Trovare l’uomo giusto: come dimenticare l’uomo sbagliato (che credi di non riuscire a dimenticare)

Come dimenticare un uomoAttenzione, attenzione: questo articolo riguarda davvero tante donne  che, per una ragione o per l’altra, si “fissano” su un ex partner, un conoscente, un amico, si convincono che sia la “persona giusta” per loro e fermano la loro vita nel e per il dolore di non poterlo conquistare o ri-conquistare. Non riescono a dimenticare un uomo

 Invece, come spiego nella mia guida gratuita “Come attrarre la persona giusta per te in 11 passi”, per avere una vita sentimentale serena è necessario fare piazza pulita del passato e di ciò che non si è realizzato nel modo desiderato. E’ necessario riuscire a dimenticare un uomo sbagliato per te.

Ricevo davvero decine di mail ogni giorno da persone che vivono un amore impossibile.

Credono di essere innamorate di qualcuno che, di riffa o di raffa, non ha nessuna intenzione di ricambiarle nella direzione di un rapporto di coppia pieno, oppure continuano a sentirsi legate a una persona con la quale hanno avuto una relazione, ma con la quale ormai non c’è più storia…

Una nota importante: so benissimo che c’è una bella differenza tra il non riuscire a dimenticare un uomo sul quale ci si è fissati senza che vi sia stato mai nulla e il non riuscire a dimenticare un uomo con il quale si è vissuta una relazione importante, una convivenza e un matrimonio.

Sono convinta che prima o poi io debba affrontare di petto qui sul blog la questione caldissima di tutti coloro che soffrono e perdono un sacco di tempo dietro amori non solo impossibili, ma totalmente immaginari, cioè, come dicevo poco fa, per persone che non hanno nessuna intenzione di ricambiare.

E’ un tema che mi sta molto a cuore (mi sembra uno spreco immenso tutta ‘sta sofferenza per una persona che nemmeno ti considera) e sul quale ogni tanto mi arrabbio tanto che ho paura davvero di spararle troppo forte anche per i lettori di questo blog, che sono particolarmente pazienti e intelligenti.

Ok, dài, vedremo.

Dimenticare un uomo: come si fa?

Ora dedichiamoci più attentamente al tema centrale: come fai dimenticare una persona che “non riesci” a dimenticare?

Prendiamo il caso classico, giusto per esemplificare, di quando si tratta di toglierti dalla mente e dal cuore un ex partner che ha già un’altra relazione. Si tratta di dimenticare un uomo che si è di nuovo impegnato con un’altra persona.

Di solito lo schema che si manifesta è: vi lasciate;  tu sai bene – razionalmente – che la storia non funzionava e non può funzionare; sai anche che dovresti lasciar perdere e dedicarti a te e a cercare qualcuno di veramente giusto per te. Ma non ci riesci, in ogni momento torni con il pensiero a lui, ti fai prendere da un dolore che ti risulta insopportabile e da tutti quei pensieri – assurdi – su come avrebbe potuto essere bella la vostra storia, se solo…

Allora, consideriamo gli aspetti emotivi di questo fenomeno.

1)    Perdere qualcuno che si ama fa provare sensazioni molto simili al lutto e questo è senza dubbio uno dei dolori più grandi nella vita di una persona (lo so bene: questa consapevolezza non ti deve servire per compiangerti).

2)   E’ tipico della natura umana che, quando si perde qualcosa o qualcuno, si crei, di quel qualcosa o qualcuno,  un’immagine iperpositiva, sia rispetto alla persona in sé, sia rispetto a quello che si è vissuto con lei. Un’immagine che – sia ben chiaro – è fuori dalla realtà.

3)  Il dolore della perdita ti blocca, ti immobilizza, ti porta all’inazione. E l’inazione porta a concentrarsi con ancora più insistenza sulla perdita e sul dolore. Ecco bell’e costruita la spirale negativa che ti risucchia sempre più giù.

E allora come fai a non “morire di dolore” e a eliminare quella sensazione di disastro, fine della vita e disperazione?

3 semplici mosse per dimenticare un uomo

Eccoti qui tre passi facili facili, che propongo anche ai miei clienti di coaching personale:

1. Interrompi lo “schema del dolore”. C’è uno schema che ti trascina nella spirale di dolore? Interrompilo! Ogni volta che senti “montare il dolore” e soprattutto la sequenza di pensieri che ti portano al dolore, inizia una nuova attività: chiama un amico/a (ma non per sfogarti, eh!), esci a fare una passeggiata o qualche commissione utile, vai in palestra, e, magari, mettiti a fare un’attività “creativa”  che riguarda la tua esistenza. Per esempio: componi il quadro delle cose che ami: ti basta anche un foglio di cartoncino colorato sul quale scrivere frasi positive o incollare immagini di ciò che ami (luoghi, monumenti, oggetti, sport) o di obiettivi che vuoi raggiungere.

2. Fai tuo un principio base della felicità sentimentale: chi non ti offre l’amore che desideri non può essere in nessun modo la persona giusta per te. La persona giusta per te è solo quella che ti ama davvero e desidera stare con te, senza ricatti, costrizioni, prepotenze.

3. Creati più opzioni possibili, sia per quel che riguarda le attività che ti sono utili a interrompere lo “schema del dolore” (e ad arricchire la tua vita), sia per quel che riguarda le persone che frequenti. Fai vita sociale, amplia le tue conoscenze: ti renderai conto rapidamente di quante persone interessanti ci sono in giro e quante nuove amicizie puoi stringere, e ancora di più in questo momento della tua vita nel quale non hai un partner.

In definitiva, mi permetto di farti presente che c’è sempre del dolore nel momento in cui si perde qualcuno che si ama. Il dolore si trasforma in infelicità se tu lo nutri, se tu ti ci soffermi per troppo tempo. Il dolore fa parte della vita – non sono certo io a farti questa rivelazione – ma l’infelicità è una scelta. Dipende da te, se l’accetti senza condizioni o se invece ti dài da fare per trovare tutti gli antidoti possibili.

Lasciami i tuoi commenti e racconta le tue esperienze, in particolare riguardo quegli atteggiamenti che ti permettono o ti hanno permesso di interrompere lo “schema del dolore”.

Dopo che lo hai letto, per favore ricordati di condividere questo articolo sui social (Facebook, Twitter etc.) attraverso i pulsanti che trovi qui sotto. Metti anche il tuo “Mi piace” alla pagina Facebook (c’è il quadratino con tutte le faccine dei fan, qui in fondo, a destra).

Cordialmente

Ilaria

P.S. Attraverso il percorso “I 7 Pilastri dell’Attrazione” ti avvii alla scoperta del tuo equilibrio interiore e delle tue risorse personali, quelle utili a evitare lo “schema del dolore” in amore. E’ un percorso essenziale, semplice e, soprattutto, molto pratico. Inizia subito!

Lascia un Commento!

816 Commenti

  1. Avatar di Alessandra

    Alessandra 2 mesi fa (10 aprile 2017 12:53)

    Ciao Ilaria, ho letto il tuo post, e anche io vorrei tanto dimenticare un uom,che secondo i miei canoni,non mi ama...ma purtroppo, ho fallito in tutti i tentativi.... Ogni volta che si usciva assieme, guardava,cioè fissava, si soffermava,a guardare le altre donne...e le seguiva con gli occhi.... E lo faceva quasi con tutte.. Nefava
    -8
    Rispondi a Alessandra Commenta l’articolo

  2. Avatar di Alessandra

    Alessandra 2 mesi fa (10 aprile 2017 13:03)

    Negava quando glielo dicevo, e poi diceva,che io avevo le allucinazioni... Gli presento un volantino di una farmacia, dove c'era,una donnina, e lui,dopo che l ha guardata,la prima volta, la riguarda una seconda volta ,e io ho capito che l ha fatto perché gli piaceva... Nota importante, io ho 38 anni meno di lui...sono una bella ragazza e giovanissima, in confronto a lui,e lui nonostante ciò guarda le altre,perfino in un volantino .. È ovvio,che questo è malato di testa, comportandosi così... Io comunque sono sei anni che combatto questa relazione di m...a,e non ce la faccio più.... Ed è da un anno,che non ci sto più uscendo per queste ragioni,per queste mancanze di rispetto.... Aiutami,perché non so come fare,per dimenticarlo, dato che conviviamo assieme... È un casino così per me... Ed in più anche trovare un lavoro per andarmene è molto molto difficile trovarlo.... Ciao grazie. Attendo una tua risposta... Alessandra :)
    -3
    Rispondi a Alessandra Commenta l’articolo

    • Avatar di Ilaria Cardani

      Ilaria Cardani 2 mesi fa (10 aprile 2017 15:30)

      Alessandra, abbi pazienza, non ho capito niente di quello che mi hai scritto. Dici che non esci da un anno con lui e poi anche che ci convivi. Riordina un po' le idee. I fatti della vita non sempre ci accadono, spesso li facciamo accadere...
      2
      Rispondi a Ilaria Cardani Commenta l’articolo

  3. Avatar di Sam

    Sam 1 mese fa (15 aprile 2017 14:40)

    Ciao Ilaria. Spero che mettendo in atto più schematicamente queste regole io possa dimenticare un uomo che mi ha fatto perdere la testa in un battito di ciglia. Una storia impossibile dove lui non è stato serio dall'inizio ma in cui io mi sono intestardita per via della somiglianza caratteriale e della sua particolarità di pensieri rispetto alla media. Non ho più contatti con lui ma lo cerco e questa mania ho paura possa peggiorare e portarmi dove non dovrebbe, ho paura che ormai mi creda una pazza. Mi ha bloccata su tutti i fronti e continua a farlo se ne trovo di nuovi non dandomi modo nemmeno di parlare. La situazione che perfino io razionalmente critico inizia a pesarmi dentro e anche dal punto di vista mentale. Realizzo ogbi giorno di aggrapparmi a speranze che non esistono. E adesso voglio mettere un punto a questa "storia" mai iniziata e che sta facendo male a me e me sola.... Grazie
    0
    Rispondi a Sam Commenta l’articolo

    • Avatar di Ilaria Cardani

      Ilaria Cardani 1 mese fa (15 aprile 2017 14:47)

      Brava, sai già tutto. Sai anche che lui è solo un sintomo, vero? Cioè che tu vai cercando qualcos'altro o stai scappando da qualcos'altro che non hanno nulla a che fare con lui e con questo presunto invaghimento? Ecco, occupati di quel qualcos'altro. Un abbraccio.
      7
      Rispondi a Ilaria Cardani Commenta l’articolo

  4. Avatar di Sam

    Sam 1 mese fa (15 aprile 2017 15:01)

    Si, alla fine da questa esperienza breve (solo sei mesi arrotondando) ma intensa ho capito di più cosa voglio da una persona, cosa apprezzo e su cosa posso arrivare al compromesso e visto che sono giovane non può che essermi d'aiuto iniziare a inquadrare il tipo di persona che voglio affianco e il tipo che invece voglio evitare ad ogni costo. Lui soddisfava dei requisiti (che ho scoperto essere prioritari per me ) ma ha presentato "problematiche" su cui io ho scoperto di essere intransigente. Come sempre continuerò a seguirti Buone feste!
    0
    Rispondi a Sam Commenta l’articolo

  5. Avatar di Livia

    Livia 1 mese fa (20 aprile 2017 21:36)

    Cara Ilaria, mi ritrovo a leggere i tuoi articoli partendo però da questo perchè a poco a poco cerco di risalire dalla profonda deriva in cui mi sono ritrovata da 3 mesi a questa parte. Sono dimagrita di ben 4 chili e a poco a poco sto cercando di recuperare il mio peso normale (arrivare a 50kg). Sono stata tradita ben due volte: un uomo più grande di me e già quarantenne che, nonostante la mia titubanza nel volerlo frequentare, mi aveva mostrato affidabilità e serietà ma che dopo quasi un mese ha deciso di interrompere la nostra frequentazione dopo passionalità, avermi presentato i suoi amici, proposto vacanze insieme e cos via. Mi sono ritrovata tradita anche da una persona che credevo amica e che in realtà di nascosto si sentiva con lui e adesso continuano a frequentarsi. Mi sono sentita una cretina, umiliata, trattata come uno zerbino e considerata una scema, un'ingenua, quando in realtà valgo molto più di questi due esserini perchè ho un valido curriculum rispetto a questa che mi ha pugnalata, ho sani principi morali, sono gentile, affabile e leale con le persone e non me ne approfitto delle fragilità altrui. Ho trovato molta delusione in lui che non mi ha voluto dare un'altra opportunità preferendo lei a me ed elencandomi solo difetti: sono delle volte acida, ho parlato con i suoi amici e la sua ex (ho sbagliato ma ero disperata e volevo vederci chiaro dato che lui non mi dava mai la possibilità di parlare con calma e più di mezz'ora) e perchè sono 15 anni più piccola di lui. Sono delusa perchè dovrò averci a che fare dato che è il mio responsabile e lei è una collega che lavora in un'altra sede dello stesso ente. Mi sento mal considerata dai colleghi perchè loro due fanno squadra sostenendosi a vicenda nelle loro bugie e meschinità mentre io mi sono ritrovata sola come un cane a dovermi rialzare.
    0
    Rispondi a Livia Commenta l’articolo

    • Avatar di Ilaria Cardani

      Ilaria Cardani 1 mese fa (20 aprile 2017 21:50)

      Sei stata abusata da un uomo abusivo, tossico, perverso. La descrizione calza a pennello. E' un trauma. Massima vicinanza e comprensione per questo. Sarebbe bene che ti convincessi quanto prima che questo non era un uomo da frequentare, altro che un'"altra opportunità" (mai esprimersi in questo modo quando si parla di relazioni). E' prioritario occuparsi della salute (recupero del peso) e anche di andarsene quanto prima da quel posto...
      6
      Rispondi a Ilaria Cardani Commenta l’articolo

    • Avatar di Livia

      Livia 1 mese fa (21 aprile 2017 6:33)

      Non ho ascoltato il mio intuito e me ne pento amaramente. Ho dato fiducia dopo tanta esitazione ed ecco il risultato. Resto solo perché il mio lavoro me lo sono guadagnata, perché valgo, perché la gente mi fa tanti complimenti sulla mi professionalità. Mi fa solo rabbia che lui e lei non pagano per ciò che mi hanno fatto anche se mi sto dedicando al judo, alla musica, alla lettura e alla meditazione pur di dimenticare. Non me lo meritavo Ilaria. Credo molto nel karma, Dio non li perdonerà.
      0
      Rispondi a Livia Commenta l’articolo

    • Avatar di Livia

      Livia 1 mese fa (21 aprile 2017 10:54)

      Grazie Ilaria perché ci sostieni sempre e comunque, vado avanti con il lavoro perché me lo sono guadagnata e perché me lo merito. Sono brava, la gente mi apprezza e mi faccio valere ma l'indifferenza di queste persone mi hanno uccisa e ancora fa male. Sto cercando di risalire la china anche praticando meditazione, pregando, studiando e facendo judo. Devo resistere fino a settembre che tutto ciò finirà e potrò sciogliere il contratto. Ho versato tante lacrime e ancora mi sento sola nonostante la vicinanza dei miei amici. Di corteggiatori ne ho a bizzeffe ma nessuno mi interessa oppure non ho trovato colui che fa al caso mio. Mi ha fatto rabbia che nonostante i miei sbagli lui non mi ha capita, non si è messo nei miei panni. Oltretutto lui mi disse: hai bisogno di una persona che ti capisca, che sappia come prenderti ed ora invece con lei continua a frequentarsi. Ha perso un fiore e non se ne è accorto, il karma esiste e ognuno risponderà delle proprie azioni.
      0
      Rispondi a Livia Commenta l’articolo

    • Avatar di Ilaria Cardani

      Ilaria Cardani 1 mese fa (21 aprile 2017 14:06)

      Chi se ne frega di loro e di cosa dio farà loro. Il tema è capire definitivamente che hai avuto a che fare con un criminale e le frasi che ti diceva confermano che è un criminale dato che sono frasi manipolatorie, abusive, distruttive dell'altro. Ritroverai la tua strada e la tua vita sarà migliore di prima. Devi dedicarti a te, a te e solo a te.
      6
      Rispondi a Ilaria Cardani Commenta l’articolo

    • Avatar di Anna

      Anna 1 mese fa (21 aprile 2017 14:33)

      Arriverà il momento in cui ti occuperai solo del tuo, di karma, e (semmai) per quello di queste persone avrai solo compassione - universale, come condizione umana, non specifica (e sottolineo: non specifica ...). Meglio ancora dimenticarle.
      0
      Rispondi a Anna Commenta l’articolo

  6. Avatar di mia

    mia 1 mese fa (25 aprile 2017 8:45)

    e quando hai un amante con cui hai una storia prevalentemente di sesso che però fa il coach come te...quindi mentalmente mi ha completamente manipolato?conosciuto? E adesso non gli piaccio più? Come ne esco io e come.mi allontanò da.questa situazione? Mi sento completamente mangiata celebralmente..Da lui e poi sputata via...E un anno che va avanti questa storia
    -3
    Rispondi a mia Commenta l’articolo

    • Avatar di Ilaria Cardani

      Ilaria Cardani 1 mese fa (25 aprile 2017 10:10)

      Calma e misuriamo le parole, "come me" manco per niente. Tra le altre cose io sono anche coach ma non solo, sono e faccio molto di più e molto di diverso e soprattutto non ho nulla a che fare con le greggi di insicuri che dopo due giorni a ballare su un palco e ad ascoltare qualcuno che dice che se vuoi puoi escono, per l'appunto, a mettere insieme due frasi a effetto che incantano chi ha bisogno di attenzioni. Si tratta di persone insicure per l'appunto che hanno presa su chi è ancora più insicuro di loro. Ti ha completamente manipolato? E tu un briciolo di volontà non ce l'hai? Se sei qui a scrivere qualcosina forse lo hai capito. Non gli piaci più? Non gli sei mai piaciuta. Questo è una melma d'uomo e sa di esserlo. E' oltremodo seccante leggere che si interpretano certe relazioni malate e di dominio perverse come faccenduole d'amore delle quali parlare con le amiche in pizzeria. Queste storie non hanno nulla a che fare con faccende come: "attrazione", "seduzione", "amore", "romanticismo", "piacersi" o "non piacersi". Sono solo pezzi di teatro in cui si agiscono le perversioni più potenti, la volontà di riscatto del frustrato impotente e il senso di subordinazione della donna che è stata svalutata e conosce solo l'autosvalutazione. Come ne esci e come ti allontani? Non lo senti più, molto semplice. Queste sono melme umane, si sa, è risaputo e in tutti i paesi un minimo avanzati, al di fuori dell'Italia, si parla apertamente di quanti siano e di quanto siano dannosi questi soggetti. E di quanto sia importante un passo, il primo: il "no contact". Qui invece siamo ancora a parlare di amore e di sentimenti, quando si tratta di perversioni e di crimini. Perché se mi permetto di dire a una donna che deve occuparsi del proprio lavoro, della propria autonomia pratica e affettiva o suggerisco (per dio!) di andare in vacanza da sola e di stare single per un po', ci sono quelle che vorrebbero querelarmi. Mentre il mondo avanzato, va in tutt'altra direzione. Basta lamentarsi e fare le vittime. Mettilo alla porta (definitivamente) e inizia la ricostruzione di te. Che non si dia a costoro più potere di quello che hanno. Uno scatto di dignità, ecco quello che ci vuole, altroché dare a un cretino il potere di manipolarti. Non sei padrona di te?
      24
      Rispondi a Ilaria Cardani Commenta l’articolo

  7. Avatar di Tania

    Tania 4 settimane fa (30 aprile 2017 9:31)

    Concordo e sottoscrivo. Mi sono lasciata da nemmeno due mesi con un uomo che credevo sarebbe stato mio marito. Nonostante sia stata una decisione comune, perché era ormai lampante che ci fossero troppi problemi, è stato davvero doloroso. Ma, da una parte, c'è stato anche del sollievo, e forse è questo che mi ha salvata dal vortice del dolore e mi ha spinta ad uscire e godermi di più il tempo in compagnia di amici, cosa che mi ha aiutata enormemente
    2
    Rispondi a Tania Commenta l’articolo

  8. Avatar di Gabriella

    Gabriella 3 settimane fa (3 maggio 2017 23:05)

    Ciao Ilaria, Difficile accettare di non essere amata E aver realizzato di essere stata solo bel sesso ho chiuso ma fa male nell'anima spero che il tempo aiuti Grazie buona serata Gabriella
    1
    Rispondi a Gabriella Commenta l’articolo

  9. Avatar di Chiara

    Chiara 2 settimane fa (15 maggio 2017 13:52)

    Ciao Ilaria, mi chiamo chiara, da due mesi ho chiuso una convivenza durata quasi due anni con un uomo più grande di me ( io 44 lui 59). Sono dovuta andar via perché non mi sentivo amata, spesso era sgarbato, mortificante, e anche se il tempo che passavano insieme era molto dato che convivevamo non sentivo complicità da parte sua. Dopo molte volte in cui gli facevo presente ciò che non andava alla fine ho preso io la decisione dopo l ennesima sua manifestazione di mancato rispetto. In due mesi si è rifatto avanti ci siamo rivisti ma cambiamenti zero! La sua soluzione e' stata trasformare la convivenza in relazione a distanza ( dovevo andare da lui il fine settimana se non aveva di meglio da fare) ma di ricominciare con un vero cambiamento non se ne parlava. Quindi.... Settimana scorsa ennesima litigata e lui ha detto che: " non ci crede più".ti premetto che per convivere con lui ho duvuto cambiare regione e quindi vita. Ora devo ricominciare tutto daccapo... Cercare un lavoro qua, e non è per niente facile! Insomma ho una gran paura!!
    0
    Rispondi a Chiara Commenta l’articolo

  10. Avatar di maria

    maria 5 giorni fa (22 maggio 2017 1:02)

    Ciao a tutte ragazze. Mi sento prima di andare a dormire di raccontare una cosa. Anch'io sfortunatamente ho incontrato tanti uomini sbagliati (ho 25 anni). Grazie al cielo ho permesso solo a uno un rapporto più approfondito (primo ragazzo, prima volta tutto con lui) perché avevo voglia di sperimentare. Arrivo da una famiglia molto chiusa da questo punto di vista (sesso solo dopo matrimonio ecc). Da allora ho conosciuto solo caterbe di persone cattive - non si tratta neanche di far differenza tra uomo e donna , si tratta solo di esseri umani cattivi. L'unica conclusione a cui sono giunta é che sono persone con forti problemi e prima lo capite meglio é. Sicuramente ci sarà anche quello molto superficiale che magari non ha grossi problemi ma é soltanto un viziato a cui non hanno dato valori nella vita, quindi perché perderci tempo? Io penso che tutte noi che scriviamo qua siamo ragazze e donne molto profonde, belle e pulite quindi praticamente l'opposto di questi esseri che frequentiamo. Perché decidere di frequentare qualcosa di opposto a noi? Che non ci capisce e che MAI potrà completarci? Anch'io ho pensato che la gente potesse cambiare in primis perché io mi sono molto plasmata per certe persone, ma in realtà non sono mai realmente cambiata, li assecondavo, ma la persona pura e semplice che sono esce sempre fuori! Quindi perché credere che lo facciano loro? Perché glielo chiediamo noi? Io non cambierei me stessa, la mia natura di ragazza dolce per un uomo. Primo perché non posso, secondo perché non diventerò mai la ragazza superficiale che avrebbero voluto (nel mio caso ho solo trovato viziatelli senza valori vuoti e frivoli.) se accettate questa verità riuscite a staccarvi più in fretta perché invece di idealizzarli , li vedete per ciò che sono, inetti se volete, con forti debolezze ma che per nessuna ragione ammetteranno mai! Quindi non pensate di poterli aiutare. Tutte noi comunque ambiamo al meglio perché esiste. Quindi basta perdere tempo, piuttosto apriamo mente,, cuore alla vita e all'amore , ma quello vero e sincero. Un abbraccio.
    0
    Rispondi a maria Commenta l’articolo

  11. Avatar di Anna

    Anna 2 giorni fa (24 maggio 2017 13:46)

    Io separata da poco lui in una prigione di matrimonio. Noi vecchi amici e fidanzatina. Dopo 25 anni ci siamo ritrovati è innamorati ma lui viveva all'estero ed io qui in Italia. Tre anni torbulenti, difficili ma meravigliosi per quello che eravamo l'uno per l'altra.. lui insisteva a stare in un matrimonio ch era gli causav amalessere ma voleva farlo per i figli. La distanza ha rovinato una situazione già difficile per il suo aprirsi poco a me. Il voler risolvere da solo e nn volere aiuto. I dubbi mi hanno fatto reagire male. Lui anche reagiva male .. ci siamo lasciati. Si è separato ha avuto un altra storia ma la nostra separazione è stata causata solo dalla distanza .. io so che mi ama ma ha deciso di voler vivere una vita tranquilla è facile dopo tutto il male subito dalla ex.. se fosse lì da lui ora vivremmo insieme. Ma lui ha deciso per un sentimento tiepido ma vicino ch era cercare di costruire un modo per avvicinarci e vivere con la donna della sua vita : me. Ci stiamo risentendo .. lui dice che nn vuole perdermi almeno nn l amicizia , io dico lo stesso ma in realtà io lo amo ancora. come posso dimenticarlo? Conosco altri uomini ma nn riesco a costruire niente. Lui mi ha distrutto il cuore e resa fredda e sfiduciata nell'amore. Voglio dimenticarlo e smettere di scrivergli .
    0
    Rispondi a Anna Commenta l’articolo

    • Avatar di max

      max 2 giorni fa (24 maggio 2017 15:29)

      Il verbo "volere" è la chiave di tutto, vicino a felicità o sofferenza..
      2
      Rispondi a max Commenta l’articolo

    • Avatar di Gea

      Gea 2 giorni fa (24 maggio 2017 19:17)

      Ottima conclusione, Anna. Smetti di scrivergli e vedrai che non solo riuscirai a dimenticarlo e starai bene, ma potrai anche aprirti a prospettive che una non-relazione come questa ti preclude.
      3
      Rispondi a Gea Commenta l’articolo