L’irresponsabile: perché ha quel fascino irresistibile?

irresponsabile“Perché sono sempre attratta dagli uomini sbagliati per me? Perché mi innamoro del classico tipo irresponsabile, che non si vuole impegnare in una relazione e proprio non riesco a interessarmi a chi sarebbe più serio e disposto a costruire qualcosa di concreto  e forse sarebbe l’uomo giusto per me?” Ricevo moltissimi messaggi di questo genere: molte donne si sentono fortemente attratte da uomini “irresponsabili” e inaffidabili con i quali è molto complicato avere una relazione, dato che la loro “irresponsabilità” li rende delle persone sulle quali non è possibile contare, non è possibile fare affidamento.

"Sono tutto e il contrario di tutto. Emily Dickinson"

Ma come succede che ci si innamori di questi uomini irresponsabili? E’ mai possibile che una donna decida scientificamente e metodicamente di innamorarsi sempre dell’uomo irresponsabile e di evitare accuratamente gli uomini responsabili che incontra o che ha incontrato in passato? In un certo senso sì. Il fatto è che tutto ciò accade a livello inconscio e non consapevole.

Perché ti innamori dell’uomo irresponsabile?

In genere, un uomo irresponsabile ha in sé le caratteristiche del bambinone e dello stronzo. Il bambinone e lo stronzo sono irreponsabili per definizione. Ma il vero irresponsabile, l’irresponsabile doc, contiene altissime dosi di irresponsabilità e solo qualche spruzzata di bambinoneria e di stronzaggine.

Quali sono le altre caratteristiche dell’uomo irresponsabile che hanno così presa sulle donne? L’uomo irresponsabile è una persona in genere molto simpatica, che, come si dice “non si fa molti problemi”, vive la vita in modo leggero e spensierato senza mai prendere niente troppo sul serio.

Tutta questa simpatia, tutta questa leggerezza nell’affrontare la vita e anche la sua spensieratezza fanno dell’uomo irresponsabile un tipo molto attraente – alla superficie -: abile conversatore, sa apprezzare i piaceri della vita, sa divertirsi e con lui ci si diverte moltissimo.

E’ il classico compagno o corteggiatore del quale le donne dicono: “Siamo stati benissimo insieme, abbiamo parlato per ore, abbiamo fatto un sesso fantastico. Lui è stato dolcissimo e gentile con me, mi ha detto tante belle parole, ma poi è sparito. Adesso si fa sentire quando capita e solo quando vuole lui… Davvero non capisco.

"Il bello dell’innamorarsi è il principio. Ti sembra tutto nuovo. Dopo un anno non riesci a capire perché tutto ti sembrava nuovo. E. Flaiano"

In realtà non vi è nulla da capire: il nostro amico è un irresponsabile, con lui non puoi fare piani che vadano al di là di poche ore (l’aperitivo o la cena) e se anche lo sposi e ci vivi insieme, non è persona con la quale è possibile creare qualcosa di saldo. Il rapporto di coppia con un uomo irresponsabile è un’esasperante corsa a ostacoli, in cui tu fatichi e ti dài da fare, lui non fa nulla o, meglio, tutto quello che fa lo fa nella direzione esattamente contraria rispetto a quella nella quale stai andando tu. Ti rema contro e tu ti ostini a fare di tutto per fare andare bene la relazione, senza costrutto alcuno, solo consumandoti.

L’uomo irresponsabile e l’innamoramento pericoloso

Il classico tipo irresponsabile ha tutte le carte in regole per affascinare una donna, per le sue caratteristiche esteriori di fascino e di simpatia. Ma, soprattutto, l’uomo irresponsabile esercita un fascino potentissimo e tutto particolare su una donna che è fin “troppo” responsabile, riflessiva, coscienzosa.

Fermati un attimo a pensare: se ti capita spesso di innamorarti del tipo irresponsabile, considera se tu non sei un po’ troppo perfezionista, desiderosa di avere sempre il controllo sulle situazioni che ti si presentano, coscienzosa, pignola, attenta agli altri.

E’ la legge del paradosso: tutta la tua eccessiva “responsabilità” verso le cose fatte per bene e verso gli altri, è una sorta di prigione in cui tu tieni rinchiusa te stessa e le tue risorse migliori. Quando incontri un uomo che, al tuo opposto, mostra la libertà, l’allegria e la leggerezza d’animo che tu severamente – e ingiustamente – controlli in te stessa tanto da spegnerle, vieni attratta come da una calamita.

Non consideri invece gli uomini più “seri”, affidabili, responsabili: quelli ti paiono troppo scontati, appannati, noiosi.

L’uomo irresponsabile poi, non solo esercita un fascino potente grazie alla propria irresponsabilità, ma anche grazie al fatto che la sua totale inaffidabilità (le promesse non mantenute, le telefonate o gli sms mai arrivati, le “apparizioni” e “sparizioni” improvvise e a sorpresa) creano un clima e un succedersi di eventi inaspettati che hanno un forte sapore di avventura e, si sa, l’avventura è eccitante.

"All’origine di ogni nostro innamoramento c’è un errore: avevamo scambiato la persona amata con un’altra. Joan Fuster"

L’irresponsabile e il sapore amaro dell’avventura

Quindi, riepilogando: probabilmenete tu sei una donna molto responsabile; probabilmente da bambina eri la “classica brava bambina”, da ragazza la “classica brava ragazza”. Sei una persona attenta, rispettosa degli altri e delle regole. Mantieni la parola data, non racconti bugie. Sei seria, insomma. Un po’ troppo seria. Così seria che la tua serietà ti limita e ti contiene a tal punto che, senza accorgerti, eviti gli uomini sui quali si può contare e cerchi quelli sui quali non si può contare per niente. Anzi, ne sei irresistibilmente attratta.

"La passione spiega molte cose ma non giustifica nulla. L.V. Ackerman Choquet"

L’uomo irresponsabile: evitalo per sempre

E allora, come la mettiamo? Sei destinata a non avere mai una vita sentimentale soddisfacente e duratura e nemmeno un partner che ti sia da sostegno per davvero, senza se e senza ma e senza farti impazzire? Niente affatto.

Semplicemente devi prendere consapevolezza del tuo atteggiamento mentale (eccessivamente responsabile e troppo severo verso te stessa) e del tuo schema di attrazione (sei attratta dall’irresponsabile perché la sua irresponsabilità ti dà sollievo e ti fa sentire eccitata).

Poi devi letteralmente darti il permesso di essere più leggera, spensierata, irresponsabile tu in prima persona, in modo autonomo e indipendente. Una via rapida è quella di lasciar andare il controllo su cose e persone (la famosa manipolazione) e di fare delle scelte – quelle che riguardano te come individuo e la tua vita privata – assolutamente “inedite” e scandalose per la loro irresponsabilità.

Ritrovando la tua libertà interiore e la tua dose di irresponsabilità personale, In questo modo ti sentirai finalmente attratta da uomini responsabili e affidabili e con loro scoprirai la vera eccitazione di un rapporto stabile e duraturo.

Lascia un Commento!

29 Commenti

  1. Avatar di carmen

    carmen 4 anni fa (20 dicembre 2013 23:36)

    Grazie a tutti per i commenti, grazie Ilaria. In effetti a volte ho avuto la sensazione di avere a che fare con una persona un po' disturbata, in alcuni momenti quasi terrorizzata. La mia rabbia, hai ragione Goldie, è un sintomo di ribellione nei confronti di qualcosa che, finalmente, riesco a percepire come "ingiusto". Per molto tempo mi sono sentita lusingata dalle attenzioni di un uomo di successo e pieno di impegni. Ma poi mi sono sentita, come ha scritto Ilaria, "una casa senza porte né finestre da cui lui può entrare e uscire senza permesso". Una frase MAGICA questa per me. È a questo punto che dentro me è scattato "l'altolà" e il ribaltamento a 360°. Poco importa se io ho, o meno, valore per lui. Chi si comporta così non ha valore per me, questo è il punto, lo squarcio che si è aperto. Questa è stata la mia piccola personale rivoluzione. Onestamente non sto ancora benissimo e la motivazione non è alle stelle, lo dico a supernova... sto lottando ancora con me stessa. Tuttavia ho meno paura e per la prima volta da 6 mesi a questa parte mi sento più serena. Questo blog inoltre è un grande sostegno, ci sono articoli che mi sono stampata e messa in una cartella. Quando mi sento troppo confusa la prendo, li leggo e ci trovo sempre qualche spunto illuminante. Thanks!
    1
    Rispondi a carmen Commenta l’articolo

  2. Avatar di Valentina

    Valentina 4 anni fa (9 dicembre 2013 16:23)

    Praticamente è come se ti avessi avuta qui a parlare con me. Grande! Corro subito a farmi un tatuaggio e a tagliarmi tutti i capelli :)
    6
    Rispondi a Valentina Commenta l’articolo

  3. Avatar di Livia

    Livia 1 anno fa (20 agosto 2016 22:17)

    Oggi ho ricevuto per l'ennesima volta, la telefonata di un ragazzo che avevo allontanato in modo brusco perchè problematico: prendeva psicofarmaci dato che soffre da sempre di depressione, poi beveva alcool anche la mattina, al primo appuntamento nonostante aveva preso le medicine aveva bevuto birra e per tre ore siamo rimasti in quel locale perchè non riusciva ad alzarsi e dopo averglielo tante volte rinfacciato si giustificava dicendo che erano cose che capitavano, non mi ha mai corteggiata con attenzioni, quando gli ho ripetute volte detto di non volerci avere a che fare lui continuava ogni tre mesi a cercarmi dicendomi anche che se ero sola potevo uscire con lui. Avevo capito benissimo che insisteva con me non perchè era innamorato ma perchè era solo, oltretutto sua madre mi ha telefonato una volta per dirmi che lui si era ubriacato e per sapere da me se fosse dipeso da me, come se non bastasse, lui non vedendo risposte alle sue telefonate di scuse mi ha detto che sono infantile, viziata, esaurita (critiche ricevute in passato da molte persone). A distanza da dicembre, oggi mi chiama con tono da cane bastonato e io gli attacco il tel, dopo pochi minuti mi ha scritto: V****** viziata, egocentrica, pazza esaurita che non sei altro. Non mi sono degnata di rispondergli, non è bello però che le critiche ricevute in passato dalla gente tornino a farmi visita, riguardo a lui, non mi faccio manipolare da uno che è solo e pretende che gli compensi la solitudine.
    -1
    Rispondi a Livia Commenta l’articolo

    • Avatar di Ilaria Cardani

      Ilaria Cardani 1 anno fa (20 agosto 2016 23:20)

      Ecco, uno problematico, anche. Diciamo molto problematico. Spero che non ci sia una prossima volta, ma nel caso ti rivolgi senza se e senza ma a polizia e carabinieri. Non siamo a pettinar bambole. I problematici portano problemi: li portino a chi è pagato per lo meno.
      14
      Rispondi a Ilaria Cardani Commenta l’articolo

    • Avatar di cindy

      cindy 1 anno fa (21 agosto 2016 7:55)

      Ciao Livia. Blocca questa persona in modo che tu non possa essere rintracciabile. Ti scrivo per condividere con te una riflessione: ho letto il tuo post e mi hanno molto colpito le parole che ha usato il soggetto in particolar modo esaurita. Ovviamente questi erano aggettivi buttati su di te perchè riguardavano loro...S La cosa che mi dà da pensare è perchè rispondi alla madre; perchè non ti sei allontanta subito la sera in quel locale se lui era ubriaco e molesto? Prova a rivedere le tue frequentazioni, alzando molto la sbarra.....Coraggio!
      2
      Rispondi a cindy Commenta l’articolo

  4. Avatar di Anna

    Anna 7 mesi fa (21 aprile 2017 20:46)

    Il ragazzo con cui sto da alcuni mesi ha come costante di essere un po' passivo. A volte propone qualcosa, però spesso ci tiene a precisare che sono idee, opzioni. Propone, ma poi lascia l'iniziativa a me, si tira indietro (a volte fa letteralmente un passo indietro!). Dice che non vuole una ragazza dipendente (ok), del fatto che siamo alla pari mi sembra più interessato al fatto che io faccia la mia parte. E del fatto che io abbia altre attività, mi pare che gli interessi parecchio il fatto di essere sollevato dalla necessità di dirmi di no quando ha bisogno di fare qualcosa. Però è anche un poco incuriosito da cosa sto facendo. E' attento e regolare nel messaggiarmi. Tuttavia chiede sempre a me cosa voglio fare ed è estremamente titubante nel chiedermi qualcosa (ad esempio una volta aveva bisogno che andassi io da lui, per motivi organizzativi). A volte non si fa sentire quando ha proposto di fare qualcosa. Ho la sensazione che abbia bisogno o voglia di stare per conto suo, che ci abbia ripensato, però non me lo dice. E quando gli chiedo conferma, corre da me come se avessi la pretesa di vederlo. Oppure "capisce" che io l'ho invitato per vederci, e corre ancora di più, lusingato. Io ho provato a dirgli che se non vuole che ci vediamo è del tutto ok. O che mi piace quello che propone, mi fa piacere, che per favore vorrei che si senta tranquillo. O anche in caso una proposta non mi piaccia o non abbia tempo, lo dirò chiaramente e anche in quel caso, non c'è problema, mica è un rifiuto! Dice che vuole decidere assieme, ma poi in pratica o mi interpreta o fa decidere a me. Mi pare che ci siano un po' troppi non detti ed interpretazioni. E la sua titubanza è frustrante. Mi sembra che abbia le migliori intenzioni e quando gli rivelo i miei dubbi oppure cerco di incoraggiarlo, di dirgli che quello che propone e fa è importante, mi ascolta. E mi ascolta quando ho momenti di insicurezza, ma li vede come qualcosa di mio o che dipende da altro. Dopo alcune volte, temo che stia iniziando ad avere bassa stima di me. La relazione va a rilento, forse in lento miglioramento, ma mi sta pesando. Io mi sento spesso frustrata, a volte i nostri incontri sono così colà (per me, non per lui). Potrei andare avanti e vedere come va, tuttavia non so se ci riesco e non so se riesco a comportarmi nella maniera giusta, per avere più chiarezza e per mettere il turbo al tutto. A volte le insicurezze che ho in altre aree della mia vita diventano più forti ed evidenti. A volte mi sento poco concentrata, mi sento poco capace, ma alla fine in qualche modo ce la faccio, ma potrei fare di più. Alcune volte le persone mi chiedono cosa c'è che non va, tutto ok? Più persone in una serata. Insomma, tra di noi sembra che ci sia attenzione e rispetto, tuttavia forse entrambi non sappiamo bene come fare per essere felici assieme. A volte temo che non andrà bene, ho paura di diventare una rompiscatole insicura, non so se riesco a mantenere il controllo. Vorrei più chiarezza, sicurezza, piacere e serentià, ma non so se è possibile in questo caso. Per lui tutto potrebbe rimanere così, gli do già tutto quello che gli serve e l'unico problema e che per me a volte non è granchè.
    -4
    Rispondi a Anna Commenta l’articolo

  5. Avatar di raffaella

    raffaella 5 mesi fa (17 giugno 2017 17:12)

    ciao ilaria, sono raffaella ho appena letto l'articolo dell'uomo irresponsabile e volevo un piccolo chiarimento. anch'io ho conosciuto un bellissimo ragazzo che lavorava in passato con mio padre.mi sono sentita subito colpita da lui e me ne sono invaghita. La mia timidezza purtroppo mi ha bloccata nel poter fare amicizia con lui, ma solo poco tempo dopo ho saputo da un altro collega di mio padre, che era un uomo abbastanza irresponsabile. Col tempo ci ho riflettuto su e avevo deciso di lasciarlo perdere ma poi come ho ben scoperto, lui l'ho visto insieme ad una ragazza e ho sospettato che fosse la sua ragazza. intanto i miei genitori dicono di lasciarlo perdere. ti dico subito che non sono stata mai assieme a un ragazzo, so che hai ragione in quanto hai detto nell'articolo, dimmi come posso superare questo momento di ansia e mi domando come sia possibile che la sua ragazza si trovi bene con lui?
    0
    Rispondi a raffaella Commenta l’articolo