Perché gli uomini spariscono: le tante (spesso insensate) ragioni di un comportamento molto diffuso

perché gli uomini sparisconoAccidenti, è davvero un fenomeno molto comune, quasi ovvio e normale per alcuni e tutto dei nostri tempi: gli uomini che dopo una lunga o breve frequentazione – puf! – da un giorno all’altro si smaterializzano e non si trovano. Scompaiono. Sono irreperibili. Ma perché gli uomini spariscono?

"È davvero il tuo posto quando riesce ad essere anche la tua via di fuga. saraturchina –  Twitter"

Che cosa spinge persone con le quali si era instaurata (o almeno si credeva) una relazione di affetto, magari di intimità e fors’anche di amore a tagliare la corda e a non farsi vedere e sentire mai più?

Le modalità di sparizione possono essere leggermente diverse le une dalle altre: c’è quello che dalla sera alla mattina non si fa più sentire, dopo averti dichiarato il suo amore e magari aver pianificato nei minimi dettagli una settimana di vacanza con te, solo tu e lui, il mese prossimo.

C’è colui che, di punto in bianco, dopo aver dimostrato una presenza assidua e finanche assillante, con 13 sms, 17 messaggi whatsapp e 9 chiamate quotidiane per parlare del nulla, passa a uno svogliato sms al giorno e a una telefonata affrettata ogni tre e poi, in capo a paio di settimane, nulla più.

Magari vi siete conosciuti da poco ma tra voi c’è già stata tanta (presunta) intimità emotiva e anche fisica; oppure avevate incominciato a vedervi dopo una lunga frequentazione virtuale (via chat e affini); oppure eravate addirittura fidanzati, stavate facendo progetti seri e a lungo termine.

Le “sparizioni”, sebbene caratteristiche dei nostri tempi, in realtà sono una vecchia storia: da sempre molti padri di famiglia sono scomparsi nel nulla uscendo per fare benzina e/o comprare le sigarette.

O molti simpaticoni, in tempi in cui certe libertà della donna non erano acquisite – ma anche oggi – hanno piantato in asso la propria partner al solo sospetto che aspettasse un bambino.

Non facciamo finta di non sapere e di non ricordare. Non ci sono più gli uomini di una volta, che erano stronzi come quelli di questa volta.

Personaggi famosi hanno costruito le proprie fortune raccontando le storie dei loro o altrui padri dissoltisi da un momento all’altro e mai più riapparsi (se non per battere cassa, se del caso, dopo essere diventati bisnonni). O delle loro ragazze-madri.

Quindi il cavalleresco e virile gesto della fuga è da sempre tipicamente maschile. Altro che principi che uccidono draghi o eroi senza macchia e senza paura che si prendono cura di orfani e vedove o coraggiosi cacciatori pronti a stendere un mammuth con sassi e fionde. Balle.

E siamo sempre qui: perché gli uomini spariscono? Perché un corteggiatore, un partner, un fidanzato o addirittura un marito decidono di andarsene senza lasciare tracce, senza “chiudere”, senza fornire una spiegazione?

Soprattutto, dopo quello che c’è stato – poco o tanto che sia – perché se ne vanno senza nemmeno salutare?

Perché gli uomini spariscono: non è colpa tua

Già, ma quanto dà i nervi che le persone (chiunque esse siano e qualunque sia la situazione) se ne vadano senza una frase di congedo, una spiegazione qualsivoglia, un saluto.

C’è di che diventare matti, in effetti.

E le donne vittime di uomini che spariscono, spesso non se ne fanno una ragione e comprensibilmente: prima si preoccupano (magari temono che al lui in questione sia successo qualcosa di orribile); poi si danno delle spiegazioni razionali (“Avrà da fare, ci saranno imprevisti e novità spiacevoli che lo occupano e lo distraggono suo malgrado”), poi si arrabbiano e decidono di rivendicare  (e cominciano a cercarlo, senza fortuna e a chiedere ragioni e spiegazioni che non arrivano, o a supplicare), in ultimo si colpevolizzano. Si danno la colpa. Cercano in se stesse magagne incurabili. Si attribuiscono difetti, fisici, caratteriali orribili e inadeguatezze sessuali irrecuperabili…

Autocolpevolizzarsi è lo sport preferito dalle donne, in cui quasi tutte sono delle fuoriclasse. E di fronte agli uomini che spariscono ogni donna tira fuori il meglio di sé per quel che riguarda l’autosvalutazione e la picconatura delle proprie sicurezze: “E’ colpa mia; sono stata troppo assillante, bisognosa, precipitosa. Non gli ho lasciato i suoi spazi, non l’ho capito e non gli ho dato ciò di cui aveva bisogno.”

Stupidaggini, queste sono delle sonore stupidaggini. La donna bisognosa, rompiscatole e attaccaticcia, che vuole sposare uno conosciuto da appena due ore è insopportabile, certo. Allo stesso tempo questo fatto non giustifica l’atteggiamento contraddittorio del perla di turno che prima vuole frequentarla per un x periodo di tempo e poi smette di punto in bianco.

Cioè, mettiamo pure che tu sia assillante, controllante e soffocante: beh, se ne è accorto di colpo, dopo averti corteggiato per un po’, essere venuto a letto con te e magari – come spesso accade – averti fatto anche spericolate e quasi incredibili dichiarazioni d’amore? Se è così è comunque un vero perla.

"La morte raggiunge anche l’uomo che fugge. Orazio"

Allora: se pensa che tu sei insopportabile è stato un cretino a frequentarti, fin da subito. Debosciatello dei miei stivali.

Se ti sei trovata ripetutamente nelle vesti di coprotagonista della “Misteriosa storia dell’uomo innamorato scomparso senza spiegazioni dalla sera alla mattina” probabilmente sai meglio di me che è il susseguirsi di queste storie che ha minato la tua fiducia negli uomini e in un futuro sereno accanto a un partner serio e soprattutto affidabile.

So bene che l’autostima di molte donne viene più intaccata da tante sparizioni come queste che, per dire, forse esagerando un po’, da una storia abusiva o da una separazione contrastata o da un divorzio doloroso.

Anche se sembra sproporzionato, è più che verosimile che una si faccia una ragione di un matrimonio finito in modo drammatico e si prepari a vivere una nuova vita, con le gioie e le difficoltà che tale nuova vita può comportare, ma allo stesso tempo non riesca a comprendere perché gli uomini spariscono e soprattutto si comportano in modo tanto vigliacco.

In altre parole: va bene essere reduce da una storia importante finita male, ma quel che fa perdere fede e fiducia nel genere maschile, non è il grande amore conclusosi in modo crudele, ma lo stillicidio di storie finite ancora prima di cominciare, per le ragioni più stolide, non ultimo per il fatto che molti uomini con i quali sembrava essere nato qualcosa, scompaiono nel nulla dall’oggi al domani.

Come classificare un uomo che scompare: zero aspettative

Insomma, se si sono avute delle grandi delusioni, bisogna evitare quelle piccole, dato che spesso le piccole delusioni minano l’autostima più delle grandi.

Ecco perché è bene capire perché gli uomini spariscono. Sempre che sia importante: uno che sparisce va lasciato nel cimitero degli elefanti, degli stronzi che se ne vanno senza avere nemmeno il coraggio di chiudere. Questo in sintesi. Ma ti dò anche l’analisi, dato che so che sei curiosa.

Ci sono una serie di regole fondamentali per smettere di soffrire per amore e trovarlo per davvero questo benedetto amore:

1) evitare gli uomini sbagliati

2) e dunque saperli riconoscere velocemente, in modo da tenerli a distanza preventivamente, prima che si sentano autorizzati a fare danno ‘sti imbecilli

3) dimenticarsi e archiviare i molti nani che si incontrano e che mostrano comportamenti sociopatici o stronzi o anche solo cafoni.

Inoltre bisogna considerare che sì, è fondamentale osservarsi con un po’ di autocritica e soprattutto tendere sempre al miglioramento di sé, ma è altrettanto fondamentale tenere a mente che nel mondo là fuori, quello vero e non quello che ti raccontano in famiglia/scuola/amicizie/giornali e tv ci sono un sacco di mediocri che non meritano attenzione ed energie.

Persone che non rispettano impegni, ingannano, non pagano fatture etc ce ne sono tantissime e spesso rimangono impunite, ecco perché perserverano nei loro comportamenti scorretti.

Le nostre città più belle, il nostro paese e le nostre istituzioni sono per lo più in mano a persone o a gruppi di persone che, se fossero sedute vicino a noi in treno, ci stringeremmo la borsa in grembo per paura che ci rubino il portafoglio…

Che vuoi pretendere da un uomo qualunque che gioca con i sentimenti di una donna, quando di sentimenti nulla sa? Che si faccia scrupoli? Che abbia un certo senso dell’onore e del rispetto dell’impegno preso e della parola data?

Ma no, dài. Un po’ di cinismo e di disincanto.

Questo è l’atteggiamento mentale dal quale partire: proteggerti sempre, contare sulla tua astuzia e scaltrezza e non farti aspettative sugli altri.

Ma non perché il mondo è brutto e cattivo: il mondo e la vita sono bellissimi. Solo che pidocchi, sanguisughe e ladri di ogni genere sono anche nei posti più belli. Tutto qui. Basta saperlo.

Non è che non bisogna avere fiducia negli altri. Bisogna avere fiducia solo in alcuni, pochi, sceltissimi.

Prima selezionare, conoscere, soppesare e mettere alla prova. E poi magari chissà cominciare a concedere un po’ di se stesse.

Non il contrario.

Chiaro?

10 motivi per i quali gli uomini scompaiono

Il primo motivo per il quale un uomo sparisce è di una banalità disarmante. Si tratta di un cafone, maleducato, scortese, che non conosce le regole della buona educazione. Hai idea di quanti supercafoni girano al mondo, a tutti i livelli? Quelli le cui madri vanno in giro dicendo: “Ho un figlio meraviglioso”. Seee…

Il secondo motivo è che ha una capacità di empatia sotto lo zero. Zero intelligenza emotiva. Zero interesse per la cosa davvero importante della vita: considerare gli altri – tutti gli altri – come compagni di viaggio degni di rispetto, attenzione e scambio. Sai che gli frega a lui delle relazioni umane? Nulla. Ma proprio nulla, veh. Semmai il suo problema è che Piguain sia passato al Real Madrid e che non abbiano lasciato giocare Storti, dopo il rigore, ecco.

Il terzo motivo è che è un essere umano di una pigrizia patologica e perversa: troppa fatica andarsene dando uno straccio di spiegazione. Una volta si chiamava accidia, il torpore esistenziale, per i cattolici uno dei sette vizi capitali, ecco.

Il quarto motivo è che è un vigliacchetto (o vigliaccone): ha paura di chiudere, di congedarsi, di salutare. E’ un adolescente dentro. Ma di quelli nemmeno particolarmente intelligenti.

Il quinto motivo è che ha paura della tua reazione. Sa che non saprebbe come gestirti, come rispondere, come spiegarsi. Un impedito della vita. Ma non saprebbe come gestirti, perché non sa nemmeno che cosa sta facendo. E’ inconsapevole di se stesso e della vita che vive. Un mollusco, ecco.

Il sesto motivo è che finora ha raccontato un sacco di bugie: a se stesso, a te, magari a qualcun’altra. Forse si sta vedendo con un’altra donna; forse era impegnato già da prima; forse si è accorto che si è fatto prendere la mano (mica è uno che si controlla lui e che pensa e soppesa le possibili conseguenze della sue azioni, vive alla giornata, non pensa al domani, è nel qui e ora, sta rilassato, ecchecavolo) e adesso è pentito di essersi spinto oltre con te e non osa rimangiarsi tutto affrontando la propria melmosità faccia a faccia.

Il settimo motivo è che consapevole di essere un perla e si vergogna mortalmente di quello che ti vuol fare (mollarti dopo aver iniziato e continuato qualcosa con te).

L’ottavo motivo è che si sente “schiacciato dalla responsabilità” del rapporto con te. Ha fatto di tutto per legarti a lui perché questo caricava il suo ego e ora che il legame si è instaurato, pensa di essere incatenato e la responsabilità gli fa paura (accidenti!) e siccome gli fa così tanta paura, non si prende nemmeno la responsabilità di tagliare la corda.

Il nono motivo è che sa che ti sta deludendo, provocando un dispiacere o addirittura dando un dolore e a lui i lutti non piacciono e il dolore tanto meno (questa mi è venuta dalla suggestione di una battuta semiseria fatta dalla psicoterapeuta Esther Perel  in un dialogo con l’antropologa e psicosessuologa Helen Fisher in un dibattito tra loro alla fine di un discorso di Ted dedicato all’influenza della tecnologia sulle relazioni.

Il decimo motivo è che ha proprio voluto farti del male, godendo del tuo dispiacere. Gode nell’avere tanto potere da far soffrire una persona. E’ un sadico. Uno psycho. Uno stronzo. Chiamalo come vuoi, basta che ti sia chiaro che è un mostro. Punto. Basta. Fine.

Lui è scomparso. Che cosa puoi fare tu

Un uomo che scompare dopo che sembrava che tutto filasse per il meglio in una relazione è una frustrazione da elaborare mica da ridere. Ripeto: spesso sono più distruttive queste sequele di micro frustrazioni di quanto può esserlo un evento tragico quale una relazione abusiva o l’abbandono da parte del compagno di una vita.

Superare una frustrazione è una sfida. Superare le frustrazioni è essenziale.

E poi la vita è piena di sfide: questa nello specifico è importante vincerla perché non è oggettivamente una tragedia (anzi, che il perla si sia dileguato è una fortuna) e  ti mette faccia a faccia con il senso della tua dignità e ti può permettere, con un piccolo sforzo e un atto di volontà, di proteggere la tua autostima, ma anche di accrescerla in modo di uscirne più forte e più sicura.

"Io per prima cosa ti costruisco tutte le vie di fuga. Non voglio pensare che rimani perché non te ne potevi andare. followfabrizio, Twitter"

Insomma, hai un’ottima opportunità per fare un corso accelerato di “Gestione e manutenzione della propria dignità e sviluppo dell’autostima” in un caso di vita reale. Cara la mia fortunella…

Qual è la direzione giusta da prendere, allora?

  1. Metti tutto nella giusta prospettiva: un buzzurro inaffidabile si è tolto dai piedi. Con il senno di poi pensi che avresti davvero potuto combinarci qualcosa di buono?
  2. Fai un rapido report in cui prendi nota di tutte le idiozie che ti ha detto e ha fatto prima di scomparire. Oggettivamente e con distacco, non ti fa ridere tutto ciò? Lui non è un miserabile che alla fine suscita pena? Ridici su, in modo da potenziare il tuo senso dell’umorismo, per il prossimo imbecille che incontrerai (e che grazie all’esperienza saprai riconoscere ed evitare). Semmai condividi: scrivi le perlate di colui qui sul blog, in modo da ampliare il nostro bagaglio culturale e non sprecare un patrimonio di conoscenza fondamentale. Gli idioti sono inutili e dannosi, a prescindere, ma possono essere preziosi maestri.
  3. L’ha fatto con te, ma l’ha fatto o lo farà anche con altre: il problema è suo. E’ un problema serio, dato che è un problema di molti, in un mondo sempre più affollato di mediocri emotivamente impotenti. E molto spesso non solo emotivamente.
  4. Ributtati a capofitto nei tuoi obiettivi personali, fosse anche solo imparare a pattinare con disinvoltura nei prossimi tre mesi (io non ce la facendo a imparare a pattinare con disinvoltura in tre mesi, mi hanno messo nel corso ripetenti, ma ce la sto mettendo tutta, giuro. Sai come ti insegnano bene a fare gli slalom quando fai lezione di pattini? Ecco. Questo sì che è utile).
  5. Non comprare quello che credi che il vigliacco abbia voluto venderti: che sei tu quella che non vale abbastanza, tanto da non meritarsi nemmeno un saluto. E’ lui che ha questo stile di comportamento. Detestabile. E di sicuro non ce l’ha solo nei rapporti di coppia. E’ una persona inaffidabile a 360 gradi. Brrr. Lontano, via, sciò.
  6. Che ti frega di lui? Lascia perdere. La vita è molto di più di queste scemenze. Più pensi a lui (e ai tanti come lui) più ti impedisci di trovare un uomo che sia un vero uomo e non una mezza calza. Davvero, tempo ed energie spesso.

In definitiva la risposta alla domanda perché gli uomini spariscono è: spariscono i vigliacchi privi di spessore umano. Se spariscono sono vigliacci privi di spessore umano. E tu con questi – voglio ben sperare – non vuoi avere nulla a che fare, giusto? Lasciami le tue testimonianze, per favore. Le perlate, soprattutto.

 

Lascia un Commento!

582 Commenti

  1. Avatar di Carla

    Carla 3 mesi fa (1 marzo 2018 10:03)

    Buongiorno a tutte, prezioso per me in questo momento questo articolo, vorrei cercare di capire se la persona che stavo frequentando corrisponde a questa categoria e come comportarmi ora. Ci conosciamo tramite amici comuni che ci presentano su fb circa 1 anno fa, dopo 3 mesi di chattate e telefonate ci incontriamo, dopo qualche incontro nasce una storia, lui molto esaltato, tanti complimenti, dopo 2 mesi voleva salire a casa conoscere il mio bimbo farmi conoscere la sua famiglia (uomo 46 enne mai sposato senza figli) io ho frenato un po'. Passano mesi, trascorriamo bei fine settimana insieme inizio io a parlare di approfondire la storia, mi dice che certo sarebbe difficile nelle "nostre condizioni" così diverse, andiamo avanti pare eviti sempre il discorso nell 'ultimo incontro ci lasciamo che avremmo dovuto parlare di come proseguire. Be' che fa? Sparisce.. Gli ultimi giorni notavo meno messaggi, (solitamente me ne inviava almeno 5 durante la giornata augurandomi il buongiorno la buona notte ecc e tutte le sere ci sentivamo) meno chiamate per poi dileguarsi completamente nell'arco di 3 giorni, ultimo messaggio il mio a cui risponde molto freddamente poi più nulla. Io sono rimasta pietrificata, non l 'ho chiamato né scritto più, ma vivo nell'attesa di un suo messaggio ormai da un mese e dentro sto malissimo, non mi era mai capitata una cosa del genere, una chiusura così irrispettosa. So solo che sta bene(ho pensato anche gli fosse successo qualcosa) perché ancora abbiamo amicizia su fb, vedo che esce con amici e amiche, si diverte e questo mi fa stare ancora peggio.
    0
    Rispondi a Carla Commenta l’articolo

    • Avatar di Ilaria Cardani

      Ilaria Cardani 3 mesi fa (1 marzo 2018 11:33)

      Non è un uomo è un imbroglio, ce ne sono tanti così, che si divertono alle spalle delle donne. Vai oltre e non contare su nessun suo contatto, anche perché se ci fosse, sarebbe peggio. Ti consiglio di leggere anche questi articoli: http://www.lapersonagiusta.com/capire-gli-uomini/se-un-ragazzo-non-ti-cerca/, http://www.lapersonagiusta.com/capire-gli-uomini/uomini-da-evitare/, http://www.lapersonagiusta.com/psicologia-maschile/uomini-che-giocano-con-i-sentimenti/, http://www.lapersonagiusta.com/problemi-di-cuore/psicologia-maschile-attrazione-seduzione/, http://www.lapersonagiusta.com/psicologia-maschile/quando-un-uomo-non-ti-cerca/, http://www.lapersonagiusta.com/psicologia-maschile/lui-non-mi-cerca/.
      0
      Rispondi a Ilaria Cardani Commenta l’articolo

    • Avatar di Carla

      Carla 3 mesi fa (1 marzo 2018 13:30)

      Grazie Ilaria ho letto Il velocista potrebbe essere lui quindi quando inizialmente diceva di essere pronto per una storia con una mamma separata non era vero?era solo preso dall'esaltazione iniziale? Mi consigli di non contattarlo anche solo per sfogo prima di chiudere definitivamente?
      0
      Rispondi a Carla Commenta l’articolo

    • Avatar di Ilaria Cardani

      Ilaria Cardani 3 mesi fa (1 marzo 2018 14:04)

      No, non era vero. Qui di recente abbiamo discusso degli uomini che manipolano le donne per una loro esigenza di normalità. Il primo segnale, da persone con i piedi per terra (come vogliamo essere qui) da tenere in considerazione riguardo questo personaggio è che ha 46 anni, non ha figli e da quel che ho capito non ha mai avuto una relazione di coppia diciamo di tipo "matrimoniale". Non ne parliamo del fatto che su FB mostra di uscire con amici e amiche e che voleva (diceva di volere) presentarti alla famiglia. Al di là del fatto che io per prima sono contraria a qualsiasi giudizio e soprattutto a incasellare le persone per le loro scelte di vita, chi non è ingenuo deve tenere conto di certi aspetti. E qui il suo stile di vita ci dice che costui ha un comportamento adolescenziale, che indica innanzitutto immaturità e inaffidabilità, ma soprattutto la probabile presenza di problemi più seri, nell'ambito per esempio della sessualità. Ma del resto, il comportamento che ha avuto con te, non è di per sé problematico? Ti sembra che una persona adulta e sana si comporti così? L'esigenza di normalità nasce dalla consapevolezza di avere tutti questi problemi e una vita non "uniformata". Una donna (o un uomo per una donna) dà subito idea di normalità, anche (soprattutto) in pubblico. ATTENZIONE: tu sei una mamma separata. Non so tu come ti senta rispetto a questa tua condizione, ma è risaputo che una delle "ansie" proprie delle donne single con figli è l'avere più difficoltà a trovare un partner per la presenza dei figli. Dato che lui voleva sedurti, ti ha detto che era pronto ad avere una relazione con una madre separata. Io non ho ancora capito che cosa significhi "essere pronto", ma è evidente che con questo lui ti ha colpito al cuore toccando un tuo punto debole. Se tu fossi stata distante geograficamente, ti avrebbe detto che la distanza non lo spaventa; con una malattia cronica (scongiuri!!!), che non gliene fregava niente, e via così, riempi li spazi bianchi con quello che vuoi. Tanto quando si tratta di mentire, si può dire tutto. Il mio consiglio, che ribadisco a te con affetto ed empatia, è tagliare da subito e per davvero qualsiasi contatto e continuare la tua vita, con fiducia e amore per te stessa.
      1
      Rispondi a Ilaria Cardani Commenta l’articolo

    • Avatar di Carla

      Carla 3 mesi fa (1 marzo 2018 15:29)

      Grazie Ilaria da questo tuo post ho capito ancora di più tutto quello che è successo...lui ha avuto una convivenza di 3 anni ma non ho capito mai perché finita, lei lo ha mandato via di casa, poi voglio aggiungere una cosa hai centrato un altro punto importante che io avevo omesso anche un po' per pudore, ma tanto siamo tra adulti, ha anche un problema sessuale al quale sembri non dia troppa importanza, una specie di impotenza diciamo. Da quello che posso capire quindi ci sono uomini che vorrebbero una vita normale, perché hanno problemi, infatti se ci penso ora l' esaltazione iniziale di volermi presentare alla famiglia agli amici poteva essere una ricerca di normalità. Si il fatto di avermi detto che era pronto per una storia con una donna con figlio mi ha lusingata in quanto a volte ancora oggi noi donne separate che in più ci troviamo a crescere da sole un figlio siamo un po' viste come "problematiche" per un uomo e per convincermi ancor più di questo mi ha detto che già aveva avuto una storia con una separata con un bimbo e che si era affezionato molto al bambino e poi lei "poco di buono" l' aveva lasciato. Certo e' che il comportamento con me e il fatto che ora ci tenga a far vedere che si diverte con gli amici e altre donne non è segno di maturità ma anche di poca sensibilità nei miei confronti. Una domanda però mi sorge per il futuro e' quindi un campanello d'allarme secondo te conoscere uomini che ad una certa età non hanno avuto figli o sono stati sposati? Grazie ancora dei preziosi consigli, anche per l'empatia un abbraccio con affetto.
      -1
      Rispondi a Carla Commenta l’articolo

    • Avatar di Ilaria Cardani

      Ilaria Cardani 3 mesi fa (1 marzo 2018 15:44)

      Un indizio è un indizio, tre indizi fanno una prova: uno può essere stato sposato (ma io ho usato un altro termine, ho parlato di relazione di tipo matrimoniale, per intendere una relazione seria e impegnativa, una convivenza, ci sono persone che non si sposano perché non ci tengono al legame istituzionale, nulla di che) e non aver avuto dei figli, succede per molte ragioni; uno può avere avuto dei figli da storie importanti, poi finite; qui è l'insieme dei fattori che porta a una conclusione abbastanza ovvia, la problematicità del soggetto. Una precisazione: io non ho detto e non penso che loro vogliano o vorrebbero una vita normale. Se la mettiamo così cadiamo nella sindrome del "Oh, poverino!". "Lui tanto vorrebbe (quindi in fondo in fondo è in buona fede), ma proprio non può!" No, loro sono consapevoli della loro inadeguatezza di fronte al mondo e allora mettono insieme questi teatrini per sembrare "normali" di fronte ai più. Un po' come gli impotenti che si sposano o gli omosessuali che una volta cercavano matrimoni di copertura (e alcuni lo fanno tuttora). Una provocazione molto importante: ma se questo aveva certi "problemini", non era il caso di chiudere subito, da parte tua, senza se e senza ma? Ricordatevi che i problemi o le "stranezze" a letto non solo non sono per nulla piacevoli (che senso ha stare con uno che non funziona?), ma soprattutto sono il sintomo di problemi molto più complessi.
      0
      Rispondi a Ilaria Cardani Commenta l’articolo

    • Avatar di Carla

      Carla 3 mesi fa (1 marzo 2018 16:24)

      Capisco la provocazione diciamo che era molto presente affettuoso e questo un po' compensava, poi a volte anche se con fatica riusciva quindi sono andata avanti, ma ora che rifletto con te tanti segnali c'erano. Mi servirà spero questa esperienza per il futuro.Grazie ancora
      0
      Rispondi a Carla Commenta l’articolo

    • Avatar di Ilaria Cardani

      Ilaria Cardani 3 mesi fa (1 marzo 2018 16:30)

      Continua a seguire il blog, è un buon appoggio per mantenere l'equilibrio e il senso di realtà.
      0
      Rispondi a Ilaria Cardani Commenta l’articolo

    • Avatar di Carlotta

      Carlotta 3 mesi fa (1 marzo 2018 22:38)

      Ciao Ilaria, posso chiederti quali sono gli indizi dai quali hai colto che quest’uomo ha problemi sessuali? Ci sono dei comportamenti sintomatici (con quasi certezza) di problemi di impotenza? Grazie.
      0
      Rispondi a Carlotta Commenta l’articolo

    • Avatar di Ilaria Cardani

      Ilaria Cardani 3 mesi fa (1 marzo 2018 22:56)

      Carlotta, mi fai una domanda alla quale è quasi impossibile rispondere senza avvoltolarsi o inciampare. Ti rispondo in modo molto sintetico e asciutto: chi fugge/sfugge da certe situazioni ha sempre dei problemi, degli imbarazzi o dei limiti riguardo alle specifiche di quelle situazioni. Si può trattare di comportamenti completamente consci, trasparenti, volontari e di difesa oggettiva e funzionale (es: soffro il mal d'auto, anche per non complicare la vita agli altri evito l'auto) oppure inconsci e disfunzionali (ho paura delle relazioni e mi metto sempre con uomini sbagliati oppure mi trascuro in modo da non essere attraente). Si tratta di esempi semplificati, ma reali. E allora, chi mette su un circo come quello di questi signori, dato anche le caratteristiche della sessualità maschile e la cultura collegata, sta fuggendo da situazioni difficili. Ecco come lo deduco. E ti garantisco che gira e rigira le questioni sono sempre quelle. Conto di essermi spiegata. P.S. Ecco perché non mi stancherò mai di ripetere che quando "annusate" che qualcosa non torna non dovete mettervi in discussione, sentirvi poco amate o fallite, ma ritenervi fortunate e scappare, perché la punta dell'iceberg non è nulla rispetto a quello che c'è sotto... P.S. 2 L'impotenza può essere uno dei tanti problemi, probabilmente anche dei più frequenti, ma ce ne sono, sempre in quella sfera, di tanti altri, forieri di grane e di sofferenze a non finire per chi decide di avere relazioni con certi soggetti.
      0
      Rispondi a Ilaria Cardani Commenta l’articolo

    • Avatar di Carlotta

      Carlotta 3 mesi fa (2 marzo 2018 8:16)

      Grazie Ilaria. Un abbraccio e buona giornata di neve.
      0
      Rispondi a Carlotta Commenta l’articolo

    • Avatar di Chiara

      Chiara 3 mesi fa (4 marzo 2018 16:36)

      Ciao Ilaria, una domanda: nella mi (purtroppo) espeienza con questo tipo di uomini poco disponibili , che siano di quelli che spariscono, che ogn tanto ritornano, che manipolano...insomma la tipologia è quella, con tante sfaccettature diverse, ne ho trovato solo uno che aveva problemi nella sfera sessuale. Tutti gli altri erano fin troppo "sul pezzo" da quel punto di vista, perciò vorrei chiederti, anche la compulsività nell'avere tante donne (preferibilmente sposate, in modo he ci sia una bella scusa plausibile per non impegnarsi) per soddisfare il proprio ego (evidentemente) fa parte della disfunzionalità/problematicità, giusto? Grazie e buona domenica a tutte!
      0
      Rispondi a Chiara Commenta l’articolo

    • Avatar di Ilaria Cardani

      Ilaria Cardani 3 mesi fa (4 marzo 2018 18:04)

      Sì, se ho capito bene la domanda, il Don Giovanni, quello che deve conquistare compulsivamente, ha delle enormi inquietudini interiori. Tra l'altro non è detto che questi personaggi in una relazione stabile "funzionino" per davvero.
      0
      Rispondi a Ilaria Cardani Commenta l’articolo

    • Avatar di Chiara

      Chiara 3 mesi fa (4 marzo 2018 20:24)

      Interessante questa ultima considerazione...non ci avevo mai pensato in effetti! Anche perchè dopo aver capito la tipologia, me la sono sempre data a gambe in tempi abbastanza brevi, non tali da avere una relazione lunga e quindi non ho mai potuto verificare (per fortuna!) se in una relazione seria "funzionassero" davvero. Grazie Ilaria per la cortese risposta
      1
      Rispondi a Chiara Commenta l’articolo

    • Avatar di Livia

      Livia 3 mesi fa (1 marzo 2018 13:13)

      Cancellalo e bloccalo sia su fb che su wattsapp compreso anche il telefono. Meno lo vedi anche in foto e meglio stai. Un abbraccio
      0
      Rispondi a Livia Commenta l’articolo

    • Avatar di Carla

      Carla 3 mesi fa (1 marzo 2018 17:40)

      Grazie Livia un abbraccio anche a te.
      0
      Rispondi a Carla Commenta l’articolo

    • Avatar di Ivana

      Ivana 3 mesi fa (1 marzo 2018 17:05)

      Carla eliminalo dalla tua vita completamente. Non lo pensare più. Vai avanti , riprenditi. Impara da questa esperienza. Troverai di meglio. Voleva solo giocare così...un bambino.
      0
      Rispondi a Ivana Commenta l’articolo

    • Avatar di Carla

      Carla 3 mesi fa (1 marzo 2018 17:39)

      Grazie Ivana ora c'è tanta delusione dovrei fare il passo di bloccare tutto, io che aspettavo ancora un messaggio magari anche di addio e lui che non fa nulla invece per nascondere che esce, foto con altre donne amiche o non so cosa e dichiara di cercare l'anima gemella. Mah si tutto un gioco per lui, devo riuscire ad eliminarlo, prima dalla mia testa la cosa più importante.
      0
      Rispondi a Carla Commenta l’articolo

    • Avatar di Ivana

      Ivana 3 mesi fa (1 marzo 2018 19:04)

      Più irrispettoso, egoista, infantile di così...Se ti ami vedrai che lo dimenticherai presto...Non merita neanche un pensiero.
      1
      Rispondi a Ivana Commenta l’articolo

    • Avatar di Patrizia

      Patrizia 2 settimane fa (7 maggio 2018 17:26)

      C'è un delizioso film che si intitola "About a boy", con Hugh Grant (che praticamente interpreta se stesso), in cui lui, donnaiolo impenitente e bambinone decide di uscire con "mamme separate" e spiega i vantaggi di questa situazione, da cui è convinto di ricavare solo benefici (hai presente il termine "friends with benefits"' ecco, quei benefici)... Il film è molto carino e credo aiuti capire qualcosa di più della psicologia maschile, tanto più per una mamma separata. Istruttivo, e poi almeno ti passi due ore piacevoli.
      0
      Rispondi a Patrizia Commenta l’articolo

    • Avatar di Emilia

      Emilia 2 settimane fa (8 maggio 2018 0:33)

      Patrizia, mi hai fatto venire in mente un altro film - anche se non è un gran film - intitolato "Alfie", interpretato da Jude Law, un seduttore seriale che non vuole legami. È un film che mostra il punto di vista maschile, anche se onestamente la trama non è né originale né particolarmente interessante, dato che racconta qualcosa di già noto. Ovviamente il film, ad un certo punto, fa emergere la sensibilità del protagonista, che si rende conto delle occasioni perse a causa del suo atteggiamento nei riguardi delle donne. Alla fine non è un film da consigliare... L'unica cosa da segnalare è che ti mostra la concezione tipica dei donnaioli impenitenti, quelli che praticamente fingono di amare tante donne ma in realtà non ne amano nessuna. E anche quando sembra che si siano innamorati di qualcuna tra queste, si dimostrano incapaci di amare veramente.
      2
      Rispondi a Emilia Commenta l’articolo

    • Avatar di Livia

      Livia 2 settimane fa (11 maggio 2018 20:28)

      Questi soggetti non amano neanche se stessi, figuriamoci se possono amare anche una donna.
      0
      Rispondi a Livia Commenta l’articolo

    • Avatar di Atolla

      Atolla 1 settimana fa (12 maggio 2018 11:51)

      Però Alfie si prende un bello schiaffo al suo orgoglio quando, avendo riflettuto sul suo comportamento da sciupafemmine e volendo "redimersi", senza preavviso va a casa della sua amante del momento, Susan Sarandon, che nel film è una donna più matura del protagonista e molto intraprendente e vivace, le porta anche un mazzo di rose mi pare, ma davanti alla perplessa e distaccata accoglienza di lei gliene chiede il motivo, poi intuisce che non era sola in casa, apre la porta della camera da letto e vede un corpo maschile nudo dormiente a pancia in giù e piccato le chiede perché, percome, "cos'ha lui che io non ho??". La risposta di Susan è mitica: "E' più giovane di te". Ho visto questo film al cinema 13 o 14 anni fa, era appena uscito, ed ora mi hai fatto venir voglia di rivederlo :D
      1
      Rispondi a Atolla Commenta l’articolo

    • Avatar di Emilia

      Emilia 1 settimana fa (12 maggio 2018 12:29)

      Ciao Atolla, ahahahaha :D ...Io invece l'ho visto poco tempo fa per la prima volta. Ricordi bene quella sequenza! ;) Buon fine settimana
      1
      Rispondi a Emilia Commenta l’articolo

    • Avatar di Atolla

      Atolla 1 settimana fa (12 maggio 2018 14:53)

      Pensa che sono andata a rivedermela in streaming perché volevo rinfrescarmi la memoria :D a parte che lei non era perplessa e distaccata, non da subito almeno, tutto corrisponde, che memoria wow :D
      1
      Rispondi a Atolla Commenta l’articolo

    • Avatar di Emilia

      Emilia 1 settimana fa (12 maggio 2018 15:48)

      Però il mazzo non era di rose, ma di fiori di varia specie... Che grave errore! :D :D
      0
      Rispondi a Emilia Commenta l’articolo