Come stuzzicare un uomo: consigli pratici

come stuzzicare un uomoSai come amoreggiare con leggerezza? O, come direbbero gli amanti delle parole straniere, sai come flirtare, come stuzzicare un uomo in modo simpatico e divertente? O hai una gran paura di esporti, di farti avanti, di mostrare la tua femminilità a un uomo, perché hai paura di essere giudicata, criticata o rifiutata?

"Un uomo che vuole sedurre una donna deve attraversare le montagne. Una donna che vuole sedurre un uomo non ha che un muro di carta da attraversare. Proverbio cinese"

Se hai paura del giudizio e del rifiuto, sai bene di non essere sola al mondo.

Si tratta di paure molto diffuse; figuriamoci di questi tempi, in cui sembra (sembra) che se non si dimostra di essere sicuri, invincibili e vincenti, si teme di essere scartati, come amici, come collaboratori, come partner.

Eppure relazionarsi con gli uomini con leggerezza e disinvoltura è uno dei grandi piaceri della vita e imparare l’arte giocosa di flirtare con gli altri è un passo importante verso l’evoluzione personale.

In un certo senso imparare come stuzzicare un uomo e diventare brava in quest’arte ti rende una persona migliore, più forte e più sicura di te.

Non solo all’apparenza, anche nella sostanza.

Detto in altre parole: imparare a mostrare il tuo interesse per un uomo, con la leggerezza di una farfalla che si posa di fiore in fiore e non si ferma insistentemente da nessuna parte, richiede da parte tua una ridefinizione di alcune tue competenze emotive che accresce la tua autostima e ti permette di metterti in gioco in un modo tale da rimandarti un’immagine positiva di te.

Dimostra il tuo interesse a un uomo divertendoti

Imparare a sedurre e a lasciarsi sedurre, imparare ad amare e a farsi amare non sono altro che tappe importanti della nostra crescita personale, della nostra evoluzione umana. Né più né meno.

E imparare a stuzzicare un uomo è un tratto fondamentale all’interno questo percorso.

Per cui, va bene la paura e va bene soprattutto anche andare oltre la pura e buttarsi, ovviamente facendo quel che è giusto.

Per esempio, stuzzicare un uomo non significa affatto far leva sul suo basso istinto sessuale e sulla propria becera capacità di attrazione fatta di tacchi alti, gonne corte e scollature vertiginose, più tutto l’armamentario artificioso di trucchi e parrucchi appariscenti.

"Gli uomini sono diventati così pigri nel corteggiamento che non ci provano più. Stanno immobili e prendono la prima che gli inciampa sopra. barby_s_l, Twitter"

Questo significa uniformarsi allo schema più banale (e decisamente perdente nel medio e lungo termine) della seduzione low cost. Non si fa selezione. Gli uomini abboccano, ti danno la loro attenzione a breve termine e ciao, tu rimani più frustrata e bisognosa di prima.

Oppure ti classificano come l’ennesima donna a corto di argomenti autentici, che usa il suo corpo per farsi notare, per manipolarli, con secondi fini o per pura disperazione. Peripatetica e patetica insieme.

E’ molto più utile, soddisfacente e “remunerativo” stuzzicare un uomo usando suggestioni che vadano al di là del messaggio: “Puoi portarmi a letto/non puoi portarmi a letto”.

Il che non significa lasciare da parte la propria femminilità e sensualità, ma semplicemente usarle in dosi omeopatiche e misurarle con intelligenza di modo che, come tutto quello che viene offerto con parsimonia, oculatezza e astuzia acquistino più valore.

"La seduzione è l’arte di dire ciò che non si fa per fare ciò che non si dice.Lois Lancaster"

Che poi è la sostanza del carisma: rimanere aperti agli altri senza buttarsi tra le loro braccia, senza rete. O, peggio, in pasto a loro. Centellinare le proprie risorse.

Pensa un po’ che conquista, poter avere questo genere equilibrio. Essere seducente e non essere bisognosa.

Soprattutto non essere bisognosa delle briciole della seduzione, cioè gli apprezzamenti, i fischi o gli sbavamenti.

Quante donne sono veramente tanto rispettose di sé e consapevoli del proprio valore da trovare questo equilibrio? Poche. Ma questo non esclude che tra quelle poche ci sia anche tu.

Come stuzzicare un uomo con gentilezza e intelligenza

Insomma, anche quando si tratta di stuzzicare un uomo è necessario usare il cervello.

Quella di usare il cervello non è un’abitudine consolidata, soprattutto nelle relazioni tra persone. Ti hanno insegnato a usare il “cuore”, così ti mangiano meglio.

Ti assicuro invece che prendere l’abitudine di usare il cervello, poco per volta e senza fatica, può cambiarti la vita e darti un vantaggio competitivo incolmabile.

L’uso del cervello non esclude quello del cuore; ma con il cuore senza cervello non vai da nessuna parte. Semmai, come dicevamo sopra, ti butti più facilmente nelle fauci del lupo.

Perché se vuoi sapere per bene come stuzzicare un uomo il cervello ti serve, anche e soprattutto per esercitare due abilità emotive fondamentali, la comprensione e l’empatia.

La comprensione e l’empatia sono importanti per entrare in connessione con lo stato d’animo di chi hai di fronte e per cogliere i fondamentali del contesto in cui ti muovi.

Per esempio non è una buona idea corteggiare un uomo o flirtare con lui in un contesto professionale o sul luogo di lavoro (la vogliamo capire?) o quando è arrabbiato o in una situazione impegnativa e complicata.

In genere è bene tenersi alla larga dagli uomini arrabbiati.

Chi si arrabbia facilmente ha delle magagne caratteriali e delle problematiche emotive e psicologiche che non lo rendono un compagno con il quale è bello e sicuro percorrere il cammino della vita.

Neanche solo un pezzo. E su, convinciamoci anche di questo, ché non è mai troppo tardi.

In più flirtare significa proprio interagire con gli altri con leggerezza, allegria e divertimento e per far questo bisogna che la persona sia “recettiva”. Se è concentrata su altro, si rischia solo di risultare fastidiosi.

D’altra parte spesso chi flirta con noi ci mette di buon umore. Quindi, lascia stare chi è arrabbiato e, se proprio vuoi, cimentati con chi ti pare sia un po’ giù di corda, purché non impegnato su altro.

Il tuo corteggiamento leggero potrebbe “risollevargli” lo spirito e lasciargli un’impressione davvero positiva di te. Ripeto: se vuoi essere empatica ti è utile usare il cervello più del cuore.

Che cosa significa dunque? Mi spiego meglio qui di seguito, dove entro negli aspetti pratici di come stuzzicare un uomo.

Corteggiare con semplicità: idee da mettere in pratica

Intanto è importante che tu affini la tua sensibilità e che metta in campo tutti i tuoi sensi.

1) Guarda, ascolta, senti.

Osserva il comportamento dell’uomo che vuoi stuzzicare per modulare parole e azioni.

E per questo ti servono innanzittutto il tuo intuito e la tua intelligenza

2) Mettiti a flirtare anche con uomini che non ti interessano.

Oltre a fare pratica ti servirà a conoscere meglio persone che di norma scarteresti e potresti avere piacevoli sorprese (tipo magari ti renderai conto che al mondo ci sono più possibilità di quante pensi e che quell’uomo che non avresti mai preso in considerazione, ora che ci stai parlando si sta rivelando davvero interessante).

3) Usa il contatto visivo, il tuo sguardo: guarda chi ti interessa e guardalo negli occhi.

Lo sguardo è anche uno strumento per rompere il ghiaccio, per attaccare bottone. Se un uomo si accorge che lo stai guardando e ricambia il tuo sguardo magari con un sorriso, significa che ti ha notato e che lo scambio di sorrisi e sguardi può trasformarsi in una piacevole conversazione.

4) Sorridi. Come fai a stuzzicare un uomo se non sorridi?

5) Saluta. Il saluto è fondamentale e sottovalutato. Se ti capita spesso di incontrare un uomo che ti interessa e che non conosci, perché vi incrociate per strada, al bar, sui mezzi o in qualche locale, dopo una serie di incontri puoi benissimo cominciare a salutarlo, con un sorriso.

6) Chiedigli un favore. Un favore facile facile da farti. Tipo che custodisca la tua giacca, che lasci momentaneamente sulla sedia del bar, mentre vai alla toilette, che ti regga il bicchiere mentre ti sistemi il foulard. Ringrazia e complimenta la sua gentilezza, con un po’ di ironia.

7) Fagli complimenti per come si veste, per un capo di vestiario nello specifico, l’orologio e la pettinatura. O per il sorriso e il colore degli occhi. Con ironia puoi dirgli una frase del tipo: “Per un uomo con una camicia come la tua potrei fare di tutto. O quasi…”

8) Prendilo in giro bonariamente, cioè senza aggressività o critica. Per esempio la frase di cui sopra, detta con un sorriso autentico, può funzionare alla grande anche se la camicia è oggettivamente inappropriata e fuori luogo.

Tutte le persone dotate di un minimo di equilibrio personale sanno riconoscere le proprie manchevolezze, soprattutto quelle di piccolo cabotaggio, e molti uomini – che non siano dei sottosviluppati caratteriali – sono molto autoironici rispetto al proprio buongusto e ci ridono su volentieri.

9) Fai domande. Fare domande che lo riguardino e che siano neutre – per esempio, puoi prendere spunto sempre da un capo di abbigliamento che indossa per chiedergli qual è il suo colore preferito, se gli piacciono gli orologi vistosi, se non gli piacciono le cravatte o se ama le cravatte di colori sgargianti – ti permette di dimostrargli che l’hai notato e che ha la tua attenzione. Questo non dispiace a nessuno.

Se vuoi usare l’arma dell’ironia o del complimentarlo con garbo e senza metterti a zerbino puoi dirgli frasi del tipo: “Accidenti quella camicia è della stessa tonalità di azzurro degli abiti del mio prof di matematica al liceo. Era un tipo simpatico, però, anche se non avresti detto…” (la camicia non ti piace per niente…) oppure, al contrario, “L’ultima volta che ho visto uno vestito così bene è stato in TV, Leo Di Caprio alla cerimonia degli Oscar…” (la camicia ti piace) “Hai un gusto molto speciale. La camicia te l’ha scelta la tua fidanzata?”

10) Stai al gioco. Se tu prendi in giro bonariamente, lasciati prendere in giro bonariamente. Per imparare come stuzzicare un uomo bisogna lasciare andare gli atteggiamenti mentali negativi – rabbia, autocommiserazione, senso di rivalsa verso l’universo maschile – e assumere un atteggiamento mentale positivo.

Solare, ottimistico, fiducioso.

11) Non ti lamentare, non criticare gli altri, non emettere giudizi. E’ un atteggiamento miserevole, anche se qualcuno crede di essere affascinante assumendolo.

12) Parla un italiano corretto, con un tono di voce adeguato alla situazione e al contesto. Sono fastidiosissime le persone che parlano in gergo, con un linguaggio da “ggiovani”, dicono parolacce, parlano a voce troppo bassa o troppo alta, usano il dialetto a sproposito, i tecnicismi con chi non li condivide o biascicano le parole. Sono tutti sintomi di insicurezza.

13) Gioca con le parole, fingi di non capire: “Come ti chiami? Come?! Come?!” e sorridi. E’ un gioco da fare con misura. Ovvio.

"Tutti gli amanti davvero grandi sono eloquenti e la seduzione verbale è la via più sicura per la seduzione affettiva. Marya Mannes"

14) Toccalo in modo opportuno e con delicatezza. Dopo un po’ che conversi con qualcuno puoi anche usare il contatto fisico per rafforzare la relazione. Meglio mettersi al suo fianco, anziché davanti a lui. Un’area del corpo neutra, da toccare in modo lieve e apparentemente casuale è il ginocchio. Dopo il tocco, presta attenzione alle sue reazioni. Il contatto fisico è un test fenomenale.

15) Interagisci attivamente e positivamente con il contesto. Se qualcuno fa una battuta che ti piace davvero, ridi di gusto; se sei in un posto particolarmente suggestivo rimarca il fatto che ti piace e perché; se c’è della musica che gradisci e non è fuori luogo, mettiti pure a ballare.

16) Trasmetti all’uomo con il quale stai flirtando una sensazione di esclusività e di unicità. Agli uomini piace essere ammirati dalle donne e al centro della loro attenzione, esattamente come alle donne piace essere ammirate dagli uomini. Quindi se stai flirtando con un uomo, concentrati su di lui e non sminuirlo mettendoti a flirtare con altri in sua presenza.

17) Non insistere. Se un uomo non è sensibile agli stimoli che gli lanci, lascialo perdere. E che te ne fai?

18) Rispondi a tono. Se i confini del rispetto e della necessaria riservatezza vengono violati, rimarcali con garbo e con fermezza. Come? Da sorridente e disponibile, per esempio, puoi diventare seria e affermare con sicurezza la tua posizione con una frase del genere: “Se era una battuta non l’ho capita e non mi fa ridere”.

Se l’interlocutore mostra di avere capito, puoi tornare a sorridere. Se no, lascia andare, non è persona alla quale dedicare tempo ed energie. Flirtare con un uomo serve anche a questo. A conoscerlo meglio e a valutare se ne vale la pena. Disimpegnati con un sorriso. Ne guadagnerà la tua autostima e la tua fama.

Lasciami i tuoi commenti e le tue opinioni sul tema come stuzzicare un uomo.

Articoli Correlati

Gratis per te!

Non sbagliare e non soffrire più! Trova l'amore! Vuoi capire quali sono i tuoi comportamenti sbagliati con gli uomini e come puoi evitarli? Vuoi aumentare la tua autostima e avere più sicurezza nelle relazioni?

Lascia un Commento!

91 Commenti

  1. Avatar di Serena

    Serena 1 mese fa (15 aprile 2017 15:17)

    Molto bello questo articolo, anch'io mi son sempre divertita molto a flirtare. Anche quando non si desidera arrivare al dunque: trovo sia un modo carino per esercitarsi a esprimersi in modo carismatico e sensuale, è bello, innalza l'autostima! anzi, direi soprattutto quando non si desidera arrivare al dunque, dato che è proprio dopo questo famoso "dunque" che spesso la faccenda si incasina e ci si infila in quel ginepraio di cavolate che questo blog ben descrive. Riflettevo però ora su uno dei punti elencati (come mio solito mi fisso sui dettagli): è vero che gli uomini spesso accettano con una buona dose di autoironia le critiche bonarie - più sono affettuose meglio è - al loro modo di vestire, o addirittura al loro aspetto fisico. Penso a come in gruppo il pelato di turno o quello con la pancia vengano presi in giro, e con quanta non chalance e simpatia diano a intendere di accettarlo! Lo trovo un atteggiamento estremamente affascinante, direi persino sexy! Ho in mente un uomo che, di fronte a una foto da me scattata in cui si notava in modo evidente un'epa ormai più che incipiente, ha esclamato: "Ammazza che panza che c'ho! Bella, mi piace la mia panza, mi sta proprio bene"... Immaginiamo invece di prendere in giro una donna per il grasso o la cellulite o i capelli radi... Apriti cielo! Mai e poi mai oserei farlo, e se qualcuno lo facesse con me mi offenderei a morte. Ecco, arrivo al punto. Perché diavolo siamo sempre così insicure? Perché dobbiamo sempre fare i conti col nostro aspetto fisico in qualunque situazione ci troviamo? Perché cavolo dobbiamo sempre confrontare i nostri presunti difetti con quelli delle altre? Perché diamine ci misuriamo sempre a vicenda tette e e chiulo manco fossimo al mercato delle vacche? Perché caspiterina ci odiamo - ognuna se stessa - così tanto? Le domande sono retoriche, ovviamente. Ma mi viene una rabbia. Perché sarebbe così semplice sedurre, essere attraenti, se capissimo che fissarci sul nostro aspetto fisico non solo non serve a nulla, ma è addirittura controproducente, è l'opposto dell'attrazione?? E che nessun difetto può nulla contro uno sguardo, un sorriso, la complicità, la simpatia, l'autoironia, la sicurezza e il carisma?
    16
    Rispondi a Serena Commenta l’articolo

    • Avatar di Ilaria Cardani

      Ilaria Cardani 1 mese fa (15 aprile 2017 15:28)

      Non ho nulla da aggiungere, se non che questi, quando si scoprono calvi e panzoni si autocomplimentano (e fanno bene). Vedete un po' voi :DP.S. Serena, tra l'altro hai puntualizzato egregiamente il senso dell'articolo.
      6
      Rispondi a Ilaria Cardani Commenta l’articolo

    • Avatar di Serena

      Serena 1 mese fa (15 aprile 2017 16:32)

      Ahahah, vero Ilaria, si autocomplimentano! E io per i panzoni simpatici, allegri, intelligenti e autoironici ho un vero e proprio debole :-D Donne, teneteveli voi i palestrati con la tartaruga e attratti dalle musone anoressiche, li lascio volentieri tutti a voi!
      -1
      Rispondi a Serena Commenta l’articolo

    • Avatar di Ele

      Ele 1 mese fa (15 aprile 2017 22:45)

      Certo Serena che se te per prima definisci alcune musone anoressiche non puoi pretendere che il pensiero delle donne sulle donne possa cambiare. Comunque primo commento giusto.
      8
      Rispondi a Ele Commenta l’articolo

    • Avatar di Serena

      Serena 1 mese fa (15 aprile 2017 23:00)

      Ok Ele, hai ragione in effetti. Cambierei con "musone" e basta.
      1
      Rispondi a Serena Commenta l’articolo

    • Avatar di Anna

      Anna 1 mese fa (15 aprile 2017 21:35)

      Alle donne viene "inculcato" in maniera più o meno diretta, e da sempre, che "devono essere" di bell'aspetto per attirare l'attenzione degli uomini in quanto lo scopo della loro vita è "sistemarsi" (=sposarsi e fare figli), quindi la competizione con le altre donne scatta automaticamente per procacciarsi il "miglior partito". Si notino le virgolette, le ho messe apposta per sottolineare l'assurdità della cosa. Le donne "valgono" di meno se sono single, in quanto il ragionamento che suscita la condizione di zitella è "poverina, non se la piglia nessuno". Siamo nel 21° secolo e il mercato delle vacche non si è mai davvero estinto. Che pena.
      27
      Rispondi a Anna Commenta l’articolo

    • Avatar di Serena

      Serena 1 mese fa (15 aprile 2017 22:36)

      Esattamente Anna, è proprio questo il punto. E credo anche che se non siamo noi donne a liberarci, nessuno ci regalerà la libertà. Dobbiamo iniziare da noi stesse, non omologarci al pensiero unico, uscire dagli schemi. E ti dirò di più: da sole si può fare poco, occorre organizzarsi. C'è bisogno di femminismo, porca miseria, anche se oggi sembra diventata una parolaccia! Il femminismo è stato il movimento rivoluzionario più importante del Novecento, non esito ad affermarlo, e se oggi siamo esseri umani che contano qualcosa nella società è stato solo ed esclusivamente in virtù di questo movimento. Dobbiamo ricominciare a confrontarci tra noi, a pretendere ciò che ci spetta, ad affrontare il conflitto. Siamo state troppo tempo a vivere di rendita delle conquiste altrui, finendo per dare per scontati quelli che fino a ieri erano privilegi di poche, pochissime: studiare, lavorare, fare sesso con chi ci pare, votare persino! Come se avessimo avuto da sempre questi diritti... Invece ce li eravamo appena strappati con le unghie e coi denti! Ci siamo affacciate alla vita da un giorno e già sentiamo nostalgia della gabbia...
      10
      Rispondi a Serena Commenta l’articolo

  2. Avatar di Sasa

    Sasa 1 mese fa (16 aprile 2017 12:54)

    Mi è piaciuta molto questa frase :" Detto in altre parole: imparare a mostrare il tuo interesse per un uomo, con la leggerezza di una farfalla che si posa di fiore in fiore e non si ferma insistentemente da nessuna parte". È adatta per me che tendo a fissarmi. Comunque quando ho assunto un atteggiamento simile a quello che indichi effettivamente ho ottenuto buoni successi. 😊 l'importante non farsi prendere dal bisogno 😊
    3
    Rispondi a Sasa Commenta l’articolo

  3. Avatar di Lu

    Lu 1 mese fa (16 aprile 2017 22:09)

    Articolo utilissimo! Prendo nota :). In passato flirtavo poco, forse per paura di essere giudicata male. Ora è diverso, sto imparando a dar poco peso al giudizio altrui e poi ho tanta voglia di sperimentare. Cerco davvero di mettermi alla prova in ogni occasione utile! Oggi, che per molti è Pasqua, auguro a tutte/i voi tanta tanta serenità. Un abbraccio caro!
    0
    Rispondi a Lu Commenta l’articolo

  4. Avatar di giulia

    giulia 1 mese fa (18 aprile 2017 9:56)

    complimenti, ottimo articolo. Una guida per me che in questo momento vorrei proprio sbloccarmi
    0
    Rispondi a giulia Commenta l’articolo

  5. Avatar di London

    London 2 mesi fa (14 aprile 2017 20:50)

    Ciao, bello questo articolo. Mi è sempre piaciuto stuzzicare, e mi diverte, l'unica cosa che è un po' rischioso farlo con vari uomini, molti non mi sembrano in buon equilibrio e si rischia che loro interpretino sempre male. Lo sposato, non tutti, se flirti, ci prova subito, il fidanzato anche, molti si potrebbero montare la testa, e andare oltre, no? Dopo è chiaro che si può dare un limite... Con gli uomini che girano con alcuni è impossibile flirtare, troppo tinchi, altri impegnati o sposati si rischia di provocare un casino. Intendo forse è meglio selezionare prima di iniziare il flirt....
    11
    Rispondi a London Commenta l’articolo

    • Avatar di Anna

      Anna 2 mesi fa (14 aprile 2017 22:08)

      London, pensavo a questo, e pure agli zombie che circolano ... trovassi uno che flirta, mi sentirei già felice della mia vita sentimentale per un mese :) che depressione, donne!!
      9
      Rispondi a Anna Commenta l’articolo

    • Avatar di Claudine

      Claudine 1 mese fa (17 aprile 2017 12:11)

      Buongiorno Anna! Sono d'accordo: anche per flirtare occorrono le persone giuste. Ieri, dopo il pranzo di Pasqua, mi sono trovata al parco con un'amica...si sono avvicinati tre ragazzi, di cui due li avevamo conosciuti ad una festa. Ok, hanno chiesto se potevano sedersi con noi al tavolo per prendere cosí la consumazione. Abbiamo acconsentito. Li abbiamo guardati (penso che come ci ricordiamo noi si ricordano anche loro) Niente, erano esattamente di fronte a noi e hanno continuato ad ignorarci con fare distaccato e fare gli sciocchi fra loro. Mah! Dovevamo essere noi a dire qualcosa? Poteva essere, ma il loro atteggiamento non era per niente invitate, perciò hanno cominciato l'opera, ma non l'hanno conclusa...la mia amica si é posta il quesito se forse abbiamo sbagliato in qualcosa.. Nessuna di noi é bisognosa, ma un bel pomeriggio di sole invitava a chiuderlo con quattro chiacchiere in allegria e leggerezza. Invece no. Perciò dico che per flirtare occorre avere di fronte anche la gente giusta.
      7
      Rispondi a Claudine Commenta l’articolo

    • Avatar di Anna

      Anna 1 mese fa (17 aprile 2017 16:06)

      Ciao Claudine. Non è che a Pasqua risorgono pure gli zombies :)))
      6
      Rispondi a Anna Commenta l’articolo

    • Avatar di Claudine

      Claudine 1 mese fa (17 aprile 2017 20:49)

      Ah ah ah...hai ragione! Che ridere :-D
      0
      Rispondi a Claudine Commenta l’articolo

    • Avatar di Serena

      Serena 1 mese fa (17 aprile 2017 19:04)

      Mah, io sinceramente Claudine avrei attaccato bottone invece... non ci avrei visto nulla di azzardato o sconveniente, anzi! Avrei magari fatto qualche battuta per vedere se e come l'avrebbero raccolta... Mal che fosse andata avrei ridacchiato alle loro spalle insieme alla mia amica per il genere di "sfiga" dimostrata dai soggetti in questione. In ogni caso sarebbe stato un esercizio per imparare ad approcciare gli altri in modi simpatico: cosa avevi da perdere, la faccia? Ma l'avrebbero persa loro in caso, dimostrando di non sapere comportarsi dinanzi a due belle ragazze!
      2
      Rispondi a Serena Commenta l’articolo

    • Avatar di Claudine

      Claudine 1 mese fa (17 aprile 2017 20:54)

      Ciao Serena, hai ragione, più leggerezza e spensieratezza mi farebbero passare più momenti allegri...ma avevano delle facce, linguaggio del corpo molto poco incoraggiante che non faceva presagire molto acume né spirito brillante, ma alla prossima mi butterò per vedere cosa succede. Al massimo la figura la fanno loro se non sanno cogliere l'occasione di fare due chiacchiere e quattro sane risate. Grazie del consiglio!
      4
      Rispondi a Claudine Commenta l’articolo

    • Avatar di PAMELA

      PAMELA 1 mese fa (18 aprile 2017 13:27)

      poi magari Claudine ti chiedono l'amicizia su facebook , li si diventano coraggiosi e anche loquaci...che amarezza certi uomini!!!!!
      5
      Rispondi a PAMELA Commenta l’articolo

  6. Avatar di teresa

    teresa 1 mese fa (18 aprile 2017 16:10)

    Articolo molto interessante
    0
    Rispondi a teresa Commenta l’articolo

  7. Avatar di Linda

    Linda 1 mese fa (18 aprile 2017 17:25)

    Ilaria, una domanda che forse ti sembrerà sciocca ma che ritengo importante, forse non solo per me: dopo avere compiuto errori in passato e avere attratto una lunga serie di uomini peggio che sbagliati a causa della scarsa autostima, è possibile riscattarsi e acquisire rispetto di sé e consapevolezza del proprio valore? Io credo di sì, e che la chiave di lettura che apre alla possibilità di cambiamento sia capire quali meccanismi psicologici/esistenziali ci hanno portato in passato ad avere comportamenti autolesionistici e disfunzionali.
    0
    Rispondi a Linda Commenta l’articolo

    • Avatar di Ilaria Cardani

      Ilaria Cardani 1 mese fa (18 aprile 2017 17:30)

      Esattamente. Tutto preciso come dici. E smettila di fare "lettura del pensiero", anche perché alla risposta alla domanda che tu pensi che io penso sia sciocca sto dedicando un intero blog...
      3
      Rispondi a Ilaria Cardani Commenta l’articolo

    • Avatar di Linda

      Linda 1 mese fa (18 aprile 2017 18:33)

      Ok, grazie. Non faccio lettura del pensiero, è che tempo fa avevo formulato la stessa domanda con altre parole e avevo ottenuto un'altra reazione. Grazie per la conferma della mia intuizione, è importante per uscire da dei meccanismi a circuito chiuso.
      0
      Rispondi a Linda Commenta l’articolo

  8. Avatar di giorgia

    giorgia 1 mese fa (18 aprile 2017 22:33)

    voglio provare! Alcuni giorni sono sciolta altri...lasciamo stare va :-)
    0
    Rispondi a giorgia Commenta l’articolo

  9. Avatar di cristina

    cristina 1 mese fa (19 aprile 2017 9:31)

    Molto bello l'articolo e mette in evidenza punti chiave su cui "focalizzarsi". La mia vera difficoltà è flirtare con la persona che mi interessa, nel senso che per gioco mi piace stuzzicare e mi sento molto più a mio agio quando lo faccio con un uomo a cui non sono interessata. Sono anormale per questo?
    0
    Rispondi a cristina Commenta l’articolo

  10. Avatar di cris

    cris 1 mese fa (18 aprile 2017 17:18)

    Vorrei porre una domanda sia ad ilaria che alle tante lettrici/ori...come si fa a conciliare amore e religione? Più precisamente con un uomo tdg? Grazie ...
    0
    Rispondi a cris Commenta l’articolo

    • Avatar di Ilaria Cardani

      Ilaria Cardani 1 mese fa (19 aprile 2017 13:42)

      Ciao Cris, immagino che la sigla tdg, minuscola, stia per Testimoni di Geova. Sarebbe importante "investire" il proprio tempo a chiarire e a spiegare agli altri e a scrivere per intero le parole come vanno scritte, ché tutto questo fa parte di un avvicinamento a una competenza del mondo più ampia, utile a destreggiarsi meglio negli accadimenti della vita. Per esempio: chi fa riferimento in modo fanatico a gruppi, siano essi sportivi, religiosi o pseudo tali, politici o pseudo tali, di solito ha fragilità notevoli dal punto di vista dell'autonomia emotiva, di pensiero e di vita. Anche chi coltiva passioni in modo smodato e ha bisogno di forti riferimenti fuori di sé. Le persone sane non hanno bisogno di appoggi esterni (fedi, gruppi di altri fanatici, ideologie) per trovare il proprio equilibrio personale ed esistenziale. I Testimoni di Geova rappresentano bene la tipologia di fanatici religiosi "chiusi al mondo", vuoi per la rigidità dei loro comportamenti, vuoi per l'ossessione della conversione e della diffusione del messaggio, vuoi per l'ingenuità palese di certe loro convinzioni. Inoltre bisogna sempre guardarsi da chi subordina le proprie scelte e soprattutto pone in subordine gli altri rispetto a valori ritenuti "superiori" e totalmente esterni e astratti rispetto alla vita reale. E ancor più importante: è utile pensare che non bisogna accontentarsi, che uomini sani e non fanatici ce ne sono e non bisogna proprio tirarsi in casa qualcuno di problematico. Di più: è fondamentale convincersi che in un rapporto affettivo si sia tra le assolute priorità del compagno e non in coda ai suoi fanatismi (pericolosissimi peraltro).
      9
      Rispondi a Ilaria Cardani Commenta l’articolo

  11. Avatar di Viola

    Viola 1 mese fa (19 aprile 2017 18:11)

    Ciao Ilaria, mi piace un ragazzo della mia scuola, però ho visto una foto di lui con una ragazza e un cuore vicino, quindi ho immaginato che si stia conoscendo con lei. Secondo te posso provarci lo stesso? Come posso fare senza essere troppo invadente? P.s. è un ragazzo simpatico, solare, abbiamo parlato alcune volte assieme e ci stuzzichiamo ogni tanto, c'è contatto fisico, alcune volte l'ho beccato a fissarmi, prima delle vacanze di Pasqua abbiamo parlato un'ora intera della sua passione e lui era molto preso dal racconto, cosa può voler significare? Hai dei consigli da darmi? Grazie in anticipo! P.s.p.s. non so se può essere d'aiuto, ma il suo segno zodiacale è vergine
    -2
    Rispondi a Viola Commenta l’articolo

  12. Avatar di carmen

    carmen 1 mese fa (21 aprile 2017 21:04)

    i consigli sono interessanti e non difficili da attuare mettendosi alla prova con i propri limiti.
    0
    Rispondi a carmen Commenta l’articolo

  13. Avatar di Zaira

    Zaira 1 mese fa (15 aprile 2017 22:18)

    Ciao Ilaria, vorrei sottoporti la mia questione. Sono fidanzata da tre anni, ultimamente però, anche a causa di un po di trascuratezza da parte del mio partner, mi sono resa conto di essermi molto invaghita, ahimè, di un suo amico, il quale è sempre stato molto gentile con me e ha sempre cercato contatti che io all'epoca ho evitato. Adesso si è trasferito da poco altrove e ha ottenuto un premio per la sua carriera. Io l'ho contattato tramite fb (profilo fatto solo x lui perché fino ad ora non lo avevo) x fargli gli auguri, lui mi ha chiesto come mai questo grande interesse e di essergli sincera ma ho sorvolato. Da li abbiamo parlato altre due volte dove lui mi ha ricordato il bene che vuole al mio compagno e il fatto che il mio compagno mi ami ( il mio uomo lo sa). Mi ha anche fatto dei complimenti per la mia eleganza... Comunque gli ho scritto qualche altro messaggio dopo quelle conversazioni, ma non ha risposto però mi ha messo alcuni mi piace a stati e foto. Ho cominciato a stare male per le sue non risposte e non ne capisco il motivo. Infine gli ho detto che devo eliminare , per alcuni motivi, l'account ma che per qualsiasi cosa gli lascio il mio numero e sarei contenta di sentirlo, anche qui niente risposta. So che molti mi giudicheranno... ma io non voglio tradire il mio uomo. Ammetto peró di essere confusa e presa da quest'altro e che mi piacerebbe sentirlo. Il punto è che non capisco perché non risponda più... Se lo capissi forse mi metterei prima l'anima in pace...Secondo te perché ? Io non riesco a vedere la cosa in modo oggettivo ora come ora essendoci troppo dentro... E secondo te quale sarebbe l'atteggiamento più giusto da assumere ora da parte mia? Non vorrei fare casini. Da un lato vorrei stare al posto mio, dall'altro sto male perché non mi risponde più e mandarei tutto all'aria pur di confessargli ciò che ormai da mesi sento per lui.....
    -22
    Rispondi a Zaira Commenta l’articolo

    • Avatar di Ilaria Cardani

      Ilaria Cardani 1 mese fa (15 aprile 2017 22:54)

      Già, chissà perché non ti risponde più? Sarà che non può vivere senza di te e che non gliene frega niente dell'amicizia con il tuo compagno? Sarà che non sa che sei impegnata e per giunta con il suo amico? Sarà che una donna che crea un profilo FB ad hoc per tampinare l'amico del proprio compagno è di sicuro una donna che suscita interesse, fiduci ed eccitazione? Già perché? Mistero. (Oh, se sono un filo sani e onesti, sbagliano anche in quel caso...)
      27
      Rispondi a Ilaria Cardani Commenta l’articolo

    • Avatar di London

      London 1 mese fa (16 aprile 2017 9:01)

      Ho notato da qualche commento a questa parte che qualche uomo sano c'è in giro, qualcuno di serio che non si butta nella mischia o non si concede a una donna solo per il fatto che questa ci ha provato tra le righe. Ben vengano uomini di valore che guardano al valore dell'amicizia e all'amico evitano a priori di fargli un torto. In un altro contesto probabilmente, Zaira, e come dici, al tempo aveva manifestato interesse, avrebbe reagito diversamente, ma dal suo punto di vista si sta comportando da uomo. Tu sei la donna del suo amico.
      3
      Rispondi a London Commenta l’articolo

    • Avatar di Zaira

      Zaira 1 mese fa (19 aprile 2017 13:33)

      Sì capisco, certo. Me ne rendo conto nonostante la mia confusione. Però c'è da dire che qualche tempo fa mi scrisse un messaggio molto lungo e affettuoso nel quale chiedeva di poter avere una conoscenza con me per amicizia perché colpito dalla mia persona ( disse al mio uomo che mi avrebbe scritta ma senza scendere nei dettagli)...Io però non gli risposi mai perché all'epoca avevo più malizia e non volevo creare situazioni strane... che voglia "vendicarsi" perché io non lo risposi quando mi scrisse lui e ora che sono io a cercarlo mi ricambia più o meno con la stessa moneta? E perché farmi i complimenti per la mia eleganza ? Perché non rispondere ai messaggi ma mettere qualche mi piace ? In questi casi non gli sovviene che sono la donna del suo amico ? Forse sono io che scambio segnali d'amicizia sincera per altro dal momento che sono presa e lui si sta allontanando avendo capito che la mia testa è partita ? O cosa ?
      0
      Rispondi a Zaira Commenta l’articolo

    • Avatar di Ilaria Cardani

      Ilaria Cardani 1 mese fa (19 aprile 2017 16:26)

      Qualcuno mi deve spiegare perché i "mi piace" su Facebook devono essere interpretati come segnali di interesse sessual-sentimentale. Vi prego, spiegatemelo.
      9
      Rispondi a Ilaria Cardani Commenta l’articolo

    • Avatar di London

      London 1 mese fa (19 aprile 2017 16:47)

      Quando uno/a è alla ricerca di quello, anche nei "mi piace" vede questo tipo di interesse, cioè se lo racconta. Vive di fantasia anche nei "mi piace"...se poi a metterlo è il lui o il lei che hanno puntato, campa cavallo...
      3
      Rispondi a London Commenta l’articolo

    • Avatar di Zaira

      Zaira 1 mese fa (19 aprile 2017 18:52)

      Certo, credo sia normale quando siamo attratti da qualcuno cogliere ogni possibile segnale fosse anche un " mi piace " come una piccola speranza... ora non che mi piace abbiano tutta questa importanza ma che non significhino proprio nulla, questo no
      0
      Rispondi a Zaira Commenta l’articolo

    • Avatar di Ilaria Cardani

      Ilaria Cardani 1 mese fa (19 aprile 2017 19:03)

      Meno di nulla, dici? Mamma mia quanto è complicato per certe persone vivere cercando sensi e significati che non esistono...
      3
      Rispondi a Ilaria Cardani Commenta l’articolo

    • Avatar di Zaira

      Zaira 1 mese fa (19 aprile 2017 19:09)

      Veramente io credo che nella vita ogni cosa abbia un significato. Anche la più piccola.
      -1
      Rispondi a Zaira Commenta l’articolo

    • Avatar di Ilaria Cardani

      Ilaria Cardani 1 mese fa (19 aprile 2017 19:10)

      Concordo. Piccoli significati. Significati di vuoto pneumatico. Comunque basta di usare il blog per delirare, ché non fa bene a nessuno :)
      2
      Rispondi a Ilaria Cardani Commenta l’articolo

    • Avatar di Zaira

      Zaira 1 mese fa (19 aprile 2017 19:29)

      Piccoli sicuramente. Ma ci sono. E delirare sarebbe? Esprimere le proprie idee anche se diverse da quelle degli altri ? Ah, allora oggi ho imparato una nuova accezione di delirare.
      -2
      Rispondi a Zaira Commenta l’articolo

    • Avatar di Emanuela

      Emanuela 1 mese fa (20 aprile 2017 8:09)

      Delirare significa perdere lucidità e dire cose prive di senso. Sei arrivata qui chiedendo delucidazioni su una situazione che per te era contraddittoria, ti è stato risposto ( ribadisco su tua sollecitazione e non perché alla gente piaccia sindacare sulle esperienze altrui ) di attenerti strettamente alle parole di lui e non ad altro, visto che lui è stato chiarissimo nel mettere dei paletti al tuo entusiasmo. Tu però non solo vuoi convincere te stessa che lui sotto sotto sia innamorato perso di te, ma vuoi convincere noi lettori che sia così e per farlo brandisci la prova delle prove, la regina delle dimostrazioni d'interesse sessuale: il like su Facebook! comprendi che fossero state rose e baci, il tipo sarebbe stato persino in mala fede, ma una manciata di like che indicano solo condivisione di una foto o uno stato, è troppo poco davanti alla certezza imposta dalle sue parole. Cercare ulteriori segnali, quando lui è stato chiarissimo, manifesta perdita di obiettività.
      1
      Rispondi a Emanuela Commenta l’articolo

    • Avatar di Zaira

      Zaira 1 mese fa (20 aprile 2017 13:54)

      Io non cerco di convincere nessuno di niente. Tanto meno "voi lettori" poi. Comunque io non avevo parlato solo del like sul quale ora viene fatto un trattato filosofico. Volevo soltanto cercare di capire SE un minimo interesse potrebbe averlo ma non si sbilancia per rispetto di tutta la situazione giustamente o proprio no. Tutto qua. eh si ho perso l'obiettività, ma sfido a trovare una donna che innamorata non la abbia mai persa. Del resto leggiamo il blog anche per questo...per migliorarci e capire cose che evidentemente ci è un po difficile capire.
      -4
      Rispondi a Zaira Commenta l’articolo

    • Avatar di Ilaria Cardani

      Ilaria Cardani 1 mese fa (20 aprile 2017 14:16)

      Zaira, a proposito di cose difficili da capire, mi permetto un chiarimento: se ne ho voglia, io - come chiunque altro - sui "like" ci faccio un'enciclopedia, non è che se a te dà fastidio allora io - o qualcun altro - non possiamo fare qualcosa che non intacca la tua libertà e i tuoi diritti. Poi, bene che tu pensi di aver perso l'obiettività e non è utile pensare che se una cosa sbagliata l'abbiano fatta in molte sia meno sbagliata... Il fatto è che perdendo obiettività si perde anche dignità, che non è mai amorevole e rispettoso di sé, quindi nemmeno salubre. Inoltre a molte questioni che tu poni si è già abbondantemente risposto: probabilmente questo signore non ha interesse, il che è legittimo e non intacca il tuo valore; tu forse tendi a vedere quel che non c'è; il suo già scarso interesse potrebbe essere ulteriormente contenuto dal fatto che ti sa fidanzata e con un suo amico. Mi chiedo se tra le altre questioni che ti poni vi è anche quella relativa al tuo rapporto di coppia e, già che stiamo parlando di come si comunica agli altri e di come gli altri ci percepiscono, se hai mai pensato che manifestare il tuo interesse all'amico del tuo partner non ti ponga in una posizione ancora più difficile (anche a proposito di dignità personale).
      1
      Rispondi a Ilaria Cardani Commenta l’articolo

    • Avatar di Zaira

      Zaira 1 mese fa (20 aprile 2017 15:04)

      Ovviamente sono assolutamente d'accordo sul discorso della dignità ... Eh sì mi sono posta questo problema e anche quello del mio rapporto di coppia e avendo deciso che per me erano prioritari per mesi ho cercato di soffocare questo mio sbagliato furore verso un amico del mio partner e sono riuscita abbastanza bene. Ultimamente però, soprattutto da quando è andato via, non riesco più a controllarmi né nelle azioni ( ho fatto, sbagliando, il profilo solo x scrivergli) , né nei pensieri ( se prima provavo ad allontanarlo dalla mia testa ora ci è h 24 ) e questo mi angoscia parecchio...perché non riesco a combattere contro me stessa anche se dovrei assolutamente per non perdere dignità, per non perdere il mio uomo al quale sono legata, e per non rovinare quella che è per loro una grande amicizia. Dovrei. Non riesco. Manderei tutto all'aria a momenti pur di confessare i miei sentimenti e mettermi l'anima in pace prendendomi le conseguenze.
      1
      Rispondi a Zaira Commenta l’articolo

    • Avatar di Ilaria Cardani

      Ilaria Cardani 1 mese fa (20 aprile 2017 15:11)

      Una via di mezzo, una tregua? Tipo andarsene via per un giorno/due, da un'amica o conoscente o anche solo in gita in solitaria per stare un po' lontana dal fidanzato, dal solito ambiente, da Facebook o altro del genere? Credo ci sia molta autosuggestione in quello che sta accadendo e che sia necessaria un po' di aria fresca, per riordinare le idee e riacquistare un minimo di serenità.
      4
      Rispondi a Ilaria Cardani Commenta l’articolo

    • Avatar di Zaira

      Zaira 1 mese fa (20 aprile 2017 15:28)

      Esatto, ho bisogno di riordinare le idee. Nella tregua pasquale ( l'unica che potevo predermi) ho deciso di trascorrere qualche giorno a casa di cugini che abitano in un'altra città senza il mio partner ed ho anche eliminato il profilo e cercato di resistere ad ogni tentazione di sbirciare sui social quello che faceva l'amico. Non ho fatto altro che stare male pensando all'amico e ovviamente sentendomi in colpa nei riguardi del mio compagno. Mi ero imposta una volta ritornata alla mia stressante routine di tornare alla normalità, sono risuscita per molto poco... mi sento vittima delle mie stesse trappole mentali, dei problemi che mi creo io sola. Penso anche alla figura della stupida che avrò fatto ai suoi occhi con quel dannato profilo facebook fatto solo per lui e mi chiedo quanto delle mie sciocche intenzioni abbia capito e quanto su di me si sia ricreduto ( visto che sono sempre stata considerata la "santa" assennata che stava al posto suo nella nostra cerchia ) ... e prevedo un prossimo caracollo per me e per tutta la situazione.
      2
      Rispondi a Zaira Commenta l’articolo

    • Avatar di Ilaria Cardani

      Ilaria Cardani 1 mese fa (20 aprile 2017 15:39)

      Eh, però se ci si bastona così poi si casca in questi guai. A furia di sforzarsi di fare la brava ragazza impeccabile che tutti si aspettano, poi si cercano vie di fuga. Un po' di dolcezza verso te stessa. E stai tranquilla che lui non ha capito niente di questa storia.
      3
      Rispondi a Ilaria Cardani Commenta l’articolo

    • Avatar di Zaira

      Zaira 1 mese fa (20 aprile 2017 19:52)

      Dici ? Grazie per la rassicurazione. A questo punto non mi resta che sperare almeno questo .
      2
      Rispondi a Zaira Commenta l’articolo

    • Avatar di Ilaria Cardani

      Ilaria Cardani 1 mese fa (20 aprile 2017 19:57)

      Guarda, se la finisci così te la dò come certezza, non è una speranza. Ora occupati di te stessa.
      1
      Rispondi a Ilaria Cardani Commenta l’articolo

    • Avatar di Zaira

      Zaira 1 mese fa (20 aprile 2017 21:06)

      Ci proverò.... Grazie per l'ascolto Ilaria.
      2
      Rispondi a Zaira Commenta l’articolo

    • Avatar di Anna

      Anna 1 mese fa (19 aprile 2017 17:11)

      Io sono anziana, passo. Però faccio attenzione dove metto like perché non capendo la logica chissà poi che combino!!! :))
      2
      Rispondi a Anna Commenta l’articolo

    • Avatar di Zaira

      Zaira 1 mese fa (19 aprile 2017 18:50)

      Perché si sa, il mi piace in alcuni casi è tattico. E poi se mi vuoi evitare non mi vai a mettere i mi piace.
      -2
      Rispondi a Zaira Commenta l’articolo

    • Avatar di ely

      ely 1 mese fa (20 aprile 2017 9:06)

      @Zaira, sai quanti like vengono lasciati distrattamente? E' (o dovrebbe essere) un semplice "gioco", io non capisco perchè questi mi piace vengano presi così seriamente... Cosa rende tattico un like? La cosa più importante è la realtà dei fatti! Posso capire che una persona possa apprezzare una tua foto, o un tuo scritto, e di conseguenza lasciare un segno di tale apprezzamento... ma dare a questo gesto un peso maggiore di quello che ha mi sembra un pochino pericoloso! E' facile farsi fuorviare e crearsi dei castelli inesistenti... oltretutto l'altra persona può pure pensare "cavolo, è bastato un mi piace e guarda che risultato!"... In quel caso, potrebbe nel migliore dei casi sorriderne e dedicarsi ad altro, ma nel peggiore dei casi potrebbe capire che può approfittarsi di te come niente.
      5
      Rispondi a ely Commenta l’articolo

    • Avatar di Anna

      Anna 1 mese fa (20 aprile 2017 10:00)

      Per non parlare della interpretazione dei presunti messaggi trasversali postati su Facebook: ha postato questa canzone per me... e per non parlare poi di quelli/e che seminano apposta messaggi trasversali e criptici sulle bacheche.
      0
      Rispondi a Anna Commenta l’articolo

    • Avatar di Ilaria Cardani

      Ilaria Cardani 1 mese fa (20 aprile 2017 10:10)

      Eh, son "tattici" (che forse si voleva dire "strategici") della "tattica" del verme di mela. Pensa che cervello e che cuore deve avere uno/una che "tattica" in questo modo. Comunque, seriamente, è stata per me una rivelazione di solo qualche mese fa. "Amica di Facebook" di un personaggio con una certa visibilità che posta una serie di battute molto divertenti, metto - a ripetizione - dei like alle sue battute perché mi facevano davvero ridere di gusto (tra l'altro per il fatto di essere semplici e totalmente prive di allusioni o sensi nascosti) e, cosa che in effetti faccio molto poco, interagisco ogni tanto sullo stesso piano di battuta spensierata, con approccio, dal mio punto di vista, cameratesco. Dopo qualche giorno ricevo da lui un messaggio personale simpatico che dà per scontato un reciproco interesse. Pauraaa!!! Ho scoperto un mondo nuovo e per evitarlo (il mondo nuovo), mi son legata le dita. Così stiam messi.
      9
      Rispondi a Ilaria Cardani Commenta l’articolo

    • Avatar di Emanuela

      Emanuela 1 mese fa (20 aprile 2017 10:57)

      E' probabile che le tue battute abbiano suscitato in lui un interesse o l'idea di comunicare con una persona sullo stesso piano. Nel caso esposto prima il problema nasceva da un semplice Like, senza alcun commento significativo :)
      -2
      Rispondi a Emanuela Commenta l’articolo

    • Avatar di Ilaria Cardani

      Ilaria Cardani 1 mese fa (20 aprile 2017 11:32)

      Emanuela, distinguere i registri, i contesti, i toni sono abilità alla base delle competenze relazionali. Se un paio di battute sul tempo (meteo) o sul traffico o sulla cucina possono essere interpretate come qualcos'altro (interesse personale o sentimentale) significa che siamo di fronte a persone che non hanno riferimenti di competenza relazionale, forse anche perché si muovono in un mondo dove non ci si ferma a pensare un momento alla realtà e la si considera un momento, ma si agisce perennemente in superficie e in mancanza di consapevolezza di sé e degli altri. E poi che cosa significa comunicare con una persona sullo stesso piano? Ovvio che quando si comunica (autenticamente) si è sullo stesso piano :) . Zaira pretende di vedere significati profondi in un like. La persona della quale ho raccontato ha visto un interesse di un certo tipo in battute sulle brioche del mattino. Ci rendiamo conto di quanto sia irrealistico e dispersivo un atteggiamento del genere?
      8
      Rispondi a Ilaria Cardani Commenta l’articolo

    • Avatar di Anna

      Anna 1 mese fa (20 aprile 2017 12:03)

      Non si può flirtare o conversare amichevolmente o men che meno avere un atteggiamento cameratesco. Dobbiamo stare al nostro posto. È tutto tremendamente serio (diciamo così), ne va della loro virilità
      -3
      Rispondi a Anna Commenta l’articolo

    • Avatar di Ilaria Cardani

      Ilaria Cardani 1 mese fa (20 aprile 2017 12:35)

      Anna, guarda che questo atteggiamento (hai messo due like ai miei post, quello sulla pizza 4 stagioni e quello sull'ultimo libro che ho letto, quindi non solo sei pazza di me, ma mi stai facendo delle proposte esplicite) è assolutamente a due vie, vale sia per gli uomini, sia per le donne. Non per niente questa discussione è nata da una lettrice che in un like vede significati reconditi. E sai bene quanti commenti appaiono qui, nei quali l'autrice scrive di essere convinta dell'interesse di un uomo giacché lui, appunto, ha messo un paio di like a suoi post. Direi che questo ci dice molto della povertà emotiva in cui si vive (si ama poco e male e si è amati poco e male, quindi un like equivale a una bottiglia d'acqua fresca nel deserto) e al disperato bisogno di amore di cui molti, trasversalmente, soffrono. Poi che succede? Che su questo meccanismo ("mi hai messo un like, quindi mi ami/ammiri/sei attratto da me") si crea e si dà per scontata un'abitudine e un comportamento ("ti metto like, quindi ti sto dicendo che ti amo/ammiro/sono attratto da te"); solo che si tratta di un rafforzarsi di comportamenti di comodo e disfunzionali (un like può avere sì mille significati, ma anche nessuno, quindi siamo al festival dell'ambiguità). Non sembra, ma dietro questi comportamenti apparentemente innocui, si celano meccanismi psicologici molto complessi. Per quel che riguarda l'inappagato bisogno di amore tanto tanto diffuso: credo si debba tornare alla gentilezza, alla compassione e comprensione per sé e per gli altri, al darsi attenzione e affetto reciproci, ma rivolgendosi al "prossimo", a chi ci è più vicino. Questo rimedierebbe a moltissimi mali del presente.
      7
      Rispondi a Ilaria Cardani Commenta l’articolo

    • Avatar di London

      London 1 mese fa (20 aprile 2017 12:52)

      Ma a proposito di like, perchè c'è gente che va a vedere e contare chi ha messo like alle mille strombate che pubblicano o postano? direi che hanno del tempo da perdere...
      -3
      Rispondi a London Commenta l’articolo

    • Avatar di Ilaria Cardani

      Ilaria Cardani 1 mese fa (20 aprile 2017 13:39)

      C'è un codice di comportamento. Occhio a non conoscerlo sennò ci si ritrova sposate e con figli a propria insaputa :D
      0
      Rispondi a Ilaria Cardani Commenta l’articolo

    • Avatar di London

      London 1 mese fa (20 aprile 2017 14:16)

      :D :D :D
      -1
      Rispondi a London Commenta l’articolo

    • Avatar di Ilaria Cardani

      Ilaria Cardani 1 mese fa (20 aprile 2017 19:39)

      Ovviamente si tratta di uno scherzo, non da parte mia, chiaro. Questo per dire che nella vita sociale ci sono le malattie e anche gli anticorpi. E l'ironia cura un sacco di brutte malattie :D
      1
      Rispondi a Ilaria Cardani Commenta l’articolo

    • Avatar di Anna

      Anna 1 mese fa (20 aprile 2017 13:27)

      Mi riferivo ai commenti intelligenti e arguti, più che ai like. Sono attraenti o vengono visti come una minaccia? Teniamo conto che le molestie sessuali sono una forma di controllo sociale, un modo per ristabilire l'ordine dei ruoli. Fai la spiritosa e intelligente? E io ti molesto, riporto il rapporto dove voglio io. Mi parli del tuo lavoro? E io ti faccio un complimento sugli occhi belli. E noi sceme a pensare che siano forme di apprezzamento della nostra personalità (gli piaccio perché sono intelligente). Di questo sono certa al 100%. È un test che faccio sempre :) I like e i messaggi trasversali, veri o presunti, invece, sono ambigui e vengono anche abilmente usati a questo scopo. Oramai, fra le persone più giovani, si è creato un codice. Basta consultare i vari forum delle ragazze che ci sono in rete. Ma c'è un ma: comportandosi in maniera spontanea e consapevole, si filtrano i soggetti. Così come hai fatto tu con il tipo. Quando si è consapevoli dei propri standard, ma anche del brutto contesto in cui viviamo, si può - anzi lo si deve prima di tutto a se stesse - essere gentili e spontanee.
      -2
      Rispondi a Anna Commenta l’articolo

    • Avatar di max

      max 1 mese fa (20 aprile 2017 19:27)

      Disamina molto lucida...le persone hanno sempre bisogno di riscontri, comunicazione e approvazione dal prossimo (tutto riconducibile al bisogno d' amore) ed i meccanismi dei social se da una parte sembrano facilitare tutto, dall' altra in un attimo possono diventare delle gabbie che fanno dimenticare come si faceva una volta senza
      -2
      Rispondi a max Commenta l’articolo

    • Avatar di Astra

      Astra 1 mese fa (20 aprile 2017 22:19)

      A proposito di like e compagnia bella, vorrei lasciare la mia testimonianza a riguardo, che è molto simile a quella vissuta da Ilaria. Tempo fa avevo visto un post su un gruppo di su Google+ di un ragazzo appena assunto da Google, in cui descriveva appunto come aveva superato l'intero processo di selezione. Mi viene in mente di mandargli una richiesta di amicizia su Linkedin perché volevo saperne di più a riguardo, essendo molto interessata ad una carriera simile alla sua. Non l'avessi mai fatto :D Dopo qualche scambio di messaggi su in cui lui mi chiedeva il motivo per cui avessi deciso di mandargli questa richiesta di amicizia, lui ha mal interpretato mie frasi (abbastanza neutre, direi), del tipo "ho letto qualche post del tuo blog e l'ho trovato interessante" oppure "mi farebbe piacere se scambiassimo quattro chiacchiere, anche se non ci conosciamo di persona". Risultato: lui era seriamente convinto che avessi un interesse romantico nei suoi confronti, mentre io ero soltanto interessata a come avesse fatto a superare quei colloqui. E quindi poi mi sono dovuta allontanare a causa di questo malinteso.
      1
      Rispondi a Astra Commenta l’articolo

    • Avatar di Emanuela

      Emanuela 1 mese fa (20 aprile 2017 12:15)

      Involontariamente mi stai facendo riflettere sul fatto che mentre io collocavo il suo contattarti in forma privata, non come reazione ad un tuo presunto interesse, ma come bizzarra "infatuazione" virtuale da parte del tipo al tuo personaggio, tu dai per scontato che lui abbia recepito male i tuoi interventi. Quello che ho riscontrato in ambito virtuale è la grande assenza di empatia, ossia ho l'impressione che prevalga più l'infatuazione per il commentatore ( un po' come per i cantanti e gli scrittori ai tempi in cui ero giovane ) in modo unilaterale perché si è letta una battuta o un pensiero filosofico molto spesso anche copia e incollato ( sai l'originalità ) che per reazione ad un contatto altrui. Lo dico perché frequentavo un'associazione virtuale dove le fanciulle lamentavano sistematicamente la scarsa intraprendenza dei maschietti presenti, pur manifestando espressamente interesse tramite tentativi di adulazione varia del maschietto presente e non solo tramite like. Invece i maschietti si lasciavano attrarre più dalle commentatrici originali nei commenti e non necessariamente più belle o disponibili delle altre, anzi.
      -1
      Rispondi a Emanuela Commenta l’articolo

    • Avatar di Ilaria Cardani

      Ilaria Cardani 1 mese fa (20 aprile 2017 12:52)

      A essere sincera, per contatti precedenti di sicuro c'era la componente che hai citato all'inizio di questo tuo commento: si tratta di un personaggio che mi ha contattato per la mia visibilità legata al mio lavoro, questa è una tua buona intuizione che è giusto, per dovere di cronaca, rimarcare. Il che, pensa, dal mio punto di vista, mi collocava ancora di più in una posizione di neutralità. Neutralità, che, non ho bisogno di ribadirlo, era confermata dal mio genere di interventi. Credo che la mancanza di empatia e della vera comprensione degli altri (intesa anche come comprensione delle loro eventuali "cattive intenzioni") sia una delle criticità del nostro tempo. Diciamo che sui social (e questo è risaputo tra chi li studia ed evidente a chi ha un minimo di spirito di osservazione) prevale la superficialità, il che non è un male di per sé. Diventa male quando la superficialità e la leggerezza vengono interpretate come norma e cifra dei comportamenti umani. Sul fatto che in realtà gli uomini siano più attratti dal fascino di una donna e non dalla sua disponibilità e apparenza, ne ho largamente scritto. Ed è una convinzione dura a radicarsi nelle menti femminili, ahimé.
      4
      Rispondi a Ilaria Cardani Commenta l’articolo

    • Avatar di Emanuela

      Emanuela 1 mese fa (20 aprile 2017 13:13)

      Ho appena chiesto a mio figlio ( 16 anni ) dell'utilizzo di like su Facebook. Mi ha parlato dei like tattici ( quindi è proprio pratica diffusa e condivisa ). Perché un like sia identificato e riconosciuto come tattico X ( interessato a Y ) mette i like a tutte le foto pubblicate da X, possibilmente anche quelle datate, per dare consapevolezza di un interesse anche a sfrucugliare nel passato. A questo punto Y, riconosciuta l'evidenza del like tattico, ricambierebbe con una raffica di like sulle foto di X se interessata. La palla passa nuovamente a X che a questo punto contatta privatamente Y e da inizio a non so cosa. Io ero rimasta a Maria Antonietta che doveva rivolgere per prima il saluto altrimenti l'interlocutore non era autorizzato ad aprire bocca per salutare. È ufficiale: sono vecchia :D
      6
      Rispondi a Emanuela Commenta l’articolo

    • Avatar di Ilaria Cardani

      Ilaria Cardani 1 mese fa (20 aprile 2017 13:26)

      Eh, appunto, hanno 16 anni... Grazie per la testimonianza :)
      -1
      Rispondi a Ilaria Cardani Commenta l’articolo

    • Avatar di Ilaria Cardani

      Ilaria Cardani 1 mese fa (20 aprile 2017 13:44)

      Il 27 maggio prossimo sarà la Giornata nazionale del Mi piace Tattico (:D giuro, non è una mia invenzione) e la frase di lancio è: "In che senso, dopo che hai messo un "mi piace" a una mia foto non vuoi passare tutta la vita con me?" (doppio :D :D). Se non siete convinte fate una ricerca sul web...
      3
      Rispondi a Ilaria Cardani Commenta l’articolo

    • Avatar di London

      London 1 mese fa (20 aprile 2017 14:14)

      :D :D non è possibile, non credo ai miei occhi...
      -1
      Rispondi a London Commenta l’articolo

    • Avatar di max

      max 1 mese fa (20 aprile 2017 19:30)

      Mamma mia, aggghiacciantaaaa! (come diceva Antonio Conte)
      -1
      Rispondi a max Commenta l’articolo

    • Avatar di Anna

      Anna 1 mese fa (20 aprile 2017 13:28)

      Ilaria, sei una preda di valore
      0
      Rispondi a Anna Commenta l’articolo

    • Avatar di Ilaria Cardani

      Ilaria Cardani 1 mese fa (20 aprile 2017 13:36)

      Una preda in quanto tale è sempre di valore. Ma io non sono una preda :)
      3
      Rispondi a Ilaria Cardani Commenta l’articolo

    • Avatar di Anna

      Anna 1 mese fa (20 aprile 2017 13:41)

      Sarò cattiva e prevenuta, ma sti soggetti io li vedo così, gente che vuole la Porsche, per motivi vari.
      -1
      Rispondi a Anna Commenta l’articolo

    • Avatar di Ilaria Cardani

      Ilaria Cardani 1 mese fa (20 aprile 2017 13:46)

      Nel senso?
      1
      Rispondi a Ilaria Cardani Commenta l’articolo

    • Avatar di Anna

      Anna 1 mese fa (20 aprile 2017 13:52)

      Nel senso che una donna con acclarate qualità socialmente riconosciute, fa sempre (fare) la sua figura, e attira profittatori e narcisi
      0
      Rispondi a Anna Commenta l’articolo

    • Avatar di Ilaria Cardani

      Ilaria Cardani 1 mese fa (20 aprile 2017 13:57)

      Si può dire la stessa cosa per gli uomini. Per questo non bisogna farsi prede, trasformarsi in vittime e lasciarsi sedurre dalle apparenze :) . Eh sì, donne belle intelligenti e con delle risorse (non necessariamente economiche) sono le prede preferite di certi tipi di uomini. Questo so per certo che moltissime lettrici lo sanno bene, perché lo hanno sperimentato sulla propria pelle. Ma questo si può evitare e si può rimediare. Diversamente io non sarei qui :) .
      5
      Rispondi a Ilaria Cardani Commenta l’articolo

    • Avatar di Anna

      Anna 1 mese fa (20 aprile 2017 14:01)

      Infatti! Non era per scoraggiare, o per invitare tutte a mostrarsi sfigate (che poi arriva quello che ti salva, ed è pure peggio), che lo dicevo. :))
      -3
      Rispondi a Anna Commenta l’articolo

    • Avatar di Zaira

      Zaira 1 mese fa (20 aprile 2017 13:57)

      Ma infatti non mi creo nessun castello,semplicemente non capisco perché se non rispondi agli ultimi messaggi poi però passi il tempo a mettere mi piace alle mie cose. Non ho dato nessun peso maggiore.
      -1
      Rispondi a Zaira Commenta l’articolo

    • Avatar di Anna

      Anna 1 mese fa (22 aprile 2017 17:31)

      Che ci vuole a mettere un like? Basta un click col polpastrello sul telefono o col mouse su pc. Tempo necessario: un secondo. Per comporre un messaggio, invece, bisogna impegnare i neuroni, fosse anche solo per scrivere una riga. Anche perché a risposta inviata, probabilmente ne seguono altre e poi da cosa nasce cosa e ci vogliono tempo ed energie. Naaaah meglio un like, è chic e non impegna :D
      3
      Rispondi a Anna Commenta l’articolo

  14. Avatar di Anna

    Anna 1 mese fa (23 aprile 2017 15:37)

    Non so se si possa considerare attinente al post, ma avrei un'altra questione da porre. Stando ai suggerimenti dati da Ilaria posso dirmi pure brava a flirtare ma il problema è non avere i soggetti a disposizione, in carne e ossa almeno (i social network lasciamoli da parte). Abito all'estero (nord Europa) e la fauna maschile locale è assai poco intraprendente, a meno di non avere abbastanza alcol in corpo (e anche in quel caso mica è detto). Io detesto gli alcolici e soprattutto detesto la sola idea di dovermi ubriacare per divertirmi, queste cose le facevo a 20 anni. Quindi mi devo tenere le ragnatele, che ormai mi avvolgono totalmente, visto che anche le app per il rimorchio non fanno per me? :(
    0
    Rispondi a Anna Commenta l’articolo

    • Avatar di Ilaria Cardani

      Ilaria Cardani 1 mese fa (23 aprile 2017 15:49)

      O usare con oculatezza e cautela le app per il rimorchio, considerato che in altre culture ne fanno un uso più "pratico" e "pragmatico" e soprattutto instaurare uno stile e delle abitudini di vita che consentano conoscenze, approfondimenti e approcci di tipo più lento e tutelato, così che non sia necessario il ricorso all'alcol. Insomma, se il "centro" non va bene spostarsi agli opposti: usare la tecnologia e la tradizione. E, sempre, cervello e amore di sé.
      10
      Rispondi a Ilaria Cardani Commenta l’articolo

  15. Avatar di Daisy

    Daisy 1 mese fa (30 aprile 2017 0:23)

    Articolo davvero molto interessante. Io non so flirtare con gli uomini perché quelle volte che c'ho provato poi mi trattano da amicona e non mi filano più seriamente. Comunque io flirterei volentieri con un uomo che però é anche un mio collega-superiore ma ogni volta mi trattengo dicendomi che non é da fare così non lo faccio mai ma lui é l'unica persona che davvero mi interessa in questo momento. Non so cosa fare. Grazie comunque per i consigli.
    0
    Rispondi a Daisy Commenta l’articolo

    • Avatar di max

      max 4 settimane fa (30 aprile 2017 11:39)

      Si daisy, evidentemente se poi ti trattano da amica, non stai flirtando...per il tuo collega-superiore il consiglio è: Lascialo perdere, che il rischio grane sul lavoro poi se le cose vanno male, è altissimo.
      5
      Rispondi a max Commenta l’articolo

    • Avatar di Ilaria Cardani

      Ilaria Cardani 4 settimane fa (30 aprile 2017 11:46)

      Thank you so much Max, mi hai preceduto di secondi e te ne sono grata. Stavo partendo con uno dei miei pipponi esplicativi sul fatto che no, sarebbe sentitamente consigliato lasciar perdere il capo/collega. Per favore no. E tu hai sintetizzato magistralmente, risparmiando a tutti (anche a me) il mio pippone. Aggiungo solo: Daisy dice che colui è l'unico uomo che al momento le interessa. Il potere esercita sempre un fascino formidabile, tanto da accecare rispetto ad altre persone degne, che sarebbe anche più opportuno frequentare.
      3
      Rispondi a Ilaria Cardani Commenta l’articolo