Non prenderti le scimmie degli altri!

Se vuoi attrarre la persona giusta per te e stare serenamente in una relazione sentimentale, devi abituarti a mettere dei “confini” tra te e gli altri, tra quello che riguarda te ed è di tua competenza e quello che non ti riguarda e non è di tua competenza.

Di quanto sia importante che tu ti occupi di te e del tuo benessere parlo spessissimo qui sul blog e ne parlo ampiamente anche nella mia guida gratuita “Come attrarre la persona giusta per te in 11 passi”.

In questo post voglio andare un po’ più nello specifico della questione e proporti alcuni elementi di riflessione.

La prima e più importante riflessione è: non prenderti le scimmie degli altri!

“Ma di che stai parlando, Ilaria?! Che cosa significa prendersi le scimmie degli altri?!”

Allora, andiamo per gradi: in sintesi prendersi le scimmie degli altri significa farsi carico dei loro problemi, delle loro frustazioni, per dirla più terra terra, delle loro “menate”, delle loro “seghe mentali”, delle loro “paturnie”.

Ora quante paturnie pro capite possiamo calcolare? Quante seghe mentali si fa una persona media?

Chi può dirlo…

E’ vero che ci sono persone con un livello di problmetizzazione contenuto e accettabile, ma è anche vero che esistono moltissimi  “frignoni” e “lamentoni” di professione, cioè persone capaci di costruire castelli di 700 stanze da ogni piccola questione che le tocca…

E, guarda caso, queste persone hanno un’abilità straordinaria, cioè quella di buttare addosso agli altri le proprie questioni “irrisolte” come si dice con termine pseudopsicologico.

Anzi, sembra quasi che si inventino problemi con lo scopo preciso di buttarli addosso agli altri.

Perché? Perché avere molte questioni aperte di cui lamentarsi con gli altri fa sentire importanti, fa sentire vivi, allevia lo stress e fa perdere un sacco di tempo.

Tempo che, se non fosse buttato via, si potrebbe usare per affrontare le questioni, per agire e per fare. Per trovare soluzioni. Ma questo è un altro discorso, che affronteremo un’altra volta.

Ora stiamo a te e al rischio che tu ti prenda le scimmie degli altri.

Questa frase (“Non prenderti le scimmi degli altri!”) me la ripeteva un mio amico coach anni fa mentre lavoravamo insieme in alcuni seminari di motivazione.

Non so come, non so perché, fin dalla prima volta che me l’ha detta ne ho colto a volo il significato, ma non ho mai capito da dove venisse in origine questo modo di dire.

Poi, tempo fa, leggendo il blog di una madre di famiglia americana con sei figli che racconta le sue sfide quotidiane, ho ritrovato la frase.

“Non prenderti le scimmie degli altri!” le ripete il marito quando lei si fa carico delle paturnie e frustazioni di chi le sta intorno.

L’altro ieri mi è capitato di leggere un articolo – sempre di un americano – dedicato alla “filosofia applicata all’azienda” in cui si racconta questa storiella.

Un uomo compra una simpatica scimmietta e l’alleva affettuosamente. Per anni lui le si dedica con passione e dedizione.

Crescendo, la scimmietta diventa sempre più esigente e richiede sempre più attenzione. Mangia ogni giorno di più e a qualsiasi ora. Deve essere pulita, vuole giocare, vuole uscire.

E’ diventata grande e molto pesante e pretende ancora di essere portata a spasso sulle spalle del suo padrone.

Il quale comincia a perdere entusiasmo: la novità e il divertimento si trasformano a poco a poco in fatica e fastidio.

La scimmia fa baccano, è impaziente e insofferente. Pretende che le banane che mangia siano affettate con cura, che l’uva sia spellata scrupolosamente, che il suo padrone non si allontani mai da lei e che non la trascuri in nessun modo.

E, intanto, il suo padrone diventa sempre più vecchio ed è sempre più stanco. Di fatto ormai dedica più tempo e attenzione alla scimmia di quanto ne dedichi a se stesso. La scimmia gli sta succhiando via l’esistenza.

Come fai ad attrarre un uomo senza sembrare una facile o una poco di buono?
Scoprilo con i 5 video gratuiti dell'anteprima "Come fare innamorare un uomo e tenerselo". Iscriviti qui senza rischi e senza impegno e ricevi il materiale nella tua casella mail.

E’ talmente provato e consumato  dal fatto di accudire la scimmia che la sua salute comincia a risentirne in modo piuttosto serio.

Ha preso davvero a cuore il proprio impegno di occuparsi della scimmia e sa che lei dipende totalmente da lui. Si rende conto di essere irrimediabilmente legato a quell’impegno. Comincia a comprendere che quello è un legame totale, quasi per la vita. La scimmia non gli permette di avere una vita propria, di fare della sua esistenza quello che vuole.

Esasperato e a malincuore, l’uomo ha finalmente un’idea. Sa che c’è un modo con il quale può liberarsi di quell’incombenza diventata ormai insostenibile.

Il giorno dopo veste di tutto punto la scimmia, le fa indossare un magnifico cappello e una bellissima giacca, entrambi di colore rosso. Anche a lui la scimmia, così abbigliata, fa un’impressione pazzesca.

La porta alla fiera del paese e lì, l’animale, nei suoi abiti scintillanti, attira l’attenzione di curiosi e passanti.

Il suo padrone mette in bella mostra la scimmia e lei con qualche bel gioco di prestigio – che le ha insegnato lui -, stupisce e incanta gli spettatori.

Un giovane uomo rimane colpito e insiste per comprare la scimmia: non se ne andrà dalla fiera se non portando la scimmia con sé. Ci tiene proprio.

A quel punto il vecchio si sente in dovere di informarlo di tutte le difficoltà del caso:  la scimmia è bella, sì, e anche intelligente, ma occuparsene costa tempo, fatica, impegno.

Il giovane uomo, tenace, dice che ben conosce quel che comporta mantenere un animale come quello, ma l’onore, il piacere  e il lustro che possono derivare dal possedere la scimmia superano per lui il rischio e il peso di qualsiasi fatica…

Venduta la scimmia, il suo vecchio padrone prende la via di casa consapevole che quella notte dopo molti anni, finalmente, dormirà davvero tranquillo…

La morale della storia è: quante volte, pur di sentirsi gratificate e importanti, le persone si fanno carico – sul lavoro ad esempio – di impegni che all’apparenza sembrano dare lustro e fare onore e, stringi stringi, sono solo delle solenni fregature?

Quante volte capita, in azienda magari, che alcuni – sperando di essere notati e premiati – si offrano “spontaneamente” di coprire incarichi che sono importanti per “nome”, ma in realtà sono solo sgradevoli e non portano a nulla?

Ma, soprattutto, quante volte capita, nella vita quotidiana, di vedere persone che per non dire di no a un amico o a un parente lo assistono nell’affrontare un problema in realtà inesistente, che succhia solo tempo ed energie?

E, venendo al nostro tema centrale, l’attrazione e la relazione di coppia, quante volte capita di vedere mariti che sopportano le lamentele e tentano di accontentare  mogli che non vogliono sentirsi soddisfatte a nessun costo o di mogli che si fanno carico dei malumori infiniti di mariti che hanno fatto della rabbia il loro stile di vita?

Quante volte cioè i partner “si caricano sulle spalledi” situazioni e questioni che nulla hanno a che fare con il rapporto di coppia?

Quanti uomini corteggiano all’infinito donne che non vogliono essere conquistate e che tirano in lungo relazioni “sospese” sostenendo di dover superare incertezze e traumi di origine misteriosa?

Quante donne sopportano le scorrettezze infinite, le indecisioni e le “divagazioni” di uomini che dichiarano di non “essere ancora pronti”?

 In poche parole: attenzione alle scimmie, soprattutto quando sono piccole e sembrano docili, quando portarle sulle spalle sembra compito facile e leggero.

Attenzione alle scimmie quando sono in un bell’abito sgargiante tanto da far credere che portasele a casa porti onore e merito e susciti l’ammirazione altrui.

Nelle relazioni e nell’amore, è importante che tu segni il tuo territorio e lo protegga con confini invalicabili.

Abituati a riconoscere le scimmie altrui e non portarle a casa tua, nel tuo spazio emotivo e mentale.

Lasciami i tuoi commenti e se vuoi continuiamo a parlare di scimmie.

Cordialmente

Ilaria

Come fare innamorare un uomo e tenerselo
Gratis per te!
Crea una relazione sana e soddisfacente con sincerità e onestà. Rispettando te stessa e l'uomo che ti piace, senza sembrare una facile, ma esprimendoti al 100% per come sei, molto più serena e sicura di quello che fai.
Ricevi i miei aggiornamenti esclusivi e riservati

Lascia un Commento!

44 Commenti

  1. Avatar di Elisa

    Elisa 4 anni fa (17 Agosto 2015 17:03)

    Cara Ilaria Leggendo l articolo delle scimmie altrui mi è venuto in mente la mia relazione di 3 anni e mezzo che purtroppo non è andata! Mi ero preso carico di tutti i suoi problemi con la sua famiglia e lavoro, toglievo a me la felicità per darla a lui altre che scimmie alla fine dopo tutti i sacrifici fatti. Mi sono dovuta sentire non sono pronto non ce la faccio voglio stare da solo. Ha fatto male da morire non ti nascondo che fa ancora male da morire! Però credo di aver imparato la lezione
    -1
    Rispondi a Elisa Commenta l’articolo

  2. Avatar di Cocca

    Cocca 3 anni fa (27 Ottobre 2015 22:45)

    Ciao ilaria, leggo sempre il blog e ti sarei grata se mi volessi dare uno dei tuoi preziosi consigli...una mia cara amica da circa 5 mesi frequenta un uomo fidanzato con un'altra donna. Fondamentalmente è una relazione disfunzionale e soprattutto è quanto di più lontano ci possa essere da quello che lei desidera...aggiungo che la mia amica, purtroppo, e' da praticamente tutta la vita che entra e esce da relazioni di questo tipo. Io all'inizio della loro frequentazione ho cercato di dissuaderla (per i primi 2 mesi in cui lui la corteggiava), dicendole che secondo me avrebbe dovuto lasciar stare perché la cosa l'avrebbe certamente fatta soffrire; in più lui, anche a dir di lei, le raccontava un sacco di balle ...lei però inizia effettivamente a frequentare questa persona e per circa 3 settimane non me lo dice, raccontandomi tra l'altro diverse bugie per non farmi sapere della cosa.. Ad un certo punto però mi racconta tutto e io capendo che i miei consigli non erano graditi e soprattutto suscitavano reazioni nervose, decido di farmi da parte e farmi i cavoli miei. Quindi fondamentalmente continuo a sentirla, ma evito di chiederle di questa persona.. Sennonché, ieri succede che mi accusa di non comportarmi da amica perché non la sto ad ascoltare su questa persona, non mi mostro interessata e non le do consigli ...Come dovrei comportarmi secondo te? Riesci a dirmi se ho sbagliato in qual cosa? Grazie. Cocca
    0
    Rispondi a Cocca Commenta l’articolo

  3. Avatar di Manuela

    Manuela 3 anni fa (2 Marzo 2016 14:43)

    Ciao Ilaria,sono capitata così per caso nel tuo sito e cercavo proprio un quesito come questo, quante volte mi è capitato di dover fare una piccola lamentela a un'amica che di scimmie me le sbatte in faccia quasi ogni giorno e mi riempe la chat di whatsapp con messaggi vocali e scritti quasi da far invidia una soap opera!!e infine i miei problemi sono così gravi?no mai quanto i suoi!!a lei sempre peggio di tutti. Anche il mio compagno si scoccia di sentirla perché dice che scarica il suo malessere su di me ed io essendo una spugna che assorbe tutto riesce nell'intento! Non per male ma non ne posso più! Ogni volta che la sento è un problema che salta fuori!! Come fare senza essere troppo duri nei suoi confronti? Spero in una risposta anche se hai già scritto tutto!! Ciaooo illaria da Manuela
    -5
    Rispondi a Manuela Commenta l’articolo

  4. Avatar di Andrea

    Andrea 2 anni fa (18 Agosto 2017 3:59)

    Bel discorso, intrtessante.
    0
    Rispondi a Andrea Commenta l’articolo