Le 5 cose da NON fare se vuoi conquistare un uomo

errori delle donne in amoreOggi parliamo ancora di atteggiamento mentale e di una serie di comportamenti tipicamente femminili che allontanano – addirittura terrorizzano – gli uomini.

Come spiego bene nella mia guida gratuita “Come attrarre la persona giusta per te in 11 passi” e molto spesso negli articoli su questo blog, il tuo atteggiamento mentale è alla base della tua capacità di attrarre, di sedurre e di conquistare l’uomo giusto per te.

E, per rendere il tuo atteggiamento mentale produttivo e utile a ottenere quello che vuoi anche in ambito sentimentale, è essenziale che tu diventi consapevole dei tuoi errori.

Come dico ai miei clienti di coaching personale, apprendere dai tuoi errori e saperli trasformare in atteggiamenti vincenti è il principio base che ti guida al successo, nella tua vita e nella tua vita di relazione.

Ecco allora le cinque cose che non devi fare mai se vuoi davvero conquistare un uomo.

Errori micidiali: scopri se li fai anche tu

1. Comportarti in modo “bisognoso”. Tutti gli esseri umani hanno dei bisogni che è essenziale soddisfare. E’ giusto e non vi è nulla di male in questo. Però il modo in cui decidi di soddisfare i tuoi bisogni è una scelta e deve essere una scelta consapevole.

Ecco qua un’importante distinzione da fare, che è bene che tu comprenda quanto prima: uscire (o iniziare una relazione) con un uomo interessante e che ti piace ti permette di portare ancora più pienezza e serenità alla tua vita, quando è già piena e serena. Di certo non deve essere la soluzione ai tuoi problemi e tantomeno il metodo per liberarti dalla tristezza e dal senso di solitudine.

Se ti senti sola, annoiata o depressa, non commettere l’errore madornale di pensare che mandare SMS, mail o chattare di continuo con il tuo uomo possa risolvere i tuoi problemi esistenziali.

Fare la melodrammatica e la “problematizzata” ti porta nella direzione opposta a quella in cui vuoi andare.

Attenzione a non frainterdermi: sostenersi vicendevolmente nei piccoli e grandi momenti di crisi fa parte delle regole del gioco di una relazione sana e positiva.

Ma aspettarsi e pretendere che un uomo “ti risolva la vita” è tutta un’altra (terrificante) storia.

Se fai questo, semplicemente gli fai sentire la bruttissima sensazione di essere responsabile della tua felicità e del tuo benessere. In realtà solo tu sei responsabile della tua felicità e del tuo benessere e se tu deleghi la tua responsabilità a lui, beh, lo allontani da te. Sicuramente.

Anche se all’inizio non ti sembra.

Il senso di sicurezza e di “appagamento” dei tuoi bisogni più profondi può venire solo dallo sviluppare la tua autostima.

Se ti interessa aumentare la tua autostima, fai il percorso “I 7 Pilastri dell’Attrazione” dove dedico un ampio spazio al tema di come puoi comprendere i tuoi bisogni e non essere bisognosa.

2. Cercare di controllarlo. E’ uno degli stereotipi femminili più odiati e che fanno i danni più gravi alle donne. E’ quello della partner “ossessiva”che toglie il fiato al proprio uomo impedendogli di vivere la sua vita.

Non c’è uomo sano di mente che non abbia il sacro terrore di questo tipo di donna, che lo tiene stretto in una morsa agghiacciante (e inutile) di richieste e di domande.

Diventi la classica partner “ossessiva” ogni volta che –  indipendentemente dal tono e dal modo che usi (fai danni anche se sei flautata e dolcissima) ti rivolgi al tuo uomo chiedendogli cose del tipo:

Che cosa hai fatto ieri sera?

Perché hai/avevi il cellulare spento?

Ma domenica sera esci ancora con i tuoi amici?

Alla cena di lavoro che hai lunedì ci saranno anche le tue colleghe donne?

Insomma, attieniti a questa regola base: se ti fidi del tuo uomo,  decidi di fidarti veramente. Lascia perdere di fargli l’interrogatorio di terzo grado a ogni minima occasione. Anzi, vedi bene di non farglielo mai.

Se, invece, non ti fidi di lui, allora il discorso è un altro e la questione non la risolvi di certo facendogli l’inquisizione. In questo caso la decisione da prendere è ben diversa e radicale!

3. Entrare in confidenza troppo presto (e, soprattutto, costringerlo a entrare in confidenza troppo presto). Non so se ti riguarda oppure no: ci sono molte donne per le quali il fatto di essere single pesa “di per sé”, in termini “filosofici”. In termini di status. (Se pensi che sia così anche per te è bene che ti occupi della questione: prima la risolvi, meglio è per tutti).

Ebbene, questo genere di donne, non appena iniziano una relazione con un uomo, bruciano le tappe e pretendono di entrare nella sua vita. Al 100%.

Vogliono passare direttamente dal primo corteggiamento e dai primi approcci all’impegno… definitivo o, per lo meno, a qualcosa che gli assomiglia.

E questo non va bene. Non solo taglia fuori dal percorso della relazione una parte importante, ma, ancora, mette al partner un’ansia pazzesca.

Perché mai accelerare i tempi? Perché mai bruciare le tappe? Perché togliere la suspense e l’eccitazione a una delle fasi più divertenti della relazione?

4. Tentare di cambiarlo. Ok, hai deciso. L’uomo sul quale hai messo gli occhi, che ti piace e dal quale sei attratta, ha anche dei terribili difetti. Forse non si sa vestire. Magari fuma. Mangia troppo e male. E’ troppo tifoso e ossessionato dalla sua squadra del cuore. Scegli tu il terribile difetto che manifesta in modo inequivocabile.

Fatto sta che tu vuoi assolutamente cambiarlo. Non solo: sei convinta che cambiarlo sia la tua vera missione di vita.

Ebbene, vuoi sapere come puoi ottenere esattamente il contrario di quello che desideri?

Diventa assillante con lui.

Considera che tu puoi cambiare una sola persona al mondo: te stessa. E, se sei sulla via del cambiamento – cosa probabile dal momento che frequenti e leggi questo blog – sai anche bene che il cambiamento richiede un certo impegno e, soprattutto, una ferma volontà. Che non possono arrivare da fuori, ma solo da “dentro” ciascuno di noi.

Qundi, pretendere di cambiare gli altri è un assurdo e pretendere di cambiare il proprio partner è un assurdo che non ha nulla a che vedere e a che fare con l’amore. Vedi tu.

5. Definire e ipotecare fin dai primi incontri tutto il percorso della relazione. Agli uomini piace l’avventura (o, almeno, agli uomini piace l’idea di essere amanti dell’avventura e dell’imprevisto). Per cui, se fin dai primi incontri e dalle prime uscite con il tuo ragazzo o con l’uomo che ti piace cominci a fare progetti, programmi e a immaginare situazioni di impegno futuro, l’effetto che puoi sortire è di fare scappare anche la persona più bendisposta nei tuoi confronti.

Anche in questo caso: vedi tu.

Ora aspetto domande e commenti (anche maschili).

Per favore, quando hai finito di leggere ricordati di condividere questo articolo sui social attraverso i pulsanti qui sotto.

Cordialmente

Ilaria

Lascia un Commento!

221 Commenti

  1. Avatar di vanillasky

    vanillasky 2 anni fa (19 maggio 2015 17:50)

    Non ho ceduto...lo abbiamo voluto entrambi...ma per me ora è difficile gestire la situazione...lo vorrei tutto per me...invece ci sono sempre anche quest'altre che gli ronzano intorno...lui mi dice che non ha situazioni serie con nessuna e che a loro va bene così...che a differenza mia loro lo cercano, lo fanno sentire importante...ma io non ci credo e quindi sparisco...vorrei che capisse invece si ripresenta come niente fosse...io pensavo che il fatto di avermi cercato in un momento tanto delicato significasse qualcosa di più...Lui ha cercato me nel momento di questo lutto...e ha visto solo me in quei giorni...ma forse non conta nulla...
    -27
    Rispondi a vanillasky Commenta l’articolo

  2. Avatar di alessia

    alessia 2 anni fa (18 aprile 2015 13:22)

    io ho un appunto da fare sul punto 2. il mio ex mi diceva che lo assillavo - ho chiesto cosa facevo che dava questa impressione, nessuna risposta. ora, ci sono stati dei momenti in cui ho assillato: ho scoperto una bugia, l'ho affrontato, mi ha detto la sua verità e onestamente gli ho detto che avevo bisogno anche del suo aiuto per risolvere la situazione che si era e aveva creato. il giorno dopo in tutta risposta mi ha detto sentiamoci meno (premessa: si faceva sentire molto lui, raccontandomi dei suoi progetti etc su fb, whatssap, portandomi il pranzo in ufficio etc...) per me non sarebbe stato un problema sentirsi meno, se non fosse che quando ho chiesto una motivazione non ha farfugliato molto. quando ho detto come vuoi che la prenda, dopo la bugia, si è incavolato dicendo che sono io quella che soffoco. soffoco cosa?! che non accetto che mi dica cazzate e chiedo spiegazioni? o che ti faccio notare i miei stati d'animo se c'è qualcosa che turba in coppia, affinché si possa dialogare e risolvere? è sbagliato ed egoista questo? è possessivo? per lui andava tutto bene finché io ero ok nel vederlo sempre online e passare gg senza sentirmi e non mi dovevo alterare su nulla. se dicevo beh siamo off tutti e due, magari organizziamo qualcosa opprimevo. onestamente non capisco
    -8
    Rispondi a alessia Commenta l’articolo

    • Avatar di Ale

      Ale 2 anni fa (15 luglio 2015 1:35)

      Ciao Alessia! Assillare è una cosa ben diversa... in molti casi, si sentono assillati perché sono in difetto... ; )
      -4
      Rispondi a Ale Commenta l’articolo

    • Avatar di Alessia

      Alessia 2 anni fa (15 luglio 2015 8:56)

      Ciao Ale. Eh si adesso lo so. So anche che è una cosa molto soggettiva. Io sono una che spacca il capello in quattro e vuole trovare un accordo o chiarire sempre. Lo faccio anche con i miei amici, figurati se io e lui litigavamo perché rifiutava di prendere in considerazione come mi faceva sentire e le richieste di aiuto/impegno a risolvere insieme! In quel caso insisto, perché non tollero che si pretenda che io ascolti la tua ma tu non fai altrettanto e mi chiudi con "e' un tuo problema". Mi ha manipolato talmente tanto che qualsiasi situazione di conflitto o disaccordo mi chiedo se ho sbagliato io a livello inconscio, quando magari i motivi sono altri e indipendenti da me. La verità alla quale sto arrivando grazie a terapia e questo sito e' che non mi ha mai amato, sono stata una sfida per lui, mi trovava attraente e gli piaceva il fatto che sapessi cosa volevo dalla vita e non nascondessi le mie debolezze. Mi ha fatto innamorare per poi cambiare piano piano, io me ne sono accorta e chiedevo spiegazioni e lui mi ha continuato a manipolare. Il perché oltre ad essere misogino e abusivo (adesso ammetto anche che ha abusato di me anche fisicamente una volta e io succube lo rivolevo cmq indietro) e' che forse mi temeva. Temeva il fatto che avessi amici e mi stessero vicino (e con alti e bassi lo sono stati anche nel post) e che non lo vedessero di buon occhio, temeva il mio lavoro che invidiava, la mia forza - quella che nemmeno io sapevo di avere. Adesso ho solo rabbia. Mi fa rabbia che viva pensando di essere felice, mi fa rabbia che abbia abusato di me e lo neghi, mi fa rabbia che io ne fossi innamorata e lo abbia ripreso dopo l'abuso etc. E questa rabbia non credo passerà mai.
      -1
      Rispondi a Alessia Commenta l’articolo

    • Avatar di Stef

      Stef 2 anni fa (15 luglio 2015 12:07)

      Cara Alessia, non intervengo spesso, perché scrivere è anche molto doloroso per me. Ma ti seguo, perché abbiamo davvero molte cose in comune - e oggi ti abbraccio forte. Adesso lo sai, sì. Parti da questa consapevolezza e dedica il tempo a prenderti cura di te. Lui non merita nemmeno un micro-secondo della tua vita e dei tuoi pensieri: perché è un misero e non cambierà mai e - credimi - questa immutabilità è la sua peggior condanna (altro che pensar di viver felice! tsé! il nulla non può che restar un nulla...la felicità del nulla...). In questa consapevolezza hai la leva per svoltare e far fiorire il bello che raccogli. La rabbia passerà, di sicuro, e si trasformerà in forza, per farti vivere la tua vita ancora più pienamente. Ne sono certa!
      1
      Rispondi a Stef Commenta l’articolo

    • Avatar di Alessia

      Alessia 2 anni fa (15 luglio 2015 12:36)

      Ciao Stef, grazie e ricambio. Ma io mi sento bene, ho dei momenti di down perche' sono una che vive le emozioni al 100%. Questo mi ha reso certe volte vulnerabile anche nei confronti dei miei amici - che mi sono stati vicino e quando stanchi anziche' essere onesti e dirlo mi hanno vomitato le stesse cose che ho detto loro - ma non mi interessa piu'. La mia terapeuta dice spesso che devo mettere in conto che anche chi mi vuole bene si e' abituato che io ho bisogno - anche se non ho mai chiesto o non ho chiesto cosi tanto - e che adesso che cammino da sola non va bene perche' si sentono poco importanti. Pazienza. La rabbia non so se passera' mai. Imparero' a conviverci, cosi come devo fare i conti ogni giorno con quello che mi ha fatto a livello emotivo, psicologico e fisico. Ha ragione Ilaria, e' misogino, forse gli facevo paura, non lo so. So che non merita di sentirsi felice e so che un giorno i conti torneranno. Mi spaventa di piu' accettare che mi abbia fatto tutto cio' e che in qualche modo non sono riuscita a non permetterglielo.
      0
      Rispondi a Alessia Commenta l’articolo

  3. Avatar di vanillasky

    vanillasky 2 anni fa (19 maggio 2015 13:04)

    Conosco un uomo da circa cinque anni, è un uomo bello, affascinante, libero che vive molto all'estero per lavoro...è pieno di donne e me lo ha sempre detto, lo vogliono tutte e lui è talmente sincero nel non illuderle che quelle si intestardiscono ancora di più...Lui non chiama ma vuole essere chiamato, so che ha perso donne a cui teneva perchè pur di non chiamare le ha lasciate andare e ora ne parla con rammarico...
    -24
    Rispondi a vanillasky Commenta l’articolo

  4. Avatar di vanillasky

    vanillasky 2 anni fa (19 maggio 2015 13:05)

    Ci siamo piaciuti subito, un attrazione pazzesca ma io per molto tempo sono rimasta solo amica, perchè non volevo essere una delle tante, perchè ho dei principi e se tu mi dici di avere altre storie anche se non importanti io con te non ci esco...circa un anno fa dopo un grave lutto in famiglia è cambiato molto verso di me, certo sul chiamre è sempre stato stitico ma si è posto in maniera giusta come volevo io...Mi ha invitato ad uscire e abbiamo fatto l'amore...ma abbiamo continuato a sentirci ci siamo anche rivisti qualche altra volta, quando lui è rientrato in Italia e quando ho io sono stata disponibile, perchè ho sempre fatto quella che non gli corre dietro quella che ha la sua vita...Il filo tra noi però non si è spezzato, ogni tanto ci sentiamo ma sono anche io che insicura a volte sto mesi senza chiamarlo...Poi ci sono le donne, le sue ex con le quali ha sempre buonissimi rapporti, lui mi dice che non c'è più niente tra loro ma io sono gelosa, non ci credo...e così scappo perchè spero che lui mi corra dietro e mi riacciuffi...e lo fa quando meno me lo aspetto...
    0
    Rispondi a vanillasky Commenta l’articolo

  5. Avatar di Nico

    Nico 11 mesi fa (7 marzo 2016 1:06)

    Io ho fatto un errore. E non so se essere pentita o sollevata. Ho frequentato (parlo al passato perché è sparito) un ragazzo, finalmente dopo settimane di corteggiamento mi invita a casa sua, dormo da lui. Tutto molto bello. Il giorno dopo non lo sento per tutti il giorno, quindi gli mando un mess (ecco l'errore) dicendogli che la settimana non poteva iniziare in modo migliore. Sparito. Nessuna risposta da 10 giorni. Ora mi chiedo e vi chiedo: mi sono esposta, ho giocato a carte scoperte, gli ho detto senza paure "tu mi piaci" (questo non vuol dire che ti voglio sposare ma conoscere e passare del tempo insieme). Ho sbagliato? Sono stata impulsiva e frettolosa? Ho rovinato tutto o non c'era niente da rovinare?
    0
    Rispondi a Nico Commenta l’articolo

  6. Avatar di Ele

    Ele 2 anni fa (15 luglio 2015 13:14)

    Alessia scusa se te lo dico non credo avesse paura di te.Sembra quasi che alle volte quando un uomo non ci vuole o ci tratta male o è solo uno stronzo noi dobbiamo dare una giustificazione e quindi si pensa che ha paura del nostro carattere forte (che poi è debole solo per il fatto che abbiamo perso tempo con lui)della nostra vitalità,della nostra posizione o della nostra bellezza...Invece, secondo me, dovremo capire che era solo la persona sbagliata capitata in un momento dove noi non eravamo abbastanza a posto mentalmente per vederla cosi' com'era...una personcina ina ina... Secondo me i conti non torneranno, se speri che quando uno fa del male poi riceverà del male...Beh...muoiono persone giovani e stupende e rimangono vere e proprie me--e.Purtroppo, spesso i conti non tornano non torna niente ma...Tu sarai felice. E quando sarai felice e fuori da lui ti renderai conto che se i conti tornano o meno non t'interessa piu'... Ciao ciao!
    17
    Rispondi a Ele Commenta l’articolo

    • Avatar di Ilaria Cardani

      Ilaria Cardani 2 anni fa (15 luglio 2015 13:17)

      Standing ovation. Applausi.
      0
      Rispondi a Ilaria Cardani Commenta l’articolo

    • Avatar di Alessia

      Alessia 2 anni fa (15 luglio 2015 13:31)

      Ele in linea di massima sono d'accordo con te che semplicemente non era quello giusto. Eppure in questo caso ho analizzato talmente tanto, talmente a lungo e ho talmente tanti dati e finalmente noto e colgo cose che non avevo voluto vedere all'epoca da poter dire con certezza (e ne ho avuto conferma) che aveva paura. Non che io fossi migliore di lui o altro. Semplicemente lui si sente inferiore perche' e' madrelingua e lavora in un pub (scelta sua tra l'altro) e ha interrotto gli studi mentre io i miei me li sono autofinanziata all'estero e ho il lavoro che vorrebbe lui. Per me non e' mai stato un problema e non gliel'ho nemmeno fatto pesare perche' a me non frega. Lui si. Ogni volta era uno sminuirmi per cose di lavoro (tipo dirmi "sei stanca? ma tu mica lavori, che lavoro e' un lavoro d'ufficio?!") e altre cose, facendo leva sulle mie insicurezze che io non nascondo perche' sono parte di me.
      0
      Rispondi a Alessia Commenta l’articolo

    • Avatar di Ilaria Cardani

      Ilaria Cardani 2 anni fa (15 luglio 2015 13:45)

      Sì ma di base è uno stronzo carogna. Ora basta però Alessia, basta di parlare di lui. Cioè, basta...
      3
      Rispondi a Ilaria Cardani Commenta l’articolo

    • Avatar di Alessia

      Alessia 2 anni fa (15 luglio 2015 13:49)

      che fosse una carogna Ilaria e' assodato
      0
      Rispondi a Alessia Commenta l’articolo

    • Avatar di Ele

      Ele 2 anni fa (15 luglio 2015 13:48)

      Ciao Alessia, se il fatto di lavorare in un pub è stata una sua scelta probabilmente è quello che voleva.Anche se lo avessero obbligato,in fondo in fondo magari, essere obbligato a fare una cosa era quello che voleva. Mi fa sorridere, con tenerezza, il tuo dire di aver analizzato talmente tanto e cosi' a lungo per essere arrivata ad una conclusione... Era davvero cosi' importante perdere tempo nell'analizzare? Hai sprecato momenti dove potevi leggere, andare da''estetista,andare al mare, in bici o...dormire, riposarti. Oltre tutto analizzare dei comportamenti per arrivare ad una conclusione che è solo la tua, non è la verità.Non la so io non la sai tu e non la sa nessuno la verità o cosa abbia avuto in testa quest'uomo. L'unica cosa che di sicuro ho capito è che non era innamorato di te,non ti rispettava e non ti voleva come "persona giusta". Tutto il resto sono supposizioni ma ora che dici di essere piu' serena, non ti arrovellare piu' il cervello.Non parlare piu' di lui.Era un omuncolo. Buona giornata!
      3
      Rispondi a Ele Commenta l’articolo

    • Avatar di alessia

      alessia 2 anni fa (15 luglio 2015 14:44)

      Ciao Ele. Certo e' la mia verita' ovviamente. Sul fatto che lui voglia lavorare al pub per quello che mi diceva lui almeno non era quello che voleva, pero' quando ha avuto modo di cambiare non lo ha fatto. Affari sua, a me andava bene che lavorasse dove meglio credeva, era lui che aveva problemi in merito al mio di lavoro e alla fine e' emerso che era solo gelosia per un ambiente che lui percepisce come figo e al quale con me aveva accesso. Lo infastidiva che per me fosse naturale e lo vivessi come un lavoro e basta. Se ti fa sorridere che abbia passato tempo a arrovellarmi meglio, a me serviva e serve ancora quando la mente torna nei meccanismi creati da lui e mi colpevolizzo. Lo so anche Io adesso che non era innamorato ma questo non mi fa spegnere la rabbia anzi, mi fa incavolare solo di piu' perche' significa che ero solo un passatempo al quale succhiare energie e risorse, manipolare abusare e gettare colpevolizzando. E non glielo perdono e non riesco a non pensarci. La mia vita la faccio lo stesso ma non riesco a non desiderare Il peggio per lui, solo quello merita
      0
      Rispondi a alessia Commenta l’articolo

    • Avatar di Michela2

      Michela2 2 anni fa (15 luglio 2015 16:59)

      Non parlare più di lui Alessia!
      1
      Rispondi a Michela2 Commenta l’articolo

    • Avatar di helen

      helen 2 anni fa (15 luglio 2015 18:33)

      Ma sai alessia che secondo me le energie te le sta succhiando ancora adesso...
      3
      Rispondi a helen Commenta l’articolo

    • Avatar di Ilaria Cardani

      Ilaria Cardani 2 anni fa (15 luglio 2015 18:48)

      Apperò Helen, una intuizione del genere da parte tua è davvero sorprendente... Urca. E' un pezzo che lo dico che non sei la tigre che vuoi far credere, penso potrebbe esserti utile prenderne atto anche tu e vivere più rilassata (ti prendo in giro benevolmente e intanto parlo sul serio).
      -2
      Rispondi a Ilaria Cardani Commenta l’articolo

  7. Avatar di Sara

    Sara 8 mesi fa (6 giugno 2016 19:14)

    Divorziata da anni con un figlio! Conosco un uomo che frequenta casa nostra x 3 anni! Tutto perfetto con me e mio figlio Poi un giorno lo vedo distante gli controllo il cellulare e vedo sms di tipe Lui cosa fa? Sparisce A distanza di due anni ci sentiamo sempre ora abbiamo ripreso a frequentarci ma lui non se la sente di rientrare! Cosa dovrei pensare?
    -2
    Rispondi a Sara Commenta l’articolo

    • Avatar di Ilaria Cardani

      Ilaria Cardani 8 mesi fa (6 giugno 2016 19:16)

      Non mi sembra una risposta tanto difficile... ;)
      1
      Rispondi a Ilaria Cardani Commenta l’articolo

    • Avatar di Gea

      Gea 8 mesi fa (6 giugno 2016 20:52)

      Il problema non é tanto che lui "non se la senta di rientrare", quanto che, a distanza di anni, tu accetti di restare ancora legata a uno che manda sms a quelle che tu definisci "tipe", sperando di valere più di costoro agli occhi di questo bell'esemplare d'omino da quattro soldi.
      7
      Rispondi a Gea Commenta l’articolo

    • Avatar di max

      max 8 mesi fa (7 giugno 2016 9:52)

      Che ora probabilmente non è innamorato (a meno che non sia in un periodo di crisi sua), e che comunque non pensa solo a te..chiedigli cosa vuole, se non si decide e non si rende conto lascialo andare (a prescindere che le minestre riscaldate nel 99% dei casi non sono mai buone come la prima volta)
      -1
      Rispondi a max Commenta l’articolo

  8. Avatar di Cristina

    Cristina 7 mesi fa (24 giugno 2016 21:26)

    Ciao, ho letto con molta attenzione l'articolo. Ho però un dubbio sul punto cinque: rientra in questo anche il chiedere dopo i primi appuntamenti se c'è interesse dall'altra parte nel proseguire la conoscenza e nel rivedersi? Grazie
    -5
    Rispondi a Cristina Commenta l’articolo

    • Avatar di Gea

      Gea 7 mesi fa (25 giugno 2016 9:59)

      Ciao Cristina, se TI fai e GLI fai questa domanda dopo vari incontri, é segno di insicurezza. Forse questa insicurezza ce l'hai a prescindere, e allora devi scrollartela di dosso; oppure é il comportamento dell'uomo in questione a renderti insicura, ma allora, a che serve chiedere a uno che ti mette insicurezza se intende continuare la frequentazione? In generale, questo tipo di domande tradiscono una certa ansia... e la trasmettono anche. Buona giornata :-)
      3
      Rispondi a Gea Commenta l’articolo

  9. Avatar di Valentina

    Valentina 2 anni fa (4 giugno 2015 5:56)

    Io non sono per niente daccordo con questo articolo: ho sempre fatto come c'è scritto qua sopra, e cioè non chiedere mai : Che cosa hai fatto ieri sera?Perché hai/avevi il cellulare spento?Ma domenica sera esci ancora con i tuoi amici?Alla cena di lavoro che hai lunedì ci saranno anche le tue colleghe donne?E l'unico risultato che ho ottenuto grazie al mio non assillare e lasciare la massima libertà, è stato quello di agevolarlo nel suo frequentare una decina di donne oltre me. Adesso come la mettiamo?? Bisogna continuare a non chiedere mai niente a questi uomini e lasciarli che vadano e vengono come vogliono, per non " assillarli"? Io in questo modo gli ho soltanto lasciato il campo libero per uscire con altre donne a mia insaputa; cosa che lui ha fatto molto agevolmente proprio grazie a una fessa come me che non gli chiedeva mai niente per non " soffocarlo". Adesso sono pentita e con il prossimo avrò un trattamento diverso, visto che non assillarlo significa aiutarlo a cornificarci!!!!
    -9
    Rispondi a Valentina Commenta l’articolo

    • Avatar di Ilaria Cardani

      Ilaria Cardani 2 anni fa (4 giugno 2015 8:22)

      Ma parli sul serio? Ma questo tuo magnifico uomo che va con DECINE di donne (ehlalà), ma davvero, ma davvero lo devi controllare come la CIA? Ma che rapporto è quello nel quale fai la poliziotta? Ti rendi conto di quello che dici? Ti rendi conto che hai un'idea dei sentimenti da piano cantina?
      1
      Rispondi a Ilaria Cardani Commenta l’articolo

    • Avatar di alessia

      alessia 2 anni fa (4 giugno 2015 9:39)

      Ciao Valentina. Io credo che ci sia, come su quasi tutto quando si parla di relazioni, una linea sottile che divide il giusto dallo sbagliato. chiedere che hai fatto ieri sera non e' di per se soffocare, cosi come non lo e' chiedere se esce con gli amici il giorno x cosi tu ti organizzi in liberta' - dipende da come viene fatto. E' anche ovvio che tutto e' soggettivo e se il lui di turno per qualsiasi cosa dici o chiedi ti dice che lo assilli evidentemente sta cercando un modo per mollarti e non sentirsi in colpa. Te lo dico per mia esperienza purtroppo. Non credo che passare al modo opposto dia dei risultati, devi essere te stessa: se ti va di chiedere che hai fatto ieri sera perche' no, nelle relazioni si condivide altrimenti non sono relazioni.. se invece chiedi che hai fatto ieri sera che avevi il cel spento con chi eri ecco li sfoci nell'assillo.
      2
      Rispondi a alessia Commenta l’articolo

    • Avatar di Simone

      Simone 6 mesi fa (19 luglio 2016 22:39)

      Cara Valentina, Mi dispiace che tu abbia avuto questa disavventura.Immagino che tu ti senta doppiamente frustrata, perchè ti è stato mancato di rispetto, mentre tu ne hai offerto molto, insieme alla fiducia.Purtroppo, ci sono molti uomini che, per colmare le loro insicurezze agiscono come quello che tu descrivi.Non sono uomini, ovviamente: sono solo maschi narcisisti. Insicuri, indecisi e intimamente inadeguati.Quando incontrano una donna che rispetta i loro spazi, hanno ampio margine per mettere in pratica le loro strategie disfunzionali, che li lasciano sempre più soli, insoddisfatti e fragili.Questo non deve spaventare o far sentire in colpa: come sappiamo questo tipo di maschio è diffuso, e può avere un ascendente forte sulle donne.Tuttavia, sarebbe anche un errore attribuire colpe alla tua propensione al rispetto degli spazi altrui: non è certo agendo in modo contrario che cambia qualcosa: non è aumentando il "controllo" che si evita a queste persone di agire come fanno, anzi forse li porta a godere di più, nel gioco perverso di "evitare il radar" della compagna.Meglio averne consapevolezza ed evitarli da principio, che diventare delle "controllore", magari allontanando uomini di valore.
      4
      Rispondi a Simone Commenta l’articolo

  10. Avatar di Cassie

    Cassie 6 mesi fa (22 luglio 2016 15:49)

    Ogni tanto ricapito su questo blog sempre al momento opportuno direi! Per me questo è un periodo particolare di grande cambiamento interiore. E anche se non sono contenta di stare sola mi godo il mio status di single e non sento il bisogno di avere un uomo accanto perché i miei problemi me li risolvo da sola e sto in mezzo a questo tumulto interiore per cui penso prima di tutto a me. Anche se non nego che sono aperta alla possibilità di nuove conoscenze anche se l'idea di una relazione mi alletta da una parte e mi spaventa dall'altra. Insomma una settimana fa conosco un tipo che mi piace veramente, chiacchieriamo tutta la sera però mi rendo conto che non l'ho colpito come lui ha colpito me. Da lì in poi paranoie, ossessione totale, film e castelli in aria. Ora mi sono calmata ma sono anche triste. So che l'ho visto una volta sola e quindi è inutile farmi tremila film mentali, vorrei lasciarmi vivere e vedere come va senza ansie che poi sono deleterie ma so anche che non avrò mai il coraggio di mettermi in gioco. Fin'ora è stato davvero raro che sia uscita con qualcuno che mi piacesse VERAMENTE. Mi sono sempre un pò accontentata...pure quando ho avuto relazioni serie...poi l'innamoramento è stato dopo. L'unica volta che ho frequentato uno che mi piaceva davvero si è rivelata una delusione. Meglio restare sola e continuare a fantasticare a sto punto...no?
    -2
    Rispondi a Cassie Commenta l’articolo

  11. Avatar di Gargamella

    Gargamella 6 mesi fa (25 luglio 2016 12:10)

    Gironzolando per trovare una risposta i miei perchè, sono incappato in questo articolo e voglio dire la mia. Premetto sono un uomo di 42 anni. Ho letto l'articolo e ne condivido i punti.Personalmente quando esco con una donna, ci esco perché la sua vita è perfetta così, io sono solo un valore aggiunto nella sua vita come lei è nella mia, non mi devo sobbarcare io i suoi problemi o pretendere che lei si sobbarchi i miei.Vero, noi uomini non amiamo essere controllati, abbiamo bisogno della nostra indipendenza e della nostra liberta, personalmente preferisco dare certezze alla donna con cui esco e che davvero mi interessa e non far nascere in lei dubbi.Entrare in confidenza, stabilire delle connessioni permette di conoscersi meglio, senza per questo bruciare le tappe, personalmente se voglio conoscere una donna, se davvero mi interessa ci metto un po’ di tempo, cerco davvero di stabilire una connessione profonda, più tempo ci si metto a conoscere una donna più il legame diventa forte, una conoscenza profonda genera un legame profondo.Donne ricordatevi, non tentate mai e poi mai di cambiarci, rovinereste solo il rapporto.E anche sull’ultimo punto mi trovo d’accordo. Vero a noi piace rischiare, piace l’avventura, se già dalle prime uscite ci parlate di cose da fare insieme bhè la scelta da fare è una sola, fuggire, lasciateci il tempo di renderci conto che la persona che abbiamo trovato e che frequentiamo è quella giusta per noi e questo avviene solo col tempo e con una conoscenza graduale.Personalmente aggiungerei anche un sesto punto…l’emotività. Come voi donne vivete di emozioni anche noi uomini le cerchiamo, quando una donna non riesce a trasmetterle continuiamo a cercarle fino a quando non le troviamo, molte di voi che hanno lasciato ampia libertà poi si sono trovate sole, bhè vi dico una cosa, rendetevi uniche e non banali, vedrete che chi vi ha incontrate non vorrà saperne delle altre.X Cassie… Una nuova relazione spaventa sempre, da ambo le parti credimi, ma è inutile farsi tutte queste pippe mentali, bisogna vivere la cosa senza pensieri.Con il tizio alla prima uscita avresti dovuto parlarci e basta…un chiacchierata leggera, invece l’hai messo su un piedistallo ed hai cominciato a venerarlo come un dio, facendoti vedere bisognosa, l’hai detto tu stessa che hai cominciato a farti mille film e lui se ne è accorto di questo.Incontrare un uomo una sola volta non vuol dire nulla, bisogna parlarci più e più volte, scoprire degli interessi comuni e delle cose da fare insieme, parlare delle proprie ansie, delle proprie paure, insomma scoprire se stessi, mettere su un vassoio se stessi e dire…ecco questa sono io, solo in questo modo si può sperare di entrare i simbiosi con un uomo e quindi di conoscere quello giusto.Una delusione non deve mai cambiare quello che sei…ricordalo. La vita ci manderà sempre attimi di felicità e attimi di delusione, sta a noi apprezzarli entrambi, perché entrambi ci permetteranno di diventare più forti.Un ultimo consiglio.meglio continuare a cercare, come sto facendo io, senza fantasticare.
    5
    Rispondi a Gargamella Commenta l’articolo

  12. Avatar di Laura

    Laura 4 mesi fa (12 settembre 2016 1:00)

    Io sono stata lasciata dal mio ragazzo circa un mese e mezzo fa..sto malissimo..non so veramente come uscirne.Cerco di farla breve se no dovrei scrivere troppo per tutte le cose che avrei da dire.io frequentavo un suo amico/collega quando poi ho incontrato lui ho sentito che c è stata intesa fin da subito.Ci si capiva con gli sguardi..d altronde lo senti quando c è qualcosa in più che lega 2persone..ha iniziato corteggiarmi..quando uscivamo tutti insieme passavamo ore e ore a parlare solo noi 2 di tutto.Siamo stati insieme per quasi 3anni.Devo dire che la nostra storia dopo un anno è stata con alti e bassi..ma credo nella norma.Vorrei descrivere in poche parole lui per far capire la sua personalità.È purtroppo un tipo problematico..uno che spesso si scoraggia anche per dei piccoli problemi talvolta..e questo è un suo grandissimo difetto..ha tanti pregi..ma i pochi difetti che ha lo rendono difficile per una vita di coppia.Lo so..lo riconosco..ma mi manca molto lo stesso..La sua crisi è iniziata a gennaio di quest anno dopo che aveva perso il bancomat e aveva incolpato me..quando non c entravo nulla..un suo altro difetto e che non si assume le responsabilità ma cerca di scaricarle sempre agli altri..Così per quella assurdità se l è presa con me e da li ha iniziato a metteRe in discussione me e la sua vita in generale.Così ha continuato per 2mesi..ci vedevamo lo stesso e cercavo ovviamente di far finta di niente anche se lo vedevo pensieroso e distaccato..grazie anche al mio atteggiamento da crocerossina..le cose sono decisamente migliorat.poi purtroppo ho iniziato a soffrire di acufeni e quindi non riuscivo ad andare più in moto con lui perché mi aumentava.così per un po di mesi.In più periodo di stress da parte mia ero più nervosa anche perché non avevo avuto stacco da un corso che avevo seguito a un lavoro che ho trovato subito dopo.. per cui sono stata molto rompi scatole e talvolta abbastanza molesta.questo ha portato penso alla rottura.per quanto credo che alla base c era qualcosa che non era più come prima.. visto che il fatto di uscire meno ci aveva reso un po più annoiati e per certi versi siamo stati intrappolati dalla routine.volevo un consiglio..vorrei riprenderlo ma non so come fare..E volevo anche sapere se effettivamente ne può valere la pena..a me continua a mancare.
    -4
    Rispondi a Laura Commenta l’articolo

    • Avatar di Ilaria Cardani

      Ilaria Cardani 4 mesi fa (12 settembre 2016 7:46)

      Ciao Laura, che cosa ti fa pensare che su questo blog, proprio su questo, tu possa trovare dei consigli per "riprendere" questo ragazzo e questa relazione, così come li hai descritti? Poi, a parte questo blog e quel che facciamo qui, tu pensi che non tanto e non solo chiunque ti voglia un po' di bene, ma chiunque abbia un po' di testa sulle spalle e di coscienza, ti darebbe dei consigli per "riprendere" questo ragazzo e questa relazione? Non so francamente, io penso che chiunque con un minimo di senno sarebbe incapace anche solo di prendere in considerazione l'ipotesi. E sia chiaro, non ho bisogno di sottolineare che leggere storie come le tue mi apre sempre allo strazio e alla solidarietà... Direi che tu appartieni alla categoria di coloro che raccontano storie di inferno e ancora non se ne rendono conto. Il passo non è uscire dalle storie d'inferno con agilità e semplicità: credere questo è inumano, da folli e contro ogni evidenza. Il passo essenziale è almeno ammettere che è una storia d'inferno e interrogarsi (e se vuoi, dato che in ogni modo in questa fase si soffre) soffrire per non riuscire (al momento) a lasciarla andare. Ecco, qui noi non siamo a convincere le persone che certe situazioni si devono superare con semplicità, ma ad aiutarle a riconoscere che sono situazioni infernali, mortali (sì, ho scritto mortali), distruttive. Tutto il resto poi diventa una bella avventura di crescita. Chiedere consigli su come "riprendere" è un assurdo logico, un orrore umano.
      7
      Rispondi a Ilaria Cardani Commenta l’articolo

  13. Avatar di francesca

    francesca 2 mesi fa (15 novembre 2016 15:01)

    Mi chiedo se l'uomo col quale sto da un po' di mesi che dice di non rendersi conto di attirare a se le attenzioni di altre donne (cosa che mi rende molto fragile) e' onesto con me; quando mi sono espressa in quanto credo necessaria l'onesta' dei sentimenti mi ha trattato bruscamente ammettendo di non capire perche' mi possa sentire cosi, consigli tutti benvenuti, grazie
    0
    Rispondi a francesca Commenta l’articolo

    • Avatar di Ilaria Cardani

      Ilaria Cardani 2 mesi fa (15 novembre 2016 15:41)

      Non si rende conto e non capisce. Ci ha un po' di problemi costui...
      4
      Rispondi a Ilaria Cardani Commenta l’articolo

    • Avatar di Anna

      Anna 2 mesi fa (15 novembre 2016 16:04)

      Attira l'attenzione perché è bello, o fa il piacione? Perché se è molto bello e non narciso, saprà di piacere, ma non ci farà caso più di tanto. Potrebbe anche chiedersi che cosa può farci, se ti senti insicura a stare con lui. Dopo che gli hai detto: mi sento a disagio perché le donne ti guardano, si può mettere un chador. Certo se fa il piacione in giro, guarda le altre e flirta, è un po' diverso.
      0
      Rispondi a Anna Commenta l’articolo

  14. Avatar di Daniela

    Daniela 2 mesi fa (16 novembre 2016 5:46)

    Ciao Ilaria, leggendo questo blog ho rivisto il mio ex in molte cose. Lui diceva di amarmi invece voleva cambiarmi e ha iniziato a fare progetti futuri già a due mesi che stavamo insieme... va be che avevamo io 35 e lui 34 anni....ma non ti sembrava esagerato?? Io ti scrivo perché nel mio caso era lui che faceva la parte della donna. ... alla fine dopo corso prematrimoniale progetti e programmi vari. ..quando io ero innamorata di lui e avrei passato tutta la mia vita con lui. ...dopo un anno e mezzo mi ha lasciata. ....perché io non cambiavo e volevo aspettare un altro anno per sposarci mi ha lasciata convinto che io non lo volevo non volevo una famiglia con lui etc etc.....dicendomi che io ero stata un' illusione e che gli avevo distrutto un sogno. Alla fine è lui che mi ha distrutto...e non solo un sogno...e forse l ho amato più io che lui....boh....
    0
    Rispondi a Daniela Commenta l’articolo

  15. Avatar di Donald

    Donald 2 settimane fa (13 gennaio 2017 13:33)

    Ecco, questo articolo è già più veritiero
    0
    Rispondi a Donald Commenta l’articolo