Timidezza: 1 soluzione in 4 passi

Timidezza, autostima e competenza nelle relazioni. Che cosa hanno a che fare l’una con le altre?

L’autostima e la competenza nelle relazioni sono i veri antidoti alla timidezza: lo spiego anche nella guida gratuita “Come attrarre la persona giusta per te in 11 passi” (scaricala adesso da qui).

I miei due post precedenti dedicati alla timidezza hanno suscitato molto interesse e commenti da parte di uomini e di donne che hanno da dire molte cose  sul tema. Checché se ne pensi, la timidezza è un’emozione molto comune, condivisa da persone di entrambi i sessi e di tutte le età.

E’ anche vero, che per un costume sociale molto radicato, gli uomini sentono su di sé la responsabilità di fare il famoso primo passo e dunque su di loro il peso della timidezza è come se fosse cento volte moltiplicato. Ma non il disagio: anche le donne che si lasciano travolgere dalla timidezza non se la passano molto bene in termini di relazioni…

Una donna che fa la timida (o si attiene a vecchie convenzioni sociali) si aspetta sempre di essere avvicinata da un uomo. E così delega a un altro la responsabilità di sceglierla e non si prende la libertà, il gusto e la possibilità di scegliere, semmai solo di rifiutare l’uomo che la cerca (e questa libertà a metà è come un premio di consolazione, lascia il tempo che trova).

Un uomo che  fa il timido invece, proprio per usi e convinzioni radicati, difficilmente viene avvicinato da una donna. Le donne di solito non fanno il primo passo, anche se sono molto attratte da qualcuno.

Molti uomini che fanno i timidi sognano di essere avvicinati da una donna affascinante che li corteggi.

E questo è un modo che usano per aggirare la loro timidezza: per loro una donna intraprendente potrebbe essere la soluzione di tutti i problemi (forse). Solo che è molto improbabile che accada. Direi che il 99% delle donne aspettano che sia l’uomo a fare la prima mossa.

Quindi se sei un uomo, ti lasci prendere dalla timidezza e ti aspetti che una donna si avvicini per prima… uhm… puoi anche essere capacissimo di attrarre la persona giusta per te, ma non lo saprai mai…

Qual è la soluzione per te a questo punto, che tu sia uomo o donna?

Facile: per superare la timidezza è sufficiente adottare comportamenti diversi e modi di pensare nuovi e utili a ottenere quello che vuoi. Ecco come.

1)      Acquista sicurezza in te stesso/a: aumenta la tua autostima, considera il tuo valore. Con una buona autostima e un alto senso del tuo valore ti diventa naturale essere indifferente al giudizio degli altri e fare ciò che vuoi fare davvero (e che ti fa stare bene).

2)     Impara ad agire quando è utile farlo, a farti avanti quando desideri qualcosa e a cogliere le opportunità che ti si presentano.
3)      Considera e concentrati su tutti i risultati positivi che ottieni nel momento in cui fai il primo passo. Invece di proiettare nella tua testa brutti film horror di quello che “forse potrebbe succedere se”  proietta delle belle commedie sentimentali (e anche film erotici), del genere: “quante cose meravigliose iniziano dal MIO primo passo”.

4)      Dedica tempo e impegno a sviluppare le tue capacità relazionali, con tutte le persone che ti stanno intorno, in ogni momento della giornata. Quando sai come si fa ad entrare in connessione con gli altri, la timidezza non ha ragione di esistere, sei sempre a tuo agio e il mondo diventa un posto davvero confortevole dove vivere.

L’altro giorno mentre parlo di queste cose con un mio cliente, Massimo, lui mi dice: “Accidenti, c’è da impegnarsi!”

“Già”, gli ho risposto io, “perché quando hai preso la patente, non ti sei impegnato? Quando vai a sciare la domenica mattina, non è un impegno alzarsi alle 5? Quando sei al lavoro non ti impegni? Ti impegni per tutto e non vuoi impegnarti per realizzare la vita sentimentale dei tuoi sogni e per essere felice?

Ecco,  se adesso ti senti solo/a, ti senti escluso (esclusa) dalla parte divertente del mondo e la cosa ti rattrista, pensa che è in tuo potere superare la timidezza e muoverti con disinvoltura nel mondo delle relazioni, aprendoti a un modo di vivere totalmente nuovo.

Il tuo successo è a portata di mano.

Il fatto che tu adotti nuovi comportamenti e nuovi modi di pensare dipende dal tuo impegno nel praticare le buone abitudini che ti ho elencato.

La scelta è tua. Il risultato dipende da te.

Cordialmente

Ilaria

P.S. Condividi le tue opinioni nei commenti qui sotto!

Lascia un Commento!

16 Commenti

  1. Avatar di alberto

    alberto 8 anni fa (12 marzo 2010 20:53)

    Ilaria, sante parole purtroppo l'uomo timido è spesso vederlo! Pensa che una volta avevo un'amico molto bello (ps: detto dalle ragazze non da me :-)) però timidissimo, diciamo che a volte riusciva con le donne perchè queste facevano il primo passo, altre volte non aveva nessuna! Una volta gli dissi, dai che te frega che hai da perdere anche se una ragazza ti rifiuta? Niente rispose lui.. Appunto.. Quindi gli dissi se vedi una che ti piace vedi prima nella tua mente come andrà il tuo incontro con lei (naturalmente vedi che va tutto bene), poi 3 - 2 - 1 buttati nel primo approcio che ti viene! Ha avuto belle esperienze! A presto
    0
    Rispondi a alberto Commenta l’articolo

  2. Avatar di elly

    elly 8 anni fa (14 marzo 2010 16:45)

    Ciao Ilaria, sto leggendo con molto interesse il primo dei tuoi post, che mi ha incuriosita in modo particolare soprattutto perché punta per prima cosa ad accrescere l'autostima e la consapevolezza del valore di se stessi, fondamentale in ogni relazione sociale a partire da quella basilare: il rapporto con la propria persona. Mi interesserebbe molto infatti approfondire questo aspetto ed arrivare ad avere un'ottima stima di me stessa. Mi interesserebbe inoltre ricevere consigli su come riuscire ad interfacciarmi con una persona chiusa entro certi schemi mentali che la portano a fissarsi con persone che non ricambiano il suo accanito ed ostinato interesse e che dichiarano apertamente di non volerne uscire.. condannandosi inevitabilmente alla sofferenza. Non mancherò di aggiungere ulteriori e più completi commenti al termine della lettura dei tuoi post. Complimenti per il tuo lavoro, a presto.
    0
    Rispondi a elly Commenta l’articolo

  3. Avatar di SUSY

    SUSY 8 anni fa (14 marzo 2010 16:27)

    ci sono anche uomini che sembrano all'approccio timidi ma che poi..........mhm.....son tutt'altro..altro che timidi!!!!!!
    1
    Rispondi a SUSY Commenta l’articolo

  4. Avatar di Marco De Luca

    Marco De Luca 8 anni fa (15 marzo 2010 16:58)

    Susy hai perfettamente ragione, delle volte accade che un timido riesca ad affrontare e circoscrivere la timidezza, che riesca insomma a ridurla in modo considerevole, in questi casi pur avendo modificato in modo sostanziale il suo approccio con "gli altri" spesso nell'approccio con l'altro sesso mantiene una serie di comportamenti da timido, nonostante esso sia ormai capace di interfacciarsi in modo rilassato e normale sfrutta il "fascino dell'introverso", e quando è consapevole della forza del suo doppio carattere riesce ad applicarlo con ottimi risultati .
    0
    Rispondi a Marco De Luca Commenta l’articolo

  5. Avatar di Giuseppe

    Giuseppe 8 anni fa (24 marzo 2010 23:57)

    Ciò che dobbiamo imparare a fare, lo impariamo facendo
    -1
    Rispondi a Giuseppe Commenta l’articolo

  6. Avatar di Sephirot20

    Sephirot20 8 anni fa (4 aprile 2010 0:23)

    Ammetto che cercavo altro quando sono finito su questo sito, ma incuriosito ho incominciato a leggere. Dopo aver raschiato il fondo del barile emotivo e mentale, come timido, mi sono rialzato. Ho cercato di relazionarmi di più con gli altri, alle volte fingevo di essermi perso per strada e chiedevo informazioni solo per parlare con la gente e superare la timidezza con sconosciuti e non. Un pò di autostima, un pò di coraggio, un pò di ottimismo e ne sono uscito differente, forse anche migliore. Ma non ho cambiato carattere, sono sempre io, solo il modo di relazionarmi e reagire con gli altri. Se avessi scoperto questo "posto" tempo fa ne avrei benificiato. Quindi mi limiterò a farti pubblicità. ^^
    0
    Rispondi a Sephirot20 Commenta l’articolo

  7. Avatar di Ilaria Cardani

    Ilaria Cardani 8 anni fa (4 aprile 2010 1:18)

    Ciao Sephirot20, grazie mille per la ricca testimonianza personale: bella e utile l'idea di fingere di essersi perso per strada, è un esempio che voglio fare anche mio. E grazie della pubblicità. Mi farà piacere se passi da queste parti, apposta o cercando altro, ma senza fingere di esserti perso, dal momento che non ne hai più bisogno. Un abbraccio
    1
    Rispondi a Ilaria Cardani Commenta l’articolo

  8. Avatar di LAMU

    LAMU 8 anni fa (4 maggio 2010 21:21)

    grande post... sto raccogliendo strumenti...per iniziare a vivere ... grazie ;)
    0
    Rispondi a LAMU Commenta l’articolo

  9. Avatar di Laliter98

    Laliter98 3 anni fa (2 luglio 2014 21:11)

    Ciao, Penso che il tuo post sia molto "dettagliato" ma non dica una cosa fondamentale: Come fare. Io ad esempio sono una ragazza molto chiusa;ovvero,io so di non essere bella e questo costituisce uno dei miei blocchi principali nel relazionarmi con gli altri.Io anche se sono in gruppo con dei ragazzi che conosco non riesco a dire la mia e credo sia perchè ho paura di essere giudicata.Io,sia in classe che nello sport,sono sempre isolata e molti mi danno della falsa perchè tramite computer o telefono riesco a dire di tutto e a difendermi,ma dal vivo no... non riesco nemmeno a reggere lo sguardo di un ragazzo(intendo quando parliamo non quando discutiamo)ad esempio ieri ho conosciuto un amico della mia best(dico così per non ripetere troppo)e mentre parlavamo noi tre io e lui ci siamo incrociati lo sguardo e io lo ho distolto quasi subito.Mentre parlavamo guardavo ovunque tranne che i suoi occhi...gli guardavo il strano disegno sulla maglia,i jeans blu chiaro o i capelli...tutto tranne gli occhi. Lui è un ragazzo timido(da quello che mi ha detto la mia migliore amica e,in effetti,un po' si notava)ed essendo timida anch'io nonostante fossimo stati insieme tutta la sera(non da soli,ma con altre 9 persone)non abbiamo parlato nemmeno una volta.Non so perchè,ma se sono da sola con un ragazzo mi riesce più spontaneo parlargli,credo sia perchè se lui non parla io sono "costretta" ad iniziare una conversazione e per questo mi riesce più naturale. Inoltre io essendo timida e facendo amicizia con difficoltà non conosco molta gente con cui potrei uscire e dialogare per provare a "buttarmi" e ad "allenarmi" per non essere così timida. Quindi come posso fare??Comunque sia,adesso leggerò gli altri post e vedremo :) P.S.Mi dispiace che sia così lunga,ma quando inizio a scrivere io mi sfogo e così finchè non mi sono sfogata non smetto :/
    0
    Rispondi a Laliter98 Commenta l’articolo

  10. Avatar di ilariacardani

    ilariacardani 3 anni fa (2 luglio 2014 21:24)

    Sai che cos'è un mantra Laliter98? Un mantra è una formula sacra, una specie di formula magica che serve a fare una sorta di incantesimo mentale. Secondo te, qual è il risultato di un mantra che dice: "Io sono timida, io sono timida, io sono timida..."
    1
    Rispondi a ilariacardani Commenta l’articolo

  11. Avatar di Arianna

    Arianna 3 anni fa (22 dicembre 2014 22:38)

    Ho apprezzato moltissimo l'articolo! E non posso fare altro che darti ragione! Nel mio caso la timidezza è andata via col tempo, anche se non me ne sono liberata fino in fondo... Ci ho impiegato un bel po' ma a un certo punto vedendo che per timidezza le cose che volevo, anche se con tutta me stessa, mi passavano accanto, ho deciso di alzarmi e andarmele a prendere... Penso sia la frustrazione o una certa rabbia che mi hanno fatto reagire. La timidezza di fondo c'é sempre, ma la voglia di ottenere le cose deve averla superata. Però ecco, l'unico ambito in cui faccio fatica è appunto quello amoroso. Non mi riesce ancora di far la prima mossa... Vedo l'interesse nell'altra persona, allora cerco di farmi coraggio, però forse ci metto troppo tempo e proprio quando mi sento pronta l'interesse dell'altra persona è già passato... Spero mi riesca la prossima volta perché veramente sento di star perdendo delle valide occasioni...
    0
    Rispondi a Arianna Commenta l’articolo

  12. Avatar di Silvia Capitani

    Silvia Capitani 3 anni fa (14 gennaio 2015 0:17)

    sono 1 persona ke si sta ormai avviando alla mezza eta' e ke tutt'ora e' timida soprattutto con ki non conosce o le incute soggezione.ma se sta bene con qualcuno si sente a suo agio. penso ke ognuno debba migliorarsi si' x stare meglio ma non si puo' stravolgere il carattere e se qualcuno ci apprezza sara' x altre doti ke senz'altro abbiamo. se 1 xsona e' sincera e pulita o meno prima o poi lo si capisce. l'unica cosa non dare l'impressione ( la timidezza purtroppo puo' indurre in inganno) di essere altezzosi
    1
    Rispondi a Silvia Capitani Commenta l’articolo

  13. Avatar di Rossella

    Rossella 3 anni fa (17 gennaio 2015 16:02)

    Io sono timida da quando ne ho memoria. A scuola è stato un dramma perchè nonostante studiassi tantissimo,il risultato non rispondeva al mio grande impegno e questo perchè ero come bloccata e avevo paura di dire qualcosa di errato. Nei temi ero molto brava invece perchè non dovevo parlare davanti ad un pubblico. Questa mia timidezza mi ha precluso tante cose soprattutto nel rapporto con gli altri. Mi sono sempre sentita inadeguata e non all'altezza delle situazioni e l'autostima è un termine che non ha mai fatto parte del mio vocabolario. Eppure crescendo qualche piccola sfida con me stessa l'ho vinta ma in fondo resto la persona timida di sempre e mi sento tanto sola.
    3
    Rispondi a Rossella Commenta l’articolo

  14. Avatar di Sole

    Sole 2 anni fa (28 novembre 2015 11:15)

    Bello questo articolo! E in questo voglio impegnarmi: cercare di aumentare la mia autostima e sviluppare le mie capacità relazionali!! Mi annoterò anche tutti i risultati positivi!! Sono timida, ma con il sorriso questa timidezza la sconfiggerò :-)!! Buon weekend a Ilaria e a tutte/i!
    0
    Rispondi a Sole Commenta l’articolo

  15. Avatar di Monica

    Monica 6 mesi fa (19 maggio 2017 16:24)

    Ciao Ilaria, è la prima volta che scrivo, anche se è da un po' che seguo il tuo blog e trovo molti spunti di riflessione nei tuoi articoli. Ultimamente sono rimasta affascinata da un ragazzo che conosco di vista ed è più giovane di me di 5 anni. Mesi fa ci siamo incontrati a due feste e durante le due serate spesso ci siamo guardati e scambiati sguardi. Una volta l'ho pure beccato anche mentre era preso a guardarmi il fondoschiena da lontano! L'ho rivisto due sabati fa: appena mi ha vista si è sbracciato a salutarmi, poi però ha passato la serata con gli amici così non sono riuscita ad avvicinarmi. A fine serata l'ho incontrato da solo, mi aspettavo si fermasse a fare due chiacchiere e invece mi ha detto un ciao molto freddo e ha tirato dritto. Sabato scorso di nuovo ci siamo incontrati in giro, ma di nuovo più che salutarci e sorridere altro non c'è stato. Io normalmente sono molto solare e espansiva, ma quando un ragazzo mi interessa mi blocco! Penso che lui sia timido e riservato. Secondo te perchè si è comportato in modo ambiguo? come si fa a capire se uno è timido o se invece non è interessato? come mi consigli di agire? grazie!
    -4
    Rispondi a Monica Commenta l’articolo

    • Avatar di Ilaria Cardani

      Ilaria Cardani 6 mesi fa (19 maggio 2017 18:29)

      Dimmi sinceramente: il fatto che uno ti guardi il fondoschiena lo ritieni una manifestazione di interesse? :) E questo è importante. Uno che ti dice un ciao molto freddo e tira dritto secondo te è interessato ma timido? Secondo te questo modo di pensare le relazioni ti aiuta a trovare un uomo di valore?
      8
      Rispondi a Ilaria Cardani Commenta l’articolo