Attrazione a lungo termine: l’ingrediente indispensabile per una relazione felice

Una volta fu chiesto al Buddha: “Qual è la differenza tra “mi piaci” e “ti amo”?

Il Buddha rispose: “Quando un fiore ti piace, lo cogli recidendolo dalla sua pianta. Ma se invece quel fiore lo ami per davvero, te ne occupi e innaffi la sua pianta tutti i giorni”.

Chi capisce questo, capisce la vita e l’amore.
attrazione a lungo termine
Bella la storia del Buddha, vero? Spiega molto bene un concetto che per molti pare inafferrabile. E cioè la differenza tra l’attrazione a breve termine e l’attrazione a lungo termine.
All’attrazione a breve termine ho dedicato già un articolo che ti consiglio di rileggere di tanto in tanto per fissarti alcuni concetti “salvamore” e “salvavita”.

Che differenza c’è tra due persone che si piacciono e flirtano insieme, magari facendo anche del buon sesso e due persone che si vogliono bene e decidono, ogni giorno, di stare insieme e di progettare una relazione di coppia, che duri nel tempo, che soddisfi i loro bisogni sentimentali e sessuali e che li faccia sentire protagonisti di una connessione intima ed emotiva?

Sembra un’ovvietà: una relazione salda, soddisfacente e duratura si basa sull’attrazione a lungo termine.

Ci hai mai pensato? In realtà sembra un’ovvietà ma non lo è perché in molti confondono l’attrazione a breve termine con l’attrazione a lungo termine. E da lì nascono un sacco di malintesi, di aspettative deluse, di costruzioni mentali poco utili.

"L’amore eterno dura tre mesi. Confucio"

L’attrazione a breve termine è merce comunissima ed è bene che sia così.

Quotidianamente tutti noi proviamo momenti di attrazione a breve termine in varie direzioni: verso rappresentanti dell’altro sesso che ci paiono simpatici di carattere e attraenti sessualmente; verso altre persone in generale che ci ispirano tenerezza o empatia e che pensiamo, potendo, che dovremmo conoscere meglio o anche frequentare; verso idee, oggetti, luoghi che attirano in qualche modo il nostro interesse e la nostra attenzione.

Attrazione a lungo termine e a breve termine: le differenze

L’attrazione a breve termine è quella che fa girare gli uomini per strada a guardare le belle donne (e spesso anche le meno belle, ma solo procaci); è quella che ti suscita ammirazione per un bel tipo che ti passa accanto ed è anche quella che muove gli uomini più diversi a fare i cascamorti con te; per confermare a se stessi di avere colpi in canna o, per i più arditi, per tentare di portarti a letto.

Diciamo pure che l’attrazione a breve termine è il “trucco” escogitato dalla natura per far sì che, in un contesto regolato in modo elementare e primitivo solo da biologia e fisiologia, uomini e donne si mettano insieme senza troppi problemi e facciano bambini.

Questo detto in soldoni.

"Vederla fu amarla, amare solo lei, ed amare per sempre. Robert Burns"

Se l’uomo delle caverne non avesse provato l’attrazione istintiva a breve termine che lo spingeva irresistibilmente verso una donna per stare con lei lì e subito, col cavolo che la specie umana avrebbe potuto riprodursi per milioni di anni ed evolvere fino al punto di guardare le trasmissioni di Maria de Fillippi e avere uno o più profili Facebook sui quali pubblicare le foto della carbonara mangiata a pranzo.

ilaria-cardani-attrazione-a-lungo-termine

Certo l’attrazione a breve termine, proprio per questo è fondamentale, dato che è l’anticamera istintiva, emotiva e necessaria per entrare nella casa dell’attrazione a lungo termine.
Allo stesso tempo, se rifletti sull’attrazione a breve termine e su quanto sia diffusa e potente, puoi dedurre perché è meglio non fare molto affidamento solo su quella.

Molte donne pensano che un uomo che è eccitato dalla loro presenza e dalla loro bellezza fisica e che non vede l’ora di portarsele a letto sia in qualche modo motivato da interesse sincero, da un innamoramento, da una cotta.

Oppure, peggio, pensano che quelli siano i primi passi e i primi segnali sicuri di un legame destinato a durare.

Non è così. Un uomo motivato dall’attrazione a breve termine vuole una relazione a breve termine e di poca profondità.

Vuole portarti a letto, far leva sul tuo desiderio di piacere, di essere desiderata e di essere amata, per manipolarti meglio. Sgamare questi piccoli “trucchetti” relazionali ti può rendere molto più felice e farti divertire un sacco alle spalle di chi vorrebbe prenderti in giro.

Ecco perché è molto più furbo e intelligente – se si desidera avere una storia a lungo termine – non andare a letto con un uomo troppo presto rispetto a quando ci si è conosciuti, non fare il primo passo o cercarlo se lui non ti cerca per primo e non puntare su armi di seduzione da “attrazione a breve termine” stile veline di Striscia la notizia.

Di uomini attratti da te a breve termine ne puoi trovare a mazzi, a migliaia, a camionate.

E se vuoi una relazione di amore e connessione autentici, ecco che gli uomini attratti da te a lungo termine sono infinitamente meno di quelli che vogliono solo messaggiarti sulla chat o (se davvero intraprendenti) portarti a letto. E anche questo è bene.

E’ molto male stare con un uomo che è attratto a breve termine e affibbiargli il ruolo di uomo della tua vita. A sua insaputa peraltro e contro la sua volontà.

Tu puoi prendere solo legnate (emotive) e lui si rafforza nell’idea che le donne vogliono solo una relazione purchessia, desiderano solo legare un uomo (chiunque e laqualunque) a sé, imprigionandolo, togliendogli la libertà.

Per questo l’”uomo ideale inconsapevole” si convince anche che lui non ha bisogno di sforzarsi in una relazione, tanto, quando deciderà, una disposta a dargli il suo cuore senza pensare a se stessa e senza essere selettiva, se la trova in un battibaleno.

Considera anche che il tacco dodici e la minigonna vertiginosa risultano attraenti per tutti gli uomini. Ma proprio tutti-tutti veh. E questo, anche se è controintuitivo, non è un bene, se non è gestito con astuzia.

Infatti se punti tutto solo su quello, non fai selezione e davvero difficilmente attrai qualcuno che vuole una relazione seria con te. Però se pubblichi le tue foto in posizioni e look super sexy su Facebook hai un sacco di “mi piace”.

Ti servono davvero, quel genere di “mi piace”? Ne hai così disperatamente bisogno, sul serio?

Che cosa tiene legato un uomo a una donna (e viceversa)

Ma allora che cos’è questa benedetta attrazione a lungo termine che può unire di un legame autentico due partner e può permettere loro di vivere una vita di coppia che li realizza al cento per cento? In che modo l’attrazione a breve termine si mantiene e dura tanto da evolvere e trasformarsi in attrazione a lungo termine?

Per dirla in modo semplice, l’attrazione a breve termine è quella che spinge una persona in una relazione.

L’attrazione a lungo termine è quella che le impedisce di andarsene, che la fa restare, che dice ogni giorno a ciascuno dei due partner: “Lei/lui è la persona giusta per te, quella con cui puoi realizzare te stesso/a per come sei davvero senza perderti e senza perderci niente. Qui ci puoi solo guadagnare, puoi crescere in modo spontaneo e naturale, puoi essere felice, sereno, appagato”.

"Non dirmi “per sempre”. Mi basta che tu dica “a domani”. Ogni giorno. ChiaraNonEsiste, Twitter"

L’attrazione a breve termine è quella che ti fa guardare il trailer di un film e poi basta. Quella a lungo termine ti fa andare al cinema, pagare il biglietto e guardarti tutto il film.

Tieni ben presente che l’attrazione a lungo termine vale per tutti (uomini e donne) e per tutti i tipi di relazione, anche quelli non esclusivamente sentimentali.

E l’attrazione a lungo termine è un percorso a due vie: è un patto che riguarda entrambi i partner, l’attrazione a lungo termine di ciascuno dei due si alimenta reciprocamente di quella dell’altro, di continuo.

Insomma, è una cosa seria, ma questo già si era capito.

Quando l’attrazione a breve termine ha esaurito il suo compito – cioè far avvicinare i due partner, abbattendo le barriere emotive – ma rimane ben viva, ecco che arriva l’attrazione a lungo termine a consolidare la relazione.

L’attrazione a lungo termine ti fa vedere il tuo futuro e i tuoi progetti per il futuro, includendovi necessariamente quella persona.

"L’amore nasce dal desiderio improvviso di rendere eterno ciò che è passeggero.
Ramon Gomez de la Serna"

Ti fa vedere i difetti e i limiti di quella persona, te li fa accettare come normali e umani e ti fa rimanere anche se nella fase di attrazione a breve termine di quei difetti non ti eri accorta.

Perché ora non sei innamorata solo dell’aspetto esteriore e delle caratteristiche superficiali del tuo partner, ma sei innamorata del suo carattere, della sua personalità.

Perché questo è in sostanza l’innamoramento in una coppia che è destinata a stare insieme per lungo tempo: l’essersi innamorati certo dell’aspetto esteriore, grazie all’attrazione a breve termine, ma anche e soprattutto della personalità del proprio partner.

coppia felice

La personalità è quello che attrae nel lungo termine: ecco perché capita che donne molto belle abbiano una vita sentimentale instabile e infelice e donne non particolarmente appariscenti abbiano accanto a sé partner amorevoli e devoti.

Ecco perché personalità autonome e indipendenti respingono persone tossiche ma attraggono uomini di valore, intenzionati per davvero ad avere “una storia seria” e a costruire una vita insieme.

Se l’attrazione a breve termine ha, per definizione, come nemico il tempo e il trascorrere del tempo, l’attrazione a lungo termine ha nel tempo e nel trascorrere del tempo il suo più forte alleato.
L’attrazione a breve termine si brucia in fretta e furia, soprattutto di questi tempi in cui va di gran moda l’amore liquido.

Invece, dandosi tempo, si può approfondire la conoscenza di una persona e avviarsi verso l’attrazione a lungo termine che è un investimento sul proprio presente e soprattutto sul proprio futuro.

Questo non è un gioco di poco conto: ecco perché è importante darsi tempo prima di bruciare le tappe e soprattutto prima di crearsi aspettative, di farsi “film mentali” e di costruire castelli in aria.

L’attrazione a lungo termine mobilita di certo i nostri istinti e le nostre pulsioni più profonde, più potenti dal punto di vista emotivo, perché la base di un rapporto a lungo termine è di sicuro emotiva.

Nello stesso tempo quando ci si sente coinvolti in una relazione di lungo termine e legati all’altra persona da un’attrazione a lungo termine è importante oltre che darsi il tempo, concedersi anche il modo di scegliere e di decidere in modo razionale, considerando dati materiali e concreti. Basandosi su fatti oggettivi e reali.

Senza dimenticare soprattutto che l’attrazione a lungo termine deve e non può non essere reciproca. Sennò si tratta di amore malato, di attrazione a breve termine (con un sottofondo di manipolazione) o di menzogna.

Lasciami i tuoi commenti e le tue opinioni. Se vuoi farti del bene e compiere qualcosa di utile per te, evita le lamentele e gli sfoghi (che non appartengono a chi ha una personalità di chi attrae nel lungo termine) e commenta ponendo interrogativi, formulando proposte e proponendo soluzioni a questioni che riguardano te e anche gli altri, se ti va.

Dimmi delle tue esperienze e fammi sapere se è di tuo interesse approfondire e andare più nel dettagli riguardo il tema dell’attrazione a lungo termine.

Scopri tutto quello che ti serve sull’attrazione con i percorsi che ho preparato per te:

I 7 Pilastri dell’Attrazione.

è il primo passo verso la conoscenza di te.

Clicca qui per iniziare il tuo percorso de I 7 Pilastri dell’Attrazione adesso.

Come Sedurre un Uomo senza Stress

In questo percorso si spiegano i gradi dell’attrazione “autentica”.

Clicca qui per iniziare il tuo percorso Come Sedurre un  Uomo senza Stress adesso

Articoli Correlati

Gratis per te!

Non sbagliare e non soffrire più! Trova l'amore! Vuoi capire quali sono i tuoi comportamenti sbagliati con gli uomini e come puoi evitarli? Vuoi aumentare la tua autostima e avere più sicurezza nelle relazioni?

Lascia un Commento!

61 Commenti

  1. Avatar di Aurora

    Aurora 7 mesi fa (9 febbraio 2017 12:11)

    Buongiorno a tutti! Rifletto spesso sui temi trattati qui sul blog, a volte anche insieme al mio compagno. Stiamo insieme da circa un anno e mezzo, in una relazione che migliora ogni giorno di più, ma la mia storia precedente è fatta di anni bui, prima a causa di una relazione con un narcisista bugiardo, poi (e non mi vergogno a dirlo), a causa della solitudine che mi sembrava senza via d'uscita. Poi l'incontro con il mio attuale compagno. Forse grazie a Ilaria, o forse istintivamente, quando l'ho conosciuto ero.. prudente. Dopo un paio di mesi lui cominciava a chiedermi "ma cosa c'è tra noi, cosa stiamo facendo?" e io minimizzavo, gli dicevo: "tu stai bene, io sto bene, non facciamoci altre domande". Alcune cose erano da "amici", altri da "coppia". Poi pian piano tutto è andato a posto, un giorno bellissimo ci siamo detti "ti amo" e adesso siamo qui a progettare un futuro insieme. Certo a volte discutiamo, alcune cose potrebbero andare ancora meglio, ma vedo un'evoluzione continua e questo è ciò che conta. La cosa che volevo sottolineare è che quando parliamo degli albori della nostra storia, emerge sempre come il mio essere tranquilla agli inizi, senza pressioni e senza immaginare subito di accasarsi, sia stato per lui motivo di serenità e senso di libertà delle proprie decisioni. E' stato proprio un elemento fondamentale. Per lui. La verità è che io invece, come tutte le donne, analizzavo ogni suo gesto, ogni messaggio, ogni cosa. Mi facevo prendere dalle paturnie. Periodicamente andavo in tilt. A volte soffrivo per certi suoi comportamenti, altre volte gioivo perché mi soprendeva con i suoi gesti d'amore. Ma mai, mai mai mai gli ho fatto pressione, perché capivo il suo punto di vista. Qualche volta ho esternato le mie paranoie qui sul blog e prontamente ho ricevuto il consiglio n.1: fai altro, dedicati a qualcosa di costruttivo per te e lascia perdere tutto il resto. Il vero problema è capire fin dall'inizio se la storia in cui ci stiamo imbarcando ha qualche possibilità o se non ne ha nessuna, sapendo che comunque non esistono certezze. Ecco il punto, secondo me.
    9
    Rispondi a Aurora Commenta l’articolo

    • Avatar di Ilaria Cardani

      Ilaria Cardani 7 mesi fa (9 febbraio 2017 15:15)

      Grande Aurora, io scrivo per le donne per molte mie ragioni personali e il mio obiettivo è essere seguita dalle donne. In ordine crescente mi fa un sacco piacere quando vengo a sapere che 1) gruppi di amiche o coppie di amiche commentano, discutono e si passano i miei articoli oppure - quando le facevo e le rifarò, sicuro - si trovano a casa di una alla sera per ascoltare insieme le mie teleconferenze (come per la partita) 2) uomini leggono il mio blog, lo commentano, mi scrivono (loro per lo più in privato), ne discutono con le amiche 3) donne che vivono relazioni felici continuano a seguire il blog per "non smettere di essere felici" (siete delle grandi) 4) coppie usano i miei articoli per crescere insieme e stare sempre meglio. Grazie. Senza le lettrici e tutto quel che gira loro intorno, questo blog non potrebbe esistere.
      13
      Rispondi a Ilaria Cardani Commenta l’articolo

  2. Avatar di Michela

    Michela 5 mesi fa (1 maggio 2017 13:15)

    Ciao Ilaria, ho 38 anni. Ho avuto storie finite e finite male, l'ultima qualche mese fa. Grazie alla lettura dei tuoi articoli ho capito cosa non andava, e dove ho sbagliato. Ho cercato di ritrovare il mio equilibrio, concentrandomi su me stessa, il lavoro e lo sport (che coincidono, tra l'altro ). Mi sono imposta di non buttarmi su social e siti online per noia o paura di essere sola, mi son buttata nella lettura. La scorsa settimana, forte di qs serenità ritrovata, sono andata con amiche ad un evento locale dove con musica dal vivo. Una delle mie amiche conosceva una delle band che suonava e io son rimasta colpita dal batterista. Non ci ho dato peso. Venerdì scorso siamo di nuovo andate ad ascoltarli suonare, ed è stato evidente che c'era attrazione da parte di tutti e due. Ne è seguito un bacio e un primo appuntamento (con baci). Lui mi ha detto che non vuole alterare l'equilibrio ritrovato dopo una sofferenza d'amore, vuole conoscermi e non affrettare le cose. Idem da parte mia. Solo che mi faccio prendere dall'ansia solita perche' mi piace tanto e fRa noi c'è "chimica". Non vogli rovinare tutto e voglio coltivare questa "cosa" perchè mi pare abbia l'aspetto di una attrazione a lungo termine (mentre - ho capito ora - tutte le precedenti erano a breve termine, e io ho sofferto..). Come posso fare ora? Grazie mille per i tuoi consigli
    0
    Rispondi a Michela Commenta l’articolo

    • Avatar di Ilaria Cardani

      Ilaria Cardani 5 mesi fa (1 maggio 2017 13:37)

      Accidenti, quanti uomini turbati da storie precedenti finite male che però vogliono fare filù filà e baciano le ragazze conosciute nei locali. Tu non fare niente, se non occuparti di lavoro e sport. E bacia un uomo dopo almeno 47 giorni, 34 ore e 56 minuti che lo frequenti. Non prima. Tanto più se pensi che si tratti di attrazione a lungo termine. Che è solo logica, giusto?
      8
      Rispondi a Ilaria Cardani Commenta l’articolo

  3. Avatar di Chiara

    Chiara 4 mesi fa (16 maggio 2017 19:34)

    Ilaria, io ti adoro. Sul serio. Da un punto di vista di rapporti relazionali credo di essere migliorata tantissimo grazie a te. Non sono mai stata disperata quando ero sola, e per fortuna amo così tanto il mio lavoro da "distrarmi" facilmente anche se mi piace un uomo. Ho avuto tutte relazioni sane, tranne una con l'ultimo fidanzato e per un bel po' non ne ho voluto sapere di uomini. Il prossimo sabato sera però uscirò per la prima volta dopo quasi un anno con un ragazzo che mi ispira molto. E una cosa la ammetto: se un uomo mi piace (parlo non tanto di aspetto estetico ma proprio di feeling, sguardi, sensazioni...) e passiamo una bellissima serata insieme, ed è anche un primo appuntamento... beh faccio fatica davvero a non concluderlo con un bacio (quando va bene). C'è da dire che nella mia vita ho avuto quasi solo storie abbastanza lunghe (diciamo oltre 1 anno di frequentazione regolare...) con i 2 uomini che ho convissuto anni oltretutto ci sono andata a letto la prima sera... (lo ammetto... sono fatta di carne). Ora però sarà che non ho più la frivolezza dei 20 anni (ne ho 32) qualche domandina me la faccio... come faccio ad aspettare 47 giorni a dare il primo bacio? :-) Dici che è meglio anche a questa età? Io non so davvero se riesco a resistere... Grazie per il lavoro che fai e buona serata.
    0
    Rispondi a Chiara Commenta l’articolo

  4. Avatar di Martina

    Martina 2 mesi fa (5 agosto 2017 1:00)

    Ciao, ho letto l'articolo e vorrei porti una domanda. Io conosco il padre dei miei figli da 15 anni, per lui è stato un colpo di fulmine per me un pochino più graduale. La nostra relazione è iniziata solo dopo 4 anni di amicizia ma non è stata fissa e continua anzi sono stati quasi 9 di tira e molla. Ora abbiamo tre bambini ma non riusciamo a stare insieme definitivamente, domina il rapporto tira-molla. Nonostante ora noi stiamo separati lui mi include in ogni progetto che fa, come per esempio la casa che vuole comprare o la macchina che mi vuole regalare. Non so se il suo sia amore anche perché ora è in una relazione di quasi un mese con un'altra persona. Quello che non capisco è mi include perché vuole qualcosa da me, perché mi ama ma non riusciamo più a stare insieme o perché ha altro in mente??? Non voglio che pensi che lui sia una pessima persona anche perché io non sono propriamente facile e gentile di carattere quindi alla fine il mio comportamento porta all'allontanarsi per non venir feriti (io mi sarei mandata a quel paese da un po altro che resistere) ma lui comunque c'è... Tutto questo per avere un opinione da te... Non credo all'amore eterno e sono un po disillusa e negativa per miei motivi dove lui non c'entra nulla... Io non ho mai fatto progetti futuri con lui dentro ma lui li ha sempre fatti.. Sono io che non ho mai capito nulla o è lui che ha una sua strategia o semplicemente mi ama e basta??? Scusa il racconto... Sono confusa anche io Ti ringrazio... Spero di essermi un po fatta capire
    0
    Rispondi a Martina Commenta l’articolo