Hai paura di non riuscirci?

E’ davvero entusiasmante quando raggiungi un traguardo che hai tanto desiderato, ottieni un risultato voluto o, anche, fai per bene qualcosa – magari anche piccola piccola – a cui tenevi.

Può essere perdere peso e raggiungere il tuo peso forma; può essere prendere il diploma, la laurea o avere una promozione sul lavoro. O, magari, si tratta di renderti conto che le piante che hai in casa stanno crescendo e sono sane, dopo tutto l’impegno che ci hai messo nel curarle.

Può darsi che ti piaccia l’attività sportiva e che tu ti diverta a sfidare te stesso/a: quanta soddisfazione ti dà scoprire che sei davvero migliorato/a in quello che fai?

Sono sensazioni abbastanza indescrivibili: non dipendono da quanto è grande il risultato che hai raggiunto, ma dal fatto che ce l’hai fatta, sei riuscito/a, hai ottenuto quello che desideravi.

Nella mia guida gratuita “Come attrarre la persona giusta per te in 11 passi”,  parlo di quanto sia importante che tu diventi consapevole e riconosca i tuoi successi, celebrandoli e “trionfando”per tutto quello che di buono e di significativo hai fatto nella tua vita e che continui a fare, giorno dopo giorno, incessantemente (perché così è, di fatto, anche se non ne sei consapevole).

Ora, arrivando al cuore di quello di cui ci occupiamo qui e quindi per quel che riguarda come puoi ottenere ciò che desideri  dalla tua vita e come puoi attrarre la persona giusta per te, mi preme trasmetterti una parte importante di quella che è la mia esperienza nei diversi percorsi di coaching che ho l’opportunità di intraprendere con i miei clienti.

Ebbene, lo sai perché molto spesso le persone non si decidono a intraprendere seriamente un percorso che le porti davvero a ottenere ciò che vogliono in modo spontaneo e naturale?

Perché hanno paura di fallire.

Ma, attenzione, non hanno paura di fallire nel senso di non riuscire a ottenere il risultato.

Ti dico una cosa chiaramente: io sono convinta che in fondo al loro cuore le persone sanno bene che possono ottenere risultati, sanno bene che possono ottenere davvero ciò che vogliono.

Dài, siamo onesti: tu sai benissimo che puoi ottenere risultati positivi. Sai benissimo che quando hai voluto davvero qualcosa – in modo sincero e autentico – l’hai ottenuto. Sai benissimo che se ti decidi, se fai il primo passo e se ti muovi facendo le mosse giuste e i passi giusti arrivi dove vuoi.

Sai dov’è l’inghippo? L’inghippo è che spesso le persone o non partono del tutto o si fermano prima.

E sai perché lo fanno?

Perché hanno paura di cadere. Ma non di cadere in sé per sé.

Hanno paura di cadere quando hanno già incominciato il percorso e quando hanno già visto e constatato che possono farcela o, magari, hanno anche ottenuto i primi risultati.

Infatti molto spesso, quando per esempio un mio cliente (che per anni non c’è stato verso che avesse una relazione), comincia a conoscere ragazze interessanti o, anche, inizia una storia che funziona, spesso, in automatico si pone domande del tipo “Oggi va bene. E domani, se domani faccio di nuovo gli stessi sbagli? E se mi capita di fare degli scivoloni?”

Bene, a questo punto di solito a quel cliente dò una notizia che adesso dò anche a te. Se ogni volta che raggiungi un risultato di qualsiasi genere ti chiedi: “e se poi sbaglio? Oggi è così, ma domani?”,  io ti rispondo: ebbene sì, hai perfettamente ragione. Ti sbaglierai ancora, commetterai gli stessi errori di prima, ti verranno gli stessi cattivi pensieri e le pessime sensazioni di prima.

Oggi sei in equilibrio e sei sereno/a, ma domani, o tra una settimana, o tra un mese ti capiterà di nuovo un momento nel quale potrai credere di essere tornato/a al punto di partenza.

E’ così, è normale, è umano. E tu, come me, sei un essere umano (e non è affatto una brutta cosa).

Ma ci sarà una grossa differenza: tu hai iniziato il tuo percorso di cambiamento, il tuo cammino per ottenere quello che vuoi per te. E questo è un percorso e un cammino che inevitalbilmente ti porta al traguardo che vuoi e nel modo più naturale e più giusto per te.

La cosa importante è che tu ti mantenga su quel cammino, lo ritrovi, ci ritorni ogni volta che “sbandi”, che ti distrai, che scivoli.

Che cosa spinge un uomo a impegnarsi in una relazione e a rimanere fedele?
Scoprilo con i 5 video gratuiti dell'anteprima "Come fare innamorare un uomo e tenerselo". Iscriviti qui senza rischi e senza impegno e ricevi il materiale nella tua casella mail.

Perché sbandare, distrarsi e scivolare è naturale. Capita ed è capitato a tutti (a tutti tutti? Sì, a tutti tutti. Pensa un po’, anche ai santi e ai loro superiori: a Gesù Cristo, a Buddha e a Maometto e a tutti i loro colleghi dèi e profeti di tutte le religioni del mondo).

Capita anche ai grandi campioni.

Toh, guarda, adesso, mentre sto scrivendo, mi viene in mente il primatista Usain Bolt che il 30 agosto scorso, ai mondiali di atletica di Daegu è stato squalificato dalla gara dei 100 metri piani per una “banalità” come una falsa partenza. E poi, il 3 settembre, ha vinto i 200 metri (campione del mondo).

Il fatto è che l’importante è tenersi sulla via giusta e riprenderlo quel percorso che ti porta dove vuoi arrivare.

Come puoi fare nella pratica?

Beh, un buon modo innanzittutto trovare il percorso giusto per te.

Poi, tener presente quello che ti ho detto in questo articolo.

Quindi: assumere la piena consapevolezza dei risultati che hai raggiunto e sapere bene che se hai ottenuto anche un solo piccolo risultato soddisfacente nella tua vita ne puoi ottenere milioni di miliardi, come diceva una famosa pubblicità.

E’ importante allora che tu ti muova, agisca, compia il primo passo sul tuo cammino al cambiamento.

Impara anche a goderti i primi risultati e a valutare come naturali (come parte stessa del gioco e del percorso) le sbandate, gli scivoloni.

Poi abituati a tenere d’occhio la direzione e a ritornare sul percorso.

Per tenerti sulla rotta puoi per esempio:

–          leggere e rileggere gli articoli del blog e la guida gratuita.

–          tenere un diario dei successi che ottieni, nel quale descrivi bene a te stesso/a che cosa hai fatto per ottenerli e che cosa stai facendo per mantenerti sul percorso.

–          iniziare un percorso di coaching personale (infatti, se devo dire, la parte principale del mio lavoro con le persone consiste proprio nel  trovare il percorso con loro e di permettere loro di mantenere la direzione scelta, camminando al loro fianco).

Se ti va, condividi l’articolo su Facebook o su altri social (i pulsanti sono sotto).

Lasciami i tuoi i commenti, con le tue storie e i tuoi dubbi e fammi tutte domande che vuoi.

Cordialmente

Ilaria

 

Lascia un Commento!

225 Commenti

  1. Avatar di Rosita

    Rosita 9 anni fa (21 Ottobre 2011 18:36)

    @ Ilaria, oK smetterò di essere la signorina Rottenmeier (l'istitutrice di Heidi) per diventare soprattutto più leggera e simpatica con me stessa....
    Rispondi a Rosita Commenta l’articolo

  2. Avatar di ilariacardani

    ilariacardani 9 anni fa (21 Ottobre 2011 18:50)

    @ Maria: scusa, e come facevi a goderti i momenti passati insieme?? Che c'era da godere?? Il sesso è una delle cose più divertenti, grandiose e spontanee della vita ed è il "primum movens", la causa prima di attrazione tra due persone, consapevole o no. Come diceva la celebre pubblicità del caffé: "...è un piacere. Se non è buono, che piacere è?" Cioè, lui si sfoga poco prima e poi tu ti stupisci se non sei stata disinvolta e se non ti sei goduta i momenti passati insieme?! E meno male!!! Vuol dire che sei sana e funzioni per benino! E che pretendevi? Ma che mai ti avrà trasmesso uno che poco prima si è sfogato?! Sei stata donna, la tua sensibilità ti sta avvisando che sei donna e che non è più tempo di accontentarti come hai fatto in passato, anche se i tuoi comportamenti esterni assomigliano a quelli di un tempo. Mi spiace davvero sentire che costui starà fuori per più di un mese. Dovrebbe starsene lontano almeno per i prossimi vent'anni. Ma tu, Maria, in questo senso puoi fare molto autonomamente :) :)
    Rispondi a ilariacardani Commenta l’articolo

  3. Avatar di ilariacardani

    ilariacardani 9 anni fa (21 Ottobre 2011 19:09)

    @ Lily: e che cosa ti fa indietreggiare?
    Rispondi a ilariacardani Commenta l’articolo

  4. Avatar di Bice

    Bice 9 anni fa (21 Ottobre 2011 20:37)

    Uh, quanta roba! @ Ilaria: ok, vedrò di non farti annodare il cervello, cercando anche di non annodare il mio :-D. Però la tua risposta mi serviva e mi è stata anche molto utile. Sì, avevi capito bene la domanda. E sì, penso di conoscere molte persone che non basano il loro stare insieme su amicizia e attrazione sessuale (che è diversa da quella fisica), ovvero conosco persone che stanno insieme ma non comunicano, non sono complici, non fanno granché insieme, insonna non sono amici. E persone che stanno insieme senza fare praticamente più sesso. O facendolo male. Credo che, ammesso che si tratti comunque di amore e non di convenienza... diano importanza ad altro. Altro che compensa ciò che manca e che io non vedo (ma questo altro forse da solo non basta, dunque si può poi parlare d'amore?). Forse questo altro è proprio una delle cose che scrivi: considerare l'altro importante. E' molto molto tempo che non mi sento importante per qualcuno. E le volte che mi ci sono sentita era perché questo qualcuno era qualcuno che non si reggeva da solo, una sanguisuga, un bamboccione... quindi aveva un bisogno disperato e vitale di me. Mai qualcuno che mi abbia considerata importante, di valore, per ciò che sono e non per ciò che avrei potuto dare, se avessi assecondato certe pretese. Al tempo stesso non so se io ho mai davvero considerato importante qualcuno. Direi di non avere mai fatto sacrifici per nessuno... ammesso che questo significhi considerare qualcuno importante. Non ho mai fatto cose controvoglia per compiacere qualcuno, non mi sono mai adattata. E non ho mai scalato montagne per nessuno. A volte, forse, gli ho dato importanza nel senso che non me ne andavo nonostante i problemi... ma quello più che dare importanza ad una persona significa dare importanza all'illusione che questa persona ti dà, a ciò che speri di trovare prima o poi in quella relazione. Quanto ai progetti comuni... mai avuto progetti con nessuno che andasserò al di là del "godiamoci il nostro stare bene insieme". Non ho mai incontrato qualcuno con cui pensare a una vita intera insieme fatta di cose portate avanti insieme (casa, famiglia, lavoro... i miei hanno fatto queste tre cose insieme). No, io non ho mai vissuto una relazione come progetto. E sai cosa? Vedo contraddizione tra amore (libertà) e progettualità. Poi, mica finita eh? Faccio molta fatica a vivere il sesso collegato alla procreazione, pur sapendo bene che è così. Ma per me è soprattutto altro. Ovvero l'ho sempre fatto per altri motivi.
    Rispondi a Bice Commenta l’articolo

  5. Avatar di Bice

    Bice 9 anni fa (21 Ottobre 2011 20:38)

    @ Maria, Gio e le altre che si interrogano sul trombamico, i rapporti di solo sesso... In base alla mia lunga carriera di "trombamica/amante/colei che non si vuole impegnare", penso di poter dire che... Gli uomini (impegnati e non) che ci sembrano cercare solo sesso, in realtà cercano amore, ma non l'amore che intendiamo noi. Ovvero: cercano attenzioni, conferme (di piacere, di saperci fare, di essere capaci ancora di eccitarsi e avere un rapporto sessuale, di essere virili, di essere giovani...), coccole, sostegno psicologico, accettazione da parte degli altri. Tutto questo per molti uomini passa attraverso una donna e i suoi favori sessuali (non certo il fatto che la donna si voglia accasare). E la moglie può non bastare. O perché se la sono scelta male o perché lei è cambiata (fa sola la mamma e non ha più attenzioni per il marito, ad esempio) o perché la poveretta non può certo soddisfare tutti i capricci di un bambino mai cresciuto che ha bisogno di una donna per essere rassicurato sul proprio valore... Se tutto ciò in parte è umano, dall'altra parte mi pare che si creino equivoci e confusioni tra sesso, amore e altri bisogni. Questi uomini sono sempre gelosi se non addirittura possessivi, perché hanno bisogno dei favori femminili per motivi psicologici, dunque il perderle è una grave sofferenza. Ma non ha a che fare col fatto che amano la donna di turno. Ha a che fare col fatto che hanno bisogno di sentirsi amati dalla donna di turno. Spesso, risolto il bisogno impellente o rassicurati, possono stare lontani per un po'. Cosa fanno in questo tempo di lontananza? Vanno con altre donne o almeno in cerca di altre donne. Perché non è mai abbastanza per riempire il loro vuoto. E nessuna donna lo puoi mai colmare. E' impossibile... ma non perché nessuna donna è abbastanza, alla loro altezza (come alcuni di questi bambocci affermano) bensì perché cercano in una donna qualcosa che si devono dare da soli. E siamo sempre lì. Per quello dico che hanno lo stesso problema le donne che si aspettano che sia un uomo a risolvere la loro vita...
    Rispondi a Bice Commenta l’articolo

  6. Avatar di Bice

    Bice 9 anni fa (21 Ottobre 2011 20:38)

    Ritrovo nei vostri commenti tante situazioni che ben conosco: l'uomo che sparisce nel nulla... tranquilla perché torna. Appena sarà il tuo turno. Forse esagero. Ho avuto anche un amore platonico che tornava a cadenze regolari. Aveva deciso che se passava top tempo, allora non era tradimento. Dunque tornava a cadenze fisse e quando riusciva a farlo senza insospettirla. Insomma, qui erano in gioco i sensi di colpa. Ma... è rimasto con lei! Gio: non lo ami, ma sei gelosa. E ti dà fastidio quando ti trascura. Io ho mollato il mio trombamico per questi motivi. A pensarci ora, forse non mi faceva sentire importante e mi si è attivato il sistema d'allarme. Lui non mi incontrava solo per sesso... eravamo davvero tromb-amici ed eravamo capaci di uscire solo in amicizia parlando per ore. Ma non sopportavo l'idea che ci fossero altre, che ci fossero giorni di silenzio, che non sembrasse avere la stessa voglia di vedermi che avevo io. Ci sono altre donne, perché non mi ama. E non mi ama perché ci sono altre donne. E io non posso sopportare questa cosa nemmeno se, tecnicamente, non è tradimento (dal momento che io lo so). Perché? Non è solo gelosia... è che toglie a noi per dare ad altre relazioni. E nella nostra non si apprfondisce mai. Ma è proprio ciò che lui vuole (prendere da tente, non legarsi troppo) e che non corrisponde a ciò che voglio io. E' che lui ha solo bisogni e poca voglia di dare. Io invece cerco uno scambio ad un livello diverso. Forse... ero pronta a dargli importanza. Lui no. Tanto che l'ho mollato e non ha fatto nulla per fermarmi. Ma se anche lo avesse fatto avrei pensato che era solo bisogno di sentirsi amato. E non voglia di amarmi. Dunque sarebbe servito a poco. Noi donne quando facciamo sesso amiamo? Non credo sia per forza così... non quando cominciamo a fare sesso con qualcuno che magari conosciamo poco. Piuttosto: ci piace, abbiamo voglia di conoscerlo meglio. L'amore viene dopo... Per me viene per quello, perché se l'amicizia funziona e funziona il sesso (non importa da quale delle due componenti si parta), a me viene voglia di qualcosa di più. Che non so bene che sia. Non progetti insieme, ma forse proprio quell'importanza di cui parla Ilaria. La sensazione di essere amata. E, a differenza degli uomini che ho incontrato, io sono stata pronta più di una volta a dare importanza, ma certo dovevo sentire che me ne veniva data! Rifaccio l'esempio dello scorso inverno quando lo sposato mi chiese di seguirlo nei suoi viaggi di lavoro per poterci vedere. Io avrei dovuto dargli importanza spendendo soldi per seguirlo nel suo lavoro, complicandomi il mio di lavoro, adeguandomi ai suoi ritmi... e lui? Lui avrebbe continuato a restare sposato, raccontare balle a tutti, fare il suo lavoro e guadagnare bene e... avere l'amante con tutto comodo, ma solo quando lui decideva di invitarmi a seguirlo. Ecco, questo per me è chiedere amore e non darne. Nonostante amicizia, intesa e tutto il resto... Lui per me non aveva fatto sacrifici, ma li chiedeva a me. Io non ero importante per lui (lui non ha cambiato di un millimetro la sua vita), ma io avrei dovuto cambiarla per lui! Eh no... non ci siamo!!! Ho imparato a chiudere con questo tipo di persone sempre più velocemente, appena capisco com'è che gira...
    Rispondi a Bice Commenta l’articolo

  7. Avatar di ELEONORA

    ELEONORA 9 anni fa (21 Ottobre 2011 20:38)

    davvero,ILARIA... mah!!
    Rispondi a ELEONORA Commenta l’articolo

  8. Avatar di Anna v

    Anna v 9 anni fa (21 Ottobre 2011 20:49)

    @Ilaria mi fai morire! Mi spiace perché costui stara' via per piu' di un mese.. Dovrebbe starsene via 20 anni! Mi hai fatto ridere... Maria, non voglio essere irrispettosa ma scappa da certe persone... Non daranno mai un sano equilibrio...
    Rispondi a Anna v Commenta l’articolo

  9. Avatar di Aliyah

    Aliyah 9 anni fa (21 Ottobre 2011 21:05)

    Bice, ma solo una settimana fa dicevi convintissima ed esauriente che la tua situazione ti andava bene così com'era... che è successo? Per le altre ragazze impelagate con persone emotivamente non disponibili: vi caricate il peso della conquista di ciò che credete sia un "privilegio" con zavorre di risentimento e disistima. Quando aprirete gli occhi? Leggetevi come foste esterne a voi stesse: concedete la vostra preziosa compagnia ed il vostro prezioso corpo in cambio di...? A questo solo voi potete rispondere e comprendere se lo scambio sia equo o ci sia uno squilibrio di fondo. E' questo ciò che volete per voi stesse?
    Rispondi a Aliyah Commenta l’articolo

  10. Avatar di Bice

    Bice 9 anni fa (21 Ottobre 2011 22:07)

    @ Aliyah: succede che hai fiducia e pensi che le cose vadano in un certo modo, invece no... succede che anche se non ti fidi vorresti poterti fidare, succede che senti che per te potrebbe essere di più e l'atro invece fa promesse che non mantiene. Succede che capisci che è la solita storia, che non c'è reciprocità, che tu sei arrivata ad un certo punto e lui no... e riconosci certi comportamenti. Allora... basta. E poi... è normale che le cose nel tempo evolvano, no? Dunque, in una settimana si sono evolute e ho realizzato alcune cose. Un w-e di relax, sola con me stessa, me le ha fatte capire. Tutto qua! Ma sono comunque felice e realizzata... sono soddisfatta di me e della mia scelta. Non guardo alla buca in cui ho rischiato di cadere, ma al fatto che ne sono fuori e ho capito qualcosa di più... :-)
    Rispondi a Bice Commenta l’articolo

  11. Avatar di Elena

    Elena 9 anni fa (22 Ottobre 2011 2:13)

    Aliyah, hai perfettamente ragione. Il tuo è un ottimo invito a riflettere ed è bello che non esprimi giudizi ne incaselli le persone in aggettivi che risultano sempre molto riduttivi per il vissuto che ognuno ha alle spalle. ...troppo coinvolgimento o fragilità potrebbero essere giustificazioni ai fallimenti o cadute , mi auguro di raggiungere il giusto distacco emotivo per potermi guardare alle spalle e vedere i miei errori come parte del cammino verso il mio obbiettivo, magari senza tanto accanimento questa volta :).
    Rispondi a Elena Commenta l’articolo

  12. Avatar di ELEONORA

    ELEONORA 9 anni fa (22 Ottobre 2011 9:07)

    difatti,ALIYAH,preferisco non legarmi ed avere solo rapporti di collaborazione-amicizia: il primo,pur avendolo capito,non si arrende... il terzo,ci spera con tutte le sue forze,sempre...e si sente. io,dal primo,ho preso definitivamente le distanze emotive;dal terzo,a breve,quelle lavorative.il perchè è facile intuirlo:è pericoloso per me.ieri,ho iniziato a muovermi in tal senso...son stata durissima ma occorre esserlo x il bene di tutti.certi comportamenti li potrà capire molto dopo con un pò di maturità in+,che non possiede ancora.
    Rispondi a ELEONORA Commenta l’articolo

  13. Avatar di Lily

    Lily 9 anni fa (22 Ottobre 2011 13:47)

    Ilaria : non so il motivo...non lo capisco.... è così difficile trovare un ragazzo ma prima di tutto un amico???
    Rispondi a Lily Commenta l’articolo

  14. Avatar di ilariacardani

    ilariacardani 9 anni fa (22 Ottobre 2011 14:18)

    @ Bice: dici bene, le persone evolvono e le relazioni evolvono. Dici che finora non hai sentito il bisogno di "progettualità". Può darsi che tu non lo senta mai e può darsi che un giorno ti succeda di sentirlo. Può darsi anche che un giorno vedendo qualcuno che fa smorfie da un passeggino ti domandi: "ma da dove saltano fuori quegli esserini lì?" e ti documenti su come si fa a farli (e quali progetti ci stanno dietro), oppure può darsi che quel che ne sai adesso ti basti per la vita. La nostra vita sentimentale, la nostra vita di relazione e le nostra vita sessuale è (e soprattutto deve essere) proiezione della nostra evoluzione personale. E in quanto tale tagliarsi su misura su ciascuno di noi. Quanto a quelli che alcuni definiscono "trombamici" (una volta erano chiamati semplicemente "amanti" e il cambiamento di definizione la dice molto lunga sul cambiamento di costumi e, ahimé, sulla confusione dei ruoli) talvolta - sottolineo "talvolta" - sanno molto di soluzione di comodo e di pigrizia...
    Rispondi a ilariacardani Commenta l’articolo

  15. Avatar di ilariacardani

    ilariacardani 9 anni fa (22 Ottobre 2011 14:35)

    @ Lily: uh! Hai tirato fuori un argomento davvero importante. Si tratta di una trappola in cui molti cadono (per la verità in prevalenza gli uomini rispetto alle donne). E' vero, come abbiamo detto sopra, che l'amicizia è un ingrediente fondamentale di una relazione d'amore riuscita. Ma non è l'amicizia il punto di partenza di una relazione e non ne è nemmeno la base. Una relazione di coppia, una relazione sentimentale, ha come suo punto di partenza e come sua caratteristica definita l'erotismo, l'attrazione sessuale, la tensione dei sensi tra due persone. Molti cercano l'amicizia perché temono in qualche modo di essere coinvolti a livello sentimentale e sessuale o, soprattutto, hanno paura del rifiuto. E' necessario non fare confusione tra amicizia e amore. Ed è davvero sbagliato cercare l'amore partendo dall'amicizia. Sennò succede proprio quello che succede a te. L'amore presuppone il fatto che ci si metta in gioco in modo più ampio ed esteso dell'amicizia. L'amore soprattutto presuppone un ambito di intimità che l'amicizia non richiede. Ecco, io ho l'impressione che tu cerchi e parli di amicizia perché in qualche modo hai paura dell'amore...
    Rispondi a ilariacardani Commenta l’articolo

  16. Avatar di maria

    maria 9 anni fa (22 Ottobre 2011 14:35)

    @Ilaria, tutte, non l'ho contattato, sono dinuovo inchiodata al terreno, giro giro e non faccio nulla. per paura di ricervere un rifiuto ....... ancora una volta non mi muovo e non prendo ciò che voglio. in questo momento ho voglia di sesso e forse sotto questa voglia si cela il bisogno di evitare che lui vada con altre ....... la mia anima piange. credo che una vera donna non si farebbe tanti problemi, seghe mentali sul come, se, quando eccc.... si prendebbe ciò che vuole e sarebbe lei a sparire!!! lei, la vera donna, verrebbe prima di tutti!!!! è lei a condurre il gioco. io credo che noi ci facciamo troppe seghe mentali..... perchè è così difficile uscire dal ruolo che ci siamo costruite addosso? una mia amica, adorabile, dice che per il mio aspetto fisico potrei avere tutti gli uomini in pugno. perchè questo cavolo di mio atteggiamento mentale non cambia????? @ Riccardo è vero troppi problemi ...... bisogna imparare ad essere onesti con se stessi, sapere ciò che si vuole e agire di conseguenza senza avere paura del rifiuto altrui. è questo vale anche per te. sei sempre così ermetico, ma pronto a dare pillole di saggezza che, in alcuni casi, appaiono offese, dimmi di te voglio capire meglio @Bice grazie
    Rispondi a maria Commenta l’articolo

  17. Avatar di ilariacardani

    ilariacardani 9 anni fa (22 Ottobre 2011 14:44)

    @ Maria: il tuo atteggiamento mentale non cambia perché tu non hai una buona opinione di te (si dice anche: "una buona autostima"). Non deve essere la tua amica - di sicuro adorabile, ma più probabilmente obiettiva e distaccata - a dirti che potresti avere tutti gli uomini in pugno. Devi essere tu. E vedrai che quando lo fai, smetti di perdere tempo con i pagliacci. Un abbraccio
    Rispondi a ilariacardani Commenta l’articolo

  18. Avatar di Bice

    Bice 9 anni fa (22 Ottobre 2011 14:58)

    @ Maria... boh, io mi sono presa molti uomini... Ci ho fatto sesso quando ne avevo voglia, li ho mollati se non lo sapevano fare... Con qualcuno ho giocato, con qualcuno ho ingaggiato lotte all'ultimo sangue, a chi controllava meglio l'altro, a chi, fuggendo, si faceva inseguire di più... ho condotto e vinto battaglie sulla base di strategie calcolate ad hoc sull'uomo di turno. Ho fatto la preziosa, ho saputo farmi corteggiare senza dare nulla... ho usato le persone. Ho fatto tutto questo e ho fatto e mi sono fatta solo un gran male! Non credo proprio di essere stata una vera donna, se mai una vera stronza, una vera vigliacca o una persona che non sapeva dove sbattere la testa, fredda e distaccata, che non ci ha guadagnato assolutamente nulla. (per essere obiettiva e non dura con me stessa). Non capisco perché voler emulare un atteggiamento simile, che parla di problemi che pare tu non abbia. Forse - anzi sicuramente - se sei te stessa ci guadagni. Mi pare che il tuo cuore e la tua testa funzionino bene a tenerti lontana da certe condotte... Non capisco cosa devi dimostrare e a chi... di essere dura e fredda? Mi pareva di avere detto che nessuno cerca davvero solo sesso, secondo me. Si cerca altro e nel modo sbagliato. Ora io non capisco perché vuoi andare in quella direzione. Un conto è l'autonomia, un conto è il volersi per forza calare in panni che non sono i tuoi e non sono nemmeno così invidiabili. Ma sì, ci può pure essere la volta che ti fai una notte di sesso e basta, sesso per sesso... ma non mi pare il caso del tuo rapporto con quest'uomo. Se proprio ti vuoi togliere lo sfizio del sesso occasionale, fai che sia solo quello: occasionale e non all'interno di una relazione con bisogni diversi (tuoi ma pure suoi) che saltano fuori da tutte le parti... Sorridi al primo che ti guarda in un certo modo, fagli capire che ci stai e in un paio d'ore avrai provato questa esperienza...
    Rispondi a Bice Commenta l’articolo

  19. Avatar di Bice

    Bice 9 anni fa (22 Ottobre 2011 14:59)

    @ Ilaria: grazie e buon w-e!
    Rispondi a Bice Commenta l’articolo

  20. Avatar di Rosita

    Rosita 9 anni fa (22 Ottobre 2011 15:04)

    @Ilaria, scusa se la nostra vita sentimentale, è proiezione della nostra evoluzione personale, io e le altre ragazze di questo blog che siamo state ferite, deluse, perchè non era la persona giusta per noi, abbiamo investito sulla persona sbagliata, non abbiamo ancora raggiunto questa evoluzione, la nostra insicurezza, il nostro bisogno d'amore, ci hanno guidato nella direzione sbagliata....
    Rispondi a Rosita Commenta l’articolo