Come comportarsi con un uomo che ha paura di impegnarsi

come comportarsi con un uomo che ha paura di impegnarsiCome comportarsi con un uomo che ha paura di impegnarsi?

“Perché lui non vuole impegnarsi con me?”

Ahimé, questa domanda tormenta moltissime donne, torna e ritorna nelle loro menti e magari nelle conversazioni e negli sfoghi con le amiche, senza ottenere mai una risposta convincente.

Allora, come accipicchia si fa?

Continuare a sopportare l’insonnia tormentosa girandosi e rigirandosi nel letto, prima di riuscire ad addormentarsi, in cerca di una risposta che non si trova?

Dobbiamo per forza pensare che un uomo che non vuole impegnarsi sia un uomo inaffidabile, approfittatore, che sta in questo rapporto solo in attesa che passi un altro treno (cioè che incontri una donna che lo liberi dalle sue inibizioni e che lo convinca a vivere una relazione seria e stabile)?

Vero è che ci sono dei momenti in cui questa domanda brucia di più.

Per esempio quando sei è invitata, insieme al tuo partner a mezzo servizio, al matrimonio della vecchia amica che pareva non trovare mai un compagno degno di questo nome e ora si sposa con un uomo che la ama e che vuole costruire una famiglia con lei.

Oppure quando incroci due conoscenti che si frequentano da poco e sono già innamoratissimi e legatissimi.

E lui non vede l’ora di fare coppia, chiama lei la “mia fidanzata” e non ha paura di parlare di rapporto serio e duraturo.

Per non dire poi di quelle situazioni “addiaccianti”, nelle quali tu, esasperata da tanta indecisione, cerchi di affrontare il discorso con lui facendogli domande del tipo: “Scusa, ma dal tuo punto di vista, dove stiamo andando noi due come coppia? Ci possiamo definire davvero una coppia? Una coppia con progetti per il futuro?”

E lui ti gela con le solite frasi evitanti e perentorie: “Non me la sento di parlare di questo argomento adesso, per favore, evita!” o “Smettila di mettermi pressione, mi opprimi con queste domande. Perché lo fai? Mi sembra che mi perseguiti.”

Perché lui non si decide?

Quali sono le vere ragioni per cui l’uomo che frequenti è così lento nel fare il “prossimo passo” nella relazione o addirittura così insofferente ad affrontare l’argomento?

Come spesso accade ci sono due facce della medaglia.

Suppongo che adesso tu stia pensando: “Che cosa mi stai dicendo Ilaria?!?”

“Vuoi farmi intendere che non si tratta della sua paura di impegnarsi, dei suoi turbamenti interiori, della sua mancanza di coraggio nelle faccende sentimentali e della sua resistenza ad affrontare la vita in modo adulto, resistenza che, per il momento, non è ancora riuscito a superare?”

In effetti il succo del messaggio che ti voglio inviare è proprio questo.

È vero, ci sono uomini che per molte ragioni legate alla loro emotività e alla loro storia personale, che hanno un’autentica paura di impegnarsi in una relazione.

Allo stesso tempo è altrettanto vero che, anche se in modo più o meno inconscio, molti uomini usano la “paura” come scusa.

Ti era venuto il sospetto, nevvero? 😉

E allora qui veniamo alla domanda chiave: come comportarsi con un uomo che ha paura di impegnarsi?

Come comportarsi con un uomo che ha paura di impegnarsi

Diciamo intanto che le persone fanno e ci fanno ciò che permettiamo loro di fare e di farci.

Se un uomo non vuole impegnarsi e dice che ha paura di impegnarsi, magari dopo qualche mese che vi frequentate (non qualche giorno!), è ora di assumere dei comportamenti di reazione “coerenti” con il suo.

Quali possono essere comportamenti “coerenti”, cioè che rispondono meglio al suo atteggiamento?

Ti propongo 7 passi per mettere a fuoco la tua situazione e scegliere che cosa fare.

1 Valuta se un uomo del genere davvero ti interessa.

Sia che abbia reale “paura” di impegnarsi, sia che se e te la racconti, sei davvero sicura di voler resistere in una situazione del genere, senza progetti o programmi per il futuro?

Forse non sarebbe meglio che tu cominciassi a prendere le distanze o a guardarti seriamente intorno?

O  decidessi anche di lasciarlo?

2 Smetti del tutto di affrontare la questione e in qualche modo ridurre gli scambi con lui.

Avventura o amore vero? Scopri se la relazione che stai vivendo è una storiella temporanea o è destinata a durare nel tempo...

Il silenzio, insieme a fatti concreti, vale più di mille parole.

Se hai tentato spesso di affrontare l’argomento, non ottenendo nessun risultato, come dicevamo sopra, allora lascialo stare del tutto.

Lascia andare anche la pretesa di trattarlo come il tuo partner o fidanzato ufficiale.

Magari addirittura in pubblico presentalo come un “amico”.

Perché dovresti fare tutto ciò?

Perché è necessario prendere in mano le redini delle situazioni nelle quali si è immerse e non lasciarle sempre agli altri (a lui in questo caso).

Non vuole impegnarsi?

Molto bene, tu prendi sul serio quello che fa e che dice (o che evita di fare e di dire) e, oltre a riprenderti il potere di scelta, che non spetta solo a lui, sia chiaro, gli invii il messaggio che rischia di perderti e che tu non hai nessuna paura di perderlo.

Magari gli mancherà la terra sotto i piedi. Chi può dirlo?

3 Non sei convinta di quello che ti ho detto? Pensa un po’ come sarebbe la tua vita se non provassi quella perenne agitazione e quell’ansia per il tuo futuro sentimentale e per le decisioni che lui potrebbe eventualmente prendere.

Ti piace davvero essere “tra color che son sospesi”? Le sue presunte paure sono più importanti delle tue?

Ascoltare le tue esigenze e importi, è un atteggiamento che ti rafforza come donna e rafforza la tua immagine davanti agli altri, lui compreso

Patti chiari, amicizia lunga

4 Prendi una posizione netta che dimostri con i fatti che tu vuoi una relazione seria, se no, niente. Ne fai anche a meno.

In questo modo elimini qualsiasi ambiguità tra di voi e può succedere che anche lui esca allo scoperto, “rivelando” quello che intende davvero fare. Che potrebbe essere concludere la relazione.

È un rischio che tu probabilmente hai molta paura di correre ed è anche vero che perdere (il tuo) tempo è la scelta peggiore.

5 Rifacendoci al punto precedente, considera che una volta fatta chiarezza sulle tue intenzioni e sui tuoi desideri, potrebbe essere molto facile capire davvero che cosa vuole lui da una donna e da una storia.

Non puoi metterti nella posizione di sentirti dire: “Eh, io avevo capito che a te andasse bene così…”

È necessario che tu ti metta nella posizione di capire senza alcun dubbio che intenzioni ha.

Non sei una bambola di pezza che si prende e si mette giù…

6 Una volta che vi siete chiariti e (finalmente) ne avete parlato apertamente, mettetevi d’accordo su quali sono i tempi per procedere verso i prossimi passi: un fidanzamento, una convivenza, il matrimonio, se lo desiderate, e dei figli.

Se tu hai intenzione di realizzare una coppia salda e duratura non puoi “navigare a vista”.

Questo sia nel caso che tu desideri un matrimonio e dei figli, sia che tu, per varie ragioni o perché magari di figli ne hai già e sei in età pienamente adulta, non hai intenzione di avere dei figli.

In altre parole: al giorno d’oggi si possono iniziare storie soddisfacenti anche in età matura e dopo aver realizzato già alcuni obiettivi.

Ebbene, anche in questo caso, non è opportuno procedere senza darsi dei termini e definire limiti e confini.

Il pericolo è quello di rimanere con un pugno di mosche.

7 È necessario che tu sia sempre pronta e disposta a concludere la storia qualora le cose non andassero nella direzione che preferisci.

Perché non è proprio il caso di essere l’ostaggio di nessuno, per nessuna ragione.

Ecco come comportarsi con un uomo che ha paura di impegnarsi.

 

Lascia un Commento!

17 Commenti

  1. Avatar di Giada

    Giada 2 mesi fa (20 Settembre 2021 18:55)

    Grazie ho letto ora i commenti precedentiperche stavo lavando. Forse mi sono espressa male nel senso che io non cerco il suo saluto, se lo incrocio per caso e mi saluta ricambio altrimenti, anche quando si pavoneggia o lo intercetto da lontano evito assolutamente. Di sicuro non cerco il contatto con un pira simile anche perché mi suscita un’ansia terribile. Non ho scritto per parlare di lui anche se un preambolò andava fatto, ma per chiedere un parere esterno in un luogo che mi sembra giustissimo su quelle che erano le mie perplessità su alcune considerazioni di amiche. Mi hanno lasciato più basita quelle di lui, poi ho divagato mi rendo conto. Chiedevo solo ad Ilaria se potevo fidarmi del mio istinto e ho avuto risposta. Ma comprendo che io per prima sbaglio ad avere dubbi nel dubitare di una mia scelta, non so se mi sono spiegata. È anche vero che il mondo è vario e ciò che è giusto per me magari per un’altra persona lo è. Che devo fidarmi del mio istinto e che non devo avere paura di scegliere per me stessa e di scegliere il meglio, e questo blog mi aiuta molto in questo.
    Rispondi a Giada Commenta l’articolo

  2. Avatar di Giada

    Giada 2 mesi fa (19 Settembre 2021 21:43)

    Buonasera Ilaria, colgo il suo invito a scrivere questa breve esperienza di modo che possa essere utile al suo blog e ai lettori. Le scrivo perché ci terrei ad avere una sua impressione su un fatto capitatomi di recente. Leggo spesso il suo blog, anche se non sono mai intervenuta e mi trovo sempre in linea con i suoi pensieri. Cercherò di essere breve: Recentemente ho annullato un appuntamento (il primo) con un ragazzo, perché il suo comportamento non mi piaceva. Ci siamo scritti per circa un mese, dire sentito sarebbe un eufemismo perché non mi ha mai chiesto il numero di telefono e rispondeva sempre dopo giorni (io rispecchiavo il suo comportamento), era molto difficile instaurare una “conversazione” in questa maniera. Pensai di non piacergli tant\'è che smisi ad un certo punto anche di rispondergli, ma con una scusa lui mi ricontattò ma il suo comportamento non cambiò (le risposte erano sempre latenti. Le conversazioni avvenivano su Instagram). Una sera si presentò in negozio dove lavoro (vive accanto al mio posto di lavoro) parlammo del più e del meno, mi chiese a che ora chiudevo aggiungendo che sarebbe passato a salutarmi, ma invece mi inviò un messaggio dicendomi che non avrebbe fatto in tempo, ma che avrebbe avuto piacere ad invitarmi per un aperitivo. Non nego che mi piacesse (esteticamente, personalmente non sapevo nulla!) quindi accettai, ma il suo atteggiamento mi lasciava perplessa. Anche dopo l’invito il suo comportamento continuò ad essere lo stesso, rispondeva dopo un giorno o due e divenne difficile accordarsi. Ne conseguì la totale perdita di interesse da parte mia e un discreto innervosimento, così la mattina stessa gli scrissi un messaggio annullando l’appuntamento augurandogli di leggere il messaggio in tempo considerando che aveva l’abitudine di rispondere dopo giorni perché non volevo tirargli un bidone (anche se forse se lo meritava). Con grande sorpresa rispose dopo un’ora. Un tempo accettabile considerando che siano adulti con un lavoro ed una vita. So che avrei dovuto fermarmi ai primi cenni di questo comportamento, ma mi aveva colpito inizialmente. Quello che però mi ha calpito fu il commento di qualche amica (non tutte, alcune appoggiavano la mia scelta). Lo definirono di valore, anzi usarono testuali parole “conosce il suo valore”, quindi avrei dovuto assecondare il suo comportamento e dargli una possibilità, definendo il mio atteggiamento troppo duro. Perché dovevo aver voglia di passare del tempo con una persona che non sembrava avere cinque minuti da dedicarmi anche solo per rispondermi? Io non ne ho di valore? Sono veramente stata troppo dura nel rispettare il mio sentire? Ho fatto davvero un errore di valutazione? Grazie per il suo tempo è il suo lavoro.
    Rispondi a Giada Commenta l’articolo

    • Avatar di Ilaria Cardani

      Ilaria Cardani 2 mesi fa (19 Settembre 2021 22:52)

      Esattamente, cara Giada, non so se lui conosca il proprio valore, soprattutto ho grossi dubbi che abbia un valore particolare. So che lei conosce il suo e deve sempre averlo presente. Credo che faccia un errore di valutazione nel considerare amiche quelle persone che le hanno detto che lui conosce il proprio valore e che lei è stata troppo dura. Le donne non sono alla mercé degli uomini, quelle sue "amiche" non sanno nulla di questo bellimbusto. Perché dicendo che "conosce il suo valore" danno per scontato che abbia un valore, ma non possono proprio esprimere un tale giudizio giacché mi risulta che o non lo conoscano o lo conoscano poco, se non che l'unica cosa certa che sanno è che è un uomo e questo, ahimé, può far perdere il senno ad alcuni tipi di donne. In più mi fa sorridere l'idea che lei sia stata troppo dura con lui. Gli uomini non sono scolari di scuola elementare, che vanno educati alternando indulgenza e irremovibilità. Sono persone alla pari, ci si augura adulte con le quali ci si rapporta in modo adulto. Ho più la sensazione che questo signore sia il tipico soggetto che fa "pesca a strascico", cioè corteggia varie donne nello stesso momento, a tempo perso, per riempire all'occorrenza buchi nella propria agenda.
      Rispondi a Ilaria Cardani Commenta l’articolo

    • Avatar di Giada

      Giada 2 mesi fa (19 Settembre 2021 23:48)

      Grazie Ilaria per Ilaria! Esattamente come dice lei, avevo l’impressione di essere un oggetto più che una persona. Se quella sera ci fossi stata io o chiunque altro per lui era indifferente. Mi sembrava anche che ostentasse un atteggiamento da figo super figo/irraggiungibile. Alternava momenti di dolcezza/carinerie a momenti di distacco e Scostanza, con risposte stringate, così giusto per darmi un contentino. Ovviamente ho “pagato” e sto pagando caro il mio rifiuto perché il signore ha e continua a fare di tutto per mettersi in mostra sbattendomi in faccia tutto quello/e che può avere. Non colgo le provocazioni, faccio un respiro profondo e tiro dritto per la mia strada. Lui di riflesso cerca sempre un riavvicinamento per riguadagnarsi il terreno credo e ripulire l’immagine negativa che ha lasciato in precedenza. Il vecchio gioco della carota e bastone in sostanza. La mia risposta è la fuga ogni volta. Al massimo ricambio il saluto ma solo per non far fare brutta figura ai miei genitori. Però non capisco cosa intende con l’espressione “questo è un uomo ed è sufficiente a far perdere la testa ad alcuni tipi di donne”
      Rispondi a Giada Commenta l’articolo

    • Avatar di Ilaria Cardani

      Ilaria Cardani 2 mesi fa (20 Settembre 2021 8:02)

      Oddio, pessimo soggetto. Ma come, non si accorge che certe donne ritengono gli uomini superiori e di fronte a un uomo perdono la testa? Su, su, usi un po’ di spirito di osservazione e di spirito critico e si accorgerà che ci sono molte donne "teste vuote", educate, ancora, purtroppo, a mettere un uomo purchessia su un piedistallo.
      Rispondi a Ilaria Cardani Commenta l’articolo

    • Avatar di Livia

      Livia 2 mesi fa (20 Settembre 2021 13:04)

      Questa cosa di non far fare brutta figura ai tuoi genitori non la capisco. Cosa c'entrano loro?
      Rispondi a Livia Commenta l’articolo

    • Avatar di Giada

      Giada 2 mesi fa (20 Settembre 2021 13:27)

      Ciao Livia. L’educazione me l’hanno insegnata. Se me lo trovo davanti, è capitato diverse volte visto che abita accanto al mio posto di lavoro ed in alcuni casi sono certa finga incontri casuali, lo saluto ma poi tiro dritto.
      Rispondi a Giada Commenta l’articolo

    • Avatar di Ilaria Cardani

      Ilaria Cardani 2 mesi fa (20 Settembre 2021 13:56)

      Francamente anch'io trovo strano tirare in ballo i genitori e per proprietà transitiva l'educazione che hanno insegnato. In ogni caso colgo già un motivo di possibile polemica, per cui chiedo di non parlare più, in questa sede di "buona educazione" e di genitori. Scusate, ogni tanto mi viene il sospetto che la funzione di questo blog e di questo spazio commenti non sia pienamente capita.
      Rispondi a Ilaria Cardani Commenta l’articolo

    • Avatar di Andreina

      Andreina 2 mesi fa (20 Settembre 2021 17:03)

      Dimentica l'educazione data dai tuoi e smetti definitivamente di salutarlo. Altrimenti è come se continuassi sempre ad averci un legame. Devi spezzare questo filo invisibile che vi tiene "uniti". Se non poni un freno, se non ti mostri assertiva(e quindi risoluta), lui penserà di poter fare sempre quello che gli pare. A me comunque suona tutto un po' malato, con lui che pare non avere una vita sua e coglie ogni occasione per mettersi in mostra e tu che gongoli ogni volta che lo incroci(anche se a tuo dire puntualmente tiri dritto)... Occhio che comunque da sfigato sborone a stalker è un attimo eh!
      Rispondi a Andreina Commenta l’articolo

    • Avatar di Giada

      Giada 2 mesi fa (20 Settembre 2021 20:09)

      Grazie Andreina ma a queste considerazioni ci ero arrivata anche io. Ti assicuro che non gongolo ed inizialmente mi sono chiesta io per prima se quella sensazione che sento quando lo vedo fosse attrazione o paura e ho capito che in realtà era il mio istinto a darmi il segnale di fuga è che avevo fatto la scelta giusta. Sposo in pieno il tuo pensiero ovvero che sia uno sfigato con un sacco di tempo libero e pure stalker che si sente Dio sceso in terra ma poi è sto cavolo. Grazie comunque
      Rispondi a Giada Commenta l’articolo

    • Avatar di Andreina

      Andreina 2 mesi fa (21 Settembre 2021 12:52)

      Scusami Giada, avevo capito che ti servisse un parere esterno, non che volessi solo raccontare ciò che ti è successo. Buona continuazione
      Rispondi a Andreina Commenta l’articolo

    • Avatar di Vic

      Vic 2 mesi fa (21 Settembre 2021 20:03)

      @Giada, ma dargli una possibilità, secondo le tue amiche, su che base? Si dà una possibilità a chi ci dimostra interesse, non all'uomo invisibile. "Conosce il suo valore", poi, non si può proprio sentire. Il ragionamento di quelle tue amiche o è contorto e un po' stupido o è in malafede, come osservato da Ilaria. Adesso se un tizio non mi fila di striscio, ha tempi biblici per rispondermi e comunicare con me e mi rifila buche, è perché "conosce il suo valore"? Non sarà, più plausibilmente, che gliene frega meno di niente di me? Vale la teoria del Rasoio di Occam: "Se sei per strada e senti un rumore di zoccoli dietro di te, non voltarti aspettandoti di vedere una zebra. Aspettati un cavallo". La tesi finale è: non gli interessi abbastanza, se a un uomo interessi il tempo per te lo trova. Postulato della tesi: lui è un narcisetto furbetto imbecilletto.
      Rispondi a Vic Commenta l’articolo

    • Avatar di AnnaV

      AnnaV 2 mesi fa (20 Settembre 2021 17:32)

      Magari è un posto dove grosso modo ci si conosce. "Siamo arrivati a buongiorno e buonasera", del resto, è un modo di dire che ha un preciso significato, nei piccoli centri, nei quartieri o nei condomini (a volte anche nelle famiglie).
      Rispondi a AnnaV Commenta l’articolo

    • Avatar di LallaC

      LallaC 2 mesi fa (20 Settembre 2021 17:53)

      Salutarlo o meno credo sia un dettaglio (anche se io sono a favore del saluto rapido ed indifferente). Quello che mi sembra però è che tu gli stia dando troppa importanza dentro di te. Anche il suo mettersi in mostra non è detto sia diretto a te, probabilmente lo fa a beneficio di chiunque lo voglia guardare. Pensa ad altro
      Rispondi a LallaC Commenta l’articolo

    • Avatar di Alice

      Alice 2 mesi fa (21 Settembre 2021 11:46)

      Ciao Giada, sono d'accordo, ha fatto benissimo. Leggendo il suo commento ho notato questo dettaglio: "..gli scrissi un messaggio annullando l’appuntamento augurandogli di leggere il messaggio.. perché non volevo tirargli un bidone". Non sono nessuno e mi scuso in anticipo se scrivo un'ovvietá. Secondo me nel momento di togliersi da una situazione di questo tipo é meglio non fornire indizi sulle proprie ragioni o sul pattern che si é osservato nel personaggio in questione. Capisco che parole come queste possono derivare da un misto di irritazione e senso di scrupolo. Ma é meglio tenersi tutto per sé, addurre con leggerezza delle scuse qualsiasi e usare poche parole. Probabilmente persone di questo tipo andranno alla deriva verso altri lidi - che tanto ne hanno molti - senza ulteriori seccature.
      Rispondi a Alice Commenta l’articolo

  3. Avatar di Angela

    Angela 2 settimane fa (22 Novembre 2021 16:22)

    Sto frequentando un ragazzo (lui 27, io 24). Ci conosciamo da un paio di mesi, ci siamo conosciuti di persona, ci siamo scambiati il numero e abbiamo iniziato ad uscire. Le nostre uscite sono sempre state molto belle: siamo entrati in confidenza anche su questioni più personali (senza scendere troppo in profondità), tanto che lui mi ha detto che l’ho preso molto di testa, che sono giusta per una relazione. Si è mostrato molto caldo, ha spesso cercato contatto fisico e mi ha presa per mano dopo poche uscite. Tra di noi c’è stato anche un approccio fisico al di là dei baci, ma non abbiamo avuto un rapporto completo. In questo periodo ci siamo visti più o meno 1 volta a settimana (causa distanza e vari impegni), e ci siamo sentiti circa un giorno si e uno no. Lui ha avuto una relazione di 7 anni e si è lasciato un anno e mezzo fa, nel mentre qualche frequentazione. L’altra sera mi dice che ha pensato a noi, al fatto che gli sembra una cosa seria, e che ha paura delle relazioni, perché lui non si innamora. Forse non è stato mai innamorato della sua ex. Io gli dico che ora vorrei solo vivere dei bei momenti con una persona, conoscerlo senza pressione e senza pensare alla relazione, perché stiamo bene insieme e abbiamo tantissimi interessi e idee in comune e questo mi spinge a voler approfondire. Gli dico che anche io ho paura, ma possiamo provarci credendoci, così almeno per il tempo che passeremo insieme possiamo darci qualcosa. Detto ciò, lui non si fa sentire per due giorni e non era mai successo prima. Un chiaro passo indietro. Sono confusa… Mi aiuteresti a fare chiarezza?
    Rispondi a Angela Commenta l’articolo

    • Avatar di Ilaria Cardani

      Ilaria Cardani 2 settimane fa (22 Novembre 2021 17:06)

      Ciao Angela, siccome sei giovane ti dico di non perdere i tuoi anni migliori con uno che ti dice che ha pensato a voi, che ha paura delle relazioni e che non si innamora. Terribile, non trovi? Umiliante e offensivo, Se tu avessi 30 anni di più ti direi di non perdere i tuoi anni migliori con uno che ti dice che ha pensato a voi, che ha paura delle relazioni e che non si innamora. Terribile, non trovi? Umiliante e offensivo,
      Rispondi a Ilaria Cardani Commenta l’articolo