Come accettare il fatto che lui non ti vuole

come accettare il fatto che lui non ti vuole

Come accettare il fatto che lui non ti vuole?

Come superare il rifiuto da parte di un uomo che ti piace e che ti interessa?

Accidenti! Come si fa?

Essere rifiutata e rendersi conto che l’altro non è interessato è davvero molto doloroso.

Certo, ed è un dolore che non solo si può attraversare (quasi) incolumi, ma che può portare a nuove opportunità.

Sì davvero, sul serio.

Essere rifiutate (o anche rifiutati) può essere perfino peggio che essere scaricati.

È uno di quei fenomeni che ti toglie completamente la gioia di vivere e ti fa mettere in dubbio il tuo valore e ogni aspetto della tua persona e della tua personalità: il tuo aspetto, la tua personalità, la tua intelligenza, la tua simpatia.

Praticamente tutto!

Ahiahiahi!

Ti perdi e di consumi alla disperata ricerca di capire perché tu non sei “abbastanza” per lui.

Concetto di per sé insensato. Noi non siamo merci per gli altri, di minore o maggior valore, così come gli altri non sono merci per noi.

Ci si incontra per corrispondenza di amorosi sensi, per attrazione fisica, comunanza di valori e di standard.

Però tu, in “crisi da rifiuto” ti interroghi: “Perché non gli piaccio?”

“Che cosa sto sbagliando?”

“Sicuramente ci deve essere qualcosa che non va in me!”

E, soffrendo, giri in tondo…

Tra te e te pensi che se solo tu potessi fargli capire quante cose in comune avete, chissà che coppia affiatata potreste essere!

Ma come puoi fare accadere tutto ciò?

La verità che probabilmente non vuoi sentire è che non c’è molto che tu puoi fare al riguardo.

Non puoi forzare nessuno a essere interessato a te.

Non ci “fatture”, magie, incantesimi.

Per quanto tu lo voglia o per quanto tu abbia nostalgia o desiderio di lui, niente può farlo avvicinare a te se non c’è interesse da parte sua.

Del resto, tu quanto sei coinvolta da chi non ti piace?

Non ci sono strategie, analisi “strategie”, fantasie che lo portino da te.

Semmai il continuare a pensarci ossessivamente ti può solo mandare sull’orlo di una crisi di nervi…

E tieni presente che capita o è capitato a tutti noi di non piacere a chi ci piace, ma questo non significa che non siamo persone di valore o persone interessanti.

Semplicemente quella persona lì non trova nulla di particolarmente interessante in noi.

Tutto qui.

Come accettare il fatto che lui non ti vuole 12 passi da compiere

Per “metabolizzare” al meglio un rifiuto,

1 il primo passo da fare è stare alla larga da colui che ti rifiuta.

Non riesci a dimenticare una persona e un amore finito e credi che la tua vita si sia fermata? Ricomincia a vivere al 100%. Scopri come con il minicorso GRATUITO Supernova: oltre le storie passate, la tua nuova vita. Iscriviti qui senza rischi e senza impegno e ricevi il materiale nella tua casella email.

Se ti è possibile evita tutti i luoghi che frequenta o quelli nei quali potresti incontrarlo (a casa di amici, nei posti dove lo hai conosciuto); se sei costretta a vederlo perché è un tuo collega di lavoro o in ambienti analoghi, lascia andare ogni aspettativa di agganciarlo emotivamente e, al contrario, resta distaccata.

È un sacrificio? Di sicuro, ma inseguire qualcuno che non ti vuole è frustrante e anche umiliante.

Non cascare nelle sue sdolcinatezze o nei suoi presunti corteggiamenti. Probabilmente vuole essere solo gentile o fare il corteggiatore seriale.

Se fosse interessato a te, ti cercherebbe seriamente e senza ambiguità.

2 Speranza ultima dea. La speranza è l’ultima a morire: ecco, nel caso di un uomo che non è interessato a te, questo concetto non ha nessun valore.

Sperare che un giorno magari, chissà, lui abbasserà il suo sguardo su di te e si accorgerà di essere attratto, significa perdere un sacco di energie emotive e soprattutto di tempo.

Non farlo, dài, la tua vita e il tuo tempo contano più di lui.

3 Considera la situazione con obiettività. Sembra retorica dire che dal dolore si può imparare molto, eppure è così.

Rifletti a posteriori: che cosa ti ha fatto invaghire di lui? Le sue caratteristiche personali o magari un tuo momento di bassa, di noia, di  stanchezza?

Quali atteggiamenti di lui ti hanno attratto e quali tuoi comportamenti non ripeteresti mai più?

Quali sono i tratti di lui che tu cerchi nel tuo partner ideale?

Ripensandoci, quali sono le ragioni per le quali tra di voi non poteva funzionare?

4 Se proprio devi rimuginare e appaturniarti, continua a portare il pensiero su quello che non poteva funzionare tra di voi. Ti permette di aumentare la distanza.

5 Non opporti al dolore ed evita di confidarti con persone e amiche che lo sottovalutano. Non si tratta di una tragedia, certo, ma qualsiasi dolore va attraversato sino in fondo, senza esasperarlo, ma anche senza sminuirlo.

Metti te stessa come priorità

A Non fare di una storia partita “storta”, di un rifiuto, una casistica assoluta. Assolutamente vietato. Un caso, ma anche due o tre non fanno statistica. Non ha funzionato con lui. Funzionerà con altri.

B Prenditi cura della tua salute e soprattutto fai attività fisica.

A qualsiasi età, se non si soffre di patologie davvero importanti – in qual caso vale solo il parere del medico – mezz’ora o un’ora di camminata di buon passo ogni giorno o a giorni alterni, sono un vero toccasana. Magari con della musica allegra negli auricolari o un bel podcast.

C Poniti un piccolo obiettivo che può trasformarsi in una buona abitudine.

Ad esempio decidi che nell’arco delle prossime due settimane leggerai un libro dall’inizio alla fine e da lì magari prenderai l’abitudine di leggere con regolarità. Puoi fare lo stesso con qualsiasi altro hobby che magari ti è più consono.

Comincia o ricomincia vivere una vita divertente

I Inizia una nuova vita sociale, con precauzioni e a piccoli passi.

Una vita fatta, ovviamente di lavoro o di studio, di attività varie, momenti di relax e di divertimento.

Una vita divertente anche se lui è definitivamente fuori dalla tua vita e tu non ci pensi più. Anzi, soprattutto per quello.

II Frequenta altri uomini, vecchie e nuove conoscenze.

È il momento di rispolverare il tuo fascino e di sfoderare di nuovo la tua capacità di attrarre, anche solo per gioco, per divertirti e per darti delle conferme.

Immaginati anche al fianco di un altro partner, che rispecchi le tue esigenze e i tuoi bisogni e ricambi i tuoi sentimenti.

III Conta su pochi amici veri e sui famigliari che ti amano e ti capiscono per uscire definitivamente dal “blocco emotivo” di un rifiuto.

IV Divertiti. Fai la vita che ti piace.

La felicità non è fatta di grandi cose, ma di piccoli piaceri quotidiani, vecchi e nuovi, che costellano ogni giornata della nostra esistenza.

Non permettere a un uomo e a un rifiuto di fermare la tua vita e di rubarti sogni e aspirazioni.

Ecco come accettare il fatto che lui non ti vuole.

Lascia un Commento!

5 Commenti

  1. Avatar di Giada

    Giada 3 settimane fa (27 Dicembre 2021 0:04)

    Cara Ilaria, la leggo spesso, a parte i complimenti per l’aiuto che dà alle persone, vorrei dirle di me con sincerità. Amo un uomo da molti anni, non gli ho mai fatto mancare nulla, lui stesso lo confermava, ma tra alti e bassi in cui mi adorava o non mi sopportava. Non sono perfetta ma ho fatto del mio meglio con tanta sincerità e la voglia che la mia storia fosse sempre curata. Sono una donna indipendente non ho mai gravato e ho sempre fatto la mia parte con tanto sentimento ma anche tanta concretezza. Ma allora perché improvvisamente con un pretesto insensato mi ha lasciato? Pochi giorni prima sembrava tutto abbastanza normale ed era felicissimo di stare con me in tutti i sensi, c’era tanto dialogo tanto volersi e condividere tutto anche se non vivevamo insieme. Invece da vari giorni mi ha buttato via ed io,che sono sicura di non meritarmelo, non l’ho cercato, ma soffro moltissimo sto molto in difficoltà sto impazzendo non riesco a capire, non so che pensare, che ho fatto per essere lasciata così? Tanti anni ed in pochi minuti mi ha buttato via, non gli manco ma come si fa? Credimi aveva tutto, non l’ho mai trascurato da nessun punto di vista, ho accettato tanta volubilità anche sapendo che non era molto stabile come persona, ma l’ho accettato per quello che era. Mi sento come in un mondo in cui non capisco più nulla, tanto amore sparito ma come si fa? Scusa questo sfogo. Se hai anche solo una parola di aiuto lo apprezzerei, grazie di cuore.
    Rispondi a Giada Commenta l’articolo

    • Avatar di Ilaria Cardani

      Ilaria Cardani 3 settimane fa (27 Dicembre 2021 13:11)

      Non era stabile come persona, lo hai detto tu. Attenzione che non ritorni, va tenuto alla larga.
      Rispondi a Ilaria Cardani Commenta l’articolo

    • Avatar di Cristina

      Cristina 3 settimane fa (27 Dicembre 2021 14:41)

      Ciao Giada, mi dispiace tanto per come ti senti ora perchè spesso non trovare una ragione, non ricevere una spiegazione ci tormenta ancora più del fatto stesso. Hai detto tu stessa, come ti ha fatto notare Ilaria, che non lo consideri stabile, sono parole tue, e ti confesso che mi son venuti i brividi quando hai scritto all'inizio "alti e bassi in cui mi adorava o non mi sopportava". Adorazione e non sopportazione sono due estremi che secondo me non dovrebbero esserci in una relazione sana, ecco. Non credo sia persona con cui stare e bravissima a non averlo cercato. Prenditi cura di te, il mondo è un posto in cui ci sono persone meravigliose che sanno e vogliono davvero amare, purtroppo costui non era tra queste. Un abbraccio e buona giornata
      Rispondi a Cristina Commenta l’articolo

    • Avatar di Emanuele

      Emanuele 3 settimane fa (27 Dicembre 2021 16:46)

      @Giada. Comprendo bene come ti senti. È giusto ed è normale che ora soffri. Per esperienza so perfettamente che non senti e non vedi nulla al di fuori di lui e dei bei momenti. E a nulla servono i soliti riti consolatori. Ne a parole, ne a consigli. Tanto non riusciresti a metabolizzare. Mi permetto solo di dirti, che quando arrivano quei momenti in cui gli vuoi scrivere, telefonare ecc. Scrivi qui. C'è sempre qualcuno all'ascolto.
      Rispondi a Emanuele Commenta l’articolo

    • Avatar di Laura

      Laura 3 settimane fa (27 Dicembre 2021 21:58)

      Giada, l'amore è gioia, rispetto, momenti passati insieme da soli, con gli amici, la famiglia. L'amore è serenità ed elevazione verso la migliore versione di se stessi, per entrambi. Le storie tormentate non sono storie d'amore, ma rapporti malati e distruttivi. Appena una persona vi fa del male, bisogna allontanarsi immediatamente.
      Rispondi a Laura Commenta l’articolo