Come comportarsi con un uomo che ha paura di impegnarsi

come comportarsi con un uomo che ha paura di impegnarsiCome comportarsi con un uomo che ha paura di impegnarsi?

“Perché lui non vuole impegnarsi con me?”

Ahimé, questa domanda tormenta moltissime donne, torna e ritorna nelle loro menti e magari nelle conversazioni e negli sfoghi con le amiche, senza ottenere mai una risposta convincente.

Allora, come accipicchia si fa?

Continuare a sopportare l’insonnia tormentosa girandosi e rigirandosi nel letto, prima di riuscire ad addormentarsi, in cerca di una risposta che non si trova?

Dobbiamo per forza pensare che un uomo che non vuole impegnarsi sia un uomo inaffidabile, approfittatore, che sta in questo rapporto solo in attesa che passi un altro treno (cioè che incontri una donna che lo liberi dalle sue inibizioni e che lo convinca a vivere una relazione seria e stabile)?

Vero è che ci sono dei momenti in cui questa domanda brucia di più.

Per esempio quando sei è invitata, insieme al tuo partner a mezzo servizio, al matrimonio della vecchia amica che pareva non trovare mai un compagno degno di questo nome e ora si sposa con un uomo che la ama e che vuole costruire una famiglia con lei.

Oppure quando incroci due conoscenti che si frequentano da poco e sono già innamoratissimi e legatissimi.

E lui non vede l’ora di fare coppia, chiama lei la “mia fidanzata” e non ha paura di parlare di rapporto serio e duraturo.

Per non dire poi di quelle situazioni “addiaccianti”, nelle quali tu, esasperata da tanta indecisione, cerchi di affrontare il discorso con lui facendogli domande del tipo: “Scusa, ma dal tuo punto di vista, dove stiamo andando noi due come coppia? Ci possiamo definire davvero una coppia? Una coppia con progetti per il futuro?”

E lui ti gela con le solite frasi evitanti e perentorie: “Non me la sento di parlare di questo argomento adesso, per favore, evita!” o “Smettila di mettermi pressione, mi opprimi con queste domande. Perché lo fai? Mi sembra che mi perseguiti.”

Perché lui non si decide?

Quali sono le vere ragioni per cui l’uomo che frequenti è così lento nel fare il “prossimo passo” nella relazione o addirittura così insofferente ad affrontare l’argomento?

Come spesso accade ci sono due facce della medaglia.

Suppongo che adesso tu stia pensando: “Che cosa mi stai dicendo Ilaria?!?”

“Vuoi farmi intendere che non si tratta della sua paura di impegnarsi, dei suoi turbamenti interiori, della sua mancanza di coraggio nelle faccende sentimentali e della sua resistenza ad affrontare la vita in modo adulto, resistenza che, per il momento, non è ancora riuscito a superare?”

In effetti il succo del messaggio che ti voglio inviare è proprio questo.

È vero, ci sono uomini che per molte ragioni legate alla loro emotività e alla loro storia personale, che hanno un’autentica paura di impegnarsi in una relazione.

Allo stesso tempo è altrettanto vero che, anche se in modo più o meno inconscio, molti uomini usano la “paura” come scusa.

Ti era venuto il sospetto, nevvero? 😉

E allora qui veniamo alla domanda chiave: come comportarsi con un uomo che ha paura di impegnarsi?

Come comportarsi con un uomo che ha paura di impegnarsi

Diciamo intanto che le persone fanno e ci fanno ciò che permettiamo loro di fare e di farci.

Se un uomo non vuole impegnarsi e dice che ha paura di impegnarsi, magari dopo qualche mese che vi frequentate (non qualche giorno!), è ora di assumere dei comportamenti di reazione “coerenti” con il suo.

Quali possono essere comportamenti “coerenti”, cioè che rispondono meglio al suo atteggiamento?

Ti propongo 7 passi per mettere a fuoco la tua situazione e scegliere che cosa fare.

1 Valuta se un uomo del genere davvero ti interessa.

Sia che abbia reale “paura” di impegnarsi, sia che se e te la racconti, sei davvero sicura di voler resistere in una situazione del genere, senza progetti o programmi per il futuro?

Forse non sarebbe meglio che tu cominciassi a prendere le distanze o a guardarti seriamente intorno?

O  decidessi anche di lasciarlo?

2 Smetti del tutto di affrontare la questione e in qualche modo ridurre gli scambi con lui.

Avventura o amore vero? Scopri se la relazione che stai vivendo è una storiella temporanea o è destinata a durare nel tempo...

Il silenzio, insieme a fatti concreti, vale più di mille parole.

Se hai tentato spesso di affrontare l’argomento, non ottenendo nessun risultato, come dicevamo sopra, allora lascialo stare del tutto.

Lascia andare anche la pretesa di trattarlo come il tuo partner o fidanzato ufficiale.

Magari addirittura in pubblico presentalo come un “amico”.

Perché dovresti fare tutto ciò?

Perché è necessario prendere in mano le redini delle situazioni nelle quali si è immerse e non lasciarle sempre agli altri (a lui in questo caso).

Non vuole impegnarsi?

Molto bene, tu prendi sul serio quello che fa e che dice (o che evita di fare e di dire) e, oltre a riprenderti il potere di scelta, che non spetta solo a lui, sia chiaro, gli invii il messaggio che rischia di perderti e che tu non hai nessuna paura di perderlo.

Magari gli mancherà la terra sotto i piedi. Chi può dirlo?

3 Non sei convinta di quello che ti ho detto? Pensa un po’ come sarebbe la tua vita se non provassi quella perenne agitazione e quell’ansia per il tuo futuro sentimentale e per le decisioni che lui potrebbe eventualmente prendere.

Ti piace davvero essere “tra color che son sospesi”? Le sue presunte paure sono più importanti delle tue?

Ascoltare le tue esigenze e importi, è un atteggiamento che ti rafforza come donna e rafforza la tua immagine davanti agli altri, lui compreso

Patti chiari, amicizia lunga

4 Prendi una posizione netta che dimostri con i fatti che tu vuoi una relazione seria, se no, niente. Ne fai anche a meno.

In questo modo elimini qualsiasi ambiguità tra di voi e può succedere che anche lui esca allo scoperto, “rivelando” quello che intende davvero fare. Che potrebbe essere concludere la relazione.

È un rischio che tu probabilmente hai molta paura di correre ed è anche vero che perdere (il tuo) tempo è la scelta peggiore.

5 Rifacendoci al punto precedente, considera che una volta fatta chiarezza sulle tue intenzioni e sui tuoi desideri, potrebbe essere molto facile capire davvero che cosa vuole lui da una donna e da una storia.

Non puoi metterti nella posizione di sentirti dire: “Eh, io avevo capito che a te andasse bene così…”

È necessario che tu ti metta nella posizione di capire senza alcun dubbio che intenzioni ha.

Non sei una bambola di pezza che si prende e si mette giù…

6 Una volta che vi siete chiariti e (finalmente) ne avete parlato apertamente, mettetevi d’accordo su quali sono i tempi per procedere verso i prossimi passi: un fidanzamento, una convivenza, il matrimonio, se lo desiderate, e dei figli.

Se tu hai intenzione di realizzare una coppia salda e duratura non puoi “navigare a vista”.

Questo sia nel caso che tu desideri un matrimonio e dei figli, sia che tu, per varie ragioni o perché magari di figli ne hai già e sei in età pienamente adulta, non hai intenzione di avere dei figli.

In altre parole: al giorno d’oggi si possono iniziare storie soddisfacenti anche in età matura e dopo aver realizzato già alcuni obiettivi.

Ebbene, anche in questo caso, non è opportuno procedere senza darsi dei termini e definire limiti e confini.

Il pericolo è quello di rimanere con un pugno di mosche.

7 È necessario che tu sia sempre pronta e disposta a concludere la storia qualora le cose non andassero nella direzione che preferisci.

Perché non è proprio il caso di essere l’ostaggio di nessuno, per nessuna ragione.

Ecco come comportarsi con un uomo che ha paura di impegnarsi.

 

Lascia un Commento!