Come attirare l’attenzione di un uomo (anche se ti senti vecchia, brutta e grassa)

coppia che chiacchieraMolte donne hanno la pessima sensazione di non essere viste dagli uomini. E quasi tutte credono che sia un problema che hanno solo loro. Solo ed esclusivamente. E si sbagliano. La verità è che in tante sono non viste e in tante non sanno come attirare l’attenzione di un uomo.

Già, l’attenzione di un uomo. Lo sai che quello dell’”attenzione” degli altri è una questione centrale per quasi tutti noi, ormai? E’ così centrale che si parla addirittura di “economia dell’attenzione”.

I commercianti (le grandi insegne del commercio) hanno bisogno dell’attenzione dei loro consumatori, se no, non vendono: i politici hanno bisogno dell’attenzione dei potenziali elettori, se no non vengono votati; le star o le starlette hanno bisogno dell’attenzione dei fan (o dei followers) se no fanno fatica a guadagnare (anche loro).

"Per catturare l’attenzione di un uomo provate a mettervi davanti alla televisione e rimanete ferme lì. Vi parlerà, ve lo assicuro. Tim Allen"

Gli uomini hanno bisogno dell’attenzione delle donne e le donne di quella degli uomini. Ecco perché è così importante sapere come attirare l’attenzione di un uomo.

Accidenti però, da dove viene tutto questo bisogno di attenzione di tutti verso più o meno tutti?

Beh, intanto, come spiego anche nel mio percorso I 7 Pilastri dell’Attrazione, il bisogno di importanza (che un altro modo per definire l’”attenzione”) è uno dei bisogni umani basilari.

Figurati se per realizzare un bel rapporto di coppia possiamo fare a meno dell’attenzione del partner o di un partner potenziale…

Poi il bisogno di attenzione viene anche dal fatto che l’attenzione è una merce rara; già nel 1971 – ben prima, ma molto prima della nascita dei cellulari e dei social media – il premio Nobel per l’economia Herbert Simon parlava del fatto che l’abbondanza di informazione consuma attenzione. Troppi dati, troppe notizie, troppe immagini ci portano via l’attenzione e la nostra attenzione (la mia, la tua, quella di un uomo, quella di tutte le altre persone), è limitata.

Come attirare l’attenzione di un uomo: una questione di economia

E se lo diceva un premio Nobel oltre quarant’anni fa, immagina un po’ com’è la situazione dell’attenzione al giorno d’oggi.

Con tutti quei selfie a tradimento e il nuovo presidente degli Stati Uniti che ha in famiglia più bellone di tutte le vincitrici di tutti i concorsi di Miss Universo degli ultimi 23 anni messi insieme (il contesto storico va considerato, ah, se va considerato) come attirare l’attenzione di un uomo?

Se ti poni la questione di come attirare l’attenzione di un uomo, considera che prima di tutto ciascuno di noi è concentrato (magari in modo disfunzionale, eh) su se stesso.

Un uomo – come anche una donna – per lo più – è tutto preso dalle proprie paturnie, dalle proprie sedie mentali e dai propri personalissimi sensi di inadeguatezza (propri e delle proprie appendici).

Poi deve pensare al lavoro e allo studio; al giudizio degli amici, alla macchina, alla Mamma e a rimorchiare.

E a far vedere agli amici quanto è figo (che abbia 8 anni o 80 anni, che faccia l’amministratore delegato di una farmaceutica o stia arrancando a finire la prima superiore). Tutto complicatissimo.

E tu come fai ad attirare la sua attenzione, quando lui è tanto distratto da tutto ciò e per rilassarsi va su Pornohub?

Anche perché, già lo sai, ha 826 amiche su Facebook più scosciate e scollate di te, con vestiti più firmati dei tuoi e con molti argomenti di persuasione e di seduzione (dalle tette grosse, ai 7 premi letterari vinti negli ultimi tre mesi, a una dialettica capace di stendere Cicerone in persona) e una simpatia irresistibile.

Non ne parliamo poi se si tratta di mettere per caso il naso là fuori, nella vita vera: le palestre, le discoteche, gli uffici, le università rigurgitano di ragazze giovani, belle, con quoziente intellettivo da paura e soprattutto sicure di sé, mica delle melmine fatte e finite come te che a 25 anni sei solo al primo dottorato a Yale, eri nelle giovanili della nazionale di sci, parli quattro lingue e sei alta 1,80 per 60 chili di peso.

Chi se la fila una vecchia cicciona ignorante come te, senza nessuna attrattiva, siamo obiettive? (Tu non ci crederai, ma la gran parte delle mie giornate la trascorro con donne che mi pongono questioni del genere. Voi sapete chi siete, anche se fate finta di no. E rendetevi conto di che vita faccio io).

Anche perché non dobbiamo dimenticare che ogni essere umano di genere maschile che cammina sul pianeta terra ambisce a e merita niente di meno che una donna della bellezza di Marilyn Monroe (che non era nemmeno stupida) e dell’intelligenza di Rita Levi Montalcini. Nulla di meno, veh…

Allora, fatte queste dovute premesse come si fa ad attirare l’attenzione di un uomo?

"La curiosità è tanto imparentata all’attenzione, quanto l’attenzione lo è alla memoria. R.Whately"

Tanto più che se consideri che se lui manco ti vede, manco ti dà la sua attenzione così, in partenza, come fa a rendersi conto che sei la donna della sua vita e come fa a corteggiarti e a invitarti fuori e tutto il resto?

Cioè se nemmeno ti vede, come fate a iniziare una relazione?

Usare armi non convenzionali e acquistare vantaggio competitivo

Diciamoci la verità, una delle ragioni per le quali c’è carenza di attenzione è anche che tutto è tanto sì, magari bello anche o piacevole o gradevole, ma anche terribilmente uguale, uniformato, omogeneo. Una noia totale. Una piattezza cosmica. Una monotonia che uccide dentro.

La fashion blogger da migliaia di follower è identica alla liceale che pubblica 12 selfie al giorno su Facebook e alle sue 24 compagne di classe che sono identiche a tutte le ragazze del liceo e dell’istituto tecnico a fianco. E le loro madri pure. Tutti uguali, tutte uguali.

Che cosa fa innamorare un uomo e lo fa impegnare in una relazione?
Scoprilo con i 5 video gratuiti dell'anteprima "Come fare innamorare un uomo e tenerselo". Iscriviti qui senza rischi e senza impegno e ricevi il materiale nella tua casella mail.

Tu ti scosci? Io mi scoscio di più. Tu hai lo stiletto? Io mi stiletto di più. Tu hai le labbra in evidenza? Da oggi quando deciderò di entrare in un locale prima arriveranno le mie labbra e un quarto d’ora dopo vedrai me. Ecco.

Tutti uguali, tutte uguali, come nella Cina di Mao e nell’Unione Sovietica di Breznev.

Tanto se non è l’una a darmela, sarà l’altra. Tanto una vale l’altra, chi le distingue più? Se non ci riesco con la Jessica, ci riuscirò con la Deborah. Hanno lo stesso taglio e lo stesso colore di capelli, gli stessi vestiti e siccome si imitano l’un l’altra imitando la divetta di “Uomini e donne”, parlano e camminano e pensano anche nello stesso modo. Chi me lo fa fare di pensarci su e di aver paura di essere rifiutato? Basta che una me la dia e io sto bene uguale.

Le donne sono tutte uguali anche nei gusti: lo abbiamo detto un sacco di volte che ci sono i seduttori seriali che nel mondo reale dicono le solite frasi: “Con te sto proprio bene”. “Mi sei mancata un sacco”. “Quello che provo per te non l’ho mai provato prima”. E, tutte, si sdilinquiscono. Cioè cascano come mele mature.

Ci sono gli uomini che nelle chat sul web copiano e incollano le stesse frasi a donne diverse nello stesso momento. Tanto reagiscono tutte nello stesso modo… E se non lo fanno tutte, su 10 almeno tre abboccano. Pesca a strascico.

E allora come attirare l’attenzione di un uomo sul serio, magari colpendolo a tal punto da fargli pensare che una NON vale l’altra, che le donne NON sono tutte uguali e con qualcuna possono anche provare l’ebbrezza di sentirsi persone vive e non automi, di svegliarsi dal torpore di una vita orribilmente monotona dove le uniche vere emozioni le regala la Playstation dato che anche con la Champions ormai non si prova più granché?

"La comunicazione avviene quando, oltre al messaggio, passa anche un supplemento di anima. Henri Bergson)"

Eccoci qua: questo è il punto. Se cogli questo e investi su questo non ti ferma più nessuno, ma nemmeno sul lavoro o in qualsiasi altro ambito.

Il ritornello tanto per cambiare è: investi su di te. Diventa una persona speciale. Tira fuori la tua “specialezza”.

Non si seduce un uomo quando lo si conosce e mentre si è con lui. Lo si seduce prima di conoscerlo, o quando non si è con lui o dove non si è con lui. La differenza competitiva la fai coltivando te stessa, di modo che tu davvero sia “diversa” e di più di tutte le altre.

Ma proprio perché te ne infischi della competizione (che è un’idiozia trasversale a molti ambienti) ma ti interessi alla “differenziazione”. Ti interessi a te stessa e in questo modo, oplà, ti differenzi davvero dalla massa, e non per il selfie scattato di fronte allo specchio del bagno.

"Possiamo avere tutti i mezzi di comunicazione del mondo, ma niente, assolutamente niente, sostituisce lo sguardo dell’essere umano. Paulo Coelho"

Vuoi scoprire come attirare l’attenzione di un uomo? Scopri come differenziarti. E siccome le pecore dei nostri tempi si muovono in gregge, esci dal gregge, ma non mettendoti “contro”, semplicemente offrendo quel di più e di diverso che solo tu hai. Sii diversa, sii differente. E’ solo così che ti distingui dalla facce, dalle pettinature, dai vestiti e dai corpi tutti uguali.

come attirare l'attenzione di un uomo

22 modi per attirare l’attenzione di un uomo

    1. Non fare mai il primo passo. Oh ma quante volte l’abbiamo detta ‘sta cosa? Non cercarlo per prima, non approcciarlo per prima, non inseguirlo. Invece, attacca bottone molto spiritosamente con chi ti interessa con le scuse più stupide e più inverosimili. Chiedigli l’ora, soprattutto se siete in un contesto (tipo serata di sabato fuori con gli amici) in cui è evidente che non te ne frega nulla di sapere l’ora o addirittura stai sfoggiando un orologio di 10 cm di diametro. L’ironia, il contrasto e il “coraggio” della tua richiesta in un mondo abitato da morti viventi non può passare inosservato e se la persona con la quale parli ha più di due neuroni e senso dell’umorismo non potrà non notarti con interesse.
    2. Chiedigli un favore, facile facile da farti e più o meno con lo stesso spirito della richiesta di cui prima: per esempio vai alla toilette e digli che sorvegli il tuo “preziosissimo” cappotto con attenzione dato che lui ti sembra l’unico in tutto il locale con una faccia affidabile… E’ una battuta che gli farai con una chiara fintissima e comica serietà.
    3. Fagli domande su di lui – non le abominevoli “Che cosa fai-da dove vieni-dove abiti” – ma domande spiritose, talmente esagerate per la disinvoltura ironica, da strappare un sorriso anche al più immusonito dei machi: “Che cosa ha fatto sì che io avessi la straordinaria fortuna di incontrarti oggi?” “Quella camicia ti sta straordinariamente bene. Chi è il tuo sarto di fiducia?” “Mi scorteresti fino al buffet? Dammi l’opportunità di farmi vedere accanto a un uomo come te, ti prego, è l’occasione della mia vita…”
    4. Sorridi, mostra un’espressione e uno sguardo aperti verso gli altri e positivi verso la vita. La tendenza del momento è quella di essere tutti terribilmente immusoniti: modelle, attori, cantantucoli adolescenti e miliardari, ragazze e ragazzine complessati, potenti della terra pingui e biondi mostrano un’espressione arrabbiatissima come se su di loro pesassero tutti i problemi del mondo. Tu rilassati e sorridi.
    5. Mostra uno stupefacente candore di facciata, falsissimo, senza mascherarti proprio e fallo con ironia: sì sì sì, è vero, hai l’espressione stupita di Cappuccetto Rosso quando trova il lupo vestito da nonna ma dentro di te pensi tranquillamente: “Faccio finta di non capire niente di quel che accade intorno, ma ti ho già misurato e pesato per benino… Sono due minuti che ci conosciamo e tra cinque mi dirai che sono una ragazza meravigliosa, certo, certo, certo. Io farò finta di crederci, ma non te la dò lo stesso, sai?”
    6. Se miri a lui, approccia e flirta anche con i suoi amici e con il suo migliore amico. Confondi, gioca, divertiti. Scatenerai l’inferno, in modo divertente
    7. Abbi cura del tuo aspetto fisico e vestiti in modo femminile. Oh, lo si può fare anche senza sembrare per forza una peripatetica, veh…
    8. Rilassati: non sei in sfida, competizione o in rivincita con niente e nessuno.
    9. Smettila di pensare sempre e soltanto a te stessa come se fossi l’unico essere vivente sulla terra. Di tanto in tanto sposta lo sguardo all’esterno, sul mondo e sugli altri per conoscerli e per instaurare relazioni, non per giudicarli, entrare in contrasto o sminuirli
    10. Sii supergentile con l’uomo che ti interessa. Ho detto supergentile, non straccio della polvere.
    11. Sii supergentile (autenticamente) con gli uomini che non ti interessano per niente.
    12. Sii supergentile (autenticamente) con le altre donne, soprattutto quelle che ti fanno terrore e che continui a giudicare (rovinandoti la vita)
    13. Fai una tua personale statistica degli argomenti di cui si parla di più negli ambienti che frequenti e documentati abbastanza per poterne parlare, in modo originale, anche tu.
    14. Sii la prima nel tuo ambiente a parlare di tanto in tanto di argomenti di cui nel tuo ambiente nessuno parla: un certo libro, un certo film, un certo sport etc
    15. Parla un italiano corretto e comprensibile, tipo quello spiegato dalle grammatiche e non in uno stupido gergo giovanilista da messaggista o da ignorantista. Scrivere e parlare in italiano corretto al giorno d’oggi fa colpo sai su chi sa scrivere e conosce le basi della grammatica, sai?
    16. Usa con cortesia le formule di cortesia: “Buongiorno, buonasera, grazie, per favore, scusami, ti dispiacerebbe?” Sempre con un sorriso, aperto, apertissimo.
    17. Interagisci con l’uomo che ti interessa e con tutti gli altri in modo collaborativo e amorevole, non oppositivo e aggressivo.
    18. Mostra la tua vulnerabilità. Se hai qualche piccolo punto debole o qualche piccola preoccupazione che ti occupa la mente rivelala con discrezione, mostrando il lato umano di te stesse. In un mondo di persone sempre felicissime e invincibili (su Facebook) questo fa un’enorme differenza.
    19. Non fare la bambina capricciosa e incontentabile (bleah!)
    20. Non parlare troppo.
    21. Non parlare troppo poco e parla anche senza che qualcuno necessariamente ti ponga domande o ti metta al centro dell’attenzione. Fai vedere che esisti, respiri, pensi e hai la facoltà della parola.
    22. Concediti a poco a poco, a piccole dosi e solo se e con chi ne vale la pena. Il tuo corpo, il tuo denaro, il tuo tempo, sono risorse preziosissime. Dosale con grande attenzione. Per non parlare del tuo amore e delle tue emozioni.
"Se attiri la sua attenzione con intelligenza, c’è il rischio che tu abbia attratto un uomo intelligente. Ilaria Cardani"

Lasciami tutti i tuoi commenti, opinioni e anche dubbi su come attirare l’attenzione di un uomo.

Scopri tutto quello che ti serve sull’attrazione con i percorsi che ho preparato per te:

I 7 Pilastri dell’Attrazione.

è il primo passo verso la conoscenza di te.

Clicca qui per iniziare il tuo percorso de I 7 Pilastri dell’Attrazione adesso.

Come Sedurre un Uomo senza Stress

In questo percorso si spiegano i gradi dell’attrazione “autentica”.

Clicca qui per iniziare il tuo percorso Come Sedurre un  Uomo senza Stress adesso

 

 

Lascia un Commento!

93 Commenti

  1. Avatar di Lu

    Lu 2 anni fa (25 Gennaio 2017 21:00)

    Articolo bellissimo!
    0
    Rispondi a Lu Commenta l’articolo

  2. Avatar di Claudine

    Claudine 2 anni fa (26 Gennaio 2017 8:00)

    Buongiorno a tutti. Ieri sera ad una cena aziendale alla quale erano presenti nuovi dirigenti e nuovi colleghi ho visto che devo lavorare sul punto 13 e 14. Se si fosse trattato di parlare di lavoro, non avrei avuto nessun problema, anzi, ma si sa, a quelle cene si parla di tutto tranne che di lavoro. In questi argomenti (letteratura moderna, teatro, mondanità, architettura) manco. Nel mio tavolo c'era la mia collega, colta, bella, spiritosa e trascinante. Osservarla e stare in sua compagnia è un piacere, è un perfetto esempio del tipo descritto nell'articolo, lo è in modo naturale perché è il suo carattere e riceve riscontro positivo. Ecco allora che si tace tutti ascoltando quello che dice, per cui cado nel n. 8. Cioè, io sono rilassata, ma consapevole, che la scena è solo per lei, per cui mi passa la voglia di parlare o intervenire, insomma mi rassegno. A volte penso che per avere l'attenzione ci vuole troppo sforzo e in questo tipo di preparazione non mi sento all'altezza. Poi ho pensato ad un concetto sul marketing esposto proprio ieri alla riunione aziendale. C'era con noi la Dott.sa *******. Il concetto è pressapoco questo. Oggi le persone sono continuamente stimolate sul piano razionale, in quanto sempre connesse, informate ecc...quindi è molto difficile ottenere l'attenzione dialogando sul piano razionale. Per ottenere l'attenzione occorre comunicare con le emozioni e sul piano esperienziale, suscitando emozioni positive che rimangano nella memoria. Mi ha colpito questo concetto perché secondo me è utile anche nell'ambito affettivo e sentimentale. Buona giornata!
    -1
    Rispondi a Claudine Commenta l’articolo

  3. Avatar di Eleonora

    Eleonora 2 anni fa (28 Gennaio 2017 7:15)

    Vero.paradossalmente attiriamo in base al messaggio che lanciamo senza accorgermene solo x seguire la moda del momento convinte forse di esser meno"sfigate".e i risultati si vedono.lo vedo ora tra le mie amiche....
    0
    Rispondi a Eleonora Commenta l’articolo

  4. Avatar di Pincollo

    Pincollo 2 anni fa (22 Gennaio 2017 18:22)

    Ciao Ilaria.. mi approfondiresti il punto: flirta con i suoi amici ? Sinceramente ,da uomo, se una donna flirta con i miei amici o con altri uomini io perdo interesse.
    6
    Rispondi a Pincollo Commenta l’articolo

  5. Avatar di Veronica

    Veronica 2 anni fa (6 Febbraio 2017 22:39)

    Ciao Ilaria, Da questa estate dopo 8anni ho ricominciato a vedere lui,il colpo di fulmine di 8 anni fa. Io lo amo tantissimo,ma lui ha ancora ex moglie da cui deve ancora divorziare ed ex compagna che lo tampina perché vuole un figlio (ma lui no!lui è già nonno) e con me più avanti del sesso (grandioso) non va. Io non voglio perderlo ma vorrei che vedesse me stessa per intero e non solo il mio corpo..
    5
    Rispondi a Veronica Commenta l’articolo

    • Avatar di Ilaria Cardani

      Ilaria Cardani 2 anni fa (6 Febbraio 2017 22:44)

      Eh, un uomo che vede solo il tuo corpo forse vale la pena di perderlo. Anzi di mollarlo. Non ho capito la faccenda della ex moglie: se non sono divorziati non è ex, ma se sono chiaramente separati in che cosa dovrebbe tampinare la futura ex moglie il nostro nonno? E capisco ancora meno la storia della ex compagna che vuole un figlio da lui: sono ex e discutono della possibilità di mettere su famiglia? Non è che l'amico, oltre a godere del suo corpo e della sua adorazione non racconta tutta la verità o la elabora a proprio comodo? :)
      -2
      Rispondi a Ilaria Cardani Commenta l’articolo

    • Avatar di Veronica

      Veronica 2 anni fa (6 Febbraio 2017 23:20)

      No,è sincero. Non è la ex moglie (exda15anni) a tampinarlo,ma la ex fidanzata,che lo ha lasciato perché vuole un figlio e lui no, ma continua a cercare di convincerlo. Dalla ex moglie non è ancora ufficialmente divorziato per motivi economici. Ora che i figli sono grandi,lo farà. 8 anni fa ero scappata via da lui,proprio perché era fidanzato, ora è tornato, non voglio perderlo...
      5
      Rispondi a Veronica Commenta l’articolo

    • Avatar di Ilaria Cardani

      Ilaria Cardani 2 anni fa (6 Febbraio 2017 23:28)

      Non so che cosa intendi per "non voglio perderlo". E' una frase che si può dire di un portafoglio o del passaporto. Ce l'hai quest'uomo? Non saprei. Di sicuro continuando a fargli apprezzare il tuo corpo senza chiedergli nulla in cambio, terrai stabile la situazione per un po'. Poi magari lui non divorzia dalla moglie, fa un figlio con la ex fidanzata e siccome ha tante ex si troverà magari una fidanzata nuova, chi lo sa. Certo se lui per te avesse già da adesso deciso di cambiare non solo la sua vita ma anche il suo sguardo, considerandoti non un corpo ma una persona, sarebbe diverso. Ma a quanto pare a te piace già tantissimo così, perché mai lui dovrebbe cambiare?
      -3
      Rispondi a Ilaria Cardani Commenta l’articolo

    • Avatar di Veronica

      Veronica 2 anni fa (6 Febbraio 2017 23:58)

      Ho paura a fare qualsiasi passo...ho paura che lui sgusci via da me,come io sono sgusciata via da lui 8,anni fa. Se non gli faccio più apprezzare il mio corpo lui se ne va e io non voglio.
      5
      Rispondi a Veronica Commenta l’articolo

    • Avatar di Ilaria Cardani

      Ilaria Cardani 2 anni fa (7 Febbraio 2017 9:52)

      Beh, è la solita vecchia storia, no? Tu gli dài il tuo corpo e lui dedica tempo e attenzione alla moglie (non ancora ex da 15 anni per il bene dei figli e dei nipoti e tra poco dei pronipoti) e la fidanzata (ex per te e madre del suo prossimo figlio).
      0
      Rispondi a Ilaria Cardani Commenta l’articolo

    • Avatar di Gea

      Gea 2 anni fa (7 Febbraio 2017 10:51)

      "E io non voglio". E cosi, per non volere lasciar andare un maiale che si fa (coerentemente) i suoi porci comodi, non si vuole nemmeno la propria felicità, che passa attraverso la dignità e il rispetto di sé. Cosa vuoi che faccia Ilaria? Un filtro d'amore? La risposta giusta te l'ha detta e ripetuta... spero tanto che tu riesca ad accettarla, anziché continuare ad accettare di fare da balocco sessuale per l'imperdibile pirla.
      -3
      Rispondi a Gea Commenta l’articolo

    • Avatar di Anna

      Anna 2 anni fa (7 Febbraio 2017 12:45)

      E tienitelo. Tu per prima hai descritto la situazione per filo e per segno, puoi passare il tempo sperando che le cose cambino da parte sua, o cambiare la tua vita e trovare una persona più affidabile. Sono scelte.
      -1
      Rispondi a Anna Commenta l’articolo

    • Avatar di Veronicapasquali62@gmail.com

      Veronicapasquali62@gmail.com 2 anni fa (7 Febbraio 2017 0:00)

      Ho paura a fare qualsiasi passo...ho paura che lui sgusci via da me...non so come muovermi.
      5
      Rispondi a Veronicapasquali62@gmail.com Commenta l’articolo

    • Avatar di Veronica

      Veronica 2 anni fa (7 Febbraio 2017 0:06)

      Non trovo più la mia risposta, la riscrivo. Non voglio che lui sgusci via da me ma non so come muovermi,ho troppa paura.
      4
      Rispondi a Veronica Commenta l’articolo

    • Avatar di max

      max 2 anni fa (7 Febbraio 2017 17:34)

      La felicità non è cercare di avere una minestra riscaldata di 8 anni fa, per giunta in condivisione con altre 2 donne, e senza avere certezze per il futuro, se non la certezza di continuare a struggersi per un amore impossibile...e si che non sei una giovinetta
      -1
      Rispondi a max Commenta l’articolo

    • Avatar di London

      London 2 anni fa (7 Febbraio 2017 18:48)

      Veronica, mi sembra di capire che ci siano un po' troppe donne in giro per questo uomo, anche se ex. Come hai fatto dopo 8 anni a ricascarci? 8 anni fa aveva solo la ex moglie e tu eri la compagna e poi ex? Attenzione al soggetto, anche se dici che è sincero, si, magari le cose sono proprio così, ma la cosa che stona sei tu che le accetti a mio avviso. Come diceva Ilaria, tu gli dai il corpo e a lui va bene, poi le attenzioni e il tempo che tu vorresti le da ad altre. Se ti va bene così vai avanti così. Attenzione che la ex potresti diventare anche tu...
      0
      Rispondi a London Commenta l’articolo

  6. Avatar di Melinda

    Melinda 2 anni fa (13 Marzo 2017 0:46)

    Non è difficile attirare l'attenzione di un uomo quando lo sguardo è promettente, il corpo invitante e lui pronto a farsi sedurre. E' difficile perdere l'attenzione di un uomo quando scopre la tua anima diversa e il tuo modus vivendi originalissimo tanto da non volerti perdere mai più.
    0
    Rispondi a Melinda Commenta l’articolo

  7. Avatar di Laura

    Laura 2 anni fa (30 Maggio 2017 16:35)

    Bellissimo articolo Ilaria! Sono d'accordissimo sul fatto che il mondo è pieno di gente tutta tutta simile! Io direi che mi distinguo, e pure troppo. In università son quasi sempre sola e già questo attira l'attenzione perché sono sempre tutti in compagnia manco avessero 5 anni che devono sempre essere accompagnati (non lo faccio per chissà cosa, se studio sola mi concentro bene, se sono in compagnia o si ripassa dopo aver studiato oppure mi distraggo). Cerco di non vestirmi come le altre ragazze, non perché devo a forza fare la diversa, è ovvio che guardo anche le altre per capire le mode del momento, però ho capito che devo seguire il mio personale gusto. A volte non guardo neanche le riviste di moda, ma vado direttamente in un negozio e scelgo i capi che più mi piacciono! A volte attiro l'attenzione, a volte no. L'importante è essere sempre se stessi!
    0
    Rispondi a Laura Commenta l’articolo

  8. Avatar di Laura

    Laura 2 anni fa (30 Maggio 2017 16:45)

    Ciao Gea sono d'accordo! Io vivo in provincia di Milano (anche se sono meridionale), ed è orribile stare in questa cittadina: zeppa di tamarri, le ragazze vanno in giro mezze nude, bestemmiano e sputano anche a volte, i ragazzi non so definirli...a volte mi sono detta proviamo a vedere se da qualche parte c'è un qualche posto decente e tutte le volte che sono andata ad eventi simili era pieno di anziani...(io ho 25 anni), fortunatamente non mi costa molto prendere la metro e andare in centro e già lì mi sento meglio.
    0
    Rispondi a Laura Commenta l’articolo

  9. Avatar di carla

    carla 2 anni fa (23 Gennaio 2017 12:18)

    CIAO ILARIA effettivamente fa' piacere incontrare una persona che si distingue dalla massa,che esce dagli schemi,non segue le mode. a me suscita subito curiosita',la curiosita' pero'e' differente dall'accettazione e dalla voglia di accoglierla come amica familiare.Quello che noto io nei ragazzi di oggi e' invece questa ricerca della donna simile alle starlett della tv. IL modello dominante e' la velina :fresca sportiva tonica simpatica ,se non tanto colta meglio....perche' la cultura non e' di moda.Ora vanno per la maggiore le ragazze brune alla brasiliana, e se sei bionda non sei piu' di moda...e si innamorano si di quelle..o comunque ricercano quel modello perche' quello hanno nella testa,puoi colpirli si' quanto vuoi ,ti possono considerare simpatica,ma spesso ti considerano anche un pelino sopra le righe e allora non vai piu' bene.Bisogna POI, distinguere molto in base all'eta'. dai 20 ai 30 devi essere uniformata anche per farti notare.Altrimenti rischi di essere proprio isolata.dai 30 ai 40 devi lavorare un sacco sulla tua fisicita' per essere ancora attraente perche' gli uomini di quell'eta' cercano prevalentemente storie di sesso e anche la fisicita' ha i suoi canoni ,impressi nell'infanzia.dai 40 in su finalmente puoi essere te stessa hai assolutamente meno urgenza di piacere ,te ne freghi, sei finalmente libera,puoi anche non truccarti piu' come Jennifer lopez, pero'rischi veramente di non attrarre nessuno. Una volta si diceva che l'uomo si innamora di ragazze che gli ricordino in qualche tratto la mamma ora la mamma dei maschi italiani e' diventata da tv. la speranza e' che come per noi. sia anche per loro,ossia che siano anche loro meno condizionati dall'imprinting televisivo e di massa e che badino di piu' alla sostanza. In pratica a me ultimamente intessano molto di piu' se hanno superato la mezza eta' perche' si spera meno uniformati.....
    4
    Rispondi a carla Commenta l’articolo

    • Avatar di Ilaria Cardani

      Ilaria Cardani 2 anni fa (23 Gennaio 2017 13:10)

      Carla, scusa, ma che gente frequenti? Che letture fai? Con che cosa coltivi il tuo spirito? No, così tanto per sapere...
      -3
      Rispondi a Ilaria Cardani Commenta l’articolo

    • Avatar di max

      max 2 anni fa (23 Gennaio 2017 15:12)

      bah, carla che marea di luoghi comuni, quella della mamma e della mamma-tv poi...io nemmeno a 20 anni ho cercato la donna uniformata, anzi...e non mi è fai fregato se è maniaca della forma fisica, anzi, meno sta in palestra (in modo compulsivo, per piacere a tutti i costi) e più tempo libero ha...
      0
      Rispondi a max Commenta l’articolo

    • Avatar di Gea

      Gea 2 anni fa (23 Gennaio 2017 20:18)

      Max, mi spiace ma DEVI adeguarti, altrimenti crollano i castelli di pregiudizi! Da domattina alle 6 parte il programma di rieducazione alla virilità becera e decerebrata: abbordaggio compulsivo di joggers truccatissime e lampadate, signorine tacco 12 e fotocopie di veline assortite. Se non aderisci al programma di rieducazione sarai deportato in Siberia! :-D
      -1
      Rispondi a Gea Commenta l’articolo

    • Avatar di carla

      carla 2 anni fa (23 Gennaio 2017 20:22)

      Ultimamente in effetti ho letto Erika Jang "paura dei 50" e devo dire Che in effetti mi ha un po' condizionato.Ps.per Max non a caso ho detto Che punto ai signori un po' sopra i 40 perché meno uniformati....tu sei cosi'!! Vero???
      4
      Rispondi a carla Commenta l’articolo

    • Avatar di max

      max 2 anni fa (24 Gennaio 2017 12:03)

      di erika Jang non conosco nulla a parte qualcuno di quegli aforismi letti qua e la che creano più danni che altro -al pari di alcune canzoni della amoroso e dei modà - nelle menti di chi legge!...non credo di essere mai stato uniformato nel mio modo di essere, senza eccessi da vita al limite, grazie all' educazione di mia madre che mi ha dato regole, sani principi e qualche schiaffo fatto bene al momento giusto, fatto apprezzare i libri e l' arte, ho studiato con risultati ne da genio, ne da capra, e trovato la professione che amo (grossa fortuna questa), mi sono divertito, mi sono ribellato da adolescente, ma senza eccedere troppo, e poi sono andato a lavorare e me la sono cavata da solo..meno normale di tanti zombie, ma tutto sommato più normale rispetto a tantissimi che hanno realizzato cose di cui io non sarei capace...sicuramente non mi vesto più come a 20 anni, ma i pantaloni a zampa li mantengo ancora, i mocassini "a bara" li evito come la peste, e recentemente ho deciso dopo anni e anni di tagliare i capelli che erano mooolto lunghi...ma poi il look conta fino ad un certo punto se sotto non c'è nulla. si può vestire in modo anonimo, ma essere spinti da una sana curiosità che ci permette di non uniformarci alla noia, senza per questo cercare di essere diversi ad ogni costo...la sostanza di quello che siamo, e come ci comportiamo nella vita, con le nostre scelte, sono le cose che contano, e che ci rendono vivi o no. oh, a scanso di equivoci, non è mia intenzione aver detto queste cose per broccolare sul blog, sia chiaro eh :) ma solo per dare la testimonianza di uno che a spanne ha superato gli anta
      4
      Rispondi a max Commenta l’articolo

    • Avatar di Ilaria Cardani

      Ilaria Cardani 2 anni fa (24 Gennaio 2017 14:06)

      Oddio mettere Erica Jong e Modà e gli Amoroso (chi sono questi ultimi due, giuro non lo so) sullo stesso piano è, per me, laica, una vera bestemmia. La Jong è un'autrice di certo ormai datata, ma fondamentale: è anche grazie a lei e a donne come lei, che non solo le donne hanno ottenuto quello che hanno ottenuto, ma possono anche permettersi di farsi i selfie al limite del porno e metterli su Facebook e anche fare i video mentre scop***no con un altro per vendicarsi del fidanzato. Ecco se si leggese la Jong e la si capisse (come moltissime altre), si potrebbero provare orgasmi in modo facile e autentico ed evitare di suicidarsi perché, oh, guarda, accidenti, il video in cui sc*po per fare la stronza con il moroso è diventato virale... E' un colpo basso questo e non politically correct. Succede.
      -1
      Rispondi a Ilaria Cardani Commenta l’articolo

    • Avatar di London

      London 2 anni fa (24 Gennaio 2017 15:46)

      Ho letto paura di volare annoscorso, dopo tuo suggerimento, e devo dire che mi è piaciuto molto. La sua libertà, il suo umorismo e la ricerca di se stessa. Se mi ricordo bene alla fine prova a rimanere da sola e riscoprire se stessa e la sua forza senza appoggiarsi ad un uomo qualunque. Quali altre autrici del suo calibro suggerisci? Quali altre letture simili? :)
      0
      Rispondi a London Commenta l’articolo

    • Avatar di Ilaria Cardani

      Ilaria Cardani 2 anni fa (24 Gennaio 2017 16:08)

      Sempre datata (ma possiamo dire, un "superclassico") è Nancy Friday o, molto più recente (ha circa 25 anni, il suo libro) ed è davvero un classico dei nostri tempi, Pinkola Estés, "Donne che corrono coi lupi". Mi piace molto, è dei nostri tempi ed è italiana, Ivana Castoldi, "Meglio Sole", piuttosto didascalico (in senso positivo), e mette in buon ordine tutti i concetti e le storie che io personalmente trovo fondamentali (nessuna ribellione, nessun volo pindarico, nessuna rivoluzione alla Jong, tanta competenza ed esperienza molto ben esposte) e già assomiglia di più a un libro di auto aiuto. In una direzione più legata alla sessualità, io letteralmente "adoro" Elisabetta Leslie Leonelli, che non suggerisco mai perché nella peggiore tradizione editoriale italiana i suoi testi sono introvabili (però provate nelle biblioteche, non si sa mai). "Al di là delle labbra", "Coccole e carezze", "Per fare l'amore". Bellissimo, vecchiotto e incredibilmente attuale e assolutamente veritiero, ma più sulla tematica dell'auto-aiuto "Donne intelligenti, scelte stupide". Scritto da due psicologi uomini che dicono cose di donne che tante donne qualificatissime son ben lungi dal capire. E poi anche queste datato ma insuperabile "Dalla parte delle bambine", di Elena Gianini Belotti. Libro che ha fatto scuola nel mondo. Molti di questi titoli sono nei percorsi consigliati sul blog.
      0
      Rispondi a Ilaria Cardani Commenta l’articolo

    • Avatar di London

      London 2 anni fa (24 Gennaio 2017 17:48)

      Grazie davvero! Donne che corrono coi lupi è un libro che ho da tantissimo tempo ma letto a tratti, tutte le volte che mi ci mettevo, poi lo interrompevo e ho recentemente acquistato "meglio sole" e "dalla parte delle bambine" , ma non li ho ancora letti. Grazie anche per gli altri consigli di lettura :)
      0
      Rispondi a London Commenta l’articolo

    • Avatar di max

      max 2 anni fa (24 Gennaio 2017 20:50)

      Non discuto le opere della jong, anzi se serve per gli orgasmi in modo facile è una grande a prescindere...parlavo dei suoi aforismi che si trovano qua e la e come tutti gli aforismi sono spesso opinabili...Donne che corrono con i lupi ce l' ho, l' ho letto e lo trovo un libro molto potente grazie al lavoro con le metafore delle storie.
      3
      Rispondi a max Commenta l’articolo

    • Avatar di Ilaria Cardani

      Ilaria Cardani 2 anni fa (24 Gennaio 2017 21:17)

      Max, mi rendo perfettamente conto che devi aver per forza ragione, soprattutto su un blog di donne e di una donna. Hai detto che della Jong non sai niente. Non c'è nulla di male. Il tuo riferimento agli orgasmi, riferimento che non apprezzo, non sembra affatto essere in sintonia con il mio e non lo capisco, nemmeno come battuta. Che il web sia pieno degli aforismi della Jong (francamente non me ne sono mai accorta, pur avendo io stesso usato un paio di sue citazioni e pure considerandomi un'avida fruitrice del web) e non ha nulla a che vedere con lei, con quello che ha fatto e che ha scritto. Rassegnati: è una grande a prescindere dagli orgasmi, anche se è una donna e ha avuto successo e fatto un sacco di soldi anche se tu non la conosci e anche se ti sta antipatica. Scusa, sai, sono molto insofferente al machismo, allo sciovinismo e al litigismo diffusi sul web e mi faccio un punto d'onore che questo sito sia un'isola felice in mezzo a tanto vacuo "devo aver ragione io per forza". Sai, io sono nata, ho vissuto, amato, letto, studiato, scritto fin da prima dell'avvento dei computer. Pensa un po'...
      -1
      Rispondi a Ilaria Cardani Commenta l’articolo

    • Avatar di max

      max 2 anni fa (24 Gennaio 2017 21:55)

      Si si non discuto che è una grande, prossimamente leggerò qualcosa di lei...scusa per la battuta, non aveva intenti sarcastici ne sulla jong ne sul problema degli orgasmi.
      0
      Rispondi a max Commenta l’articolo

    • Avatar di debora

      debora 2 anni fa (30 Maggio 2017 17:04)

      A me interessa molto ciò che hai scritto Ilaria! Vedo anch'io che ormai c'è questa tendenza: ovvero, le ragazze è come se si vestissero, comportassero da prostitute, cioè va proprio di moda comportarsi come tale senza però farlo di mestiere, cerco di spiegare il mio ragionamento. Inizialmente questa cosa l'ho vista così: siccome le ragazze hanno sempre dovuto sentirsi dire di comportarsi per bene, adesso c'è una sorta di rivalsa però estrema che porta a fare quello che dici proprio tu, i selfie al limite del porno e via dicendo. Da un'altra la vedo anche come insicurezza: ci sono ragazze, stile Belen, che non sanno cos'altro "offrire" se non il loro corpo. Addirittura lessi un'intervista fatta a Belen che diceva che lei sapeva ballare e cantare ma che a nessuno interessava ciò di lei, ma solo il suo corpo. Sì, ci può anche stare che si siano tanti uomini ignoranti, ma ce ne sono tanti altri che vogliono di più. Una donna non può plasmarsi in base a ciò che vogliono gli uomini (motivo per il quale anche se non ho nulla contro belen e fa del suo corpo ciò che vuole, non posso apprezzare un simile ragionamento).
      2
      Rispondi a debora Commenta l’articolo

    • Avatar di Gea

      Gea 2 anni fa (23 Gennaio 2017 20:11)

      Come no, é tutta e soltanto questione d'età: più sono vecchi, più sono seri, come un certo ottantenne ex presidente del consiglio... Pero' bisogna affrettarsi prima che i gentiluomini "d'antan" defungano!
      0
      Rispondi a Gea Commenta l’articolo

    • Avatar di Ilaria Cardani

      Ilaria Cardani 2 anni fa (23 Gennaio 2017 20:29)

      Ah ah ah ah: gentiluomini a termine...
      0
      Rispondi a Ilaria Cardani Commenta l’articolo

    • Avatar di carla

      carla 2 anni fa (23 Gennaio 2017 20:50)

      Ma ragazze voi dovreste veramente venire a gare un Giro dalle mie parti!! Io non sto a Milano purtroppo qui tra i paesi dell'alto vicentino,tra bar zeppi di ragazzotti misogeni e Sessisti Che aspirano solo alla Belen e parlano tra loro ) solo di calcio e donne brasiliane.e balere di latino américano Dove trovi i tipi alla Travolta anni 70.che son li' solo per cuccare.(ma il bello e' Che se la tirano come delle dive di Hollywood,proprio convinti).Io vi giuro Che mi trovo meglio con i vecchiotti contradaioli Che ti offrono il formaggio e ti parlano di come era Una volta....Si' insomma qui un deserto...da disperarsi
      0
      Rispondi a carla Commenta l’articolo

    • Avatar di Anna

      Anna 2 anni fa (23 Gennaio 2017 23:22)

      Si si ho presente il genere. Poi forse c'è una epidemia di narcisismo che colpisce soprattutto le generazioni dai 40 in giù (o sarà l'età, ma non credo, io ricordo che eravamo più rilassati a 20-30 anni). Però il vecchietto casaro, non so ... :)
      -2
      Rispondi a Anna Commenta l’articolo

    • Avatar di max

      max 2 anni fa (24 Gennaio 2017 10:38)

      nell' era della iperconnessione e dei selfie è vero che è scoppiata la bolla narcisistica, però se i genitori stessi riempiono i loro vuoti così o non capiscono come gestire la questione e non danno ai figli i mezzi -interessi alternativi e utili a background che poi creerà l' adulto 30-40enne di domani- non si può pretendere che i figli ci arrivino da soli...alcuni che hanno più curiosità per la vita e la bellezza delle cose, ci arrivano anche da soli, ma credo siano la minoranza.
      1
      Rispondi a max Commenta l’articolo

    • Avatar di Gea

      Gea 2 anni fa (24 Gennaio 2017 21:09)

      Ma i buzzurri modaioli e velinofili sono piovuti dallo spazio interstellare... o non sono forse i figlioli e nipoti dei bravi vecchiotti? Capisco che stai in provincia, ma i tipi da bar ci sono ovunque, a Milano e anche a Parigi, non credere!... Il punto é che bisogna andare altrove. Biblioteche, centri culturali, teatri, sale da concerti, associazioni come il FAI e simili. Se puoi, cambia zona. Se non puoi o non vuoi trasferirti, vai dove c'è vita e frequenta gente degna di esser frequentata.
      3
      Rispondi a Gea Commenta l’articolo

  10. Avatar di Rosy

    Rosy 2 anni fa (25 Gennaio 2017 19:15)

    Un saluto a tutte/i ! È da qualche tempo che seguo questo blog ma ogni volta i post mi danno ansia e finito di leggerli , dello sconforto ! Questo perché mi sembra che per conquistare un uomo devo sforzarmi di fare sempre qualcosa , nel senso che per uscire dall'anonimato devo essere piacente in qualsiasi momento , devo essere letterata , saper parlare ,essere spiritosa ,sempre allegra ,con la battuta pronta ecc ! Io non riesco ad essere così ,ad avere tutti questi interessi ! Il mio tempo lo divido tra lavoro ,figli e casa ! Non esco tantissimo perché non ho il tempo ! Quando esco mi ritrovo sempre le coppie affiatate con il cuoricino sopra la testa o single che manco ti guardano, se hai le battute subito pensano che ci stai ...... Ho cambiato locali e mi ritrovo i 50enni che escono con le 20-30enni ! Io ho 45 anni e ,dico la sincera verità , dopo anni da sola , ad uscire non ne ho più voglia proprio perché non riesco a conoscere nessuno , il mio giro è sempre lo stesso e mi sento giù e mi dico " cosa esco a fare che tanto non cambia mai nulla " !
    8
    Rispondi a Rosy Commenta l’articolo

    • Avatar di Claudine

      Claudine 2 anni fa (26 Gennaio 2017 14:55)

      Ciao Rosy. Mi accodo al tuo commento perché anche io vivo lo stesso problema. Non ho figli, ma un lavoro che mi piace e che mi assorbe tantissimo. Per questo motivo non ho il tempo (e forse la voglia) di informarmi e formarmi per una preparazione tale da poter superare la iperstimolazione mediatica e/o distrazioni a cui sono soggette le persone (in questo caso potenziale uomo che mi piace) e mi sento impotente a livello di strumenti in mio possesso. C'è sempre meglio, c'è sempre di più. Poi mi sono fermata a riflettere sul lavoro che faccio e che mi piace molto, sui risultati che ho ottenuto. Ecco, forse devo puntare su questo: sulla valorizzazione di quello che sono e sui miei punti di valore, che sono solo miei. Non per vantarmene in modo negativo, ma per interagire in modo positivo. Su questo punto sto lavorando per ora solo a livello concettuale, la pratica la devo concretizzare. Ciò non mi esime dal continuare ad essere curiosa e crescere, approfondendo gli argomenti che mi interessano di più, coltivare le passioni, prima di tutto per me stessa e per la mia soddisfazione. Spero di esserti stata utile. Buon cammino!
      -3
      Rispondi a Claudine Commenta l’articolo

    • Avatar di andrea

      andrea 2 anni fa (19 Agosto 2017 10:46)

      E poi, forse a una certa eta' e' tardi , resta troppo poco tempo
      5
      Rispondi a andrea Commenta l’articolo

  11. Avatar di josephine

    josephine 2 anni fa (11 Maggio 2017 1:14)

    Ciao Ilaria, Sono fuori tema, forse, ma non so in quale altro post affrontare il discorso. Mi interesserebbe sapere qualcosa di più sull'argomento esattamente inverso, e cioé cosa fare, come comportarsi quando ci si rende conto che si é arrivati al punto che nessuno attira più la nostra attenzione o nessuno ci sembra adatto a noi. Dopo storie sbagliate, nelle quali sono stata manipolata, ho avuto uomini narcisisti che non mi hanno dato nulla e preso tutto, non ho costruito niente e sono arrivata a 43 anni senza figli e vivendo di solo lavoro, a parole dico che vorrei tanto una storia normale (vengo da due anni di singletudine vissuti stando abbastanza bene senza uomini e bastando a me stessa), esco, mi sento disponibile e pronta a ripartire e ci rimango male perché non succede. Ma all'atto pratico mi accorgo che: non mi piace nessuno, trovo difetti insormontabili in tutti quelli che mi si avvicinano, non sopporto nulla. Mi chiedo se, piuttosto che essere guarita dalla fase di bassa autostima che mi portava ad entrare in rapporti sbagliati, non sia passata ad un'altra fase, ove il modo per punirmi sia quello di non concedermi più una relazione stabile. Non vivo questo mio costante "scartare" gli uomini come una cosa normale (cosa scarto: quelli sposati, quelli impegnati, ovviamente, ma anche: quelli con figli, quelli separati da poco, quelli più giovani, quelli molto + vecchi, quelli bassi, quelli che non scrivono un italiano corrente, quelli che non lavorano, quelli che fanno il mio lavoro, quelli troppo attaccati alla mamma, i playboy, quelli che viaggiano per lavoro...quelli troppo vanesii, o troppo fissati con la palestra, quelli che si depilano....insomma, tutte le scuse sono buone e naturalmente resta fuori il 100% dei maschi), ma temo di essere arrivata ad un inaridimento tale da non vedere possibilità di ritorno. Credi che ce la possa fare? Da dove iniziare?
    -3
    Rispondi a josephine Commenta l’articolo

  12. Avatar di Manuela

    Manuela 1 anno fa (17 Giugno 2018 9:17)

    Ciao Ilaria, intanto ti ringrazio per il tuo articolo e le tue mail, sono continue fonti di ispirazione. Ho però una domanda, cosa fare nel caso lui sembrerebbe perdere interesse? Ti spiego nel dettaglio: ho iniziato a frequentare un uomo, ci siamo visti varie volte sempre compatibilmente agli impegni reciproci ma improvvisamente lui è passato dai messaggi giornalieri di buongiorno alle sparizioni. A quel punto ho probabilmente fatto un errore, però mi sono sentita mal trattata e ho dovuto: gli ho scritto "ti sto lasciando in pace ma prima o poi vorrai dirmi cosa ti succede?". Al che lui ha addotto la classica scusa del troppo lavoro, il che ci può anche stare ma come dico io un minuto per scrivere un sms lo troviamo tutti. Ha pure aggiunto il classico "ti penso sempre e sai dove trovarmi" ma soprattutto "potrei anche avere bisogno di vederti". Quindi sono sparita io. Ora sta ricominciando con i messaggi: "Ciao Manu", al che dopo qualche ora rispondo io con un messaggio identico, dopodiché silenzio. Io non ho modo di incontrarlo se non per caso andando nei posti che frequenta, quindi mi chiedo come applicare queste tecniche per attirare l'attenzione, se non continuare a vivere la mia vita e aspettare. Ed è veramente difficile visto che ho una irrefrenabile voglia di vederlo. Ma veramente non voglio cedere. Grazie
    0
    Rispondi a Manuela Commenta l’articolo

  13. Avatar di Alisia

    Alisia 9 mesi fa (31 Ottobre 2018 0:10)

    "Non si seduce un uomo quando lo si conosce o quando si è con lui. Lo si seduce prima di conoscerlo...". Bellissimo Ilaria questo passaggio. In che modo posso capire la mia "specialezza"? O come posso scoprire in che modo differenziarmi?
    0
    Rispondi a Alisia Commenta l’articolo

    • Avatar di Ilaria Cardani

      Ilaria Cardani 9 mesi fa (3 Novembre 2018 13:35)

      Ciao Alisia, guardati allo specchio e osservati bene: quale caratteristica hai che nessuno di quelli che conosci ha? Il colore degli occhi? La forma del viso? La conformazione del corpo? Le labbra? Il naso, magari importante (io non posso saperlo)? Ecco, quelle sono caratteristiche che se ti va puoi mettere in evidenza e che molto probabilmente risultano attraenti a una serie di uomini. Poi, c'è qualche donna che ammiri particolarmente magari per il suo aspetto fisico o per come si comporta o per quello che ha fatto? Che cosa ti piace di lei, perché? Probabilmente ti piace perché qualcosa che lei ha risuona in te, può essere una delle tue caratteristiche speciali che puoi coltivare. Poi, soprattutto e più importante. Che cosa ti piace davvero e ti attrae? I romanzi sentimentali? I gialli? La bicicletta? Il fitness? Lo yoga? La cucina? Il gossip? La musica? La scrittura? Il découpage? Che materie amavi più di tutte a scuola? Quale parte del tuo lavoro ti piace di più? Ecco coltiva con costanza quelle passioni, anche se non sono condivise da chi ti sta intorno: è lì che trovi te stessa, al massimo e rendi concreta la tua unicità.
      1
      Rispondi a Ilaria Cardani Commenta l’articolo

    • Avatar di Alisia

      Alisia 9 mesi fa (3 Novembre 2018 15:28)

      Per le mie caratterstiche fisiche ti confido Ilaria che sono alta non più di un metro e 50, inoltre pure avendo una bassa statura ho una quinta di seno! Quindi puoi ben immaginare che non passo inosservata😂. Fino a poco tempo fa queste caratteristiche erano per me difetti, con l'esperienza ho imparato a capire invece che le donne bassine suscitano tenerezza, anche da parte di uomini. Inoltre mi sono resa conto, grazie anche ai tuoi consigli, che proprio per questo mi sono sempre differenziata da tante stangone. Solo che non me ne rendevo conto, ero troppo occupata a sentirmi inadeguata. Per il resto amo la lettura, spesso scrivo qui per chiederti letture interessanti. Amo fare giardinaggio, ho un giardino tutto mio che custodisco! Grazie intanto per la risposta Ilaria. Vedrò di approfondire le tue domande e di mettermi all'opera.
      1
      Rispondi a Alisia Commenta l’articolo

    • Avatar di Ilaria Cardani

      Ilaria Cardani 9 mesi fa (3 Novembre 2018 15:40)

      Le persone come te si chiamano "Veneri tascabili". Hai mai sentito questo termine? A un sacco di uomini piacciono le donne minute. Sul fatto che agli uomini piacciano i seni delle donne, uhm, mah... non saprei. Tu che dici? ;) Molte dive del cinema tra cui Gina Lollobrigida hanno o hanno avuto le misure che hai tu. Fai qualche ricerca sul web.
      0
      Rispondi a Ilaria Cardani Commenta l’articolo

    • Avatar di Alisia

      Alisia 9 mesi fa (3 Novembre 2018 16:12)

      Bellissimo "Veneri tascabili"! Per i seni guarda ho passato tutta l'adolescenza e anche dopo a nasconderle il più possibile. Ora non so...mi viene qualche dubbio che forse forse gli uomini le trovavo interessanti ;), infatti non rinuncio mai a vestirmi evidenziato un bel decolte'....
      0
      Rispondi a Alisia Commenta l’articolo

    • Avatar di Emanuele

      Emanuele 2 giorni fa (18 Luglio 2019 20:47)

      Mi piace e il concetto di differenziarsi e non competere.Puo essere Ilaria che abbiamo qualche conoscenza comune. Ti scrivo le iniziali: FM.
      1
      Rispondi a Emanuele Commenta l’articolo