Come superare la paura, anche quando sembra impossibile. O almeno, provarci

come superare la pauraCome superare la paura?

Oggi, primo giorno che metto mano a questo articolo, è il 25 marzo 2020.

Per molti giorni non ho scritto nessun articolo.

Semplicemente, la settimana scorsa, non me la sono sentita.

Poi, due giorni fa, ho incominciato a pubblicare di nuovo, due nuovi articoli.

Se mi leggi in questi giorni (primavera del 2020) sai perfettamente di che cosa sto parlando.

Non solo lo sai, lo provi sulla tua pelle e nel tuo corpo, nel tuo cuore e nelle tue emozioni.

Se non mi stai leggendo in questi giorni, ma un po’ più in là, te ne ricordi bene.

Puoi continuare a leggere o smettere subito.

Qui di seguito troverai alcune considerazioni che probabilmente possono esserti di supporto e altre che possono irritarti.

Scegli tu, perché sei libera.

Nessuno di noi possiede la verità. Non di certo noi esseri umani, che prima di tutto siamo fragili.

Siamo fragili,  da molti punti di vista.

Per esempio uno degli aspetti che ci rende fragili è che tutti, tutti indistintamente, siamo profondamente ignoranti.

Le verità che ci preme di più conoscere sono quelle che più si ostinano a sfuggirci.

Perfino le verità su noi stessi, quelle che non ci piacciono e che noi neghiamo a noi stessi o che più o meno onestamente cerchiamo di conoscere, non ci sono chiare.

Molto spesso non siamo in grado  di vedere nemmeno l’evidenza dei fatti, per il bisogno di “evitamento” (cioè perché, di fatto vogliamo a “tutti i costi” non vedere) e per l’ostinazione con cui vogliamo scansare quello che può costarci dolore e fatica.

Per esempio, in condizioni di vita “normali”, può capitare che non riusciamo a vedere il fatto che in azienda le cose non vadano più come prima e che forse rischiamo il licenziamento.

O il fatto che forse la nostra coppia non funziona più o non ha mai funzionato.

Oppure, andando più nel semplice, il fatto che il salotto di casa nostra debba essere imbiancato di nuovo, perché è al limite della “sostenibilità ambientale” :D .

Sono tutti dati reali che spesso tendiamo a negare, perché non vogliamo accettarne le conseguenze e il dolore e la fatica che queste conseguenze ci possono portare.

Neghiamo.

Quante volte ti è capitato di negare di avere a che fare con (l’ennesimo) uomo sbagliato?

Te lo dico io, se forse stai negando anche questo. Moltissime volte.

Quando abbiamo paura neghiamo la realtà

Dicevo, quindi, che nessuno di noi possiede la verità e nemmeno io.

Anzi, di certo io meno, molto meno di altri.

Oggi scrivo per la prima volta sul tema del Covid-19 e della cosiddetta “quarantena”.

Scrivo per dire la mia, anche se una “mia” definitiva non ce l’ho, a essere sincera.

Non ho scritto prima perché non me la sentivo e non sapevo che cosa dire e che cosa fare relativamente alla questione, qui sul blog e con le mie lettrici.

Potevo scrivere solo dei soliti argomenti? Non me la sentivo.

Potevo affrontare la questione di petto? Mi sembrava inopportuno, avevo le idee ben poco chiare.

Praticamente tutti sui mezzi di comunicazione si sono “buttati” subito sul tema, è diventato un tema pervasivo.

Che ci ritroviamo dappertutto.

Che avevo da dire, io?

Che opinione ho, io?

Mah…

Non ho ancora chiarito molto la mia posizione sul tema, nemmeno con me stessa, quindi  avverto: “Non seguitemi, mi sono persa anch’io”.

Qui non troverai risposte certe.

Nel  mio vagare in cerca di una direzione, ho considerato un po’ quello che mi accade intorno e che osservo.

Tento di ascoltarmi, come credo facciamo in molti, e cerco in me valori ai quali appoggiarmi.

Qualcuno ha anche iniziato a chiedermi pareri (venite da un nudo a vestirvi, come si dice) e soprattutto io sento un dovere morale verso chi mi legge di offrire, se mi è possibile, un supporto emotivo e alcune linee guida per assumere un atteggiamento mentale utile in questo momento.

Qui di seguito metterò in fila una serie di riflessioni su quello che osservo riguardo a ciò che sta succedendo.

Riflessioni diverse, che possano essere spunto per una maggiore e migliore comprensione di quello che stiamo sperimentando dal punto di vista emotivo.

Considerando che anch’io, come tutti, sto affrontando qualcosa di totalmente nuovo (beh, questo perlomeno è interessante, siamo i primi a vivere una situazione come questa) e che anche le mie emozioni sono forti e oscillano.

Come superare la paura insieme

Potrebbe diventare, questo, un articolo che aggiorno di tanto in tanto con nuove idee e riflessioni sul tema, un articolo che tu puoi commentare di giorno in giorno scrivendo le tue esperienze riguardo questa fase della tua e della nostra vita.

Quando questa questione è venuta alla luce, per qualche giorno io sono stata tra quelli che con determinazione e pervicacia pensava tra sé e diceva ad amici, parenti e vicini: “E’ una sfida! Ne usciremo più forti e più belli di prima”.

Poi mi sono detta: “Ma che ‘azz vai dicendo?! Ma ti rendi conto?! Ma proprio tu?! Come ti permetti?! Ti rendi conto che mentre tu stai dicendo in giro che torneremo più forti e più belli di prima c’è gente che sta morendo in mezzo a mille sofferenze e in solitudine e gente che vede morire i propri cari?! Ma stai un po’ zitta!”

Già: “Prima de parlar, tasa”, diceva la nonna. Prima di parlare, taci.

Atteggiamento che molti di noi dovrebbero assumere molto più spesso di quanto fanno. Non solo in questa situazione.

A partire dalla “classe dirigente”. Esperti, giornalisti, politici.

Gli esperti che avevano garantito, meno di un mese fa, che sì, vero, il virus c’è, ma in Italia non arriverà, noi non lo permetteremo.

Lo scemenzaio al quale siamo stati sottoposti e saremo sottoposti in questi giorni e in quelli a venire, sarà sconfinato come mille universi messi insieme.

La paura di certo non placa la voglia di dire scemenze, anzi.

Del resto bisogna riempire giornali, trasmissioni intere, pagine e profili social, blog.

Riempirli di notizie e di aggiornamenti ogni minuto e quindi le scemenze abbondano, perché riempiono spazi.

Fanno intrattenimento.

E le persone, nell’inattività forzata e prese dall’angoscia, cercano notizie e rassicurazioni di continuo e quindi bisogna dar loro di che nutrire l’angoscia e anche di che placarla.

Poi ci sono i sapientoni da tastiera, gli esperti da poltrona, coloro che non hanno titolo e non hanno titoli, che immaginano complotti, condividono fake news (bufale), hanno risposte certe su tutto pur non sapendo niente di niente, tranciano giudizi e sanno perfettamente com’è andata.

E’ colpa dei settentrionali, dei podisti, dei runner, dei “vecchi”, dei “cinesi”, dei tagli alla sanità.

E’ un complotto. Ci sono stati degli errori. Hanno costruito un virus in laboratorio. Non è vero che uccide.

Ci stanno manipolando.

Oppure: uccide solo gli anziani e le persone con malattie pregresse.

Scusaaa?!

E dunque?!

Perché, un anziano vale meno di uno meno anziano e una persona con malattie pregresse, chi se ne frega che muoia?

La paura ci trasforma

Ma da dove vi vengono certi pensieri?

Non vi balza in mente, a voi sputasentenze che:

a) la vita di tutti è sacra e dobbiamo, come essere umani, contenere il dolore fisico e morale nostro e altrui

b) quella persona anziana o malata potrebbe essere un tuo caro, tuo nonno o tua nonna, tuo zio o tua zia, tuo padre o tua madre, il depositario o la depositaria di una memoria unica e irrinunciabile, un creativo/a con idee straordinarie, uno scienziato con in mente una scoperta rivoluzionaria o un persona di buona volontà che con generosità si dà agli altri

c) che a furia di ragionare in questo modo un giorno, probabilmente non tanto lontano, sarai tu a essere considerato/a un/a cittadino/a e un essere umano che vale la pena scartare?

Come è possibile che queste, che sono le basi della nostra civiltà e della nostra cultura, non siano le idee dominanti e predominanti nella mente di ciascun cittadino della nostra nazione?

Ve lo dico chiaro: commentate come volete, ma “bufale” o sconsideratezze non verranno passate.

A proposito di scemenze: questa non è un’influenza o poco più di un’influenza.

Per quanto se ne sa, ci sono gli asintomatici, quindi è anche meno di un’influenza.

Ecco perché questo virius è così insidioso, dato che le malattie più insidiose sono proprio le asintomatiche, quelle che non danno sintomi.

Infatti il dolore, che ci piaccia o no, e la sofferenza, sono per lo più funzionali.

Cioè hanno una loro utilità.

Ci segnalano che qualcosa nel nostro corpo o nella situazione in cui siamo immersi non va come dovrebbe.

Non avere sintomi non è utile. E’ come avere una bomba a orologeria sotto pelle e non saperlo.

E’ una terribile astuzia di questo virus.

Ecco perché non possiamo uscire di casa, non perché, come ho letto e sentito “siamo sotto sequestro a casa”, “siamo agli arresti domiciliari”, “hanno esagerato” e “stanno limitando le nostre libertà personali”.

No, è per tutelare la salute di TUTTI NOI.

Anche la tua, di te che ti credi invincibile e non credi ai danni che può fare questo virus.

E’ chiaro il concetto?

In un mondo di persone adulte ciascuno da sé dovrebbe capirli questi principi e da sé decidere di starsene a casa per proteggere se stesso e gli altri.

Non dovremmo avere bisogno delle ordinanze, noi che ci vantiamo di essere libbberi dddemmmocratici, quando in realtà dimostriamo di non avere la più pallida idea di concetti quali libertà e democrazia.

Invece siamo dei bambinetti sciocchi, degli adolescenti “ribelli” che vanno a fare la corsetta di nascosto o la spesetta del furbetto (che miseria, ragazzi) e mi è toccato vedere sindaci e presidenti di regione parlare e inseguire i loro concittadini come se fossero studentelli delle scuole medie.

Sì, tanti omoni e donnone ripresi dal loro sindaco o dal loro presidente di regione, che deve trattarli come un papà che richiama i figli viziati e incoscienti, perché loro, in modo autonomo, non riescono mica a capire che determinate cose vanno fatte, punto e basta!

Orde di adolescenti indisciplinati che non hanno capito né il buon senso, né il principio di responsabilità.

Io, che ogni giorno leggo e sento raccontarmi da donne comportamenti inspiegabili di certi uomini che un giorno dicono: “Ti amo. Sei la donna della mia vita!” e il giorno dopo scompaiono nel nulla.

Sono gli stessi, eh!

Gli stessi che pestano i piedi con il sindaco quando li richiama alle ordinanze, perché loro vogliono uscire a comprare un pacchetto di caffè o a giocare a ping pong sulla spiaggia.

Lo stesso vale per le donne, si intenda. Ho visto e sentito cose anche da donne, che, ragazzi…

Ma dài!

Alle prime notizie di questa epidemia, mi son detta: “Molti capiranno, matureranno, cresceranno”.

Mi correggo. Non sarà così. Per niente. Gli idioti e gli stronzi (uomini e donne) tali rimarranno.

Il virus darà una spinta alla maturità, alla crescita e al cambiamento di coloro che già hanno il potenziale.

Gli altri continueranno a comportarsi da bambini capricciosi e mai cresciuti, esattamente come prima.

Così rispondo per l’ennesima volta alla domanda che molte donne si pongono su pseudo-partner inaffidabili: “Lui cambierà?” “No! Non cambierà!”

Non cambierà finché non sarà lui a volerlo disperatamente e sarà difficile anche in quel caso.

Ma questi tipi egocentrici, immaturi, incapaci di amare, cioè di guardare al di là del proprio naso, di solito sono “per sostanza” refrattari, cioè ostili, a cambiare le proprie inclinazioni.

Non solo non cambieranno, ma proprio perché sono così non cambieranno. Punto.

Tu, invece, che magari sei una persona fin troppo responsabile, con fin troppo rispetto degli altri e molto altruista, puoi cambiare?

Sì. Se lo decidi, se ti prendi sul serio, sì. Perché la tua indole è già un’indole che ha una direzione “positiva”.

Con un potenziale di trasformazione.

Questo mi dice la mia esperienza.

Che cosa mantiene alto il desiderio di un uomo per te e solo per te?
Scoprilo con i 5 video gratuiti dell'anteprima "Come fare innamorare un uomo e tenerselo". Iscriviti qui senza rischi e senza impegno e ricevi il materiale nella tua casella mail.

Crudo, diretto, tranchant.

Questo è un momento doloroso per tutti, per alcuni di più, per altri di meno, ma doloroso lo è per tutti.

E’ la grande paura

E’ anche una grande opportunità per operare una trasformazione positiva su se stessi, sulle proprie vite, sul proprio destino.

Il virus è velocissimo e ha la prerogativa di colpirci in quella che è una delle funzioni tra le più essenziali alla vita.

La respirazione.

Eh sì, cari, possiamo vivere qualche giorno senza bere e molti giorni senza mangiare.

Pochi secondi senza respirare.

Ci sono altri dati inquietanti sulla malattia. Non voglio insistere, li trovi dappertutto.

Facciamo la nostra parte, seguiamo le regole. Stiamo a casa.

Non facciamo i “furbetti” della passeggiatina, della spesina e della mascherina.

Che la mascherina non serve a proteggere te (semmai fa peggio, ti dà un’idea di falsa protezione) e si deve saper usare, sennò è più dannosa che altro.

Quindi non facciamo i supereroi con un pezzo di carta o di stoffa davanti alla bocca, che ci lasciamo le penne. Lisce o rigate che siano.

Approfittiamo di questa reclusione e di questo ozio forzati per fare qualcosa di mai fatto, di mai sperimentato.

So che tra le mie lettrici ci sono molti operatori della sanità e persone che lavorano nei supermercati.

Ragazzi, grazie, sono con voi, quello che scrivo sull’ozio non fa riferimento a voi.

E’ un momento duro e difficile, lo so.

L’isolamento pesa e pesa ancora di più per chi vive solo.

Anche se vivere soli, dal punto di vista pratico, in giorni come questi, ha degli indubbi vantaggi.

So che tra chi legge c’è chi ha vicini o parenti malati o anche chi è risultato positivo.

Coraggio.

Il volto della paura

Io sono convinta che questo momento passerà e in modo più semplice di quanto pensiamo, ma che su molti lascerà traumi e cicatrici.

Sono certa che ce la faremo e che torneremo al lavoro, ai piaceri, alle relazioni, con il tempo, con la pazienza, con un po’ di fatica.

Sono ottimista e non posso non avere in mente chi soffre in questo momento, per i più vari motivi.

Quando ho saputo dell’obbligo di rimanere a casa, il mio primo pensiero è andato alle donne costrette a vivere in spazi ristretti con un uomo maltrattante.

Ognuno ha le sue “deformazioni” e questo è stato il mio primo pensiero.

Se sei una donna maltrattata a contatto stretto con il tuo maltrattante, che può essere anche uno stalker, chiama il numero nazionale 1522, sempre attivo, o vai sul sito 1522.eu sul quale c’è una chat sempre funzionante che ti permette di chiedere aiuto senza parlare e senza farti sentire.

Cogli questa opportunità per liberarti finalmente dal giogo di una relazione abusiva.

Poi il mio pensiero è andato ai bambini, soprattutto quelli più piccoli ed emarginati, che non hanno nemmeno la possibilità di andare a scuola e di imparare nozioni che li aiuteranno nella vita.

Ci sono i malati cronici, quelli affetti da gravi malattie che si devono curare, coronavirus o no, i diversamente abili, gli anziani soli o quelli in case di riposo.

I reclusi nelle carceri.

I ministri di culto di differenti religioni che devono sostenere i loro fedeli.

I sindaci, gli impiegati di uffici postali e i lavoratori di Comuni e del Parlamento e del Governo, tutti coloro che lavorano nelle retrovie, per studiare le misure più giuste per proteggerci e farci star bene.

Ci siamo dentro tutti in questo pasticcio.

Alcuni di noi sono più forti.

Io, per esempio, non sono di sicuro un senzatetto, un bimbo appartenente a una famiglia disagiata, un anziano solo.

Altri sono più fragili.

Ci sono i dipendenti di aziende private che sopravviveranno all’ondata.

Ci sono i dipendenti di aziende private che non ce la faranno.

Ci sono i dipendenti statali, che tutt’al più si mangeranno qualche giorno di ferie, ma anche loro vivono la tragedia della comunità.

Ci sono quelli che lavorano in proprio, come me.

Negozi che abbiamo visto chiudere da un giorno all’altro e che non riapriranno più.

Ci sono coloro che lavorano in aziende di importanza e/o fanno lavoro a distanza.

Ci sono coppie che stavano cominciando a conoscersi e che faticano a portare avanti la conoscenza.

Coppie che stavano per separarsi e che sono costrette a stare insieme per un bel po’ ancora.

Ci saranno molte coppie che finalmente, data la costrizione della convivenza forzata, si scopriranno “scoppiate” e scoppieranno.

Le opportunità di incontro diminuiscono per tutti, per non dire che si azzerano.

Così diventeranno più insistenti i seduttori da tastiera e meno coloro che vogliono portarti a letto dopo una chat, dato che sono molto pragmatici e sanno che è vietato avere contatti ed è complicato, quindi non si sprecano.

Ci sono un’infinità di persone che hanno cause legali in sospeso, di vario tipo, anche di separazione e di divorzio, che si allungheranno ulteriormente, come se la giustizia italiana non fosse già abbastanza lenta.

Dal punto di vista delle relazioni, per molti è una buona occasione per riflettere, fermarsi ed evitare di fare incontri sbagliati.

Ci sarà qualcuno – pochi – che faranno la quarantena dalla loro villa con piscina e molti dal loro appartamento di 60 metri quadri.

C’è chi fa la quarantena in compagnia della sua famiglia serena e affiatata.

Ci sono molti giovani e meno giovani adulti che per vari motivi hanno scelto o sono stati costretti a vivere nella famiglia di origine e sentono probabilmente il peso di spazi ristretti e di una vicinanza continua.

Molti saranno arrabbiati per i molti aspetti negativi di questo isolamento  e per molto altro che ne deriva.

Magari diventeranno rancorosi.

Per molti questo nuovo e inedito problema si somma ad altri rilevanti giù presenti nelle loro vite.

Altri scopriranno la forza di affetti famigliari e da lì si sentiranno rafforzati per creare belle relazioni fuori, dopo.

Io sento persone vicino a me, mie lettrici, mie clienti, che continuano a lavorare, a distanza, hanno nuovi progetti lavorativi per il futuro, oppure si trovano in situazioni non pienamente soddisfacenti che di colpo sono diventate posizioni comode, perché inaspettatamente sicure.

Io stessa, come dicevo, alterno momenti di sconforto e momenti di speranza e di fiducia.

So che usciremo da questa situazione e se lo vorremo davvero torneremo a riassaporare la vita con più gusto, con un’importante esperienza alle spalle.

Quello che dico a me stessa è di stare concentrata sull’istante, sul momento, buttando sempre un occhio all’orizzonte, anche se anch’io sono costretta in appartamento, in città, nella città che tutti sappiamo deve resistere costi quel che costi.

La paura che ci rende più fragili e l’amore che dobbiamo a noi stessi

So bene che la paura, l’incertezza, le privazioni, la solitudine, magari la perdita certa del lavoro o di guadagni, ci mettono in crisi.

Materiale e morale, soprattutto.

Lo so perché lo sperimento su di me e lo osservo negli altri. Lo so, perché si sa.

Tutte queste emozioni sono naturale, lecite, comprensibili, ci fanno “regredire”, ci fanno tornare tutti un po’ bambini o ci fanno “involvere”, ci fanno cioè tornare indietro rispetto alla nostra crescita come donne e come uomini e ci fanno venire la tentazione di scappare , in genere e quindi di sfuggire alle regole.

Ci fanno tirare fuori il peggio di noi stessi e non essere, poi, orgogliosi di noi.

E’ necessario, invece, abbracciare noi stessi con maggiore affetto e comprensione, essere ancora meno severi, accettare la paura e gli atteggiamenti che di noi non apprezziamo, con amore totale.

Perché la regressione, il tornare indietro sono fenomeni normali e passeggeri che poi ci faranno fare un balzo in avanti.

Accettiamo i nostri limiti e i limiti degli altri, per scoprire il vero amore e andare oltre le difficoltà.

I valori per superare la paura

In questi giorni ho provato a stendere un elenco di emozioni e di valori che mi sono venuti  in mente, a caso, in diversi momenti.

Comprensione. Compassione. Amore per sé. Amore per gli altri.

Empatia.

Legami. Legame

Resistenza. Resilienza. Limite. Limiti. Confini. Protezioni. Difese.

Forza. Vulnerabilità.

Salute. Benessere.

Coscienza. Consapevolezza. Autoconsapevolezza.

Protezione. Autoprotezione. (Proteggersi sempre!)

Amore. Affetto. Scoperta. Rivelazione. Sincerità.

Gentilezza. Ottimismo. Umorismo. Entusiasmo.

Cooperazione. Collaborazione. Solidarietà. Buon senso.

Supporto. Comunità.

Privilegio. Riflessione.

Libertà. Lucidità. Autonomia. Indipendenza. Volontà. Forza di volontà.

Scelta.

Tenacia. Determinazione.

Sacrificio (da “sacro”).

Prospettiva. Progetto.

Fede. Speranza. Carità. (Che per la dottrina cristiana sono le virtù teologali).

Prudenza. Giustizia. Fortezza. Temperanza. (Che per la dottrina cristiana sono le virtù teologali).

A proposito di dottrina cristiana, io che non sono credente, ho trovato interessante questo consiglio del professor Berrino per rilassarci.

Recitare l’Ave Maria in latino, come consiglia Berrino: “la prima parte (Ave Maria, gratia plena…) inspirando, la seconda (Santa Maria, Mater Dei…) espirando. Faremo sei respiri al minuto invece che i soliti 12 o 13.”

Questo il testo in latino dell’Ave Maria:

Ave Maria, gratia plea,                                                                                                                          Dominus tecum.                                                                                                                      Benedicta tu in muliéribus,                                                                                                                    et benedictus fructus ventris tui, Iesus.                                                                                               

Sancta María, Mater Dei,                                                                                                                    ora pro nobis peccatoribus,                                                                                                                  nunc et in hora mortis nostrae.                       

Se sei credente puoi concentrarti nella preghiera in latino (ricordandoti che si pronuncia esattamente come si scrive, come l’italiano).

Se non sei credente puoi usare questa preghiera per rilassarti, nel massimo rispetto delle parole che dici.

Se non sei cristiana o di cultura cristiana, puoi usare una preghiera che senti affine al tuo credo e ai tuoi valori.

E’ un articolo lungo lo so.

Conto ti sia stato utile per spunti e riflessioni.

Sentiti libera di lasciare qui nello spazio apposito i tuoi commenti su questo tema.

O anche domande per me, sempre sul tema.

Ovviamente si deve trattare di domande che rispondano a tue esigenze emotive, non certo mediche 😊

Se vuoi condividere i tuoi valori che ti sostengono in questo momento strategie utili per stare meglio in questo periodo, film o video da guardare (no bufale, di nuovo!), libri da leggere, condividi!

Racconta la tua storia e le tue emozioni. Condividiamo le emozioni, superiamo la paura con la forza della comunità!

Lascia un Commento!

79 Commenti

  1. Avatar di Selene

    Selene 5 giorni fa (25 Marzo 2020 22:28)

    Ciao Ilaria negli ultimi giorni ho trovato consigli preziosi nelle tue parole. Vorrei condividere con te un pezzetto di me. La paura è il primo sentimento che ho conosciuto da piccola e mi ha accompagnata fino a pochi mesi fa. Il sentimento dell'amore ci lavoro da anni ma secondo me certe cose o te le insegnano da piccola o non ti vengono naturali...come imparare a nuotare. Se può essere d'aiuto a qualcuno io per sopravvivere e non perdere il lume della ragione nel mio periodo piu pauroso e disperato sono ripartita da capo. O meglio riparto dalle azioni più semplici come : igene, cucito, solitario, pulisco casa, chiamo le amiche per sapere come stanno, gioco con mio figlio. Dopo sono passata a pianificare i miei obiettivi professionali, i miei obiettivi nel tempo libero e a come affrontare una per una le mie paure. Quindi ho scritto tante liste con i punti necessari per raggiungere gli obiettivi e affrontare le paure. Le paure devono essere affrontate per stare meglio con se stesse, avere più fiducia nella vita. Si affrontano a piccoli obiettivi, come nei tuoi consigli su come non farsi catturare dal divano dopo una delusione amorosa. Però da sola, senza una spalla non ce l'avrei mai fatta, quindi credo che tu con le tue parole avvolte di incoraggiamento e avvolte nude e crude, puoi continuare a darci quella spinta di coraggio e chiarezza in piu che da sole non troviamo . Ciao Grazie mille
    Rispondi a Selene Commenta l’articolo

    • Avatar di Ilaria Cardani

      Ilaria Cardani 5 giorni fa (25 Marzo 2020 22:39)

      Ciao Selene, grazie mille a te. Io sono qui a tenere la mia barra e, se posso, ad aiutarvi a tenere la vostra, come sempre e lo faccio volentieri. Grazie anche della condivisione di quanto tu fai per te per stare meglio. Quanto all'amore, penso che tu ti riferisca all'amore per te stessa, che è il punto di partenza per l'amore degli altri, cioè per amare ed essere amati. Credimi, sono più le persone alle quali NON è stato insegnato che quelle alle quali è stato insegnato. Non ti viene naturale e puoi sempre apprenderlo da te. Potresti fare una lista dettagliata di quali secondo te sono i primi passi, per imparare a nuotare nel lindo oceano dell'amore.
      Rispondi a Ilaria Cardani Commenta l’articolo

  2. Avatar di Alisia

    Alisia 5 giorni fa (25 Marzo 2020 23:39)

    Ciao Ilaria, aspettavo da un po i tuoi preziosi consigli su quanto stiamo vivendo e ti ringrazio perché mi sono commossa. Io alterno momenti di angoscia, lavorando come dipendente in un'azienda privata non so come andrà a finire, con momenti di incredulità, o momenti in cui mi sento forte e ottimista. Mi aiuto molto facendo giardinaggio, meditazione e leggendo. Nella mia libreria avevo questi due libri ancora da iniziare: L'arte di amare di Erich Fromm e Vivere Amare e capirsi di Buscaglia. Grazie per le tue parole, un saluto a tutti. Coraggio sempre!
    Rispondi a Alisia Commenta l’articolo

  3. Avatar di M&M

    M&M 5 giorni fa (26 Marzo 2020 7:46)

    Ciao a tutt*, in questo particolare momento storico ciò che mi fa paura é il "dopo". Mi preoccupa la recessione economica a cui andremo incontro. Lavoro nel settore privato e non so se l'azienda ce la farà a sopravvivere. E una crisi di liquidità è davvero dietro l'angolo, soprattutto in una piccola realtà il cui fattore produttivo principale, esclusivo direi, è il lavoro. Quanto ai libri che mi tengono ora compagnia, ne segnalo uno leggero, anzi, proprio divertente, che ironicamente mi sembra adatto alla situazione: "Il vangelo secondo Lebowski" di O. Benjamin e D. Eutsey. Se già vi era piaciuto il film dei fratelli Coen, ovviamente. Grazie per le tue parole, Ilaria, e grazie a chi commenta. E' stare insieme ed essere uniti anche questo.
    Rispondi a M&M Commenta l’articolo

  4. Avatar di Mononoke

    Mononoke 5 giorni fa (25 Marzo 2020 21:57)

    Grazie Ilaria, articolo molto prezioso. In questi giorni così difficili ci sono 3 cose che mi stanno dando momenti di felicità: curare le mie piante, ascoltare Hey You dei Pink Floyd e leggere alla sera "L'uomo in cerca di senso" di Victor Frankl, lo psicologo che sopravvisse al lager e da quell'esperienza sperimentò che gli esseri umani, anche in condizioni di totale deprivazione psico-fisica, sono in grado di trovare una forza interiore incredibile e un grande amore per la vita. Questa lettura mi è di molto conforto.
    Rispondi a Mononoke Commenta l’articolo

    • Avatar di Ilaria Cardani

      Ilaria Cardani 5 giorni fa (25 Marzo 2020 22:12)

      Ottimi suggerimenti. Straconsigliato e quanto mai pertinente il libro di Frankl. Grazie Mononoke.
      Rispondi a Ilaria Cardani Commenta l’articolo

    • Avatar di FrancescaF

      FrancescaF 5 giorni fa (25 Marzo 2020 22:41)

      Ciao Mononoke, brava, grazie per aver citato Viktor Frankl, che anche io consiglio e che, grazie a te Mononoke, vado a riprendermi, ne ho un disperato bisogno. Ho letto l'articolo di Ilaria e mi sono sinceramente commossa. Grazie per queste riflessioni sentite e non urlate. Un abbraccio a tutte.
      Rispondi a FrancescaF Commenta l’articolo

    • Avatar di Mononoke

      Mononoke 5 giorni fa (26 Marzo 2020 11:00)

      Sono contenta FrancescaF di averti ricordato Frankl, buona lettura!
      Rispondi a Mononoke Commenta l’articolo

    • Avatar di Daniela

      Daniela 5 giorni fa (25 Marzo 2020 22:45)

      Ciao Ilaria, grazie per questo articolo. Hai scritto delle cose verissime. Questo momento dovrebbe aiutarci a riscoprire valori più veri. Personalmente per me è un periodo difficile perché, oltre a questa emergenza sanitaria, tre mesi fa ho perso mia madre. Ma tutto sommato va bene, perché dopo tanto dolore sto riconcentrandomi su me stessa e capendo, al di là di tutto, che la vita è sacra... che la vita di ognuno è sacra. Mi riferisco anche al fatto che ieri, proprio per questo virus, è mancato un mio collega. Era un operatore sanitario, lavorava in un ospedale. Lascia un vuoto enorme nel cuore della sua famiglia e dei suoi colleghi. Mi chiedo... noi ci lamentiamo di dover stare a casa...ma pensiamo a quelle persone che sono in prima linea e che stanno cercando in tutti i modi di contrastare questo virus? Rivolgiamo le nostre preghiere anche a loro... e sopratutto riscopriamo il nostro senso civico e facciamo la nostra parte decidendo di stare a casa. Un saluto a tutti.
      Rispondi a Daniela Commenta l’articolo

    • Avatar di Ilaria Cardani

      Ilaria Cardani 5 giorni fa (25 Marzo 2020 22:48)

      Concordo, preghiamo - ognuno come si sente, come vuole e come può, le forme di preghiera sono infinite - e facciamo il nostro dovere.
      Rispondi a Ilaria Cardani Commenta l’articolo

  5. Avatar di Valeria87

    Valeria87 4 giorni fa (26 Marzo 2020 15:25)

    Ciao, Ilaria. Articolo immenso. Ti ringrazio di cuore per aver espresso così bene le emozioni contraddittorie che ci accompagnano in questi giorni. Mi sono riconosciuta in pieno nelle tue parole: anch'io all'inizio cercavo di vedere questa situazione come una sfida, ma mi sono resa conto quasi subito di come questa visione fosse irrispettosa di chi ha già perso troppo a causa dell'epidemia. Al momento sono in ferie forzate e sto cercando di usare al meglio questo tempo per la mia formazione: per ricostruire sulle macerie che resteranno avremo bisogno di tutto il nostro potenziale e tutti i nostri talenti, anche quelli che magari fino ad oggi sono rimasti inespressi. Per chi non l'avesse ancora ascoltato, suggerisco di cercare su Youtube il discorso di Liliana Segre al Parlamento Europeo: è la mia àncora quando i pensieri ossessivi rischiano di prendere il sopravvento. Un abbraccio a te e tutti i lettori del blog.
    Rispondi a Valeria87 Commenta l’articolo

  6. Avatar di Sy

    Sy 4 giorni fa (26 Marzo 2020 15:35)

    Buongiorno Ilaria! Che piacere rileggere i tuoi utilissimi articoli. Riguardo la gestione della paura e delle emozioni di questo momento, la difficoltà grossa di questo genere di sfide, secondo me, chiamiamole così, è la durata nel lungo periodo, senza sapere quando e come finirà, anche se finirà prima o poi, sono d'accordo nel conservare l'ottimismo. Ma è quel "poi" che preoccupa. Io mi son ritrovata, dopo una battuta d'arresto, a dovermi reinventare il lavoro ed è un sacrificio e una sfida che dura da anni. Comincio ad intavedere una piccola luce, ma ancora non sono uscita dal tunnel, anche se continuo a fare tanto, a migliorare, a cercare di capire e studiare. Consapevole che nella vita tutto cambia e fiinisce, però ho visto che ci sono sfide che durano molto tempo, anni, in base agli sforzi e la consapevolezza di ognuno, certo ognuno di noi è un caso a se e non è uguale per tutti allo stesso modo. Quando il tempo di risoluzione è lungo diventa difficile mantenere l'ottimismo, la fiducia. Per cui ti chiedo come si può fare per mantenere viva la fiamma della speranza e la fiducia anche nel lungo termine. Con stima, Sy
    Rispondi a Sy Commenta l’articolo

  7. Avatar di London

    London 4 giorni fa (26 Marzo 2020 16:22)

    Bellissimo articolo! Bellissime riflessioni. Grandi verità. Io alterno giorni di ferie, e, non potendo fare smart working, vado anche a lavoro. Quando sono a casa cerco di concentrarmi su di me e sul mio benessere, cercando di non pensare troppo (difficile visto che siamo bombardati di notizie da più di un mese tutto il giorno, infatti i giorni dove forse ho assorbito di più le notizie, la notte non ho dormito bene e ho fatto sogni strani). Quando sono a casa, dopo colazione faccio un po' di yoga con musica rilassante, poca meditazione, preparo ciambelle e crostate, leggo e guardo dei bei film, cerco di rilassarmi. Gli ultimi due film che ho visto mi sono piaciuti tantissimo. "Richard Jewell" di Clint Eastwood (Bellissimo!!) e "The Banker". E al momento come lettura, per stare in tema del momento (che è un po' un controsenso se uno vuole distrarsi però molto interessante), "Spillover" di Quammen David che alterno con "Schiava di Picasso" di Osvaldo Guerrieri, per staccare un po' la testa dai virus. :)
    Rispondi a London Commenta l’articolo

  8. Avatar di laura

    laura 4 giorni fa (26 Marzo 2020 16:40)

    Ciao Ilaria, grazie per l'articolo. Lavoro per un'azienda privata nelle risorse umane (assumo personale per diversi settori) e ho a che fare più che con problemi di fatturato con i pensieri, le aspettative e le paure dei lavoratori con i contratti in scadenza o con l'azienda chiusa improvvisamente per cassa integrazione. Dopo il lavoro full time arrivo a casa dai miei due splendidi bimbi, un maschietto di 7 anni e una bimba di 5 anni e mezzo. E faccio la loro mamma, divorziata da 3 anni. Un mondo nel mondo quello che vivo, ovattato da un extra mondo "il Covid 19" sconosciuto agli umani fino a pochi mesi fa. Non ti nego che la notte ormai faccio fatica a rilassarmi, perché se è vero che siamo tutti un po' soli, oggi mi ci sento particolarmente. Sola con le mie tensioni, le fatiche di portare avanti nel migliore dei modi i problemi sul lavoro e a casa, sola nell'accezione più ristretta di donna single. L'amore è importante, mi piacerebbe innamorarmi...di questi tempi la vedo dura per non dire impossibile! I contatti con gli altri si delimita per lo più a uno scambio digitale, si diventa in effetti tutti più tristi e chiusi. Mi piace chiudere questa mia riflessione però confermando che mai come in questi momenti delicati possiamo, e dobbiamo, imparare a vedere le cose per quello che sono esattamente, senza illusioni o drammi. Semplicemente con la forza e il coraggio della realtà possiamo imbastire un buon lavoro, dentro di noi e poi intorno, per le prossime relazioni. Non vedo l'ora di incontrare l'uomo della mia vita! Un abbraccio dalla rete a tutte noi DONNE
    Rispondi a laura Commenta l’articolo

    • Avatar di Ilaria Cardani

      Ilaria Cardani 4 giorni fa (26 Marzo 2020 16:43)

      Grazie Laura per la tua testimonianza. Io credo che "dopo" il mondo delle relazioni offrirà molte opportunità in più. Per questo il momento di fermo obbligatorio (e doloroso) è un'occasione per occuparsi di sé e preparare la propria serenità.
      Rispondi a Ilaria Cardani Commenta l’articolo

    • Avatar di Fabio

      Fabio 4 giorni fa (26 Marzo 2020 17:12)

      È un momento di fermo che non durerà a lungo, la Cina si sta già riavviando, è stata la prima vittima del contagio, poi siamo venuti noi e la Corea, ora siamo i prossimi a ripartire, partiremo lentamente, ma partiremo, mentre tanti altri paesi sono solo all'inizio, e purtroppo hanno pure sottovalutato il pericolo trovandosi impreparati nonostante noi avessimo fatto da apripista e abbiano avuto almeno due settimane di tempo in più.
      Rispondi a Fabio Commenta l’articolo

  9. Avatar di Allegra

    Allegra 5 giorni fa (25 Marzo 2020 22:51)

    Ciao Ilaria e grazie per questo meraviglioso contributo. Sono una studentessa di infermieristica lavoratrice e sto vivendo questo momento con particolare tristezza perché la persona con cui stavo da tre anni è sparita nel nulla ai primi dicembre dopo avermi attaccato il telefono in faccia in seguito a uno scatto nervoso e non ha neppure più risposto ai messaggi. Scomparso senza spiegazioni, senza chiarimenti, nulla. Come chi esce a comprare le sigarette e non torna più. Ho passato notti insonni per settimane, andavo a lezione e a lavoro demotivata e senza energie, ho dato gli esami del primo semestre con la morte nel cuore senza sapere neppure come ho fatto. Tuttora continuo ad avere crisi di pianto continue e non riesco a concepire che neppure in un momento così tragico e mai sperimentato prima d’ora come quello che stiamo vivendo non voglia farsi sentire, sapere come sto. Io sono molto preoccupata per lui ma non so che fare; ho sempre l’impulso di chiamarlo ma che senso avrebbe, dopo che non ha risposto a messaggi chilometrici in cui ribadivo i miei sentimenti e chiedevo spiegazioni?Spero sia lui a battere un colpo, ma giorni e notti si susseguono ancora e ancora senza che avvenga nulla. Non faccio che piangere e questa clausura, forzata ma necessaria, sta acuendo la mia disperazione e rendendo più complicato ancora lo studio e il lavoro a distanza. Mi deve anche una somma cospicua di denaro ma non è questo il problema per me: i soldi vanno e vengono e se tornasse sarei disposta a sostenerlo e aiutarlo ancora. Ho bisogno di sapere, di capire. Perché mi ha fatto questo da un giorno all’altro? Perché mentre programmavamo le cose da fare nei giorni successivi e avevo avuto da poco anche un brutto incidente stradale, dal quale mi ero ripresa da poche settimane, si è volatilizzato? Ha lasciato che passassero le feste, lutti nella mia famiglia, altri fatti piuttosto gravi senza chiedermi neppure come stessi. Un fantasma. Non riesco ad andare avanti e mi sono isolata anche da un’amicizia comune che, temo, abbia pesantemente contribuito a mettere zizzania; e questa persona continua a insistere nel contattarmi in maniera brusca e non certo da amica, cosicché le mie paranoie sul suo voler solo fare pettegolezzo aumentano. Non so più che fare e non riesco ad andare avanti. Avevo preso casa da sola e accettato un incarico vicino a lui per chi? Per cosa? Mi è crollato tutto addosso all’improvviso e il dolore mi sta dilandiando.
    Rispondi a Allegra Commenta l’articolo

    • Avatar di Ilaria Cardani

      Ilaria Cardani 5 giorni fa (25 Marzo 2020 23:18)

      Mi dispiace del tuo dolore Allegra, che so essere forte e autentico. Devo dire (è proprio un dovere da parte mia), che hai avuto a che fare con un pessimo personaggio, un maligno perverso, forse un narcisista, di sicuro un anaffettivo e profittatore. Un pessimo soggetto, insomma, come ve ne sono molti altri - sono soggetti molto diffusi nel nostro mondo, per una serie di ragioni sociologiche, psicologiche e culturali - il cui scopo era quello di sfruttare l'energia e la forza dei sentimenti che tu avevi per lui (si chiama "ricarica narcisistica") e di sfruttarti materialmente. E' riuscito, come tutti costoro, nel suo intento, favorito soprattutto dal fatto, come sempre accade, di aver scelto bene la sua preda. Tu mi appari infatti una ragazza piena di qualità e di buone intenzioni, con tante risorse e allo stesso tempo indifesa e ingenua. Forse anche con qualche cicatrice lasciata dal tuo passato. Sbagli nel dire che se tornasse saresti pronta ad aiutarlo e a sostenerlo ancora. Questo è un modo di vedere altamente disfunzionale. Per il tuo bene e per la tua salvezza quest'uomo non deve tornare e tu devi convincerti che l'amore è una cosa completamente diversa da quella che hai vissuto e stai vivendo. Ma proprio il contrario. L'amore non è fatto del sadismo che ha mostrato costui e della sua aridità e nemmeno della tua totale devozione e del tuo dilaniarti attuale. Blocca lui e la conoscenza in comune. Questa conoscenza sembra condividere con il personaggio di cui parliamo l'aridità dei sentimenti e la totale mancanza di rispetto degli altri. Bloccali entrambi. Metti un punto e comincia a scrivere una nuova storia. La sofferenza di oggi ti risparmia altre più grandi sofferenze in futuro. E' importante che tu ne assuma consapevolezza quanto prima e ti liberi, prendendoti cura di strutturare un nuovo e diverso schema di relazionarti a un uomo. Coraggio. Adesso è il momento più opportuno.
      Rispondi a Ilaria Cardani Commenta l’articolo

    • Avatar di Allegra

      Allegra 5 giorni fa (25 Marzo 2020 23:47)

      Grazie di vero cuore per le tue parole, Ilaria. Purtroppo non riesco a uscire da questo tunnel; non capisco cosa io abbia fatto di male per ricevere un trattamento simile e continuo ad arrovellarmici appresso con mille tormenti e interrogativi. Sono sempre stata premurosa e affettuosa e non avevo occhi che per lui, né pensato a nessun altro al mio fianco. Anche quando aveva scatti d’ira ho sempre cercato di comprendere la sua situazione personale e avere rispetto del suo passato, senz’altro doloroso, pur con tante ombre e incognite che tuttora non ho risolto. Per quanto riguarda la questione economica mi sono preoccupata per lui, dal momento che mi aveva detto che già chiedere era un’umiliazione, e chiedere a me doppia; e in seguito non ho mai sospettato che stesse approfittando di me, perché mi aveva già restituito, a distanza di qualche mese e a scaglioni, il triplo della somma che mi deve ora, nonostante gli abbia sempre detto che capivo la situazione e non c’era alcuna fretta (aveva accumulato un debito piuttosto consistente); quindi pensavo che fossero dei prestiti particolarmente problematici e urgenti. Non gli ho neppure mai chiesto, per non farlo trovare male, che uso ne avrebbe fatto. I miei pochi affetti che sanno mi dicono che è stato un farabutto e che dovrebbe restituirmeli, ma ti giuro che a me non importa nulla. Vorrei chiedergli almeno come sta. È assurdo che si comporti come non fossi mai esistita, eliminandomi completamente dalla sua esistenza dall’oggi al domani e senza una motivazione.
      Rispondi a Allegra Commenta l’articolo

    • Avatar di Ilaria Cardani

      Ilaria Cardani 5 giorni fa (26 Marzo 2020 7:08)

      Allegra, come spesso accade non vuoi vedere la realtà. L’importante è che tu ti tenga lontano da lui e soprattutto eviti di nuovo storie del genere. Per evitarle è necessario che tu prenda consapevolezza di quale imbroglio sei stata vittima.
      Rispondi a Ilaria Cardani Commenta l’articolo

    • Avatar di London

      London 4 giorni fa (26 Marzo 2020 13:05)

      Ciao Allegra, mi dispiace della tua sofferenza e immagino che, con questa quarantena forzata, senza vedere famigliari e amici, possa essere ancora più dolorosa. Come ti ha detto Ilaria, hai avuto a che fare con un pessimo personaggio. In tre anni non te ne sei mai accorta? Com'è possibile? Elenchi molte cose di lui che fanno capire che tipo di soggetto sia. Richiesta di soldi, scatti d'ira (che tu dovevi capire? per favore.), ombre e incognite del suo passato, scomparsa improvvisa. Mi piacerebbe capire che tipo di rapporto avete avuto per tre anni. Ma cosa ti interessa sapere? Come sta? Ma cosa ti interessa? La tua tristezza e questa energia dovrebbe scaturire in rabbia nei suoi confronti ma rabbia positiva, quel tipo di rabbia che ti porta a dire: "Ma come si è permesso! Non avrà più modo di avere a che fare con me". Lo bloccherei del tutto ma prima farei il tentativo, serio, di chiedere indietro i soldi che gli hai prestato ma senza ricadere nelle sue grinfie. Ma occorre essere nel mood giusto e credo che tu non sia ancora pronta. quindi Bloccalo e distraiti e pensa che hai vinto te. Cosa vorresti uno così al tuo fianco?
      Rispondi a London Commenta l’articolo

    • Avatar di London

      London 4 giorni fa (26 Marzo 2020 14:05)

      Ciao Allegra, avevo scritto un commento lunghissimo poi mi si è bloccato il pc ed è saltato. Provo a riassumere. Capisco il tuo dolore, immagino amplificato dal momento di quarantena forzata. Vorrei capire che tipo di rapporto avete vissuto per tre lunghi anni, conoscevi chi avevi al fianco? O era un rapporto virtuale? Non hai voluto vedere la realtà? Da alcune cose che scrivi si capisce che tipo di soggetto è, già chiedere soldi in prestito (che non ti ha ridato), scatti d'ira (da capire per il suo passato??), ombre e incognite sul suo passato e scomparsa finale. Adesso, fammi capire, vuoi sapere anche come sta? Io cercherei di contattarlo, con una alta dose di incaxxo, solo per farmi ridare indietro i miei soldi, ma occorre essere stabili e forti, altrimenti potresti ricaderci, niente che faccia due moine, e tu, ad oggi, ci ricaderesti perchè non vuoi vedere la realtà. Altro che sapere come sta, dovresti invece pensare "ma come si è permesso di trattarmi così?" e mandarlo a quel paese senza ritorno. Al momento bloccalo e cerca di distrarti. Poi gli chiederai i soldi.
      Rispondi a London Commenta l’articolo

    • Avatar di Ilaria Cardani

      Ilaria Cardani 4 giorni fa (26 Marzo 2020 14:17)

      Guarda che mi pare che il commento ci sia...
      Rispondi a Ilaria Cardani Commenta l’articolo

    • Avatar di London

      London 4 giorni fa (26 Marzo 2020 14:20)

      Ah, sì! appena ho postato il secondo ho visto comparire il primo. Mi si era bloccato tutto : )
      Rispondi a London Commenta l’articolo

    • Avatar di Allegra

      Allegra 4 giorni fa (26 Marzo 2020 14:47)

      Ringrazio entrambe per i commenti, sia Ilaria, sia London. Mi state sostenendo in giorni veramente grigi e duri e finalmente mi sento compresa e non colpevolizzata con frasi del tipo: “sei una stupida”, “ormai sono passati mesi, che ti aspetti?” “i veri problemi sono altri” e via dicendo. Se c’è un modo per mettermi in contatto con London (e Ilaria può farlo), mi piacerebbe risponderle in privato per non indugiare troppo in commenti personali, visto che mi ha chiesto delle cose specifiche sul nostro rapporto che vorrei chiarire. Grazie.
      Rispondi a Allegra Commenta l’articolo

    • Avatar di Ilaria Cardani

      Ilaria Cardani 4 giorni fa (26 Marzo 2020 15:04)

      Ciao Allegra, contenta il confronto ti sia utile. Lo scopo del blog è quello di confrontarsi tutti insieme, non di creare contatti privati. Ci sono molte buone ragioni per questo. Se vuoi, puoi continuare a intervenire qui, con la buona educazione e il rispetto che hai dimostrato finora.
      Rispondi a Ilaria Cardani Commenta l’articolo

    • Avatar di Allegra

      Allegra 4 giorni fa (26 Marzo 2020 15:09)

      Certo, lo capisco e ti ringrazio :)
      Rispondi a Allegra Commenta l’articolo

    • Avatar di Allegra

      Allegra 4 giorni fa (26 Marzo 2020 15:24)

      Hai ragione quando dici che non è il momento. Capisco la vostra prospettiva ma non riesco ad abbracciarla e farla mia in nessun modo. È come se mi fosse stato strappato il cuore dal petto e tutto ciò che vorrei è sentire ancora la sua voce e avere una spiegazione per questo comportamento incomprensibile. Riguardo il bloccarlo, purtroppo non credo sia necessario (mi verrebbe da dire: “Magari!” Significherebbe che si fa sentire). Per rispondere alla tua domanda, non era una storia virtuale. Ci siamo conosciuti di persona, anche in un ambiente piuttosto delicato, e di persona siamo stati (anche se c’era una sua volontà precisa, me ne rendo conto, di tenermi lontana da certi contesti, per quanto abbia sempre negato e la cosa sia spesso stata oggetto di discussione). Ovviamente dopo il patatrac improvviso mi sono estromessa da tutto (e questo è successo in realtà già in precedenza, visto che non è stata la prima volta che aveva deciso di chiudere, ma almeno lo aveva fatto palesemente e faccia a faccia - benché senza una motivazione specifica - e non sparendo nel nulla). Soffro ancora di più anche per questo, perché mi sono isolata da contatti comuni e quant’altro per proteggerlo e non causargli danni, visto che quelle persone erano sue amiche da molto tempo e soprattutto vivevano e vivono nella sua città. D’altro canto, se avessero voluto continuare un rapporto con me avrebbero avuto mille modi per farlo, quindi dovrei essere dispiaciuta fino a un certo punto. Credo abbiano creduto alle sue versioni, visto che ho saputo molto tempo dopo che, quando gli chiedevano mie notizie, diceva fesserie tipo: “Non so che fine abbia fatto, non risponde neanche a me” guardandosi bene dal dire che mi aveva mollato in tronco, per non passare per il “cattivo” della situazione. E magari lo stesso sta facendo ora con quella persona poco trasparente di cui ho parlato nel primo post. Grazie ancora per le tue parole.
      Rispondi a Allegra Commenta l’articolo

    • Avatar di Laura

      Laura 4 giorni fa (26 Marzo 2020 15:25)

      Cara Allegra, ti sono vicina perché dai tuoi messaggi percepisco che il tuo dolore è autentico e che sei in vera difficoltà. Inoltre, molti anni fa mi sono trovata nella tua stessa situazione e anche io ci ho messo mesi a smettere di star male, di svegliarmi la notte, di vivere con la sensazione di attraversare un brutto sogno. Ti dico quello che vorrei poter dire alla me stessa di allora: immagina che un ladro sia entrato in casa tua e abbia fatto razzia delle tue cose, alcune a cui tenevi molto, altre a cui al momento non dai valore, ma che comunque erano tue e non aveva nessun diritto di prendere. E' per colpa tua? Di qualcosa che hai fatto? Te lo sei forse meritato? C'è qualcuno che merita una cosa del genere? No. E' importante sapere che motivi aveva il ladro per farti questo tipo di violenza, sapere come sta? Ha senso essere preoccupata per lui? Pensare che , se dovesse tornare, gli farai rubare anche altro? Ovviamente no. Puoi imparare a proteggerti e ad attuare comportamenti che riducano il più possibile le chances che una cosa simile ti accada di nuovo? Si, puoi farlo. So che è difficile, ma se riesci ad osservare quello che ti è accaduto dalla prospettiva giusta potresti scoprire che le domande che devi farti sono tutte diverse da quelle su cui ti struggi adesso, e che le cose che puoi desiderare sono anch'esse molto diverse da quelle che speri ora, e - cosa meravigliosa - interamente alla tua portata. Ti abbraccio
      Rispondi a Laura Commenta l’articolo

    • Avatar di Allegra

      Allegra 4 giorni fa (26 Marzo 2020 17:07)

      Grazie di cuore, Laura. Avendo tu provato tutto questo ugualmente in prima persona, sei in grado di capire benissimo come ci si sente e me lo hai dimostrato in pieno con le tue parole. Razionalmente riconosco che hai ragione, ma ho ancora una grande resistenza. Forse sembro ottusa, non lo so, ma per me continua ad essere importante capire quelle ragioni, cosa ci sia dietro. Non riesco a concepire che si possa a fare così deliberatamente del male e anche in caso di un furto reale (perché di furto si tratta anche in questo caso, benché dell’anima, è corretto quello che dici) sarei stata lì a chiedermi cosa potesse spingere un’altra persona a introdursi in una casa non propria, violare il privato della proprietaria, devastare e saccheggiare quanto accumulato e costruito con tanti sacrifici e impegno. Sono abituata ad analizzare le situazioni, mettermi in discussione in continuazione per capire cosa posso aver sbagliato e cercare di trovare un ordine in mezzo al caos. Sicuramente eccedo in questo, tendo anche a colpevolizzarmi tanto e ciò non è bene per la mia tranquillità mentale e la mia serenità. Grazie per questa metafora azzeccata che mi ha fatto molto riflettere.
      Rispondi a Allegra Commenta l’articolo

    • Avatar di Ilaria Cardani

      Ilaria Cardani 4 giorni fa (26 Marzo 2020 17:43)

      Allegra, hai sbagliato uomo. Era un rospo e tu hai voluto vedere un principe. Non sei la prima. Ti consiglio questi miei articoli: Uomini che non amano per niente https://www.lapersonagiusta.com/capire-se-gli-piaci/trovare-uomo-giusto-seduzione-attrazione/ Perché il rospo è un rospo più di quanto tu pensi e perché devi evitarlo a tutti i costi https://www.lapersonagiusta.com/capire-gli-uomini/rospo-seduzione-attrazione-uomo-donna/ Come interrompere la catena delle storie sbagliate (e degli uomini sbagliati) https://www.lapersonagiusta.com/errori-comuni/storie-sbagliate-uomini/ Stronzi: perché ti piacciono tanto e perché li devi evitare (Prima parte) https://www.lapersonagiusta.com/problemi-di-cuore/stronzi-seduzione-attrazione/ Stronzi: perché ti piacciono tanto e perché li devi evitare (Seconda parte) https://www.lapersonagiusta.com/problemi-di-cuore/stronzi-attrazione-seduzione/ Stronzi: perché ti piacciono tanto e perché li devi evitare (Terza parte) https://www.lapersonagiusta.com/problemi-di-cuore/stronzi-attrazione-conquistare-un-uomo/ E’ provato: le donne preferiscono gli stronzi https://www.lapersonagiusta.com/essere-felici/stronzi-seduzione-attrazione-donne/ Il figo, l’apparenza e la sostanza https://www.lapersonagiusta.com/psicologia-maschile/figo-uomo-giusto-sedurre-attrarre/ Il figo, lo stronzo e quelle che vengono picchiate https://www.lapersonagiusta.com/essere-felici/stronzo-attrarre-sedurre/
      Rispondi a Ilaria Cardani Commenta l’articolo

    • Avatar di M&M

      M&M 4 giorni fa (26 Marzo 2020 18:25)

      Allegra carissima, ogni volta che rispondi qui, dei dettagli si aggiungono. E ne viene fuori un brutto quadro e anche, permettimi, la descrizione di lui come persona con grooossi problemi. Ma seri davvero (e voglio fare la buonista). Capisco quanto dici, capisco la tua disperazione, ma pian piano cerca di farti un quadro della situazione tutta. E, con tutta la comprensione del mondo, ti dico: incazzati, incazzati per favore, che la rabbia ti aiuta a mettere le cose al posto corretto, almeno ora.
      Rispondi a M&M Commenta l’articolo

  10. Avatar di Holly

    Holly 4 giorni fa (26 Marzo 2020 17:09)

    Ciao Ilaria, molto bello questo articolo. Nel mio caso oltre alla paura e al dolore per l'attuale situazione che ormai sta coinvolgendo coinvolto tutto il mondo, si aggiunge la difficoltà a vivere questo periodo di isolamento forzato con un narcisista che fa parte della mia famiglia. Premetto che negli ultimi tempi ho fatto diverse letture in merito e ho capito che uno dei pochi metodi che funzionano per neutralizzare i narcisisti sono l'evitarli e l'ignorarli, che sembrerebbero molto semplici ma applicarli è tutt'altro che facile soprattutto se il narcisista è un membro della propria famiglia. In particolare quando devi conviverci 24h al giorno ed hai a che fa fare con questa persona distruttiva, arrogante, piena di sè, che si crede dio sceso in terra, che mente spudoratamente e che con altre persone al telefono sembra completamente un'altra persona. Credo che metterebbe a dura prova persino un santo, a furia di ignorare ciò che esce dalla sua bocca e tutte le stupidaggini che dice si sta instillando dentro di me un odio profondo nei suoi confronti e intanto mi rodo il fegato. Mi innervosisce profondamente quando parla, tutto ciò che dice e come si comporta, inoltre tratta tutti come suoi subordinati oltre a denigrare mia madre e mio padre. Insomma è un soggetto che definirei insopportabile. Il fatto è che rende la vita di chi convive con lui un incubo mentre all'esterno sembra una persona perfetta. Per cui ti chiedo e chiedo a chi ha già avuto esperienze in merito, come devo comportarmi per preservare il mio benessere? Ringrazio anticipatamente chiunque abbia avuto la pazienza e la voglia di leggere questo mio commento e di rispondere. Qualsiasi parola può essermi di conforto. Grazie
    Rispondi a Holly Commenta l’articolo

    • Avatar di Ilaria Cardani

      Ilaria Cardani 4 giorni fa (26 Marzo 2020 17:31)

      Ignorarlo e non dargli retta è la via più giusta, seppure difficile da seguire in spazi ristretti e in costrizione. Qui sul blog parlo spesso di questi personaggi, anche perché molte donne ne hanno avuto esperienza nelle persone di un partner o più partner. Ma, come fai notare giustamente tu, ci possono essere anche colleghi (spessissimo) e famigliari. Il consiglio più sentito che posso darti è quello di NON reagire, nemmeno nel segreto della tua anima, quando lui tocca i tuoi tasti dolenti o sensibili. So bene che soggetti sono costoro e ho verificato che spesso ti feriscono "conto terzi". Come dire, per usare una metafora: invece di dare uno schiaffo a te, picchiano il tuo gatto (gli animali domestici, tra l'altro sono per davvero i più maltrattati dopo donne e bambini da questi individui, se si tratta di animali domestici ai quali la vittima prescelta è particolarmente affezionata). Nel tuo caso lui maltratta i tuoi genitori vuoi per sfogarsi, vuoi per ferire te. Dimostragli indifferenza. Se la situazione diventa seria, ti tocca denunciarlo, so che è doloroso, ma si deve. Ti consiglio di leggere il libro di Les Carter "Difendersi dai narcisisti", che trovi nell'elenco delle letture consigliate (https://www.lapersonagiusta.com/inizia-da-qui/) e che secondo me puoi reperire anche in ebook.
      Rispondi a Ilaria Cardani Commenta l’articolo

    • Avatar di Holly

      Holly 4 giorni fa (26 Marzo 2020 17:57)

      Ti ringrazio Ilaria. Diciamo che a livello teorico sono informata, ma poi mi risulta difficile applicare le conoscenze che ho proprio nella pratica, nella vita quotidiana. Purtroppo non tutte le giornate sono uguali e se a volte mi stupisco del mio autocontrollo, ci sono giorni in cui magari mi sento più vulnerabile che basta una sua parola per farmi scattare come una molla, in cui vorrei addirittura urlare. Sicuramente è dura, ma proverò a fare tesoro dei tuoi consigli e ad utilizzare questo periodo come "palestra" per affinare le tecniche antinarcisisti di cui ho letto. Il libro lo conosco e gli ho già dato una prima lettura, ora devo mettermi proprio a studiarlo per immagazzinare meglio i concetti più importanti. Grazie di nuovo e un abbraccio a tutti.
      Rispondi a Holly Commenta l’articolo

    • Avatar di Ilaria Cardani

      Ilaria Cardani 4 giorni fa (26 Marzo 2020 18:03)

      Allora, abbi più pazienza con te stessa. Come sai sono persone che sono create apposta per farti perdere le staffe. Quindi non aggiungere l'autocolpevolizzazione alle stronzaggini di lui. E soprattutto, non dargli più importanza di quanta ne abbia. E' quella che lui cerca e della quale si nutre, la tua attenzione, il fatto che tu sia suscettibile a quanto lui fa. Non mettergli le cose su un piatto d'argento. Immagina di vedere lui come un grande mostro dei cartoni animati, tipo quelli fatti vedere nelle pubblicità dei prodotti per pulire i water. Immagina di rimpicciolirlo gradualmente e costantemente fino a ridurlo a una formica che puoi mettere su un foglio e buttare fuori dalla finestra. So che è anche questa una sfida nella sfida e ridimensionarlo è il primo passo.
      Rispondi a Ilaria Cardani Commenta l’articolo

    • Avatar di Holly

      Holly 4 giorni fa (26 Marzo 2020 18:50)

      Hai colto nel segno Ilaria! Spesso mi capita di autocolpevolizzare per non avere un carattere forte o comunque spavaldo in grado di prevalere su di lui, è come se io fossi un'eterna debole ai suoi occhi e lui la spunta sempre. Solo chi gli da tanta importanza e lo mette al centro del mondo conta per lui, o forse nemmeno quelle persone...Ad ogni modo, mi hai dato uno spunto interessante su come ridimensionarlo quando mette a dura prova i miei nervi, mi eserciterò nella pratica e ti farò sapere in merito ai progressi.
      Rispondi a Holly Commenta l’articolo

  11. Avatar di Martina

    Martina 4 giorni fa (26 Marzo 2020 23:04)

    ciao Ilaria, anche io sono statale, e anche io come tutti sono preoccupata per il futuro, preoccupata che il nostro stipendio sia mangiato dalle tasse e che rimanga veramente poco. Poi non è vero che siamo in ferie. Stiamo lavorando da casa e cerchiamo di dare il massimo e di approfittare di questo momento per rimetterci in pari con il lavoro pregresso. Il lavoro non ci manca affatto, dobbiamo cercare di fornire servizi ai cittadini e mai in questo periodo è così nobile la missione che abbiamo. Un caro saluto.
    Rispondi a Martina Commenta l’articolo

  12. Avatar di Alessandra

    Alessandra 4 giorni fa (27 Marzo 2020 8:33)

    belle parole, grazie!
    Rispondi a Alessandra Commenta l’articolo

  13. Avatar di Vic

    Vic 4 giorni fa (27 Marzo 2020 9:35)

    @Allegra sei incappata in un narcisista maligno, sono persone che vampirizzano i malcapitati, gli tolgono energia e linfa vitale e quando sono spolpati per bene li buttano via. Fai una ricerca ampia su fonti attendibili e serie. Documentati e ti si aprirà un mondo.
    Rispondi a Vic Commenta l’articolo

  14. Avatar di Angy

    Angy 3 giorni fa (27 Marzo 2020 14:10)

    Ciao cara Ilaria, non avevo dubbi che il tuo articolo fosse così ricco e riflessivo.. Ho trovato alcune delle risposte che mi portavano in confusione, vacillando sull equilibrio emotivo che soprattutto in questo periodo occorre!!! Anche se all inizio hai scritto che non eri sicura (scusa se mi permetto a dare del" tu", ma sento affinità avendoti conosciuta attraverso i tuoi blog, email, percorso) di scriverci parole rassicuranti perché tutti siamo incerti, hai invece fatto considerazioni più che sagge e che danno spunti nel valutare il contesto sotto una luce diversa e motivazioni diverse!!! Grazie
    Rispondi a Angy Commenta l’articolo

  15. Avatar di Alice

    Alice 3 giorni fa (27 Marzo 2020 16:44)

    Ciao a tutte, grazie Ilaria, condivido appieno le emozioni forti e contrastanti che hai descritto. La speranza e il pessimismo. Vivo all'estero, in un paese del nord Europa. Il modo in cui viene gestita l'emergenza - ed anche il sistema sanitario a regime ordinario - mi lascia in grandissimo disaccordo. Anzi, mi fa arrabbiare, disperare, mi disgusta ed infine sprofondo in quella che percepisco come un'ingiustizia, una mancanza di moralitá inaccettabili e spaventosi. Mi sono trasferita qua per le molte possibilitá e progetti disponibili nel mio campo e per la possibilitá di crescere professionalmente e, sí, anche avere una busta paga dignitosa. Ma questa disponibilitá di risorse si basa anche su un sistema crudo ed una sanitá privatizzata, ridotta all'osso, che nega la prevenzione e l'accesso alle cure, specialmente alle persone che non sono piú 'produttive' o a quelle che sono meno titolate, assertive o che sono in qualche modo vulnerabili. Altro che considerare la vita 'sacra'.. siamo ben lontani da questo e non credo che un cambiamento sia mai possibile né sentito come necessario. La bruttezza e l'ingiustizia vengono a galla, piú forti e piú chiare, in questo stato di eccezione. Come dici tu, Ilaria, bisogna fregarsene. Devo fregarmene e concludere questi progetti.. ed un giorno trasferirmi in un luogo dove la 'cultura' media ha fondamenta piú sane.. Imparare ora e costruire altrove qualcosa di positivo.
    Rispondi a Alice Commenta l’articolo

  16. Avatar di Silvia

    Silvia 3 giorni fa (27 Marzo 2020 21:48)

    Molto spesso, Ilaria, ci induci ad alzare la barra e a valorizzare, ogni volta ancora, quelli che sono i valori fondamentali, quelli alti. In questi giorni in cui molti di noi si trovano a casa o addirittura in ospedale, l'empatia e la vicinanza umana sono quelli a cui ho sentito la necessità più forte di riconnettermi. Come ritornare a un rigo scritto in qualche pagina precedente del taccuino, e sottolinearlo nuovamente per stamparlo, una volta in più e in modo indelebile, nella propria mente. Senza voler aprire nessun dibattito para-politico, il fuori onda di stasera del presidente Sergio Mattarella trasmette, secondo me, quel senso di empatia ed umanità che, particolarmente in questo periodo, ci può essere di conforto: https://video.repubblica.it/dossier/coronavirus-wuhan-2020/coronavirus-il-fuorionda-di-mattarella-ciuffo-fuori-posto-neanche-io-vado-dal-barbiere/356934/357498 (Valuta tu, Ilaria, se è possibile pubblicare il link. Grazie.)
    Rispondi a Silvia Commenta l’articolo

  17. Avatar di Rosa

    Rosa 4 giorni fa (26 Marzo 2020 14:51)

    Cara Ilaria, come sempre tutto molto bello e giusto, ma qui, ti assicuro... "Ci sono i dipendenti statali, che tutt’al più si mangeranno qualche giorno di ferie" .. Che no, siamo tutti nella stessa barca. Anche noi dipendenti pubblici facciamo parte del sistema, e se quel sistema (Stato o, nel mio caso, enti locali), non incassa imposte, come sta accadendo, non ci sono più i soldi neanche per pagare i nostri stipendi. La mia soluzione? Sto cercando di vivere giorno per giorno. A parte andare avanti con lavoro senza pensare alla prospettiva di perderlo (per fortuna il mio ente si è un po' arrabattato per farci lavorare da casa), mi sto dedicando alla frugalità e autoproduzione, a imparare nozioni di agricoltura che potrebbero servire in un ipotetico futuro meno industrializzato, mi sto abituando a risparmiare e vivere con poco perché a breve sarà probabilmente l'unica opzione che avrò. Per quanto riguarda l'amore, sono tra quelle persone che hanno iniziato, per la prima volta in vita loro, una relazione sana... Purtroppo iniziata a distanza. La sto portando avanti in virtuale, purtroppo i nostri progetti immediati sono sfumati, e spero che in futuro possiamo avvicinarci e stare insieme.
    Rispondi a Rosa Commenta l’articolo

    • Avatar di Ilaria Cardani

      Ilaria Cardani 4 giorni fa (26 Marzo 2020 15:06)

      Ciao Rosa, mi aspettavo una nota sui dipendenti statali ed è benvenuta. Una mia lettrice mi aveva scritto qualche giorno fa: "Noi statali continuiamo a percepire stipendio e saremo ancora più odiati". La mia era una provocazione. Saremo tutti di fronte a qualcosa di nuovo, grazie per il contributo prezioso.
      Rispondi a Ilaria Cardani Commenta l’articolo

    • Avatar di Emanuele

      Emanuele 4 giorni fa (26 Marzo 2020 17:23)

      Ciao Ilaria, Diciamo che il dipendente statale è soprattutto demonizzato per via dei furbetti. In realtà è un discorso prettamente di mentalità italiana.Da noi è sempre stata data enfansi al posto fisso possibilmente statale. Come garanzia per costruire una vita fatta di casa, famiglia ecc. Diciamo che è un modo di pensare valido fino agli inizi degli anni 90 del secolo scorso. Poi la globalizzazione il decentramento della produzione in paesi più convenienti ha avuto la meglio. Recentemente sul sole 24 ore precedentemente al coronavirus c'èra un articolo intitolato "La dolce vita è finita " e si evinceva come ancora sia pompato quel modo di vivere che non esiste più da quasi 30 anni. La mia mentalità invece è molto USA. Che ritengo sia la più valida e l'hanno sempre dimostrato. Qualunque crisi sia successa ne sono sempre usciti. Diciamo che poi questo modo di pensare mi ha creato non poche difficoltà. Ad ogni modo io ritengo che alla fine di questo periodo in Italia sarà una vera guerra. Non tanto tra statali o privati. In quanto si inaspriranno le difficoltà che già c'erano. Purtroppo rimarrà una certa mentalità. Gli italiani non sono pronti per ragionare in modo differente. Quanto meno non tutti. Posso sbagliare ma ci sarà un inasprimento di comportamenti opportunisti e senza scrupoli.
      Rispondi a Emanuele Commenta l’articolo

    • Avatar di Martina

      Martina 3 giorni fa (27 Marzo 2020 12:39)

      Riaggangiandomi a quello che dice Emanuele, sempre a proposito degli statali, l'ente per cui lavoro io, ma penso anche altri enti, selezionava già ai tempi in cui c'erano ancora le lauree magistrali e credo lo faccia tutt'ora, con il requisito di possedere determinate lauree relative a quella mansione, voto di laurea e minore età, oltre che altri titoli di studio (master, dottorati, specializzazioni, etc.) ed altre esperienze di lavoro, pubblicazioni ecc., quindi come minimo se non ti eri laureato a 24 - 25 anni e con 110 e lode già non accedevi. E sto parlando di lauree vecchie ordinamento. Quindi le nuove guardie (e per nuove guardie includo gente che lavora per la p.a. già da 10 o 15 anni fino ad oggi) non c'entrano niente con le vecchie guardie dove tra tanta gente onesta poteva infilarsi anche qualche furbetto. E' proprio tutto un altro mondo. E' una vecchia concezione. Spero di aver un pò chiarito le idee. Un saluto a tutti i lettori.
      Rispondi a Martina Commenta l’articolo

    • Avatar di Lali

      Lali 4 giorni fa (27 Marzo 2020 9:28)

      Io sono quella lettrice, e faccio parte della sottocategoria probabilmente più vituperata, quella degli insegnanti. Anche in questo ambito sta succedendo di tutto, ovviamente. Molti colleghi che si danno da fare, che si sono messi in gioco apprendendo in emergenza nuove tecnologie e strategie didattiche, che si sono resi disponibili h24 a svolgere un lavoro che, se svolto secondo etica e professionalità, è tutto meno che riposante. Poi ci sono ovviamente anche qui i "furbetti" di cui parla Ilaria, che approfittano del momento di caos e incertezza per svicolare dai doveri e responsabilità, che per pigrizia fanno resistenza passiva ("nessuno può obbligarmi a fare videolezioni a distanza, non è nel mio contratto"), che tirano avanti con il minimo indispensabile. Sono quelli che purtroppo sembrano creare l'immagine pubblica svilita e svilente di noi insegnanti, che giustificano pensieri del tipo "quelli hanno 4 mesi di ferie l'anno e non fanno un c...o", oppure, come adesso, "quelli hanno lo stipendio garantito e non fanno un c...o". Ecco, io posso raccontarvi che sono tutte fandonie, che ho sempre lavorato tanto sia prima sia adesso, che non intendo il mio lavoro come 18 ore settimanali frontali e poi ciao, che mi assorbe e impegna a volte persino quando dormo (perché spesso me li sogno, gli studenti) o quando ho del tempo libero (perché non c'è film che guardi, libro o giornale che legga, museo o città che visiti, sport che svolga, senza pensare sempre "questo lo devo dire/far fare/spiegare/indicare ai ragazzi"). Come immagino tanti di voi, che fanno altri lavori in altri settori con passione, impegno, serietà e professionalità. Tutto questo per dire cosa? Che sono d'accordissimo con Ilaria quando dice che questo virus non ci renderà migliori. Renderà migliori solo quelli di noi che hanno già il potenziale, che si assumono le responsabilità della propria vita e del proprio lavoro, che non fanno parte delle categorie degli inutili, maleducati, furbini, ecc.ecc. La mia osservazione su "noi statali che saremo ancora di più odiati" è solo un'amara constatazione nel pensare che faccio parte di una categoria che purtroppo viene etichettata come l'esempio lampante dell'inutilità, furbizia, spreco, ecc. Ma facciamo che non me ne farò intaccare, perchè so bene che non è proprio così. Un in bocca al lupo a tutti/e e grazie a Ilaria per questo spazio e per le sue parole lucide e profonde, delle quali abbiamo sempre bisogno e adesso più che mai.
      Rispondi a Lali Commenta l’articolo

    • Avatar di Ilaria Cardani

      Ilaria Cardani 3 giorni fa (27 Marzo 2020 12:57)

      "Nessuno può obbligarmi a fare videolezioni a distanza, non è nel mio contratto” frase sentita e risentita in mille declinazioni, anche fuori dal mondo statale, è di una ottusità insuperabile già nella norma, immaginiamoci in un mondo come quello di adesso... Sono cose che non si possono sentire eppure vengono dette. Ribadisco per chi legge: la mia battuta, imbeccata fra l'altro da Lali, che statale lo è per davvero, era uno dei mille e milla esempi per cui le persone devono trovarsi un nemico a tutti i costi. Per gli statali, come per altre categorie "additate" qualche motivo c'è: chi per esempio non è entrato in un grande ufficio postale o in un grande ufficio anagrafe e non ha visto gli impiegati farsi bellamente gli affari propri mentre la gente aspetta stremata? Ma sempre - sempre - in mezzo a costoro ci sono i tanti che fanno di più da quanto richiesto, con senso del servizio allo Stato e alla comunità e senso del dovere.
      Rispondi a Ilaria Cardani Commenta l’articolo

    • Avatar di Rexely

      Rexely 3 giorni fa (27 Marzo 2020 15:21)

      Certo Ilaria, se quell'impiegato pubblico è una persona che ha studiato scienze motorie e non pubblica amministrazione dimmi tu cosa gliene può fregare di essere al servizio dello Stato. Così come sono convinta che il miglior governatore di Stato sarebbe un semplice contadino e non un politico.
      Rispondi a Rexely Commenta l’articolo

    • Avatar di Ilaria Cardani

      Ilaria Cardani 3 giorni fa (27 Marzo 2020 15:26)

      Ciao Rexely, confesso che non ho capito.
      Rispondi a Ilaria Cardani Commenta l’articolo

    • Avatar di Rexely

      Rexely 3 giorni fa (27 Marzo 2020 16:27)

      Ciao Ilaria e Lali. Il mio era uno sfogo, perché mi piange il cuore quando entro in un ufficio pubblico e vedo persone svogliate e incapaci. Quando chi come me, laureata in amministrazione pubblica è ancora disoccupata. Anni e anni di studio e tante spese sostenute non sono servite a niente. Vedermi passare davanti chi magari ha studiato tutt'altro che P.A. o che magari non ha neanche conseguito il diploma delle superiori non è giusto.
      Rispondi a Rexely Commenta l’articolo

    • Avatar di Lali

      Lali 3 giorni fa (27 Marzo 2020 15:48)

      Ciao Rexely, permettimi di dissentire. Non è che vieni sorteggiato dalla PA, anzi, devi affrontare un certo percorso per farne parte. Se non te ne frega, puoi fare altro. Se sei docente, sai che nel momento in cui entri in ruolo devi giurare sul tricolore, in quanto statale. A dire il vero pochi di noi lo hanno fatto, forse la si ritiene una ritualità inutile e superflua, ma secondo me i simboli e i riti sono importanti. Se pensi che il tuo lavoro sia insegnare e questo non c'entri nulla con servire lo stato, esistono altri modi. L'insegnamento privato, per esempio. Dissento anche sul contadino che sarebbe il miglior governatore. Sarebbe bello e poetico, ma non è così. Anche il contadino finirebbe per scontentare qualcuno, farsi corrompere, restare invischiato nei compromessi più scottanti, ecc. Con l'aggravante di non essere affatto preparato. La demagogia sarebbe lì dietro l'angolo...
      Rispondi a Lali Commenta l’articolo

    • Avatar di Rexely

      Rexely 3 giorni fa (27 Marzo 2020 18:27)

      Lali, se non lo sai, ti informo; l'altro modo per svolgere un pubblico impiego (oltre al concorso, il cui bando è aperto A TUTTI con e senza laurea o con laurea che con la PA non ci incastra un bel niente) è quello di essere iscritto nelle liste del centro per l'impiego, da queste liste vengono presi i disoccupati da molto tempo. Ora, io ti chiedo, non ti pare giusto ed etico in un ufficio pubblico assumere persone LAUREATE nella pubblica amministrazione? Oppure a te pare giusto che in un ufficio di anagrafe ci lavorino agronomi e in un ufficio giuridiziario ci lavorino persone con la terza media?
      Rispondi a Rexely Commenta l’articolo

    • Avatar di Ilaria Cardani

      Ilaria Cardani 3 giorni fa (27 Marzo 2020 18:55)

      Rexely, il tuo sconcerto, la tua rabbia, il senso di ingiustizia che provi sono comprensibili. Viviamo in un mondo che è pieno di ineguaglianze e di ingiustizie e la situazione che vivi tu è comune a molti. Il che non la rende certo meno seria e grave. Ci sono due aspetti che ti invito a tenere presenti. Il primo è valido sempre: concentrarti su quello che non va non solo non ti è utile, ma ti fa male, perché ti riempie di stress, anche fisicamente ti fa male. Il secondo è: siamo in un momento che, volenti o nolenti, porterà una vera rivoluzione e con essa nuove ingiustizie e nuovi equilibri e nuove opportunità. Davvero, lascia andare. Te lo dico con affetto e con vicinanza.
      Rispondi a Ilaria Cardani Commenta l’articolo

    • Avatar di Rexely

      Rexely 3 giorni fa (27 Marzo 2020 21:42)

      Grazie di cuore Ilaria. Le tue parole mi confortano.
      Rispondi a Rexely Commenta l’articolo

    • Avatar di Vic

      Vic 3 giorni fa (27 Marzo 2020 20:42)

      @Rexely ha ragione Ilaria, lascia andare. Ti capisco sai, anch'io dopo l'università prima di trovare lavoro ero avvelenata. Soprattutto ti disgusta l'incapacità e la strafottenza di molta gente nel settore pubblico (non tutti, per fortuna), a ben guardare quasi tutti entrati per raccomandazione (almeno la vecchia guardia dai 50 in su). Ma anche in altri posti "di prestigio" funziona così. Mia zia lavora in banca e ha una collega che passa tutte le otto ore a truccarsi e al telefono, e altri due che stanno tutto il tempo a flirtare e lavorare zero. Contratti blindati e stipendi di circa 3.000 euro al mese più benefits. Fa rabbia, ma non ti fa bene rimuginarci e ti incattivisce. Pensa a trovare un lavoro e poniti degli obiettivi. Non demordere e sfodera la grinta.
      Rispondi a Vic Commenta l’articolo

    • Avatar di Lali

      Lali 3 giorni fa (27 Marzo 2020 22:49)

      No, non mi pare giusto, ecco infatti perché il contadino alla guida del governo non ce lo vedo! Non ero a conoscenza del fatto che in certi settori della PA bastasse essere iscritti al centro per l'impiego e senza alcun titolo o quasi, per poter essere assunti...ma di che settori si tratta?!? Io facevo riferimento al mio settore, insegnamento, ma sicuramente altri settori funzioneranno diversamente e io non ne sono al corrente. E comunque, anche nell'insegnamento, da quando ho scelto questa strada circa 15 anni fa, ho sempre sentito dire che ci sarebbero voluti anni e anni (secoli) di precariato prima del ruolo, che i supplenti, che i diritti, che i concorsi, che blahblah. Venivo da altre esperienze lavorative e allora ho deciso di provare ad entrare nella SSIS (che ora non esiste più) e a 30 anni mi sono rimessa in gioco, migliorando comunque di molto la mia situazione lavorativa, che prima era fatta di contratti a collaborazione occasionale e a progetto. 8 anni fa sono entrata in ruolo, con buona pace delle lamentazioni che si elevano sempre molto forti dai colleghi nelle graduatorie ad esaurimento, dai precari a vita, dai supplenti che non danno concorsi ma aspettano di entrare per inerzia. Guarda, il discorso è lunghissimo e già con queste frasi so che potrei tirarmi dietro gli anatemi per il resto dei miei giorni. Quindi per venire alla tua situazione, come ha detto Ilaria e un'altra lettrice, davvero lascia stare il peggio che ti capita intorno, anche solo il blahblah di chi gode nel parlare di tutto quello che non funziona, e punta dritta con le tue risorse e capacità a quello che vuoi. Io voglio credere che l'impegno venga sempre ripagato. In bocca al lupo.
      Rispondi a Lali Commenta l’articolo

    • Avatar di Emilia

      Emilia 3 giorni fa (28 Marzo 2020 9:43)

      Ciao Rexely, ti sono vicina perché so bene come avvengono certe cose riguardo ai concorsi pubblici, e so altrettanto bene quanto lassismo esiste in questi ambienti di "lavoro", che spesso di lavoro hanno ben poco (vedi i centri per l'impiego). Di recente ho avuto un'esperienza poco piacevole con un impiegato del centro per l'impiego completamente inadatto a svolgere la sua occupazione. Tuttavia, ti suggerisco, come ti ha già consigliato Ilaria, di non alimentare la tua rabbia, seppur legittima. La realtà è questa purtroppo, e se continui a rimuginare sulle ingiustizie fai solo danno a te stessa. Cerca di impegnarti per raggiungere i tuoi obiettivi e vedrai che prima o poi riuscirai a ottenere qualcosa. P.S. Un grazie ad Ilaria per l'ultimo articolo pubblicato e per la grande umanità che arriva dritta al cuore.
      Rispondi a Emilia Commenta l’articolo

    • Avatar di Emanuele

      Emanuele 3 giorni fa (27 Marzo 2020 13:55)

      Ciao Lali, Quando facevo l' ITIS e di acqua sotto i ponti ne è passata da allora fu il mio insegnante di Lettere ad aprirmi gli occhi. Un uomo fantastico, il tipico insegnante che l'amore per la sua materia diventa come diciamo oggi virale. Piccolo preambolo per dire che in qualsiasi ambiente c'è chi eccelle, c'è chi fa il proprio senza aggiungere ne di più e ne di meno e c'è chi non fa nulla. Questo professore un giorno mi disse: hai sbagliato indirizzo di studi. E io stupido chiesi la ragione. Ero bravo, l' ettronica la mangiavo dall'età di 5 anni. Ai miei compleanni mi regalavano cacciaviti anziché giocattoli tanto per capirci. Fatto sta che questo professore tirò fuori da dentro me quelle che erano le mie reali attitudini. La sua spiegazione fu molto semplice: io non insegno , faccio vedere la strada! Comunque rimane il mio pensiero che alla fine di tutto questo casino sarà molto complesso. Resta da capire chi sarà in grado di fare vedere la strada.
      Rispondi a Emanuele Commenta l’articolo

    • Avatar di Lali

      Lali 3 giorni fa (27 Marzo 2020 15:52)

      Ciao Emanuele, sul fatto di porsi come colui che indica la strada, non saprei.... Non è nelle mie corde, diciamo. Certo è che ad eccellere sono pochi, molti sono "normali" (e non è detto che sia negativo), alcuni sono inqualificabili e fanno danni che danneggiano tutti. Siamo d'accordo. Io però preferisco pensare che la strada sarà tracciata dai normali, che la costruiranno insieme perché insieme non saranno più la semplice somma delle parti, ma qualcosa di più, un valore aggiunto :)
      Rispondi a Lali Commenta l’articolo

  18. Avatar di Marie

    Marie 4 giorni fa (26 Marzo 2020 16:12)

    Cara Ilaria, grazie intanto per questi spunti di riflessione. Auguro a tutte e tutti qui nel blog di mantenere l'equilibrio interiore, prima di tutto, oltre a ogni bene in questo periodo difficile. Condivido anch'io la mia personale tecnica di sopravvivenza. Prima però, il contesto in cui mi muovo. Io lavoro nella ricerca universitaria (storia e filosofia), quindi diciamo che sono in Home Office quasi sempre, quando non è semestre (buone abitudini nordeuropee...) e in questi giorni posso occupare gran parte della giornata con un'apparenza di normalità, "viaggiando" oltretutto nel tempo e nello spazio. Avrei potuto volare al nord, dove non c'è ancora una quarantena stretta, ma ho preferito fermarmi in Italia - dove ero di passaggio nei giorni in cui è scoppiata la crisi - per fare compagnia a mio padre, che è anziano e da solo. E vive qua al nord, in una delle regioni più colpite. Non so se ho fatto bene, visto che gran parte delle mie difficoltà vengono proprio da una situazione familiare che mi sono vista scaraventare in toto sulle spalle da quando avevo 20 anni. Ma è stata una scelta e come sempre ci sono i pro e i contro. Ho scelto così e ora ne porto il peso, consapevole che andava fatto e che il peso è gestibile, perché non sono una pappamolle ;-). In fondo oltre a dispiacersi per chi non conosciamo, mi son detta, occorre anche badare a quelli che abbiamo vicino - anche se non sono perfetti! Fai il bene e gettalo in mare, dice un proverbio arabo. Quindi via, metto in stand-by tutti i nodi che ho dentro (ma li curo, li guardo e quando fanno male vista la convivenza forzata li accarezzo e mi dico che non li scordo e appena possibile, torno a spazi più sani - ti dirò, questa convivenza forzata addirittura me li chiarisce ancora meglio - vedi che ogni difficoltà può essere un'opportunità se letta nella direzione giusta!) e do una mano a chi ha bisogno qui in famiglia. Ciò premesso, ecco le mie tecniche: io guardo solo un telegiornale al giorno, la sera in genere. Nessun talk show, nessun dibattito, nessun approfondimento. Leggo i giornali (3-4 che mi paiono più sensati, confrontando in essi le notizie) per non più di 45minuti/1h al giorno, questo al mattino. Poi basta. Niente social o similia. Tu tocchi giustamente il tema dell'ignoranza. Bene, io accetto la mia, nei limiti. Non faccio la pecora che si beve tutto passivamente, ma non pretendo nemmeno di capire e sapere più del necessario in questo momento. Sia perché non ho le competenze specifiche per capire. Sia perché nessuno in questo momento ha la verità in mano. Nemmeno gli scienziati, che sì, si sono contraddetti molte volte, ma perché appunto stanno ora facendo ricerche (e la ricerca segue logiche antitetiche all'informazione giornalistica o politica). E finché non hanno finito, non possono dire nulla di definitivo nemmeno loro. Figuriamoci noi. Figuriamoci la cugina-della-sorella-della-vicina-della-zia-di-una-mia-conoscente che lavora in ospedale e manda via whatsapp video improbabili.... Quindi, chiacchiere azzerate. Primo perché le chiacchiere in questo momento non fanno bene. Secondo perché aumentano l'angoscia e la confusione. Terzo perché sono una totale mancanza di rispetto verso chi sta male e lavora per gestire questa situazione di emergenza. Evitando i social e le chiacchiere mi tengo anche lontana dalla retorica da "guerra" e da "eroi" e da "sceriffi" che francamente trovo fastidiosa. De gustibus, per carità, ma mi chiedo: Possibile che non si possa curare e rispettare la normalità, chi fa il proprio lavoro SEMPRE? Possibile che ci ricordiamo degli infermieri solo ora, poi però quando non hai la disgrazia di dover passare in ospedale ce li dimentichiamo? E chi ha vissuto un po' l'ospedale sa cosa intendo, quanto sia importante anche solo un sorriso di un infermerie mentre fai la chemio.... Un po' meno retorica, un po' più compassione e coerenza, almeno per me è importante. La vita è sacra nella sua semplicità, in tutte le sue forme. Basta questa consapevolezza, il resto è chiacchiera, di nuovo. Cosa mi serve sapere in questi giorni? Come va l'andamento generale della pandemia (e per questo basta un telegiornale) e quali sono le regole che lo Stato ci impone in questi giorni (idem: basta un telegiornale o una lettura veloce dei quotidiani). Ammetto che su molte cose non sono proprio d'accordo, ma non è il momento questo di discutere. Mi dicono di stare a casa? Sto a casa. Mi dicono di fare la spesa una volta a settimana? La faccio ogni 10 giorni. Punto. Quello che mi stona, me lo annoto e poi con distanza e senso critico cerco di capirlo. Appunto, annoto. In questo periodo curo ancora di più il diario, che tengo da sempre. Ecco, anche scrivere, prendere appunti, fissare per iscritto come stiamo in questo momento aiuta: esternalizza e quindi relativizza stati d'animo; oppure scrivere aiuta a dare struttura logica e quindi a posizionarsi criticamente verso quello che succede dentro e fuori di noi. Rileggerci inoltre dà prospettiva più ampia della nostra vita interiore, ci mette davanti agli occhi che è normale avere alti e bassi, sentire paura e poi ritrovare slancio e coraggio. Accettiamolo, senza identificarci con la sensazione del momento, che passa e va. Guardiamole e lasciamole scorrere, guardandole da lontano. Stay in flow. In orari fissi - mattino e sera - medito e faccio movimento. Io pratico yoga, ma va bene tutto. Anche solo mezz'ora al sole e ad ascoltare gli uccellini con un buon the in mano è una forma di meditazione. Di nuovo: la vita è sacra nella sua semplicità. E sì, meditare e pregare, qualsiasi sia il credo che sentiamo più vicino. Fare contestualmente attenzione alla respirazione - che aiuta a rilassare il sistema parasimpatico. Sul leggere, ascoltare buona musica, guardare un buon film, cucinare qualcosa di buono, fare una chiacchierata - no chat, voce al minimo, voce/video se possibile - con gli amici e le persone care non dico nulla - è evidente. Però anche queste cose, con moderazione. Poi io credo sia sano accettare che dover stare in casa così tanto tempo non è salutare. E' una condizione di stress. Questo va riconosciuto e accettato. Non colpevolizzato. Non mi sento in colpa a dire che mi pesa non poter fare una passeggiata. Certo, c'è di peggio (eh...se lo so!), certo ai nostri nonni era chiesto di andare col fucile nei boschi mentre noi stiamo in divano..... Certo. Ma ci si muove nelle sfumature, non dal bianco al nero. Qui siamo in una sfumatura di disagio - anche e soprattutto psicologico - che è sopportabilissima, ma va riconosciuta. Altrimenti sarà grave poi. Soprattutto per chi ha meno risorse interiori e psicologiche (penso a persone con disagio, o con povertà in senso lato o agli anziani). Teniamolo presente e curiamola, accettiamola. Sia chi è da solo sia chi è costretto a convivere con la persona-non-giustissima ha da esplorare le proprie linee di frattura. Eh pace...si fa. C'è di peggio, come chi invece si trova costretta in casa col proprio aguzzino. C'è il NUMERO 1522 - come ricordato anche nell'articolo - ma se conosciamo qualcuna che è in una situazione simile, cerchiamo di starle vicino, di chiamarla una volta in più al telefono, se possibile. Non lasciamole sole, anche noi, facciamo tutto quello che possiamo. Io credo che almeno una parte della paura che ci coglie in questi giorni sia dovuta poi alla presenza costante e quotidiana di temi che la nostra società ha spesso rimosso. Sentiamo parlare di morti e malati ogni giorno, mentre nella vita normale ci pensiamo il meno possibile (a proposito dell'ignorare volutamente quello che ci crea disagio o fatica....). Ecco, pensiamoci con la giusta serenità. Sì, ho scritto volutamente "serenità". Il che non significa indifferenza. Significa accettare la vita per quello che è, ossia nel suo comprendere anche morte e malattia. Proviamo ad allenarci anche su questo fronte, che una volta era simbolicamente delegato alla religione e che ora, non avendo strumenti nelle società post-capitalistiche per gestirlo, l'abbiamo rimosso. Pregare e meditare è anche sostare sulla soglia, che è un po' scomoda, ma anche l'unico modo per gustare a pieno anche quello che abbiamo e ignoriamo ogni giorno, a cominciare dalla salute. Guardate, siamo tutti nella stessa barca. Ognuno di noi ha i propri crucci, che siano per vita personale che sia per il lavoro (un abbraccio a tutti quelli che temono in questi giorni di perdere il lavoro). Ma la vita è grande e offre opportunità meravigliose se ci apriamo ad essa e non ci ostiniamo a volere solo quello che pensiamo sia giusto per noi. Se ci daremo una mano, se lasceremo cadere le cose inutili, se smetteremo di nasconderci da noi stessi, io sono convinta che ce la faremo. Riprenderemo lentamente - e spero mooooolto lentamente, sennò non cambia niente - ma con una coscienza diversa e più solida. Sfruttiamo le potenzialità di questa crisi, cerchiamo nuove vie perché tutti noi abbiamo risorse da attivare. Risorse e scarti di senso,come insegna François Jullien. Forza! E poi...noi qui, in questo spazio, c'abbiamo pure Ilaria, che è un'anima grande e che dà sempre la giusta sferzata per rimettersi in bolla, come oggi con questo bel contributo. Quindi, avanti tutta! Un abbraccio a te, Ilaria, e un abbraccio a tutt*
    Rispondi a Marie Commenta l’articolo

    • Avatar di Ilaria Cardani

      Ilaria Cardani 4 giorni fa (26 Marzo 2020 17:12)

      Carissima, il tuo contributo è prezioso. Non c'è parola che non rispecchi il mio sentire. Tengo a specificare che da parte mia non c'è nessuna colpevolizzazione verso coloro che sentono il disagio e lo esprimono. Ci vuole misura, ecco, equilibrio. Tutti abbiamo visto i soliti "furbetti" o quelli che io chiamo "io sono più furbo degli altri" compiere piccoli illeciti, scorrettezze o semplici maleducazioni (esempio urtare gli altri al supermercato o sul marciapiede quando di spazio ce n'è ed è richiesto il metro di distanza), con quel fare tra il cinico, l'infantile e l'adolescenziale, che fa pensare che davvero non si può cavare sangue dalle rape. Non per niente da una parte ho parlato di regressione (che merita pazienza e comprensione), dall'altra di infantilismo e basta. Che a me risulta un filo irritante. Io da parte mia sento per indole un doppio dovere: quello di esortare all'amore per se stessi e per gli altri, senza retorica, e quello di spingere chi mi legge a "tenere la schiena dritta", cioè a non indulgere in comportamenti disfattisti che possono diventare negativi e bloccare un percorso di crescita. Del resto credo che paghiamo il dazio del troppo "disordine" e della troppa confusione tollerati e infertici dalla politica e dai politici, ma non solo, in genere dalle classi dirigenti, che hanno sostenuto con forza, per interesse o per pigrizia, il costruirsi di mentalità ristrette e meschine, prive di sguardi dall'alto e di ampi orizzonti. Abituando per altro i più a non usare la logica e il ragionamento, ma a far prevalere sempre le emozioni del momento e le piccole esigenze personali. Mi trovi d'accordo sulla retorica e sul trattamento riservato ai sanitari. Concordo sul fatto che non sia una guerra e faccio un'affermazione pesante: nessun virus è in grado di confrontarsi con l'immensa malvagità degli umani. Questo non significa che gli umani sono malvagi sempre e comunque e a prescindere, anzi, ma che molti di loro possono raggiungere vette di cattiveria e crudeltà che la natura, per quanto matrigna, difficilmente raggiunge. Questa non è una guerra e se fossimo in guerra molte superficialità, sia da comuni cittadini, sia da persone più "elevate" ci sarebbero risparmiate. Certo, è una situazione che richiede tutto il nostro impegno e la nostra determinazione, la nostra intelligenza. Per questo di nuovo, io richiamo alla cura di sé e della propria anima e all'equilibrio. Compassione, non commiserazione. Grazie a tutt* per i commenti. E anche per le eventuali critiche.
      Rispondi a Ilaria Cardani Commenta l’articolo

    • Avatar di Marie

      Marie 3 giorni fa (28 Marzo 2020 11:34)

      Cara Ilaria, e non c'è precisazione tua che io non condivida in pieno. :-) Soprattutto la frase "nessun virus è in grado di confrontarsi con l'immensa malvagità degli umani". D'altronde non è causale si sia usato questa terminologia per la pandemia. Ma quel dici è la verità pura e nuda, anche se si può tematizzare a stento. Basta pensare alla Siria, senza commentare oltre. Se i neuroni a specchio funzionassero un minimo e riuscissimo ad identificarci con loro, allora la nostra quarantena ci apparirebbe in prospettiva diversa: resterebbe un disagio, ma relativo e affrontabile. Però, però...c'è anche un'altra verità pura e nuda, a cui penso spesso, e la cantava De Andrè: "e per tutti il dolore degli altri è dolore a metà". Quanto penso a questo verso di De Andrè mi ripeto spesso che le persone le puoi riconoscere se accanto alla ragione metti tanta compassione, soprattutto per le loro, le nostre fragilità. Occorre quindi anche qui muoversi fra sfumature e tenere presente che tutti noi siamo spesso un equilibrio precario di sentimenti e aspirazioni contrastanti. Di solito questo equilibrio precario è mascherato dalla buona dose di retorica, come dicevamo anche relativamente in questi giorni. Più sano sarebbe riconoscere questa contraddittorietà interna ad ognuno di noi ed utilizzarla ogni volta che perdiamo l'equilibrio. Perché contraddittorietà significa anche che abbiamo tante potenzialità interiori, che basterebbe attivare al momento giusto. Qui c'è un abisso pedagogico però da colmare....lasciamo stare. Aggiungo solo una cosa. Non ho mai pensato tu colpevolizzassi chi esprime disagio per il dover stare a casa. Ed era chiaro che ti riferivi ai soliti furbetti o meglio ai soliti cafoni. Anche qui ognuno mette l'accento a compensare per opposizione quello che vive: io vivo in campagna, tutti stanno alle regole (anche perché hanno lo spazio fisico per farlo) eppure si attua a livello politico e mediatico un clima di terrore che io trovo assurdo. Riescono a far sentire un criminale anche il nonno che esce per fare la spesa o la nonna che si affaccia dal cancello per salutare la vicina. Secondo me non è il modo di governare e gestire una situazione come questa. Ne ho parlato con molti e tutti mi hanno risposto: "ah, ma se non si mette paura alla gente e se non gli si tocca il portafoglio non capiscono nulla, quindi bisogna terrorizzarli per tenerli a bada". Ecco, torno alla pedagogia: se tu cresci un bambino trattandolo da ignorante, quello crescerà da ignorante. C'è poco da fare. E un ignorante (in senso lato) non elegge a suo rappresentante una persona equilibrata, ma qualcuno che gli dia sicurezza (= che gli faccia paura). La crisi della nostra società è anche questa e la pandemia la rende ancora più evidente. Non so se questo sia da imputare alle soli classi dirigenti, ti dirò. Le abbiamo votate noi, quelle classi dirigenti....quindi non mi chiamo fuori, pur non avendole mai votate io personalmente. Credo che la gente vada responsabilizzata ma anche motivata e vadano invece puniti i colpevoli e i trasgressori con fermezza, distinguendoli però da chi sta alle regole. Bisogna agire in maniera differenziata, non tarandosi sul peggio, perché così si abbassa la qualità del tutto. A questo volevo arrivare nella mia precedente - e credo, ripeto, che anche su questo punto non siamo distanti. Non so bene come si possa applicare concretamente e ad ampia scala sociale una politica educante e responsabilizzante, visto soprattutto i molti loschi figuri che abbiamo fra la classe dirigente. A me, personalmente, riequilibria anche soltanto tematizzare e mettere in chiaro cosa succede, dirmi che accanto ai cafoni ci sono non solo quelli che ora stanno lavorando a ritmo costante per gestire la crisi (infermieri, medici, cassiere, magazzinieri, ecc), ma c'è anche una marea - ripeto: una marea - di gente equilibrata, che fa il suo, che cerca di tenere insieme il Paese, che prega e sostiene reciprocamente gli altri. Una marea che non fa rumore, che agisce nella semplice normalità, ma a cui io aspiro ad appartenere. Una goccia in un fiume che scorre, comunque, e che non oggi, non domani, ma dopodomani forse troverà rive più ampie e correnti più tranquille. Sabato, qui c'è il sole, spero anche da te, Ilaria, e da voi tutti.
      Rispondi a Marie Commenta l’articolo

    • Avatar di Ilaria Cardani

      Ilaria Cardani 2 giorni fa (28 Marzo 2020 14:34)

      Anche qui, Milano, Italia, sabato, c'è il sole!
      Rispondi a Ilaria Cardani Commenta l’articolo

    • Avatar di Mononoke

      Mononoke 2 giorni fa (28 Marzo 2020 15:36)

      Qui a Roma oggi sole e nuvole in alternanza, è esplosa però la primavera con i fiori, della serie la Natura continua a fare il lavoro che c'è da fare. Buon fine settimana a tutti!
      Rispondi a Mononoke Commenta l’articolo

    • Avatar di Ilaria Cardani

      Ilaria Cardani 2 giorni fa (28 Marzo 2020 16:09)

      Come noi del resto. Non vorremo mica smettere? :)
      Rispondi a Ilaria Cardani Commenta l’articolo

    • Avatar di Silvia

      Silvia 2 giorni fa (28 Marzo 2020 16:01)

      Uno splendido sole anche qui a Bruxelles!
      Rispondi a Silvia Commenta l’articolo

    • Avatar di Marie

      Marie 2 giorni fa (28 Marzo 2020 16:59)

      Ah che bello! Grazie dei soli (che siete e che siamo!)! :-) Un saluto a tutti dalle prealpi venete!
      Rispondi a Marie Commenta l’articolo

    • Avatar di Nimue

      Nimue 2 giorni fa (28 Marzo 2020 17:19)

      Faccio fatica, oggi più che in altri giorni, a formulare un pensiero organico e coerente. Mi riallaccio a quanto detto da Ilaria e Marie che sono invece riuscite ad esprimere con chiarezza concetti importanti e arricchenti per tutti noi. Questo mi dà conferma, una volta di più, di quanto valore abbia essersi confrontati con lo studio della filosofia e delle sue complessità. Mette in salvo dalle semplificazioni, dalle generalizzazioni, dall'addittare i colpevoli, dal farci sentire al sicuro dalla parte dei giusti, perché abbiamo la verità in tasca e facciamo la lista di tutti gli errori altrui. Sono d'accordo sul fatto che il depotenziamento dell'educazione, della capacità di sviluppare uno spirito critico, della responsabilizzazione sia un grande male per ogni società. Insieme alla mancanza di empatia e di solidarietà umana. Credo che accostarsi al pensiero di Kant, di Hannah Arendt, di Ricoeur (solo a titolo di esempio), comprendere quanta incidenza abbia avuto sul modo di porsi nei confronti del mondo, di sé stessi e degli altri, possa essere un'inestimabile risorsa, soprattutto oggi. Grazie ad entrambe :)
      Rispondi a Nimue Commenta l’articolo

    • Avatar di Sy

      Sy 2 giorni fa (28 Marzo 2020 18:34)

      Grazie Marie per il tuo bellissimo commento!
      Rispondi a Sy Commenta l’articolo

  19. Avatar di Emanuele

    Emanuele 2 giorni fa (28 Marzo 2020 14:43)

    Io al momento sto affrontando le mie paure in modo spensierato. Ho ritrovato vecchi amici in un gruppo di cui non sapevo nemmeno l'esistenza. Un tuffo nel passato di ben 25 anni fatto di allegria e gioca di vivere. E quella gioia la sto ritrovando. Sto rivedendo dei video di alcuni Musical di cui io ne seguito la regia Audio/Luci. Sto pensando a te @Vic se Ilaria suggerisce una modalità adeguata per forniti dei contatti che ho su Roma volentieri. Ecco in sostanza sto passando la quarantena rivedendo anche mentalmente quante cose belle ho fatto. E quante ne farò ancora. E mi auguro anche, sia chi segue questo Blog e chi è la fuori che non conosco possa fare altrettanto. Teniamo duro.
    Rispondi a Emanuele Commenta l’articolo

    • Avatar di Vic

      Vic 2 giorni fa (28 Marzo 2020 14:54)

      Grazie Emanuele :-) Anch'io voglio passare in rassegna tutte le cose belle che ho fatto!
      Rispondi a Vic Commenta l’articolo

    • Avatar di Vic

      Vic 2 giorni fa (29 Marzo 2020 5:24)

      @Ilaria, per quei contatti di cui mi diceva, potrei lasciare a Emanuele una mia mail?
      Rispondi a Vic Commenta l’articolo

    • Avatar di Ilaria Cardani

      Ilaria Cardani 2 giorni fa (29 Marzo 2020 10:39)

      Ciao Vic, rispondo dando info sul perché questo non è un sito di contatti. Se voi mettete i vostri contatti qui, stiamo freschi perché i vostri contatti diventano pubblici, con tutto quello che ne consegue di assalto dei peggio soggetti, intesi anche veri proprio criminali. Poi va a finire che questa diventa la bacheca degli annunci, che è una follia a livello di sicurezza. Inoltre siccome io di fatto non vi conosco (molte persone le conosco personalmente perché sono mie clienti di coaching, ma altre no, ma anche con quelle che conosco adotto la stessa metodologia) ciascuno di voi potrebbe essere Jack lo Squartatore sotto mentite spoglie e un giorno qualcuno (la gente è strana, sai) accusarmi che ha subito danni da qualcuno conosciuto qui mentre è evidente che io non c'entro niente. Ora, se tu ed Emanuele volete entrare in contatto potete inviare entrambi la vostra mail a me che, nel caso riceva il consenso di entrambi, provvederò a inoltrare a ciascuno quella dell'altro, ovviamente inteso che io non mi sento responsabile delle conseguenze di questo contatto e che voi non solo non mi riteniate responsabile di alcunché ma non mi coinvolgiate in nessuna questione di alcun genere potrebbe nascere. E' una cosa che mi è capitato di fare un paio di altre volte e sono certa che tutti capiate che non nutro nessun dubbio su di voi e non vi è nulla di personale, sono cautele per me, che mi evitano di perdere tempo e per voi, che venite protetti da rischi. Quindi se volete, scrivetemi una mail in cui mi date l'assenso a fornire il vostro indirizzo all'altro. Se non ricevo entrambe le richieste, non mi muovo. Grazie per la comprensione.
      Rispondi a Ilaria Cardani Commenta l’articolo

    • Avatar di Emanuele

      Emanuele 1 giorno fa (29 Marzo 2020 11:49)

      Ciao Ilaria, Comprendo perfettamente cosa intendi. Direi che la soluzione più adeguata sia dare qui un riferimento generico senza fare nomi e cognomi. Poi sta Vic fare un po' di ricerca. Uno dei miei contatti dirige Il Teatro Imperiale di Guidonia. È sufficiente cercare questa persona e di conseguenza tutte le persone che ruotano intorno a questa. Poi le persone che conosco io fecero animazione nei villaggi con me e anche queste sono facilmente identificabili. Sono professionisti che lavorano nel settore da anni con passione. Penso che questa sia la soluzione adeguata.
      Rispondi a Emanuele Commenta l’articolo

    • Avatar di Vic

      Vic 1 giorno fa (29 Marzo 2020 16:00)

      Ok Emanuele, grazie.
      Rispondi a Vic Commenta l’articolo

    • Avatar di Vic

      Vic 1 giorno fa (29 Marzo 2020 12:13)

      Certo Ilaria, capisco benissimo. Grazie per questa possibilità, farò come hai suggerito se pure Emanuele è d'accordo.
      Rispondi a Vic Commenta l’articolo