Perché gli uomini spariscono: le tante (spesso insensate) ragioni di un comportamento molto diffuso

perché gli uomini sparisconoAccidenti, è davvero un fenomeno molto comune, quasi ovvio e normale per alcuni e tutto dei nostri tempi: gli uomini che dopo una lunga o breve frequentazione – puf! – da un giorno all’altro si smaterializzano e non si trovano. Scompaiono. Sono irreperibili. Ma perché gli uomini spariscono?

"È davvero il tuo posto quando riesce ad essere anche la tua via di fuga. saraturchina –  Twitter"

Che cosa spinge persone con le quali si era instaurata (o almeno si credeva) una relazione di affetto, magari di intimità e fors’anche di amore a tagliare la corda e a non farsi vedere e sentire mai più?

Le modalità di sparizione possono essere leggermente diverse le une dalle altre: c’è quello che dalla sera alla mattina non si fa più sentire, dopo averti dichiarato il suo amore e magari aver pianificato nei minimi dettagli una settimana di vacanza con te, solo tu e lui, il mese prossimo.

C’è colui che, di punto in bianco, dopo aver dimostrato una presenza assidua e finanche assillante, con 13 sms, 17 messaggi whatsapp e 9 chiamate quotidiane per parlare del nulla, passa a uno svogliato sms al giorno e a una telefonata affrettata ogni tre e poi, in capo a paio di settimane, nulla più.

Magari vi siete conosciuti da poco ma tra voi c’è già stata tanta (presunta) intimità emotiva e anche fisica; oppure avevate incominciato a vedervi dopo una lunga frequentazione virtuale (via chat e affini); oppure eravate addirittura fidanzati, stavate facendo progetti seri e a lungo termine.

Le “sparizioni”, sebbene caratteristiche dei nostri tempi, in realtà sono una vecchia storia: da sempre molti padri di famiglia sono scomparsi nel nulla uscendo per fare benzina e/o comprare le sigarette.

O molti simpaticoni, in tempi in cui certe libertà della donna non erano acquisite – ma anche oggi – hanno piantato in asso la propria partner al solo sospetto che aspettasse un bambino.

Non facciamo finta di non sapere e di non ricordare. Non ci sono più gli uomini di una volta, che erano stronzi come quelli di questa volta.

Personaggi famosi hanno costruito le proprie fortune raccontando le storie dei loro o altrui padri dissoltisi da un momento all’altro e mai più riapparsi (se non per battere cassa, se del caso, dopo essere diventati bisnonni). O delle loro ragazze-madri.

Quindi il cavalleresco e virile gesto della fuga è da sempre tipicamente maschile. Altro che principi che uccidono draghi o eroi senza macchia e senza paura che si prendono cura di orfani e vedove o coraggiosi cacciatori pronti a stendere un mammuth con sassi e fionde. Balle.

E siamo sempre qui: perché gli uomini spariscono? Perché un corteggiatore, un partner, un fidanzato o addirittura un marito decidono di andarsene senza lasciare tracce, senza “chiudere”, senza fornire una spiegazione?

Soprattutto, dopo quello che c’è stato – poco o tanto che sia – perché se ne vanno senza nemmeno salutare?

Perché gli uomini spariscono: non è colpa tua

Già, ma quanto dà i nervi che le persone (chiunque esse siano e qualunque sia la situazione) se ne vadano senza una frase di congedo, una spiegazione qualsivoglia, un saluto.

C’è di che diventare matti, in effetti.

E le donne vittime di uomini che spariscono, spesso non se ne fanno una ragione e comprensibilmente: prima si preoccupano (magari temono che al lui in questione sia successo qualcosa di orribile); poi si danno delle spiegazioni razionali (“Avrà da fare, ci saranno imprevisti e novità spiacevoli che lo occupano e lo distraggono suo malgrado”), poi si arrabbiano e decidono di rivendicare  (e cominciano a cercarlo, senza fortuna e a chiedere ragioni e spiegazioni che non arrivano, o a supplicare), in ultimo si colpevolizzano. Si danno la colpa. Cercano in se stesse magagne incurabili. Si attribuiscono difetti, fisici, caratteriali orribili e inadeguatezze sessuali irrecuperabili…

Autocolpevolizzarsi è lo sport preferito dalle donne, in cui quasi tutte sono delle fuoriclasse. E di fronte agli uomini che spariscono ogni donna tira fuori il meglio di sé per quel che riguarda l’autosvalutazione e la picconatura delle proprie sicurezze: “E’ colpa mia; sono stata troppo assillante, bisognosa, precipitosa. Non gli ho lasciato i suoi spazi, non l’ho capito e non gli ho dato ciò di cui aveva bisogno.”

Stupidaggini, queste sono delle sonore stupidaggini. La donna bisognosa, rompiscatole e attaccaticcia, che vuole sposare uno conosciuto da appena due ore è insopportabile, certo. Allo stesso tempo questo fatto non giustifica l’atteggiamento contraddittorio del perla di turno che prima vuole frequentarla per un x periodo di tempo e poi smette di punto in bianco.

Cioè, mettiamo pure che tu sia assillante, controllante e soffocante: beh, se ne è accorto di colpo, dopo averti corteggiato per un po’, essere venuto a letto con te e magari – come spesso accade – averti fatto anche spericolate e quasi incredibili dichiarazioni d’amore? Se è così è comunque un vero perla.

"La morte raggiunge anche l’uomo che fugge. Orazio"

Allora: se pensa che tu sei insopportabile è stato un cretino a frequentarti, fin da subito. Debosciatello dei miei stivali.

Se ti sei trovata ripetutamente nelle vesti di coprotagonista della “Misteriosa storia dell’uomo innamorato scomparso senza spiegazioni dalla sera alla mattina” probabilmente sai meglio di me che è il susseguirsi di queste storie che ha minato la tua fiducia negli uomini e in un futuro sereno accanto a un partner serio e soprattutto affidabile.

So bene che l’autostima di molte donne viene più intaccata da tante sparizioni come queste che, per dire, forse esagerando un po’, da una storia abusiva o da una separazione contrastata o da un divorzio doloroso.

Anche se sembra sproporzionato, è più che verosimile che una si faccia una ragione di un matrimonio finito in modo drammatico e si prepari a vivere una nuova vita, con le gioie e le difficoltà che tale nuova vita può comportare, ma allo stesso tempo non riesca a comprendere perché gli uomini spariscono e soprattutto si comportano in modo tanto vigliacco.

In altre parole: va bene essere reduce da una storia importante finita male, ma quel che fa perdere fede e fiducia nel genere maschile, non è il grande amore conclusosi in modo crudele, ma lo stillicidio di storie finite ancora prima di cominciare, per le ragioni più stolide, non ultimo per il fatto che molti uomini con i quali sembrava essere nato qualcosa, scompaiono nel nulla dall’oggi al domani.

Come classificare un uomo che scompare: zero aspettative

Insomma, se si sono avute delle grandi delusioni, bisogna evitare quelle piccole, dato che spesso le piccole delusioni minano l’autostima più delle grandi.

Ecco perché è bene capire perché gli uomini spariscono. Sempre che sia importante: uno che sparisce va lasciato nel cimitero degli elefanti, degli stronzi che se ne vanno senza avere nemmeno il coraggio di chiudere. Questo in sintesi. Ma ti dò anche l’analisi, dato che so che sei curiosa.

Ci sono una serie di regole fondamentali per smettere di soffrire per amore e trovarlo per davvero questo benedetto amore:

1) evitare gli uomini sbagliati

2) e dunque saperli riconoscere velocemente, in modo da tenerli a distanza preventivamente, prima che si sentano autorizzati a fare danno ‘sti imbecilli

3) dimenticarsi e archiviare i molti nani che si incontrano e che mostrano comportamenti sociopatici o stronzi o anche solo cafoni.

Inoltre bisogna considerare che sì, è fondamentale osservarsi con un po’ di autocritica e soprattutto tendere sempre al miglioramento di sé, ma è altrettanto fondamentale tenere a mente che nel mondo là fuori, quello vero e non quello che ti raccontano in famiglia/scuola/amicizie/giornali e tv ci sono un sacco di mediocri che non meritano attenzione ed energie.

Persone che non rispettano impegni, ingannano, non pagano fatture etc ce ne sono tantissime e spesso rimangono impunite, ecco perché perserverano nei loro comportamenti scorretti.

Le nostre città più belle, il nostro paese e le nostre istituzioni sono per lo più in mano a persone o a gruppi di persone che, se fossero sedute vicino a noi in treno, ci stringeremmo la borsa in grembo per paura che ci rubino il portafoglio…

Che vuoi pretendere da un uomo qualunque che gioca con i sentimenti di una donna, quando di sentimenti nulla sa? Che si faccia scrupoli? Che abbia un certo senso dell’onore e del rispetto dell’impegno preso e della parola data?

Ma no, dài. Un po’ di cinismo e di disincanto.

Questo è l’atteggiamento mentale dal quale partire: proteggerti sempre, contare sulla tua astuzia e scaltrezza e non farti aspettative sugli altri.

Ma non perché il mondo è brutto e cattivo: il mondo e la vita sono bellissimi. Solo che pidocchi, sanguisughe e ladri di ogni genere sono anche nei posti più belli. Tutto qui. Basta saperlo.

Non è che non bisogna avere fiducia negli altri. Bisogna avere fiducia solo in alcuni, pochi, sceltissimi.

Prima selezionare, conoscere, soppesare e mettere alla prova. E poi magari chissà cominciare a concedere un po’ di se stesse.

Non il contrario.

Chiaro?

10 motivi per i quali gli uomini scompaiono

Il primo motivo per il quale un uomo sparisce è di una banalità disarmante. Si tratta di un cafone, maleducato, scortese, che non conosce le regole della buona educazione. Hai idea di quanti supercafoni girano al mondo, a tutti i livelli? Quelli le cui madri vanno in giro dicendo: “Ho un figlio meraviglioso”. Seee…

Il secondo motivo è che ha una capacità di empatia sotto lo zero. Zero intelligenza emotiva. Zero interesse per la cosa davvero importante della vita: considerare gli altri – tutti gli altri – come compagni di viaggio degni di rispetto, attenzione e scambio. Sai che gli frega a lui delle relazioni umane? Nulla. Ma proprio nulla, veh. Semmai il suo problema è che Piguain sia passato al Real Madrid e che non abbiano lasciato giocare Storti, dopo il rigore, ecco.

Il terzo motivo è che è un essere umano di una pigrizia patologica e perversa: troppa fatica andarsene dando uno straccio di spiegazione. Una volta si chiamava accidia, il torpore esistenziale, per i cattolici uno dei sette vizi capitali, ecco.

Il quarto motivo è che è un vigliacchetto (o vigliaccone): ha paura di chiudere, di congedarsi, di salutare. E’ un adolescente dentro. Ma di quelli nemmeno particolarmente intelligenti.

Il quinto motivo è che ha paura della tua reazione. Sa che non saprebbe come gestirti, come rispondere, come spiegarsi. Un impedito della vita. Ma non saprebbe come gestirti, perché non sa nemmeno che cosa sta facendo. E’ inconsapevole di se stesso e della vita che vive. Un mollusco, ecco.

Il sesto motivo è che finora ha raccontato un sacco di bugie: a se stesso, a te, magari a qualcun’altra. Forse si sta vedendo con un’altra donna; forse era impegnato già da prima; forse si è accorto che si è fatto prendere la mano (mica è uno che si controlla lui e che pensa e soppesa le possibili conseguenze della sue azioni, vive alla giornata, non pensa al domani, è nel qui e ora, sta rilassato, ecchecavolo) e adesso è pentito di essersi spinto oltre con te e non osa rimangiarsi tutto affrontando la propria melmosità faccia a faccia.

Il settimo motivo è che consapevole di essere un perla e si vergogna mortalmente di quello che ti vuol fare (mollarti dopo aver iniziato e continuato qualcosa con te).

L’ottavo motivo è che si sente “schiacciato dalla responsabilità” del rapporto con te. Ha fatto di tutto per legarti a lui perché questo caricava il suo ego e ora che il legame si è instaurato, pensa di essere incatenato e la responsabilità gli fa paura (accidenti!) e siccome gli fa così tanta paura, non si prende nemmeno la responsabilità di tagliare la corda.

Il nono motivo è che sa che ti sta deludendo, provocando un dispiacere o addirittura dando un dolore e a lui i lutti non piacciono e il dolore tanto meno (questa mi è venuta dalla suggestione di una battuta semiseria fatta dalla psicoterapeuta Esther Perel  in un dialogo con l’antropologa e psicosessuologa Helen Fisher in un dibattito tra loro alla fine di un discorso di Ted dedicato all’influenza della tecnologia sulle relazioni.

Il decimo motivo è che ha proprio voluto farti del male, godendo del tuo dispiacere. Gode nell’avere tanto potere da far soffrire una persona. E’ un sadico. Uno psycho. Uno stronzo. Chiamalo come vuoi, basta che ti sia chiaro che è un mostro. Punto. Basta. Fine.

Lui è scomparso. Che cosa puoi fare tu

Un uomo che scompare dopo che sembrava che tutto filasse per il meglio in una relazione è una frustrazione da elaborare mica da ridere. Ripeto: spesso sono più distruttive queste sequele di micro frustrazioni di quanto può esserlo un evento tragico quale una relazione abusiva o l’abbandono da parte del compagno di una vita.

Superare una frustrazione è una sfida. Superare le frustrazioni è essenziale.

E poi la vita è piena di sfide: questa nello specifico è importante vincerla perché non è oggettivamente una tragedia (anzi, che il perla si sia dileguato è una fortuna) e  ti mette faccia a faccia con il senso della tua dignità e ti può permettere, con un piccolo sforzo e un atto di volontà, di proteggere la tua autostima, ma anche di accrescerla in modo di uscirne più forte e più sicura.

"Io per prima cosa ti costruisco tutte le vie di fuga. Non voglio pensare che rimani perché non te ne potevi andare. followfabrizio, Twitter"

Insomma, hai un’ottima opportunità per fare un corso accelerato di “Gestione e manutenzione della propria dignità e sviluppo dell’autostima” in un caso di vita reale. Cara la mia fortunella…

Qual è la direzione giusta da prendere, allora?

  1. Metti tutto nella giusta prospettiva: un buzzurro inaffidabile si è tolto dai piedi. Con il senno di poi pensi che avresti davvero potuto combinarci qualcosa di buono?
  2. Fai un rapido report in cui prendi nota di tutte le idiozie che ti ha detto e ha fatto prima di scomparire. Oggettivamente e con distacco, non ti fa ridere tutto ciò? Lui non è un miserabile che alla fine suscita pena? Ridici su, in modo da potenziare il tuo senso dell’umorismo, per il prossimo imbecille che incontrerai (e che grazie all’esperienza saprai riconoscere ed evitare). Semmai condividi: scrivi le perlate di colui qui sul blog, in modo da ampliare il nostro bagaglio culturale e non sprecare un patrimonio di conoscenza fondamentale. Gli idioti sono inutili e dannosi, a prescindere, ma possono essere preziosi maestri.
  3. L’ha fatto con te, ma l’ha fatto o lo farà anche con altre: il problema è suo. E’ un problema serio, dato che è un problema di molti, in un mondo sempre più affollato di mediocri emotivamente impotenti. E molto spesso non solo emotivamente.
  4. Ributtati a capofitto nei tuoi obiettivi personali, fosse anche solo imparare a pattinare con disinvoltura nei prossimi tre mesi (io non ce la facendo a imparare a pattinare con disinvoltura in tre mesi, mi hanno messo nel corso ripetenti, ma ce la sto mettendo tutta, giuro. Sai come ti insegnano bene a fare gli slalom quando fai lezione di pattini? Ecco. Questo sì che è utile).
  5. Non comprare quello che credi che il vigliacco abbia voluto venderti: che sei tu quella che non vale abbastanza, tanto da non meritarsi nemmeno un saluto. E’ lui che ha questo stile di comportamento. Detestabile. E di sicuro non ce l’ha solo nei rapporti di coppia. E’ una persona inaffidabile a 360 gradi. Brrr. Lontano, via, sciò.
  6. Che ti frega di lui? Lascia perdere. La vita è molto di più di queste scemenze. Più pensi a lui (e ai tanti come lui) più ti impedisci di trovare un uomo che sia un vero uomo e non una mezza calza. Davvero, tempo ed energie spesso.

In definitiva la risposta alla domanda perché gli uomini spariscono è: spariscono i vigliacchi privi di spessore umano. Se spariscono sono vigliacci privi di spessore umano. E tu con questi – voglio ben sperare – non vuoi avere nulla a che fare, giusto? Lasciami le tue testimonianze, per favore. Le perlate, soprattutto.

 

Lascia un Commento!

205 Commenti

  1. Avatar di LILLA

    LILLA 1 mese fa (26 giugno 2017 12:33)

    volevo riportare la mia esperienza ..inizio una conversazione su watsapp con un uomo che conosco da tempo inizia a corteggiarmi e durante le nostre chiacchiere si scopre che quello che interessa ad entrambi è solo del sesso; consapevole di questa cosa lui inizia ad inviarmi foto del suo "organo riproduttivo" e ancora peggio foto delle sue ex con tanto di viso in primo piano mentre fanno sesso con lui ...io gli dico che queste cose non mi piacciono ma che il mio interesse è lui, quelle poche volte in cui siamo riusciti ad incontrarci da soli sembrava che tra noi ci fosse tanta attrazione e trasporto. Un giorno senza un apparente motivo lui smette di farsi sentire provo a chiedere il motivo di questo allontanamento e Lui risponde " per favore non ti ci mettere pure tu" e da allora il nulla io sto male perchè comunque provo una forte attrazione per lui
    -9
    Rispondi a LILLA Commenta l’articolo

    • Avatar di Ilaria Cardani

      Ilaria Cardani 4 settimane fa (26 giugno 2017 18:43)

      E ci credo. Pensa se fosse anche pedofilo e stragista, saresti proprio innamorata. Meno male che manda solo foto di razzi...
      10
      Rispondi a Ilaria Cardani Commenta l’articolo

    • Avatar di London

      London 4 settimane fa (27 giugno 2017 9:05)

      Ma che squallore!!!.....la foto del razzo già è "penosa" in sè...e lo fanno per sentirsi importanti e virili (???) ma la foto delle ex con tanto di viso che fanno sesso con lui mi sembra lo squallore degli squallori ed è super offensiva nei tuoi confronti e nei confronti di tutto il genere femminile. Aborro!
      2
      Rispondi a London Commenta l’articolo

    • Avatar di Emanuela T

      Emanuela T 4 settimane fa (27 giugno 2017 10:55)

      Puoi leggere qui, se senti di essere capace di fare molti passi indietro http://www.lapersonagiusta.com/psicologia-maschile/foto-del-pene/
      0
      Rispondi a Emanuela T Commenta l’articolo

  2. Avatar di Milly

    Milly 4 settimane fa (29 giugno 2017 21:54)

    Ciao a tutti e grazie Ilaria per questo bellissimo blog! Leggendo mi è venuta voglia di condividere la mia esperienza che mi sta facendo ammattire ormai da qualche mese. Ho 25 anni, fidanzata da 7 con un ragazzo della mia età con il quale ho condiviso tutto e sono cresciuta. Tra studio e lavoro non ci vedevamo molto ma il week end eravamo sempre insieme, sempre per qualche nuova avventura, tra alti e bassi ma felici. Io ho iniziato a lavorare da poco, lui già da qualche anno, e nonostante i problemi economici speravo presto di poter cercare un posto tutto nostro. Quattro mesi fa riceve un'offerta di lavoro a 500 km da casa, tra le montagne dell'Alto Adige, lascia il lavoro a tempo indeterminato che aveva per un altro sempre indeterminato e parte. Non volevo limitarlo in nessun modo ma ovviamente l'idea di vederlo forse una volta al mese e di partire così, senza programmi per noi, lasciandomi qui mi faceva impazzire. Da allora, sono passate settimane in cui non ci sentivamo quasi mai perché lui era troppo occupato con il lavoro, week end in cui non tornava perché aveva altro da fare... Io mi sono arrabbiata, gli ho urlato contro di tutto, che non gli importava niente di noi, come poteva vivere una relazione in cui non si condivide nulla? Lui mi chiedeva scusa, che soffriva anche lui e non sapeva come fare, che era lui ad avere qualche problema... Da un mesetto non mi cerca più, non risponde ai msg, se lo chiamo o non risponde o mi dice che non riesce più ad essere come prima. Io mi chiedo, può finire tutto così dopo tutto quello che abbiamo avuto? Non si tratta di una storiella appena iniziata, io non riesco nemmeno a immaginarmi un futuro senza di lui. Invece lui è disposto a buttare tutto all'aria per un lavoro? Non so più cosa fare e pensare... Soprattutto perché prima stavamo così bene... O forse sbaglio a vedere io.... Un bacio a tutti!
    0
    Rispondi a Milly Commenta l’articolo

    • Avatar di Ilaria Cardani

      Ilaria Cardani 4 settimane fa (29 giugno 2017 22:44)

      Direi che sbagli proprio a vedere tu. Togliti le fette di prosciutto dagli occhi. Senza ti renderai conto che è ora che tu viva la tua vita. Ma dico io, dopo tutti questi anni in un legame insano, voi giovani donne che non vi siete sperimentate come individui indipendenti, non avete una gran voglia di uscire di galera? Le catene vi fanno così piacere? I lacci vi danno davvero tanta sicurezza? Nel momento in cui si dovrebbe volare, altroché...
      5
      Rispondi a Ilaria Cardani Commenta l’articolo

  3. Avatar di Serena V

    Serena V 4 settimane fa (29 giugno 2017 15:17)

    Buongiorno Ilaria,Ho 30 anni e mi sono comportata come una ragazzina, ho combinato un disastro. 9 mesi fa ho conosciuto un ragazzo su un sito di incontri e ci siamo scritti senza assiduità, poi il mese scorso abbiamo iniziato a scriverci più spesso, lui decide anche di mandare foto un po' osé, gli faccio capire che non sono il tipo, ma decide di volermi conoscere di persona lo stesso; siamo usciti a cena e la stessa sera siamo finiti a letto. Lui poi mi scrive che abbiamo sbagliato, che non doveva succedere e non mi dà molte spiegazioni, ma io continuo a chiederle. Poi l'altro giorno mi scrive basta domande e io gli scrivo hai vinto, basta.  Ho combinato un bel casino, ma a me lui piace molto...non ho proprio chances, vero?
    -4
    Rispondi a Serena V Commenta l’articolo

    • Avatar di Ilaria Cardani

      Ilaria Cardani 4 settimane fa (29 giugno 2017 16:00)

      Serena V, il suo commento è interessante per lo sconcerto che crea un certo modo di interpretare i sentimenti da parte delle donne. Lei è molto giovane e in teoria sarebbe una donna fatta, con alcuni strumenti per valutare la realtà con un minimo di buon senso. Dice che a lei quest'uomo piace molto. Qualcuno potrebbe sostenere, in base allo scemenziario diffuso sull'amore, che al cuore non si comanda e che l'amore è cieco e tante altre stupidaggini del genere. Ma, vede, queste scemenze funzionano per il popolino sfigato che dalla vita si aspetta poco o nulla e guarda il mondo dalle cantine, non certo dai terrazzi ai piani alti (la mia è una metafora sulle visioni del mondo, non un dato reale sulle disponibilità economiche delle persone). Che cosa le piace molto di costui che sembra proprio nulla più di un asino spelacchiato? Di lei mi viene da pensare che appartenga alla categoria delle donne pronte a svilirsi pur di avere un maschio che respiri al fianco. Perché? Davvero pensa di essere così bisognosa? Questo è un porello, davvero, che lei ha tirato dentro una storia squallida pensando di vivere la favola. Un povero topo di fogna. Dettagliamo: conosce costui su un sito di incontri. Non ha mai pensato che questi siano rifugi per disperati e per uomini predatori, di quelli di basso livello? E va bene. Si incomincia male con la poca assiduità. Non si è chiesta il perché di questa poca assiduità? Le dò un indizio: costui era affaccendato con altre donne affamate d'amore che si è portato a letto prima di lei. Poi, come dal salumiere è venuto il suo - di lei - turno e il giovanotto, molto autenticamente, non le manda le strofe di una canzone insensata ma romantica di Jovanotti, ma delle foto osée. In realtà osée è un termine inappropriato che denota solo la sua ipocrita pudicizia, la mia fervida fantasia mi dice che fossero semplici e orride foto del pene, magari - oh, cielo! - eretto di lui. E' a questo punto che lei ha capito che fosse un uomo degno di interesse e di attenzione? E' qui che lei si è sentita toccata romanticamente? E' così? Lei gli fa capire (ah ah ah) che lei non è il tipo. Uhm, ma lei l'ha capito di non essere il tipo o lo voleva far capire a lui perché lei non era per niente convinta di non essere il tipo? E lui, che evidentemente come ogni maschio medio e mediocre sa che quando lei dice "io non sono il tipo" significa che il soggetto si fa fare su come un gomitolo e che è pronta a farsi trattare come la prostituta delle cinque strade senza chiedere nulla in cambio, "decide" unilateralmente di conoscerla lo stesso; lei, che non è il tipo, evidentemente per ringraziarlo del gesto cavalleresco di averle inviato delle foto osée, accetta di uscire con lui; tanto gliel'ha ben fatto capire che non è il tipo; andate a cena (in effetti questa è l'unica cosa con un minimo di decenza in tutta questa storia) e poi - sorpresa! sorpresa! - siete finiti a letto (frase di copertura che vorrebbe significare che è successo, non che l'abbiate fatto succedere). Lei, che non è il tipo e lui che draga sui siti online. Chi è il più coerente dei due? A lei l'ardua sentenza. Dopodiché lui che ha applicato la regola "ogni lasciata è persa" e che già dal momento in cui si è rivestito era un pezzo che di lei non ne poteva più, vista la mala parata di essere incappato in un soggetto più insistente e seccante della media, dice che "avete sbagliato" dandole l'idea di condividere con lei l'errore. Non ne poteva proprio più il nostro marpione virtuale per arrivare a tanta autocritica. Non dà spiegazioni. In effetti a una persona che non capisce a volo dire: "eri una botta e via e neanche delle migliori" è un po' difficile anche per un cretino insensibile. E poi, a che serve? Lei insiste e lui le risponde "stai giù di doss, non seccarmi, le donne me la devono dare e togliersi dalle scatole, non l'hai capito?" Lei, con piglio adulto e riportando la dimensione della faccenda a uno scambio tra bambini di scuola materna già arrabbiati con la vita, si abbruttisce ulteriormente, perdendo la magnifica opportunità che il silenzio offre a chi è in debito di dignità. Gli dice: "hai vinto, basta." Ora, le faccio notare che questo è un pessimo soggetto e che a lei piace molto. Evito di predicarle il fatto che è di se stessa che dovrebbe occuparsi, la immagino già molto indignata e arrabbiata per la mia risposta, a lei le persone autentiche e che le fanno vedere la realtà non attraggono. Risparmio anche di farle notare che è tristissimo, tragico che lei mi chieda se non ha proprio chances (oltre a grande pena per lei, mi viene un conato di vomito pensando a quello che ha scritto e come e alla povertà del suo modo di argomentare e di vivere le relazioni). Le dico solo che di persone peggiori, molto peggiori di costui ce ne sono molte. Abbia cura di sé, prima di rischiare, visti i suoi gusti presenti, di farsi maltrattare da qualcuno di questo genere.
      21
      Rispondi a Ilaria Cardani Commenta l’articolo

    • Avatar di Ilaria Cardani

      Ilaria Cardani 4 settimane fa (29 giugno 2017 16:21)

      P.S. Un danno collaterale di storie come queste è che l'indegno portatore di pene (e solo per questo meritevole di attenzione da parte di ingenuotte che si credono nulla) si sarà vieppiù convinto che le donne sono esseri senza rispetto di sé, seccanti e con una sola cosa in testa e si sentirà autorizzato a tenere lezioni sulla stupidità assurda delle donne e sulla loro incontenibile mania all'appiccicarsi insensatamente, sul fatto che meritano disprezzo e maltrattamenti giacché non hanno dignità e che più le maltratti più ti inseguono, quindi vale la pena solo maltrattarle, dato che a questo servono e questo vogliono. Chiuderà il tutto con un rutto altisonante e un peto rumoroso e magari una sonora grattata al pacco, per far notare quanto il suo tesoro sia sempre ben preservato e ambito da orde di disperate. E, alla prossima, se possibile, riserverà un trattamento peggiore. Tanto lei si innamorerà.
      18
      Rispondi a Ilaria Cardani Commenta l’articolo

    • Avatar di London

      London 4 settimane fa (29 giugno 2017 16:58)

      Amazing answer, non mi riprendo dai dettagli della love story da te interpretata! FAVOLOSA ILARIA!
      5
      Rispondi a London Commenta l’articolo

    • Avatar di Giusy

      Giusy 4 settimane fa (29 giugno 2017 17:46)

      Ilaria, come chiarisci le idee tu...... nessuno mai! Grande!!!
      0
      Rispondi a Giusy Commenta l’articolo

    • Avatar di max

      max 4 settimane fa (30 giugno 2017 0:49)

      Ilaria, sei davvero ispirata in questo periodo, sono rimasto a bocca aperta, per quello che hai scritto, e per come lo hai scritto...lucidissima!
      0
      Rispondi a max Commenta l’articolo

    • Avatar di Ilaria Cardani

      Ilaria Cardani 4 settimane fa (30 giugno 2017 9:49)

      Ti ringrazio Max. E' solo un surplus di indignazione che incanalo :)
      2
      Rispondi a Ilaria Cardani Commenta l’articolo

    • Avatar di Emanuela T

      Emanuela T 4 settimane fa (30 giugno 2017 9:57)

      Io mi sono salvata la frase " lei...si abbruttisce ulteriorme,te, perdendo la magnifica opportunità che il silenzio offre a chi è in debito di dignità". Come scriveva Francis Scott Fitzgerald ne " il grande Gatsby" la dignità non è ripartita equamente in tutti al momento della nascita. Grazie Ilaria, davvero.
      1
      Rispondi a Emanuela T Commenta l’articolo

  4. Avatar di azzurra

    azzurra 4 settimane fa (29 giugno 2017 21:28)

    Cara Ilaria, se posso permettermi la confidenzialità... quando leggo tue risposte come questa ti vorrei come amica nella realtà!!! (però dovresti sorbirti le mie paturnie, mi molleresti e sarebbe bruttissimo!!) Questo per dirti che mi hai fatto troppo ridere, buona serata
    0
    Rispondi a azzurra Commenta l’articolo

    • Avatar di Ilaria Cardani

      Ilaria Cardani 4 settimane fa (29 giugno 2017 23:12)

      Non buttarti giù, mai. Grazie per i complimenti.
      1
      Rispondi a Ilaria Cardani Commenta l’articolo

    • Avatar di azzurra

      azzurra 4 settimane fa (30 giugno 2017 8:31)

      mi riferivo nello specifico alla tua risposta data più sotto a Vittoria V. ho sbagliato nel rispondere! grazie per l'esortazione... ma non mi butterò giù mai, anzi mi sto risollevando con tutte le mie forze. Vengo fuori da poco da una relazione di tre anni con convivenza con un uomo che adesso sto capendo essere un narcisista patologico da manuale. Mi ha lasciata devastata e alienata... e vedo che esiste proprio una sindrome da vittima di narcisista. Mi sto documentando per capire, aiutarmi e venirne fuori! ma c'è poco da capire, solo dimenticare l'abuso, il totale no contact e riprendere in mano a pieno la propria vita. Il tuo blog è una fonte di ispirazione e positività fantastica! Grazie
      3
      Rispondi a azzurra Commenta l’articolo

    • Avatar di Ilaria Cardani

      Ilaria Cardani 4 settimane fa (30 giugno 2017 9:41)

      Lo sai che la regola è quella di non documentarsi troppo? Son seria. Conosco quello di cui parli da vera esperta, credimi ho creato questo blog per le persone come te, dandogli un taglio completamente diverso rispetto ai soliti siti dedicati al tema specifico. Posso dirti che ce la stai già facendo, ma non lasciarti trascinare nel gorgo della ricerca di informazioni senza sosta. Alcuni siti fanno un eccellente lavoro informativo, anche qui in Italia, altri speculano su quella che è una delle caratteristiche delle vittime: la ricerca continua. Molti forum e soprattutto gruppi Facebook sono delle vere e proprie tane di morbosità. Tutto con giudizio. Se no si diventa vittime due volte. Un abbraccio di particolare vicinanza e tanto, tanto tifo.
      9
      Rispondi a Ilaria Cardani Commenta l’articolo

    • Avatar di London

      London 4 settimane fa (30 giugno 2017 9:55)

      E' vero, a volte con l'assidua ricerca si tende ad entrare ancora più nel bassofondo perchè il pensiero diventa ossessivo e si cercano e si ricordano particolari che è meglio dimenticare. Cercando poi i dettagli del perchè e del per come si tende a rimanere attaccati in modo negativo alla persona anche se c'è in atto un no contact. Anche a me in passato è capitato, sia di cercare nei forum e vari siti sia di comprarmi mille libri sull'argomento. Ok un po' va bene ma il troppo fa male.
      6
      Rispondi a London Commenta l’articolo

    • Avatar di Ilaria Cardani

      Ilaria Cardani 4 settimane fa (30 giugno 2017 10:04)

      Ci sono delle prove scientifiche riguardo a questo. E' per quello che qui si spazia e si parla anche molto di seduzione, perché si deve andare oltre, sempre ;)
      7
      Rispondi a Ilaria Cardani Commenta l’articolo

    • Avatar di azzurra

      azzurra 4 settimane fa (30 giugno 2017 14:19)

      Grazie mille, del tifo e del suggerimento! Capisco bene cosa vuoi dire... in un primo momento ero ossessionata da queste ricerche... e dal sapere che faceva lui... In realtà però adesso che ho compreso davvero con cosa ho avuto a che fare non mi interessa sapere nient'altro nè sul disturbo nè tanto meno su di lui. Ma dovevo capire cosa mi era accaduto di punto in bianco e perchè mi sentissi così devastata. tanto più che non sono una ragazzina e ho anche un matrimonio e altri ex alle spalle. Ma non ci perdo proprio più tempo: anzi sbircio e metto in pratica( già con successo!!) i tuoi consigli sul flirtare con leggerezza! Pagina già girata! Grazie di cuore per il tuo lavoro!
      0
      Rispondi a azzurra Commenta l’articolo

  5. Avatar di ELENA

    ELENA 4 settimane fa (30 giugno 2017 12:41)

    Eccomi!! Ecco la mia "perla": adulti tutti e due (sopra i 45) io sposata lui no, un anno e mezzo telefonate e whatsappate, n. 3 incontri da 3 ore l'uno, solo baci. 500 km di distanza. Progetti futuri, viaggi ed incontri che puntualmente non si verificavano mai. Lo metto alle strette per vederci e lui mi illude ancora: la prossima settimana... io mi rompo e non gli scrivo più! Risultato sono 3gg che è sparito, LUI quello che diceva che non sarebbe mai sparito ma mi avrebbe detto se voleva chiudere. Ecchepa...lle
    -6
    Rispondi a ELENA Commenta l’articolo

    • Avatar di max

      max 4 settimane fa (30 giugno 2017 14:31)

      Magari se divorzi e riparti con un innamoramento sano, al posto di impelagarti in storie clandestine a distanza da ventenni, forse funziona
      4
      Rispondi a max Commenta l’articolo

  6. Avatar di Kitty

    Kitty 3 settimane fa (2 luglio 2017 21:08)

    Adoro tutto quello che hai scritto, è verissimo e apre gli occhi su tutto, davvero utile e motivante. Voglio raccontare la mia esperienza, che sarà simile a quella di molte. Conosco il tizio un anno fa ad una festa, amico di amici. Il giorno dopo mi chiede di uscire con lui. Usciamo dopo poco, bello. Per suoi motivi di lavoro ecc ci sentiamo solo per sms ma non ci vediamo piu. Fa periodi di lavoro all'estero, mi chiede di vederci al rientro ma non fissa mai una data. Sparisce e io lo archivio. 4 mesi dopo mi supplica di vederlo, esco con lui, mi dice che deve partire per 5 mesi per lavoro e se lo posso aspettare. Fa progetti sul futuro, è meraviglioso e dolcissimo. Accetto di aspettarlo. Ci sentiamo per sms tutti i giorni mentre è lontano, dolce e desideroso di tornare e fare un sacco di cose assieme. Torna, ci vediamo, è freddo, polemico riguardo al lavoro, negativo sulla sua vita e irritante. Parla solo di sé, neanche mi chiede come sto. Andiamo a letto assieme quella stessa sera per la prima volta. Mi saluta con un bacio veloce dicendo "ci sentiamo". Silenzio assoluto. Se gli scrivo io, mi risponde ma freddo. Io non lo assillo, sto sulle mie e gli ho scritto simpaticamente solo 3 volte in 3 settimane, non chiedendo mai spiegazioni su cosa intende fare o delucidazioni su quanto successo. Sta sparendo di nuovo. Cosa devo fare? Io sono innamorata di lui, purtroppo. Ma credo che il suo comportamento denoti che non tiene a me né che mi rispetti o che voglia costruire qualcosa di serio, nonostante lo dica. Consigli? Grazie...io non gli scrivo da una settimana ormai...faccio bene?
    -4
    Rispondi a Kitty Commenta l’articolo

    • Avatar di Ilaria Cardani

      Ilaria Cardani 3 settimane fa (2 luglio 2017 21:17)

      Innamorata di cosa?! Uno che ti maltratta, per giunta. Innamorata di cosa?!
      6
      Rispondi a Ilaria Cardani Commenta l’articolo

    • Avatar di max

      max 3 settimane fa (3 luglio 2017 13:58)

      Si kitty hai ragione, per mille ragioni più o meno lecite, non tiene a te...ha senso esserne innamorata per non avere in cambio nulla?...lascialo perdere e cerca una relazione non a distanza, che non è detto che vada bene, ma quantomeno una buona parte di ostacoli li eviti
      1
      Rispondi a max Commenta l’articolo

  7. Avatar di Giulia

    Giulia 3 settimane fa (3 luglio 2017 21:15)

    Ciao a tutti. La mia esperienza è di avere incontrato un uomo che è un mix tra il 4, 5 e 6 motivo di uomo che scompare. Ho 38 anni e dopo una delusione d'amore ho incontrato un uomo di 35 che mi ha fatto nuovamente sperare. Dopo mesi di un delizioso corteggiamento, alla fine mi sono convinta e ho deciso di superare le mie paure. Mi dichiaro, lui si fa un po' freddo ma non vuole rinunciare a me. Tergiversa, non capisco il motivo. Mi dice di dovermi parlare di una cosa, ma alla fine non lo fa. Per farla breve, vengo a scoprire per altre vie che ha una famiglia, una convivente e figlio piccolo, che mi ha tenuto volutamente nascosti. Gli dico che dobbiamo parlare perchè ho capito il suo non decidersi, lui accetta e poi...scompare. Ecco, un vigliacco adolescente, che non ha capito di essere andato troppo in là, che ha paura di confrontarsi con me perchè rappresento il suo tradimento come marito e padre, e che semplicemente scappa. E questi si credono uomini. Ma come dici tu, Ilaria, questo episodio della mia vita mi ha davvero tolto molta fiducia, e non so proprio come mi comporterò con il prossimo uomo che si presenterà.
    1
    Rispondi a Giulia Commenta l’articolo

  8. Avatar di Luce

    Luce 3 settimane fa (4 luglio 2017 16:57)

    Dunque, vi riporto in breve la mia storia.. due mesi di corteggiamento serrato, più altri 5 mesi di relazione ufficiale con conoscenza di sorella, nipote e cognato, e madre del soggetto in questione.. lui faceva regali ai miei genitori, io ai suoi (per Pasqua e simili).. progetti insieme, vacanze, futuro, figli eventuali, ecc.. poi, una sera esce con gli amici, si ubriaca, riassapora la singletudine.. e il giorno dopo, riemergono i problemi di lavoro e altre banalità simili. Il soggetto sparisce!.. ma sparisce sul serio, non risponde alle telefonate, non risponde ai messaggi, accenna un timido saluto per strada, comportandosi come se io fossi stata un'amica o un'estranea. Da un mese e mezzo io non sento più la sua voce ne leggo più un suo messaggio.. sparito!!! Come lo definireste uno del genere???
    1
    Rispondi a Luce Commenta l’articolo

    • Avatar di Ilaria Cardani

      Ilaria Cardani 3 settimane fa (4 luglio 2017 17:23)

      Direi che la serata con gli amici c'entra poco o nulla. O si è trovato un'altra (che aveva già da tempo) oppure, molto semplicemente, si è sentito oppresso dalle responsabilità ed è fuggito, in modo irresponsabile e infantile. Comportamento detestabile, che però non mi impressiona, dato che non mi pare affatto inedito al giorno d'oggi. Mi pare che tu stia mantenendo una certa freddezza (non facile) e propongo una riflessione e una considerazione: ma il nostro qualche segnale non l'aveva dato? Intendo, inconsapevole, involontario. Poi: non fidatevi troppo della "condivisione" di amicizie e rapporti famigliari: mi pare che siano sempre più spesso l'analogo di atteggiamenti e frasi stile "ti amo, tengo a te" ché hanno più una funzione manipolatoria e/o di autoconvincimento che altro.
      10
      Rispondi a Ilaria Cardani Commenta l’articolo

  9. Avatar di Eloisa

    Eloisa 3 settimane fa (4 luglio 2017 12:37)

    ciao mi presento mi chiamo Eloisa da Roma. ho letto con estrema attenzione quanto hai scritto..e non posso che condividere anche se l' amarezza è tanta. nonostante una persona si sia dimostrata così vigliacca e inaffidabile però l' investimento emotivo resta altissimo. sono reduce da una storia che mi ha lasciata distrutta. io 34 anni,lui 60. io insegnante lui funzionario pubblico. persona apparentemente irreprensibile, seria, affettuosa. dopo pochi mesi mi regala un anello, mi invita a convivere e mi coinvolge nel progetto di una nuova casa dove trasferirci e vivere insieme. facciamo tutto insieme, troviamo casa, prendiamo i mobili. niente mi faceva presagire il disastro. dicembre: non conviviamo più perché penso abbiamo caratteri diversi..mi dice, dopo un anno e mezzo che stiamo insieme e ci vediamo in pratica tutti i giorni, mai uno screzio importante, mai niente di grave tra noi. a fine gennaio mi lascia per telefono, fuori di sé dalla rabbia per mie mancanze nei suoi riguardi, mi addebita tutti i difetti, fragilità, paure, io sono ossessiva e lo destabilizzo(quando il progetto della convivenza era partito da lui..)provo a vederlo, chiamarlo. niente, nessuna risposta.mi blocca sul cellulare. riesco a maggio a risentirlo e le sue parole sono che non vuole sapere più nulla di me e chiude. un uomo che mi faceva continuamente regali, io ero la donna della sua vita, progetti,viaggi insieme e poi ha chiuso come se fossi un interruttore della luce. mi sono scusata in tutti i modi, riconoscendo miei errori, ne ho fatti come tutti ma nulla di imperdonabile. gli ho detto che per me anche non convivere sarebbe andato bene, superato lo smarrimento per la sua decisione mi sono resa disponibile, di continuare a vederci come voleva lui. niente, una durezza mai sentita, glaciale. mi ha sconvolta. ancora dopo mesi è un dolore incommensurabile
    0
    Rispondi a Eloisa Commenta l’articolo

    • Avatar di Emanuela T

      Emanuela T 3 settimane fa (4 luglio 2017 16:33)

      Punto 5 della sacra Bibbia di Ilaria: "Non comprare quello che credi che il vigliacco abbia voluto venderti: che sei tu quella che non vale abbastanza, tanto da non meritarsi nemmeno un saluto. E’ lui che ha questo stile di comportamento. Detestabile. E di sicuro non ce l’ha solo nei rapporti di coppia. E’ una persona inaffidabile a 360 gradi." Non importa cosa sia scattato nella testa di questa persona, importa che sia bastato un niente, uno screzio o altro di comunque rimediabile, per mandare a monte una progettualità di lungo termine. Sono fantasie, Eloisa, sono storiacce, scuse, balle o chiamale come vuoi. Avresti potuto far cadere una cartina di un bacio perugina per terra e ti avrebbe comunque incolpato del riscaldamento globale e della marea nera nel golfo del Messico. Senti davvero di essere stata così catastrofica o così irreversibilmente dannosa?E' probabile invece che si stesse beando di sensazioni e parole cui non credeva davvero, una persona motivata nel portare a termine un programma cerca di valutare e discutere con la persona ogni problema che dovesse presentarsi lungo il percorso, questo fa parte della crescita del rapporto più dei mari piatti. Se comunque sentivi di camminare sulle uova quando stavi con lui ( sensazione che mi dai a leggere quanto ti sia preoccupata delle conseguenze di ogni discussione avuta con lui ) poteva essere un segnale di un rapporto apparentemente sereno, ma non equilibrato. Non umiliarti ulteriormente cercandolo, nessuna delle nostre parole, nemmeno la più importante e significativa o nessuno dei nostri gesti, sono in grado di modificare la personalità altrui, soprattutto se così disturbata da andare in cortocircuito facilmente.
      10
      Rispondi a Emanuela T Commenta l’articolo

    • Avatar di eloisa

      eloisa 3 settimane fa (4 luglio 2017 18:34)

      grazie emanuela, hai colto bene, sentivo un certo disagio in certi momenti nello stare con lui perché è una persona molto polemica, non prende mai le cose con leggerezza, ossessiva, pignola, spesso si arrabbia..io sono un po' ansiosa a volte quindi non mi fermavo ai suoi difetti. nessuno è perfetto e di lui ho sempre visto le parti belle, una persona intelligente, con cui condividere tanti interessi comuni, mi rimandava sicurezza...e lo sentivo così innamorato, sincero riguardo al nostro sentimento che su questo realmente non avevo dubbi. mai un litigio importante. magari divergenze di opinione ma nella norma, nessuna discussione terribile. gesti affettuosi giornalieri e poi..di me alla fine del rapporto ha detto che invece no, non può vedere le parti belle perchè io sono all' 80 per cento sbagliata, piena di buchi, fragilità, paure..che con me stava bene solo quando facevamo colazione o andavamo a cena insieme, che se io non capisco coda gli ho fatto devo andare da uno psicologo( e comunque ci sto andando perchè mi ha lasciata annientata) non ha voluto farmi entrare nella vecchia casa dove stavamo e solo dopo mie suppliche( temevo buttasse le mie cose tanto era fuori di sé)mi ha ridato i miei vestiti in mezzo alla strada, chiusi in 2 grandi sacchi, lasciandomi così e dicendomi solo: ti consiglio di chiamare un taxi e poi se ne è andato in macchina. di me non ha salvato nulla e ripeto fino a pochi giorni prima mi diceva che mi amava, che era un uomo fortunato a stare con me. avvertivo durante il rapporto delle difficoltà ma credevo nella sincerità del sentimento e mi dicevo quando capiterà qualcosa l' affronteremo parlandone. io fino a 2 giorni prima che scoppiasse stavo nella nuova casa a seguire i lavori, lui che ancora mi scriveva frasi da innamorato.. ( fingeva?) e poi.. tutto distrutto.. senza aver salvato nulla. un contatto, niente. io potrei anche morire lui non lo verrebbe mai sapere( e ugualmente se qualcosa accadesse a lui, che tra l' altro è solo, non ha mai avuto una famiglia sua..) sono le modalità che mi hanno sconvolta. dall' oggi al domani, io l' ho salutato una domenica senza sapere che non lo avrei più visto, che non sarei più entrata a casa sua, nella vecchia casa dove convivevo( e anche nella nuova casa che non ho mai visto ultimata.. ) Questo non avere più una quotidianità così improvvisamente, senza un motivo valido, un taglio così netto, con tale violenza... mi ha lasciato un grande vuoto.
      3
      Rispondi a eloisa Commenta l’articolo

    • Avatar di London

      London 3 settimane fa (4 luglio 2017 20:55)

      Ci credo Eloisa che ti ha annientato, però da come lo descrivi secondo me, fra un po' di tempo, capirai di esserti liberata da un peso grosso (lui, pesante in tutti i sensi) e un fantoccio (sempre lui). Non c è nulla di male a stare da soli ma non mi sembra strano quando scrivi che lui è da solo e una famiglia non ce l'ha a 60 anni! Di impostazione è sempre stato così sicuramente e poi come si permette di dirti che tu sei sbagliata all'80%, anche qui, immagino che la pesantezza e i segnali non li hai considerati e forse eri un po' accecata dai suoi "corteggiamenti". Dai che presto ti riprendi e questa sarà una bella lezione di vita.
      2
      Rispondi a London Commenta l’articolo

    • Avatar di Emanuela T

      Emanuela T 3 settimane fa (4 luglio 2017 21:06)

      Eloisa, comprendo il tuo disorientamento perché evidentemente è la prima volta che entri in contatto con una persona simile, ma davvero è una persona seriamente disturbata. Lo dico perché ho avuto a che fare anche io con un essere simile, molto danneggiato e oggi mi è facile riconoscerli dagli elementi che leggo in alcune delle storie proposte. Queste persone sono abili nell'inglobare l'altra persona e agganciarla a se creando una forte dipendenza. Ti sentivi sicura perché lui aveva deciso di seguire il ruolo del partner perfetto che non ti avrebbe fatto mancare nulla. Ma per loro, privi di una vera identità, è davvero solo un recitare un ruolo. Questo li fa sentire bene, fin che la recita ha un senso ed è efficace, poi si stancano e le promesse fatte si sfaldano e diventano impalpabili, per quanto tu cerchi di conservarne la struttura tra le tue mani. Capirai con il tempo che tutti i difetti che ti ha attribuito erano descrizioni di se stesso. Posso assicurarti che comunque sia se ne esce, io ormai te ne potrei parlare per ore con assoluta imperturbabilità perché ho capito quanto siano disturbati e davanti ad una persona invalida o disabile psichicamente non puoi provare nemmeno odio, ma pietà. L'importante è tenersene lontani.
      11
      Rispondi a Emanuela T Commenta l’articolo

  10. Avatar di GIUGGI

    GIUGGI 3 settimane fa (7 luglio 2017 0:18)

    Ho amato uomini, ho avuto storie di sesso, ho avuto storie disastrose e storie belle finché sono durate. Mi sono sempre piaciuti gli uomini più grandi di me e sono certa di avere un buon metro per misurare il genere maschile. Poi, sei anni fa conosco l'uomo della mia vita (all'epoca avevo 26 anni io e 22 lui), inizia una storia meravigliosa, pulita, spontanea, senza perlate :) nonostante lui sia l'incarnazione dei miei mai (mai con uno più giovane di me, mai con un artista, mai con..) conviviamo da subito, condividendo sogni, passioni, gioie e tutto quello che di più bello c'è! Dopo tre anni di convivenza ci sposiamo e poco dopo, purtroppo, cominciano i problemi di lavoro e precarietà. Pian piano i sogni non si sviluppano più, ci disilludiamo, non facciamo più progetti, ma continuiamo ad amarci fino all'esasperazione. L'anno scorso lui scappa di casa, instaura "un'amicizia" con una donna (che conosco e che da sempre mi sta altamente sugli zebedei, la classica gatta morta!!!) e io, cretina, gli do una seconda possibilità. Addirittura lo supplico di restare, gli faccio un sacco di promesse, gli dico che la colpa è mia e lui torna a casa. ERRORE GRAVISSIMO. L'ultimo anno lo posso definire un limbo. Io mi impegno e vado pure in psicoterapia per salvare il mio matrimonio, ma nulla cambia. Due mesi fa scoppia nuovamente la bomba, e me lo ritrovo a flirtare con la solita dell'anno scorso. Gli do dieci ore per uscire di casa e dalla mia vita. Esce di scena senza nemmeno un mi dispiace. Volatilizzato, sparito nel nulla. Mi dice via messaggio che è tutta colpa mia. Ecco quello che ho imparato: nel 2017 i matrimoni possono finire anche via what's up il tradimento non è causa ma conseguenza la colpa nelle coppie è sempre 50 e 50 le coppie superano le crisi se e solo entrambi si aspettano e lo vogliono sofferenza sì, sensi di colpa no gli uomini spesso e volentieri sono dei grandi immaturi io credo ancora nel matrimonio, lui forse non sa quello che ha fatto la vita ti dà solo pesi che sai portare Ecco, ho dei gg buoni e dei gg bui, neri, nerissimi. Ma non voglio smettere di credere che potrò rifarmi una vita. Voglio andare oltre. Piango ancora tanto, alle volte sento di aver fallito, ma poi qualcosa dentro di me mi dice che devo attraversare questo momento completamente nel bene e nel male. Abbiamo solo una vita e non voglio sprecarla. La psicoterapia mi sta aiutando tantissimo. Nonostante tutto credo ancora nell'amore e credo che da qualche parte ci sia l'uomo della mia seconda vita...mi aspetterà fintanto che non diventerò la versione migliore di me stessa. Cara Ilaria, spero di non sbagliarmi.
    3
    Rispondi a GIUGGI Commenta l’articolo

    • Avatar di flo

      flo 3 settimane fa (7 luglio 2017 13:24)

      Ma in psicoterapia non potevi andare per salvare te stessa, più che il matrimonio...!!??
      2
      Rispondi a flo Commenta l’articolo

    • Avatar di max

      max 3 settimane fa (7 luglio 2017 15:21)

      Giuggi mi dispiace che il tuo sogno d' amore sia finito, ma ne troverai uno migliore...se è andata cosi non era l' uomo della tua vita...e permettimi, nel tradimento ci sta che ci siano colpe di entrambi, ma non sono mai 50-50 altrimenti lo avresti tradito anche tu, quindi non darti più colpe di quelle che puoi avere, ammesso che tu ne abbia
      0
      Rispondi a max Commenta l’articolo

  11. Avatar di Papagena

    Papagena 3 settimane fa (6 luglio 2017 12:44)

    Mille minuti d'applausi. Mi è capitato per ben due volte. Devastante, annichilente, folle. Macché sfida, questa è proprio sfiga. Ahahah. Voglio dire però una cosa. Nonostante i "ti amo", nonostante l'affinità intelettuale, nonostante i voli sui massimi sistemi, nonostante il sesso stellare, il mio istinto mi aveva detto: "qui ci puzza". Ma ho voluto andare avanti. Legnate straforti, depressione, sono in cura adesso con prozac (grazie, stronzi!). Ma sto bene. Mi sento cazzuta. Gente così dovrebbe girare con un bollo marrone (merda) in fronte (=incapace di avere relazioni). Stipendi sperperati per voli, regali, etc. Ingratitudine totale e mancanza di rispetto, del rispetto più elementare. Oggi sono fiera di me perché di recente ho conosciuto un uomo bello e intelligente che mi piaceva e col quale - lo ammetto - avrei iniziato molto volentieri con una liberatoria trombata. Lui lo ha capito e quindi? E quindi avendomi vista decisa e semplice, dopo i suoi messaggi sul "non vedo l'ora di vederti" e la sua agenda piena (alla quale io dovevo sottostare, e va bene, per carità - nella mia vita che mi vede in giro quasi costantemente) alla mia domanda (di natura totalmente pratica) "senti, fissiamo una data per vederci" mi ha risposto "io non amo far programmi, quando sarà sarà", l'ho invitato con gentilezza e determinazione a farsi da parte. Sono fiera di me perché mi piace ma di certe stronzate sono piena fin sopra i capelli. Ho voglia di godere, di essere soddisfatta, di ridere, di andare in gita o uscire a cena...ah, consiglio utile: ho cancellato i suoi contatti (serve nei momenti down di pensieri idioti). Se ha voglia si farà sentire lui ma dovrà avere le idee chiare. Nel frattempo io continuo a fare le mie cose da sola, come so fare bene. Grazie per il post!
    12
    Rispondi a Papagena Commenta l’articolo

    • Avatar di PAMELA

      PAMELA 3 settimane fa (6 luglio 2017 13:49)

      Applausi anche a te Papagena, mi è piaciuta molto la tua testimonianza, autentica ma allegra e combattiva, cazzarola!!! Vedi che gli errori servono per non ripeterli ( si spera ) . Il bell'imbusto prende tempo? per forza. Aspetta che una in agenda gli dia buca per proporre a te di uscire: COL CAVOLOOOOOO.... :) Continua così e vedrai che manco ci prova il prossimo "stronzetto "
      2
      Rispondi a PAMELA Commenta l’articolo

    • Avatar di Papagena

      Papagena 2 settimane fa (9 luglio 2017 10:02)

      Grazie a te, Pamela! Vi aggiorno (non per cronaca autoreferenziale ma perché la mia esperienza può esservi utile). Il bel "latitante" - in seguito al mio silenzio tombale (tombale, lo ripeto) - mi ha scritto chiedendomi vagamente come stessi. Gli ho ribadito: o ti chiarisci le idee o torniamo amici come prima di conoscerci. Ha snocciolato l'elenco dei giorni e delle ore in cui era libero. Abbiamo passato una bellissima serata. Io mi son presa quel che mi volevo prendere: non nego che volevo qualche ora di piacere (che sembra scontato ma NON è facile da trovare). Mi piace, non gli corro dietro e quel che sarà sarà. Dato che ho altri progetti. Se non sarà lui, sarà un altro. Forse le donne dovrebbero (e non me ne vogliano le femministe perché io lo sono) riprendersi non solo la dimensione di genere di donna (fondamentale), ma anche la dimensione biologica di femmina (altrettanto fondamentale). Abbiamo un potere che ci neghiamo tutte le volte che non lo vediamo. Non è un potere violento, marziale, competitivo. È un potere potente in quanto tale e in quanto magico. Non dobbiamo usarlo: c'è. Dobbiamo solo limitarci a non sopprimerlo. Buona domenica a tutte!
      2
      Rispondi a Papagena Commenta l’articolo

    • Avatar di Anna

      Anna 2 settimane fa (9 luglio 2017 13:52)

      Oggi sono tarda di comprendonio: non ho capito quale potere abbiamo
      0
      Rispondi a Anna Commenta l’articolo

    • Avatar di Papagena

      Papagena 2 settimane fa (9 luglio 2017 10:08)

      Dimenticavo: il non farsi sentire non serve per suscitare in uomini non realmente interessati l'interesse. Semmai serve a noi per stare più tranquille e capire cosa vuole l'altro. E in base a quello muoverci. Ci vuole tanta autodisciplina. Chi vi parla è del segno del Leone, figuriamoci... :-*
      2
      Rispondi a Papagena Commenta l’articolo

    • Avatar di Stellina3

      Stellina3 2 settimane fa (9 luglio 2017 13:58)

      Ti sei presa il sesso che volevi ed ora ciao! Avanti il prossimo che questo ha interesse per te zero e non finge neanche di averlo ...brava! Che uomini...vanno anche pregati per una serata di sesso...vanno anche assecondati nelle ore che possono loro...mah
      1
      Rispondi a Stellina3 Commenta l’articolo

    • Avatar di Papagena

      Papagena 2 settimane fa (9 luglio 2017 19:17)

      @Anna: la donna in patriarcato (ora forse siamo in un patriarcato post-moderno) ha perduto un ruolo che le spetta biologicamente ovverosia quello di scegliere il partner. La struttura sociale derivante dal cattolicesimo ha corroborato tale perdita con la visione della sacra famiglia e del valore di una certa "integrità" di noi donne.@Stellina3: erano mesi che volevo avere semplicemente un rapporto, bello, gioioso, allegro, leggero. Il problema (se così possiamo chiamarlo) è che io per un rapporto devo (e voglio) sentire attrazione fisica e intellettuale (cosa che mi capita mooooolto di rado nonostante esca con qualcuno ogni tanto che regolarmente resta a secco). Sono una persona piuttosto corteggiata ma questo non toglie la frustrazione degli uomini che si sottraggono e che si sottraggono anche per le cose più semplici (figuriamoci per le più complesse...). Io come ho detto sopra avevo già cancellato i suoi contatti, è lui che mi ha cercata e mi ha pregata. Credo che l'elenco dei momenti liberi sia solo una faccenda pratica: ho incrociato i suoi momenti libero con i miei momenti liberi ed è venuto fuori l'incontro. Diverso sarebbe stato averlo pregato (mai) e non aver ottenuto quel che volevo (oltremodo frustrante e dannoso per la mia serenità). Oggi ho preso l'uovo. Domani anche la gallina, di qualche altro pollaio (perché una bella relazione la voglio)... :-Dps: gli uomini davanti a donne molto sicure (anche dal punto di vista sessuale) hanno una qualche paura (ho un amico che scappa davanti anche a questo perché ha un problema fisico - non sessuale, solo alle articolazioni delle caviglie e scappa in continuazione per questo che per lui è un problema insormontabile). Abbiamo tutti i nostri vissuti e come li abbiamo noi donne li hanno anche loro...
      1
      Rispondi a Papagena Commenta l’articolo

  12. Avatar di caterina

    caterina 2 settimane fa (13 luglio 2017 19:41)

    Il tizio con cui sono uscita mi ha trattato con molte attenzioni, si è comportato con me esattamente come mi aspettassi... salvo poi darsi alla fuga, pubblicizzandosi su tinder. Dove dichiara di essere all università quando non è più iscritto da secoli.eh, certo che l' è anca bravo a fingere così! 🏆cioè un attore, e pure versatile! 😂😂😂
    0
    Rispondi a caterina Commenta l’articolo

  13. Avatar di Enza

    Enza 1 settimana fa (17 luglio 2017 14:09)

    Bellissimo articolo . Io con un cogli*** del genere ho avuto una relazione di 14 anni .all inizio mi ha marcata con regali presenza continua messaggi telefonate dopo un 5 anni io incominciai ad innamorarmi di lui .non l avessi mai fatto! E cambiato completamente. Eravamo tutti e due sposati . Lui con la moglie faceva di tutto e di più si metteva a 90 gradi per lei però secondo lui era solo.la sua socia.per me neanche un sms a natale pasqua e quando andava fuori con la moglie scompariva. Io ho incominciato a ribellarmi .lui diceva che era amore per me ma in che modo me lo dimostrava ??? Dovevo avere la palla di vetro. Non era amore pers moglie ma per me. Ma poi di un carattere chiuso difficilmente parlava di se .fino a quando anche febbraio ho incominciato ad avere problemi con mia mamma in ospedale per un mese non ci siamo visti .poi lui ha avuto il suocero. Non mi cercava più ma mo telefonata e quanon io gli chiedevo di vederlo cinquanta scuse erano le sue. Fino a quando per una settimana scompare e poi ritornai sembrava che la cosa fosse risolta ed invece è scomparso di nuovo non mi risponde al telefono ed i miei sms si watsapp non so se li ha visti ma ricevuti si. Ho insistito per qualche giorno ma poi più nulla . E come dici tu forse be guadagnero sicuramente tanto perché non stava bene mentalmente
    -6
    Rispondi a Enza Commenta l’articolo

  14. Avatar di Lara

    Lara 1 settimana fa (19 luglio 2017 0:53)

    Sparito innumerevoli volte motivo! Poi rinascendo al suo ritorno poi quella volta al mare che giocava in acqua con l'amica poi le serate ad aspettarlo e non sapevo dove classe salvo poi a dirmi che si era fermato a lavoro più del dovuto le promesse di vacanze assieme poi all'ultimo scarica senza avvertimenti e vivevamo assieme sotto lo stesso tetto! Il dolore la rinascita poi i pianti le liti le bugie i racconti dei trascorsi periodi a vivacchiare da un locale all'altro quando magari io mi dispersivo a chiedermi dove fosse e se segretamente gli mancano! Poi le liti an che ingiustificate i cambi d umore repentini le liti anche violente poo poi poi tanto dolore di quattordici anni illusa che lui potesse cambiare! Troppo tempo tanta vita tanta forza e tantissime rinunce persino di esistere a me stessa! Ora dopo tanti anni sono risorta ho cambiato rotta ho capito capire che se la vita la prendi tutta in mano tu non ci potrà essere nessun altro che può lasciarti in attesa di conferma perché ad attendere ci saranno solo le vostre rinunce unità alla vostra solitudine e sofferenza! Allora alle donne che leggono dico... Amatevi lottare per credere in voi stesse crescere dallimmobilosmo di lasciare la vostra vita in mano a uomini immaturi che non vogliono prendersi responsabilità e lasciate che il vostro cuore apra le porte ad un'altra vita ad un altro amore e vi allontani per sempre dal buio che vi siete circondate! Un abbraccio! Coraggio!
    1
    Rispondi a Lara Commenta l’articolo

  15. Avatar di Lara

    Lara 7 giorni fa (19 luglio 2017 23:24)

    Sparito innumerevoli volte motivo? Eh chi lo sa! Rinascendo ad ogni suo ritorno! Parlerei di quella volta al mare che giocava in acqua con l'amico e le due amiche poi le serate ad aspettarlo e non sapevo dove fosse salvo poi a dirmi che si era fermato a lavoro più del dovuto! Le promesse di vacanze assieme poi all'ultimo mi scaricava senza avvertimenti e senza preavviso sostituita dall'amico che si improvvisava una vacanza! Ed io che non vedevo l'ora di stare con lui! Invece svaniva a zonzo per locali a cercar donne più giovani attratto non da loro ma dalla sete di curiosità dell'approccio dell'interesse sfrenato di rubare una ragazza magari d'altri uomini perché prede più difficili ed immaginarsi una storia rovente di sesso! Ed io lo aspettavo con tutti questi film in testa che mi distruggevano! E lui che non aveva armi per giustificarsi utilizzava l aggressività per zittirmi e sedava le liti andandosene! Vivevamo già assieme non per scelta mia di certo...! Perché si era installato li dove vivevo senza chiedermelo ed assieme nello stesso tetto! Quanti pianti quante liti, le bugie i racconti dei trascorsi periodi a vivacchiare da un locale all'altro quando magari io mi disperavo a chiedermi dove fosse e se segretamente gli mancavo! Lavorava sporadicamente e quando venne a vivere da me non approccio' mai a dividere le bollette! Venivo usata come mezzo per irresponsabilizzarsi del tutto! Io invece lavoravo sodo mi sono sempre data da fare! Ora mi viene da ridere a pensarci ma le sofferenze di quegli anni trascorsi erano tante ed ero psicologicamente a pezzi! Volevo solo una cosa essere amata ed essere ricambiata attraverso una relazione stabile con un uomo maturo che sapeva ricambiare il mio amore! Quell'uomo era solo frutto della mia fantasia a creazione di cio' che non esisteva e che non avrebbe mai potuto esistere! Alimentavo un amore inesistente! Poi le liti anche ingiustificate i cambi d umore repentini! Dopo tanto dolore e otto anni illusa che lui potesse cambiare ho cambiato io! Me ne sono andata in un altro paese in un altra provincia ed ho ricominciato da dove avevo finito! Per fortuna non c'erano figli a gravare la situazione! Troppo tempo, tanta vita e tanta forza e molte rinunce! Stufa persino di esistere a me stessa! Ora dopo tanti anni sono risorta ho cambiato vita sono single ma devo ancora finire di metabolizzare il vissuto che credetemi è stato duro quel periodo ed ho capito che se la vita la prendi tutta in mano tu non ci potrà essere nessun altro che può lasciarti in attesa di conferma o sospendere la tua esistenza per compiacere solo a se stesso! Questo perché ad attendere ci saranno solo le vostre rinunce unita la vostra solitudine e sofferenza che difficilmente potranno essere condivise dalla vostra cerchia di conoscenze! Allora alle donne che hanno vissuto qualcosa di simile alla mia esperienza e leggono la mia storia dico... Amatevi! lottate per credere in voi stesse crescete dall'immobilismo in cui questi uomini vi inducono! Non lasciate la vostra vita in mano a uomini immaturi che non vogliono prendersi responsabilità e fate in modo che il vostro cuore apra le porte ad un'altra vita ad un altro amore più profondo basato prima di ogni cosa sul rispetto per voi stesse e vi allontani per sempre dal buio che vi siete circondate! Un abbraccio! Coraggio! Tanto coraggio!
    8
    Rispondi a Lara Commenta l’articolo

    • Avatar di Ilaria Cardani

      Ilaria Cardani 7 giorni fa (19 luglio 2017 23:33)

      Più che immaturo, abusivo. A chi chiede cosa vuol dire perverso narcisista ecco, qui c'è descritto tutto perfettamente. Complimenti per la sintesi, per la consapevolezza e soprattutto per quello che hai fatto. Enorme. Tanto di cappello.
      7
      Rispondi a Ilaria Cardani Commenta l’articolo