso. dopo poche settimane/mesi, lui mi dice che c'è un'altra, che lui è fatto così... che salta da una all'altra.... e mi metteva in guardia. sgomento, buio totale, e da lì.... l'inizio dell'assurdo. un'altalena continua in cui ogni volta che cercavo di staccarmi lui poi richiamava o mi invitava da lui e ogni volta ricapitavamo a letto, e poi ancora per settimane silenzio. Mai un appuntamento, tutto all'ultimo minuto. e io lo aspettavo, felice di aspettarlo, mentre tra l'altro continuavo ad aprirgli il mio cuore con lettere, email, nelle quali gli spiegavo quanto credessi a ciò che ci aveva attratti e uniti, e a quanto gli volessi been. e così dalle serate insieme, siamo passati alle sole cene, poi ai pranzi, poi ai caffè fugaci, e ci si vedeva solo quando lui si rendeva disponibile e non quando io glielo proponevo o lo invitavo. prendeva apputnamento con tutti, tranne che con me. sono trascorsi 4 anni così. ogni volta in cui mi allontano, liu mi ripesca con i suoi sms "come stai" (ma non credo che gli interessi davvero), a volte propone di vedersi, e ogni volta (almeno fino a 4 mesi fa) io ci ricado, e non riesco a togliermelo dalla testa! non si interessa mai a nulla di me, quando mi chiama lo fa solo per raccontare di se stesso, delle sue imprese sportive, del suo lavoro e ogni volta mi ricattura. in questi anni gli ho aperto, spalancato il mio cuore, per dare un senso al nostro incontro, per dare vita e ruolo a quell'affetto che io sentivo prepotente e incondizionato ma che lui non dimostra mai nei fatti. insomma... è come se mi sentissi "drogata", e non riuscissi a dimenticarlo, a farlo uscire dalla mia vita. da pochi mesi comincio a capire di avere dirottato su di lui ciò che io stessa vorrei darmi, e voglio riuscire a riconquistare la mia centralità. mi sento saccheggiata da questa avventura, che per poche settimane di pura gioia mi ha dato 4 anni di dolore e pianti. in questo periodo sto provando a staccarmi, ma qualcosa ogni tanto mi spinge a lui: sono arrabbiata, offesa, delusa, amareggiata, triste e vorrei anche dirglielo, invece quando chiama ... prende il sorpavvento una vocina tutta dolce e allegra... assurdo, vero? grazie del tuo impegno e di tutto quello che trasmetti.
    0
    Rispondi a laura Commenta l’articolo