Come conquistare un uomo comunicando in modo seduttivo

comunicare in modo seduttivoComunicare in modo seduttivo con un uomo, come si fa?..

L’articolo che ho pubblicato prima di questo dedicato a come sedurre un uomo senza fargli capire che ti piace è stato interpretato in modo molto controverso.

E’ un articolo dedicato alla comunicazione seduttiva e a un tema che a molte mie lettrici sta parecchio a cuore, dato che me lo sottopongono molto spesso nelle mail che mi scrivono in privato.

E’ un tema che sta a cuore anche alle mie clienti di coaching individuale che spesso si sentono a disagio a essere apertamente seduttive con un uomo.

Comunicare in modo seduttivo e vincere facile

Un momento, apro parentesi, già che stiamo parlando di comunicazione seduttiva uomo-donna: dato che siamo nel bel mezzo del periodo estivo è il momento opportuno per te per scaricare la mia guida gratuita “Come attrarre la persona giusta per te in 11 passi” che contiene parecchie indicazioni per dare una svolta positiva alla tua vita sentimentale.

Ok, chiusa la parentesi, rieccomi al tema del come sedurre un uomo senza fargli capire che ti piace: orbene, l’articolo pubblicato la scorsa settimana ha provocato alcune reazioni da parte di alcuni lettori uomini che hanno fatto i loro commenti.

Se ti interessa conoscere i dettagli, vatti a leggere articolo e commenti.

Fatto sta che a molti uomini – in particolare a coloro che si definiscono “timidi” e “introversi” o che, senza saperlo hanno comportamenti da timidi e da introversi – fa piacere che le donne si “espongano” e mostrino il proprio interesse per loro

Hai presente quanta fatica in meno c’è per un uomo che teme di essere respinto o magari non è certo di far colpo con i suoi approcci?

Vi sono alcuni che vogliono “vincere facile” come dice la pubblicità.

E’ che  in fatto di seduzione, non è tutto così schematico e vi sono delle sottili distinzioni da fare.

Coloro che dicono di preferire una comunicazione molto esplicita da parte delle donne, spesso non hanno nessuna voglia di mettersi in gioco e ti garantisco che questo, presto o tardi, ha i suoi effetti (negativi) sulla relazione.

Certo, poi, come in tutte le cose della vita, ognuno ha i propri gusti personali: si sono coloro che hanno un comportamento introverso; coloro che hanno un comportamento estroverso; coloro che sono decisamente equilibrati e paiono imperturbabili; gli ipersensibili che non sopportano nemmeno l’idea di un rifiuto, per quanto possa essere superficiale e delicato…

E ci sono i determinati e gli aggressivi, che amano le sfide e giocano con grande divertimento al gioco della seduzione e sono attratti ed eccitati da partner che tengono loro testa e li sfidano, a tutti i livelli…

Tu che genere di partner preferisci avere nel gioco della seduzione? (Lasciamelo scritto nei commenti qui sotto!).

Comunicare in modo seduttivo: una storia

Detto questo, nell’articolo della settimana scorsa io parlavo di assumere un comportamento seduttivo con tutti gli uomini: questa è una tesi della quale sono potentemente convinta dato che l’acquisire questa capacità e mantenerla attiva ti dà un’infinità di vantaggi secondari.

Di questo parleremo ampiamente magari in un’altra occasione.

Delle reazioni al mio articolo della settimana scorsa, mi ha colpito particolarmente il commento di Maria, che ha centrato in pieno la questione.

Maria ha scritto: “Ciao Ilaria, quello che tu proponi e’ un comportamento molto sottile che prevede uno stato di benessere totale e grande autostima. Mi è già successo in passato di avere dei periodi così felici da conquistare tutti ed avere anche delle sorprese. Cioè quello a cui ero interessata si rivelava non adatto a me e nel frattempo usciva fuori qualcun altro che mi faceva stare meglio. Prendo questo tuo spunto per le mie vacanze! Grazie!”

Esatto: quel tipo di comportamento prevede uno stato di benessere totale e di grande autostima. Grandioso!

Hai idea di quanto tutto ciò sia attraente?

Che cosa fa innamorare un uomo e lo fa impegnare in una relazione?
Scoprilo con i 5 video gratuiti dell'anteprima "Come fare innamorare un uomo e tenerselo". Iscriviti qui senza rischi e senza impegno e ricevi il materiale nella tua casella mail.

Hai idea di quanto tutto ciò ti renda spontanea e naturale quando seduci e ti permette di superare ansia, dubbi e insicurezza?

Ti racconto la storia di come un mio cliente (uomo, lo specifico) è stato letteralmente “conquistato” dal gioco della sua partner…

Il nostro uomo esce con una ragazza, su invito da parte di lei.

I due si conoscono perché frequentano la stessa cerchia di amici (hanno amici in comune).

Lui non ha nessun interesse – o per lo meno crede – di non avere nesssun interesse per lei: a me dice che lei è sicuramente “fuori portata”, dice che si vedranno solo in amicizia dato che “sicuramente” nessuno dei due – sempre a detta di lui – è interessato a un genere di relazione diversa dalla semplice amicizia.

Fin dall’inizio della loro uscita insieme il nostro amico rimane sorpreso dall’atteggiamento di lei: divertito, entusiasta, allegro.

Lei non fa altro che fare battute… I due si confidano anche qualche seria preoccupazione – lui a lei, soprattutto – e, in particolare, lei fa una serie di battute allusive al contrario.

Del tipo, ogni tanto lei butta lì frasi del tipo: “Giuseppe (il nome me lo sono inventato io, mica dico quello vero), fai pure quello che vuoi di questo e/o quello (blah blah), l’importante è che non ti venga in mente di farmi la corte…”

Oppure, sempre con grande leggerezza e senza insistenza – un po’ come se “condisse” di queste frasi una conversazione che verteva su altri argomenti – : “Non vorrei proprio tu ti innamorassi di me…”

Fino al momento in cui lui, tutto preso dal gioco, l’accompagna a casa e lei lo invita a salire, solo a condizione che: “tu non mi metta le mani addosso e non mi voglia baciare”…

Ora voglio passare la palla a te: lasciami la tua opinione nei commenti qua sotto.

Dimmi per favore, viste le considerazioni che abbiamo fatto prima, che tipo di partner ti piace avere nel gioco della seduzione?

E poi: come consideri sia la comunicazione della ragazza che ha conquistato Giuseppe?

In che modo la trovi intrigante?

O, al contrario, in che modo non ti attrae?

Per favore, quando hai finito di leggere, ricordati di condividere questo articolo sui social (Facebook, Twitter, etc.) attraverso i pulsanti che trovi qui sotto. In questo modo permetti che si allarghi la comunità delle lettrici (e dei lettori) e più si allarga la comunità delle lettrici e dei lettori di questo blog, più semplice è per me dare informazioni di interesse sui temi legati a sedurre l’uomo che ti piace e ad attrarre la persona giusta per te.

Grazie!

Cordialmente

Ilaria

P.S. Vuoi avere tutta l’autostima che ti serve per esprimere – anche nella tua comunicazione – il fascino che in fondo al tuo cuore sai bene di avere e che talvolta soffochi con l’insicurezza e il senso di inadeguatezza? Supera i limiti che ti imponi ed esprimiti al 100% attraverso il percorso che ho preparato apposta per te, “I 7 Pilastri dell’Attrazione”.

Lascia un Commento!

34 Commenti

  1. Avatar di Fenice

    Fenice 6 anni fa (6 Gennaio 2014 21:33)

    La gattamorta è come "il banco", vince SEMPRE!!! URRRAAA per le gatte morte!!! Perché mai non si dovrebbe giocare un po'? finché dura va bene. Tanto, in queste cose la regola aurea è mantenersi SEMPRE l'auto stima alle stelle. Fare un "bilancio settimanale del rapporto"è utile, eviti a te stessa di essere mollata.... ma per il resto: si vive un giorno alla volta con fantasia!!!!
    0
    Rispondi a Fenice Commenta l’articolo

  2. Avatar di Violetta

    Violetta 5 anni fa (2 Novembre 2014 3:29)

    Questa ragazza mi sembra abbia un tipo di comunicazione poco chiaro e contraddittorio. Non si capisce cosa voglia perché quello che dice è una contraddizione di quello che fa. Se ha invitato Giuseppe a salire cosa faranno, si prenderanno un té? Io l'avrei detto solo se fossi stata realmente interessata, e quindi non avrei aggiunto quell'ammonimento a non toccarla. Non so, forse sono maliziosa io, e vedo che l'intenzione celata è proprio quella contraria: è un invito all'intimità. In conclusione non mi piace questo tipo di comunicazione e non lo adotterei mai perché mi sentirei falsa e ipocrita, anche perché non puoi dire a una persona che non puó fare una cosa e volerne un'altra. Il sesso si basa sul consenso, e lei si sta negando.
    0
    Rispondi a Violetta Commenta l’articolo

  3. Avatar di antonella

    antonella 5 anni fa (9 Novembre 2014 0:24)

    beh gioco così con il mio collega da qualche anno e finalmente mi ha baciata e abbiamo avuto approcci erotici. non so quanto sia coinvolto ma è estremamente attratto da me. vorrei qualcosa in più, continuo a giocare a lui piacciono le sfide e io glie ne do. alla fine, bisogna conoscere il proprio interlocutore per giocare e, ogni situazione è a se, non si può definire un vero e proprio manuale della seduzione.
    0
    Rispondi a antonella Commenta l’articolo

  4. Avatar di Vale

    Vale 5 anni fa (16 Gennaio 2015 13:19)

    mi sono rivista in questo articolo... quando mi sento bene faccio battute, sono simpatica e faccio giochi di questo tipo... in modo diverso ma le battute le ho fatte. Il mio problema è che non sempre mi trovo in questo stato a causa di problemi personali che spesso mi oscurano. Però mi ha fatto piacere leggere questo articolo... però, sicuramente, bisogna essere misurati, non esagerare e lasciare pure spazio a lui.. altrimenti rischi di non piacere ugualmente!!
    0
    Rispondi a Vale Commenta l’articolo

  5. Avatar di Vale

    Vale 5 anni fa (16 Gennaio 2015 13:25)

    @Silvy: quando a me capita sono spontanea e di fatto un mio amico dice che lo sono. Non si può essere così forzatamente, credimi
    0
    Rispondi a Vale Commenta l’articolo

  6. Avatar di stefano

    stefano 4 anni fa (31 Maggio 2015 21:24)

    Ma l'atteggiamento della donna non era un po manipolatorio ?
    2
    Rispondi a stefano Commenta l’articolo

  7. Avatar di Marco

    Marco 3 anni fa (7 Luglio 2016 20:46)

    Definite gli introversi persone a cui piace vincere facile è un calcio sul popò a un secolo di letteratura scientifica - e il ventennio attuale in modo molto fervente - sulla discriminazione sociale che la nostra attuale società compie contro individui dal comportamento introverso, specialmente di sesso maschile. L'introversione è una connotazione genetica, non solo caratteriale che viene ingiustamente e in modo equivalente al razzismo messa al bando dai pessimi modelli d'immagine. L'uomo introverso non fa perché non è nella sua natura fare eppure l'introversione ha spiccate doti di invenzione artistica, elucubrazione maniacale di poemi o scoperte scientifiche. Noi introversi stiamo in un mondo che decide quali sono i valori vincenti : Estroversi = Bene Introversi = Male Sulla discriminazione degli introversi vedersi gli scritti di due professionisti - non due motivatori - Luigi Anepeta e Nicola Ghezzani. Definire gli introversi come persone che vogliono la pappetta pronta quando si adattano ad un mondo estroverso che li svilisce è offensivo come lo è l'omofobia, il razzismo, o la discriminazione di genere. Andiamo bene.
    -5
    Rispondi a Marco Commenta l’articolo

    • Avatar di max

      max 3 anni fa (8 Luglio 2016 2:17)

      Mah, in effetti un certo tipo di introversione maschile è un problema per i maschi stessi..ho qualche amico dai tempi delle superiori (che fortunatamente vedo poco) che a memoria non hanno mai avuto una donna, non fanno nulla per cercarsela ed hanno difficoltà anche a parlare di qualsiasi cosa con gente che non conoscono...tante di queste persone si rifugiano nelle chat, ed alcuni magari qualche relazione (+ o - virtuale, + o - completa) la riescono anche ad intessere...Ilaria si riferirà ad un tipo di uomo introverso, che non riesce ad essere sfacciato ed a "prendersi" una donna se la vuole, ma comunque inconsciamente o no, riesce comunque ad essere seduttivo e ad attirarle per altra via
      1
      Rispondi a max Commenta l’articolo

  8. Avatar di Goldie

    Goldie 3 anni fa (8 Luglio 2016 11:16)

    Penso che un uomo potrebbe cadere in una "trappola" del genere. Dipende da cosa vuole. Sinceramente se io dicessi al tipo che mi interessa, "vieni da me a patto che tu non mi metta le mani addosso", mi farebbe una risatina imbarazzata e se ne andrebbe a casa. un uomo "sente" benissimo se piace ad una donna, deve solo decidere se accettare o no il suo corteggiamento...se non lo accetta, vuol dire che questa donna NON GLI PIACE ABBASTANZA. Ed è il caso mio.
    0
    Rispondi a Goldie Commenta l’articolo

  9. Avatar di Loredana

    Loredana 3 anni fa (14 Aprile 2016 14:39)

    Devo essere sincera...la seduzione "generalizzata" alle persone intorno a te..sicuramente è espressione di una grande autostima e benessere ma spesso può condurre proprio a minare questo benessere...Come tutte le cose c'è il risvolto della medaglia...si innestano comportamenti maschili che rendono tutto più difficili..battute..allusioni...avances più o meno velate...tentativi continui che, sopratutto in alcuni ambienti, come quello di lavoro rendono pesante gestire la cosa...Devi essere sempre ironica per smontare senza offendere....schiva per parare e non colpire...fare spesso la finta tonta per non "andare in guerra"...il tutto diventa un lavoro stancante...e involontariamente cominci a tenere comportamenti che sminuiscono la tua "sensualità" (che sia bene inteso centra poco con l'aspetto fisico o con il vestirsi a cui uno deve sempre tenere).Personalmente a furia di parare sono diventata quasi "asessuale"...ma almeno vivo serena...certo mi rendo conto che poi perdi l'esercizio e quando qualcuno veramente ti interessa non sai più come fare...
    1
    Rispondi a Loredana Commenta l’articolo

    • Avatar di MV

      MV 2 anni fa (28 Marzo 2017 9:37)

      Condivido in pieno quanto hai scritto, delle volte negli ambienti di lavoro devi così spesso parare che perdi l'abitudine e poi quando ti servirebbe essere più sensuale con uno che ti piace non ti ricordi più come si fa... A te poi come è andata a finire?
      -1
      Rispondi a MV Commenta l’articolo

    • Avatar di Serena

      Serena 2 anni fa (29 Marzo 2017 20:15)

      È vero quello che dici, ma è anche per questo che occorre mantenere "una vita" al di fuori del lavoro... non si può limitare la propria vita sociale nel solo ambiente dell'ufficio! Ho colleghe che lo fanno, ma io mi rifiuto. Ho la piscina, il teatro, il cinema, le mie amiche: c'è un mondo intero la' fuori, ed è pure primavera, non si può non uscire a esplorarlo! Io in ufficio faccio fruttare le mie ore di lavoro, mi organizzo e concentro per tutta la giornata. Ovvio, capita che qualche scadenza mi costringa a restare fino alle nove, ma è un'eccezione, non la regola. Perciò di tempo al lavoro per fare "la scema" con qualche collega non lo avrei nemmeno volendo. In ufficio lavoro seriamente, e quando ho finito... corro via! Fuori! Vita!
      10
      Rispondi a Serena Commenta l’articolo

    • Avatar di max

      max 2 anni fa (30 Marzo 2017 0:04)

      Serena, condivido il tuo pensiero: Il lavoro è lavoro...come amici fra i colleghi ne ho solo uno (uno dei miei 2 migliori amici che conosco da più di 20 anni ed abbiamo fatto lo stesso percorso lavorativo da quando avevamo finito le superiori)...eventuali tresche con colleghe frustrate/in astinenza/vogliose/etc le evito come la peste, è quando torno a casa e mi dedico alle conoscenze extra-lavorative, si apre sempre il mondo, al posto di stare chiuso nella piccola realtà quotidiana del lavoro anche dopo aver passato il badge!
      2
      Rispondi a max Commenta l’articolo

  10. Avatar di Nostress

    Nostress 2 mesi fa (7 Luglio 2019 8:51)

    Io sposo pienamente questa tipo di comunicazione. Mette a proprio agio entrambi. Io mi trovo nella situazione di avere già baciato ( al primo appuntamento) un ragazzo. Ora lui ha tirato il freno a mano sebbene mi cerchi (solo via messaggio). È possibile tornare ad una situazione neutrale, in cui lui non capisce più se mi piace o no? Considerate che ci conosciamo da 3 settimane. Se lui non mi cerca io non lo cerco , mi limito a rispondere in modo gentile e scherzoso ai suoi messaggi. Utilizzare il tipo di comunicazione usata nella storia dell‘articolo potrebbe essere adatta o fuori luogo? Se adatta, come arrivarci?
    0
    Rispondi a Nostress Commenta l’articolo