<< Articolo Precedente

Ex: ma che cosa significa perdonare?

Se vuoi davvero attrarre la persona giusta per te e realizzare con lei la relazione di una vita, libera da catene, condizionamenti e recriminazioni, è importante che tu apprenda la preziosa arte del perdono e che ne apprezzi a fondo l’enorme valore.

Dell’importanza del perdono parlo ampiamente (ci dedico parti importanti) nella mia guida gratuita “Come attrarre la persona giusta per te in 11 passi”.

Fatto sta che giorni fa, dopo aver pubblicato l’ultimo articolo, quello dedicato alla rabbia, ho ricevuto la mail di una lettrice, Alba:

“Grazie Ilaria per i tuoi articoli.
Mi sono di conforto e d’aiuto in questo momento doloroso della mia vita.
Il mio fidanzato con cui sono stata 3 anni e che mi aveva chiesto di sposarlo mi ha lasciata e sono venuta a sapere che c’è già un’altra.
Sono piena di rabbia perché mi ha presa in giro per 3 anni, ha fatto leva sul mio desiderio di famiglia e nel momento stesso in cui ho chiesto di concretizzare mi ha mollata.
Lo so che dovrei perdonare, ma come si fa? io lo vorrei. Ma cosa significa perdonare?”.

Credo che la situazione di Alba sia molto comune: quella di aver  ricevuto una cocente delusione da una persona molto importante e la cosapevolezza che è necessario (utile) perdonare e nello stesso tempo avere decisamente delle difficoltà a farlo.

Allora, premessa importante: quando ci si trova nella condizione di sentirsi offesi, ingannati, delusi, umiliati da qualcuno, non è automatico e banale riuscire a perdonare.

Perdonare non credo proprio sia una reazione che ha i tempi dell’immediatezza: tu mi “danneggi” e io ti perdono.

Diciamo pure che il perdono è un processo, un percorso, un cammino di maturazione che richiede del tempo.

Certo, se richiede tempi biblici, beh, questo non giova affatto al benessere personale e psicofisico di chi non riesce a perdonare.

Altra nota importante: sia ben chiaro, io non sto affatto parlando del perdono così come viene descritto, tramandato, mitizzato dalla religione e cioè prevalentemente come un atto di pietà e di amore altruistico estremo verso un’altra persona.

Quello è un perdono che, secondo me, sembra un po’ un sacrificio personale e spesso viene ritenuto come una sorta di dovere, di principio di estrema “buona educazione”.

Infatti, vorrei invitare Alba e tutti coloro che si trovano in una situazione come la sua a non pensare di perdonare per “dovere” e per “obbligo”: questo comporterebbe uno sforzo e una violenza su di sé che non portano nessun tipo di vantaggio in termini di serenità personale.

Non “alleggeriscono”, ma “appesantiscono”.

Invece, e qui vengo a spiegarti come io intendo il perdono:

1)    Il perdono è un alleggerimento del proprio bagaglio di “spiacevolezze” della vita. Un’operazione attraverso la quale scarti il brutto e tieni il bello.

Perdonare significa, in sostanza, toglierti il peso dei fatti e delle persone che hanno contribuito a che la tua vita, in certi momenti e in certe occasioni, non fosse proprio ciò che desideravi fosse.

Perdonare significa “chiudere”, “tagliare”,  con il vecchio e con quel che non è più utile, bello e buono del passato per fare nuovo spazio e aprire al nuovo, al futuro, a ciò che vuoi per te.

2)    Perdonare significa assumersi la responsabilità della propria vita e della propria felicità e decidere che si può essere felici, contando sulle proprie forze, a prescindere da quel che è successo, da quel che hanno deciso gli altri, da quali sono gli accadimenti della vita e le azioni del prossimo. In questo modo trasmetti a te stesso o a te stessa anche il messaggio: “Io sono forte. Io posso.”

3)    Perdonare pienamente significa che hai raggiunto un grado di consapevolezza di te tale per cui riconosci la tua parte in quello che è accaduto e metti in atto tutte le risorse grazie alle quali nella tua vita eviterai di trovarti in situazioni negative come quelle passate. Questo lo ritengo un punto importante che molti dimenticano. Perdonare vuol dire soprattutto promettere a te stesso e a te stessa che non ripeterai gli schemi di comportamento che, in passato, ti hanno messo nelle condizioni di subire un torto da qualcuno. Ritieni di essere stato/a illuso/a? Ritieni di essere stato/a ingannato o ingannata? Riconosci nei tuoi comportamenti e nei tuoi atteggiamenti quello che ha permesso agli altri di illuderti e di ingannarti e muoviti in direzioni alternative e positive per il futuro.

Questo è un vero atto d’amore verso di te. Ed è l’amore verso di te il vero senso del perdono.

Lasciami un commento con le tue opinioni, le tue storie, il tuo significato personale di perdono.

Cordialmente

Ilaria

<< Articolo Precedente

Articoli Correlati

Gratis per te!

Non sbagliare e non soffrire più! Trova l'amore! Vuoi capire quali sono i tuoi comportamenti sbagliati con gli uomini e come puoi evitarli? Vuoi aumentare la tua autostima e avere più sicurezza nelle relazioni?

Lascia un Commento!

132 Commenti

  1. Avatar di Ire☯️

    Ire☯️ 5 mesi fa (3 luglio 2017 22:35)

    Si sono pienamente d'accordo perdonare significa cominciare ad amarsi e a rispettare in primis se stessi , chiudere con il passato portanti insegnamenti da esso per non ripetere più gli stessi errori . Divenire più forti e fare spazio al nuovo !!
    0
    Rispondi a Ire☯️ Commenta l’articolo

  2. Avatar di Alien

    Alien 1 mese fa (17 ottobre 2017 2:17)

    Grazie avevo bisogno di questo dopo che la mia ex mi ha lasciato per 2 anni dopo aver trovato il ragazzo diciamo giusto per lei...e tutta via.. Adesso il suo matrimonio è fallito e tornata a parlare con me e le dispiaceva tantissimo perché mi ha lasciato e io sn pieno di rabbia verso di lei. Non so come ma non lo amo più dentro di me sento vuoto verso di lei..perche io non avevo un lavoro e non avevo nnt ora ho un lavoro sn diventato un pizzaiolo c'ho messo tutta la mia forza per imparare ho sofferto tanto..
    3
    Rispondi a Alien Commenta l’articolo

    • Avatar di max

      max 1 mese fa (17 ottobre 2017 13:36)

      Ecco Alien, la tua ex è il passato, chiudi tutti i contatti, dille Addio, e voltati verso le novità che la vita ti offre, e vedrai che arriva quella giusta anche per te (che non è la tua ex)...la rabbia dopo 2 anni è solo inutile, ti tiene ancorato alla sofferenza, e non fa bene.
      7
      Rispondi a max Commenta l’articolo

    • Avatar di Ilaria Cardani

      Ilaria Cardani 1 mese fa (17 ottobre 2017 23:14)

      Bravo Alien per quello che hai raggiunto per te. Ora occupati della tua vita e dimentica questa donna che non ti merita.
      6
      Rispondi a Ilaria Cardani Commenta l’articolo

  3. Avatar di Veronica

    Veronica 4 settimane fa (24 ottobre 2017 1:41)

    Io spero che il perdono verso gli altri esiste e che un giorno arriverà anche per me...perché nonostante sono stata lasciata e oggi ho la consapevolezza che lo meritavo so anche con certezza che le persone magari non tutte ma almeno per me è stato così possono cambiare possono diventare persone migliori...per me una persona che ha fatto del male può cambiare e se cambia completamente e capisce tutti i suoi sbagli ed è disposta a non commetterli più facendo un grosso grossissimo esame su se stessa magari in futuro una possibilità se la merita...io sono 4 mesi che sono sola dopo che sono stata lasciata dopo 4 anni di fidanzamento ho lavorato senza sosta su me stessa e lo sto contimuando a fare sapendo che lui può cm non può tornare lo faccio soprattutto per me... soffrendo e continuando a soffrire ogni giorno colpevolizzandomi ogni giorno del male fatto a chi mi amava e ho deluso,ma ha oggi mi sento una persona migliore con un grande peso sulla coscenza che potevo dare amore quanto ne ho ricevuto ma purtroppo non sono stata capace di farlo e ho commesso un grave errore perché tradire è la cosa più brutta che si possa fare tanto più se si fa per delle attenzioni mancate da parte del partener...mi pento e tanto ma purtroppo stavo passando un brutto periodo mi sentivo ed effettivamente ero e sono grassa non pensavo di piacergli piú non mi sentivo piu bellissima hai suoi occhi mi sentivo inutile e non riuscivo a tirargli su il morale xk nonostante non me lo faceva pesare e notare vedevo che stava male il suo lavoro andava male e io cercavo di aiutarlo ma lui mi aveva alzato un muro dove non mi permetteva di stargli vicino e questo mi frustrava mi faceva stare malissimo e lui non voleva che le cose le affrontassimo insieme...eppure ora che lo perso fondamentalmente avevo tutto e per un periodo del cazzo dove eravamo lontani ho commesso un gesto che se si potesse tornare indietro non farei mai e poi mai...sto malissimo e non riesco ad uscirne fuori
    0
    Rispondi a Veronica Commenta l’articolo