Uomini che giocano con i sentimenti: il velocista e l’indovino

indovinoGli uomini che giocano con i sentimenti creano giganteschi e fantastici castelli di carte all’interno dei quali “chiudere” i cuori e le menti di donne fiduciose e troppo ingenue che subiscono delusioni cocenti e non riescono a staccarsi da un amore tanto forte quanto immaginario.

Gli uomini che giocano con i sentimenti sono uomini di tutte le età e un po’ di tutti livelli, non bisogna essere particolarmente intelligenti e acuti per essere molto o anche solo un po’ bastardi. La specialità di questi tipi di uomini è appunto quella di corteggiare e sedurre le donne che cercano amore e comprensione sinceri, creando meravigliose illusioni. Che per definizione sono false.

"Niente ferisce, avvelena, ammala, quanto la delusione. Oriana Fallaci"

Perché lo fanno? Per amore o per un modo “complicato” di vivere l’amore? No di certo. Per fare un po’ di sesso? Magari anche sì, ma non è di sicuro il loro scopo principale, anzi spesso il sesso non li interessa proprio.

Lo fanno perché provano piacere nel manipolare, nel sentirsi più forti dell’altra persona che viene ingannata, lo fanno per assaporare il gusto impagabile di tenere in proprio potere qualcun altro che li idealizza, li ama e li ammira. Senza sospettare minimamente dell’inganno del quale sono vittime. Lo fanno perché non amano le donne e le considerano esseri inferiori da raggirare e imbonire e delle quali, per l’appunto, prendersi gioco. Un po’ anche perché le disprezzano e forse per prendersi qualche rivincita su antiche frustrazioni.

Si tratta di stronzi, di bastardi, di uomini sbagliati, chiamali come vuoi. Uomini dai quali guardarsi, proteggersi, tenersi alla larga giacché sono dei vampiri emotivi con una forza straordinaria.

Uomini che giocano con i sentimenti: perché non si dimenticano?

Perché è così difficile dimenticare qualcuno che ti ha incantato a parole?

Gli uomini che giocano con i sentimenti sono da evitare anche per un importante motivo in più. Sono i più difficili da dimenticare. Sono coloro per i quali le donne soffrono le pene d’amore più acute. E per i quali le ferite e le cicatrici di un amore sbagliato lasciano il segno per un lunghissimo.

E perché mai? Perché nessuno è capace a colpire e a sollecitare i punti deboli di qualcun altro, i punti di maggior sensibilità, quanto gli uomini che giocano con i sentimenti.

"Nulla è più facile che illudersi. Perché l’uomo crede vero ciò che desidera. Demostene"

Gli uomini che giocano con i sentimenti ti dicono quello che vuoi sentirti dire, ti fanno provare le sensazioni che vuoi provare e ti fanno sognare quello che vuoi sognare. Ecco perché è così difficile distaccarsi da loro: creano una magia dalla quale diventi dipendente. E alla quale continui o vuoi continuare a credere anche quando il gioco si è scoperto e il trucco è stato smascherato.

Hai preso per buona la loro realtà inventata e continui a crederci o vorresti poterci credere.

E c’è di più. Quando la storia è finita, l’inganno è stato svelato e tu sei incapace di dimenticarli, soffri molto anche perché hai sofferto molto già durante la storia. Sei stata logorata.

Perché le stesse illusioni che ti hanno incantata sono state costantemente deluse già durante la storia. Gli uomini che giocano con i sentimenti parlano molto e molto bene ma alle loro parole non seguono mai i fatti. Ecco perché ti logorano già durante la storia. Con la continua altalena di illusione e di disillusione.

Per spiegare meglio a che genere di storie e di uomini mi riferisco ti descrivo due personaggi che è molto facile incontrare sulle strade – spesso piene di buche – del mondo dei sentimenti.

Si tratta dell’indovino e del velocista.

Attenzione alle promesse dell’indovino e alla fretta del velocista

L’indovino, come dice la parola stessa, è colui che sa prevedere il futuro. Vede, intravede e stravede quello che avverrà. L’indovino che gioca con i sentimenti non fa altro che parlare di fantastici progetti di coppia. A gennaio, dopo appena 17 giorni che vi conoscete, dichiara di voler fare con te un viaggio meraviglioso di almeno cinque settimane in un continente diverso e nell’altro emisfero. A febbraio programma il Natale con te, a marzo ti dice dove andrete a vivere con la vostra famiglia, città e zona precisa e ti dice come pensa di chiamare i vostri tre figlioletti. Un bambino e due bambine.

Va bene tutto. Peccato che spesso non si va vivo per uscire con te nemmeno il sabato successivo, dimentica di telefonarti e di fatto si comporta come se foste dei semplici conoscenti.

A metà marzo tu finalmente ti rendi conto che il tuo amico non fa altro che raccontare frottole e inventarsi progetti, anche se risulta tremendamente credibile.

Ti ha detto che vuole che tu sia la madre dei suoi figli ma in tre mesi non vi siete visti più di cinque volte, di cui tre solo per un caffè. E ti sei anche accorta che non solo si contraddice rispetto a quel che lo riguarda ma continua a cambiare le carte rispetto ai progetti che ha fatto sul vostro futuro. E’ evidente che il primo a non crederci è lui e si sta inventando un gigantesco inganno. Parla a vanvera perché adora la propria capacità di raccontar frottole e la tua credulità nel cascarci. E’ l’inganno e la falsità che lo eccitano moltissimo.

"Le grandi aspettative sono il preludio delle grandi delusioni.Cecilia Dart-Thornton"

E il velocista, invece che fa? Va di fretta, corre troppo. Anche lui come l’indovino fa progetti di vita insieme a te ma, soprattutto, ti spinge a bruciare le tappe. Ti ha conosciuto una sera in un locale dove vi siete scambiati qualche parola velocemente e subito, per non perdere tempo e l’opportunità, ti ha chiesto il tuo numero di cellulare. Tu te ne sei andata con le tue amiche e neanche il tempo di arrivare a casa già lui ti ha mandato un messaggio tenero per la buona notte. E vi conoscete da solo 37 minuti.

uomini che giocano con i sentimentiIl giorno dopo ti invita a uscire insieme e dice che si sta innamorando di te e che non sa che cosa gli è successo. Tempo una settimana e avete avuto degli incontri sessuali che lui valuta travolgenti e appassionati come non mai. Segno di vero amore e di intesa perfetta.

Dopo dieci giorni tu hai già conosciuto tutta la sua famiglia, i suoi amici, sai tutto del suo passato e lui dichiara che sei la donna della sua vita. Tu provi una certa ansia e ti senti un po’ in trappola, dato che tra l’altro non capisci che cosa sta succedendo, ma sull’onda delle emozioni potenti che sperimentate (e che lui a parole continua a esagerare), accetti tutto quello che sta accadendo.

In realtà tempo una paio di mesi/qualche settimana, anche il velocista si scopre: è vero che avete bruciato tutte le tappe, ma di fatto, proprio per questo, non vi conoscete per niente. E come potreste? In più, tutto l’attivismo che lui ha messo in campo e la tempesta emotiva che ha scatenato avevano proprio la funzione di buttarti fumo negli occhi e impedirti di vedere tutti i segnali negativi che lui ha mandato e di valutare con serenità che tipo di uomo è lui e che rapporto è il vostro.

Il velocista si rivela, al pari dell’indovino, un inconcludente perfetto, poco rispettoso di te e dei tuoi sentimenti, dato che ha bisogno di manipolarti per dimostrare a se stesso di avere delle capacità relazionali.

E tu che puoi fare per stare bene?

Se sei stata con un velocista o con un indovino o anche solo li hai incontrati sulla tua strada e sei caduta nella rete che hanno tessuto per “intrappolarti”, in una storia di menzogna e non d’amore, considera che sei stata ingannata, imbrogliata, raggirata.

"I dolori, le delusioni e la malinconia non sono fatti per renderci scontenti e toglierci valore e dignità, ma per maturarci. Hermann Hesse"

Essere ingannati, imbrogliati, raggirati, succede a molti, alla stragrande maggioranza di chi vive e si mette un pochino in gioco e ovviamente succede nell’ambito personale, sentimentale, professionale e anche economico.

L’importante è non colpevolizzarsi e non macerarsi nell’autosvalutazione e considerare quanto accaduto come un’utile lezione appresa.

Ci sono molti uomini che giocano con i sentimenti ma ce ne sono molti altri che li rispettano. Riconoscere gli atteggiamenti tipici dell’indovino e del velocista ti serve a vedere segnali importanti che ti permettono di “leggere” la vera personalità di un uomo prima di essere coinvolta dai suoi incantesimi.

Abbi fiducia nella tua intelligenza e quanto più desideri amare, tanto più usa il cervello e la logica per proteggerti.

Aspetto i tuoi commenti e le tue storie sul velocista e l’indovino e su altri tipi di uomini che giocano con i sentimenti.

Lascia un Commento!

55 Commenti

  1. Avatar di pamela

    pamela 2 mesi fa (29 novembre 2016 9:01)

    Caspita articolo perfetto, non fa una piega. Ilaria se solo avessi iniziato a seguirti con costanza prima di conoscerre il perfetto VELOCISTA!!!! Però devo dire mi è servito come scrivi tu a imparare a riconoscerlo da lontano, ormai, tuttavia ci sono cascata in pieno. Lui 11 anni piu' grande ( 54 anni ) per cui il fattore età - mi dissi - -doveva darmi fiducia ( e non fu la migliore delle mie intuizioni ) . Mi corteggiò in pochi giorni, mi promise vacanze, week end da urlo, mi voleva trattare da regina, faceva la spesa per me, mi regalava di tutto, e in breve conobbe i miei figli...e io i suoi. Ero travolta, quasi stordita, una vocina mi diceva che c'era qualcosa che non andava. E poi nemmeno mi godevo il corteggiamento che era stato scavalcato da questa fretta incredibile. insomma per farla breve mi scarico' con un sms . Non ebbe il coraggp nemmeno di guardarmi per dirmelo. Poi scoprii che aveva un altra donna con cui aveva probabilmente intessuto lo stesso rapporto. Provai una frustrazione e una nausea incredibili. purtroppoo ebbi anche il senso di colpa per essermi lasciata abbindolare da un essere simile. Ora dopo tempo ho capito tutto. Mi dispiace per loro, che sono così meschini. Dal canto mio vado avanti a testa alta, ora molto piu' guardinga, e per ora serenamente single. Grazie Ilaria
    8
    Rispondi a pamela Commenta l’articolo

  2. Avatar di NuovaClaudia

    NuovaClaudia 2 mesi fa (29 novembre 2016 1:10)

    Cara Ilaria, il tuo articolo come si dice capita a fagiolo. Caduta mesi fa nella trappola del velocista/indovino. Hai ragione, fanno danni incalcolabili, perché dopo il primo periodo dove tutto sembra un sogno, un'idillio e ti domandi com'è possibile che quest'uomo meraviglioso voglia proprio me, ecco che inizia la fase del distacco, perché il loro scopo è raggiunto: dovevano succhiare energia per nutrire la loro scarsissima autostima. Sono vampiri, ti lasciano svuotata di ogni energia. E purtroppo pur rendendosene conto, non si riesce a liberarsi del loro ricordo perché di rimane agganciate alle sensazioni che ci hanno fatto provare all'inizio della storia. Io sto iniziando ad uscirne, ma con una sofferenza enorme. Lo devo comunque ringraziare: mi ha fatto toccare il fondo, sto risalendo e sto nascendo nuovamente con una nuova consapevolezza e una maggiore considerazione per me stessa. Lui invece rimarrà solo un povero st..zo
    10
    Rispondi a NuovaClaudia Commenta l’articolo

    • Avatar di ROBERTA

      ROBERTA 2 mesi fa (29 novembre 2016 10:10)

      Ciao Claudia, sono pienamente d'accordo con la tua affermazione che questa tipologia di uomo, o meglio di maschio, direi, assorbono energie di donne autentiche perche', fondamentalmente sono privi di autostima e di valore, nonche principi solidi, e questo teatrino che mettono in scena, di volta in volta, li fa sentire potenti, forti, diversamente si frantumerebbero, con tutte le loro insicurezze, ed i loro infiniti limiti. Io, personalmente, quando mi accorgo che sono incappata in soggetti simili, e ce ne sono un infinita', gli lascio credere che gli credo, e li assecondo, verbalmente, nel loro gioco di peter pan, incapace di relazionarsi con le donne. Facile smascherare il loro identikit, appena li contraddici vanno in frantumi. Un grande in bocca al lupo per tutto, ma soprattutto, per noi donne, un abbraccio di solidarieta' femminile, che aggiunga valore al nostro essere Donne.
      6
      Rispondi a ROBERTA Commenta l’articolo

  3. Avatar di Anna@

    Anna@ 2 mesi fa (29 novembre 2016 20:23)

    Ilaria io ti adoro...trovi sempre delle definizioni da Zelig ; )) Il "mio" dopo due uscite di due ore cadauna, mi chiese "l'amore eterno"...anni fa mi sarei sentita la principessa fortunaata, questa volta i messaggi del corpo e quelli del cervello hanno reso me una velocista ! Impariamo donne ad ascoltarci. Il nostro istinto ne sa più di quello che non o non vogliamo vedere. Ed inoltre, ho imparato da Ilaria: "fatti non parole!" che significa guardiamo, osserviamo e fidiamoci di noi.
    8
    Rispondi a Anna@ Commenta l’articolo

  4. Avatar di Ele

    Ele 2 mesi fa (30 novembre 2016 7:26)

    Incontrato anni fa l'indovino... Chiuso dopo1mese di blablabla. Credo siano eterni Peter Pan incapaci si vivere una storia vera.fantasticano e basta.alle storie vere preferiscono incontri del cavolo e rimuginare sempre su tutto e tutti. Ancor oggi single a casa di mamma'. La causa di tutto.secondo me.
    2
    Rispondi a Ele Commenta l’articolo

  5. Avatar di alina

    alina 2 mesi fa (30 novembre 2016 16:05)

    Ilaria sono curiosa nel sapere se esiste un sito come il tuo, indirizzato agli uomini. Sarebbe utile saperlo e curioso. Non mi sono mai posta questa domanda alle soglie dei 40 anni e mi incuriosisce avere una prospettiva diversa.Grazie per tutto Alina
    0
    Rispondi a alina Commenta l’articolo

  6. Avatar di Giusy

    Giusy 2 mesi fa (2 dicembre 2016 12:13)

    Salve a tutte! Io ho conosciuto un velocista e pure indovino,molto pigro tra l'altro, ma dalla descrizione fatta nell'articolo mi sembra scontato che avesse anche la caratteristica svogliatezza di chi vuole tutto e subito. Ebbene, questo ragazzo lo incontrai ad un club del libro un anno e mezzo fa, e il giorno dopo cominciò a scrivermi brevemente, poi sempre più assiduamente non appena trovava che ero connessa su Facebook. Paroline dolci, complimenti a non finire," sei speciale, sei diversa, mi sento diverso, è la prima volta che desidero abbracciare qualcuno così tanto " ecc..., ed io che in parte mi sentivo lusingata e in parte diffidavo, perché proprio non amo le sdolcinatezze, soprattutto dagli sconosciuti, perché sono completamente sgamate! Ebbene, presa dall'entusiasmo, seppur diffidente, lo incontro diverse volte, però sono sempre io a doverlo raggiungere, e ad ogni incontro parla sempre di sé, facciamo solo ciò che piace a lui, e cioè finiamo in libreria perché lui scrive e lavora per una casa editrice, altra cosa che mi ha fregato all'inizio, ed io rimango sempre più insoddisfatta. Gli propongo di incontrarci a metà strada ma lui mi dice che ci metterebbe troppo tempo ad andare e venire. Delusa e arrabbiata, fingo indifferenza ma continuo a sperare che qualcosa di buono ci sia in lui, soprattutto perché mi immaginavo che una persona di così vaste conoscenze letterarie fosse in qualche modo ricco interiormente, ma è molto più in difficoltà con la vita rispetto a noi persone un po' gentili, un po' buone e un po' credulone. Voglio dire a tutte di non immaginare che possa esserci ciò che non viene mai dimostrato, non scavate, ciò che c'è deve risaltare subito, dalle maniere, dal sentimento, dalle parole e dai gesti. Quello che non si vede e che noi speriamo ci possa essere, non c'è. Punto. Badiamo ai fatti. Punto. E una volta capito questo possiamo tranquillamente accrescere il nostro buon cuore e il nostro desiderio di sane relazioni, non solo con gli uomini, ma col mondo. La stessa fantasia che ho impiegato ad immaginare di dire parole che potessero tirargli fuori quello che non ha ora voglio impiegarla per tirare fuori da me tutto quello che di meraviglioso so che c'è. Vogliamoci bene!
    8
    Rispondi a Giusy Commenta l’articolo

  7. Avatar di Pia

    Pia 2 mesi fa (29 novembre 2016 21:01)

    Gentile Ilaria, ho scoperto questo sito quasi un anno fa e ho letto quasi tutti gli articoli che lo compongono. Ora nell’agitazione di un momento sentimentalmente negativo però non riesco a riconoscere i problemi che sto affrontando e spero che una persona “esterna” possa aiutarmi e darmi spunti.La storia in sunto è questa: sono una donna abbastanza giovane con un passato sentimentale complicato, attratta da una categoria maschile sbagliata (nello specifico, musicisti, il che per la mia esperienza si può sintetizzare in persona essenzialmente vanesia, egoista e poco stabile,abituata ad essere elogiata dalle sue leccapiedi). Con molta fatica riesco a scardinare il meccanismo e finalmente quasi per caso mi trovo davanti il primo uomo che dopo tanti anni è riuscito a farmi dimenticare l’ex: bello, spiritoso, intelligente, coinvolgente, elegante, romantico, molto bravo a letto, con una verve fuori dal comune ed un lavoro stimolante per lui (e quindi anche per me).Confesso di essermi avvicinata a lui in virtù dell’estetica molto appariscente, salvo poi scoprire queste qualità eccezionali che mi hanno fatto pensare per la prima volta di aver trovato una personalità profondamente diversa dall’ex, perfetto sotto certi punti di vista, ma diciamo equipollente o superiore per quanto suoni male, vale a dire per la prima volta non ho detto “sì, ma lui non è come l’altro”.Ci metto dunque un po’ ad accorgermi di queste cose, a lasciarmi andare nella relazione e a smetterla di crearmi finti problemi mentali (diciamo qualche mese in termine di tempo, durante i quali però ci frequentiamo assiduamente dopo lavoro). Grazie probabilmente al fatto che la mia vita, abbastanza minata negli ultimi anni, finalmente avesse un po’ di respiro, mi sono ritrovata a risolvere dei problemi con i quali facevo i conti da diverso tempo.. Passano pochi giorni e mi accorgo che quest’uomo si allontana (da notare che queste questioni influivano nella nostra relazione pochissimo; voglio dire, mi ha dato opinioni ma non era il mio psicologo o l’uomo sul quale vomitavo frustrazioni). Ci confrontiamo e lui dopo aver passato un’ora a dirmi quanto io gli piaccia (cosa che ha sempre fatto fatica ad esprimere con le parole, mentre lo faceva benissimo coi fatti) e lo prenda a livello emotivo, decide di punto in bianco che è meglio non vedersi perché lui sente troppo la responsabilità di una relazione e della mia persona (si consideri che fino a qualche mese fa aveva una fidanzata da parecchi anni). Io gli ho risposto che il comportamento mi sembrava irrazionale, che se si conoscevano i bisogni di entrambi ora saremmo stati più in grado di portare avanti una relazione sana, che la sua era una paura senza senso. Lui è sembrato confuso, mi ha promesso che ci avrebbe pensato, però fondamentalmente continuo ad avere brutti presentimenti. Vorrei non perderlo perché davvero è una delle persone con cui io abbia mai avuto più feeling nella mia vita (che parrebbe reciproco per altro) e perché nel frattempo ovviamente mi sono infatuata. Non capisco come comportarmi e soprattutto non riesco a riconoscere che tipo di uomo ho davanti con il calo di lucidità ed eventualmente anche miei errori.
    0
    Rispondi a Pia Commenta l’articolo

    • Avatar di Ilaria Cardani

      Ilaria Cardani 2 mesi fa (29 novembre 2016 22:16)

      Beh, se io volessi esprimere le mie sensazioni cara Pia direi che sono d'accordo con lei: lui è equipollente di certo, ma più probabilmente superiore non solo al suo ultimo ex, ma a tutti i precedenti. Come loro parrebbe davvero essere un narcisista, ma più di loro davvero della peggior specie, un dongiovanni incallito (la sua fidanzata di molti anni, sempre che sia esistita così come gliela racconta, deve aver diviso le attenzioni di lui con molte altre donne in successione, donne esattamente come lei, che sono cadute nella trappola e non hanno compreso il trucco "troppo bello per essere vero (ma me lo merito proprio, finalmente)"). Se ne vuole andare dalla sua vita? Ponti d'oro. Purtroppo non la vedo così semplice, prevedo un logorante tira e molla pregno di romanticherie da supermercato alternate a crudeltà mentali terribili.
      13
      Rispondi a Ilaria Cardani Commenta l’articolo

    • Avatar di Luce

      Luce 2 mesi fa (4 dicembre 2016 7:08)

      Ciao Pia, credo che, se l' uomo di cui ti sei "infatuata" reagisce in questo modo, sia perché non voglia impegnarsi. Tu hai trovato in lui le premesse per un grande amore, lui ha ottenuto ciò che voleva con una relazione, ma non cerca per ora di più. Sta cerando di staccarsi senza ferirti. Le delusioni passate ti hanno condizionata, probabilmente, facendoti vedere in lui ciò che non ha, solo perché diverso dai precedenti. Gli uomini sono tutti diversi, anche i musicisti (ne conosco di serissimi mariti e padri di famiglia). Ti do un consiglio, da parte di una donna matura che ha sofferto e imparato molto da un unica storia importante: costruisci relazioni basate sui contenuti, cercando affinità tra i vostri caratteri, i vostri valori soprattutto, i vostri sogni e progetti, uscite assieme anche come semplici amici, e lascia andare tutti quelli che sono poco interessati. Resterà sicuramente qualcuno a cui piaci come persona oltre che nell'aspetto. Quell'uomo sì che meriterà amore, sesso e fantasie su un vostro futuro.
      3
      Rispondi a Luce Commenta l’articolo

  8. Avatar di Grazia

    Grazia 2 mesi fa (4 dicembre 2016 18:48)

    l'etichetta direi è intercambiabile, velocista o indovino che sia evidenzia di fondo questo disimpegno e scarsa voglia di mettersi in gioco....e ricerca spasmodica di gratificazione per sanare un'autostima vacillante e una personalità insicura che si nutre delle energie altrui! loro non vogliono nulla di vero, se non autogratificarsi con i feedback che ricevono....hanno dalla loro un aspetto gradevole, quantomeno affascinante e questo li aiuta, ma sono più vuoti e aridi di un deserto!personalmente oramai alle belle parole non credo nemmeno se me le incidono su un nastro, se ad esse non seguono fatti concludenti con quanto decantato a voce....chi vuole fa, non si perde in vaghe fantasticherie.... e consiglio a chi ha a che fare con queste mezzecalzette con i quali di solito, oltre a qualche evoluzione sul materasso non si va, di non lanciarsi subito e prendersi del tempo per valutarli, vengono fuori eccome....evitare di lasciarsi abbagliare ed entusiasmare soprattutto quando fanno da subito mille premesse e distinguo ( una storia seria no, non sono pronto, ma amoreggiare ovviamente sì, ma che si pagassero qualcuna per placare gli ormoni!), chiudere subito e passare oltre! in primis volersi bene....e seguire questi tipi significa entrare in un loop che ti succhia energie emotive che nessuno mai ti potrà ridare! e seguite l'intuito, quando vi invia il segnale di "tieni dritte le antenne", spesso non sbaglia!
    10
    Rispondi a Grazia Commenta l’articolo

  9. Avatar di Natale

    Natale 1 mese fa (13 dicembre 2016 2:56)

    Ilaria ciao Non tutti gli uomini sono così cattivi, è come dire se si crede sempre Cappuccetto Rosso il Lupo sarà sempre cattivo. Mio nonno diceva che la guerra si fa in due.
    0
    Rispondi a Natale Commenta l’articolo

  10. Avatar di Tatiana

    Tatiana 2 mesi fa (28 novembre 2016 16:31)

    Ciao Ilaria e a tutte voi che leggete. Quando cadi nel sogno- trappola " caspita ha scelto proprio me tra tante..", è lì che bisogna cominciare a correre, perché la verità è un'altra. Viviamo nella magia delle sue parole, crediamo che finalmente dopo tanto tempo sia arrivato colui che aspettavamo. Un solo caffè insieme ed è già innamorato, ti sposerà sicuramente, si dichiara fortunato per averci incontrato. E' alto affascinante, ti fa ridere, ti ammalia, usa le parole di mestiere, ma niente, al campanello d'allarme non ci fai caso..Tante belle parole, e ci credi, peccato poi che il sogno ti scoppia in mano come una bolla di sapone, perché sono i fatti poi che son diversi. e quelli che contano. Potrei scrivere per ore sulle umiliazioni subite, per la tenerezza illusa. Ho resistito due mesi di una frequentazione scarsa,ridicola, servivo ad uno solo scopo. Triste vero? Alla fine ce l'ho fatta a capire e a scappare. Ciò che mi fa rabbia non è l'avermi rimpiazzata con un'altra in poco tempo, non mi fanno rabbia le loro foto sui social. Mi fa rabbia che non riesco a dimenticarlo, a dimenticare l'illusione di quei sogni che aveva creato ad arte sulle mie parole, sui miei desideri. Ho fatto passare tanto tempo da quando l'ho conosciuto e lasciato e questo tempo l'ho vissuto in solitudine per capirmi e capire. Ce l'ho ancora con me per la mia stupidità, ma ho imparato a volermi bene e a ragionare con con più calma, i famosi "piedi di piombo". Ciò mi ha permesso di accorgermi che gli uomini seri esistono, l'uomo chiamiamolo "giusto", quando arriva, non usa fanfare. E' un uomo normale, non è super, magari ha pure i suoi problemi ad arrivare a fine mese come i comuni mortali. Ma ringraziando il cielo non è fumo, è vero, reale, e il rispetto che prova nei nostri confronti non è illusione è tangibile. Grazie Ilaria, per tutti i consigli, gli articoli, la pazienza nel leggere anche il mio papiro. Peccato non averti conosciuta prima..mi sarei risparmiata tanto dolore. Infinite grazie.
    14
    Rispondi a Tatiana Commenta l’articolo

    • Avatar di Anna

      Anna 2 mesi fa (29 novembre 2016 8:41)

      Io ho imparato che queste illusioni nascono e si innestano sui miei bisogni e sulle mie fragilità. Mettiamola così: hai fatto emergere e sei entrata a contatto con cose anche potenzialmente belle che fanno parte di te. Anche la sofferenza è una parte di te, non ti colpevolizzare: mica vuoi diventare come questi soggetti, che estorcono agli altri ciò di cui hanno bisogno e non soffrono mai perché non sentono niente? Baci
      4
      Rispondi a Anna Commenta l’articolo

    • Avatar di pamela

      pamela 2 mesi fa (29 novembre 2016 10:27)

      ciao Tatiana, mi sembrava la mia storia. Ora sei piu' serena? E se ho capito bene stai valutando con maggiore calma e rilessione gli uomini che conosci? Io come te sto iniziando ad attirare interesse di uomini piu' cauti, tranquilli, meno pavoni, e semplici. E comunque prima che di rimettermi in gioco attendo di essere al mio massimo, e non è retorica ma con Ilaria e voi tutte credo ce la farò
      5
      Rispondi a pamela Commenta l’articolo

    • Avatar di Tatiana

      Tatiana 2 mesi fa (30 novembre 2016 8:23)

      Ciao Pamela:) Si si, sono un bel po' più serena, il loop è quasi finito e sto ricominciando a respirare, mi sembrava di essere diventata pazza! Ci è voluto un bel po' di tempo, perché purtroppo la mente gioca brutti scherzi, e nonostante si cerchi di impegnare/ sforzare i pensieri in altro,..il "fantasma" era infestante. Leggo che hai le idee chiarissime su come e cosa fare, brava! ce la farai sicuramente!
      2
      Rispondi a Tatiana Commenta l’articolo

    • Avatar di NuovaClaudia

      NuovaClaudia 2 mesi fa (29 novembre 2016 18:38)

      Cara Tatiana, ti capisco perfettamente. Staccarsi dal sogno è difficile, proprio perché questi "esseri" giocano sui nostri bisogni, sulle nostre fragilità. Staccarsi è difficile e doloroso ma non impossibile, pensando che niente di quello che ci hanno fatto vedere era reale, e lavorando su di noi per non essere più bisognose. Quanto al sentirsi stupide, lo so succede, ma noi eravamo in buona fede, i veri stupidi sono loro, che sono solo esseri insulsi e vuoti. La lezione comunque serve, deve servire. I campanelli di allarme non vanno mai sottovalutati e soprattutto buttare via velocemente i famosi "occhiali rosa".
      1
      Rispondi a NuovaClaudia Commenta l’articolo

    • Avatar di Tatiana

      Tatiana 2 mesi fa (30 novembre 2016 8:39)

      Ciao Nuova Claudia, dici bene, staccarsi dal sogno diventa difficile. Questi personaggi si sono creati tutto il loro bagaglio di belle parole e varie manipolazioni sperimentando sulle donne. Ognuna di noi è diversa, figurati quanti dati hanno immesso nella loro personale ram. Purtroppo poi, sono quasi sempre uomini affascinanti, ci si illude facilmente quando è un bel faccino che ci "incarta come una caramella". La sindrome di Cenerentola, dell'aver trovato finalmente il bel principe tutto per noi è dura a morire. Mi ha salvato la mia ironia, mi ha permesso di ridermi dietro nonostante le lacrime. E, giorno dopo giorno, volendo si rinasce. Ciao!
      3
      Rispondi a Tatiana Commenta l’articolo

    • Avatar di Fiorediloto2

      Fiorediloto2 1 mese fa (13 dicembre 2016 18:28)

      Tatiana, hai detto delle cose molto vere e molto importanti... molto utili da leggere e fare proprie... grazie!
      1
      Rispondi a Fiorediloto2 Commenta l’articolo

  11. Avatar di Livia

    Livia 1 mese fa (13 dicembre 2016 13:22)

    Esempio di velocista: ci conosciamo e parliamo del più e del meno, continuiamo a vederci a lavoro, simpatico e sempre pronto alla battuta e ad aiutare tutti, iniziamo a messggiare anche se ci vado cauta. Mi dice che gli interesso, metto subito paletti, tira e molla perché siamo incompatibili di carattere, troppa differenza d'età, però poi vedendomi distante e che non gli rivolgo la parola mi cerca e mi invita ad uscire come se niente fosse. Mi porta dai suoi amici, mi parla di se', vuole farsi i weekend con me, poi all'ennesima discordia tronca definitivamente e torna a sentirsi con una ragazza con cui era stato anni prima ma che erano rimasti amici sebbene lei provasse interesse per lui. Oltretutto prima di frequentarsi con me l'aveva lasciata perdere per uscire e a suo dire fare sul serio con me. Dice che troverò la persona giusta perché sono dolce, intelligente, bellissima insomma le solite battute. Fine della storia e inizio del mio esaurimento nervoso.
    -7
    Rispondi a Livia Commenta l’articolo

  12. Avatar di pamela

    pamela 1 mese fa (18 dicembre 2016 21:22)

    Ciao Ilaria. L'identikit descritto nell'articolo corrisponde pienamente al ragazzo che mi ha mandato completamente in tilt. Una storia iniziata una sera, una serata magica.Mi sembrava di vivere una favola.Non una parola fuori posto, non un gesto fuori luogo. La mia eta' (io sette anni piu' di lui) e i miei due bimbi diceva che non erano per lui un problema.Io avevo molta paura di lasciarmi andare ma come una stupida ho completamente abbassato la guardia e le mie difese. Una magica estate. Ma poi i conti non tornavano.Quando eravamo insieme sempre mille attenzioni ,mille premure quando ci separavamo stava giornate senza farsi sentire.Inoltre mi teneva nascosta, non uscivamo mai nella nostra citta' (sempre fuori). E' passato dal parlare di essere innamorato nel giro di una, massimo due settimane, a dire che tra noi era solo attrazione, la mia eta e i miei figli erano diventati un problema, e anche la lontananza (lavora ad un ora da casa mia). Non ho accettato tutto questo e ho chiuso la storia, una storia che non riesco pero' a chiudere definitivamente.Sparisce per un mese, poi mi tempesta per due giorni di messaggi e telefonate, il repertorio e' sempre lo stesso, gli manco un casino, sta male per me, non riesce a dimenticarmi, inizia a ricordarmi i momenti meravigliosi passati insieme, le foto e quest' ultima volta mi ha addirittura detto di aver sognato mio figlio che lo abbracciava... ed io ci sono ricascata.Passa un paio di giorni con me dove sembra l' uomo piu' innamorato del mondo e poi sparisce di nuovo.Mi domandavo dove avessi sbagliato io con questo tipo, ma in realta' e' solo lui ad essere sbagliato. Ora grazie ai tuoi articoli mi sono resa conto che ci sono persone che per i motivi da te elencati giocano facilmente con i sentimenti altrui,io devo solo la prossima volta stare piu' attenta.
    1
    Rispondi a pamela Commenta l’articolo

  13. Avatar di elisabetta

    elisabetta 1 mese fa (19 dicembre 2016 16:31)

    Une mesetto e mezzo fa ho avuto la "ri" fortuna di uscire e frequentarmi con il sopra designato VELOCISTA. Ri perché io mi frequentavo con lui già 4 anni fa, mi ero messa in gioco, gli volevo bene e provavo sentimenti come ache lui mi dimostrava alle volte..... ma poi è finito tutto nello scarico, visto che la storia con lui mi ha logorata, mentre lui era a divertirsi con gli amici, a chiedermi di vederci a casa sua per rimanere anche a dormire il sabato sera a casa... da sola, dato che lui era impegnato ad uscire e a tornare i pomeriggi dopo in stati pietosi. Dopo 4 anni è ritornato alla riscossa, dicendo che voleva rivedermi, voleva far nascere qualcosa di bello; ovviamente il mio inconscio ma anche il conscio, mi mettevano all'erta. Ovviamente provavo una certa rigiditò nei suoi confonti, un certo rancore. Sembrava migliorato così a primo acchito... ma... la terza volta che mi aveva chiesto di andare da lui voleva già finire a letto. Me lo ritrovavo sempre addosso, ci ritrovavamo guardate caso, ogni volta a casa sua sul divano lui sopra di me che tentava in mille modi di fare il polipo della situazione. Si arrabbiava ferocemente se io gli dicevo guarda vado a dormire a casa mia...... Quando cenavamo stavamo zitti, lui a guardare la tv come le coppie che sono ormai esauste dopo 15 anni di convivenza.... per negozi o in giro mi ignorava.... mi prendeva in giro e sminuiva beffandomi ogni cosa che dicevo dandomi della pazza... E' finita che l'ho mandato a quel paese ed ho cancellato il suo numero. Non ne voglio sapere più nulla nè di lui, nè di altra gente del genere.
    0
    Rispondi a elisabetta Commenta l’articolo

  14. Avatar di Eliana

    Eliana 2 settimane fa (8 gennaio 2017 23:36)

    Ciao Ilaria,riconosco in voi una donna di grandissima intelligenza,leggo i vostri articoli e rimango sempre a riflettere su come riuscire a superare le mie paure e aumentare l amore verso me stessa,non è semplice riuscire a mettere in pratica tutte le teorie ottime che voi ci mettete a disposizione,(libri,articoli,consigli ect..),ma non mi arrendo,ogni informazione è un tesoro che metto da parte,verranno praticati con la giusta e corretta cautela quando mi riconoscerò in essi....Spero al più presto😟....ora sono come una diffidente che teme tutto e tutti!!!!!Mi sento triste ma non mollo,prima o poi tutto cambierà!!!!
    0
    Rispondi a Eliana Commenta l’articolo