Lui non mi cerca sessualmente. Come non perdere la testa e non farsi rovinare la vita.

lui non mi cerca sessualmenteLui non mi cerca sessualmente.

E’ una constatazione triste, spesso drammatica, che molte donne si trovano a dover fare a un certo punto della loro vita di coppia.

Per esempio all’interno di un matrimonio che dura da qualche anno e nel quale, dopo un lungo periodo in cui tutto sembrava andare per il meglio, qualcosa si è spezzato.

Oppure in una relazione partita con i “fuochi artificiali” e che dopo soli pochi mesi si è ridotta al gelo, al distacco.

Può addirittura capitare in una relazione appena iniziata.

Un uomo corteggia una donna, con dedizione e insistenza, romanticismo e poesia, ma non arriva mai, proprio mai, al dunque.

Tutt’al più ci prova qualche volta senza mai concludere nulla e accampando fantasiose scuse e poi basta.

Lui non mi cerca sessualmente. Che brutto!

"Ci può essere sesso senza amore, ma non amore senza sesso. A.Moravia"

Non essere cercate sessualmente o dover sempre prendere l’iniziativa, è una situazione davvero deprimente, l’ho scritto diverse volte.

Una situazione della quale in molte preferiscono non parlare con nessuno e che quindi vivono in grande solitudine, analizzando le mille possibili ragioni e per lo più, ma guarda un po’, prendendosi la colpa.

Si tratta di essere rifiutate, ma non una volta sola, come capita quando una storia finisce o un uomo che ti interessa non ti considera o ti “usa e ti getta”.

Si tratta di essere rifiutate a ripetizione. Di ricevere un trattamento di indifferenza, di distacco, di respingimento.

C’è qualcosa di peggio dell’indifferenza, soprattutto da parte di quella che dovrebbe essere la persona amata, il partner sessuale, colui o colei con la quale si è scelto di condividere l’intimità?

Vivere un’esperienza del genere, sa bene chi ci è passata o ci sta passando, non solo mina l’autostima, ma mette a rischio l’equilibrio emotivo.

"Quando il sesso va bene, conta il dieci per cento in una relazione. Quando va male, rappresenta il novanta per cento della relazione. M.Broohs"

E’ un classico: molte delle situazioni che richiederebbero il massimo della nostra energia per essere affrontate, in realtà hanno la caratteristica di togliercela via di dosso, quella energia tanto preziosa.

Tanto più che il fenomeno del lui non mi cerca sessualmente colpisce proprio il senso del valore di sé, della propria femminilità, della propria capacità di affascinare.

Le energie interiori si logorano inesorabilmente.

Che fare allora quando ci si trova nel bel mezzo di una situazione del genere?

Lui non mi cerca sessualmente. I 3 fondamentali  per non perderti

Se ti ritrovi a considerare per un certo tempo tra te e te o anche con le tue amiche la situazione: “Lui non mi cerca sessualmente” è bene che tu non metta la testa sotto la sabbia e non nasconda la polvere sotto il tappeto.

Ti consiglio di considerare questi 3 punti fondamentali per ritrovare l’orientamento e la fiducia in te stessa, costi quel che costi.

1.Diciamoci la verità, per quanto sia drammatica, dura e cruda. Quando un uomo non ti cerca sessualmente significa che non ti desidera sessualmente. Punto. Fine. Non c’è altra riflessione da fare.

E perché non ti desidera sessualmente? Ha perso interesse per te (LUI ha perso interesse, non sei TU a essere meno interessante) per ragioni che hanno a che fare con l’area della sua emotività, della sua interiorità, della sua psicologia.

Cioè perché magari è attratto da un’altra donna o da altre donne. Nel senso che ha avuto o vorrebbe avere altre relazioni.

Intese come nuove fonti di stimolo di fronte a una mancanza di interesse generale per la propria vita.

Magari è anche attratto da diverse pratiche sessuali, non così praticabili per il suo stile di vita attuale. O da altri generi di partner.

Ha perso interesse per te perché magari ha altre priorità personali, sempre legate al suo benessere o malessere individuale, nelle quali tu non rientri.

Forse anche perché ha smesso di trovare nella relazione sessuale con te le gratificazioni che erano importanti per lui a livello psicologico ed emotivo e ora non lo sono più. O lo sono in un altro modo. Si è stufato del gioco.

Detto in parole povere, ha la testa da un’altra parte. E non gli interessa di certo di sistemare le cose con te o del tuo disagio.

Sai perché dico questo? Perché nel 99.9% dei casi, un uomo che non ti cerca sessualmente e continua a rimanere con te, non solleva mai il problema del silenzio sessuale caduto tra di voi.

E se lo solleva lo fa in modo molto “laterale” e per colpevolizzarti o sfogarsi.

Oppure lascia che sia tu a sollevarlo, ma, appena lo fai lo sottovaluta in tutti i modi, ci gira intorno, lo elude.

Ecco, si guarda bene dall’affrontarlo. Procrastina la possibilità di trovare una soluzione. Sdrammatizza. Ridimensiona.

Attenzione, qui il punto da tenere presente è che non è colpa tua, almeno che tu non sia diventata una strega molto cattiva e sgradevole e che abbia smesso di farti la doccia da sei mesi, cosa che tenderei a escludere.

Si tratta di  “menate” sue, che non ha nessuna intenzione di affrontare e di risolvere. Se ne sta infischiando del tuo stato d’animo e sta abusando della tua pazienza.

E, gran finale, non ha nessuna intenzione di prendere una decisione dato che la situazione – la relazione con te, così com’è – per il momento gli sta offrendo altri vantaggi.

2.Nulla (ma proprio nulla) dura per sempre e sempre uguale, sempre nello stesso modo. Tutto cambia, in peggio o in meglio, si evolve, prima o poi finisce. Le coppie che stanno insieme per la vita con successo hanno la capacità di interpretare i cambiamenti e di dominarli, guidarli o farsi guidare da loro ma senza subirli, così come le imprese, le istituzioni (pensa a grandi orchestre, teatri, musei) o ad altre realtà umane.

Per questo, in linea generale, quando si tratta di creare una relazione di coppia è utile pensare quanto si è in prima persona e in coppia capaci di affrontare i cambiamenti e soprattutto quanto il partner sia capace di affrontare e di adattarsi ai cambiamenti.

Che cosa c’entra questo con il fatto che lui non ti cerca sessualmente? Credo che tu già lo sappia: non è una situazione sostenibile. Prima o poi qualcosa succede.

O tu arrivi al limite o lui fa il “salto della quaglia”, cioè si sveglia dal suo silenzio e dalla sua immobilità, prende l’iniziativa e fa qualcosa…

Che potrebbe per esempio quella di lasciarti o di cercare un’altra compagna, se non l’ha già fatto.

Il silenzio, l’indifferenza, l’evitare di affrontare il problema nel breve evitano traumi (all’apparenza), ma alla lunga diventano pericolosi.

Dato che lui potrebbe, prima o poi, metterti all’improvviso di fronte al fatto compiuto.

Tu che cosa puoi fare, allora? Devi evitare di far finta di niente. Non è necessario che tu ti metta a parlare del problema di continuo. Sarebbe controproducente oltre che sfinente. Come controproducente è assumere atteggiamenti da geisha o di supplica o fare scenate. E’ importante che tu faccia presente la questione in modo chiaro e inequivocabile, spiegando che a te la situazione non va bene per niente e che è necessario prendere provvedimenti e decisioni.

Che possono essere anche radicali.

Nello stesso tempo è bene che tu modifichi i tuoi comportamenti, mostrando la tua indipendenza e il tuo distacco. E preparandoti a qualsiasi conseguenza.

Perché tutto ciò che state vivendo adesso non potrà essere per sempre. Tutto ha un limite. Una fine.

E nella pratica come devi agire? Lui non ti cerca sessualmente? Fagli capire che questo non va bene e che tu non sei disposta ad aspettare per l’eternità mentre lui vive una situazione di comodo o aspetta di avere le idee chiare per prendere una decisione anche per te.

Una decisione che tu corri il rischio solo di subire.

Invece decidi tu che cosa è meglio per te, in autonomia e senza aspettare che cosa fa comodo a lui.

3. Tieni presente che il fatto che il tuo partner non ti cerchi sessualmente è una seria mancanza di rispetto, di affetto e di amore. E il fatto che non affronti il problema è ancora più grave, dato che dimostra il suo egoismo e la sua inaffidabilità. La sua mancanza di solidarietà. Il suo non voler condividere. Spesso prendere delle decisioni è difficile (quasi sempre), ma davvero non vale la pena stare in una situazione di disagio e “appese” alle “lune” e ai comportamenti apparentemente inspiegabili degli altri.

Lo si deve a se stesse e alla propria qualità della vita.

"Tra tutte le aberrazioni sessuali, forse la più bizzarra è la castità. R. de Gourmont"

Tu che cosa consiglieresti a un’amica che ti dice: Lui non mi cerca sessualmente?

I percorsi che ho creato per te:

I 7 Pilastri dell’Attrazione.

è il primo passo verso la conoscenza di te.

Clicca qui per iniziare il tuo percorso de I 7 Pilastri dell’Attrazione adesso.

Come Sedurre un Uomo senza Stress

In questo percorso si spiegano i gradi dell’attrazione “autentica”.

Clicca qui per iniziare il tuo percorso Come Sedurre un  Uomo senza Stress adesso.

Articoli Correlati

Gratis per te!

Non sbagliare e non soffrire più! Trova l'amore! Vuoi capire quali sono i tuoi comportamenti sbagliati con gli uomini e come puoi evitarli? Vuoi aumentare la tua autostima e avere più sicurezza nelle relazioni?

Lascia un Commento!

22 Commenti

  1. Avatar di Fenice

    Fenice 2 settimane fa (10 giugno 2018 9:22)

    Ciao Ilaria. Mi sono trovata in uno dei primi casi che hai preso in considerazione all'inizio dell'articolo. Nella fase del corteggiamento: lui il principe azzurro, io la principessa. Velocemente fuochi d'artificio e progetti. Procedendo alla velocità della luce, a distanza di pochi mesi alcuni di questi progetti hanno preso corpo, mentre i fuochi d'artificio sono scemati. Dopo nemmeno un anno mi sono resa conto che, se lo cercavo io lui mi rifiutava, ma se era lui a cercarmi (quelle rarissime volte) io dovevo essere pronta sempre e a prescindere. La cosa che mi faceva ancora più male, è che mi rifiutava pur avendo desiderio: era in erezione. Come tu hai scritto nell'articolo questo genere di problema in realtà è lo specchio che riflette l'incapacità di darsi all'altro, di donare parti del proprio essere all'interno della relazione, perché c'è qualcosa che proietta l'attenzione al di fuori della coppia. Era proprio così: lui non si è mai lasciato conoscere nel profondo da me, e la sua attenzione era volta al di fuori di noi. Dopo aver cercato dei chiarimenti, rispetto a questo ed altro che non andava nella nostra relazione, ho preso con fatica e dolore le redini della mia vita allontanandomi da lui. Oggi, a distanza di poco più di un anno, ho pripreso contratto con me stessa, so cosa vorrei e di persone ne ho conosciute molte. Non ho ancora avuto il coraggio di aprire un nuovo capitolo di coppia (di nessuna natura). Ho paura di soffrire di nuovo... come posso fare a superare questo scoglio?Grazie Ilaria
    -2
    Rispondi a Fenice Commenta l’articolo

  2. Avatar di Jessica

    Jessica 2 settimane fa (10 giugno 2018 9:39)

    Ooh dopo tanto tempo ho avuto il tempo di leggere il tuo blog, meraviglioso come sempre! Ilaria avrei bisogno di alcuni consigli personali come posso contattarti? Distinti saluti
    0
    Rispondi a Jessica Commenta l’articolo

  3. Avatar di Serena

    Serena 2 settimane fa (9 giugno 2018 18:22)

    Cara Ilaria, conosco bene ciò di cui parli e devo dire che la cosa che più mi ha ferita nel corso della mia decennale relazione piena di problemi - che ho chiuso ormai da quasi un anno - era proprio il non sentirmi più desiderata fisicamente. Diciamo che è stata la molla per farmi dire finalmente "basta". Negli ultimi tempi, dove di sesso ormai se ne faceva pochissimo e quasi come "un dovere", in cui il più delle volte alla fine correvo a piangere in bagno, avevo perso ogni contatto con me stessa, con la mia femminilità e sensualità. Non mi sentivo più attraente, desiderabile... Mettiamoci il carico da novanta delle sue critiche al mio aspetto fisico, cui imputava il SUO calo di desiderio... Una cosa che mi faceva ammattire! Anche perché di fatto avevo preso qualche chiletto ma, diamine, si trattava di qualcosa come cinque chili! Non potevo credere che non volesse più fare l'amore con me per questo. Criticava il mio abbigliamento, anche, a suo giudizio non abbastanza sexy. Forse in un certo senso aveva anche ragione, ma so per certo che mi aveva condotto lui su quella strada. Poi è successo un fatto. Durante una vacanza ho conosciuto un uomo - un latin lover da strapazzo, per dirla tutta - ed è accaduto che per la prima volta mi sono sentita di nuovo affascinante e desiderata. Mi sono lasciata travolgere da lui in un'avventura: nulla di sentimentale, sia chiaro, ma è stato l'inizio di un cambiamento epocale nella mia vita. Sono tornata a vedermi per quella che ero, ovvero una donna bella, sensuale, piena di vita. In un anno sono tornata la ragazza passionale e affascinante che ero a vent'anni, ho scoperto che facevo di nuovo girare la testa agli uomini... non mi pareva vero! Anche il mio ex fidanzato si è accorto del mio cambiamento e ha tentato in tutti i modi un riavvicinamento anche fisico. Ma per me si era spezzato qualcosa. Non lo volevo più. Tale e tanta era stata la repressione, la frustrazione accumulata che ho iniziato un lento distacco, fino a trovare il coraggio di chiudere la relazione. E' stato difficile lasciare la persona con cui sono stata fidanzata dai 30 ai 40 anni, ma sono rinata. Sotto ogni punto di vista. Vedo oggi allo specchio una donna che mi piace, attraente e sexy oltre che in gamba. Ho ricominciato a scrivere, a cantare e sì, a fare sesso con chi mi pare e piace. Non ho legami e non ne voglio per ora. Ma quello che ho capito è che sì, davvero, non era colpa mia se lui non mi voleva più, non ero io. Semplicemente lui per svariate ragioni non era la persona giusta per me. E l'ho capito solo ritrovando prima me stessa. Ritrovando il mio corpo, imparando ad amarlo per quello che è e a valorizzarlo - con l'attività fisica, un nuovo modo di abbigliarmi e tenere i capelli - muovendolo e portandolo in giro per il mondo, senza fuggire agli sguardi maschili che, incredibile a dirsi, non si soffermavano su di me per criticarmi! Per me la svolta è stata una leggera storiella vacanziera, ma è stato solo uno spunto. Uscirne si può, si può eccome! E assicuro che ne vale assolutamente la pena :)
    5
    Rispondi a Serena Commenta l’articolo

    • Avatar di Carlotta

      Carlotta 2 settimane fa (9 giugno 2018 21:24)

      Bravissima!!
      0
      Rispondi a Carlotta Commenta l’articolo

    • Avatar di Ele

      Ele 2 settimane fa (10 giugno 2018 11:33)

      @Serena, mi ritrovo abbastanza nelle tue parole e nel tuo vissuto. E' successo qualcosa di molto simile anche a me, qualche anno fa. Relazione lunga, il primo ragazzo serio, con cui sono stata dai 18-19 anni ai 27. Dopo di lui sono rinata, fisicamente, mentalmente e spiritualmente (e ho conosciuto il mio attuale compagno, ho quasi 34 anni adesso. :) ). Il termine che mi piace tanto usare per descrivere il periodo della mia vita post-ex è "rifioritura". Mi sono immaginata come una piantina rimasta per troppo sotto un grosso strato di neve che a un certo punto ha riabbracciato la primavera. Un caro saluto e goditi le tue nuove consapevolezze su te stessa!
      0
      Rispondi a Ele Commenta l’articolo

  4. Avatar di Ary

    Ary 2 settimane fa (10 giugno 2018 11:33)

    Cavolo Ilaria, ma perchè ogni volta che leggo un tuo articolo mi viene da piangere? Ad ogni modo mi è piaciuto molto... anche se è un argomento spinoso che ferisce molto.. Ma come si fa ad accettare una cosa simile? bisogna solo andarsene? è spaventoso... mi chiedo che senso abbia costruire una relazione che poi è destinata a finire... certo come tutto.... però non so... sarà che sono single da 5 mesi e non riesco a immaginare di stare con qualcuno che mi ferisca di nuovo... inevitabilmente... forse sono ancora sotto botta e sto facendo troppo la pessimista... però perchè unirsi con qualcuno che quasi sicuramente con le sue paturnie finirà con il ferirmi e svilirmi? non si fa prima a stare da soli, senza nessuno che sia li a giudicarti? a minare la tua autostima? non so... la mia ha ancora le stampelle, ma mi sono resa conto che da quando mi sono lasciata con questo ragazzo con cui stavo da 4 anni, mi sento più bella di prima, un po' più sicura di me ( e me ne dispiaccio perchè lui non può più vedermi... so che è stupido , ma è un pensiero che mi viene) e non voglio che nessuno me lo porti via stavolta... anche se mi manca essere nei pensieri di qualcuno e sentirmi considerata... ma mi sto impegnando per considerarmi in primis io... beh fuori tema come al solito! eh eh Comunque anch'io sono per il parlarne sempre, di qualsiasi problema... ma purtroppo sono una che sfinisce l'altro, finchè non fa qualcosa (lasciarmi) eh eh Buona domenica a tutte/i
    -4
    Rispondi a Ary Commenta l’articolo

  5. Avatar di ginevra

    ginevra 2 settimane fa (10 giugno 2018 12:16)

    È quello che sta accadendo a me..! Io e lui conviviamo da 2 anni. Una storia importante, fatta di rispetto, gentilezza, amore e progettualità. Da 6 mesi circa il sesso fra noi va sempre peggio, mentre tutto il resto continua bene (x lui) Come scrive Ilaria, lui evita di prendere l'argomento. Io ho provato ad affrontarlo 2 volte. Con chiarezza. Ma niente. Nn ha un'altra donna. Più probabile invece che ama pratiche sessuali nn realizzabili con me. Dunque credo sia annoiato e contemporaneamente troppo sicuro di me. Della mia "devozione" Io soffro molto. E credo che devo ripartire da me. Anche se è molto difficile, considerato che il nostro è un contesto felice,sul quale adesso si è posata quest'ombra.. Grazie Ilaria.
    -8
    Rispondi a ginevra Commenta l’articolo

  6. Avatar di Simona

    Simona 2 settimane fa (10 giugno 2018 12:36)

    Ciao ilaria purtroppo sei capitata a pennello con questo articolo ..proprio ieri sera un altro rifiuto..uno dei tanti della serie. Posso parlarti in provato come posso contattarti? Grazie Simo.
    0
    Rispondi a Simona Commenta l’articolo

  7. Avatar di Stella79

    Stella79 2 settimane fa (10 giugno 2018 12:40)

    Ciao Ilaria sto vivendo questa situazione da 3 anni ormai. Dopo ildivorzio sono andata a vivere in Germania e ho conosciuto questo italiano a "causa" di amici comuni. Pensavo di aver finalmente trovato l'uomo giuto,tant'é che sono tornata in Italia ricominciando di nuovo tutto da capo. Il caro principe azzurro con il tempo si é rivelato un ranocchio azzurro pallido. Tanto brillante ed indipendente sul lavoro quanto immaturo nel privato. Ammetto di non essere la persona piu dolce e remissiva del mondo ma piuttosto una donna forte e diretta e se arrabbiata anche aggressiva. A suon di litigate ha capito che non ero li per fargli da balia ne da cameriera ma che volevo un UOMO all pari, responsabile e affidabile. Lui un po é cambiato ma qualcosa gli si é rotto dentro, non riesce e non puo "dominarmi", e sessualmente si é completamente spento. Ho sperato, ho pianto, ho urlato, l ho offeso, ho cercato di parlargli ma non succede niente se non che passa tutte le notti a giocare al pc piuttosto che affrontare il problema e provare a risolverlo insieme. Succedera che lo lascieró io, ma ho deciso che lo faro quando ne avro la forza e la disponibilota economica. É logorante sfinente e difficile. Io l ho amato con tutta me stessa, lui per me prova affezione e non mi mollerá fino a che non mi avra sostituita. Non é in grado di stare da solo. La parte piu dura é prendere consapevolezza, smettere di piangere ed acquisire la forza per preparare il piano B.
    -28
    Rispondi a Stella79 Commenta l’articolo

  8. Avatar di Anna Rita

    Anna Rita 2 settimane fa (10 giugno 2018 17:52)

    Posso dire di essermi trovata così nel mio matrimonio......... a chiedere continuamente spiegazioni e perché, a soffrire senza capire perché di questa indifferenza ed alla fine decidere di lasciarlo per non morire dentro. Consiglio perché provato e sofferto di chiudere il rapporto.
    -2
    Rispondi a Anna Rita Commenta l’articolo

    • Avatar di Lasciateli subito.... sempre.

      Lasciateli subito.... sempre. 2 settimane fa (10 giugno 2018 22:39)

      Io non ne ebbi la forza..lo fece lui dopo 13 anni di matrimonio di cui 10 quasi bianchi. Non intendo nemmeno ricordare come mi aveva ridotto psicologicamente questa cosa assieme ad altri aspetti. Non sono più riuscita a trovare un nuovo compagno... troppo dolore e paura di incappare in un altro uomo così pieno di problemi con se stesso. Però il desiderio l' ho ricevuto ... quello si....quello che mi era stato negato x anni....le mie conferme le ho avute poi...tutte. Lui ora mi fa solo una grande immensa pena. Lasciateli..non ci sono alternative.
      -3
      Rispondi a Lasciateli subito.... sempre. Commenta l’articolo

  9. Avatar di Eleonora

    Eleonora 2 settimane fa (11 giugno 2018 9:23)

    ...e non potrebbe esser invece un calo di libido per i problemi emotivi che riguardano se stessi??troppo stress da lavoro,preoccupazioni familiari che levano energia,dispiaceri etc etc... I modelli imposti dalle fictions ,secondo me,fanno credere che x esser felici in una relazione il sesso debba essere sempre a 1000 ;la vita reale, è un'altra roba...pensateci
    7
    Rispondi a Eleonora Commenta l’articolo

  10. Avatar di patrizio

    patrizio 2 settimane fa (11 giugno 2018 9:35)

    Grazie Ilaria per la tua analisi precisa e che va dritta ad affrontare le cause di questo problema. Aggiungo solamente che la stessa situazione si può verificare a parti inverse quando è una donna che smette di cercare sessualmente il partner, e credo che per un uomo che subisce ciò, il tutto sia ancora più frustrante semplicemente perché una donna per rifiutarsi può accampare scuse più facilmente ed allo stesso tempo è capace anche di far sentire in colpa l'uomo che chiede di avere una relazione completa. Non ti dico che senzazione di inadeguatezza e quale sofferenza interiore può provare anche un uomo quando è rifiutato e la compagna invece continua ad accampare scuse ma non prende mai una decisione tenendo una relazione in sospeso!
    14
    Rispondi a patrizio Commenta l’articolo

  11. Avatar di Livia

    Livia 2 settimane fa (11 giugno 2018 12:59)

    Cosa molto frequente quando le donne vanno in menopausa e sentono calare il desiderio sessuale, oppure quando due coniugi sono sposati da più di vent’anni e si cambiano abitudini. L’uomo, vivendo nella quotidianità oppure vedendo che la moglie, a causa degli ormoni, ha un calo di desiderio, sceglie di soddisfare la sua libido con relazioni parallele, alle volte occasionali. Si prenda l’esempio del caso in cui molti di loro vanno con le lucciole oppure nei night o, peggio ancora, cercano la ragazza giovane. Poi c’è il caso in cui il partner pretende che la donna sia a sua completa disposizione quando vuole farlo, pensa solo ed esclusivamente al proprio piacere e, quando la donna vuole, cercano scuse a non finire.
    -1
    Rispondi a Livia Commenta l’articolo

  12. Avatar di Raffaella

    Raffaella 2 settimane fa (10 giugno 2018 22:14)

    Secondo me questo articolo non considera un fattore importantissimo, e cioè che non tutti hanno una libido elevata. Non a tutti va di fare sesso, a prescindere, per un'infinità di ragioni tutte validissime. Tolte determinate situazioni abusive e manipolatorie, non mi sembra giusto considerare queste persone egoiste, irrispettose e opportuniste a priori. A volte è solo una differenza di priorità e aspettative.
    12
    Rispondi a Raffaella Commenta l’articolo

    • Avatar di Libido elevata???

      Libido elevata??? 2 settimane fa (11 giugno 2018 14:45)

      Tu non hai capito x nulla il senso dell'articolo e darti punti da sola non elimina il problema che è vero reale e provoca sofferenze di vario tipo. Poi se due a libido zero si trovano...contentissima x loro. se a te non va di fare sesso è un questione strettamente personale..ma non normale..mai (se dura tutta la vita e non è un fattore occasionale ben motivato)... cose da pazzi..libido elevata...ma Ilaria x favore...aiutooooooo
      -12
      Rispondi a Libido elevata??? Commenta l’articolo

  13. Avatar di simona

    simona 2 settimane fa (11 giugno 2018 13:12)

    non ha un'altra, primo. seconda cosa i casi sono milioni, e nn tte le volte si deve pensare chelui abbia un'altraconsiglio a tt le donne che, se il loro marito nn le cerca sessualmente, prima di parlarne con lui per vedere quale sia il problema, poi consultare uno spicanalista, e se nn ci vuole andare perche lui dice che sencono lui e sano di testa e nn ha problema di spicoanalisi alora consiglio alle donne: primo di nn sentirsi in colpa, perche il problema nn e della donna, e come ha detto ilaria, nn bisogna sentirsi, NON donne se nn si viete cercate, o sotto STIMATE. il problema e' di lui, perche alla base di tutto, nn ci puo' essere solo il problema di averse un'altra, ma puo' essere in questo caso per me, un,'altra cosa, che nn sto a dire perche e' molto personale, e nn mi v a di metterlo in piazza. SCUSATECOSA CONSIGLIARE......la donna ha bisogno di sentirsi donna e di vivere la sua sessualita'. Quindi scegliete un po' cosa e meglio per voi. ho lo lasciate... ho vi fate un'amante, ho vi accontentate di cio' che avete, ho vi fate suore, ho recuperate e andate insieme dallo spicanalista( se lui vuole), ooooo vedete voi secondo la vostra indole. Ci son tanti tipi di situazioni di uomini che per ogni caso singolo, han bisogno della loro vita, e nn sempre san fare IL MASCHIO, E' la donna vuole anche essere donna e nn sempre appunto deve fare la Gheisha per farsi dare qualcosa...... Pensate a Voi stesse, prima di tutto. SALUTI simona
    -15
    Rispondi a simona Commenta l’articolo

  14. Avatar di Azzurra

    Azzurra 2 settimane fa (12 giugno 2018 22:21)

    Come bisogna comportarsi se lui soffre di disfunzione erettile ed evita il sesso per questo motivo?
    3
    Rispondi a Azzurra Commenta l’articolo

    • Avatar di Anna

      Anna 2 settimane fa (13 giugno 2018 11:06)

      Dovrebbe farsi vedere lui, direi. È vero che ansia e evitamento vanno a braccetto, ma è un problema risolvibile e penso lo debba a se stesso e a te. Non affrontarlo, credo riveli anche altro, del suo carattere...
      0
      Rispondi a Anna Commenta l’articolo

  15. Avatar di Sofia

    Sofia 4 giorni fa (20 giugno 2018 21:23)

    Salve a tutte, ebbene il mio compagno mi ha rifiutata.. Anzi più che altro ha messo un muro tra di noi. Momentaneamente lo vedo combattuto per alcuni problemi lavorativi però questo non lo giustifica. È svilente.. Non so come altro descriverlo. Per fortuna questo blog tempo fa mi ha aperto gli occhi e mi sono sempre occupata della mia vita e della mia autostima e senza difficoltà ho messo dei limiti a questa situazione e se le cose non cambiano andrò avanti senza di lui.
    -1
    Rispondi a Sofia Commenta l’articolo

    • Avatar di Emilia

      Emilia 3 giorni fa (21 giugno 2018 10:39)

      Ciao Sofia, penso che sia la scelta più giusta da fare. In certi casi è importante essere risolute. Le complicazioni causate da altri vanno abbandonate, perché cercare di trovare una soluzione accomodante è controproducente.
      -1
      Rispondi a Emilia Commenta l’articolo