Lui non mi cerca: tutti i perché di un comportamento tipicamente maschile

lui non mi cercaLui non mi cerca. Credo che praticamente tutte le donne siano passate attraverso il dubbio paralizzante di un atteggiamento maschile apparentemente misterioso. La storia di solito è questa: conosci un uomo, inizia a corteggiarti, uscite più volte insieme. Lui sembra entusiasta, tu cominci a legarti.

Lui per un po’ è presente, si fa vedere, ti chiama al cellulare. Ti manda sms. Anche se non c’è niente di “ufficiale” tra di voi, implicitamente pare proprio che sia nato un legame speciale che vi unisce.

"Le cose si rompono in continuazione. Bicchieri, piatti, unghie. Le promesse. I cuori. J.L.Picoult"

Poi, improvvisamente, dopo non molto tempo, c’è la svolta: lui non ti cerca. Non c’è verso che telefoni, che mandi sms o mail. Il suo atteggiamento cambia dal giorno alla notte.

Tu entri in paranoia. Non smetti di interrogarti: “Che cosa sarai mai successo? Come mai non si fa più vivo? Che cosa ho sbagliato?” Fino a 3 giorni fa non perdeva occasione di entrare in contatto: anche se era super impegnato si faceva sentire, magari velocemente, magari solo per un saluto o per la buonanotte. Tu ti eri convinta che fosse davvero interessato a te. E invece ti ritrovi in piena crisi da lui non mi cerca.

Che cosa sarà mai successo tra voi?

Intanto considera che non sei una mosca bianca. Capita molto di frequente che un corteggiatore entusiasta o un partner presente smetta di cercare la donna che corteggiava o la fidanzata.

So che questo non consola il tuo dolore o riduce la tua frustrazione.

Ci sono poche cose che fanno male in una relazione come l’improvviso e (apparentemente) immotivato disinteresse di un partner, soprattutto se tutto sembrava andare nel modo e nella direzione giusti.

Eppure, per quanto deludente e dolorosa sia, la sindrome lui non mi cerca è quanto mai diffusa.

Il che fa pensare che quello di non farsi più sentire è un comportamento tipico maschile.

Le donne di norma hanno la “mania” di voler dire tutto e più di tutto, di rimanere in contatto anche dopo che una storia è finita e stra finita perché tengono al legame e se ne sentono rassicurate. Perché credono che sia meglio così e che l’educazione imponga di spiegarsi e di non lasciarsi “male”.

Gli uomini invece sono molto più “resistenti” a costruire legami e a mantenerli, dato che se ne sentono imprigionati. Per cui ecco che quando appena sospettano che un laccio li stia per stringere, si allontanano.

"Lasciarsi male è spesso l’unico modo. Franco La Cecla"

Ma non basta questo a spiegare perché il tuo partner o il tuo assiduo corteggiatore, dopo aver lanciato un’infinità di promesse, ancorché implicite, smetta di entrare in contatto con te e ti lasci nelle orribili sabbie mobili della sindrome lui non mi cerca.

Quando smette di cercarti qualcosa di certo è successo, o nella sua vita o nella sua testa. Nella stragrande maggioranza dei casi quello che è successo non ha niente a che fare con te, con il tuo modo di relazionarti o con il tuo comportamento. Per cui, se lui non ti cerca, non iniziare a colpevolizzarti o a chiederti dove sbagli.

Concentrati sulla tua vita e su tutto quello che è importante per te, magari cominciando a dedicarti con grande assiduità anche alle piccole cose che ti avvicineranno al tuo obiettivo e lasciando del tutto perdere paranoie e paturnie che, sia chiaro, fanno solo dei danni.

Lui non mi cerca: 9 ragioni che spiegano l’inspiegabile

A questo punto tu dirai: “Ok Ilaria, va bene con questa menata che devo occuparmi dei miei obiettivi per non soffrire per amore. Però ti dico sinceramente che io sono un po’ stufa di certi comportamenti e mi piacerebbe almeno capire perché spesso gli uomini si mostrano interessati e poi di colpo non si fanno più sentire. La sindrome del lui non mi cerca spesso è davvero logorante e mi fa perdere fiducia.”

Sono d’accordo: per quanto tu sia equilibrata e salda sulle tue posizioni, quando lui, senza motivo a te noto, smette di cercarti, è davvero molto deludente e seccante.

Considera prima di tutto che, ahimé, purtroppo ben poche persone hanno un comportamento pienamente autentico (cioè onesto, aperto, trasparente) con gli altri o tengono in considerazione i loro sentimenti.

Gli uomini in particolare non sono dei campioni di “trasparenza” nella comunicazione, non si fanno di solito grandi problemi relativamente agli altri (e non tanto e non solo perché magari sono stronzi, ma semplicemente perché non fa parte del loro atteggiamento mentale e dell’educazione che hanno ricevuto) e spesso vorrebbero sfilarsi da situazioni che per loro sono diventate un po’ “scomode”, senza pagare dazio.

Ecco perché, di fondo, fanno partire la sindrome del lui non mi cerca.

E per esplorare il fenomeno in modo più articolato, vanno considerate almeno 9 ragioni specifiche per cui lui smette di cercarti. Leggi qui sotto.

1)      Si è annoiato. Il gioco non lo diverte più. Tanto poco giorni fa si era entusiasmato per il vostro incontro e l’inizio del vostro rapporto, quanto ora non ci trova più nulla di interessante. Le pile della novità, dell’eccitazione per una relazione e per una persona nuove si sono esaurite. Basta.

Il nostro si comporta come il protagonista di Toy Story che ho descritto in un controverso articolo dedicato alla psicologia maschile.

In questo caso ritieniti fortunata che sia stato lui a interrompere un rapporto non proficuo per te ed evita di ricontattarlo, se no rischi di non uscirne più dato che ti presti a essere usata da lui e lui è uno che usa gli altri.

2)      Si è comportato in maniera superficiale: ha dedicato qualche giorno a te e a corteggiarti, un po’ con lo stesso spirito che si ha quando si fa una gita in una capitale europea durante un ponte festivo. Un intermezzo nella sua vita che ha gestito da perfetto immaturo e da persona inaffidabile. Vogliamo fare un calcolo solo approssimativo di qual è la percentuale di mediocri tra coloro che ci circondano?

Ecco, si tratta di un mediocre, di materiale non utile a costruire un bel niente.

Lascia andare in rilassatezza.

3)      Ha compiuto la sua conquista: secondo il suo metro di misura ti ha già sedotta, ha già dimostrato a se stesso che poteva sedurti e la sua sfida è finita. Ti dà per scontata nella sua vita e non gli interessa andare oltre dato che, appunto, lui voleva solo conquistarti. In questo caso si tratta di una persona insicura, con limitate ambizioni e incapace di vivere veri sentimenti. Davvero non è il caso di sprecare energie e risorse con lui  e nemmeno nella sindrome lui non mi cerca.

"Amare è così breve, e dimenticare così lungo. Pablo Neruda"

4)      Si è sentito “soffocato”, privato della sua libertà e indipendenza, legato al di là delle sue intenzioni: anche in questo caso non si tratta di te ma di lui. E’ un po’ come se si fosse svegliato dall’”incantamento” e si fosse detto tra sé e sé: “Ma che stai facendo? Non lasciarti prendere la mano…” Si tratta di una persona che non è pronta a una relazione. Che te ne fai? Sei in cerca di guai e tribolazioni, forse?

Come diventare più furba e sicura attraverso l’esperienza

5)      Qualcuno della sua “cerchia” di amici e parenti si è intromesso e gli ha fatto sorgere dei dubbi rispetto alla relazione e al suo comportamento da “quasi” innamorato. Se davvero ha smesso di farsi sentire per questo, canta vittoria. Ti stavi tirando in casa una famiglia e un’intera compagnia di problemi…

6)      Ci sta seriamente ripensando. Si è accorto o crede di essersi accorto che in effetti non sei così importante per lui, come credeva e ti ha fatto credere. Non adesso, non in questo modo. Succede. Tutti noi abbiamo diritto al ripensamento, anche relativamente all’acquisto di un paio di scarpe… Non vi è molto da aggiungere. Di sicuro non ti vuole usare senza ricambiarti dello stesso attaccamento. Sono cose che succedono, siamo umani.

7)      Non vuole una storia seria e si è accorto che tu sei su una posizione diversa, quindi si allontana prima che il coinvolgimento diventi troppo compromettente. E’ una forma di rispetto dei tuoi sentimenti e di te, anche se la delusione ti pesa molto.

"Quando un amore finisce, uno dei due soffre. Se non soffre nessuno, non è mai iniziato. Se soffrono entrambi, non è mai finito. M.Monroe"

8)      C’è qualcun’altra nella sua vita. Può trattarsi di qualcuno che ha conosciuto in contemporanea a te o di qualcuno con cui non aveva chiuso definitivamente quando ha incontrato te. Se hai questo dubbio, comportati da persona adulta e trattalo da adulto chiedendogli direttamente, con garbo e rispetto, se si sta vedendo con qualcun’altra. Questa non è una recriminazione, una manifestazione di scontento per il suo comportamento o una forma di ricatto o di manipolazione. Si tratta del dialogo tra due adulti che agiscono in maniera onesta, in modo reciproco. Quindi sii pronta ad accogliere qualsiasi risposta e ad allontanarti senza ripensamenti.

9)      Vuole prendere del tempo, capire le proprie emozioni e sensazioni, mettere i fatti e gli eventi in prospettiva. Può darsi che si trovi di fronte al dubbio amletico: “Mi interessa o non mi interessa davvero?” E vuole concedersi tempo e modo per capirlo. Qualche giorno di “pausa” e di “presa di distanza” può aiutarlo in questo obiettivo. In questo caso l’atteggiamento più utile è quello di mantenere la distanza e di non cercarlo. E’ una forma di rispetto che tu mostri verso di lui, verso te stessa e verso la tua capacità di amare e di essere amata.

Quello che devi tener presente in ogni situazione che riguarda le tue relazioni è che diventi sempre più abile nel gestirle quanto più interpreti quello che accade in maniera “non personale”. Che significa? Significa che nel 90% dei casi e forse di più le persone in generale e gli uomini in particolare si comportano con te non per come sei tu, per quello che fai o dici tu, ma per come sono loro e per quello che sentono loro.

Se un uomo non ti cerca più dopo una partenza alla grande, non è per “colpa” tua o per un errore tuo o perché hai sbagliato qualcosa (almeno che tu non lo abbia preso a manganellate o qualcosa del genere, ovvio), ma perché una serie di fattori (emotivi, razionali, un misto di entrambi o oggettivi, pratici) che riguardano lui e la sua vita lo hanno spinto a comportarsi come si è comportato.

In questo caso non va bene “tirare” verso di te cercandolo. Serve molto di più aspettare, non inquinare gli eventi con azioni e reazioni “forti” e lasciare decantare.

Cioè approfittare della sua assenza per soppesare e valutare, in modo freddo e lucido, così che anche le tue eventuali false aspettative si sedimentino.

So che dopo aver sperimentato il “picco alto” del romanticismo dell’inizio di una relazione tutto questo sembra molto poco poetico e ti invito a valutarne il valore in termini del “potere” personale ed emotivo che un atteggiamento del genere ti dà, non solo per una volta, ma per sempre.

E’ un cambiamento di paradigma, che cambia la tua vita di relazione a tuo netto vantaggio.

Lasciami tuoi commenti e raccontami le tue esperienze legate alla sindrome lui non mi cerca.

Articoli Correlati

Gratis per te!

Non sbagliare e non soffrire più! Trova l'amore! Vuoi capire quali sono i tuoi comportamenti sbagliati con gli uomini e come puoi evitarli? Vuoi aumentare la tua autostima e avere più sicurezza nelle relazioni?

Lascia un Commento!

294 Commenti

  1. Avatar di Marghe

    Marghe 2 mesi fa (8 giugno 2017 12:42)

    Quindi ilaria, tu pensi che in qualche modo sia il mio atteggiamento sbagliato che anche nel futuro possa mandare in fuga gli uomini?
    0
    Rispondi a Marghe Commenta l’articolo

    • Avatar di Ilaria Cardani

      Ilaria Cardani 2 mesi fa (8 giugno 2017 12:50)

      Ciao Marghe, non ho scritto questo, non l'ho nemmeno pensato e mi pare che sia difficile anche fraintendermi. Il concetto è questo: le relazioni sono diventate e sempre più saranno il territorio in cui si agiscono abusi, scorrettezze e predazioni. Chi agisce tutto ciò è una persona sbagliata, vuoi perché poco evoluta, immatura, vuoi perché perversa/malvagia. Tali persone tra gli altri comportamenti, usano il gioco "ti incanto e ti mollo", cioè, tradotto nel linguaggio di molte donne "fuggono". Ma lo fanno perché sono degli immaturi, degli stronzi, dei sadici, dei perversi, non perché tu o altre li "mandano in fuga". E questo è un punto. Inoltre, il fatto che una melma d'uomo "fugga" è una fortuna, non una sfortuna. Per quello io ripeto: si seleziona, si seleziona, si seleziona e ancora si seleziona. Poi magari si inizia a frequentare una persona, mettendo maglie strettissime. Poi, magari, chissà, si decide di investire. Quante donne fanno questo? No, la maggioranza delle donne vedono un uomo sbarbato e con una bella camicia stirata e pensano che sarà il padre dei loro figli... E' più chiaro adesso?
      9
      Rispondi a Ilaria Cardani Commenta l’articolo

  2. Avatar di Marghe

    Marghe 2 mesi fa (8 giugno 2017 12:57)

    Si si Ilaria, ora mi è più chiaro.Non volevo fraintenderti. Grazie mille. E’ sempre piacevole confrontarsi con te.
    1
    Rispondi a Marghe Commenta l’articolo

  3. Avatar di Marghe

    Marghe 2 mesi fa (8 giugno 2017 11:25)

    Si si Ilaria. Nn saranno neanche cattivi. Certo, resta la delusione di ritrovarsi questi “bambinoni” che hanno paura di una storia che possa prendere piede. D’altro canto io non mi sento in colpa perché lui conoscendomi ha intuito che io voglio una storia. Che male c’è a conoscere qualcuno e sperare che se le cose funzionino possa nascere una storia? Le paure di questi uomini che fuggono perchè di fronte trovano una donna che sa quello che vuole, ho capito che nn devono essere miei problemi. Si va avanti e si aspetta quell’uomo che desideri ciò che desidero io…e cioè conoscersi piano piano e se va bene costruire qualcosa insieme senza essere terrorizzati. La paura all’inizio è normale, il terrore e la fuga no. Che ne pensi?
    1
    Rispondi a Marghe Commenta l’articolo

    • Avatar di Ilaria Cardani

      Ilaria Cardani 2 mesi fa (8 giugno 2017 11:57)

      Attenzione, io ho detto che non sono "malvagi" per sottolineare una sottile distinzione tra i perversi e malvagi propriamente detti, pericolosissimi, e le mezze calze. Ma non intendevo dire che le mezze calze e i bambinoni alla fine siano meno dannosi o che siano buoni. Vanno evitati sia le mezze calze e i bambinoni sia i malvagi. Sia chiaro. Desiderare buone relazioni, in generale, e desiderare di conoscere l'amore non è altro che sano. Conoscere qualcuno e sperare che se le cose funzionano possa nascere una storia invece rischia di diventare un "pregiudizio negativo". Si conosce qualcuno e non di deve sperare proprio niente (sperare qualcosa è male) accorgersi che tra le tante persone conosciute, dopo prove e selezioni, forse quella determinata persona può passare allo step successivo, certo, si può fare. E' ben diverso: quando decidi che vuoi conoscere piano piano, già ti stai mettendo in trappola. Il terrore e la fuga non vanno mai bene. Ma meno ancora la speranza e l'aspettativa.
      5
      Rispondi a Ilaria Cardani Commenta l’articolo

    • Avatar di PAMELA

      PAMELA 2 mesi fa (9 giugno 2017 10:51)

      VERISSIMO Ilaria, proprio questo è difficile , almeno per me, ovvero non avere aspettative. Il primo step di pretendere la storia e parlare chiaro da subito: ci sono arrivata! Il secondo di non avere aspettative ci devo lavorare meglio, perchè se una persona la sto conoscendo la testa e il cuore purtroppo mi partono e quindi vado in trappola.
      -1
      Rispondi a PAMELA Commenta l’articolo

  4. Avatar di Marghe

    Marghe 2 mesi fa (8 giugno 2017 10:23)

    Senti questa Ilaria. Conosco un uomo. Colpo di fulmine per entrambi ed iniziamo a sentirci tutti i giorni e vederci appena ci è possibile. Inizialmente ero diffidente, nn conoscendolo, poi mi lascio andare e me la vivo con tranquillità…in quel momento lui, che prima faceva mille progetti ed era onnipresente, però sparisce e mi manda un mes in cui mi dice che non è il momento giusto per frequentare qualcuno.
    0
    Rispondi a Marghe Commenta l’articolo

    • Avatar di Ilaria Cardani

      Ilaria Cardani 2 mesi fa (8 giugno 2017 10:41)

      Marghe, ma ce ne sono a frotte di casi come questi: fanno di tutto per intessere la storia d'amore e quando questa (la storia) sta per partire, track, si tirano indietro. In realtà, non sempre sono "malvagi", sono semplicemente degli incredibili superficiale, che vivono come bimbetti. Per questo vale sempre la regola che non bisogna crearsi aspettative o credere ai colpi di fulmine. Sai, i "colpi di fulmine" sono più spesso brevi eccitazioni di un serata romantica, che il giorno dopo non esistono più.
      7
      Rispondi a Ilaria Cardani Commenta l’articolo

    • Avatar di Catia

      Catia 2 mesi fa (8 giugno 2017 11:59)

      Vi racconto la mia freschissima esperienza: lui comincia a corteggiarmi due mesi fa, in modo molto carino e apparentemente rispettoso dei miei tempi. Insomma, è uno che ci sa fare, sia a parole che nel modo delicato e presente di farmi capire che gli interesso. Mette più volte in chiaro che non è interessato a me solo per il sesso e si comporta in effetti di conseguenza. Io mi rendo conto che per molti versi i nostri due mondi sono distantissimi per cui gli dico che mi va bene di provare a conoscerci ma di andarci con calma....nonostante ciò lui nei giorni successivi si lascia più volte andare a dichiarazioni di vita insieme, di lunga relazione, che con me ha cambiato in meglio, che potremmo durare tutta la vita ecc e io, che sì sto cominciando a farmi prendere ma sono una che ci va coi piedi di piombo, prendo queste frasi con piacere interiore ma con ironia con lui. Insomma, sto col freno a mano tirato pur dicendogli più volte che mi manca, che mi piace molto ecc. Di punto in bianco, dopo una giornata passata assieme, sparisce. Lo cerco ancora io un paio di volte ma lui non mi chiede più di uscire e dopo di che, capita l'antifona smetto di cercarlo e lui non si fa più vivo.... per niente. Così, come dici tu dall'oggi al domani e senza spiegazione, quando fino al giorno prima sembrava molto preso.... aveva anche gli occhi a cuoricino alcune volte.....Sono strani! Oltre che maleducati.
      1
      Rispondi a Catia Commenta l’articolo

    • Avatar di Ilaria Cardani

      Ilaria Cardani 2 mesi fa (8 giugno 2017 12:11)

      La seconda, soprattutto, ma in modo profondo, esistenziale, sostanziale: la maleducazione, quella vera, quella dell'anima, quella del vivere civile e delle relazioni umane. Gli anglosassoni, a proposito di certe relazioni e delle persone tossiche, usano uno slogan: "Quando è troppo bello per essere vero, non è vero..." Segnatevela questa cosa qui, ché vale per tutti coloro che promettono i sogni solo da scaldare al microonde: investi poco, senza rischio e con rendimenti da capogiro (troppo bello per essere vero, quindi non è vero); il cellulare che ti fai il caffé, naviga in internet veloce, ti trasporta su Marte e costa 12,90 euro (troppo bello per essere vero, quindi non è vero); il giovanotto ripulito che ti ama senza volere portarti a letto e vuole figli da te anche se ti conosce da tre giorni (troppo bello per essere vero, quindi non è vero, con una nota in più: c'è della perversione). In coda a tutto: brava per la tua freddezza e la tua lucidità.
      10
      Rispondi a Ilaria Cardani Commenta l’articolo

    • Avatar di PAMELA

      PAMELA 2 mesi fa (9 giugno 2017 11:27)

      STUPENDA QUESTA: TROPPO BELLO PER ESSERE VERO QUINDI NON E' VERO. DIVENTERA' IL MIO MANTRA . GRAZIE ILARIA
      2
      Rispondi a PAMELA Commenta l’articolo

    • Avatar di Ilaria Cardani

      Ilaria Cardani 2 mesi fa (8 giugno 2017 12:13)

      P.S. A tal proposito si legga anche questo: http://www.lapersonagiusta.com/psicologia-maschile/uomini-che-giocano-con-i-sentimenti/
      3
      Rispondi a Ilaria Cardani Commenta l’articolo

    • Avatar di PAMELA

      PAMELA 2 mesi fa (9 giugno 2017 11:26)

      Catia, per esperienza, e quindi ora non mi capiteranno piu' casi simili ( e evdrai nemmeno a te ) : diffida di chi fa l'innamorato così in fretta, progetti ecc...come lo fa con te, perde la testa facilmente e quindi non va tanto per il lungo periodo
      2
      Rispondi a PAMELA Commenta l’articolo

    • Avatar di Anna

      Anna 2 mesi fa (8 giugno 2017 13:26)

      Da ragazza, ho avuto una storia importante iniziata con un colpo di fulmine classico. Ma non siamo partiti in quarta. Ci siamo frequentati e conosciuti per almeno quattro-cinque mesi, prima di definirci una "coppia", vederci tutti i giorni, e iniziare a condividere. Quando le emozioni sono forti, si va con una certa cautela, io direi meglio con delicatezza. Partire così in quarta, con buona pace dei romanzi rosa, non è un buon segnale.
      4
      Rispondi a Anna Commenta l’articolo

    • Avatar di Catia

      Catia 2 mesi fa (8 giugno 2017 18:39)

      Condivido pienamente il tuo punto di vista. Partire in quarta mi sa di atteggiamento superficiale e soprattutto credo molto poco alle grandi dichiarazioni, soprattutto se tempisticamente in "anticipo". Una regola che seguo come un mantra è che le parole stanno a zero se non sono seguite da azioni coerenti e che quindi le persone si giudicano solo ed esclusivamente da come si comportano, mai da quello che dicono, almeno finchè non hai ampiamente dimostrato di essere affidabile
      4
      Rispondi a Catia Commenta l’articolo

  5. Avatar di Costanza

    Costanza 2 mesi fa (9 giugno 2017 0:07)

    Ciao Ilaria, articolo molto interessante e soprattutto prezioso! Manca, però, una casistica, che è quella che mi è capitata qualche anno e fa alla quale non ho mai trovato una spiegazione se non un pensiero auto-colpevolizzante! Frequentavo un ragazzo da diversi mesi, lui metteva sempre le mani avanti dicendo che non voleva niente di serio o impegnativo, che era appena uscito da una relazione difficile e bla bla bla...insomma, tutte quelle cose per cui già dall'inizio bisognerebbe tenersi alla larga, ma successe che mi piaceva talmente tanto che ci cascai con tutte le scarpe e cominciai a mentire a me stessa dicendo che tutto sommato anche a me una relazione "senza impegno" faceva comodo (non era veeeerooooo!!) Bè per fartela breve, con questo mister facciocomemiparetantotumuoriperme, le cose ovviamente non decollarono mai. E veniva facile pensare che il problema fosse suo, che io non c'entravo niente, solo che non appena decisi di mettere fine a questo calvario...lui incontrò un'altra ragazza dopo di me con cui ebbe una storia lunghissima e felice, esattamente come quella che con la sottoscritta aveva evitato per mesi! Insomma, come fare a non pensare "è un suo problema", se poi con un'altra donna questo problema non si è verificato??
    5
    Rispondi a Costanza Commenta l’articolo

    • Avatar di Ilaria Cardani

      Ilaria Cardani 2 mesi fa (9 giugno 2017 8:11)

      Evidentemente quello che ti diceva te lo diceva perché non era così coinvolto da te (può succedere, non c'è nulla di male e non bisogna interpretarlo come un giudizio su se stessi) e non perché non voleva impegnarsi. Come tu hai giustamente riconosciuto, bisognava lasciar perdere subito perché quando non si trova riscontro ai propri desideri, non è cosa, qualsiasi sia la ragione. E bisogna considerare che come a te capita di essere poco convinta e indecisa, capita anche agli altri ed essere insistenti porta solo a ulteriore confusione, mancanza di chiarezza e di autenticità.
      14
      Rispondi a Ilaria Cardani Commenta l’articolo

    • Avatar di Costanza

      Costanza 2 mesi fa (10 giugno 2017 1:05)

      Giustissimo! E si torna al solito "ascolta le tue sensazioni: quelle non sbagliano mai!" Grazie per la eisposta e complimenti per il blog! :) Ciao!
      2
      Rispondi a Costanza Commenta l’articolo

    • Avatar di Ilaria Cardani

      Ilaria Cardani 2 mesi fa (10 giugno 2017 12:14)

      Grazie a te, anche per i complimenti.
      1
      Rispondi a Ilaria Cardani Commenta l’articolo

  6. Avatar di MARGHE

    MARGHE 2 mesi fa (12 giugno 2017 11:45)

    ILARIA PER LA SERIE CHE QUELLO CHE DICI E' PROFETICO. LUI SI VEDE GIA' CON UN'ALTRA (ME L'HANNO DETTO IO NN L'HO PIù VISTO E SENTITO). QUINDI TUTTE LE MIE IPOTETICHE COLPE SE AVESSI SBAGLIATO IN QLCOSA ERANO INFONADATE, PERCHè UNO CHE IN SOLI 15 GG VUOLE ANDARSENE VIA SENZA CONOSCERTI, BHè LA DICE LUNGA SU CIò CHE VUOLE. NO? GLI AUGURO CHE CON QUESTA NUOVA LE COSE VADANO COME LUI SPERI. ALLA FACCIA DI CHI NON VOLEVA FREQUENTARE NESSUNO.
    0
    Rispondi a MARGHE Commenta l’articolo

  7. Avatar di Chiara

    Chiara 1 mese fa (19 giugno 2017 9:50)

    Fantastico! Non credere a chi offre sogni da riscaldare al microonde rende proprio l'idea... e' tutto figlio di questi tempi Facebook WhatsApp e cavolate varie alimentano questa macchina infernale con risultati grotteschi.
    1
    Rispondi a Chiara Commenta l’articolo