La tua storia d’amore è appena finita? Ecco una strategia in 8 passi per uscire dal tunnel

tunnelSe la tua relazione è appena finita, il dolore è grande, molto grande, sia che la decisione di rompere l’abbia presa tu, sia che l’abbia presa l’altra persona o anche se il tutto è avvenuto di comune accordo.

Ma come tutti i dolori della vita anche questo si supera e lo si fa ancora piu’ velocemente se si adottano alcune semplici strategie.

Ho avuto modo di osservare, sia in prima persona, sia attraverso l’esperienza di amici e parenti, che quando una persona cara viene a mancare, cioè quando si vive il lutto per la morte di qualcuno, attorno a noi si sviluppa una forte catena di solidarietà e di comprensione.

Tutti sono pronti e disposti a capirci, a darci conforto e aiuto: nessuno mette per un attimo in dubbio che la nostra sofferenza sia grande, vera e reale.

Non accade lo stesso quando invece si conclude una relazione.

Forse perché in questo caso l’”allontanamento” di una persona non viene percepito come cosi’ definitivo, o forse perché si è molto abituati a vedere partner che si accoppiano e si scoppiano e non lo si considera  un problema. O, ancora, perché dall’esterno è cosi’ difficile capire che cosa accade dentro una coppia, che si preferisce tenersi a “distanza di sicurezza”.

Ecco perché farcela da soli diventa ancora piu’ importante.

E per il tuo “ritorno alla luce” ti propongo gli 8 passi che trovi di seguito.

1)      Accetta il tuo dolore. La fine di una storia fa soffrire, su questo non si discute. Per questo sii gentile con te stesso (o con te stessa). Prenditi il tempo per “elaborare il lutto”. Fatti delle concessioni, prenditi qualche giorno di ferie, fai un viaggio o una vacanza. Letteralmente: svagati, fai qualcosa che ti permetta davvero di cambiare pensieri.

2)      Rendi concreta la separazione, dài davvero l’addio al tuo (alla tua) ex: liberati di tutti gli oggetti o le cose che ti ricordano di continuo il tuo partner e la vostra storia. Fallo proprio come si compie un rito di transizione. Una transizione tra vecchio e nuovo, tra passato, presente e futuro.

3)      Prenditi cura di te, del tuo corpo e della tua mente. Metti te stessa (te stesso) come priorità assoluta dei tuoi pensieri e delle tue azioni.

4)      Considera tutte le tue fortune. Prenditi il tempo – magari in piu’ giorni – per fare l’elenco, meglio se scritto, di tutte le cose buone che hai in questo momento (ad esempio: il tuo lavoro, la tua famiglia, la casa, la tua salute etc.).

5)      Scopri quanto vali davvero. Fai un elenco di tutte le cose buone di te come persona, di tutti i tuoi pregi, di tutte le tue qualità.

6)      Scopri tutte le cose utili che hai imparato. Approffitta dell’occasione per considerare e mettere per iscritto tutto quello che hai imparato da questa storia: su di te, sugli uomini e sulle donne, sulle relazioni d’amore.

7)      Circondati di persone positive. Evita chi ti commisera e ti dà consigli non richiesti, chi ti fa vedere tutto sotto un’ottica di disperazione e non ti dà un aiuto concreto. Frequenta persone nuove, con un atteggiamento mentale produttivo.

8)      ;) Leggi regolarmente il mio blog “La persona giusta per te”… (se non l’hai ancora fatto scarica la guida gratuita “Come attrarre la persona giusta per te in 11 passi”), lascia i tuoi commenti e racconta la tua esperienza. E dài inizio a una nuova era…

Un abbraccio di vicinanza.

Cordialmente

Ilaria

Lascia un Commento!

91 Commenti

  1. Avatar di helen

    helen 2 anni fa (2 agosto 2015 18:26)

    Veramente tu hai scritto di avere un desiderio fortissimo di tornare con lei. Non semplicemente che non provi rancore. Rileggiti. Poi avere nuovi giri di conoscenze non è difficilissimo. Semplicemente per dedicarti a te però.
    0
    Rispondi a helen Commenta l’articolo

  2. Avatar di Carlotta

    Carlotta 2 anni fa (19 agosto 2015 19:23)

    Ciao Ilaria, Mi chiamo M, purtroppo sono stata lasciata da un più di un mese ormai con un ragazzo che credevo di passarci tutta la vita .. Mi ha lasciata per un motivo che ancora non comprendo, cioè sono dell'idea che in una relazione non ci deve essere solo abbracci, carezze, baci ecc.. Ma anche aiutarsi nei momenti del bisogno, affrontare insieme tutti gli eventuali problemi che ci affliggono. Ebbene sono stata con questo ragazzo per cinque mesi a mal fatica, è vero non è tanto ( primo ragazzo) però ero davvero presa. I primi mesi si andava d'amore e d'accordo, mi dava le giuste attenzioni mi faceva sentire a mio agio, vivevo una favola .. Poi, a cominciare dal 3 mese, è cambiato totalmente litigavamo spesso per gli amici, per esempio una coppia ci ha invitato a mangiare fuori però è successo che alla fine loro hanno cambiato idea e avevano prenotato solo per due, di conseguenza gli ho suggerito di andarci solo noi due, lui anziché essere contento di passare una serata diversa dalle altre, si arrabbia per il "bidone" che ci hanno dato, tanto che abbiamo litigato e gli ho detto chiaro e tondo che preferisce gli amici che a me, detto ciò mi ha riportata a casa! Il giorno dopo ci siamo rivisti per fare pace alla fine mi sono assunta la colpa e gli ho chiesto anche scusa di quello che gli ho detto (stupida!) e da lì si continuava ad avere alti e bassi sempre colpa degli amici, io non dico che non ci deve uscire ma dedicarmi molto più tempo, mi trascurava.. un giorno dice di non star bene fisicamente dice di aver sintomi di una malattia.. È andato a fare l'esame del sangue, ecografie su ecografie ma non ha niente di tutto ciò ma nonostante questo si fissava,stava male per niente e questa cosa la faceva risentire parecchio sulla relazione. Anziché stare con me che lo potevo consolare o meglio tirarlo su di morale voleva stare da solo, più che altro lontano da me perché con gli amici usciva eccome addirittura andare in discoteca, cosa che non approvavo .. Lui mi diceva che ci andava solo una volta al mese giusto così per divertirsi invece ci andava tutti i santi venerdì e io zitta .. Non sono mai stata una che mettevo paletti non gli ho fatto mai pesare niente di niente ... Nel mio piccolo gli sono stata accanto. Ho scoperto di essere celiaca lui non si è degnato neanche di una telefonata non mi ha consolata neanche un po' ..L'ultima volta che ci siamo visti siamo andati in un parcheggio, dopo una settimana che non ci si vedeva.. Tutte le volte era occupato con loro, eravamo in procinto di fare l'amore io gli ho sussurrato;"non ti comporterai più così" , nel momento in cui gli ho detto così riceve una sportellata alla macchia e di lì si è incominciato ad arrabbiare e mi ha portato a casa dandomi la colpa che in un momento intimo non dovevo dire niente e si è preso qualche giorno per riflettere su di noi .. Questi giorni sono diventati una settimana e l'ho scritto io, perché stavo male, tutta questa attesa ero pronta a darmi la colpa di nuovo così saremo potuti ritornare insieme da quando ero innamorata ..e mi scrive che sono una ragazza fantastica ma non è pronto ad avere una storia seria per il suo stato d'animo e se io in futuro vorrò ritornerà sicuramente qualcosa .. Dopo questa mi è crollato il mondo addosso sono stata malissimo credo che stavo andando in depressione mi sentivo presa in giro, e forse lo ero. Lui intanto continua ad andare in discoteca a conoscere anche nuove ragazze. A sto punto penso che era solo una scusa, però ci stava davvero male tanto da piangere. Grazie ad una mia amica e a mia madre sto sicuramente meglio però spesso penso a lui e se magari non dicevo niente quel giorno staremo di nuovo insieme .. Mi sta scrivendo anche un nuovo ragazzo, domenica ci vediamo ,però ho paura che non mi possa piacere forse è perché penso ancora a lui.. Mi saluta come se non fosse successo niente e per colpa sua sono molto insicura di me stessa.. Sono confusa, vorrei tanto dimenticarlo! Spero tanto che questo ragazzo sia quello giusto, non voglio soffrire di nuovo. Scusami del poema, mi dovevo sfogare un po' ..
    -13
    Rispondi a Carlotta Commenta l’articolo

  3. Avatar di Carlotta

    Carlotta 2 anni fa (20 agosto 2015 22:19)

    Si è la cosa migliore per me.. Ora devo pensare solo a me stessa è inutile versare lacrime per una persona ipocrita che non sa neanche quello che vuole! Grazie i tuoi articoli solo molto interessanti.
    0
    Rispondi a Carlotta Commenta l’articolo

  4. Avatar di Ros

    Ros 1 anno fa (30 settembre 2015 19:39)

    Salve, sono Ros e ormai è quasi un anno che la mia prima storia d'amore è fallita. Sono stati due anni bellissimi. Alti e bassi, come tutti, ma di punto in bianco vengo mollata per una che credevo mia amica. Sapevo che infondo tra loro c'era un feeling speciale, e in un modo o nell'altro ho dovuto accettarlo e farmi da parte. Per i primi 4 mesi la situazione non mi pesava, anzi, uscivo con il mio ragazzo attuale senza impegno, mi divertivo e mi rendevo conto che finalmente qualcuno mi capiva e apprezzava. Ma almeno una volta al mese la malinconia tornava, fin quando un giorno ricevo delle domande su ask (una app di facebook dove possono porti domande anonime) che ho deciso di chiudere subito dopo. Alcune di queste parlavano di perdono di un tradimento ma una in particolare linkava una canzone d 'amore. Chiaramente collego le parole a lui, non avendo altre relazioni alle spalle. Decido di non fare nulla. Dopo circa una settimana ricevo un messaggio di lei, dove dice di avermi aggiunta per sbaglio su fb ma non era sua intenzione sapendo che ora "la odio". Le parlo di quella canzone, inizia a dirmi che devo farmi una vita e che nessuno dei due mi ha "cagata di striscio". Mi vergogno di ciò che le ho scritto in seguito perché ho decisamente mostrato il peggio di me. Da lì più nulla, solo sensi di colpa continui e una rabbia repressa. Mi chiedo solo il perché... dopo così tanto tempo.. vorrei vivere serenamente la mia nuova relazione e non buttare tutto per un "vecchio" dolore.
    0
    Rispondi a Ros Commenta l’articolo

    • Avatar di Ilaria Cardani

      Ilaria Cardani 1 anno fa (30 settembre 2015 20:35)

      Sensi di colpa? Per che cosa? Mi è difficile immaginarlo...
      -1
      Rispondi a Ilaria Cardani Commenta l’articolo

    • Avatar di Ros

      Ros 1 anno fa (1 ottobre 2015 11:32)

      Forse per non aver fatto nulla..lo so che non è razionale. Nonostante tutto il male sono riuscita a compatirli e ho rucevuto solo mancanza di rispetto per l'ennesima volta. Spesso credo che questi pensieri siano dovuti alla scarsa autostima, sepolta del tutto dopo queste situazioni. Sono stata trattata davvero da stupida, di conseguenza mi sento tale. A volte invece vorrei solo sapere tutta la verità, perché ancora oggi mi chiedo come sia possibile. L'uomo che ami ti molla con mille scuse e la tua amica che ti "consola" per telefono paragonandolo al suo ex. E dopo quattro giorni sapere tramite una terza persona che sono usciti insieme. Da lì in poi, bugie, bugie. In questo anno mi sono posta tantissime domande. Se davvero non mi amava, perchè quando mi ha vista con un altro è stato lì a fissarmi con gli occhi lucidi e pieni di rabbia? Perchè a volte ho la sensazione che lei sia una ripicca nei miei confronti? Pur essendo nostra amica per dei gesti e delle battute nutrivo gelosia, lui lo sapeva benissimo e si giustificava dicendomi che la vedeva solo addirittura come un "amico maschio". Quando mi lasciò e lei mi chiamò le chiesi scusa se ero stata fredda con lei per questo motivo. E poi? Escono insieme. Avrei voluto solo che mi dicesse la verità.
      0
      Rispondi a Ros Commenta l’articolo

  5. Avatar di Valentina

    Valentina 1 anno fa (23 ottobre 2015 16:25)

    Storia durata 7 anni (lui mi lascia per tornare con l'ex - di 7 anni prima): dolore atroce. Ora finalmente pensavo di aver trovato la persona giusta: dopo pochi mesi in cui tutto va a gonfie vele, nessun segnale, di punto in bianco mi dice che è arrivato il momento di fare il punto della situazione e non se la sente di andare avanti, di far diventare questa storia una storia seria. Mi crolla il mondo addosso. Perché ancora? Perché devo soffrire ancora? Non so come uscirne. Fa male da morire.
    0
    Rispondi a Valentina Commenta l’articolo

  6. Avatar di chiara

    chiara 6 anni fa (12 ottobre 2010 21:58)

    Ciao a tutti, due mesi e mezzo fa è finita la mia storia d'amore dopo 3anni e mezzo. Prima storia seria e impegnata, prossima alla convivenza. Finita all'età di 34 anni. Sto capendo molte cose di me, sto capendo quanto volessi la perfezione, quanto stessi aspettando la favola, quanto volevo che mi amasse da uomo maturo. Ho capito di aver commesso tanti errori, di aver reso importanti delle stupidate senza dare la giusta importanza ai sentimenti, alla lealtà e all'onestà di quella persona. Detto così sembra che l'abbia lasciato io ma in realtà è stato lui. Perchè non ce la faceva più dei miei alti e bassi....E adesso che tutto è chiaro nella mia testa lui indietro non pensa nemmeno lontamente di tornare. E io cosa sto facendo? L'unica cosa possibile, traggo da questo momento il meglio per me stessa. Mi sto scoprendo diversa da quello che pensavo, scopro i limiti, le debolezze....voglio essere serena e felice con me stessa. Ma l'età e la società rendono tutto difficile perchè io adesso dovrei perlomeno convivere se non essere sposata e magari con un bel pancione. Che poi è il sogno che custodisco nel cuore. E se non si verificasse mai questo sogno? So che devo essere positiva, ma ragazzi....è il momento più difficile della mia vita. Lo supererò....ce la farò...spero solo di innamorarmi ancora, di poter veder realizzata la MIA famiglia! Grazie Chiara
    3
    Rispondi a chiara Commenta l’articolo

    • Avatar di Mia

      Mia 1 anno fa (2 dicembre 2015 17:59)

      Ciao chiara... É passato un po' di tempo da quando hai lasciar questo post. Io sto vivendo ora la separazione dopo 6 anni insieme. Cavolo se é difficile. E quanto fa male!! Dammi un po' di speranza ti prego... Sei riuscita a trovare la persona giusta?
      0
      Rispondi a Mia Commenta l’articolo

    • Avatar di Ilaria Cardani

      Ilaria Cardani 1 anno fa (2 dicembre 2015 18:14)

      Ah, ma la questione della separazione è che bisogna trovare subito un sostituto? Come il telefonino? :)
      3
      Rispondi a Ilaria Cardani Commenta l’articolo

  7. Avatar di Paolo

    Paolo 1 anno fa (6 gennaio 2016 18:30)

    Ho vissuto una storia con una donna più piccola di me. Quando cominciammo a frequentarci lei mi confessò che la sua relazione passata si era conclusa per i suoi continui tradimenti; lui l'amava ma lei e continuava a tradirlo. Mi disse queste cose come una sincera confessione e io credetti in un suo reale pentimento. Ci mettemmo insieme; dopo uno dei primi rapporti sessuali con lei, mentre lei era in bagno a farsi una doccia sul suo cellulare apparve un messaggio su whatsapp proveniente da un uomo che la corteggiava. Le chiesi di troncare la storia, lei mi rassicurò che lo avrebbe fatto. Non ero geloso e non la controllai. La nostra storia andò avanti e lei si diceva innamorata di me. Io mi lasciai andare con i sentimenti. Poi cominciammo a litigare. Lei incominciò a eccitarmi senza poi voler far sesso. La cosa mi faceva infuriare. Poi cominciò a dirmi che "ero in prova" e poi un giorno mi mollò. Io le risposi che non volevo sapere la ragione, ma che volevo tagliare i ponti con lei, sebbene seguiamo tutti e due uno stesso corso universitario. Il giorno dopo lei mi contattò per incontrarmi e cominciò a baciarmi con passione, dicendomi che anche da amici potevamo baciarci e frequentarci. Io credetti in un suo ripensamento. Un giorno, poi, sembrava agitata. Voleva bere. Le comprai una birra molto alcolica. Lei si ubriacò. Preoccupato le chiesi che cosa avesse. Arrabbiata mi rispose che era incinta. Ma non ero io il padre. Lì per lì prevalse in me un sentimento di solidarietà. Se i genitori di lei l'avessero saputo, per lei sarebbero stati guai. L'accompagnai a casa, preoccupato del suo stato di ubriachezza. Dopo averla lasciata cadde su di me tutto addosso. Ero stato tradito e lei era incinta. Chissà quante volte lo aveva fatto poi. Da quel momento iniziai a covare in me un sentimento di amore e odio per lei. La rivolevo, ma la odiavo per quello che mi aveva fatto. Per lei tra noi era finita come fidanzati. Il giorno dopo, in attesa della lezione, trovai un posto in disparte per stare solo. Lei venne e mi coccolò teneramente. Di tanto in tanto mi chiamava con i soliti suoi vezzeggiativi amorosi. Intanto la sua gravidanza si interruppe risparmiandole il fastidio dell'aborto. Continuavamo a frequentarci e a fare le stesse cose di prima, qualche volta anche sesso. Ero in profondo dubbio. Intanto i miei sentimenti di odio-amore crebbero. La affrontai chiedendole di fare una scelta: se rimetterci insieme o andare ognuno per la sua strada. Lei mi rispose che era finita. Poi sparì, ma prima della lezione si sedette nuovamente accanto a me. Sentitomi preso in giro mi alzai e me ne andai. Le scrissi un messaggio provocatorio: le dissi che era una p....na capace solo di far soffrire chi sinceramente l'amava. Lei si offese e giurò di non parlarmi più. Poi rifacemmo nuovamente la pace. Arrivò l'estate e la sospensione del corso. Lei partì per le vacanze. Ci sentivamo su Whatsapp. Alla ripresa delle lezioni lei cominciò a evitarmi e a rifiutare i miei passaggi con la macchina. La provocai dicendole che non ero un mostro da evitare. Lei mi disse che ero un bambino. Che durante l'estate, quando le mandavo il buongiorno o la buonanotte, lei rispondeva in ritardo e solo per atto di cortesia. Mi disse che non l'amavo e che avevo solo paura di stare solo. Ero arrabbiatissimo. Meditai una vendetta: scrissi un messaggio alla madre raccontandole tutto, dei suoi tradimenti e della gravidanza. Subito dopo averlo inviato mi pentii immediatamente. Sperai che non venisse letto. Invece... Ora lei mi odia. Le ho chiesto perdono più volte, inutilmente. Da 5 mesi sono a pezzi. Mi sono confidato con un'amica nella speranza che lei mi tirasse fuori da questa spirale di solitudine e ricordi di lei; mi ha risposto che dovevo chiedere aiuto a uno psicologo. Anche lei mi ha lasciato solo. Ho cercato di liberarmi di qualsiasi cosa di lei, ma nella solitudine che mi avvolge torno sempre a pensare a lei. Spero che il tempo affievolisca tutto: il dolore, la delusione, quel po' di masochistico amore che provo per lei e l'odio che mi corrode dentro. Ma è dura. Di tanto in tanto meditò anche il suicidio.
    -4
    Rispondi a Paolo Commenta l’articolo

  8. Avatar di Matilde

    Matilde 1 anno fa (24 febbraio 2016 10:49)

    Buongiorno, e se si e' "vittima" di sentimenti contrastanti cosa fare per vincere la confusione? Buona giornata a tutti :).
    0
    Rispondi a Matilde Commenta l’articolo

    • Avatar di Sabry

      Sabry 1 anno fa (24 febbraio 2016 15:28)

      Ciao Matilde! Anche io ho sentimenti contrastanti, ho lasciato un ragazzo all'inizio di dicembre pensando di non amarlo più perché invaghita di un altro. Con l'altro non ha funzionato, è chiusa definitivamente! Io ora sento la mancanza per il mio ex, affetto infinito ma non so se sia amore. Mi sto prendendo il tempo per capirlo.... Ma non è facile! A volte non mi capisco proprio 😕
      0
      Rispondi a Sabry Commenta l’articolo

    • Avatar di Matilde

      Matilde 1 anno fa (24 febbraio 2016 18:00)

      Ciao Sabry, la mia storia è finita perché lui mi ha lasciata... Diceva che il mio stile di vita lo limitava. Oggi per caso mi è capitato tra le mani un vecchio foglio su cui avevo elencato tutti i comportamenti più brutti che avevo subito da parte dell'ex durante il fidanzamento. E' stato un bene che mi abbia lasciata, ci soffro e molte volte mi manca, però mi rendo sempre più conto che è meglio vivere dei momenti di sofferenza circoscritti e non una intera vita infelice. Prenditi tutto il tempo che ti serve per valutare bene quello che provi... Leggi il più possibile gli articoli del blog, a me stanno dando tanto aiuto, tanta forza. Anche se la strada è in salita non dobbiamo cedere!
      1
      Rispondi a Matilde Commenta l’articolo

    • Avatar di Sabry

      Sabry 12 mesi fa (25 febbraio 2016 0:16)

      Credo che tu stia trovando le tue risposte e che tu abbia accettato la sofferenza come normale passaggio, per arrivare a stare bene ed essere felice davvero!! Grazie mille per il tuo sostegno!!!! Anche io leggo molto gli articoli e i commenti e sono di grande aiuto e mi fanno sentire capita e meno sola!!! Hai proprio ragione non dobbiamo cedere!!!! La felicità ci sta aspettando!!! Andiamocela a prendere!! 😄
      2
      Rispondi a Sabry Commenta l’articolo

    • Avatar di Matilde

      Matilde 12 mesi fa (25 febbraio 2016 10:51)

      Buongiorno Sabry, figurati. Hai proprio ragione :)! Non prendiamocela sempre con noi stessa, impariamo ad agire per il nostro meglio. Questo nuovo modo di pensare mi sta aiutando a vivere molto piu' serena e felice. Di risposte inizio ad intravederne alcune, questo mi motiva tantissimo. Mi spinge ad andare avanti pet essere felice. Troppe volte ho dato spazio a chi non meritava nessun ascolto... Uomini manipolatori, aggressivi, gelosi ed incoerenti. Questo l'ho fatto perché non conoscevo ancora la realtà fatta di uomini di un certo tipo. Sono rimasti nascosti perche' forse, anche io, non ero ancora pronta. Ah quanta fretta! Ora a 28 finiti, sto imparando ad assaporare il significato di vita felice, vissuta e goduta. Senza zavorre mascherate da principi azzurri. Ti auguro di essere felice e di vivere una vita bella e serena, e di essere forte senza mai perdere di vista, mai, te stessa:). Buona giornata.
      3
      Rispondi a Matilde Commenta l’articolo

    • Avatar di Sabry

      Sabry 12 mesi fa (25 febbraio 2016 13:43)

      Grazie davvero!!!! È quello che auguro anche a te! Un abbraccio forte pieno di determinazione ed entusiasmo! :-)
      0
      Rispondi a Sabry Commenta l’articolo

  9. Avatar di Danny

    Danny 2 anni fa (1 agosto 2015 21:42)

    Ciao Ilaria complimenti per la tua guida, ho appena finito i leggere i 7 pilastri dell'attrazione. Scrivo qui per avere un consiglio. Ho da qualche mese chiuso una relazione di 10 anni. Inizialmente sono stato molto male ma poi ho capito finalmente con che persona sono stato per tutto questo tempo. Da bravissima attrice e si è inventata una carriera lavorativa che l'ha portata a fare innumerevoli trasferte lavorative anche all'estero . Iniziando ad avere dei sospetti ho indagato e sono venuto a sapere che il lavoro non centrava nulla e centrava invece un uomo molto più vecchio di lei. Pare che questa relazione sia iniziata ancora prima che ci conoscessimo!!!Lei ha sempre smentito tutto anche di fronte all'evidenza e mi ha sempre fatto star zitto ricordando che io davo sempre precedenza alle mie attività sportive, che però mi ha sempre detto che non mi avrebbe mai impedito,anzi! Insomma quando non ci potevano essere più impegni lavorativi sono iniziate le pause di riflessione per poter essere libera. Ora io non so come faccio ma ho ancora un desiderio ritornare con lei che sto cercando di reprimere in tutti imodi. Questo perchè e stata bravissima a farsi apparire una bravissima persona e io l'ho sempre vista cosi. Adesso mi trovo anche in difficoltà a conoscere nuove persone perchè uscivamo o con i miei amici ,quasi tutte coppie,o con i suoi amici. Non è facile dopo 10 anni. So che devo uscire e cercare di fare nuove conoscenze ma non so da dove iniziare.
    0
    Rispondi a Danny Commenta l’articolo

    • Avatar di helen

      helen 2 anni fa (2 agosto 2015 4:54)

      Hai scritto " è stata bravissima a farsi apparire una bravissima persona". Ecco appunto "è stata", non "è". Quindi il desiderio fortissimo in cosa consiste? Di farsi calpestare di nuovo? Danny sei uomo e quindi spesso poco prolisso (cosa che apprezzo) e molto pratico. Tu pensi che il problema adesso sia fare nuove conoscenze. Probabilmente molti maschietti ti avranno detto così, buttati subito tra le braccia di qualcuno. I più scemi consigliano di darsi da fare con chiunque anche con prostitute. Ma se prima non chiudi il bilancio con la storia di prima corri il rischio di trattare quelle dopo come oggetti, di usarle e di abusare. Se tu provi ancora una fortissima voglia di lei nonostante ti abbia calpestato devi prima lasciare decantare e lavorare su di te. Non è sano e normale aspirare a chi ci ha distrutto.
      1
      Rispondi a helen Commenta l’articolo

    • Avatar di Danny

      Danny 2 anni fa (2 agosto 2015 16:47)

      Grazie Helen hai perfettamente ragione. Il problema è che ancora adesso non riesco a credere di essere stato tanto tempo con una persona che mi ha fatto credere ,non solo a me ma a tutti, di essere una persona dai sani principi e dedita al lavoro mentre invece è una persona falsa e inaffidabile. Forse non ho ancora accettato la realtà. Sta di fatto che non riesco ad essere arrabbiato con lei e per un certo verso mi fa pena perchè capisco che ha dei grossi problemi. Io per fortuna ho una gran passione per la mtb che mi tiene molto impegnato. Mi manca in questo momento un gruppo di amici con cui uscire e distrarmi un po, non sto dicendo che devo trovare un'altra persona subito.
      0
      Rispondi a Danny Commenta l’articolo

  10. Avatar di ste

    ste 11 mesi fa (11 aprile 2016 17:45)

    ciao a tutti dopo 5 anni ,penso proprio che la mia relazione sia arrivata al termine,per la distanza. lui un bel giorno di due anni fa,ha deciso che se ne andava all'estero per lavoro,senza nemmeno chiedermi o parlarmi,ha deciso lui. io sono stata alla sua decisione,perchè il lavoro forse viene prima del resto...sta di fatto che dopo due anni che è all'estero e torna ogni 6 mesi per 15 giorni ,a me non sta più bene. non ci sto bene in una relazione del genere ,non mi basta,non mi soddisfa. soprattutto per il fatto che lui questa cosa l'ha decisa da solo,senza nemmeno considerarmi e questa cosa proprio non riesco ad accettarla. ora,siccome soffro quando parte e quando è via, e poi cque mi ci va un pò per riabituarmi a stare sola,ho deciso che non voglio più soffrire per una persona che non mi vede nemmeno. il più è resistere a non scrivergli ,perchè magari dopo un pò mi passa e cado nella tentazione di risentirlo.
    0
    Rispondi a ste Commenta l’articolo

  11. Avatar di Clelia

    Clelia 10 mesi fa (4 maggio 2016 18:36)

    Ciao.. Mio marito mi ha lasciata improvvisamente a Marzo, dopo una relazione di 10 anni, di cui 3 di matrimonio. l-anno scorso avevamo deciso di andare all-estero per migliorare la qualità della nostra vita, trovare un lavoro e mettere su figli, eravamo cosi felici all idea. Cosi siamo partiti, pero io, una volta al mese, sarei dovuta andare in italia per dare gli ultimi esami all-universta. Cosi faccio, 2 volte. Al mio ritorno la seconda volta, mi viene a prendere all aeroporto, ma e' molto freddo cosi gli chiedo cos abbia, e mi dice semplicemente che vuole stare da solo, per sempre, perché ha realizzato che non vuole responsabilità, ne moglie, ne eventuali figli, vuole solo dedicare la sua vita a se stesso e alla sua passione musicale. Mi e' crollato il mondo addosso. Pero' io non demordo e gli dico che accetto di nn avere figli pur di star con lui.. fatto sta che dopo due giorni la situazione si normalizza, fino a due settimane fa.. che torna ad essere freddo, non mi calcola, nulla, mi dice di lasciarlo in pace e non fargli domande, cosi' faccio, ma due giorni fa, non ce l ho fatta più e gli dico di spiegarmi cosa abbia e cosa prova per me. Allora il motivo e' il seguente... secondo tutti gli studi psicologici che ha fatto, soprattutto seguendo un certo Malanga, ha capito di doversi dedicare solo a se stesso. L-uomo ha spirito, mente e anima, ma solo pochi prendono coscienza e riconoscono di essere 'anima', e a lui e' successo, e anima non ama, solo lo spirito lo fa, e quindi rigetta eventuali mogli e tutti i legami col passato. infatti dice che il motivo della separazione non sono io, dice che non sono io il problema, ma questa sua evoluzione interna che sta avendo. Io so solo che mi sento distrutta e ho sfiorato anche l idea di un suicidio...
    0
    Rispondi a Clelia Commenta l’articolo

    • Avatar di Ilaria Cardani

      Ilaria Cardani 10 mesi fa (4 maggio 2016 19:33)

      Calma e gesso Clelia. Siccome sono curiosa ho fatto una rapida ricerca sul web su chi sia il personaggio che citi e non ha nulla a che fare con la psicologia. Pare un esaltato. Ora, capita, ahimé che alcune persone mettano fine alle loro relazioni in conseguenza di un "plagio" che hanno subito a opera di sette, santoni o che altro. O, magari, peggio, portano alla rovina la propria famiflia e la propria vita. Dunque, comprensibile il tuo stato di sofferenza e per quanto doloroso devi prendere atto della realtà: evidentemente tuo marito ha una personalità fragile che lo ha reso vittima di un plagio, un lavaggio del cervello. C'è poco da fare in questi casi: se perseveri nello stare con lui, rischi di andare incontro a enormi sofferenze. A modo suo è obiettivo e sincero e anche onesto in quel che dice (avrebbe potuto, come capita di frequente, essere più ambiguo, meno chiaro, meno "corretto" verso di te, invece sta dicendo in sostanza la verità, con grande chiarezza): davvero non sei tu il problema - non lo saresti stata in ogni caso -: è lui che sta "manifestando" una trasformazione morbosa, rispetto alla quale tu non puoi fare niente di utile. A prescindere poi da quel che è successo a tuo marito ricordiamoci che mai in nessun caso possiamo premetterci di trattenere chi se ne vuole andare. E, sappiamo bene, che in nessun caso è sanoe utile. Capisco il tuo stato e mi rendo conto che le mie parole possono risultare impietose e credo che tu debba cercare sostegno presso persone sane, lucide e competenti oltre che presso persone che ti vogliono bene e hanno equilibrio. Inoltre è importante che tu accetti un allontanamento per continuare la tua vita in serenità (cosa che vedo impossibile con lui visto quanto sta succedendo). Ripeto, in questa storia triste trovo positivi la sua determinazione e il suo essere esplicito. Sembrebbe un modo molto consapevole di gestire una situazione folle (la follia sta nelle cose che ha detto su "anima" e "spirito"). Se vuoi contattami in privato. Ti sono vicina.
      7
      Rispondi a Ilaria Cardani Commenta l’articolo

    • Avatar di Gea

      Gea 10 mesi fa (4 maggio 2016 21:51)

      Cara Clelia, Ilaria ha già detto tutto, io voglio solo dirti che é meglio sia accaduto ora che con dei figli in mezzo, e che adesso cio' che é importante é che tu riprenda in mano la tua vita. Avere dei progetti a breve termine (come i tuoi esami) e un obiettivo importante (trovare lavoro) é un'ottima cosa per superare le batoste della vita. Coraggio! Un abbraccio
      1
      Rispondi a Gea Commenta l’articolo

  12. Avatar di lisa

    lisa 9 mesi fa (26 maggio 2016 14:03)

    Ciao Ilaria, ti seguo con attenzione e dici cose che aiutano molto, io e lui ormai sono 10 mesi che e' finita, dopo 10 anni insieme, mi ha lasciata lui, ma in fondo al mio cuore ho ancora lui. Non ci siamo più cercati, credo x orgoglio, tra pochi giorni e' il suo compleanno, vorrei mandargli gli auguri, faccio bene o sbaglio? Ringrazio anticipatamente
    -6
    Rispondi a lisa Commenta l’articolo

  13. Avatar di antonella

    antonella 8 mesi fa (27 giugno 2016 20:35)

    Gentile Ilaria invece come si fa a liberarsi di un uomo che ci tratta male, che ci respinge con le parole ma che ci cerca sempre, soprattutto quando lo allontaniamo e non ci facciamo più sentire?
    -2
    Rispondi a antonella Commenta l’articolo

    • Avatar di Ilaria Cardani

      Ilaria Cardani 8 mesi fa (27 giugno 2016 21:53)

      Ciao Antonella, hai perfettamente sintetizzato la descrizione del comportamento di un uomo abusivo, probabilmente del genere che oggi si definisce perverso-narcisista: il suo gioco è proprio nel comportarsi come un elastico e nell'attuare il ciclo dell'abuso (fase 1 - corteggiamento; fase 2 - silenzio/indifferenza; fase 3 - esplosione (insulti, svalutazione, scenate se del caso percosse) e poi si ricominicia). Ti cerca perché tu sei la sua fonte di gratificazione narcisistica e quindi ti cerca ancora di più quando ti allontani; liberartene può essere difficile dato che c'è un'attrazione disfunzionale tra donne che amano troppo e questi simpaticoni, in ogni caso è necessario, ne va del tuo benessere. Leggi gli articoli del blog, quelli dedicati agli stronzi e allo stronzo in particolare (inserisci i termini nella casellina di ricerca in alto a destra) e questo: http://www.lapersonagiusta.com/problemi-di-cuore/come-lasciare-un-uomo/. Un abbraccio.
      8
      Rispondi a Ilaria Cardani Commenta l’articolo

  14. Avatar di Ilaria

    Ilaria 7 mesi fa (28 luglio 2016 10:57)

    Cara Ilaria,Quello che hai scritto è tutto giusto sicuramente, soprattutto ripartire da se stessi. Il problema per quanto mi riguarda è metterlo in pratica! Il mio compagno do po 10 anni ed una bimba di punto in bianco mi dice che non mi ama più, che non è fatto per la famiglia e tante altre cattiverie gratuite vere o false che siano. Questo ultimo anno non è stato un bel periodo, sembra quasi che siamo stati attentamente seguiti dalla sfortuna! Ormai da tre settimane lui non vive più con noi. Con lui sto cercando di avere un rapporto civile per amore della bimba, ma dentro sto malissimo. Da pochissimo ho saputo che ha una infatuazione con una ragazzetta di 23 anni, (l'ho scoperto perché per andare da lei, invece che venire dalla figlia come promesso) ha avuto un incidente, nel quale ha distrutto la mia macchina! Io purtroppo ne sono ancora pazzamente innamorata! Mi ha deluso tanto! Ma so che fino a quando proverò un forte sentimento per lui, avrò sempre la speranza del suo ritorno e la voglia di riconquistarlo! Sarò stupida? Forse! Quello che più fa male è che lui è convinto della sua decisione, basandola (come mi ha detto e come dice in giro) sul fatto che si era stancato del mio essere disordinata, del mio perdere tempo a casa dei miei, del fatto che secondo lui, finendo di lavorare alle 16 pensavo solo a me stessa, ma soprattutto che la gestione della famiglia non gli piaceva! Posso ammettere le mie colpe: essere disordinata e sicuramente potevo evitare qualche volta di attardarmi a casa dei miei, ma x quanto riguarda la gestione della famiglia? Cribbio eravamo noi tre! Perché non dirlo? Lui va dicendo che ha provato in questi anni a dirmelo e l'ultimo anno non mi ha detto più nulla e che proprio nel suo silenzio avrei dovuto capire! !! Lui ora è un'altra persona, non lo conoscevo così egoista!!! Io sto malissimo e mi sento una nave in balia delle onde!!! Voglio smettere di soffrire! Ad oggi lo rivoglio con me!!! Mi sento una scema illusa!!! Non pensavo che soffrire x amore facesse così male!!!
    0
    Rispondi a Ilaria Commenta l’articolo

  15. Avatar di Merydiane

    Merydiane 1 anno fa (5 ottobre 2015 20:27)

    Ho troncato 3 mesi fa una storia con un uomo sposato che durava da tre anni: mentre mi diceva che mi amava e che ero tanto importante con lui, si coltivava e si faceva un'altra più giovane e disponibile, alle mie spalle. L'ho lasciato senza rimpianti, perché non ho mai supportato gli stronzi, e non tornerei indietro per nulla al mondo, tuttavia la ferita per essere stata ingannata è ancora molto profonda e dolorosa in me. Nonostante le opportunità che gli ho dato di parlarmi e di chiarire le cose con me, lui non ha mai ammesso l'inganno e non si è mai scusato, coprendo le tante menzogne già dette con ulteriori menzogne. Purtroppo per ragioni di frequentazione che non posso evitare, sono costretta a vederlo ancora quasi ogni settimana e, nonostante per me lui appartenga al passato, non riesco a guardarlo in faccia né a rivolgergli la parola, perché la sua vile persona mi ripugna. Non è una bella situazione e vorrei poter recuperare dei rapporti civili, ma non ci riesco perché lui non si assume alcuna responsabilità e si comporta come niente fosse. Tu, Ilaria, dici che si deve essere tolleranti e non puntigliosi con gli altri, ma io con lui non ci riesco. Mi basterebbe un suo "scusami" per poter sentirmi più serena, ma lui è una faccia di bronzo e dopo tre anni di relazione proprio non riesco ad accettarlo. Come devo comportarmi? Accetto pareri e suggerimenti di tutti...! Grazie
    -3
    Rispondi a Merydiane Commenta l’articolo

    • Avatar di Ilaria Cardani

      Ilaria Cardani 1 anno fa (5 ottobre 2015 20:59)

      Quando mai io dico che bisogna essere tolleranti e non puntigliosi con gli altri? :) Ci credo che questo ti ripugni, ci mancherebbe e meno male. Mi domando se le famose "ragioni di frequentazione" che non puoi evitare siano davvero inevitabili. Io dico che questo va ignorato del tutto e che a ricominiciare per bene la propria vita sarebbe proprio il caso di interrompere le frequentazioni con lui e con tutti gli altri frequentanti di queste frequentazioni...
      4
      Rispondi a Ilaria Cardani Commenta l’articolo

    • Avatar di Merydiane

      Merydiane 1 anno fa (6 ottobre 2015 0:21)

      Purtroppo frequentiamo lo stesso coro, in cui io canto da più tempo di lui. Ho pensato anche alla possibilità di lasciare il coro, ma non lo ritengo giusto: ho una bella voce, soddisfazioni e tanti amici in quel gruppo; alcuni li conosco da 25 anni. Non sono io che me ne dovrei andare, ma lui che, ovviamente, da grande vigliacco che è, non lo fa. È la sua tecnica: farla grossa e poi fare come niente fosse, cosi pensa che le sue vaccate passino inosservate, e quindi di farla franca. Uno stronzo da Oscar. E oltretutto anche coglione, perché sa che io so e nega l'evidenza. Io, ti giuro, continuo a trattarlo come fosse inesistente, perché diversamente proprio non riesco a fare, non ce la faccio!! Sto elaborando da sola il mio dolore, perché di una storia clandestina non puoi parlare, e così fa ancora più male. Sono contenta di poterne parlare almeno con te: mi sento meno sola; anche se so di aver sbagliato ad avere una storia con lui, non credo di aver meritato il trattamento che mi ha riservato. Dentro di me provo un grande senso di ingiustizia, che so di non poter colmare, se non con la magra consapevolezza di essere una persona un po' migliore di lui (ci vuole poco). Ilaria, io ho voltato pagina il giorno stesso in cui ho capito che quel bastardo faceva il doppio gioco con me e l'ho lasciato in tronco: non l'ho rimpianto neanche per un secondo, perché la sua persona mi è caduta dalle stelle alle stalle in un istante. Tuttavia tre anni sono tre anni e non si cancellano con un colpo di spugna: dolore, amarezza, umiliazione, rabbia sono i sentimenti che ho provato per mesi, senza ricevere una sola parola di conforto da nessuno o uno straccio di scuse da quel vigliacco. Ora vorrei archiviarlo per sempre, ma finché lo vedo mi tocca sopportarne la presenza e sotterrarlo del tutto mi è impossibile. Mi conforta molto che tu condivida il mio atteggiamento e ti ringrazio tanto per avermi risposto: temevo di essere troppo rigida e dura, ma ciò che sento dentro è che lui è una nullità di uomo e che come tale merita di essere trattato. Grazie ancora per avermi ascoltato.
      4
      Rispondi a Merydiane Commenta l’articolo

    • Avatar di Valeria87

      Valeria87 1 anno fa (6 ottobre 2015 12:38)

      Ciao, Merydiane. Un'altra associazione o scuola per dedicarti alla passione del canto la trovi di sicuro, il nostro mondo è pieno di opportunità... Quanto agli amici, puoi mantenere i rapporti anche se non cantate più nello stesso coro, sempre ammesso che siano amici veri (in caso contrario, meglio tagliare i rapporti). Almeno per il momento, secondo me ti farebbe bene allontanarti da quell'ambiente: trovarti lui sotto gli occhi in continuazione non ti aiuta a guardare avanti, di sicuro... cioé, non che lo renda impossibile, ma di sicuro ti complica molto le cose. Io al tuo posto mi chiederei se ne valga la pena, solo per continuare a cantare (cosa a cui peraltro, ripeto, non dovresti rinunciare, solo cercare alternative). Un abbraccio.
      3
      Rispondi a Valeria87 Commenta l’articolo

    • Avatar di Merydiane

      Merydiane 1 anno fa (6 ottobre 2015 14:46)

      Grazie Valeria per la tua comprensione. Ci penserò, non è facile, soprattutto perché se me ne andassi dovrei dare troppe spiegazioni ad amici e conoscenti sul perché e percome me ne vado, dopo tanti anni, e non me la sento né di raccontare la mia storia, né di mentire a degli amici. Non è facile, ripeto, spero solo di trovare dentro di me la forza per gestire questa situazione, senza sentirmi più umiliata di quanto già non mi senta. Grazie
      2
      Rispondi a Merydiane Commenta l’articolo

    • Avatar di helen

      helen 1 anno fa (6 ottobre 2015 18:09)

      Merydiane la cosa più fantasmagorica di queste relazioni trash è che le donzelle si aspettano delle scuse. A un ladro, uno che sta scappando con la refurtiva dal tuo appartamento tu grideresti:" insomma io da lei mi aspetto delle scuse"? E il ladro colpito nel vivo della sua coscienza deposita la refurtiva e a capo chino dice:" ha ragione sono mortificato, ho commesso un atto ignobile". Verosimile eh? Soprattutto mentre sta cercando di entrare in casa di un'altra. Ridici su che è meglio. Molto meglio.
      10
      Rispondi a helen Commenta l’articolo

    • Avatar di helen

      helen 1 anno fa (5 ottobre 2015 21:36)

      Sapete che io proprio non capisco le persone che si lamentano della scarsa trasparenza degli altri e fanno gli offesi e i risentiti e mentre parlano incidentalmente dicono "era sposato" come se dicessero " ha i capelli neri"? Ma la prima che s'è scelta un truffatore per antonomasia sei proprio tu che sei la donna numero due dopo la moglie e poi sono seguite la 3, la 4, la 5. E pure il puntiglio ci mancava. Senza pudore eh
      11
      Rispondi a helen Commenta l’articolo

    • Avatar di Merydiane

      Merydiane 1 anno fa (6 ottobre 2015 14:33)

      Hai ragione Helen: io ho sbagliato. Non cerco applausi, ho solo bisogno di andare avanti dopo l'errore che ho commesso, perché anche se ho sbagliato sono pur sempre una persona, con un'anima e dei sentimenti. Per quanto ciascuno possa pensare che "me la sono cercata", resta la ferita e l'impossibilità di ripristinare un rapporto civile con una persona, in un contesto dove, per il resto, sto bene. Questo è il mio problema, non altro. La disapprovazione per ciò che ho fatto parte prima di tutto da me stessa, ma se mi fossilizzo solo su quello non ne esco.
      3
      Rispondi a Merydiane Commenta l’articolo

    • Avatar di Ilaria Cardani

      Ilaria Cardani 1 anno fa (6 ottobre 2015 14:39)

      Concordo sull'ultimissima parte. Brava Merydiane!
      2
      Rispondi a Ilaria Cardani Commenta l’articolo

    • Avatar di Mariella

      Mariella 7 mesi fa (28 luglio 2016 21:11)

      Ciao Ilaria vorrei scriverti ma non capisco se è corretto farlo scrivendo qui. Spero di si, grazie dei tuoi articoli illuminati e illuminanti. Anche se a volte è proprio la luce a fare paura. Buona serata.
      1
      Rispondi a Mariella Commenta l’articolo

    • Avatar di Ilaria Cardani

      Ilaria Cardani 7 mesi fa (28 luglio 2016 22:20)

      Ciao Mariella come vedi mi hai scritto. Grazie per quello che interpreto come un complimento :). Sì, la luce all'inizio fa paura, ma poi non se ne può fare a meno :)
      3
      Rispondi a Ilaria Cardani Commenta l’articolo

  16. Avatar di Sally

    Sally 7 mesi fa (4 agosto 2016 13:20)

    Buongiorno, ho 27 Sono triste. A casa non posso dire nulla e mi sembra di impazzire. Soffro di senso di colpa ogni volta che mi lascio finisco con l\'incolparmi di tutto. Due giorni fa mi ha lasciata un uomo di 56 anni con cui stavo da due mesi. Lui mi controllava e ha preso il mio cell. Ha letto dei messaggi con un ragazzo di cui sapeva con cui avevo avuto una storia prima di lui. Non si è mai fidato di me. Ha frainteso tutto si è arrabbiato molto, mi ha strattonata e ha lanciato il telefono. Mi ha mandata via da casa. Avevamo altri problemi, lui aveva dei gusti sessuali che non ho mai condiviso prima di conoscermi andava a certe feste in cui c\'erano scambi di coppia e poi frequentava certe chat. Non ho mai condiviso questo stile di vita e lui lo sapeva bene, ma a volte ipotizzava che col tempo io avrei capito e saremmo andati insieme. Negli ultimi tempi cominciavo a sentire che presto mi avrebbe proposto di farlo. Ho portato questo peso per settimane e avevo paura anche se mi scriveva mia cugina. Ogni volta che mi vedeva usare il telefono insinuava che gli nascondevo le cose. Non scrivevo più a nessuno, ho tagliato i ponti con diverse persone. La sera prima che lui mi ha mandata via, mi ha fatto vedere uno scambio di messaggi con una donna che vive in sud America e con cui poche sere prima si è scambiato certe foto. Ha sempre detto di odiare le bugie, se mi piaceva uno potevo dirglielo e ci andavamo insieme, ma non dirgli le cose lo faceva infuriare. Lui era il mio tutor al master che frequentavo e ora temo che possa crearmi problemi nello stage che dovrò iniziare a ottobre in una produzione. Mi vergogno di tutto questo, se i miei lo sapessero sarebbero delusi e io stessa sono delusa di me. La prego di rispondere, spero davvero che possa aiutarmi. Soffro molto e ho un peso dentro. Non so come comportarmi.
    0
    Rispondi a Sally Commenta l’articolo

  17. Avatar di Mariella

    Mariella 7 mesi fa (29 luglio 2016 0:53)

    Ciao Ilaria ti ringrazio per avermi risposto, sto attraversando un periodo molto difficile per via di una relazione con un uomo impegnato, anche io lo sono, e a volte (spesso) sono nel panico totale per la mancanza di equilibrio nel coinvolgimento emotivo, veramente troppo io e poco lui. Devo affrontare la tremenda paura di perderlo, sono molto confusa e spaventata.
    0
    Rispondi a Mariella Commenta l’articolo

    • Avatar di Ilaria Cardani

      Ilaria Cardani 7 mesi fa (29 luglio 2016 15:33)

      Ciao Mariella, lo scorso Natale ho perso il mio portafoglio con tutti i miei documenti dentro. Li ho proprio persi perché erano proprio miei. Le persone non si "hanno", non si "possiedono" e quindi non è possibile perderle. Riflessione ancor più valida nel tuo caso, in quanto trattasi di un uomo impegnato. Un uomo impegnato per definizione ti appartiene ancora di meno, ma non perché "appartenga" a un'altra, dato che come abbiamo detto le persone non appartengono le une alle altre ma perché, il fatto che sia impegnato indica chiaramente che a lui non interessi tu (come non interessa la donna con la quale è impegnato). La storia con un uomo impegnato è la storia disfunzionale per eccellenza e questo dovrebbe spingerti a interrogarti su di te e sul tuo modo di (non) amare e di (non) farti amare. Ti consiglio anche la lettura di questo: http://www.lapersonagiusta.com/errori-comuni/uomo-sposato-seduzione-amore/
      10
      Rispondi a Ilaria Cardani Commenta l’articolo

    • Avatar di Ele

      Ele 7 mesi fa (29 luglio 2016 15:58)

      Ciao Ilaria. Io sto da 8 anni con un uomo. Dopo 2 anni di storia scopro un tradimento durato x un anno (una semi vita parallela). Sono incinta lo perdono e dopo 2 mesi di stop torniamo insieme.Ora abbiamo 2 figli e scopro che nell'anno del tradimento oltre all'amante ne aveva un'altra durata durante la mia prima gravidanza.Cosa fare adesso?
      0
      Rispondi a Ele Commenta l’articolo

    • Avatar di Ilaria Cardani

      Ilaria Cardani 7 mesi fa (29 luglio 2016 16:03)

      Ciao Ele, la domanda "cosa fare adesso?" non la devi rivolgere a me o a noi, ma a te stessa. Sono convinta che se la fai ci sono delle ragioni che vanno oltre quelle del tradimento. Da come descrivi il tuo partner non ho l'impressione che sia proprio un compagno ideale. Hai due figli con lui. Probabilmente ti ha sempre tradita e ti sta tradendo ancora e lo farà a breve. Che fare decidilo tu, in base a quel che senti ti faccia vivere al meglio. Ti va davvero di stare con un uomo del genere? Ti posso garantire che, senza di lui le possibilità di vivere una vita serena sono infinite.
      6
      Rispondi a Ilaria Cardani Commenta l’articolo

    • Avatar di Ele

      Ele 7 mesi fa (29 luglio 2016 16:30)

      Io sono stata un tradimento quando stava con la sua ex storica.Stiamo costruendo casa (anzi io) ed abbiamo 2 bambini molto piccoli. I 2 tradimenti risalgono a più di 5 anni fa. Sono in difficoltà
      0
      Rispondi a Ele Commenta l’articolo

    • Avatar di Ilaria Cardani

      Ilaria Cardani 7 mesi fa (29 luglio 2016 17:03)

      Lui ha il vizio. Ma lo avevamo capito. Capisco la tua difficoltà e ti sono molto vicina. Ciò detto la questione non la possiamo risolvere con scambi di commenti. È importante dato che dici che stai costruendo casa che dal punto di vista legale tu ti tuteli il più possibile (se la casa la stai costruendo tu deve essere tua) e che tu sappia bene quali sono i tuoi diritti e quelli dei tuoi figli. Mi chiedo, se davvero i tradimenti risalgono a 5 anni fa, perché per te le difficoltà stiano sorgendo adesso. Che cosa è cambiato?
      4
      Rispondi a Ilaria Cardani Commenta l’articolo

    • Avatar di London

      London 7 mesi fa (29 luglio 2016 16:43)

      posso dire una cosa? Ilaria, sei meravigliosa! le tue risposte sono fantastiche e in poche righe apri un mondo e cogli sempre nel segno!!! non vorrei mai smettere di leggerti. GRAZIE
      3
      Rispondi a London Commenta l’articolo

    • Avatar di Ilaria Cardani

      Ilaria Cardani 7 mesi fa (29 luglio 2016 16:56)

      Ah ah ah :D grazie!
      4
      Rispondi a Ilaria Cardani Commenta l’articolo

    • Avatar di Mariella

      Mariella 7 mesi fa (29 luglio 2016 20:31)

      Ciao Ilaria, grazie per la tua risposta. È vero che le persone non si possiedono, ma io la sto vivendo come una perdita insopportabile che mi riempie di paura. Però dentro di me ho il dubbio che in realtà stia perdendo me stessa. Associo la sua figura al Padre buono che non ho mai avuto perché il mio non voleva figli, soprattutto femmine e io sono la seconda,più indesiderata (da lui) in quanto ancora femmina. Ho vissuto all'ombra di una sorella maggiore di un anno che mi dominava psicologicamente. Non ero considerata una persona ma solo l'appendice di mia sorella. Lui mi ha fatto sentire unica e io gli voglio tantissimo bene. Direi che lo amo ma non sono certa, di sicuro non lascerei mai la mia famiglia per lui. Vorrei solo essere certa che lui farà sempre parte della mia vita. Mi sconvolge il pensiero di perderlo. Ho sempre amato mio padre ma lui mi ha sempre ignorato e quando è morto non ho provato niente. L'ho assistito durante la sua malattia con affetto ed ero dispiaciuta per lui. Forse in questa relazione vedo lui come il padre che non ho avuto. Mi è sempre stato molto vicino, aiutandomi sul lavoro e proteggendomi da ogni possibile problema è consigliandomi bene per il mio lavoro. Gli sono molto grata per questo. Ora lui teme di essere scoperto dalla compagna, vedo che è terrorizzato per le conseguenze e allora si chiude e lo sento lontano. Fermo restando che sul lavoro è sempre molto attento a me e premuroso. Dove sbaglio? Come faccio ad avere cura di me?
      0
      Rispondi a Mariella Commenta l’articolo

    • Avatar di Ilaria Cardani

      Ilaria Cardani 7 mesi fa (30 luglio 2016 6:11)

      Storia con un collega impegnato che per portarti a letto ti fa dei favori sul lavoro. Tutto il resto 'dramma'. Lui è davvero squallido. Sappi che così ne trovi a mazzi. Anche nello stesso ufficio.
      6
      Rispondi a Ilaria Cardani Commenta l’articolo

    • Avatar di Mariella

      Mariella 7 mesi fa (31 luglio 2016 7:48)

      Ciao Ilaria, io non l'ho mai guardata da questa prospettiva, sicuramente in buona parte hai ragione. Sicuramente non merita questa mia dedizione. Ci rifletto, sperando di non incartarmi troppo nei miei pensieri. Non capisco però il la tua frase 'tutto il resto dramma'. Non so proprio come interpretarla.Vorresti spiegarmela?
      1
      Rispondi a Mariella Commenta l’articolo

    • Avatar di Ilaria Cardani

      Ilaria Cardani 7 mesi fa (31 luglio 2016 9:52)

      Il 'dramma'e' proprio il tuo incartarti nei tuoi pensieri.
      1
      Rispondi a Ilaria Cardani Commenta l’articolo

    • Avatar di Mariella

      Mariella 6 mesi fa (12 agosto 2016 23:48)

      Ciao Ilaria, questi giorni ti ho letto molto, mi è servito nei momenti più duri, quando mi sembrava impossibile stare senza di lui. L'ho incalzato per avere spiegazioni, per sapere se ancora mi amava, so di averlo pressato molto ma non potevo aspettare un minuto di più. Messo alle strette mi ha chiesto una pausa di riflessione e ho detto NO. Allora mi ha detto che era meglio finirla perché lui era terrorizzato all'idea di essere scoperto. Siamo rimasti amici ed in ottimi rapporti di lavoro. Ma io ancora non ho trovato lai serenità. Alcuni sprazzi si ed è meraviglioso, ma poi ricado nella paura. Di me.
      1
      Rispondi a Mariella Commenta l’articolo

    • Avatar di max

      max 6 mesi fa (13 agosto 2016 11:05)

      Avergli chiesto conferma del NO ha cambiato le cose?
      0
      Rispondi a max Commenta l’articolo

    • Avatar di Mariella

      Mariella 6 mesi fa (13 agosto 2016 16:08)

      Direi di si, era la cosa che sapevo già e che temevo di sentirmi dire. Ho avuto il coraggio di pretendere una risposta nonostante la paura. E non mi è cascato il mondo addosso.
      1
      Rispondi a Mariella Commenta l’articolo

    • Avatar di cindy

      cindy 7 mesi fa (30 luglio 2016 7:33)

      La cosa che più mi fa riflettere di questa storia (come in altre stesse storie) che oltre ad avere la stessa dinamica: nessuno vuole lasciare la cosiddetta famiglia "regolare". Do a questo pseudo sentimento il nome di egosismo trai più biechi. Si sta con una perosna ingannadola (entrambi i fronti) ma ci si trastulla con un'altra con cui si crea il "melodramma". Mi dite l'amore qui dov'è??
      16
      Rispondi a cindy Commenta l’articolo

    • Avatar di Mariella

      Mariella 7 mesi fa (31 luglio 2016 7:54)

      Ciao Cindy, se questa dinamica esiste, esiste. Può essere come dici tu che sia indice di egoismo da parte di chiunque vi sia coinvolto, anche io la pensavo così prima di trovarmici dentro. Ti assicuro che in tutta la mia vita non sono stata una persona egoista.
      -6
      Rispondi a Mariella Commenta l’articolo

    • Avatar di max

      max 6 mesi fa (13 agosto 2016 18:53)

      Cindy secondo me non è egoismo, ma paura di avere un rapporto profondo, diverso ed appagante, sia da parte del marito nei confronti della moglie, sia da parte dell' amante nei confronti di un' eventuale uomo che non sia quello già occupato...ma con questo non dico che sia facile volere una cosa del genere
      1
      Rispondi a max Commenta l’articolo

  18. Avatar di Luca

    Luca 1 mese fa (19 gennaio 2017 13:08)

    Usciamo assieme qualche volta 😂😂😂
    0
    Rispondi a Luca Commenta l’articolo