Come conquistare un uomo che si mostra distaccato

Ammettilo: quante volte – quando si tratta di conquistare un uomo – ti è capitato di vivere una situazione nella quale pensi di aver trovato il partner giusto, di aver iniziato una relazione con lui, di stare davvero bene e di essere convinta che anche lui stia davvero bene, finché all’improvviso, lui si mostra freddo e distaccato, si allontana da te, non fisicamente, ma emotivamente?

Di fronte a questo “fenomeno” ogni donna tende a reagire con un modo di fare spesso sbagliato: entra in ansia, in agitazione in stato di “bisogno”. E questo non ha nulla che vedere con conquistare un uomo, perché, al  contrario, si tratta di un atteggiamento che allontana il partner, e che, non importa a che livello lui sia interessato, se tanto o poco, lo fa scappare a gambe levate.

Quindi che cosa succede quando tu hai iniziato una bella relazione con un uomo che ti capisce e con il quale senti di avere – finalmente, dopo molte relazioni andate male – una sintonia profonda? Che ti fai prendere dalla tensione e dallo stress. Diventi perfettamente consapevole del fatto che le cose non possono più andare avanti in questo modo, ma non hai la più pallida idea di che cosa puoi fare per migliorarle e dunque ti ritrovi a insistere su una serie di comportamenti sbagliati i cui risultati sono inevitabilmente deludenti.

Esiste un modo più efficace di comportarsi in modo da conquistare un uomo, anche quando lui perde interesse?

Capire la psicologia maschile

E’ straordinario come molte donne con le quali lavoro di persona quotidianamente sui temi della seduzione, dell’attrazione e dell’autostima riescano a dare una svolta alla propria vita sentimentale semplicemente assumendo un atteggiamento di comprensione verso gli uomini.

Che cosa significa assumere un atteggiamento di comprensione quando vuoi conquistare un uomo (che sia ancora solo un conoscente o già il partner con cui hai una relazione)?

Molto semplice: significa prendere atto una volta per tutte (è qui che devi fare il tuo “salto” mentale, amica mia) che uomini e donne hanno un modo di pensare, di vivere le emozioni e di esprimersi completamente diverso gli uni dalle altre.

Invece molte donne continuano a pensare che gli uomini “debbano” ragionare come loro, cioè come ragionano le donne. E non va bene, accidenti!

Come fai a pensare di conquistare un uomo mentre nello stesso tempo sei convinta che lui debba vedere il mondo e la vita esattamente come te? Tu non vuoi un compagno, vuoi un suddito mentale!

Il grande segreto nella mente degli uomini

Ebbene, ecco allora dove è una delle motivazioni che rendono diverso il modo di pensare degli uomini dal modo di pensare delle donne.

Per una serie di ragioni sia biologiche, sia “culturali” le donne considerano la relazione d’amore come uno degli ambiti più importanti della propria vita, un “pilastro” sul quale si sostiene il senso e il significato di tutta la loro esistenza.

Questo in sé, non è un fatto né buono, né cattivo, fino al momento in cui tu vivi le tue giornate all’insegno dell’equilibrio e della serenità personale. Se però sei “sbilanciata” tanto da comportarti in modo bisognoso sia quando sei single, sia quando sei in coppia oppure quando vuoi conquistare un uomo, ebbene c’è il grosso rischio non solo che tu soffra, ma anche che tu non esprima al cento per cento il tuo potere d’attrazione sugli uomini.

Di questo abbiamo parlato altre volte e ne parleremo ancora, ora ci tengo a concentrarmi sulla psicologia maschile.

Ora, mentre le donne in genere ritengono che la relazione sentimentale sia una delle priorità della loro vita e faccia in qualche modo parte della loro “missione esistenziale personale”, per gli uomini non è lo stesso. Gli uomini all’interno della loro “missione esistenziale personale” inseriscono una serie di altri “grandi scopi” e “grandi obiettivi” che, in genere, hanno la priorità rispetto alla relazione sentimentale.

Vuoi sapere quali sono questi altri “grandi scopi”? Avere successo nel lavoro o nella loro attività. Realizzarsi nelle loro passioni (sport, hobby etc.) come veri “leader”, realizzare qualcosa di tangibile e concreto di cui poter essere orgogliosi di fronte a se stessi e di fronte agli altri. Acquisire una competenza “sicura” su alcune aree di loro interesse che possono – ancora – riguardare la professione ed essere partiche o teoriche (ancora lo sport, le auto, le arti marziali etc.).

In conclusione e per essere chiara: non è che gli uomini non siano del tutto interessati alle relazioni e le donne non abbiano interessi diversi rispetto al rapporto d’amore. Il fatto è che per le donne è prevalente l’aspetto delle relazioni in genere e per gli uomini sono prevalenti altri aspetti.

Come fai a conquistare un uomo e a coinvolgerlo?

Che cosa accade allora quando inizi una relazione con un uomo e ti pare che tutto stia andando a gonfie vele ma d’improvviso lui si “allontana” non fisicamente – magari trascorrete insieme lo stesso ammontare del tempo – ma emotivamante, così tanto che tu, quando sei con lui, hai la sensazione non di essere in compagnia, nemmeno di essere con un estraneo, ma di essere più sola di quando sei sola per davvero?

Come si fa a conquistare un uomo in questa situazione che per molte è angosciante?

Consideriamo che cosa può essere successo. Probabilmente quando lui “improvvisamente” si allontana lo fa perché, emotivamente, qualcuna delle sue priorità di vita lo ha chiamato fuori dal suo punto di equilibrio: potrebbe trattarsi di un problema professionale, di una senso di insoddisfazione per qualcosa che non “gira” nel verso giusto nella sua vita (denaro, interessi, amicizie).

In questo caso tu hai di fronte a te un enorme opportunità: puoi “trasformare” davvero la vostra relazione in una relazione seria e duratura. Puoi davvero conquistare un uomo per sempre.

In che modo?

Intanto ti dico – meglio, ti ribadisco – qual è il modo più sbagliato di comportarti: diventare assillante, ansiosa, appiccicosa. E sai perché? Perché in questo caso convincerai il tuo compagno – in modo inconscio per lui – che è meglio lasciare quello che per lui non è ancora prioritario per dedicarsi a tempo pieno a quello che invece è davvero importante per lui.

Il modo giusto invece è prendere atto di quanto sta succedendo, accettare questa “differenza di pensiero” tra te e lui e metterti in una posizione di ascolto dei suoi bisogni. Attenzione, mi raccomando – questo vale ogni qual volta vuoi conquistare un uomo – : non si deve trattare di un ascolto che diventa ricerca ansiosa di un contatto “emotivo” con lui – sennò è come se tu fossi ansiosa e assillante -. Semplicemente si tratta di essere presente e nel contempo assumere – anche tu – un atteggiamento di distacco dal coinvolgimento emotivo tra voi.

In questo modo il tuo compagno si sentirà alleggerito da pressioni di qualsiasi genere, apprezzerà la tua leggerezza e comprenderà che la relazione per lui sta assumendo le caratteristiche di una priorità per la sua vita.

Non solo: in questo modo tu assumi il pieno controllo delle tue emozioni e della relazione, superando il senso di insicurezza che magari talvolta ti capita di provare quando si tratta di conquistare un uomo che ti piace.

Se vuoi migliorare la tua capacità di comprendere le tue emozioni profonde e di gestirle, ti consiglio il percorso che ho preparato per te “I 7 Pilastri dell’Attrazione”.

Se vuoi anche scoprire come fare a sedurre un uomo imparando a compredere i suoi modi di fare  per mettere le basi di una relazione appagante e duratura, ti è utile il mio percorso “Come sedurre un uomo senza stress né per te, né per lui”.

Scrivi nei commenti qui sotto che cosa ne pensi di quello che ho scritto riguardo il conquistare un uomo che senti lontano emotivamente

Quando hai finito di leggere, per cortesia, ricordati di condividere questo post sui social (Facebook, Twitter, Google+,) attraverso i pulsanti che trovi qui sotto.

In questo modo permetti che si allarghi la comunità delle lettrici (e dei lettori) . Molti ti saranno riconoscenti e ti apprezzeranno per la dritta che hai fornito loro e ci saranno maggiori opportunità di confronto e di scoperta sul tema delle relazioni per tutti.

Grazie!

Cordialmente

Ilaria

Lascia un Commento!

175 Commenti

  1. Avatar di Mary

    Mary 7 mesi fa (18 ottobre 2015 19:51)

    Grazie delle risposte, avete ragione, il cuore fa male ma la testata che nn è la relazione giusta. Ieri ci siamo rivisti è stato incredibilmente doloroso. Io mi sono mostrata sorridente, un solo ciao scambiato, poi quando mi sono accorta che l onda del dolore saliva ho preso le mie cose e sono andata via. Lui mi guardava con un espressione di fastidio e rabbia ma perché? È sempre stato lui a entrare nel vortice di insicurezza, lui che mi ha lasciata eppure nonostante le lacrime fossero pronte ad uscire sembravo io quella forte.
    0
    Rispondi a Mary Commenta l’articolo

    • Avatar di Gea

      Gea 7 mesi fa (18 ottobre 2015 21:54)

      Fastidio e rabbia sono sentimenti da marmocchio viziato. Chissà che bel maritino doveva essere... Lascialo nel suo brodo e pensa che é meglio per te che sia finita. Tu hai una vita davanti, lui ha solo alibi e specchi sui quali arrampicarsi per darsi una parvenza di uomo confuso e infelice. Coraggio!
      0
      Rispondi a Gea Commenta l’articolo

  2. Avatar di Honey

    Honey 7 mesi fa (19 ottobre 2015 14:36)

    Ho letto l.articolo ..come tenersi un uomo..scusate mi chiamo cristina ho 50 e un bel vissuto alle spalle con delusioni e patimenti...non parlo del mio passato (anche se lui influenza il mio presente e rende difficile il mio futuro) ma della storia che sto vivendo da un po di tempo....stiamo bene insieme viviamo lontani e quando passiamo insieme anche 20 gg insieme tutto fila liscio..stiamo benissimo stessi interessi certo i piccoli problemi di convivenza ci sono ma si risolvono.....poi vado via e li inizino i pronlemi....io divento..l.ultima ruota del carro..leggendo l.articolo tutto torna...calza a pennello...e vero potrei adottare una tecnica di indifferenza per tenerlo vicino a me ...ma poi mi chiedo ma perche noi donne dobbiamo sempre scendere a compromessi per loro...cspire come sono fatti per poterli conquistare o farli felice..ma loro ..gli uomini si sono mai chiesti come siamo e avere un pizzichino di sensibilita per farci felici...io sono stnca di fare tanto per loro...passare per la paranoica ...io voglio un uomo che mi capisca....non esiste...ok...ne faro a meno
    0
    Rispondi a Honey Commenta l’articolo

    • Avatar di helen

      helen 7 mesi fa (19 ottobre 2015 16:08)

      Se non è interessato e comunque gli fai comodo mai sollevera' questioni. Sta così bene lui. Come quando uno si infila nei buffet non suoi e scrocca il pranzo. Perché mettere i puntini sulle "i"? Sta scroccando! E sa benissimo di farlo.Tu invece pensi che abbia voluto onorare la tua cucina, in realtà ha intravvisto un pranzo veloce gratis e se lo magna. Senza porsi troppi problemi. O come quello che trova la bici senza la catena e se la porta via. Tu cosa gli dici? Potevi almeno ringraziare? Ma se sta rubando! Lui starà sempre bene e tu starai sempre in ansia. Questo è il risultato.
      0
      Rispondi a helen Commenta l’articolo

  3. Avatar di lONDON

    lONDON 7 mesi fa (19 ottobre 2015 15:14)

    cara Honey Cristina, potresti leggere l'articolo di Ilaria http://www.lapersonagiusta.com/capire-se-gli-piaci/conquistare-uomo-sedurre-affascinare/ ....con attenzione al pezzo : "ogni volta che ti senti in questo stato di “fuori equilibrio” rispetto a lui e alla tua vita, è giunto il momento di raddrizzare la rotta e rituffarti a pieno nei tuoi progetti. – che si tratti di tuo marito, del tuo fidanzato o di un uomo che hai appena iniziato a frequentare, non “fare troppo per lui”. Questo lo mette in uno stato di disagio, sgradevole. Il messaggio più attraente e seduttivo in assoluto che puoi inviare a un uomo è che tu sai bene di valere e sai bene quanto vali. E che dài per scontato di meritarti amore." GRAZIE ILARIA!
    0
    Rispondi a lONDON Commenta l’articolo

    • Avatar di Honey

      Honey 7 mesi fa (20 ottobre 2015 9:46)

      Grazie della risposta..leggero l.articolo..ma non e facile per me valorizzarmi .sono diventata apatica..tante le problematiche..un lavoro di soli 4/5 mesi l.anno..vivere in un paese di 200 anime..non avere amici ..non trovo piu intusiasmi... .mi sento scoraggiata ...
      0
      Rispondi a Honey Commenta l’articolo

  4. Avatar di Giò

    Giò 5 mesi fa (19 dicembre 2015 23:46)

    Salve Ilaria, ho letto svariate volte questo articolo che mi aiuta a ritrovare la strada...ma poi rimango piena di dubbi. Ho 30 anni e da 2 mesi mi frequento con un uomo di 20 anni più grande. Lui è affascinante, colto, simpatico e chi più ne ha più ne metta ma è totalmente assorto dalle sue molteplici attività lavorative. A volte lo sento spesso e poi per due giorni Puff. ..svanisce per poi riapparire; lui mi dice che posso chiamarlo anche io senza fossilizzarmi sullo stereotipo dell'uomo che deve fare tutto e questo mi fa incavolare. Non per vantarmi ma sono abituata ad essere molto corteggiata e cercata dagli uomini e di conseguenza ho sempre preteso tanto dai miei fidanzati ma con lui a volte devo "scendere" dal mio stupido piedistallo e cercarlo (per poi pentirmene). Lui mi ha detto che gli piaccio, sta bene con me e non frequenta ne sente altre donne ma che devo capire che lui è diverso dagli altri uomini che ho frequentato e inoltre è oberato di lavoro. Io lo vedo un po' distaccato e la cosa mi fa sentire non considerata (però non glielo faccio pesare troppo) ma penso anche che sono molto esigente e forse dovrei essere più comprensiva con lui e i suoi impegni. Più che altro vedo in lui un approccio più libero e maturo (data l'età) totalmente diverso dai precedenti dove i miei ex mi opprimevano con la loro gelosia e credo che questo suo atteggiamento mi possa aiutare a crescere come individuo e come parte di una coppia ma nel contempo ho paura di giustificarlo e non rendermi conto della realtà.
    -1
    Rispondi a Giò Commenta l’articolo

    • Avatar di Gea

      Gea 5 mesi fa (20 dicembre 2015 10:25)

      Hai ragione: mai giustificare uno che si fa i cacchi sua... come questo signore maturo... solo d'età.
      1
      Rispondi a Gea Commenta l’articolo

    • Avatar di Giò

      Giò 5 mesi fa (20 dicembre 2015 13:04)

      Hai ragione ma ho paura di essere io esagerata, nel senso che con i miei ex ci sentivamo 50 volte al giorno per qualsiasi cavolata mentre lui non è così. Non voglio che mi tempesti di chiamate e messaggi ma sentirsi solo una volta al giorno per me è poco...
      0
      Rispondi a Giò Commenta l’articolo

  5. Avatar di laura buschi

    laura buschi 2 mesi fa (2 marzo 2016 17:02)

    nn vedo l ora di leggerlo
    0
    Rispondi a laura buschi Commenta l’articolo

  6. Avatar di Tinetta

    Tinetta 2 mesi fa (16 marzo 2016 9:21)

    Mi sto trovando in questa situazione da quando il mio ragazzo ha iniziato a lavorare full time. E ho fatto tutti gli errori elencati nell'articolo e anche qualcuno in più. Ora sono due giorni che non mi faccio viva sperando che lo faccia lui ma ho il dubbio che non lo faccia x timore d essere rimproverato d nuovo. Allo stesso tempo l'orgoglio mi dice di non stargli troppo addosso, d farmi cercare. Ma ultimamente quando mi cercava iniziavo a rinfacciargli tutte le sue assenze, gli ho trasmesso tutta la mia ansia. Ultimamente sono passata di continuo da un eccesso all'altro:o troppo sdolcinata e appiccicosa o troppo acida e assente. Vorrei rimediare ma non so come. Grazie
    0
    Rispondi a Tinetta Commenta l’articolo

  7. Avatar di Sara

    Sara 4 giorni fa (1 maggio 2016 2:19)

    In realtà tutte quelle priorità di cui parli non penso le abbia solo l'uomo: da donna vorrei avere successo nel lavoro e nelle cose che amo fare, trarre soddisfazione dale mie passioni, ho un grande desiderio di realizzare la mia persona...nonostante ciò il distacco del mio uomo mi intristisce e innervosisce ma di certo non perché la relazione sia per me la mia unica ragione di vita. È come dire che le donne sono tutte delle idiote insicure, senza passioni né ambizioni.
    -2
    Rispondi a Sara Commenta l’articolo