Perché gli uomini spariscono: le tante (spesso insensate) ragioni di un comportamento molto diffuso

perché gli uomini sparisconoAccidenti, è davvero un fenomeno molto comune, quasi ovvio e normale per alcuni e tutto dei nostri tempi: gli uomini che dopo una lunga o breve frequentazione – puf! – da un giorno all’altro si smaterializzano e non si trovano. Scompaiono. Sono irreperibili. Ma perché gli uomini spariscono?

"È davvero il tuo posto quando riesce ad essere anche la tua via di fuga. saraturchina –  Twitter"

Che cosa spinge persone con le quali si era instaurata (o almeno si credeva) una relazione di affetto, magari di intimità e fors’anche di amore a tagliare la corda e a non farsi vedere e sentire mai più?

Le modalità di sparizione possono essere leggermente diverse le une dalle altre: c’è quello che dalla sera alla mattina non si fa più sentire, dopo averti dichiarato il suo amore e magari aver pianificato nei minimi dettagli una settimana di vacanza con te, solo tu e lui, il mese prossimo.

C’è colui che, di punto in bianco, dopo aver dimostrato una presenza assidua e finanche assillante, con 13 sms, 17 messaggi whatsapp e 9 chiamate quotidiane per parlare del nulla, passa a uno svogliato sms al giorno e a una telefonata affrettata ogni tre e poi, in capo a paio di settimane, nulla più.

Magari vi siete conosciuti da poco ma tra voi c’è già stata tanta (presunta) intimità emotiva e anche fisica; oppure avevate incominciato a vedervi dopo una lunga frequentazione virtuale (via chat e affini); oppure eravate addirittura fidanzati, stavate facendo progetti seri e a lungo termine.

Le “sparizioni”, sebbene caratteristiche dei nostri tempi, in realtà sono una vecchia storia: da sempre molti padri di famiglia sono scomparsi nel nulla uscendo per fare benzina e/o comprare le sigarette.

O molti simpaticoni, in tempi in cui certe libertà della donna non erano acquisite – ma anche oggi – hanno piantato in asso la propria partner al solo sospetto che aspettasse un bambino.

Non facciamo finta di non sapere e di non ricordare. Non ci sono più gli uomini di una volta, che erano stronzi come quelli di questa volta.

Personaggi famosi hanno costruito le proprie fortune raccontando le storie dei loro o altrui padri dissoltisi da un momento all’altro e mai più riapparsi (se non per battere cassa, se del caso, dopo essere diventati bisnonni). O delle loro ragazze-madri.

Quindi il cavalleresco e virile gesto della fuga è da sempre tipicamente maschile. Altro che principi che uccidono draghi o eroi senza macchia e senza paura che si prendono cura di orfani e vedove o coraggiosi cacciatori pronti a stendere un mammuth con sassi e fionde. Balle.

E siamo sempre qui: perché gli uomini spariscono? Perché un corteggiatore, un partner, un fidanzato o addirittura un marito decidono di andarsene senza lasciare tracce, senza “chiudere”, senza fornire una spiegazione?

Soprattutto, dopo quello che c’è stato – poco o tanto che sia – perché se ne vanno senza nemmeno salutare?

Perché gli uomini spariscono: non è colpa tua

Già, ma quanto dà i nervi che le persone (chiunque esse siano e qualunque sia la situazione) se ne vadano senza una frase di congedo, una spiegazione qualsivoglia, un saluto.

C’è di che diventare matti, in effetti.

E le donne vittime di uomini che spariscono, spesso non se ne fanno una ragione e comprensibilmente: prima si preoccupano (magari temono che al lui in questione sia successo qualcosa di orribile); poi si danno delle spiegazioni razionali (“Avrà da fare, ci saranno imprevisti e novità spiacevoli che lo occupano e lo distraggono suo malgrado”), poi si arrabbiano e decidono di rivendicare  (e cominciano a cercarlo, senza fortuna e a chiedere ragioni e spiegazioni che non arrivano, o a supplicare), in ultimo si colpevolizzano. Si danno la colpa. Cercano in se stesse magagne incurabili. Si attribuiscono difetti, fisici, caratteriali orribili e inadeguatezze sessuali irrecuperabili…

Autocolpevolizzarsi è lo sport preferito dalle donne, in cui quasi tutte sono delle fuoriclasse. E di fronte agli uomini che spariscono ogni donna tira fuori il meglio di sé per quel che riguarda l’autosvalutazione e la picconatura delle proprie sicurezze: “E’ colpa mia; sono stata troppo assillante, bisognosa, precipitosa. Non gli ho lasciato i suoi spazi, non l’ho capito e non gli ho dato ciò di cui aveva bisogno.”

Stupidaggini, queste sono delle sonore stupidaggini. La donna bisognosa, rompiscatole e attaccaticcia, che vuole sposare uno conosciuto da appena due ore è insopportabile, certo. Allo stesso tempo questo fatto non giustifica l’atteggiamento contraddittorio del perla di turno che prima vuole frequentarla per un x periodo di tempo e poi smette di punto in bianco.

Cioè, mettiamo pure che tu sia assillante, controllante e soffocante: beh, se ne è accorto di colpo, dopo averti corteggiato per un po’, essere venuto a letto con te e magari – come spesso accade – averti fatto anche spericolate e quasi incredibili dichiarazioni d’amore? Se è così è comunque un vero perla.

"La morte raggiunge anche l’uomo che fugge. Orazio"

Allora: se pensa che tu sei insopportabile è stato un cretino a frequentarti, fin da subito. Debosciatello dei miei stivali.

Se ti sei trovata ripetutamente nelle vesti di coprotagonista della “Misteriosa storia dell’uomo innamorato scomparso senza spiegazioni dalla sera alla mattina” probabilmente sai meglio di me che è il susseguirsi di queste storie che ha minato la tua fiducia negli uomini e in un futuro sereno accanto a un partner serio e soprattutto affidabile.

So bene che l’autostima di molte donne viene più intaccata da tante sparizioni come queste che, per dire, forse esagerando un po’, da una storia abusiva o da una separazione contrastata o da un divorzio doloroso.

Anche se sembra sproporzionato, è più che verosimile che una si faccia una ragione di un matrimonio finito in modo drammatico e si prepari a vivere una nuova vita, con le gioie e le difficoltà che tale nuova vita può comportare, ma allo stesso tempo non riesca a comprendere perché gli uomini spariscono e soprattutto si comportano in modo tanto vigliacco.

In altre parole: va bene essere reduce da una storia importante finita male, ma quel che fa perdere fede e fiducia nel genere maschile, non è il grande amore conclusosi in modo crudele, ma lo stillicidio di storie finite ancora prima di cominciare, per le ragioni più stolide, non ultimo per il fatto che molti uomini con i quali sembrava essere nato qualcosa, scompaiono nel nulla dall’oggi al domani.

Come classificare un uomo che scompare: zero aspettative

Insomma, se si sono avute delle grandi delusioni, bisogna evitare quelle piccole, dato che spesso le piccole delusioni minano l’autostima più delle grandi.

Ecco perché è bene capire perché gli uomini spariscono. Sempre che sia importante: uno che sparisce va lasciato nel cimitero degli elefanti, degli stronzi che se ne vanno senza avere nemmeno il coraggio di chiudere. Questo in sintesi. Ma ti dò anche l’analisi, dato che so che sei curiosa.

Ci sono una serie di regole fondamentali per smettere di soffrire per amore e trovarlo per davvero questo benedetto amore:

1) evitare gli uomini sbagliati

2) e dunque saperli riconoscere velocemente, in modo da tenerli a distanza preventivamente, prima che si sentano autorizzati a fare danno ‘sti imbecilli

3) dimenticarsi e archiviare i molti nani che si incontrano e che mostrano comportamenti sociopatici o stronzi o anche solo cafoni.

Inoltre bisogna considerare che sì, è fondamentale osservarsi con un po’ di autocritica e soprattutto tendere sempre al miglioramento di sé, ma è altrettanto fondamentale tenere a mente che nel mondo là fuori, quello vero e non quello che ti raccontano in famiglia/scuola/amicizie/giornali e tv ci sono un sacco di mediocri che non meritano attenzione ed energie.

Persone che non rispettano impegni, ingannano, non pagano fatture etc ce ne sono tantissime e spesso rimangono impunite, ecco perché perserverano nei loro comportamenti scorretti.

Le nostre città più belle, il nostro paese e le nostre istituzioni sono per lo più in mano a persone o a gruppi di persone che, se fossero sedute vicino a noi in treno, ci stringeremmo la borsa in grembo per paura che ci rubino il portafoglio…

Che vuoi pretendere da un uomo qualunque che gioca con i sentimenti di una donna, quando di sentimenti nulla sa? Che si faccia scrupoli? Che abbia un certo senso dell’onore e del rispetto dell’impegno preso e della parola data?

Ma no, dài. Un po’ di cinismo e di disincanto.

Questo è l’atteggiamento mentale dal quale partire: proteggerti sempre, contare sulla tua astuzia e scaltrezza e non farti aspettative sugli altri.

Ma non perché il mondo è brutto e cattivo: il mondo e la vita sono bellissimi. Solo che pidocchi, sanguisughe e ladri di ogni genere sono anche nei posti più belli. Tutto qui. Basta saperlo.

Non è che non bisogna avere fiducia negli altri. Bisogna avere fiducia solo in alcuni, pochi, sceltissimi.

Prima selezionare, conoscere, soppesare e mettere alla prova. E poi magari chissà cominciare a concedere un po’ di se stesse.

Non il contrario.

Chiaro?

10 motivi per i quali gli uomini scompaiono

Il primo motivo per il quale un uomo sparisce è di una banalità disarmante. Si tratta di un cafone, maleducato, scortese, che non conosce le regole della buona educazione. Hai idea di quanti supercafoni girano al mondo, a tutti i livelli? Quelli le cui madri vanno in giro dicendo: “Ho un figlio meraviglioso”. Seee…

Il secondo motivo è che ha una capacità di empatia sotto lo zero. Zero intelligenza emotiva. Zero interesse per la cosa davvero importante della vita: considerare gli altri – tutti gli altri – come compagni di viaggio degni di rispetto, attenzione e scambio. Sai che gli frega a lui delle relazioni umane? Nulla. Ma proprio nulla, veh. Semmai il suo problema è che Piguain sia passato al Real Madrid e che non abbiano lasciato giocare Storti, dopo il rigore, ecco.

Il terzo motivo è che è un essere umano di una pigrizia patologica e perversa: troppa fatica andarsene dando uno straccio di spiegazione. Una volta si chiamava accidia, il torpore esistenziale, per i cattolici uno dei sette vizi capitali, ecco.

Il quarto motivo è che è un vigliacchetto (o vigliaccone): ha paura di chiudere, di congedarsi, di salutare. E’ un adolescente dentro. Ma di quelli nemmeno particolarmente intelligenti.

Il quinto motivo è che ha paura della tua reazione. Sa che non saprebbe come gestirti, come rispondere, come spiegarsi. Un impedito della vita. Ma non saprebbe come gestirti, perché non sa nemmeno che cosa sta facendo. E’ inconsapevole di se stesso e della vita che vive. Un mollusco, ecco.

Il sesto motivo è che finora ha raccontato un sacco di bugie: a se stesso, a te, magari a qualcun’altra. Forse si sta vedendo con un’altra donna; forse era impegnato già da prima; forse si è accorto che si è fatto prendere la mano (mica è uno che si controlla lui e che pensa e soppesa le possibili conseguenze della sue azioni, vive alla giornata, non pensa al domani, è nel qui e ora, sta rilassato, ecchecavolo) e adesso è pentito di essersi spinto oltre con te e non osa rimangiarsi tutto affrontando la propria melmosità faccia a faccia.

Il settimo motivo è che consapevole di essere un perla e si vergogna mortalmente di quello che ti vuol fare (mollarti dopo aver iniziato e continuato qualcosa con te).

L’ottavo motivo è che si sente “schiacciato dalla responsabilità” del rapporto con te. Ha fatto di tutto per legarti a lui perché questo caricava il suo ego e ora che il legame si è instaurato, pensa di essere incatenato e la responsabilità gli fa paura (accidenti!) e siccome gli fa così tanta paura, non si prende nemmeno la responsabilità di tagliare la corda.

Il nono motivo è che sa che ti sta deludendo, provocando un dispiacere o addirittura dando un dolore e a lui i lutti non piacciono e il dolore tanto meno (questa mi è venuta dalla suggestione di una battuta semiseria fatta dalla psicoterapeuta Esther Perel  in un dialogo con l’antropologa e psicosessuologa Helen Fisher in un dibattito tra loro alla fine di un discorso di Ted dedicato all’influenza della tecnologia sulle relazioni.

Il decimo motivo è che ha proprio voluto farti del male, godendo del tuo dispiacere. Gode nell’avere tanto potere da far soffrire una persona. E’ un sadico. Uno psycho. Uno stronzo. Chiamalo come vuoi, basta che ti sia chiaro che è un mostro. Punto. Basta. Fine.

Lui è scomparso. Che cosa puoi fare tu

Un uomo che scompare dopo che sembrava che tutto filasse per il meglio in una relazione è una frustrazione da elaborare mica da ridere. Ripeto: spesso sono più distruttive queste sequele di micro frustrazioni di quanto può esserlo un evento tragico quale una relazione abusiva o l’abbandono da parte del compagno di una vita.

Superare una frustrazione è una sfida. Superare le frustrazioni è essenziale.

E poi la vita è piena di sfide: questa nello specifico è importante vincerla perché non è oggettivamente una tragedia (anzi, che il perla si sia dileguato è una fortuna) e  ti mette faccia a faccia con il senso della tua dignità e ti può permettere, con un piccolo sforzo e un atto di volontà, di proteggere la tua autostima, ma anche di accrescerla in modo di uscirne più forte e più sicura.

"Io per prima cosa ti costruisco tutte le vie di fuga. Non voglio pensare che rimani perché non te ne potevi andare. followfabrizio, Twitter"

Insomma, hai un’ottima opportunità per fare un corso accelerato di “Gestione e manutenzione della propria dignità e sviluppo dell’autostima” in un caso di vita reale. Cara la mia fortunella…

Qual è la direzione giusta da prendere, allora?

  1. Metti tutto nella giusta prospettiva: un buzzurro inaffidabile si è tolto dai piedi. Con il senno di poi pensi che avresti davvero potuto combinarci qualcosa di buono?
  2. Fai un rapido report in cui prendi nota di tutte le idiozie che ti ha detto e ha fatto prima di scomparire. Oggettivamente e con distacco, non ti fa ridere tutto ciò? Lui non è un miserabile che alla fine suscita pena? Ridici su, in modo da potenziare il tuo senso dell’umorismo, per il prossimo imbecille che incontrerai (e che grazie all’esperienza saprai riconoscere ed evitare). Semmai condividi: scrivi le perlate di colui qui sul blog, in modo da ampliare il nostro bagaglio culturale e non sprecare un patrimonio di conoscenza fondamentale. Gli idioti sono inutili e dannosi, a prescindere, ma possono essere preziosi maestri.
  3. L’ha fatto con te, ma l’ha fatto o lo farà anche con altre: il problema è suo. E’ un problema serio, dato che è un problema di molti, in un mondo sempre più affollato di mediocri emotivamente impotenti. E molto spesso non solo emotivamente.
  4. Ributtati a capofitto nei tuoi obiettivi personali, fosse anche solo imparare a pattinare con disinvoltura nei prossimi tre mesi (io non ce la facendo a imparare a pattinare con disinvoltura in tre mesi, mi hanno messo nel corso ripetenti, ma ce la sto mettendo tutta, giuro. Sai come ti insegnano bene a fare gli slalom quando fai lezione di pattini? Ecco. Questo sì che è utile).
  5. Non comprare quello che credi che il vigliacco abbia voluto venderti: che sei tu quella che non vale abbastanza, tanto da non meritarsi nemmeno un saluto. E’ lui che ha questo stile di comportamento. Detestabile. E di sicuro non ce l’ha solo nei rapporti di coppia. E’ una persona inaffidabile a 360 gradi. Brrr. Lontano, via, sciò.
  6. Che ti frega di lui? Lascia perdere. La vita è molto di più di queste scemenze. Più pensi a lui (e ai tanti come lui) più ti impedisci di trovare un uomo che sia un vero uomo e non una mezza calza. Davvero, tempo ed energie spesso.

In definitiva la risposta alla domanda perché gli uomini spariscono è: spariscono i vigliacchi privi di spessore umano. Se spariscono sono vigliacci privi di spessore umano. E tu con questi – voglio ben sperare – non vuoi avere nulla a che fare, giusto? Lasciami le tue testimonianze, per favore. Le perlate, soprattutto.

 

Lascia un Commento!

626 Commenti

  1. Avatar di Pucci

    Pucci 11 mesi fa (28 settembre 2017 22:51)

    Che simpatici quelli che tornano dopo mesi. Ma da me ne è tornato uno dopo 4 anni. Dopo avergli detto che ero fidanzata lui mi ha risposto che l'importante era non farlo sapere al mio ragazzo, se ci fossimo visti. Quando io gli dissi che anche lui era impegnato, rispose che la sua frequentante non lo andava a trovare spesso... ecco, non gli ho mai più risposto. Poi ne sono rispuntati tanti altri in questi mesi, fortunatamente sono felice ed appagata e non mi fanno nè caldo nè freddo e li vedo in tutto il loro squallore.
    1
    Rispondi a Pucci Commenta l’articolo

    • Avatar di Livia

      Livia 3 mesi fa (2 giugno 2018 12:40)

      Soprattutto quelli che ritornano nonostante ti hanno talmente lacerata, ma di sentimenti non sanno nulla, si fanno vedere in giro con le loro ex o altre donne e pretendono che tu gli parli anche del più e del meno. Ma andassero a quel paese! Chissà che razza di genitori hanno avuto
      0
      Rispondi a Livia Commenta l’articolo

  2. Avatar di Erika

    Erika 2 mesi fa (25 giugno 2018 14:26)

    Io sono finita nelle grinfie di un narcisista e non me ne sono accorta..... mi ha raccontato un sacco di palle, mi ha manipolata e quando gli ho chiesto spiegazioni (circa 3 mesi fa) ha detto che sicuramente ci saremmo visti per parlare ma non subito perché non ce la faceva. Sto ancora aspettando. Quando gli ho fatto notare che ha dei comportamenti narcisisti mi ha risposto che non può essere vero perché io sono una persona intelligente (questo dice lui) e di certo non mi sarei fatta fregare da un narcisista, quindi, siccome io sono innamorata di lui, questo dimostra che lui non lo è. Argomentazione narcisista da manuale. Tutto questo su whatsapp perché di vedersi non se ne parla. Quanto sono stata cretina. Sono così arrabbiata se penso che ho creduto a tutte le panzane che mi ha raccontato in un anno e mezzo. Mi odio per questo.
    1
    Rispondi a Erika Commenta l’articolo

    • Avatar di Ilaria Cardani

      Ilaria Cardani 2 mesi fa (25 giugno 2018 14:53)

      "Argomentazione narcisista da manuale." Brava! - Per il resto, certo, datti della cretina e odiati, così lui vince 10 e 100 volte. Così fai vincere il male sul bene.
      1
      Rispondi a Ilaria Cardani Commenta l’articolo

    • Avatar di Anna

      Anna 2 mesi fa (25 giugno 2018 16:20)

      Sì è del tutto inutile darsi delle cretine ... Però io ho iniziato a chiedermi: che cosa ricevevo io? che cosa cercavo e trovavo (di tossico, ovviamente)? In una situazione come la tua, un anno e mezzo di whatsapp con un narcisista, potrebbe forse essere una domanda costruttiva, per te ovviamente.
      2
      Rispondi a Anna Commenta l’articolo

  3. Avatar di marzia

    marzia 4 settimane fa (21 luglio 2018 14:12)

    un mese e mezzo fa ho conosciuto un tipo che all'inizio si è professato come quello che "sapeva vedere oltre le parole e attento ai dettagli" abbiamo cominciato la frequentazione con una ottima sintonia mentale e lui continuava a ripetermi che "era come se ci fossimo conosciuti da sempre" premetto che il poco sesso è stato deludente poichè lui ha fatto cilecca 2 volte su 3 (dicendo che aveva pensieri, era un corpo nuovo quello che si trovava davanti e che non era nel suo ambiente visto che eravamo a casa mia era premuroso e presente fino a che una mattina ci vediamo e fa scena muta dice che non dorme e io gli suggerisco alcuni metodi per aiutarlo (pensa che scema) ad un certo punto appena fuori dal locale sbotta dicendo che io non lo prendo per il c**o con i miei "sorrisetti" quando mi dice che non dorme e che non sa con chi ho a che fare da questo esplode tutta la sua frustrazione riguardo al fatto che "è tutto una merdà) ecceto...a 37 anni non hai un lavoro fisso, non hai una casa tua perchè vivi con i tuoi, non hai i soldi per comprarti l'auto perchè non hai manco un conto in banca e soprattutto cambi lavoro ogni 3X2 perchè non c'è nessun lavoro che valga la pena di essere fatto (anche se onesto) poi comincia a dire che dopo la sua "ex" (relazione finita da lui 4 anni prima) lui non si innamora poi si gira verso di me come se fossi una cacca e commenta che vuole fare questo e quello e che lui ha le sue abitudini e quindi per come la vede lui deve stare solo perchè vuole fare quello che vuole (come se gli avessi negato spazi soprattutto quando mi ha cercata lui) i successivi 2 giorni quasi tutto normale, ci sentiamo fino alla mattina in cui (regalino d'addio?) mi manda la foto del pene in erezione con sopra il telecomando (mah...) da quella sera sparisce niente più buonanotte niente più buongiorno solo silenziomi è andata bene che si sia rivelato piuttosto presto il "grande mentalista con la sua personalità complicata"
    -3
    Rispondi a marzia Commenta l’articolo

  4. Avatar di Donatella

    Donatella 2 settimane fa (2 agosto 2018 4:09)

    Sono morta dal ridere. Fantastico complimenti per quanto scritto sopra...io ne ho fatta collezione di questi uomini e devo dire che sono una specie diffusissima. Bisogna veramente fare un grosso lavoro per superare la distrazione dell' evento
    0
    Rispondi a Donatella Commenta l’articolo

  5. Avatar di Lucia

    Lucia 4 settimane fa (22 luglio 2018 20:27)

    Condivido la mia storia con chi avrà il piacere di leggerla. 2 anni fa durante un viaggio negli Stati Unito conosco per caso un uomo di 31 anni (io 34). Passiamo tutto il pomeriggio insieme, che diventa sera, che diventa notte, che diventa il giorno successivo, fino a quando non dobbiamo separarci. Una storia tipo il film "Prima dell'alba / Before Sunrise". Per entrambi è stato il classico colpo di fulmine. Problema: oltre al fatto di abitare in un altro continente, lui è in pausa di riflessione con la ragazza. Dopo una serie di bei messaggi sparisce per vari mesi, finché non mi ricontatta l'anno scorso a febbraio, poco dopo aver lasciato la ragazza. Io avevo pianificato prima di risentirlo di ritornare negli Stati Uniti perché una mia cara amica si era trasferita nella sua città e quindi ci vediamo ad aprile, un anno dopo. Passiamo insieme 10 giorni bellissimi, piovono parole belle e intense tipo "Sei la persona perfetta per me", "Voglio prendermi cura di te", "Voglio sposarti e fare dei figli con te", "Ti presento ai miei", ”Avevo quasi rischiato di perderti ma ora non ti lascerò mai più scappar via”. Avevamo pianificato un mio trasferimento nella sua città a settembre e lui mi aveva aiutato a trovare dei contatti di lavoro interessanti... Per lui mi licenzio dal lavoro, lascio il mio appartamento e mi preparo a partire. Dopo le prime settimane in cui ci sentiamo tutti i giorni inizia a farsi più freddo, lo sento sempre meno. Avrebbe dovuto venirmi a trovare e ogni volta trova una scusa diversa per non farlo, sempre però lasciandomi sperare che ce l'avrebbe fatta. Lui si mostra molto poco empatico, sempre ossessionato dalla sua vita frenetica di freelancer. Un giorno, stanca dei contatti a singhiozzo, dei continui rinvii della sua visita, delle differenze di fuso orario che mi portano a sentirlo a notte fonda, sbotto dandogli dello schizofrenico, lui si arrabbia e dice che "non si sente pronto ad essere calpestato emotivamente e ad essere in una relazione abusiva". Io sono mortificata e mi scuso in tutti i modi, anche se sento di avere ragione. Nel frattempo scopro che c'è stato qualcosa di non limpido tra lui e la mia amica (nel frattempo li avevo fatti conoscere). Quando gli chiedo spiegazioni lui dice che non c'è stato niente (ma le versioni sono molto discordanti) e che anzi, dovrebbe essere lui l'offeso. Quella per me è stata la goccia che ha fatto traboccare il vaso. Gli ho detto che non aveva più importanza cosa fosse successo tra loro, che avevo bisogno di prendermi cura di me. Ho chiuso i ponti anche con la mia “amica”. Ovviamente non mi sono trasferita nella sua città. Lui dopo qualche mese mi ricontatta, con una mail di una riga, “Spero che tu stia bene...”, alla quale non ho mai risposto. Neanche una scusa, niente. Sul suo instagram ha postato due foto che alludono a me (una in cui mi si vedeva da lontano) con frasi “artistiche” che ha capito solo lui. Ci ho messo mesi a riprendermi... ma grazie a lui sono inciampata in questo sito, che tanto mi aiuta a capire me e gli uomini e il perché di certe scelte catastrofiche. Grazie a lui ho anche lasciato il mio precedente lavoro, del quale non ero contenta, ho cambiato paese e ora vivo in una grande e bella città. Sto imparando a volermi bene, ad essere esigente nelle relazioni e ad ascoltare il mio sesto senso. C'è sempre da imparare, da tutto, anche dagli errori che si commettono. Grazie a tutte/i per la bella comunità e grazie a Ilaria per lo straordinario lavoro che fai per tutte/i noi. Un abbraccio.
    3
    Rispondi a Lucia Commenta l’articolo

    • Avatar di Carlotta

      Carlotta 4 settimane fa (22 luglio 2018 21:38)

      Un mantra da ripetersi sempre è: “quando sembra un film, una favola o un sogno è il preludio di una bella inculCata”. Grazie per aver condiviso la tua storia Lucia.
      5
      Rispondi a Carlotta Commenta l’articolo

    • Avatar di Sofia

      Sofia 4 settimane fa (22 luglio 2018 22:55)

      Ciao Lucia, hai un atteggiamento molto positivo grazie al quale hai visto i miglioramenti nella tua vita nonostante questa relazione sbagliata. Mi ha fatto piacere leggere la tua storia e penso possa essere di insegnamento anche per me. Un saluto.
      0
      Rispondi a Sofia Commenta l’articolo

    • Avatar di Livia

      Livia 4 settimane fa (22 luglio 2018 23:34)

      Questo dimostra che dal dolore si può sempre ripartire e vivendo il presente, il corso delle cose porta a nuove cose belle ed interessanti.
      0
      Rispondi a Livia Commenta l’articolo

    • Avatar di Eli

      Eli 2 settimane fa (2 agosto 2018 21:00)

      Ciao! Ho una domanda: perché un uomo che dice di non amarmi continua a scrivermi per mesi? Non ero mai stata con nessuno anche se sono grande. Ho conosciuto questa persona che dopo avermi corteggiata per qualche mese mi ha convinta. Ora... abbiamo fatto l'amore solo due volte (le uniche della mia vita) e a distanza di mesi. Da Gennaio siamo arrivati ad Agosto. Mi scrive che sparirà, che non vuole storie, non vuole che mi innamori (è stato innamorato e lasciato, è convinto che non si innamorerà più). Ma perché non fa come dice, se neanche dimostra di piacergli il fare l'amore con me? Io invece mi sono innamorata dopo poco e pensavo che le sue fossero paure, ma non lo capisco più. Cosa cerca?
      0
      Rispondi a Eli Commenta l’articolo

    • Avatar di Ilaria Cardani

      Ilaria Cardani 2 settimane fa (2 agosto 2018 21:29)

      Non cerca nulla, ha già trovato: qualcuno che sia a disposizione dei suoi capricci.
      0
      Rispondi a Ilaria Cardani Commenta l’articolo

    • Avatar di Eli

      Eli 2 settimane fa (2 agosto 2018 22:30)

      È il caso che lo saluti? Ora come ora che sia io a troncare? So che mi mancherà da matti.
      0
      Rispondi a Eli Commenta l’articolo

    • Avatar di Ilaria Cardani

      Ilaria Cardani 2 settimane fa (3 agosto 2018 11:45)

      Non c’è niente da troncare, sarà mica una relazione questa? Ti mancherà da matti uno che ti tratta peggio di uno straccio?
      0
      Rispondi a Ilaria Cardani Commenta l’articolo

  6. Avatar di Lally

    Lally 2 settimane fa (4 agosto 2018 4:12)

    Ho dimenticato inoltre un dettaglio che é a mio avviso importante. Dopo la prima cena, proposta da lui, mi aveva chiesto dopo circa una settimana se mi andava un'altra cena nei giorni successivi. Io ho risposto si ma poi ha fatto cadere la cosa per un mese. Mi chiedo: in quel momento veramente gli é passata per la testa l intenzione di fare questo o, dato che poi ha lasciato andare la cosa, era solo un modo per testare il mio interesse nei suoi confronti e sentirsi appagato? Della serie "ha accettato di rivedermi quindi piaccio e sono piaciuto". Un ulteriore cosa che ho notato osservando le sue azioni su instagram é che ha spesso l abitudine di eliminare e poi riaggiungere i contatti femminili. Sembrano quasi gesti di impulso: oggi la testa gli suggerisce che di tenere tra i contatti ragazza x non gli importa e quindi la elimina, poi quest ultima gli lascia dei like e allora dopo poco la riaggiunge. A mio avviso é un atteggiamento strano o che comunque non rientra nei miei canoni comportamentali. Non meno importanti le incoerenze notate..con me denigrava certe tipologie di ragazza e poi vedo che esprime apprezzamento a ragazze che si comportano proprio come lui ha sempre criticato. Queste le motivazioni che mi hanno spinto a non contattarlo più. Ritengo insensato ricercare, anche se un poco di rammarico c é, una persona di cui non si ha più stima.
    -2
    Rispondi a Lally Commenta l’articolo

    • Avatar di Sofia

      Sofia 2 settimane fa (4 agosto 2018 11:15)

      Un ragazzo maturo e interessato si mostra concreto. Ti chiede il numero e non usa strani stratagemmi per ottenerlo, ti cerca regolarmente e fa altrettanto per vederti. Lui ha giocato un po'.. Probabilmente non sa nemmeno lui cosa vuole.
      -3
      Rispondi a Sofia Commenta l’articolo

    • Avatar di Anna

      Anna 2 settimane fa (4 agosto 2018 14:36)

      Ma uscire con le amiche e frequentare un po' di ragazzi? Il suo comportamento è stato certamente superficiale ecc., però va anche detto che a uscire con un po' di persone per conoscerle (naturalmente facendo chiarezza sul fatto che si sta uscendo senza impegno), male non fa. E questo lo dico anche per sottolineare la leggerezza, magari eccessiva di lui, rispetto al film che ti sei fatta tu. Conoscere e uno e andarci a cena non può diventare l'inizio di un romanzo mentale. Hai conosciuto uno, ci sei uscita a cena, e poi hai notato che è un cretino. Cose che capitano. Se esci e ti svaghi, senza fissarti sul primo che capita, certamente conoscerai uno che non sarà un cretino e le cose andranno meglio.
      0
      Rispondi a Anna Commenta l’articolo

  7. Avatar di Lally

    Lally 2 settimane fa (3 agosto 2018 22:07)

    Ciao Ilaria :) In primo luogo complimenti per il blog, è ben strutturato e offre spunti di riflessione davvero utili. Vorrei sottoporti la lettura della mia ultima esperienza dato che mi farebbe molto piacere conoscere il tuo parere e quello di chiunque leggerà. A dicembre, dopo aver appreso che la sua relazione era finita qualche mese prima, ho aggiunto su instagram un ragazzo 10 anni più grande di me (io ho 25 anni e lui 35) che mi è sempre piaciuto. Lui ha ricambiato e da allora ha preso avvio uno scambio di like frequente sino a che lui a gennaio ha commentato una delle ig stories postate da me e da lì abbiamo iniziato a fare qualche chiacchiera. A febbraio mi ha scritto che stava effettuando l'eliminazione dal social e che, dato che gli dispiaceva non sentirmi più, mi ha lasciato il suo numero. Dopo che l'ho contattato sul telefono per fargli comparire il mio mi ha detto che quella dell'eliminazione da instagram era solo una scusa per avere il mio numero...su per giù ho lasciato cadere la cosa perchè ho pensato che forse non sapeva in quale altro modo chiederlo.Da quel momento ha iniziato a scrivermi tutti i giorni per sapere come stavo, cosa stavo facendo e questa situazione è andata avanti sino allo scorso maggio. Durante questi mesi ci siamo visti tre volte (non è successo nulla tra noi). La prima volta è stato lui a chiedermelo le altre due volte sono stata io a farlo perchè nutrivo interesse nei suoi confronti (e lo ha colto) e anche perchè dal suo comportamento sembrava trapelasse interesse nei miei. Oltre a continui messaggi giornalieri, mi commentava le foto con tanto di emoticon con occhi a cuoricino, una volta ho postato il verso di una canzone che recita "devo stare attento a non cadere nel vino o a scivolare nei tuoi occhi se mi vieni più vicino" e lui l'aveva commentata scrivendo "eh già...". Tutto questo a me ha fatto pensare a un interesse. Poi è successo tutto improvvisamente: dal primo giugno sparito totalmente. Mai più un messaggio, un like...nulla. Non ci sono stati litigi, nulla.... Ovviamente la cosa mi ha spiazzato...ma, dato che sono una persona molto determinata, non gli ho più scritto nemmeno io. Anche perchè dopo che una persona mi delude non sono capace di fingere. La cosa che mi ha fatto ulteriormente rammaricare è che nemmeno leggendo (ed essendo consapevole che io avessi visto la sua visualizzazione) in una storia whatsapp che ho dedicato alla morte di un caro parente si è fatto vivo. Dico, con tutti i messaggi che ha mandato nei mesi precedenti, non poteva mandarne uno veramente finalizzato a educazione, delicatezza? Sarò esagerata, ma queste cose per me hanno peso.Vorrei sapere cosa ne pensi/pensate.
    -2
    Rispondi a Lally Commenta l’articolo

    • Avatar di Carlotta

      Carlotta 2 settimane fa (3 agosto 2018 23:01)

      Ciao Lally, ti sei fatta un filmino gigante con uno che si è semplicemente divertito a mettere like e a scrivere messaggi. Come ha fatto con te, avrà fatto certamente con altre. Le storie vere non sono sui telefoni e nei social, ma nella vita reale.
      0
      Rispondi a Carlotta Commenta l’articolo

    • Avatar di Emilia

      Emilia 2 settimane fa (5 agosto 2018 8:18)

      Ciao Lally, sei finita nella trappola dell'uomo narcisista e perditempo. Non ne vale la pena pensarci, davvero. Rischi di dare spazio a cose/persone futili. L'unica cosa utile da pensare - secondo me - è la sconfinata sfigataggine che uomini come questo cercano di celare attraverso i vari sistemi che esistono oggigiorno (social network, siti d'incontri e via discorrendo). Tristissimo.
      -2
      Rispondi a Emilia Commenta l’articolo

  8. Avatar di Francesca

    Francesca 1 settimana fa (6 agosto 2018 18:41)

    Ciao Ilaria, Sono incappata nell errore che tu chiami “vicolo cieco”! Mi spiego meglio: 1 mese fa ho conosciuto un uomo su internet, i primi periodi messaggiavamo spesso, poi dopo un po’ ha cominciato a diradare le conversazioni, o meglio mi scriveva e quando gli rispondevo mi riposndeva dopo qualche ora. Va be, non volevo essere pressante quindi, a parte qualche battutina a riguardo, non ho mai detto nulla di che. Settimana scorsa finalemhe ci siamo visti (abitiamo a 2 ore di distanza ) pomeriggio piacevole. Da lì pensavo che le cose si sarebbero “sbloccate” e che si sarebbe fatto sentire di più invece no e... udite udite gli ho piazzato la un bel messaggio con scritto “ma ti interesso come donna?!” Lui dopo 2 ore mi risp testuali parole “franciiiiii 🤣😜”! Io ovviamente non ho più scritto nulla da lì, ma la sera non ce la facevo più a non scrivere e ho chiesto “perché allora se non ti interesso mi chiami e mi scrivi?” E lui “parlare di interessi in questi termini è un po’ presto sei una ragazza molto bella e simpatica e sicuramente c è curiosità comunque ne parliamo dal vivo” io gli ho risp “ma che hai capito?! Volevo solo capire se ti interesso o meno!” Io davvero non capisco cosa possa aver pensato lui! Ma che risposta è “e presto per parlare di interesse in questi termini” na quali termini? Be dopo un giorno di mio silenzio si è fatto sentire col buongiorno! Sono certa che si sia spaventato, forse ha frainteso! Io intendevo, visto che non mi cercava più come prima, gli interesso o no? Questa era la mia domanda! Ora come posso rimediare al mio bello scivolone? Questo mi avrà preso per una cozza (cosa che sto cercando per bene d mascherare, visto che come dicevi tu io sono una di quelle che ero già volata all ultima pagina del libro 🤣) Avessi letto prima i tuoi articoli non L avrei messo nel vicolo cieco! Mannaggia a me!
    0
    Rispondi a Francesca Commenta l’articolo

  9. Avatar di Francesca

    Francesca 2 settimane fa (6 agosto 2018 0:47)

    Salve, mi chiamo Francesca e non lo sento da marzo... Incomincia tutto tra giugno e luglio 2017. Premetto, che lui è il mio avvocato da 14 anni. Sono una imprenditrice. Ci siamo sempre dati del lei...fin quando in una mail mi scappa, invece del solito “Salve avv” un “Salve e il suo nome”. Inizia a contattarmi per sms e un agosto pieno di sms. Complimenti, chiarimenti...insomma mi corteggia. Appuntamento al suo ritorno a settembre il 6. Iniziamo una storia, che prosegue tra alti e bassi. Nessuno dei 2 vuole una storia d’amore classica. Sono il suo antidepressivo senza effetti collaterali...per natura non mi piace soffrire e cerco di stare lontana. Purtroppo a gennaio ho scoperto di aspettare un bambino. Sono combattuta dall’idea di tenere il bambino, anche senza il suo supporto. Devo parlare con lui...ha una malattia e devo sapere il nome se la decisione sarà di portare avanti la gravidanza. Ci vediamo...gli dico di quello che mi sta succedendo. S’innervosisce...temo che faccia qualcosa a se stesso. Diventa tenero...poi di nuovo ossessionato dalla sua malattia. Dice che non si tira indietro difronte alle responsabilità, ma vuole convincermi ad abortire. Vado via dicendogli, che devo fare un viaggio e ci vediamo al mio ritorno. Nel frattempo sms dove mi chiede di abortire ecc. Torno, faccio un po’ di conoscenza con la malattia: ereditaria, ma non debilitante per forza. Ho il sostegno di un medico, che ne è affetto e ringrazia i suoi genitori per averlo fatto nascere. Persona conosciuta per caso in un centro che si occupa della cura dei soggetti, che ne sono affetti. Incontro lui, che mi fa una ramanzina sul suo probabile suicidio e sul far soffrire, anche sua figlia. Quindi...sto giocando con la vita di più persone. La parola aborto è l’unica cosa, che sento. Non sono giovanissima e decido, che non sopporterei di mettere al mondo un bambino malato. Non lo dico a lui. Lui mi tortura e vuole essere presente se decido di abortire. Ho un passato di anoressia/bulimia. La mia risposta è di abortire, ma voglio farmi male...allora prendo delle pillole e chiamo un mio amico medico. Insomma mi procuro un aborto. Lo aggiorno, che non ha niente di cui preoccuparsi è finita... Lui sta male: dice che in un mese l’ho fatto invecchiare di 20 anni. Rinuncia ad ogni mia richiesta di vederci. Mi propone di andare con lui dalla sua psicoterapeuta e la mia risposta è sì. Dopo 2 gg fissa l’incontro. Dopo altri 2 giorni ha bisogno della documentazione di: inizio gravidanza e conclusione della stessa...devo portarla alla sua psicoterapeuta. Alla fine non c'è bisogno della mia presenza...basta la documentazione. Rifiuto di sottostare alle sue richieste. Mi accusa di essere una bugiarda e che il medico con la sua stessa malattia è un personaggio di fantasia. Vuole nomi e indirizzi. Rifiuto. Non l’ho più sentito. Ho inviato 2 sms. Il primo per sapere come stava e il 2 in luglio 2018 per avere un chiarimento. Non mi ha mai risposto. Nel frattempo ho dovuto avere io il coraggio di dismettere il mandato conferitogli: era il mio avvocato. Mi aiutate a capire, perché non merito una parola, ma solo distanza e disprezzo...perché sinceramente non ho capito niente. Avrà pensato, che volessi incastrarlo: non ho chiesto niente, oppure portavo avanti la gravidanza e mi presentavo dopo. Non ha creduto alla gravidanza...bastava farmi fare un test, avrei accettato. Cosa ho fatto per avere indifferenza. Grazie a chi vorrà aiutarmi F.
    0
    Rispondi a Francesca Commenta l’articolo

    • Avatar di Ilaria Cardani

      Ilaria Cardani 1 settimana fa (6 agosto 2018 19:11)

      Che il mondo sia pieno di persone stronze, manipolatrici e che usano gli altri lo diciamo in mille lingue. Che l’ambito sentimentale sia uno dei più percorsi da questo genere di persone perché impunito l’abbiamo ripetuto spesso. Che sia importante proteggersi e non infilarsi nelle fauci del lupo lo evidenziamo a ogni passo. Teniamo presente che costoro si infilano dovunque vedono un minimo di apertura e di fragilità e uno che è nostro avvocato da anni un po’ di cose, per forza, di noi le conosce. Figuriamoci aprirgli il portone passando dal lei al tu certamente dopo aver mostrato ben altri punti deboli. Che ci voleva fare con un’estranea, anzi, peggio, con una cliente diventata amante, dalla psicoterapeuta? Che c’entra la psicoterapeuta con le certificazioni relative alla gravidanza? Voleva metterti in trappola per intentarti un’eventuale causa? Si è scontrato con la psicoterapeuta che forse non gli credeva? Un personaggio disturbato e pericoloso. Molto disturbato e molto pericoloso. Detto questo avere rapporti sessuali non protetti e/o senza l’uso di anticoncezionali è tuttora il modo più diffuso per fare bambini. Una gravidanza è una cosa seria; un’interruzione di gravidanza è una cosa seria e un bambino ancora di più. Bene aver interrotto il rapporto “professionale” con questo bastardo. Ora è il momento che ti occupi - finalmente - del tuo benessere emotivo, senza sottovalutare malesseri passati e inclinazioni presenti.
      0
      Rispondi a Ilaria Cardani Commenta l’articolo

  10. Avatar di Annamaria

    Annamaria 2 settimane fa (5 agosto 2018 16:10)

    Ciao a tutte vorrei condividere anche io la mia storia ho 42 anni e ho conosciuto un uomo di 43 sposato tra noi al primo sguardo c’è stato qualcosa di inspiegabile una sintonia pazzesca fin da subito all inizio e parlo di 10 mesi fa è X 2 mesi circa il senso di colpa nei confronti della moglie prevaleva poi mi sono ritrovata in un vortice non avevo mai conosciuto tutte queste attenzioni che un “uomo “ può dare finché mi sono trovata completamente innamorata e credo anche lui ogni min libero lo dedicava a me tra presenze e lunghe chiacchierate su watsapp X una decina di volte ha fatto cilecca a letto lui giustificandosi che non gli era mai successo e io giustificandolo da ansia da prestazione ma mai facendoci entrambi pesare questa situazione lunedì scorso al suo ritorno da un viaggio siamo finiti nel mio letto e li abbiamo fatto L amore a tutti gli effetti conclusione il martedì sparito completamente non ho più notizie boh non riesco a capire sarò tonta
    0
    Rispondi a Annamaria Commenta l’articolo

  11. Avatar di Coco

    Coco 6 giorni fa (10 agosto 2018 17:40)

    Ciao Ilaria, ti scrivo perché sono interessata ad acquistare la tua guida, ma prima di farlo ti vorrei chiedere se fa al caso mio. Ti spiego meglio. Qualche mese fa è venuto un ragazzo dove lavoro e, puntando dritto verso me, ha fatto le sue presentazioni. La sera stessa noto che mi ha chiesto amicizia su fb, il giorno dopo ci vediamo mentre sto lavorando e poi più nulla perché é partito per tornare nella sua città. Da li in poi abbiamo iniziato a scriverci su fb fin quando non mi ha lasciato il suo numero; da qui le nostre chiacchierate sono proseguite su whatsapp quasi regolarmente, anche se ho notato che ci sono momenti in cui sparisce. Ovviamente non lo cerco perché rispetto il suo modo di fare e lui dopo qualche giorno mi contatta nuovamente in modo carino e rassicurante (conferma che le piaccio e che mi pensa), e il clima delle nostre conversazioni è sempre stimolante perché parliamo/scherziamo. A breve dovremmo anche vedeci perché viene a trascorrere qualche giorno nella mia città. Siccome è una cosa che fa sistematicamente mi chiedo quale sia secondo te il motivo, e se posso fare qualcosa per non perderlo. P.s. Ci tengo a precisare che lui ha 34 anni ed io 26. Spero di essere stata abbastanza chiara nel racconto.... ti ringrazio per l'attenzione e spero tu possa rispondermi.
    0
    Rispondi a Coco Commenta l’articolo

  12. Avatar di Mara

    Mara 6 giorni fa (11 agosto 2018 8:11)

    Il mio ragazzo,dopo 4 anni di relazione (una relazione ricca di alti e soprattutto bassi) è sparito dopo una lite violenta da una settimana. Lo so che una settimana probabilmente non è tanto tempo ma io non so più da che parte girarmi. So che non dovrei cercarlo e non vorrei farlo,ma la SUA macchina è nel MIO garage. E questo alimenta in me un sacco di speranze. Lo so che è da deficenti,so che queste persone non hanno logica ma io,porterei via le mie cose se ho messo un punto alla situazione. Mi sento sfruttata e presa in giro lascia la macchina qui e la riprenderà quando più gli farà comodo,e non è giusto nei miei confronti. Ho pensato di farla portare fuori dal carro attrezzi ma le mie amiche mi hanno fermata,dicendomi che non sappiamo che reazione potrebbe avere e con tutto quello che si sente...Loro sono anche convinte che non sia una relazione finita. Io penso di si,uno che sparisce dopo 4 anni,per una settimana...
    1
    Rispondi a Mara Commenta l’articolo

    • Avatar di Anna

      Anna 6 giorni fa (11 agosto 2018 10:14)

      Se sei certa che non gli è successo qualcosa di grave (ferito all'ospedale, senza memoria, o morto), fai portare la sua macchina fuori dal carro attrezzi. Cambia la serratura a casa tua. E mandalo...
      -4
      Rispondi a Anna Commenta l’articolo

    • Avatar di Laurac

      Laurac 6 giorni fa (11 agosto 2018 10:33)

      Sarà in ferie con un’altra... ma tu lo rivorresti?Secondo me lo dovresti chiamare, farti spiegare dove è e cosa vuole fare e obbligarlo a venirsi a prendere la macchina
      -2
      Rispondi a Laurac Commenta l’articolo

    • Avatar di Anna

      Anna 5 giorni fa (11 agosto 2018 13:40)

      Non sanno che reazione potrebbe avere per la macchina, ma dicono che la relazione non è finita? Hai qualche obbligo di legge nei suoi confronti per cui è lui a decidere se è finita o no? Se hai la sensazione che è pericoloso, chiudi tu. Senza contare che uno che sparisce per una settimana dopo quattro anni, o è ricoverato in rianimazione, o ha già commesso un abuso nei tuoi confronti.
      -4
      Rispondi a Anna Commenta l’articolo

    • Avatar di Ilaria Cardani

      Ilaria Cardani 5 giorni fa (11 agosto 2018 14:54)

      Mara, sai bene che questa relazione deve finire, è una relazione distruttiva. Questo è un uomo violento fisicamente e psicologicamente: la sua auto nel tuo garage fa parte di questa violenza. Sai bene che significa: “Faccio quello che voglio, prendo e mollo a mio piacimento.” Non è bello che le tue amiche ti facciano presente quanto rischi e che la storia non sia finita. Deve finire e tu puoi deciderlo. La macchina è un problema minore.
      -3
      Rispondi a Ilaria Cardani Commenta l’articolo

  13. Avatar di Sara

    Sara 2 giorni fa (14 agosto 2018 19:57)

    Usciamo di venerdì, al primo appuntamento, tutto sembra perfetto, mi scrive subito dopo esserci salutati “mi sono davvero divertito, dovremmo incontrarci di nuovo presto”. Continua a scrivermi tutta per tutta la settimana, chiedendomi come sto cosa faccio ect. ad un certo punto anche quali piani ho per il weekend, fino ad arrivare alla conclusione che “forse ci potremmo vedere venerdì sera” dice (io avevo già degli impegni per il resto del weekend), gli dico che per me va bene. Gli scrivo venerdì intorno alle 18.30 (non mi scrive e allora penso, poverino ha scritto sempre lui, stavolta meglio faccia il primo passo): “qualche programma speciale per stasera?” Risposta: “appena tornato a casa da lavoro ma lavoro anche domani”. Io: oh, ero convinta di avere un appuntamento con qualcuno...” lui: - scusa, pensavo di aver detto forse, per me sarebbe stato meglio sabato ma tu hai già impegni, domani mi devo alzare alle 5). Rispondo: cosa ne pensi di domenica? Nessuna risposta da 4 giorni !
    -5
    Rispondi a Sara Commenta l’articolo