Perché gli uomini spariscono: le tante (spesso insensate) ragioni di un comportamento molto diffuso

perché gli uomini sparisconoAccidenti, è davvero un fenomeno molto comune, quasi ovvio e normale per alcuni e tutto dei nostri tempi: gli uomini che dopo una lunga o breve frequentazione – puf! – da un giorno all’altro si smaterializzano e non si trovano. Scompaiono. Sono irreperibili. Ma perché gli uomini spariscono?

"È davvero il tuo posto quando riesce ad essere anche la tua via di fuga. saraturchina –  Twitter"

Che cosa spinge persone con le quali si era instaurata (o almeno si credeva) una relazione di affetto, magari di intimità e fors’anche di amore a tagliare la corda e a non farsi vedere e sentire mai più?

Le modalità di sparizione possono essere leggermente diverse le une dalle altre: c’è quello che dalla sera alla mattina non si fa più sentire, dopo averti dichiarato il suo amore e magari aver pianificato nei minimi dettagli una settimana di vacanza con te, solo tu e lui, il mese prossimo.

C’è colui che, di punto in bianco, dopo aver dimostrato una presenza assidua e finanche assillante, con 13 sms, 17 messaggi whatsapp e 9 chiamate quotidiane per parlare del nulla, passa a uno svogliato sms al giorno e a una telefonata affrettata ogni tre e poi, in capo a paio di settimane, nulla più.

Magari vi siete conosciuti da poco ma tra voi c’è già stata tanta (presunta) intimità emotiva e anche fisica; oppure avevate incominciato a vedervi dopo una lunga frequentazione virtuale (via chat e affini); oppure eravate addirittura fidanzati, stavate facendo progetti seri e a lungo termine.

Le “sparizioni”, sebbene caratteristiche dei nostri tempi, in realtà sono una vecchia storia: da sempre molti padri di famiglia sono scomparsi nel nulla uscendo per fare benzina e/o comprare le sigarette.

O molti simpaticoni, in tempi in cui certe libertà della donna non erano acquisite – ma anche oggi – hanno piantato in asso la propria partner al solo sospetto che aspettasse un bambino.

Non facciamo finta di non sapere e di non ricordare. Non ci sono più gli uomini di una volta, che erano stronzi come quelli di questa volta.

Personaggi famosi hanno costruito le proprie fortune raccontando le storie dei loro o altrui padri dissoltisi da un momento all’altro e mai più riapparsi (se non per battere cassa, se del caso, dopo essere diventati bisnonni). O delle loro ragazze-madri.

Quindi il cavalleresco e virile gesto della fuga è da sempre tipicamente maschile. Altro che principi che uccidono draghi o eroi senza macchia e senza paura che si prendono cura di orfani e vedove o coraggiosi cacciatori pronti a stendere un mammuth con sassi e fionde. Balle.

E siamo sempre qui: perché gli uomini spariscono? Perché un corteggiatore, un partner, un fidanzato o addirittura un marito decidono di andarsene senza lasciare tracce, senza “chiudere”, senza fornire una spiegazione?

Soprattutto, dopo quello che c’è stato – poco o tanto che sia – perché se ne vanno senza nemmeno salutare?

Perché gli uomini spariscono: non è colpa tua

Già, ma quanto dà i nervi che le persone (chiunque esse siano e qualunque sia la situazione) se ne vadano senza una frase di congedo, una spiegazione qualsivoglia, un saluto.

C’è di che diventare matti, in effetti.

E le donne vittime di uomini che spariscono, spesso non se ne fanno una ragione e comprensibilmente: prima si preoccupano (magari temono che al lui in questione sia successo qualcosa di orribile); poi si danno delle spiegazioni razionali (“Avrà da fare, ci saranno imprevisti e novità spiacevoli che lo occupano e lo distraggono suo malgrado”), poi si arrabbiano e decidono di rivendicare  (e cominciano a cercarlo, senza fortuna e a chiedere ragioni e spiegazioni che non arrivano, o a supplicare), in ultimo si colpevolizzano. Si danno la colpa. Cercano in se stesse magagne incurabili. Si attribuiscono difetti, fisici, caratteriali orribili e inadeguatezze sessuali irrecuperabili…

Autocolpevolizzarsi è lo sport preferito dalle donne, in cui quasi tutte sono delle fuoriclasse. E di fronte agli uomini che spariscono ogni donna tira fuori il meglio di sé per quel che riguarda l’autosvalutazione e la picconatura delle proprie sicurezze: “E’ colpa mia; sono stata troppo assillante, bisognosa, precipitosa. Non gli ho lasciato i suoi spazi, non l’ho capito e non gli ho dato ciò di cui aveva bisogno.”

Stupidaggini, queste sono delle sonore stupidaggini. La donna bisognosa, rompiscatole e attaccaticcia, che vuole sposare uno conosciuto da appena due ore è insopportabile, certo. Allo stesso tempo questo fatto non giustifica l’atteggiamento contraddittorio del perla di turno che prima vuole frequentarla per un x periodo di tempo e poi smette di punto in bianco.

Cioè, mettiamo pure che tu sia assillante, controllante e soffocante: beh, se ne è accorto di colpo, dopo averti corteggiato per un po’, essere venuto a letto con te e magari – come spesso accade – averti fatto anche spericolate e quasi incredibili dichiarazioni d’amore? Se è così è comunque un vero perla.

"La morte raggiunge anche l’uomo che fugge. Orazio"

Allora: se pensa che tu sei insopportabile è stato un cretino a frequentarti, fin da subito. Debosciatello dei miei stivali.

Se ti sei trovata ripetutamente nelle vesti di coprotagonista della “Misteriosa storia dell’uomo innamorato scomparso senza spiegazioni dalla sera alla mattina” probabilmente sai meglio di me che è il susseguirsi di queste storie che ha minato la tua fiducia negli uomini e in un futuro sereno accanto a un partner serio e soprattutto affidabile.

So bene che l’autostima di molte donne viene più intaccata da tante sparizioni come queste che, per dire, forse esagerando un po’, da una storia abusiva o da una separazione contrastata o da un divorzio doloroso.

Anche se sembra sproporzionato, è più che verosimile che una si faccia una ragione di un matrimonio finito in modo drammatico e si prepari a vivere una nuova vita, con le gioie e le difficoltà che tale nuova vita può comportare, ma allo stesso tempo non riesca a comprendere perché gli uomini spariscono e soprattutto si comportano in modo tanto vigliacco.

In altre parole: va bene essere reduce da una storia importante finita male, ma quel che fa perdere fede e fiducia nel genere maschile, non è il grande amore conclusosi in modo crudele, ma lo stillicidio di storie finite ancora prima di cominciare, per le ragioni più stolide, non ultimo per il fatto che molti uomini con i quali sembrava essere nato qualcosa, scompaiono nel nulla dall’oggi al domani.

Come classificare un uomo che scompare: zero aspettative

Insomma, se si sono avute delle grandi delusioni, bisogna evitare quelle piccole, dato che spesso le piccole delusioni minano l’autostima più delle grandi.

Ecco perché è bene capire perché gli uomini spariscono. Sempre che sia importante: uno che sparisce va lasciato nel cimitero degli elefanti, degli stronzi che se ne vanno senza avere nemmeno il coraggio di chiudere. Questo in sintesi. Ma ti dò anche l’analisi, dato che so che sei curiosa.

Ci sono una serie di regole fondamentali per smettere di soffrire per amore e trovarlo per davvero questo benedetto amore:

1) evitare gli uomini sbagliati

2) e dunque saperli riconoscere velocemente, in modo da tenerli a distanza preventivamente, prima che si sentano autorizzati a fare danno ‘sti imbecilli

3) dimenticarsi e archiviare i molti nani che si incontrano e che mostrano comportamenti sociopatici o stronzi o anche solo cafoni.

Inoltre bisogna considerare che sì, è fondamentale osservarsi con un po’ di autocritica e soprattutto tendere sempre al miglioramento di sé, ma è altrettanto fondamentale tenere a mente che nel mondo là fuori, quello vero e non quello che ti raccontano in famiglia/scuola/amicizie/giornali e tv ci sono un sacco di mediocri che non meritano attenzione ed energie.

Persone che non rispettano impegni, ingannano, non pagano fatture etc ce ne sono tantissime e spesso rimangono impunite, ecco perché perserverano nei loro comportamenti scorretti.

Le nostre città più belle, il nostro paese e le nostre istituzioni sono per lo più in mano a persone o a gruppi di persone che, se fossero sedute vicino a noi in treno, ci stringeremmo la borsa in grembo per paura che ci rubino il portafoglio…

Che vuoi pretendere da un uomo qualunque che gioca con i sentimenti di una donna, quando di sentimenti nulla sa? Che si faccia scrupoli? Che abbia un certo senso dell’onore e del rispetto dell’impegno preso e della parola data?

Ma no, dài. Un po’ di cinismo e di disincanto.

Questo è l’atteggiamento mentale dal quale partire: proteggerti sempre, contare sulla tua astuzia e scaltrezza e non farti aspettative sugli altri.

Ma non perché il mondo è brutto e cattivo: il mondo e la vita sono bellissimi. Solo che pidocchi, sanguisughe e ladri di ogni genere sono anche nei posti più belli. Tutto qui. Basta saperlo.

Non è che non bisogna avere fiducia negli altri. Bisogna avere fiducia solo in alcuni, pochi, sceltissimi.

Prima selezionare, conoscere, soppesare e mettere alla prova. E poi magari chissà cominciare a concedere un po’ di se stesse.

Non il contrario.

Chiaro?

10 motivi per i quali gli uomini scompaiono

Il primo motivo per il quale un uomo sparisce è di una banalità disarmante. Si tratta di un cafone, maleducato, scortese, che non conosce le regole della buona educazione. Hai idea di quanti supercafoni girano al mondo, a tutti i livelli? Quelli le cui madri vanno in giro dicendo: “Ho un figlio meraviglioso”. Seee…

Il secondo motivo è che ha una capacità di empatia sotto lo zero. Zero intelligenza emotiva. Zero interesse per la cosa davvero importante della vita: considerare gli altri – tutti gli altri – come compagni di viaggio degni di rispetto, attenzione e scambio. Sai che gli frega a lui delle relazioni umane? Nulla. Ma proprio nulla, veh. Semmai il suo problema è che Piguain sia passato al Real Madrid e che non abbiano lasciato giocare Storti, dopo il rigore, ecco.

Il terzo motivo è che è un essere umano di una pigrizia patologica e perversa: troppa fatica andarsene dando uno straccio di spiegazione. Una volta si chiamava accidia, il torpore esistenziale, per i cattolici uno dei sette vizi capitali, ecco.

Il quarto motivo è che è un vigliacchetto (o vigliaccone): ha paura di chiudere, di congedarsi, di salutare. E’ un adolescente dentro. Ma di quelli nemmeno particolarmente intelligenti.

Il quinto motivo è che ha paura della tua reazione. Sa che non saprebbe come gestirti, come rispondere, come spiegarsi. Un impedito della vita. Ma non saprebbe come gestirti, perché non sa nemmeno che cosa sta facendo. E’ inconsapevole di se stesso e della vita che vive. Un mollusco, ecco.

Il sesto motivo è che finora ha raccontato un sacco di bugie: a se stesso, a te, magari a qualcun’altra. Forse si sta vedendo con un’altra donna; forse era impegnato già da prima; forse si è accorto che si è fatto prendere la mano (mica è uno che si controlla lui e che pensa e soppesa le possibili conseguenze della sue azioni, vive alla giornata, non pensa al domani, è nel qui e ora, sta rilassato, ecchecavolo) e adesso è pentito di essersi spinto oltre con te e non osa rimangiarsi tutto affrontando la propria melmosità faccia a faccia.

Il settimo motivo è che consapevole di essere un perla e si vergogna mortalmente di quello che ti vuol fare (mollarti dopo aver iniziato e continuato qualcosa con te).

L’ottavo motivo è che si sente “schiacciato dalla responsabilità” del rapporto con te. Ha fatto di tutto per legarti a lui perché questo caricava il suo ego e ora che il legame si è instaurato, pensa di essere incatenato e la responsabilità gli fa paura (accidenti!) e siccome gli fa così tanta paura, non si prende nemmeno la responsabilità di tagliare la corda.

Il nono motivo è che sa che ti sta deludendo, provocando un dispiacere o addirittura dando un dolore e a lui i lutti non piacciono e il dolore tanto meno (questa mi è venuta dalla suggestione di una battuta semiseria fatta dalla psicoterapeuta Esther Perel  in un dialogo con l’antropologa e psicosessuologa Helen Fisher in un dibattito tra loro alla fine di un discorso di Ted dedicato all’influenza della tecnologia sulle relazioni.

Il decimo motivo è che ha proprio voluto farti del male, godendo del tuo dispiacere. Gode nell’avere tanto potere da far soffrire una persona. E’ un sadico. Uno psycho. Uno stronzo. Chiamalo come vuoi, basta che ti sia chiaro che è un mostro. Punto. Basta. Fine.

Lui è scomparso. Che cosa puoi fare tu

Un uomo che scompare dopo che sembrava che tutto filasse per il meglio in una relazione è una frustrazione da elaborare mica da ridere. Ripeto: spesso sono più distruttive queste sequele di micro frustrazioni di quanto può esserlo un evento tragico quale una relazione abusiva o l’abbandono da parte del compagno di una vita.

Superare una frustrazione è una sfida. Superare le frustrazioni è essenziale.

E poi la vita è piena di sfide: questa nello specifico è importante vincerla perché non è oggettivamente una tragedia (anzi, che il perla si sia dileguato è una fortuna) e  ti mette faccia a faccia con il senso della tua dignità e ti può permettere, con un piccolo sforzo e un atto di volontà, di proteggere la tua autostima, ma anche di accrescerla in modo di uscirne più forte e più sicura.

"Io per prima cosa ti costruisco tutte le vie di fuga. Non voglio pensare che rimani perché non te ne potevi andare. followfabrizio, Twitter"

Insomma, hai un’ottima opportunità per fare un corso accelerato di “Gestione e manutenzione della propria dignità e sviluppo dell’autostima” in un caso di vita reale. Cara la mia fortunella…

Qual è la direzione giusta da prendere, allora?

  1. Metti tutto nella giusta prospettiva: un buzzurro inaffidabile si è tolto dai piedi. Con il senno di poi pensi che avresti davvero potuto combinarci qualcosa di buono?
  2. Fai un rapido report in cui prendi nota di tutte le idiozie che ti ha detto e ha fatto prima di scomparire. Oggettivamente e con distacco, non ti fa ridere tutto ciò? Lui non è un miserabile che alla fine suscita pena? Ridici su, in modo da potenziare il tuo senso dell’umorismo, per il prossimo imbecille che incontrerai (e che grazie all’esperienza saprai riconoscere ed evitare). Semmai condividi: scrivi le perlate di colui qui sul blog, in modo da ampliare il nostro bagaglio culturale e non sprecare un patrimonio di conoscenza fondamentale. Gli idioti sono inutili e dannosi, a prescindere, ma possono essere preziosi maestri.
  3. L’ha fatto con te, ma l’ha fatto o lo farà anche con altre: il problema è suo. E’ un problema serio, dato che è un problema di molti, in un mondo sempre più affollato di mediocri emotivamente impotenti. E molto spesso non solo emotivamente.
  4. Ributtati a capofitto nei tuoi obiettivi personali, fosse anche solo imparare a pattinare con disinvoltura nei prossimi tre mesi (io non ce la facendo a imparare a pattinare con disinvoltura in tre mesi, mi hanno messo nel corso ripetenti, ma ce la sto mettendo tutta, giuro. Sai come ti insegnano bene a fare gli slalom quando fai lezione di pattini? Ecco. Questo sì che è utile).
  5. Non comprare quello che credi che il vigliacco abbia voluto venderti: che sei tu quella che non vale abbastanza, tanto da non meritarsi nemmeno un saluto. E’ lui che ha questo stile di comportamento. Detestabile. E di sicuro non ce l’ha solo nei rapporti di coppia. E’ una persona inaffidabile a 360 gradi. Brrr. Lontano, via, sciò.
  6. Che ti frega di lui? Lascia perdere. La vita è molto di più di queste scemenze. Più pensi a lui (e ai tanti come lui) più ti impedisci di trovare un uomo che sia un vero uomo e non una mezza calza. Davvero, tempo ed energie spesso.

In definitiva la risposta alla domanda perché gli uomini spariscono è: spariscono i vigliacchi privi di spessore umano. Se spariscono sono vigliacci privi di spessore umano. E tu con questi – voglio ben sperare – non vuoi avere nulla a che fare, giusto? Lasciami le tue testimonianze, per favore. Le perlate, soprattutto.

 

Lascia un Commento!

305 Commenti

  1. Avatar di Luce

    Luce 3 mesi fa (4 luglio 2017 16:57)

    Dunque, vi riporto in breve la mia storia.. due mesi di corteggiamento serrato, più altri 5 mesi di relazione ufficiale con conoscenza di sorella, nipote e cognato, e madre del soggetto in questione.. lui faceva regali ai miei genitori, io ai suoi (per Pasqua e simili).. progetti insieme, vacanze, futuro, figli eventuali, ecc.. poi, una sera esce con gli amici, si ubriaca, riassapora la singletudine.. e il giorno dopo, riemergono i problemi di lavoro e altre banalità simili. Il soggetto sparisce!.. ma sparisce sul serio, non risponde alle telefonate, non risponde ai messaggi, accenna un timido saluto per strada, comportandosi come se io fossi stata un'amica o un'estranea. Da un mese e mezzo io non sento più la sua voce ne leggo più un suo messaggio.. sparito!!! Come lo definireste uno del genere???
    0
    Rispondi a Luce Commenta l’articolo

    • Avatar di Ilaria Cardani

      Ilaria Cardani 3 mesi fa (4 luglio 2017 17:23)

      Direi che la serata con gli amici c'entra poco o nulla. O si è trovato un'altra (che aveva già da tempo) oppure, molto semplicemente, si è sentito oppresso dalle responsabilità ed è fuggito, in modo irresponsabile e infantile. Comportamento detestabile, che però non mi impressiona, dato che non mi pare affatto inedito al giorno d'oggi. Mi pare che tu stia mantenendo una certa freddezza (non facile) e propongo una riflessione e una considerazione: ma il nostro qualche segnale non l'aveva dato? Intendo, inconsapevole, involontario. Poi: non fidatevi troppo della "condivisione" di amicizie e rapporti famigliari: mi pare che siano sempre più spesso l'analogo di atteggiamenti e frasi stile "ti amo, tengo a te" ché hanno più una funzione manipolatoria e/o di autoconvincimento che altro.
      11
      Rispondi a Ilaria Cardani Commenta l’articolo

    • Avatar di Valentina

      Valentina 1 mese fa (15 agosto 2017 16:24)

      Aggiungo oltre a queste frasi: sei la donna della mia vita, per fortuna che sei arrivata tu, non ti lascerò mai. Mica sono scemo! (Ah. No?)
      0
      Rispondi a Valentina Commenta l’articolo

  2. Avatar di eliana

    eliana 1 mese fa (14 agosto 2017 17:13)

    Salve,ho letto con molta attenzione,credo di essere stata vittima di un narciso,molto bello e sicuro di se,all'apparenza almeno,aveva un profilo Facebook che era un arem di donne che lo adulavano,io ero tra quelle su consiglio di un amica,chiedigli anche tu l'amicizia,io e lui abbiamo parlato,scritto in realtà tre volte in tutto,La seconda conversazione piuttosto spinta in cui mi chiedeva di andare da lui,per il week end.Io entusiasta,da brava polla.Poi però dopo avergli mandato due foto e visto la sua reazione a faccine,gli ho detto in latino che faceva lo stupido,mi ha scritto HaHaHa ed è sparito.Io ho aspettato un mese e dieci giorni,non si fa vivo,io mi sono cancellata dalle amichette compiacenti.So che ha un altro profilo vero dove non fa il play boy,sono incerta sè chiedergli l'amicizia li,lui mi interessava,ma penso sia un edipico insicuro che ha bisogno di essere sempre al centro dell'attenzione,temo possa rivelarsi un errore.È stato molto scostante a tratti maleducato.Cosa dovrei fare? Passare oltre?
    -13
    Rispondi a eliana Commenta l’articolo

    • Avatar di Carlotta

      Carlotta 1 mese fa (14 agosto 2017 17:42)

      Lascia stare! Dimentica questo soggetto orribile!!!
      2
      Rispondi a Carlotta Commenta l’articolo

    • Avatar di Anna

      Anna 1 mese fa (14 agosto 2017 17:44)

      Io sono curiosa di capire cosa aveva di tanto interessante ...
      5
      Rispondi a Anna Commenta l’articolo

    • Avatar di Emanuela T

      Emanuela T 1 mese fa (14 agosto 2017 18:36)

      Anna, io tralascerei :D come disse una volta Ilaria: Miserie! L'amica di lei, lei, l'harem con la acca e tutto il cuccuzzaro di feisbùk col complesso edipico. Miserie!
      8
      Rispondi a Emanuela T Commenta l’articolo

    • Avatar di Gretel

      Gretel 1 mese fa (15 agosto 2017 13:41)

      No, guarda, cercalo in tutti i modi e gettati ai suoi piedi mostrandogli desiderio e remissività. Ma dai. Dai! Non lamentiamoci, poi, però...
      3
      Rispondi a Gretel Commenta l’articolo

    • Avatar di Ketty

      Ketty 1 mese fa (16 agosto 2017 8:52)

      Ciao Eliana,ho frequento x 4 mesi un ragazzo che nn faceva altro che dirmi che ero la cosa più bella che gli fossi capitata negli ultimi mesi, mi chiamava anche solo x dirmi: ti voglio bene. È morta mia mamma e lui è stato l'unica persona indifferente alla mia perdita. Ovviamente ho chiuso io,ma nn ho fatto molta fatica. Il suo ultimo messaggio è stato.. a volte ho degli atteggiamenti che nn mi so spiegare neppure io, Perdonami. Sono passate 3 settimane e il vuoto che ho dentro e indescrivibile...
      2
      Rispondi a Ketty Commenta l’articolo

  3. Avatar di Valeria

    Valeria 1 mese fa (18 agosto 2017 13:55)

    Mi sono specchiata in molte delle sensazioni del tuo articolo :sensazione di colpa. ... perché gli ho scritto troppo mentre spariva ?senza recriminare. ... senza accusare.... ma chiedendo perché ?che è successo? ...non lasciarmi senza una parola... vuoi chiudere ?ok.... ma perché diventare dispersi .... estranei..... si crede di impazzire.... perche non si ha la certezza... e perche... non riesvo a domenticare il tempo con lui... in qualche modo luo e unico... non è una cosa facile da spiegare. .... sono passati 4 anni.... e questo evento mi ha cambiato totalmente. Sono diventata insicura.... ansiosa... triste....sola e ho 45 anni...
    -3
    Rispondi a Valeria Commenta l’articolo

  4. Avatar di Giulia

    Giulia 1 mese fa (19 agosto 2017 18:46)

    Ho conosciuto questa persona per caso, facevo una certa strada quasi giornalmente, lui lavorava lì e dalla prima volta ho sentito il suo sguardo trapassarmi. Così per svariati giorni, poi prende coraggio e mi ferma per un'informazione. I giorni successivi mi saluta, ci sorridiamo, mi chiede come mi chiamo e si presenta, mi dice che lo fa apposta di farsi sempre trovare lì perché gli piace il mio sorriso. Qualche giorno dopo mi invita a fare colazione insieme, ci vado. Scopriamo così che siamo entrambi sposati. Mi invita anche per passare del tempo insieme una sera ma declino. Poi riparte, torna dopo un paio di settimane (vive a circa 200 km da qui). Di nuovo le colazioni insieme, stavolta ci scambiamo il numero di cellulare. Un paio di giorni dopo mi bacia, io mi scanso, poi mi ribacia e io mi scanso di nuovo. Spaventata, impaurita, tutto quanto. Il lavoro finisce e riparte, forse per non tornare più. Ci scriviamo tutti i giorni, mi dice che sono bellissima, che mi vuole, parliamo al telefono, si instaura un qualcosa. Una sintonia, un'alchimia, una voglia di stare insieme, vedersi, toccarsi. Il mese successivo torna per un altro lavoro di una sola settimana. Usciamo insieme due volte e facciamo sesso dopo numerose richieste di lui, che mi voleva, mi desiderava, non poteva smettere di pensarmi e via dicendo. C'era un'attrazione incredibile, uno starsi addosso, toccarsi, non riuscire a smettere di baciarsi. Mi coccola persino dopo il fattaccio. Eppure dal giorno dopo è freddo. Il secondo giorno non ci sentiamo neppure. Il terzo mi cerca lui, mi fa capire che non sa quando e se tornerà. Dopo due giorni con una scusa mi dice che non può più scrivermi ma che ci sentiremo al telefono. Da lì niente, il nulla cosmico. Ci sono rimasta male? da morire. Perché era lui quello più coinvolto e io quella reticente e alla fine a sparire è stato lui lasciandomi dentro un grande vuoto che non riesco a riempire. Ho tradito per lui, per la prima volta nella mia vita. Sono stata male, senza dormire né mangiare prima ancora di farlo...e tutto questo per nulla.
    -2
    Rispondi a Giulia Commenta l’articolo

    • Avatar di Emanuela T

      Emanuela T 1 mese fa (19 agosto 2017 19:25)

      @Giulia, dubito che lui abbia potuto lasciarti un qualche vuoto, penso, molto banalmente, che il vuoto ci fosse già. Le persone che si sentono complete e che nulla manchi loro nella vita, non accettano inviti dagli sconosciuti e tanto meno si lasciano trascinare dagli eventi per sentirsi in qualche modo deresponsabilizzate verso gli stessi. Chiediti cosa ti manchi davvero.
      10
      Rispondi a Emanuela T Commenta l’articolo

    • Avatar di Atolla

      Atolla 1 mese fa (19 agosto 2017 19:35)

      Lui non era quello più coinvolto, ti è stato dietro con perseveranza finché, per dirla volgarmente, non gliel'ha data. Ottenuto quello non gli interessava nient'altro, missione compiuta, e si è defilato. Non hai perso nulla, ok a parte il sonno e l'appetito. Ma nel tuo matrimonio non c'è nulla da salvare, per struggersi così tanto per un ominicchio come questo?
      9
      Rispondi a Atolla Commenta l’articolo

  5. Avatar di Giulia

    Giulia 1 mese fa (20 agosto 2017 11:08)

    @Emanuela T è dall'inizio dell'anno che vivo una sorta di crisi personale, che in realtà ha poco a che vedere con mio marito quanto proprio con me stessa. Credo di aver conosciuto lui nel momento in cui ero più vulnerabile e di sicuro è andato a riempire una specie di vuoto che avevo dentro, per poi lasciarlo ancor peggio di come stava prima che vi entrasse. Non voglio deresponsabilizzarmi, però mi è dispiaciuto vederlo sparire dopo esserci sentiti tutti i giorni, tutto il giorno. E' difficile passare da 100 a 0, anche se entrambi sapevamo che sarebbe dovuta finire.@Atolla il mio matrimonio in realtà va bene. Questo omuncolo non l'ho amato né gli ho voluto bene. Mi manca l'attrazione fisica che sentivo per lui, quella sorta di magnetismo animale. Ecco, forse è questo che è venuto meno nel mio matrimonio: quei desideri li avverto in modo molto blando, forse perché sono passati tanti anni. Facciamo ancora l'amore e anche bene ma l'adrenalina non la sento più e una parte di me desidera ancora sentirsi viva.
    0
    Rispondi a Giulia Commenta l’articolo

  6. Avatar di simona

    simona 4 settimane fa (26 agosto 2017 13:41)

    Ci conosciamo via gruppo su Facebook. Fa parte delle forze armate (questo mi da sicurezza). Parliamo via messenger, poi via whatsapp poi per telefono..ci vediamo la prima volta ed è come se esplodesse un vulcano. Parliamo tanto e baci a non finire... In una settimana si decidono vacanze a natale, weekend prossimo..(abbiamo entrambi figli con situazioni simili). Quando mi dice che si sta legando gli rispondo anche io..aggiungo (mi sto innamorando..errore). Il giorno dopo ci vediamo ed è distaccato. Da li il silenzio. Non mi do pace. per un giorno e mezzo chiedo spiegazioni. Lui mi liquida con un "voler un amicizia vera e che deve riflettere sulle mie parole". Parole? Ma quali? Sono passati 3 giorni ed è il silenzio. Ovviamente ancora sto sotto..ma risorgerò..per l'ennesima volta.
    0
    Rispondi a simona Commenta l’articolo

    • Avatar di Romy

      Romy 4 settimane fa (26 agosto 2017 18:17)

      Simona, da quello che hai detto mi viene da pensare che tutto sia stato troppo rapido: baci a non finire al primo incontro e addirittura discorsi sulle vacanze a Natale, tutto nell'arco di pochi giorni. In genere, quando un uomo appare subito troppo entusiasta ed eccessivamente preso o fin troppo galante, è meglio essere diffidenti e andarci coi piedi di piombo. Adesso, se fossi in te, eviterei di ricontattarlo e di chiedergli altre spiegazioni. Detto questo, la cosa importante è non ricadere in simili situazioni per evitare inutili sofferenze. Come fare? Per cominciare, a mio parere sarebbe opportuno evitare il più possibile di affidarsi ai social per incontrare persone nuove nella speranza di trovare il grande amore. Quattro chiacchiere via Facebook o affini non significano mai nulla, così come non bisogna fidarsi di una persona in base al lavoro che svolge: gli immaturi, i cretini e anche i criminali sono presenti in tutti i ceti sociali e a ogni livello culturale. Bisognerebbe ripeterselo come un mantra. Tuttavia, se proprio si vuole continuare a usare Facebook et similia, occorre allora farsi furbe: dopo il contatto via social e quando si va al primo appuntamento, bisogna cercare di non farsi travolgere da entusiasmi fuori luogo, vampate di passione e simili (tutti elementi altamente sospetti), ma è bene conservare un bel po' di lucidità e impiegare la ragione per capire chi ci sta di fronte. In questo modo, si evita di accumulare delusioni. Esistono uomini che agiscono così, come gli viene al momento, senza pensare alle conseguenze di ciò che dicono e fanno: in quel momento lui ti bacia perché gli gira così, ma subito dopo ci ripensa e cambia atteggiamento. Tutto nell'arco di pochissimo tempo. In sintesi, di uomini immaturi o molto superficiali è pieno il mondo; diciamo pure che sono la maggioranza, specialmente in quest'epoca. Ecco che allora non conviene mai partire in quarta, anche se - lo capisco bene - è bello ed emozionante lasciarsi trascinare da certi istinti, dalle sensazioni del momento e dai propri sogni. Purtroppo, però, comportarsi così espone a molti rischi e allora è meglio essere razionali e pensare a proteggersi. In bocca al lupo!
      9
      Rispondi a Romy Commenta l’articolo

    • Avatar di Simona

      Simona 3 settimane fa (27 agosto 2017 13:45)

      Grazie Romy..sono caduta come un'ingenua. Forse troppo tempo che sono sola. Ma ascolterò i tuoi suggerimenti
      0
      Rispondi a Simona Commenta l’articolo

    • Avatar di emy65

      emy65 3 settimane fa (28 agosto 2017 17:40)

      Esattamente...😉....la...fretta..é sempre un biglietto da visita inequivocabile.chi ci tiene veramente é disposto a perderne di tempo...ragionevolmente parlando ovvio.e le telefonate sms wa costano pochissimo e rendono...uhhh come le fanno rendere..😉 pretendete altro e di più o fateli correre...
      0
      Rispondi a emy65 Commenta l’articolo

    • Avatar di Gretel

      Gretel 4 settimane fa (26 agosto 2017 20:05)

      Eh be'...se è di quelle forSe dell'ordine che ti ridacchiano in faccia quando ti rivolgi a loro per avere una tutela...stai fresca! :) Io di primo acchito dubiterei di un uomo che per professione ha scelto di maneggiare armi, pensa un po'.
      0
      Rispondi a Gretel Commenta l’articolo

    • Avatar di Stellina3

      Stellina3 3 settimane fa (27 agosto 2017 18:25)

      Io ho conosciuto uno che faceva quel mestiere ad un corso di ballo e, anche a me, con un po' di ingenuità da 26 enne ho pensato che sarei potuta fidarmi perché faceva quel mestiere. Ecco è stato l'uomo che mi ha trattata peggio dicendomi che facevo schifo come persona che ero grassa (54kg 1.65)e stalkerandomi dopo che l'ho mandato a quel paese. Bada bene che ci sono uscita un mese e mezzo. Lui aveva una fidanzata da 6 anni ed io non lo sapevo...Per dire che quella cosa li è per avere più dubbi anzi che meno...
      0
      Rispondi a Stellina3 Commenta l’articolo

  7. Avatar di Edy

    Edy 3 settimane fa (29 agosto 2017 23:25)

    Ciao Ilaria sono ormai una tua assidua lettrice e ho seguito con molto interesse i tuoi corsi. Recentemente ho frequentato un uomo per circa un paio di mesi conosciuto su meeting affinity (separato con 2 figli a suo carico) mentre io sono separata da 4 mesi senza figli e piu giovane di lui di 12 anni. La frequentazione è stata sin da subito molto intensa ed empatica e a parte il discorso sesso che c'è stato al primo appuntamento (È stato difficile resistergli) ho seguito con molta scrupolosita i tuoi suggerimenti su come conquistare un uomo senza stress. Ebbene dopo momenti magici trascorsi insieme, telefonate e messaggi assidui e sguardi intensi da parte sua...in occasione di un Week end trascorso insieme mi confida che non se la sente di avere una relazione seria con la sottoscritta (argomento aperto da lui nonostante il mio desiderio di vivere le cose per il momento con leggerezza e senza complicazioni). Alla cosa io reagisco inizialmente chiedendogli di non sentirci piu, poi ritratto proponendogli di continuare la relazione senza impegno ricevendo la seguente risposta: vedremo...sappi comunque che ti vorrò sempre bene A questo punto ho richiesto ulteriori chiarimenti attraverso una serie di messaggi e invitandolo alla fine a farsi sentire solo quando avrà chiarito le sue idee relativamente al tipo di rapporto che intende mantenere. Da allora sono passati 2giorni e non si è più fatto sentire. Ed io nonostante il coinvolgimento emotivo nei suoi confronti sto cercando di resistere alla tentazione di contattarlo. Penso infatti che sia un atteggiamento infantile quello di non mettere in chiaro i propri sentimenti/intenzioni. Probabilmente avrà rivolto i suoi interessi su un'altra persona o forse non è scattata la molla o forse ancora ha paura del legame che si stava instaurando. Ad ogni modo condivido il tuo approccio...e il fatto di non farsi sentire potrebbe risultare un modo per risultare più interessante ai suoi occhi oltre per preservare se stessi! Ho infatti maturato alla luce delle tue pubblicazioni questa idea : il miglior modo per tenersi un uomo è mantenere alto il livello di interesse, non dargli tutto, farsi desiderare, imparare a dire di no (di tanto in tanto e con sapienza!). Vorrei che lui tornasse ma è oltremodo piu importante per me in questo momento mantenere un equilibrio personale. Vorrei inoltre mantenere i contatti con te nel futuro. Ho trovato i tuoi metodi molto utili e vorrei imparare di più. Buona serata. Edy
    1
    Rispondi a Edy Commenta l’articolo

  8. Avatar di Giudy

    Giudy 4 settimane fa (23 agosto 2017 0:50)

    Ho fatto di tutto per conoscerlo.. e così un giorno abbiamo pranzato assieme.. mi è piaciuto moltissimo.. in tutto ci siamo frequentati un mese esatto. Lui, come mi aveva detto, non ama esprimere i suoi sentimenti (non mi ha mai fatto un complimento, ma lo vedevo piacevolmente colpito, quasi imbarazzato), ma a me bastavano determinate attenzioni.. come portarmi un oggetto del colore che piaceva a me, era molto delicato, ci siamo baciati al settimo appuntamento e gliel'ho dovuto chiedere 🙂 mi scriveva ogni giorno, al mattino e alla sera, ogni tanto anche durante il giorno.. era molto leggero e cercava di capire il senso del nostro vederci.. non siamo stati a letto insieme (non sarebbe successo comunque, io avrei aspettato fine anno per via di un fioretto, ma lui non lo sapeva).. poi mi ha invitata ad uscire con i suoi amici.. e bhé mi ha considerata molto poco.. io me la sono cavata comunque e poi lui mi ha detto che era andata bene.. lui mi parlava di questa "migliore amica" che sembrava essere una compagna asessuata.. alla quale era legatissimo e più volte ha voluto propormi l'argomento... mi sono innamorata come capita raramente e non so nemmeno perché.. ho manifestato i miei sentimenti, con leggerezza, ma certo mi sono esposta più di lui.. un giorno non ricevo il suo messaggio.. gli scrivo io e risponde.. poi più niente.. il giorno dopo ancora niente... Ho capito che si stava svincolando.. allora gli ho ribadito quanto io avevo messo in gioco e gli ho fatto presente che la sua indifferenza mi offendeva.. l'ho salutato in modo definitivo, ringraziandolo e perdonandolo 🙂 . Lui ha risposto in modo confuso dicendosi molto dispiaciuto, chiedendomi scusa e augurandomi di trovare quello che stavo cercando.. è proprio un perla 😂 ma adesso io ci sto facendo i conti e da un lato spero che nei prossimi giorni capisca di essere un perla! 😂 So che non succederà e andrò avanti con le mie faccende.. piú consapevole di prima.. ma quanta amarezza! Un saluto!
    -2
    Rispondi a Giudy Commenta l’articolo

    • Avatar di Carlotta

      Carlotta 4 settimane fa (23 agosto 2017 8:05)

      Ciao Giudy, io ti consiglio di rileggere gli articoli di Ilaria su come diventare stronza e usare il cinismo..:-)
      2
      Rispondi a Carlotta Commenta l’articolo

    • Avatar di Anna

      Anna 4 settimane fa (23 agosto 2017 11:16)

      Scusa, ma mi pare che tu abbia fatto tutto da sola, con una specie di ameba - asessuata, quindi. Tu hai fatto di tutto per conoscerlo, tu lo hai baciato, tu ti sei dichiarata, e a quel punto lui si è svincolato. Per sapere che cosa vogliono gli altri, bisognerebbe anche lasciare loro lo spazio di esprimerlo. E quando non esprimono niente, probabilmente non vogliono niente.
      7
      Rispondi a Anna Commenta l’articolo

    • Avatar di Giudy

      Giudy 3 settimane fa (31 agosto 2017 16:20)

      Ciao Anna! Grazie della risposta... È vero che io sono stata diretta.. ma lui ti garantisco era molto compiaciuto e comunque non sono stata invadente.. anzi.. e ho chiuso il giorno stesso in cui non mi ha scritto.. io credo che lui sia veramente bloccato.. e che non abbia il coraggio di affrontare una relazione. Magari sbaglio, non voglio peccare di presunzione. Io l'ho più cercato.. però non nego che sono cotta e non mi spiego neanch'io come sia potuto succedere.. ci credi che se pur non lo sentirò mai più, il solo fatto pensare a lui mi dà uno stato di benessere? Bho! Questa sfaccettatura non mi era mai capitata... garantisco però di essere stata molto delicata e leggera.. ed era lui a scrivermi tutti i giorni, più volte al giorno.. fa niente, ho tante cose da fare (- appena smetto di pensare a lui! :D -) lo so che non vuole niente, hai ragione.. dannata serotonina!
      0
      Rispondi a Giudy Commenta l’articolo

    • Avatar di Anna

      Anna 3 settimane fa (31 agosto 2017 17:39)

      Lo credo che era compiaciuto ... Lo sarei io, lo sarebbe chiunque. Fa piacere essere corteggiati. Ma il punto è che se "da te te la canti e da te te la soni", magari semplicemente non c'è niente di reale, oltre alla tua canzone.
      0
      Rispondi a Anna Commenta l’articolo

    • Avatar di Giudy

      Giudy 3 settimane fa (31 agosto 2017 22:46)

      Anna perdonami, ma non ho perso la mia dignità con lui, figurati se lo faccio con te. È vero che sono stata colpita io da lui per prima.. ma non è vero che "me la sono cantata" lui mi cercava, mi invitava fuori, pagava il conto è sì.. non c'ha neanche provato a baciarmi.. al settimo appuntamento gliel'ho chiesto io ed è stato felicissimo.. quindi a un certo punto non ha voluto andare avanti. Io questo l'ho capito è accettato in 24 ore. Però, volevo dire.. è stato bello innamorarsi e anche se sono molto dispiaciuta che non sia andata avanti, è bello provare un buon sentimento verso una persona, fine a se stesso. Era questo forse che volevo far emergere.
      0
      Rispondi a Giudy Commenta l’articolo

    • Avatar di Anna

      Anna 3 settimane fa (1 settembre 2017 12:05)

      Non ho capito bene il problema della dignità con me, mi spiace se hai frainteso quello che ho scritto e ti sei offesa ... Capita spessissimo di mettersi in testa cosa e di fantasticare, come anche di volere veramente bene a persone anche se poi non si sviluppa altro, perché non vanno bene per noi. Intendevo dire che in questo caso, o lui non era sessualmente attratto da te o più probabilmente ha problemi sessuali, quindi la base per un rapporto di coppia pieno non c'era (sarei curiosa di capire come ti proponeva il tema dell'amica asessuata, ad esempio). Abbastanza un classico, Ilaria ha anche scritto un post, al riguardo: la malcapitata va in confusione, perché lui è interessato, gentile e talvolta anche romantico ... ma niente. Vuoi un rapporto asessuato non si sa bene se di amicizia o di coppia? Il fatto nudo e crudo mi pare che sia questo, ed in questo senso mi pare che tu abbia "fatto tutto da sola", e non perché gli sei corsa dietro. Hai trascurato un segnale piuttosto importante, ecco. E lui, tanto carino amichevole e gentile ... ma tendente allo stronzo, in definitiva, in quanto non solo non si è esposto, ma non ha chiarito neanche quando ti sei esposta tu e si è dato alla macchia.
      1
      Rispondi a Anna Commenta l’articolo

    • Avatar di Giudy

      Giudy 2 settimane fa (3 settembre 2017 12:27)

      Hai ragione Anna.. 😄 Lui mi parlava di lei come se fossero un tutt'uno, come se fossero imprescindibili.. io gli avevo detto che non credevo all'amicizia tra uomo e donna.. e lui non mi aveva dato nemmeno tutti i torti ma che lei non era assolutamente interessata. Io mi ero detta che avrei affrontato questa cosa con calma. Non volevo mettermi subito in conflitto con una cosa che conoscevo poco.. Probabilmente si, avrei dovuto essere molto più allarmata e invece ho sottovalutato stupidamente il fatto. Quando mi baciava era piuttosto trasportato, non penso che non fosse attratto.. Questo è molto utile per me. Grazie mille!
      0
      Rispondi a Giudy Commenta l’articolo

    • Avatar di max

      max 3 settimane fa (31 agosto 2017 20:34)

      Concordo con Anna, è inutile cercare a tutti i costi di vedere l' amore (o un suo surrogato) dove non ci sono le prove tangibili e concrete della sua esistenza reale
      1
      Rispondi a max Commenta l’articolo

    • Avatar di Gretel

      Gretel 4 settimane fa (23 agosto 2017 12:01)

      Concordo con Anna. E poi, spiace dirlo, ma le frequentazioni servono a questo: a capire se vuoi stare o no con una persona. Lui forse non voleva stare con te, non trovo sia necessariamente un "perla". O forse non c'era reciprocità: ti ha vista molto presa mentre lui non lo era e non voleva alimentare la cosa e tu sovrastimavi i suoi comportamenti. Purtroppo certe cose non si possono creare con la bacchetta magica, anche se la volontà ha un ruolo importante ma credo in una fase successiva. Insomma, vai avanti, è andata così, capita! Certo lui avrebbe potuto essere più diretto, ma probabilmente non sapeva mettere insieme le parole per lasciare perdere...ho avuto la sensazione che lui fosse "tiepido". Forse puoi anche permetterti una temperatura più alta. ;-)
      1
      Rispondi a Gretel Commenta l’articolo

    • Avatar di Giudy

      Giudy 3 settimane fa (31 agosto 2017 16:26)

      Gretel è un perla per due ragioni: la prima perché non puoi sparire il giorno dopo avermi presentato i tuoi amici con tanto di gita in montagna e pranzo al sacco!.. la seconda perché un'altra come me se la sogna.. ragione per cui, mi ha presentata ai suoi amici... Per il resto.. concordo! 😊
      0
      Rispondi a Giudy Commenta l’articolo

    • Avatar di Stellina3

      Stellina3 3 settimane fa (31 agosto 2017 17:16)

      Una come te se la sogna cosa significa? Comunque anche secondo me, come ti hanno già detto, non era interessato, non è scattata.
      3
      Rispondi a Stellina3 Commenta l’articolo

    • Avatar di Giudy

      Giudy 3 settimane fa (31 agosto 2017 23:18)

      Significa che lui è impacciatissimo.. e sinceramente mi reputo una donna piacevole, innamorata e che avrebbe tanto desiderato conoscerlo. Secondo me lui non è in grado di gestire le emozioni e si è dato alla fuga. Credo che abbia perso una buona occasione, ho usato una frase fatta, ma forse così è meglio. Comunque a me non interessa di essere dispiaciuta, penso spesso a lui e non ho rancore. Mi sono accorta che questa volta, in questo innamoramento, non c'era più 95% voglia di essere conosciuta e amata e 5% voglia di assicurarsi quel 95%, ma c'era un bel 80% di voglia di conoscere una persona, di entrare nel suo intimo... e un 20% di voglia di essere conosciuta. Questo mi ha fatto molto bene. Un po' sono dispiaciuta x l'interruzione, ma mi sento più ricca di prima e non penso lui possa dire lo stesso. Ecco, volevo dire questo.
      0
      Rispondi a Giudy Commenta l’articolo

  9. Avatar di Doris

    Doris 2 settimane fa (3 settembre 2017 8:28)

    Ciao a tutte, ciao Ilaria, mi diverto e imparo molto da questo blog, così condivido.... La mia perla? O meglio, la sua perlata? Dopo due mesi di tutto (sì, il solito: i caffè incastrati in ogni orario possibile, gli sguardi lunghi e significanti, le risate, la complicità, le domande esplorative reciproche, il primo bacio, la prima cena, la prima mostra insieme, la prima notte insieme, ecc ecc...), si presenta a casa mia alle tre di notte, ci resta fino al mattino e poi, prima di andarsene: "Se le cose tra noi dovessero mai cambiare prometti che non mi odierai?" "Guarda, odiare è una gran faticaccia e poi non ho mai odiato nessuno, per cui penso proprio di no..." "Sei davvero una persona speciale". Esce da casa mia e poi.... STOP THE END ADIOS eccetera eccetera
    2
    Rispondi a Doris Commenta l’articolo

  10. Avatar di Alessandra

    Alessandra 2 settimane fa (3 settembre 2017 14:14)

    L'ho conosciuto in treno. Un vero gentiluomo. Messaggi e telefonate dolcissime. Dopo qualche giorno ci vediamo. Serata perfetta ma non cedo alle richieste di fare l'amore. Teneva sempre il cellulare nascosto. Secondo me aveva qualcuno che lo aspettava a casa. Dopo qualche uscita insieme sparisce. Mi blocca su WhatsApp. Comincio a stare male ma non lo cerco Ho cancellato tutto di lui. Tranne una foto. Voglio ricordare la faccia di questo stronzo. Per non permettere più a nessuno di trattarmi così.
    0
    Rispondi a Alessandra Commenta l’articolo

    • Avatar di Emilia

      Emilia 2 settimane fa (3 settembre 2017 16:27)

      La "qualità" (da leggere in senso ironico) di questi uomini è la premura (intesa come fretta), in tutte le azioni che compiono, dal corteggiamento al dileguamento. Premura come stile di vita.
      3
      Rispondi a Emilia Commenta l’articolo

  11. Avatar di Chiara

    Chiara 2 settimane fa (6 settembre 2017 1:41)

    Lo conosco via chat, divorziato da 10 anni con due figli di cui una trentenne convivente che da un'anno l'ha reso nonno, un figlio di 23 anni che vive con lui dal venerdì alla domenica (il resto della settimana il ragazzo vive con la mamma). Iniziamo a vederci ogni tanto, andiamo ogni tanto a passeggiare al mare, qualche bacio, telefonate, sms poi progressivamente si dilegua. Non capisco però ho oltre 50 anni lui un paio in più,esco da una lunga convivenza e da una storia d'amore lacerante perché coinvolgente ma "impossibile" e quindi la cosa mi colpisce ma non eccessivamente. Poi lui, funzionario di un'azienda pubblica, si sposta a Roma dove vive la mamma con la famiglia della sorella dal lunedì al giovedì e penso che la lontananza lo abbia scoraggiato. Passano alcuni mesi e appare un suo sms con scritto: come stai? Io, meravigliata, gli rispondo: bene e lui? Andiamo quando puoi a fare una passeggiata al mare? Temporeggio e poi alla fine penso: massi' che può succedere tanto non mi ero coinvolta più di tanto, ero rimasta semplicemente spaesata dal comportamento. Ci vediamo e mi spiega che non si riteneva ancora libero sentimentalmente rispetto ad una convivenza da lui vissuta per oltre 4/5 anni e non aveva voluto ingannarmi. E lì inizia pian piano la nostra storia (d'amore??????). Cominciamo a vederci il giovedì sera ed a volte dormo da lui, poi iniziamo avere i il sabato sera, poi la domenica pomeriggio a vedere la partita (io che col calcio faccio a pugni) dove arbitra il figlio. Quindi inizio prima a conoscere il figlio, poi la figlia (simpatia portami via, però è la figlia e comunque la giustifico per quel pizzico di gelosia) poi parenti vari, mentre la storia continua con "richieste" crescenti da parte sua di abbandonare lentamente il lavoro (grazie a Dio ho usato la testa e ho temporeggiato), poi perché non mi presenti i tuoi fratelli (sapendo lui benissimo le mie difficoltà con la mia famiglia d'origine a causa della perdita della mamma da piccolissima e della separazione dai fratelli) poi se mi telefona la mia migliore amica (la mia vera sorella che lui ha conosciuto) musi lunghi, se una domenica non vado a vedere la partita ma esco con le mie amiche non ne parliamo (una tragedia...io ti rendo partecipe della mia vita, tu fai le tue scelte individualmente ecc)! Però ero comunque coinvolta, mi accorgevo della sua possessivita e del suo essere sempre serio, non avere amicizie essere tenebroso, però mi dicevo: gli opposti si attraggono...tre anni, richiesta di matrimonio poi un mese prima di lasciarmi, di fronte alla solita tiritera che devo pensare di lasciare il lavoro, passiamo daLe 20 telefonate e 50 sms al giorno, anche a volte da reputati se non ridicoli,eccessivi, ai 10 ... poi io, forse stressata, comincio ad avere anche problemi di salute, decidiamo di non vederci per quel fine settimana per non causare problemi al nipotino a causa della mia influenza, nel frattempo mi accorgo che riceve spesso degli sms, un giovedì sera mi dice alle 16che deve fare il nonno sitter e quindi pazienza non ci si vede, però io casualmente per lavoro passo di fronte a casa sua, mi fermo con la macchina, gli scrivo un sms: come va con B... e lui mi dice che ha la mammite e che anche la mamma non ha ancora deciso se andare o no...passano 10 minuti ferma fuori, poi vedo le luci accese dentro e penso che ci sia il figlio e suono X salutarlo! Esce lui, mi aveva raccontato palle (che io non tollero) e lui non si era mai mosso da casa! Lite e poi decido di tornarmene a casa mia nonostante lui cerchi di trattenermi. La settimana dopo il mio compleanno: usciamo a cena ma non mi regala neppure una rosa (ed era rimasto a casa tutto il giorno). Un senso di delusione, poi il giorno dopo ci vediamo, vediamo il concerto di Vasco in TV assieme, cerco di essere allegra anche se in realtà (sempre a causa della famosa domenica con le mie amiche) lui mi dice che il giorno dopo (domenica) andava con un suo amico in barca! Poi il lunedì sms freddi, per altre 2/3 gg finché lo invito (finalmente ecco l'occasione) alla festa di laurea di mio nipote a cui sono presenti i miei parenti, non mi risponde al telefono io lo richiamo e mi risponde con gli sms "pronti" sono a cena! A quel punto gli scrivo della festa e mmi risponde: non importa. Non importa? Ma non ero la donna con cui voleva invecchiare, crescere il nipote, sposare. Ero la donna che amava e che il 14/2 aveva avuto la fedina con la richiesta di matrimonio. Non risponde più al telefono: mi preoccupo per la sua salute e col cuore in gola gli chiedo di rispondere altrimenti avrei chiamato sul figlio! Alla parola figlio mi appare un sms: sto bene e che semplicemente è finita. Ti amo ma le nostre vite sono troppo diverse, ho cercato ma la cosa mi fa soffrire troppo! Giuro che pensavo di impazzire: l'ho implorato di vederci negli occhi e dircelo guardandoci! Non c'è stato sistema. Io che ho avuto purtroppo problemi da piccola (cosa che lui sapeva benissimo a causa della morte di mamma) ho pensato realmente di farla finita! Sto soffrendo moltissimo, mi è poi montata una rabbia (l'ho offeso via sms in modo da rendermi irriconoscibile) lo spio per vederlo ogni tanto! Vi giuro che è uno strazio, devastante! Ecco qua la mia storia!
    0
    Rispondi a Chiara Commenta l’articolo

    • Avatar di Anna

      Anna 2 settimane fa (6 settembre 2017 10:46)

      Un abbraccio. Vedila così: nonostante tutti i problemi che hai avuto, lui sta molto peggio di te. Quindi meglio che sia sparito, e anzi era da lasciare alle prime bugie piuttosto gravi. Hai beccato l'ennesimo psycho/stronzo. Bloccalo, non guardare più i social, non cercare neanche di capire e pensa a te stessa.
      7
      Rispondi a Anna Commenta l’articolo

    • Avatar di Chiara

      Chiara 2 settimane fa (6 settembre 2017 17:41)

      Grazie mille Anna, tanquilla ... tutto passa e passerà anche questa! Non voglio fare assolutemente la vittima e non sono così cretina dal distinguere un uomo a cui piacevo oppure no! Sono una bella donna (tranquille, nella normalità) ed avevo notato dei comportamenti tipo "flash" dispotici col figlio, oppure ansioso quando faceva qaulcosa che gli interessava, annoiato, sempre davanti alla tv dalla mattina alla sera ... ripeto! Ci ero arrivata, però anche ripensandoci, a parte vigliaccherie, non gli piacevo, cavolate varie, è un comportamento che a ritroso rivivo come un asociale, non empatico con nessuno ... tranquille, voglio capire! Però giuro che fa male perchè è destabilizzante per me stessa. Come è possibile che dietro ad un agnello si celi un lupo che azzanna così voracemente?
      1
      Rispondi a Chiara Commenta l’articolo

    • Avatar di Anna

      Anna 2 settimane fa (6 settembre 2017 20:37)

      È così. Non c'è molto di più da capire. I segnali li avevi visti, la prossima volta non ci passerai sopra. Semplicemente non te lo potevi aspettare, perché non sei psichiatra e quindi non ti aspetti la patologia.
      3
      Rispondi a Anna Commenta l’articolo

    • Avatar di Atolla

      Atolla 2 settimane fa (6 settembre 2017 11:29)

      Cioè fammi capire: tu amavi e avresti sposato uno che non solo ti ha manipolato in ogni modo possibile (la richiesta di abbandonare il lavoro è il peggio del peggio), ti ha raccontato balle da quattro soldi perché non aveva voglia di vederti, ti ha offesa ostentando disinteresse totale per un evento familiare in cui l'avevi coinvolto, è sparito di punto in bianco perché non potrebbe fregargliene di meno di te (scusa la brutalità ma è questo che traspare dal racconto) e ti comunica via sms che è finita, solo perché tu gli hai tirato in mezzo il figlio? Ma veramente? Cara, io piuttosto che buttare sangue per un individuo come questo cercherei, con l'aiuto di un/a professionista, di capire il perché di tanta bisognosità e come venirne a capo. Non è possibile, non è giusto verso se stessi annullarsi e umiliarsi in questo modo per un uomo (ma anche per una donna naturalmente), nemmeno se fosse la persona migliore dell'universo.
      4
      Rispondi a Atolla Commenta l’articolo

    • Avatar di Chiara

      Chiara 2 settimane fa (6 settembre 2017 17:34)

      E' proprio lì che per me è scattato il suo ingranaggio, nel momento in cui gli dico che deve lascairmi stare perchè mi sto ammalando causa stress, che ho riconosciuto dei comportamenti diversi ed è caduta la maschera! Però tranquilla perchè ti assicuro che non è facile e non voglio che ci mettiate il carico da quaranta perchè ora sarebbe difficile da gestire. Non sono una cretina, ho raccontato la mia storia ieri sera tardi dal tlefonino perchè penso sia naturale che un essere umano si chieda il perchè di un comportamento così vile da parte di una persona "mite e seriosa"! Sono stata educata, presumo bene, a prendere delle posizioni da persona coerente e la cosa giuro spiazza!
      2
      Rispondi a Chiara Commenta l’articolo

    • Avatar di Romy

      Romy 2 settimane fa (7 settembre 2017 8:35)

      Chiara, sicuramente queste sono esperienze laceranti sul piano emotivo ed è normale avvertire l'esigenza di sfogarsi. Oltretutto si tratta di un uomo che, almeno per ragioni anagrafiche, dovrebbe essere maturo e avere acquisito una certa stabilità interiore; e invece è un poveretto, un immaturo irrecuperabile e un individuo anche pericoloso. Basti pensare al fatto che voleva farti lasciare il lavoro: se tu l'avessi ascoltato ti saresti rovinata, perché tanto lui ti avrebbe mollata comunque o ti avrebbe "costretta" a mollarlo, data la sua evidente instabilità caratteriale ed emotiva. Al di là di ciò, penso che sia stato un bene che tutto sia finito. Certo, lasciare una persona via sms dimostra, una volta di più, la pochezza di questo individuo. Ma, appunto, la dimostra con estrema chiarezza. Adesso dovresti cercare di pensare soltanto a te stessa, riprendendo il controllo della tua esistenza e pensando che hai scampato un grosso pericolo. L'esperienza ti servirà per leggere meglio, in futuro, certi segnali e per lasciare subito, immediatamente, senza indugio, chiunque si comporti in maniera disturbata. Un uomo sano e normale si assume le proprie responsabilità, non suscita incertezze o stress e non cambia idea dall'oggi al domani.
      3
      Rispondi a Romy Commenta l’articolo

    • Avatar di Chiara

      Chiara 2 settimane fa (7 settembre 2017 10:58)

      Grazie Romy: hai proprio capito cosa mi è successo l'altra sera! Lacerata da questa situazione ma per fortuna ancora forte delle mie passioni come ad esempio la lettura e la scrittura, ho semplicemente cercato sul telefonino testi che parlassero dell'argomento. Mi sono imbattuta in questo blog, ho letto e penso all'una di notte o poco prima, ho scritto di getto quello che mi era capitato e l'ho inviato senza neppure rileggere. Il mio scritto per me era intoso, era un guardarmi dentro con dolore, conscia che il mio vissuto possa avere parzialmente contribuito all'evolversi della situazione. Io ho ancora voglia di mettermi in gioco, pur soffrendo in modo lacerente al punto di chiudermi a casa per piangere sola, in modo liberatorio, e conscia che forse avrò bisogno di essere aiutata psicologicamente, ho descritto quello che mi era capitato. Ripeto, non voglio assolutamente essere la vittima di turno e non penso di essere la stupidina che s'è fatta intrappolare dallo stronzo di turno, oppure potrebbe anche essere: se volete io sono cappuccetto rosso che ha trovato il lupo! Però, posso esprimere un giudizio senza filtri? Pensate che possa essere d'aiuto essere così fredde al punto tale da descrivere la mia situazione come quella di una rincitrullita bisognosa d'essere aiutata ecc. ecc.? Ecco, io proprio questo non vorrei diventare! Non vorrei perdere comunque e sempre la fiducia nel prossimo! Io non volglio cambiare la mia identità: non volgio perdere il mio valore aggiunto che è la sensibilità! Non vorrei che a causa di una persona con dei problemi seri di anafettività se non anche di patologie diverse, quedsto non sta a me dirlo perchè non ne ho i mezzi, stravolgere la mia peculiarità. Io vorrei solo "correggere il tiro" sapermi raffrontare con persone anche ciniche, che tutti e spesso incontriamo, senza diventarlo. Questà vorrei diventasse la mia nuova sfida. Grazie comunque a tutte quelle che mi hanno aiutata anche solo mandandomi un saluto mchi
      0
      Rispondi a Chiara Commenta l’articolo

  12. Avatar di Lucy

    Lucy 1 settimana fa (10 settembre 2017 18:21)

    Ciao a tutte, vi ho letto con interesse e desidero raccontarvi la mia esperienza forse anche come "terapia" per mettere nero su bianco quello che mi è successo e condividerlo con chi ha vissuto in parte situazioni simili. Esco da una storia importante, di tanti anni, fatta di grande complicità e amore. Finisce perché banalmente l'energia per andare avanti finisce e troppi fattori esterni hanno minato l'integrità della coppia. Comunque la separazione, seppur sofferta, è vissuta in modo maturo e con rispetto. Decido di cambiare aria, fare un viaggio per distogliermi e riassaporare la vita è così incontro, tramite un'amica che me lo presenta, un uomo fantastico, allegro, molto affascinante insomma un vulcano di energia... quell'energia di cui avevo bisogno, che da troppo tempo mi mancava. Si crea fin da subito una chimica pazzesca tra noi, ridiamo, scherziamo sembra che ci conosciamo da tanto... una bellissima complicità. Usciamo un paio di volte, parliamo tantissimo, l'interesse si accende... al terzo appuntamento, un po' trascinata da questa forza un po' perché mi sentivo libera di abbandonarmi a questa nuova esperienza dopo una lunga storia appena finita, scatta il bacio passionale e poi finiamo a letto. Lui è dolcissimo, fantastico, è seriamente coinvolto dicendomi che con me finalmente si sente vivo e felice ( ps lui è sposato ma sta vivendo un momento terribile e sua moglie è più grande di lui) io capisco la situazione e mi va bene anche perché non avevo minimamente intenzione di iniziare un rapporto serio... w comunque è stato fin da subito sincero. Cominciamo a frequentarci, scriverci messaggi, chiamarci, lui mi invita a conoscere la sua famiglia mi dice che con me sta benissimo che vuole continuare, mi dice addirittura che mi ama nel giro di 2 mesi! Io gli dico che dobbiamo vivere con leggerezza questa situazione particolare e che finché fa stare bene entrambi va bene così... pian piano comincio a coinvolgermi un po' di più anche io. Insomma tutto va benissimo alla grande anzi, fino a quando un giorno gli mando dei messaggi WhatsApp e per tutto il giorno vedo che non sono stati recapitati. Allora mando un messaggio al secondo numero che a detta sua lui non userebbe più, però l'ho fatto perché ero preoccupata. Anche su questo numero il messaggio non viene recapitato. Allora chiedo alla nostra amica comune di mandargli un messaggio... e a lei il messaggi arriva e si vede l'ultima volta che lui è entrato su whsapp... ok mi ha bloccato penso... chiediamo spiegazioni no?!?! Dopo qualche ora lui mi scrive dicendomi che aveva finito internet sul telefono, questo era il motivo per cui non aveva ricevuto i miei messaggi. Allora io gli chiedo se comunque usasse ancora l'altro numero è lui mi risponde che il vecchio numero non è più attivo ( balla!!! Perché la mia amica gli aveva scritto sul vecchio numero e il messaggio era arrivato). Alchè mi sento un po' presa in giro e gli dico di non raccontarmi bugie ma dirmi la verità! A quel punto mi scrive che mai nessuno l'aveva trattato da bugiardo, perché lui non lo è...che l'avevo ferito nel profondo. Io gli ho detto che era meglio parlare a voce, che ci saremmo spiegati meglio... lui non ha voluto spiegazioni mi ha scritto che non mi avrebbe più parlato e che mi diceva addio pur amandomi perché si sentiva troppo ferito! Io sono rimasta spiazzata!! É possibile reagire così? È vero che ultimamente è pressato da molti problemi che lo fanno stare male ma comunque è possibile che non voglia spiegarsi a voce? A me dispiace soprattutto perché mai avrei pensato che si sarebbe comportato così con me.... dopo tutto quello che mi aveva manifestato...mah....
    0
    Rispondi a Lucy Commenta l’articolo

    • Avatar di Carlotta

      Carlotta 1 settimana fa (10 settembre 2017 18:49)

      Ti sta manipolando, ti vuol far sentire in colpa...in realtà probabilmente si è stufato. Scusami, ma non mi pare proprio un uomo fantastico, anzi.
      6
      Rispondi a Carlotta Commenta l’articolo

    • Avatar di Emilia

      Emilia 1 settimana fa (10 settembre 2017 18:50)

      Ciao Lucy, credo che la motivazione che lui ti ha dato sia solo un pretesto per sparire. Non merita le tue attenzioni, anche perché è sposato, da quel che ho capito.
      5
      Rispondi a Emilia Commenta l’articolo

    • Avatar di Gea

      Gea 1 settimana fa (10 settembre 2017 20:27)

      Cara Lucy, la nota stonata inizia quando scrivi che "lui e' seriamente coinvolto" e subito dopo salta fuori che e' sposato. I problemi con la moglie (patetico, da parte di lui, precisare che sia "piu' grande"... quante sciocche giustificazioni... poteva pure dire che lei e' juventina e lui interista!) sono scuse ridicole per trovarsi un'amante. Vuoi davvero fare il suo squallido gioco? Dopo aver chiuso una storia perche' noiosa, vuoi impelagarti in un finto vortice di passione che ti lascera' solo frastornata e delusa? Pensaci...
      10
      Rispondi a Gea Commenta l’articolo

    • Avatar di pamela

      pamela 1 settimana fa (10 settembre 2017 20:38)

      é una scusa tipica di chi muove subdolamente .Cercava un pretesto per scaricarti con "leggerezza" e l'ha trovato. Purtroppo come vedi tutti questi superlativi erano un po' "finti". Ma vedrai che la prossima volta lo riconoscerai prima e non cascherai piu' in un simile tranello....leggi tutto il blog: è illuminante
      7
      Rispondi a pamela Commenta l’articolo

    • Avatar di Anna

      Anna 1 settimana fa (10 settembre 2017 20:39)

      Hai voglia, se è possibile! Si chiama: rivoltare la frittata e/o cogliere la palla al balzo.
      5
      Rispondi a Anna Commenta l’articolo

  13. Avatar di Lucy

    Lucy 1 settimana fa (10 settembre 2017 20:10)

    @Carlotta e @ Emilia. Grazie per la vostra risposta. Probabilmente avete più che ragione... non capisco comunque come si possa chiudere Così i ponti per una incomprensione, solo perché gli ho dato del bugiardo? Senza voler parlarne a voce? Sì lui è sposato ma non è assolutamente felice della sua situazione che è anche complicata... mi pareva molto sincero nelle sue manifestazioni di affetto però mi ha spiazzato negandomi di parlare con lui. Da quel giorno non si è fatto più sentire e io comunque vivo nello spiazzamento e nell'amarezza di essere stata trattata così... scaricata per una incomprensione...
    0
    Rispondi a Lucy Commenta l’articolo

    • Avatar di London

      London 1 settimana fa (10 settembre 2017 20:37)

      Devo dire che a me quelli troppo pieni di energia, troppo carichi, tu dici un vulcano, non mi sono mai piaciuti e col tempo e alcune esperienze ho capito che meglio stare alla larga dai soggetti "troppo" in ogni manifestazioni ma soprattutto anche da quelli "troppo" sposati... In questo caso aggiungerei anche molto "perla"!
      13
      Rispondi a London Commenta l’articolo

    • Avatar di Carlotta

      Carlotta 1 settimana fa (10 settembre 2017 20:39)

      Lucy la manipolazione sta proprio in questo: nel farti credere che il rapporto sia finito perché tu gli hai dato del bugiardo, nel farti credere che il rapporto sia finito per colpa tua. Poi come ha scritto Ilaria in un articolo sulla manipolazione che ti consiglio di leggere, anche i 'ti amo' detti troppo presto sono un'arma potentissima per irretire le ingenue Biancaneve. Quest'uomo, purtroppo, ti ha fatto su, ha ottenuto quello che voleva, poi si è stufato e si è dileguato scaricando pure le colpe su di te.
      10
      Rispondi a Carlotta Commenta l’articolo

    • Avatar di London

      London 1 settimana fa (10 settembre 2017 20:41)

      È vero lucy, queste situazioni fanno cadere le braccia, e, quando sei coinvolta, ti fanno anche ammalare. Ringrazia che si è mostrato abbastanza velocemente per quello che è e credimi, la storia che con la moglie stanno male o non sono felici, è sempre la solita vecchia storia non vera. Lo fanno per fare capitolare quella di turno, fosse vero sarebbe già fuori casa. Poi valgono anche le storie dove si sta con la moglie per interesse per starne Comunque alla larga!
      13
      Rispondi a London Commenta l’articolo

  14. Avatar di Lucy

    Lucy 1 settimana fa (10 settembre 2017 21:27)

    @Ilaria oltre che spyco direi alquanto bipolare!!! 😱😱😱
    0
    Rispondi a Lucy Commenta l’articolo

    • Avatar di Gea

      Gea 1 settimana fa (10 settembre 2017 21:30)

      O semplicemente str...uzzo e paracubo.
      3
      Rispondi a Gea Commenta l’articolo

    • Avatar di Emilia

      Emilia 1 settimana fa (10 settembre 2017 22:19)

      Ahahaha :D ...Si può essere intolleranti/allergici agli strunzi? A me è successo, con il mio ex: orticaria proprio dopo un po' che avevamo cominciato la relazione. Da allora, appena avverto una sensazione di prurito, mi dico: "attenzione, strunzi in vista!". Eeeeh, magari fosse così semplice!
      3
      Rispondi a Emilia Commenta l’articolo

  15. Avatar di Lucy

    Lucy 1 settimana fa (10 settembre 2017 23:08)

    Io sono veramente allucinata!!!! Non mi è mai capitato l'incontro con il bipolare con manie attoriali da premio oscar! Non so cosa pensare...devo dire che mi ha proprio "intortata" ...ma vi giuro che mai avrei pensato riuscisse a sparire così senza rispondermi più al telefono..era l'ultima cosa che avrei pensato facesse...
    0
    Rispondi a Lucy Commenta l’articolo

  16. Avatar di Lucy

    Lucy 1 settimana fa (10 settembre 2017 21:14)

    Grazie a tutte per le vostre risposte. La cosa assurda di cui non mi capacito è che fino al giorno prima mi diceva che mi amava alla follia che continuava a pensare tutto il giorno a me. Lo stesso giorno in cui poi si è arrabbiato e mi ha scaricato, inizialmente mi ha scritto in un modo tutto tenero e dolce... nulla faceva presagire a un cambiamento di rotta così decisivo dopo che gli ho detto di dirmi la verità e di darmi una spiegazione. Io sono allibita e un po' devo dire che ci sto male Perché veramente o lui è il nuovo premio Oscar come miglior attore e ha finto anche i suoi sentimenti per me o veramente non ho capito nulla degli uomini...se voleva solo spassarsela e ottener"la" poteva benissimo scaricarmi dopo il primo appuntamento e non invece portarmi a casa dei suoi fratelli farmi conoscere sua mamma, chiamarmi e massaggiarmi ogni giorno è cercare ogni momento utile per vedermi come se fossi la donna che finalmente gli stava dando la felicità perduta che lui non aveva più...
    1
    Rispondi a Lucy Commenta l’articolo

    • Avatar di Ilaria Cardani

      Ilaria Cardani 1 settimana fa (10 settembre 2017 21:22)

      E, ma vuoi mettere, quanto è stato più divertente (per lui) il teatrino. Dài, un altro psycho. Ce ne sono in giro davvero moltissimi.
      8
      Rispondi a Ilaria Cardani Commenta l’articolo

    • Avatar di Emanuela T

      Emanuela T 1 settimana fa (10 settembre 2017 21:55)

      @Lucy, c'è gente che convince intere famiglie a prenotare treni e ad indossare l'abito più bello per il giorno della propria laurea e poi sparisce lasciando tutti di sasso. Altri prenotano chiesa e ristorante anche un anno prima, sapendo che per quel giorno non potranno presentarsi all'altare. La nuova follia che mi mancava sono quelle che spendono centinaia o migliaia di euro per bambole simili ai neonati e vanno in giro prenotando bomboniere che mai ritireranno o facendo colloqui a baby sitter ignare che mai assumeranno. È follia, solo follia di chi si crea una vita parallela a quella reale e arriva a credere alle sue stesse menzogne. Poi arriva il game over, ma fino all'ultimo sì, hanno recitato.
      4
      Rispondi a Emanuela T Commenta l’articolo

    • Avatar di Gea

      Gea 1 settimana fa (11 settembre 2017 8:51)

      Emanuela, dei quattro casi che citi, ignoravo gli ultimi due... Il laureando pallonaro e il promesso sposo bugiardo/ca*asotto (al maschile come al femminile) li posso capire, anche se ovviamente non li giustifico, ma gli altri due casi mi sembrano ancora piu' folli!
      2
      Rispondi a Gea Commenta l’articolo

    • Avatar di Carlotta

      Carlotta 1 settimana fa (10 settembre 2017 21:59)

      Purtroppo in questo mondo è pieno di gente che è totalmente "fuori asse" e, di conseguenza, agisce da "fuori asse". Sono sconnessi. Bisogna riconoscerli e proteggersi.
      4
      Rispondi a Carlotta Commenta l’articolo

    • Avatar di Romy

      Romy 1 settimana fa (10 settembre 2017 23:10)

      Lucy, come hanno detto le altre prima di me, lui non ti ha mollata perché gli hai dato del bugiardo. Anzi, ne è stato contento così ha potuto attaccarsi a questa scusa per scaricarti con facilità. Ciò che mi colpisce è che questo individuo "meraviglioso", pur essendo sposato, ha avuto persino la faccia tosta di presentarti a sua madre e ai suoi fratelli. L'allegra famigliola. Comunque, qui il segnale un po' inquietante si è manifestato all'inizio: tutta quell'energia che il tizio emanava, tutto quel suo essere tanto brillante sono stati i fattori che ti hanno attratta perché probabilmente avevi bisogno di emozioni forti; purtroppo, però, erano fattori sospetti. Spesso, infatti, dietro a quell'insaziabile voglia di vivere, a quell'esplosione incontenibile di vitalità ed energia che trascina, sconvolge e irretisce si celano mostri di egoismo e di vanità, se non autentici narcisisti patologici. Per esperienza, so che occorre essere diffidenti nei confronti di uomini simili. A parte ciò, un uomo sposato è comunque sempre un uomo sbagliato. Quello che lui ti ha raccontato della moglie è soltanto la sua versione, è soltanto un insieme di parole che, in quanto tale, non costituisce alcuna prova. Mai fidarsi dei racconti degli uomini sposati. Mai, mai, mai.
      8
      Rispondi a Romy Commenta l’articolo

    • Avatar di max

      max 1 settimana fa (11 settembre 2017 15:03)

      Romy hai scritto una serie di riflessioni che sarebbero da incorniciare!....@Lucy: Ti stupisci che fino al giorno prima c'era e poi il giorno dopo non c'era più?...hai incontrato un uomo sposato e la casistica degli uomini sposato che fanno così è pressoché sterminata!
      5
      Rispondi a max Commenta l’articolo

    • Avatar di Romy

      Romy 1 settimana fa (11 settembre 2017 15:31)

      Grazie, Max. :) Spero che le nostre riflessioni possano aiutare concretamente chi le legge, perché non bisogna perdere neanche un misero minuto della propria esistenza con gli uomini sposati.
      2
      Rispondi a Romy Commenta l’articolo

    • Avatar di Gea

      Gea 1 settimana fa (11 settembre 2017 8:52)

      D'accordissimo con te, Carlotta!
      0
      Rispondi a Gea Commenta l’articolo

  17. Avatar di Ingrid

    Ingrid 3 settimane fa (2 settembre 2017 11:48)

    Ragazze io ho avuto un problema serio serissimo con un pezzo di merda che è durato per un anno il problema ed in totale per due anni di relazione che e' andata a concludersi con me dallo psichiatra a prendere farmaci perché tanto mi aveva scioccato da non riuscire più a mangiare ne a dormire . All inizio la relazione andava bene , lui sembrava il più innamorato del mondo , era assillante a tratti anche troppo presente , compariva ovunque stavo io e a tutti i costi voleva una relazione nonostante già andassimo a letto e questo per lui non era sufficiente .ha inistituo perche conocscessi i suoi genitori , perché conoscesse i miei perché fossimo fidanzati perché stessimo sempre insieme perché non uscissi in discoteca solo con le amiche ma venisse anche lui ecc . Di punto in bianco dopo un anno di relazione e' cambiato , ha iniziato a comportarsi male usando scuse con me che doveva fare carriera lavorare e andare all estero nonostante non avesse nessuna seconda lingua San non un inglese scarsissimo . Mi lascia e mi dice che ero una sorta di sfida per lui all inizio e poi si rimangia anche questa frase . Il giorno dopo che mi lascia ritorna e cerca di rimettersi e così i mesi e le settimane si susseguono con lui che va via una volta a settimana e una volta a settimana ritorna . Ma non ritorna con messaggi p chiamate , anzi ogni volta che provavo io a chiedere chiarimenti a scrivere ecc lui non risponde mai, ritorna proprio fisicamente nei luoghi dove mi trovo io . Così impone la sua presenza e io non ho mai saputo dirgli di no . Addirittura un giorno prima che mi tolse il saluto venne sotto casa della mia amica alle 4 di mattino per dire le sue solite cose e dopo un giorno visto che aveva comprato un. Iglietto per andare a vivere in repubblica cieca ( per trovare lavoro) mi toglie il saluto parte e sparisce , inizia Da li il calvario peggio di qeulll. Be ho vissuto per tutto l anno. Ibiza a massaggiare con i follower di Instagram post sdolcinati d amore per la sua vecchia storia messaggi sotto le foto riferite a episodi di nostro , frasi del genere aspettami perché ti aspetterò una promessa e una promessa e cose del enere . Ma ogni volta che provavo a scrivergli in modo " normale" io lui mi bloccava perché non voleva un contatto diretto . Passano tre mesi e lui già ha un altra li prima me lo fa capire poi lo nega poi di nuovo insomma morale appena provo a chiedergli spiegazioni di nuovo , spiegazioni che non mi ha mai dato mi blocca e sparisce come se io non fossi mai esistita . Ora ditemi voi se questo può essere un uomo, io come plosso reagire a un periodo così orribile e traumatico e come si fa ad andare avanti senza tenersi dentro quella rabbia e quel dispiacere che questa storia ha provocato.
    -4
    Rispondi a Ingrid Commenta l’articolo

    • Avatar di Anna

      Anna 2 settimane fa (3 settembre 2017 11:32)

      Ci sono tanti post qui che ti possono aiutare a gestire la rabbia e questo senso di disorientamento. Si per lui era esattamente una sfida. Lo so che non ci si può credere, ma capita. Io ho messo dei paletti molto rigidi ad alcuni ambiti della mia vita che devono essere assolutamente protetti: beh sta gente arriva, tenta lo sfondamento, e quando non riesce semplicemente sparisce.
      2
      Rispondi a Anna Commenta l’articolo

    • Avatar di Atolla

      Atolla 2 settimane fa (6 settembre 2017 11:33)

      Posso chiederti come metti i paletti, Anna? Mi interessa ;)
      2
      Rispondi a Atolla Commenta l’articolo

    • Avatar di Gretel

      Gretel 2 settimane fa (6 settembre 2017 14:38)

      @Atolla. "Dove" più che altro! A mali estremi, estremi rimedi. :-D
      3
      Rispondi a Gretel Commenta l’articolo

    • Avatar di Emilia

      Emilia 2 settimane fa (6 settembre 2017 15:41)

      @Gretel. Ahahaha :D
      0
      Rispondi a Emilia Commenta l’articolo

    • Avatar di Gea

      Gea 1 settimana fa (11 settembre 2017 20:41)

      Nel cu...ore, come ai vampiri! 😂
      1
      Rispondi a Gea Commenta l’articolo

    • Avatar di Anna

      Anna 2 settimane fa (6 settembre 2017 15:28)

      Li metti e basta. Ovvero definisci i tuoi confini personali (chi sei, che vuoi, cosa sei disposta a fare o a non fare, quanta intimità cerchi o sei disponibile a condividere), delle aree della tua vita che vanno protette (nel mio caso, figli e lavoro), e poi valuti quanto, cosa e quando condividere in base alla persona che hai davanti. Ora dovrei valutare quanto questo funzioni nel medio periodo, cioè quando io dovessi effettivamente iniziare a rischiare (finora non è successo), ma nel breve funziona bene. È da parecchio che non mi ritrovo a pensare "quella cosa non volevo farla e l'ho fatta". Al limite penso che non avrei dovuto o che ho sbagliato, ma non che non volevo e mi sono fatta convincere, o che non ero consapevole di quel che facevo. Se siamo andati a letto è stato perché volevo (magari non avrei dovuto, ma l'ho scelto io); se ho fatto confidenze, era perché volevo; ecc. Ad esempio, non passo la notte con qualcuno a meno che la relazione non sia seria (so che per me è molto significativo farlo). Non faccio sapere ai miei figli che mi vedo con qualcuno e chiedo a questo qualcuno di rispettare questa mia decisione (per carità! apriti cielo: loro non si vogliono impegnare, ma io devo avere tutte le porte aperte). Cose così. Chiara a parole e nei fatti, diciamo. Poi ciascuno ovviamente ha la sua vita e le sue esigenze e decide cosa. Io sicuramente a causa della mia storia e delle mie fragilità (e responsabilità) personali sono iper-protetta, ma almeno riesco ad interagire. Prima ero bloccata dalla paura E vulnerabile contemporaneamente. Aggiungerei infine che questo atteggiamento non è indifferente a chi hai davanti. Prima di tutto, una persona equilibrata è perfettamente in grado di capire le mie esigenze, che alla mia età e con due figli sono normalissime. E comunque se ti conosco da una settimana, e non le capisci, puoi sempre fare lo sforzino di rispettarle e poi con il tempo vedere come va. Quindi a colpo d'occhio vedi anche chi hai davanti. E i seriali sono spettacolari sul serio...
      6
      Rispondi a Anna Commenta l’articolo

  18. Avatar di Emilia

    Emilia 1 settimana fa (11 settembre 2017 14:07)

    Più leggo gli articoli di questo blog, più mi rendo conto di quanto questo spazio virtuale sia utile ed efficace. Ho alcune amiche con le quali confidarmi, ma spesso preferisco non parlare delle mie problematiche o dei miei dubbi, un po' per riservatezza, un po' perché temo che i loro consigli non siano quelli giusti e che possano causare ulteriore confusione (come si è effettivamente verificato). Persino con mia sorella faccio fatica ad "aprirmi". Qui invece è diverso... Le mie tante insicurezze persistono, però "sfogliare" le pagine di questo blog è come affidarsi ad un'amica leale, che sai non ti tradirebbe mai, che è lì per te, per tenderti una mano... E questo non fa che confortarmi. :)
    7
    Rispondi a Emilia Commenta l’articolo

    • Avatar di Gea

      Gea 1 settimana fa (11 settembre 2017 20:50)

      Bellissimo commento, Emilia. Mi riconosco in quanto scrivi. Con mia madre ho sempre avuto difficolta' a confidarmi per semplice timidezza di entrambe (un po' lungo da spiegare); con mia sorella, molto piu' grande di me e manipolatrice, dovevo difendermi dalla sua invadenza; con le amiche adolescenti e poi adulte ho sempre parlato poco e, quando ero piu' ingenua e mi fidavo, mi pentivo anche di quel poco che avevo detto, perche' avrei fatto meglio a tenerlo per me. Il blog di Ilaria e' davvero un'isola di serenita', condivisione e confronto! 😊Buona serata!
      4
      Rispondi a Gea Commenta l’articolo

    • Avatar di Emilia

      Emilia 1 settimana fa (11 settembre 2017 21:41)

      Grazie Gea! :) Sì, assolutamente, un'isola in cui rifugiarsi per trovare benessere. Anch'io con mia madre ho difficoltà a raccontare le mie cose, soprattutto "intime". In passato lo facevo ma, crescendo, ho capito che non è produttivo per me. Pensa che non voleva che lasciassi il mio ex... e ho detto tutto. Peccato aver "scoperto" il blog di Ilaria solo un mesetto fa. Buona serata anche a te! ;)
      4
      Rispondi a Emilia Commenta l’articolo

    • Avatar di Gea

      Gea 1 settimana fa (11 settembre 2017 22:15)

      Ciao Emilia! Devo dire che, mia madre, sebbene all'antica, un po' ingenua e molto timida e riservata, mi ha insegnato che bisogna chiudere quando non va e che una relazione finita non va ripresa. Comunque l'atteggiamento di tua madre e' molto comune; per questo e' importante ascoltare innanzitutto se stessi e poi una campana esterna, ma fidata... come il blog di Ilaria 😉
      4
      Rispondi a Gea Commenta l’articolo

    • Avatar di Emilia

      Emilia 1 settimana fa (11 settembre 2017 23:09)

      Sì, proprio così, ascoltare prima se stessi e poi una campana esterna. Stavo vivendo un periodo in cui ero molto confusa riguardo la mia relazione e mia madre non mi aiutava con il suo atteggiamento. È piuttosto invadente (in passato di più) e dà consigli anche quando non sono richiesti, diventando insistente. Non posso pretendere che lei cambi, ma ho adottato un comportamento diverso nei suoi confronti, evitando di raccontare le mie vicende, soprattutto sentimentali. Il rapporto con lei ora è migliorato... (forse perché in realtà ho poco da raccontare :D). Il blog di Ilaria soddisfa diverse cose delle quali sento bisogno, tra cui la necessità di "confidarmi" e ricevere consigli utili per me. Certo, mi piacerebbe avere la possibilità di farlo con persone a me vicine, ma penso che anche questa sia una buona occasione per cercare di ottenere il meglio per se stessi. ;)
      0
      Rispondi a Emilia Commenta l’articolo

  19. Avatar di Atolla

    Atolla 1 settimana fa (11 settembre 2017 17:58)

    Non c'entra col post ma volevo dire a Ilaria che questa impostazione grafica dei commenti è pessima, mi scuso per la brutalità ma riesce davvero difficile leggerli in ordine cronologico e non si capisce chi sta rispondendo a chi. Pace e bene :)
    3
    Rispondi a Atolla Commenta l’articolo

    • Avatar di Gea

      Gea 1 settimana fa (11 settembre 2017 20:09)

      Confermo. Sullo smartphone non si vedono piu' le risposte secondo l'ordine cronologico e il destinatario.
      1
      Rispondi a Gea Commenta l’articolo

    • Avatar di Gea

      Gea 1 settimana fa (11 settembre 2017 20:24)

      Aggiornamento: Qualche filo di discussione appare collegato, ma ho perso traccia di quello sulla poesia suggerita da Stefano e non so dove ritrovare il titolo per leggerla e rispondergli.
      0
      Rispondi a Gea Commenta l’articolo

    • Avatar di Ilaria Cardani

      Ilaria Cardani 1 settimana fa (11 settembre 2017 20:27)

      Io ora farò i controlli. Mi chiedo anche se sempre rispettate il criterio "Rispondi a Tizio" quando volete rispondere a Tizio...
      1
      Rispondi a Ilaria Cardani Commenta l’articolo

    • Avatar di Gea

      Gea 1 settimana fa (11 settembre 2017 20:39)

      Ciao Ilaria, per quanto mi riguarda si, metto "rispondi a Tizio"... Ma non riesco piu' a trovare la discussione con Stefano: era nell'articolo sul disinnamorarsi, ma scorrendo indietro non la trovo. ??? Grazie per l'aiuto.
      2
      Rispondi a Gea Commenta l’articolo

    • Avatar di max

      max 1 settimana fa (11 settembre 2017 23:46)

      Io qua ho risposto a Gea, che ha risposto a te, quindi il mio commento dovrebbe essere il secondo in coda
      0
      Rispondi a max Commenta l’articolo

    • Avatar di Emanuela T

      Emanuela T 1 settimana fa (12 settembre 2017 14:00)

      Sempre rispettato, ma anche a me ha sempre dato problemi. Valuta disqus, mi sembra un ottimo sistema per i commenti.
      0
      Rispondi a Emanuela T Commenta l’articolo

  20. Avatar di Livia

    Livia 1 settimana fa (13 settembre 2017 5:21)

    Cara Ilaria, sante le tue parole sul fatto che questi soggetti non meritano il nostro saluto. Infatti, con uno stronzo che mi ha solo sbeffeggiata e fatto star male tanto da perdere 6 chili, quando eravamo in un ambiente in cui dovevo per forza parlargli lo salutavo e gli parlavo il minimo indispensabile mentre per strada lo trattavo da sconosciuto. In più lui, si girava per vedere se lo guardavo o salutavo. Per lui io ero misera e cattiva oltre che una m**** perché lo avevo offeso, beh però non ha ammesso che lui si meritava le mie offese dato che mi stava solo illudendo e basta. Ieri l'ho visto da solo, il caso ha voluto che lo vedessi ma la mia amica, per il mio bene, subito ha fatto inversione di marcia con la sua macchina in modo da non scendere e fare in modo che lui mi vedesse.
    0
    Rispondi a Livia Commenta l’articolo