Single shaming: che cos’è e come fregarsene

single shamingChe cos’è il single shaming?

Intanto mi permetto di dare il significato della parola inglese.

Il single shaming è quell’insieme di atteggiamenti, cioè di opere, parole e omissioni che, più o meno intenzionalmente vogliono far sentire in posizione di inferiorità chi non ha un compagno o una compagna.

Vogliono farlo o farla vergognare di essere single.

Così come il body shaming è quell’insieme di atteggiamenti che svaluta chi non ha un corpo che rispetta i canoni estetici di tendenza.

Già dalla traduzione intuiamo che si tratta di un comportamento brutto, sporco e cattivo. E manipolatorio.

È una valutazione negativa che viene emessa a casaccio su una persona solo per il fatto che è single.

Ma ti pare?!?

Chi emette questo genere di valutazioni è brutta gente, poco evoluta, superficiale, povera di spirito e con una esistenza misera. L’ho toccata piano, lo so.

È stupefacente che nel nostro mondo contemporaneo sopravviva e, anzi, fiorisca questo modo di pensare chiuso, arretrato, privo di modernità e attualità.

Perché chi è single dovrebbe vergognarsi o fare pena?

Secondo coloro che praticano a diversi livelli il single shaming, chi non ha un compagno dopo una certa età – che spesso si abbassa anche pericolosamente, secondo me, – deve essere una persona triste (in quanto sola), con un desiderio disperato di trovare un partner.

Deve di sicuro avere anche qualche problema, più o meno nascosto.

Una storia da ridere

Vuoi un esempio di single shaming subdolo e nascosto?

Una mia lettrice, durante, un colloquio personale, mi racconta che il gruppo di amici del quale fa parte ha deciso di fare il regalo di compleanno a un amico.

Si apre una chat su WhatsApp per la scelta del regalo e varie questioni collegate.

A un certo punto uno degli amministratori scrive: “Bene! Regalo scelto. Contributo richiesto alle coppie 15 euro, ai single 10.”

Ma dov’è il senso?!?

Ma perché alcune persone pensano che chi è solo è sfigato?

C’è un mito che persiste nel nostro mondo ed è quello che la felicità vera sia nella vita di coppia.

Quando chi ha un minimo di esperienza di vita sa benissimo che sono davvero tante le coppie infelici nelle quali i due partner sono frustrati e insoddisfatti, ma per una serie di ragioni non intendono lasciarsi.

Hai presente quegli amici che se hanno un amico o un’amica che non è in coppia vogliono a tutti i costi presentargli o presentarle qualcuno con cui – a parer loro – potrebbe andare d’accordo?

O quelle persone che, non richieste, si prendono la briga di incoraggiare un single – che sta benissimo per i fatti suoi – dicendogli che presto troverà la persona giusta?

Ci sono anche perfetti sconosciuti che, magari in coda dal fruttivendolo, fanno quattro chiacchiere con gli altri avventori e trovandosi a parlare con un single quasi gli intimano di “darsi da fare”.

E, guarda un po’, questo accade prevalentemente con le donne.

Il dato di fatto però è che gli stili di vita sono cambiati.

Se fino a qualche anno fa il periodo in cui una persona era “sola”, cioè senza un partner era quello della prima gioventù, cioè quello in cui avveniva l’uscita dalla casa dei genitori per un matrimonio o una convivenza, poi i periodi di “singletudine” hanno cominciato, in genere, a diventare diversi nella vita di una persona.

Per esempio quello tra la fine di una relazione e l’inizio di un’altra, quello tra l’inizio della  vedovanza e di un nuovo matrimonio e così via.

Ora si calcola che, proprio per i mutati stili di vita, se in passato le persone erano destinate, per lo più, a trascorrere la propria esistenza in coppia, ora accadrà l’inverso.

Saranno più lunghi i periodi di singletudine.

E quindi, bisogna spaventarsi? Certo che no.

Aprirsi al cambiamento

Niente rimane immutabile in questo mondo, tanto meno i comportamenti umani e questo cambiamento di tendenza è dovuto a una maggiore libertà che abbiamo raggiunto, cioè siamo più liberi di lasciare relazioni sbagliate per trovarne di giuste ed è indice del fatto che il mondo delle relazioni, essendo più movimentato, offre anche più opportunità.

Torniamo al punto centrale della questione.

Perché la “gente” continua a fare single shaming?

Due settimane di sfide per scoprire il tuo valore, quello del quale nemmeno tu sei consapevole, regalarti sicurezza e mettere in luce i tuoi punti di forza più autentici. Sorriderai, riderai e diventerai più forte e determinata.

Perché in molti hanno esistenze povere e impicciarsi dei fatti degli altri li fa sentire meno soli (oh, yes!), meno isolati e meno annoiati.

Ma farsi i fatti degli altri non è cosa buona e giusta. Per molte ragioni.

Poi perché attuano un processo di proiezione, attraverso il quale, appunto, proiettano se stessi e le proprie paure sugli altri.

Se sono un po’ avanti con gli anni e single anche loro, esortano i single più giovani ad accoppiarsi per dare l’idea di essere “distaccati” dal problema della solitudine, che invece li angustia.

Inoltre, esortare gli altri a raggiungere un traguardo che si ritiene importante, di fatto sottolinea il fatto che questo traguardo gli altri non lo hanno (ancora) raggiunto.

Quindi se Tizio è solo e triste per il fatto di essere solo, esortando Caio a cercarsi una compagna dimostra:

1 che per lui (Tizio) quello è un problema e se per Caio non lo è, deve diventarlo. Insomma, Tizio non vuole essere angosciato solo lui, vuole che anche Caio patisca.

Diciamo che Tizio invidia il fatto che Caio riesca a vivere bene anche da solo.

2 che per lui (Tizio) quella dell’essere solo è una questione rilevante, alla quale dà grande importanza. Diversamente non ne parlerebbe.

Vita serena e balle spaziali

A questo si aggiunge che ancora per molti la vita ideale dovrebbe rispecchiarsi in quella che noi italiani chiamiamo il modello “famiglia del Mulino Bianco”.

Mamma e papà abbastanza carucci ma non troppo, due figli, possibilmente un bambino e una bambina, cane e gatti.

Il tutto in una gradevole e luminosa dimora immersa nella natura incontaminata, ma a 5 minuti a piedi dalla fermata della metro.

Questo non è un ideale, ma uno stereotipo, vale a dire, come recita il dizionario una descrizione che rispecchia “un’opinione rigidamente precostituita e generalizzata, cioè non acquisita sulla base di un’esperienza diretta e che prescinde dalla valutazione dei singoli casi, su persone o gruppi sociali.”

In altre parole chi legge la realtà attraverso gli stereotipi di fatto non sta capendo niente di quello che legge, perché filtra tutto attraverso un pregiudizio e non attraverso una valutazione sensata e obiettiva.

Le grandi bugie

Chi usa gli stereotipi, il “sentito dire”, le frasi fatte per descrivere il mondo, è immerso nel conformismo, è uniformato alla corrente principale, quella della maggioranza, dei “più”.

Coloro che hanno bisogno di essere conformisti sono di solito alla ricerca della propria identità e della propria posizione nel mondo.

Non per niente la fascia d’età più conformista in assoluto, checché se ne pensi, è l’adolescenza.

È in quella fase che si vuole essere accettati nel gruppo dei pari (i coetanei) e si inizia un apparente distacco dai conformismi degli adulti per uniformarsi ai coetanei.

Superata l’adolescenza, però, ciascuno dovrebbe trovare la propria strada ed esprimere la propria unicità attraverso scelte libere e personali, anche anticonformiste, “controcorrente”.

Ritornando alla vita da single o a quella in coppia, ciascuno di noi nel nostro mondo dovrebbe poter decidere, libero da condizionamenti esterni, che cosa preferisce fare ed essere nelle varie fasi della propria esistenza.

Invece quanti, pressati dal “single shaming”, cercano una compagna alla quale non sono in grado di offrire il minimo sindacale per una vita di coppia serena?

Quante si mettono con un uomo sbagliato?

Come fregarsene del single shaming

E allora, come si fa a fregarsene del single shaming e vivere serenamente la propria condizione di single, anche se si desidera trovare un compagno?

Considera che il single shaming è tossico e ti intossica.

Valuta che chi vuole farti sentire sminuita o sminuirti per il fatto che non hai un compagno, è una persona emotivamente triste e misera, dalla quale non hai nulla da imparare se non per differenza.

Ti comporti in modo differente da lei e comprendi subito che cosa vuol dire avere una vita piena di luce .

Fai entrare ogni parola od ogni atteggiamento che assomigli anche solo lontanamente al single shaming da un orecchio e lo fai uscire dall’altro.

Poi ti distanzi, cioè prendi le distanze.

Ti elevi, cioè prendi l’ascensore e sali di un piano o anche di dieci rispetto a chi fa single shaming.

Insomma, come dico spesso, voli alto e lasci gli altri a terra.

Senza voglia di rivalsa, pacificamente, con serenità.

Lascia un Commento!

14 Commenti

  1. Avatar di Rita

    Rita 1 mese fa (18 Dicembre 2022 21:22)

    Hanno provato spesso a "combinare" con persone di cui ignoravo, addirittura, l'esistenza e che, secondo loro, andavano bene per me.. Ho iniziato a rispondere per le rime, e solo così le ficcanaso di turno, si sono date una calmata. Purtroppo, senza le maniere forti, certi messaggi non vengono recepiti.
    Rispondi a Rita Commenta l’articolo

  2. Avatar di kicca

    kicca 1 mese fa (20 Dicembre 2022 6:50)

    Grazie carissima Ilaria
    Rispondi a kicca Commenta l’articolo

  3. Avatar di LauraA

    LauraA 1 mese fa (23 Dicembre 2022 23:28)

    Grazie per questo bellissimo articolo, Ilaria. È da tanto che mi arrabbio per questo fenomeno. La quota regalo diversa per single e coppie mi è capitata tante volte, e quando mi sono opposta sono anche stata disapprovata. Alla fine le mie amiche sposate mi hanno confessato che mi invidiavano, e in un momento di sincerità mi hanno detto "puntiamo su di te, non fare il nostro errore". Non voglio però scadere nel luogo comune opposto. Penso che le vie per la felicità siano tante e soprattutto diverse per ciascuno/a. Oggi sono in coppia, ma se ripenso alle varie fasi della mia vita, le più felici finora le ho trascorse proprio da single.
    Rispondi a LauraA Commenta l’articolo

  4. Avatar di Alessandra

    Alessandra 1 mese fa (20 Dicembre 2022 17:01)

    Buonasera Ilaria! Articolo impeccabile come sempre. Vorrei lasciare la mia testimonianza. A luglio,per questioni di salute,mi è stato asportato l'utero. Ho 38 anni,non ho figli e sono single! Ebbene,vista la mia "condizione",mi è stata esplicitamente detta questa frase: "Oramai sei fuori dal mercato,non sei appetibile"! La mia risposta?Una fragorosa risata e un invito ad andare dove tutti sanno! Grazie Ilaria,buona serata!
    Rispondi a Alessandra Commenta l’articolo

    • Avatar di LauraA

      LauraA 1 mese fa (23 Dicembre 2022 23:33)

      Cara Alessandra, penso che averti detto questa frase sia stata una cosa orrenda, disumana e abominevole. Complimenti per la tua forza nel ridere in faccia a chi lo ha fatto e per il sacrosanto invito a "recarsi in altro luogo". Io temo che non avrei saputo trattenermi e avrei risposto "non so se sono appetibile, ma tu di sicuro fai schifo".
      Rispondi a LauraA Commenta l’articolo

    • Avatar di Alessandra

      Alessandra 1 mese fa (24 Dicembre 2022 18:01)

      Grazie Laura! Purtroppo negli anni mi sono dovuta "strutturare" e questa ennesima mazzata l'ho dovuta affrontare con le "spalle larghe".Forse anche per questo sono riuscita ad avere questa reazione!Grazie di cuore e buone feste a tutti😘
      Rispondi a Alessandra Commenta l’articolo

    • Avatar di SoleLuna

      SoleLuna 1 mese fa (25 Dicembre 2022 0:57)

      Ragionamenti retrogradi duri a morire. Penso che avrei risposto dicendo che non sono un'incubatrice ma una persona e che in effetti questi omuncoli senza attributi che si permettono cattiverie del genere sono poi quelli che o sono impotenti oppure mettono incinte donne a caso (o mogli bisognose) per poi lasciarle sole ad occuparsi di tutto. Hai fatto bene a rispondere per le rime, ti meriti di meglio :) Buon Natale!
      Rispondi a SoleLuna Commenta l’articolo

    • Avatar di Alessandra

      Alessandra 1 mese fa (25 Dicembre 2022 21:52)

      Grazie SoleLuna per l'augurio!Un abbraccio e buone feste🤗
      Rispondi a Alessandra Commenta l’articolo

    • Avatar di Kiki

      Kiki 1 mese fa (25 Dicembre 2022 17:14)

      Grande Alessandra! Oltre ai problemi di salute la "gente" pensa di lasciarne di indotti e loro in giro. C'è mancanza di educazione, prima che di rispetto, sensibilità, obiettività e buon senso in questi casi. Buon Natale e buone feste Community :)
      Rispondi a Kiki Commenta l’articolo

    • Avatar di Ilaria Cardani

      Ilaria Cardani 1 mese fa (25 Dicembre 2022 21:39)

      Grazie e auguri a te e a tutti!
      Rispondi a Ilaria Cardani Commenta l’articolo

    • Avatar di Alessandra

      Alessandra 1 mese fa (25 Dicembre 2022 21:53)

      Grazie Kiki!Auguri di buone feste😘
      Rispondi a Alessandra Commenta l’articolo

  5. Avatar di Irene

    Irene 4 settimane fa (31 Dicembre 2022 19:32)

    Ciao Ilaria, grazie mille per il tuo blog!! Non sai quanto spesso mi rifugio qui!! Ti scrivo perché mi piacerebbe condividere con te e i lettori/lettrici una riflessione. Ho 32 anni e ho avuto diverse storie. Ma mi rendo conto che in nessuna mi sono mai davvero innamorata. Va sempre così. Conosco un tipo interessante, ci esco un po' per conoscerci e mi rendo conto che non fa per me. Proprio quando me ne rendo conto lui mi dice di essersi perdutamente innamorato di me. Io mi sento in colpa in un modo disarmante e mi ci metto insieme perché non riesco a sopportare il dolore di aver fatto innamorare qualcuno e poi di lasciarlo. Insomma ce l' ho a morte con me stessa perché è come se permettessi a qualcuno di innamorarsi anche quando non sarebbe oppurtuno, poi proprio per questo senso di colpa e di responsabilità non me la sento di mollare perché mi sento causa di un sentimento che potrebbe fare soffrire. Io una volta non sono stata ricambiata dal ragazzo che mi piaceva e il dolore è stato così forse che ho giurato a me stessa che non l' avrei voluto né provare io né farlo provare ad altri per causa mia. Solo che poi mi trovo ad essere fidanzata con tipi che non fanno per me, e non ce la faccio a lasciarli perché sento il loro dolore in modo così forte che è come fosse il mio. Sento che la mia vita è un incubo sotto l' aspetto relazionale ma non riesco davvero a gestirla. Mi riprometto sempre che è meglio evitare relazioni se non siamo pronti ma poi ci ricasco, come se fosse una dipendenza. Mi sento un' ammasso di carne in cerca di barlumi di affetto, un giovane corpo che accetta la prostituzione dell' anima in cambio di attenzioni maschili, e vorrei farla finita perché è come se il mio lato che fa star bene me stessa e gli altri navigasse in oceani non solcati dai comuni mortali, fosse sconosciuto alle mappe esistenti... non so più dove trovarlo, e affondo come un relitto che ha tenuto tanti tesori dell' amore nascosti per sé e li ha catapultati sul fondo del mare....
    Rispondi a Irene Commenta l’articolo

  6. Avatar di Carla

    Carla 1 settimana fa (17 Gennaio 2023 10:19)

    Dopo diversi tentativi di incontrare un uomo adatto a me (e viceversa), dal Covid in poi ci ho rinunciato. Ho "deciso" di non riprovare più nessuna delusione, nessun dolore per un uomo. Mi sento meglio, più libera di sicuro, anche se ho comunque una sensazione di mancanza di affetto sentimentale. Alla mia età, 52 anni, nessuno mi chiede più niente della mia condizione di single, un vero sollievo. E ho fatto selezione anche nelle amicizie... Ma chi cerca, trova, quindi incoraggio le altre di questo blog a tentare :-) In bocca al lupo !
    Rispondi a Carla Commenta l’articolo