Sei triste e sola o ti senti triste e sola?

solaSei triste e sola o, semplicemente, ti senti triste e sola? Oppure, ancora più complicato: pensi che sia il momento giusto per credere di essere triste e sola e di lamentarti per il fatto che ti senti triste e sola? No, non è un annodamento del cervello e nemmeno un gioco di parole. Essere triste e sola per davvero è ben diverso dal pensare di essere triste e sola e dal lamentarsi di essere triste e sola.

Sentirsi triste e sola, molto spesso non è davvero essere triste e sola, ma assumere un atteggiamento mentale negativo verso se stesse, la propria condizione e gli altri che riempie il cuore e la mente di emozioni sgradevoli, nelle quali si viene risucchiate come in una spirale senza fine.

"La solitudine è per me una fonte di guarigione che rende la mia vita degna di essere vissuta.Carl Gustav Jung"

Triste e sola ma non sempre

Il giorno prima di Ferragosto ho ricevuto questa mail:

“Salve, sono finita nel suo blog per caso, in un periodo in cui tutti sono in vacanza, io mi ritrovo in ferie seza nessuno con cui poter condividere qualche giorno di svago! Sono single, lavoro ma ho poche amicizie. Ho quasi 40 anni, le amiche di vecchia data sono tutte sposate con prole, per cui mi ritrovo spesso sola, a non poter uscire nemmeno per mangiare una pizza. Non so perchè le scrivo non so se lei ha la soluzione per me, ma le chiedo cmq un consiglio. Grazie per l’attenzione.”

Non appena ho letto il messaggio, mi è venuto spontaneo copiarlo e incollarlo (lasciandolo in anonimo, ovviamente) sulla pagina Facebook di La Persona Giusta per Te, per avere il parere “in tempo reale” delle lettrici.

Ho pubblicato il messaggio e ho fatto la domanda: “Tu che cosa faresti al suo posto?”

"Perché in generale si sfugge la solitudine? Perché pochi si trovano in pace con se stessi.Dosso Dossi"

Triste, sola e con le idee sbagliate in testa

Su Facebook sono piovuti i messaggi incoraggianti, con suggerimenti pratici e pieni di entusiasmo e di energia. Del tipo: “esci anche da sola, è divertente!” “fai qualcosa, qualsiasi cosa farai partendo da qui, ti emozionerà! Oppure anche: “stai sola, ti sarà utile”. Ovviamente c’è stato anche qualcuno – una minoranza – che ha confermato il punto di vista dell’amica che mi ha scritto e che ha sostenuto che sentirsi triste e sola non è bello e che non è facile fare qualcosa di divertente da sola.

Sono tante le persone che pensano che vivere le esperienze della vita da sole non sia  divertente, e tra queste persone ci sono moltissime donne. Eppure pensare che un’esperienza che si vive da sola è meno significativa che se vissuta con altri contiene in sé la convinzione che da soli non si valga abbastanza e che per vivere bene si debba sempre avere il sostegno degli altri.

A questo punto ti faccio una piccola rivelazione. Sai quali sono i momenti dell’anno in cui io ricevo in assoluto più richieste di aiuto “urgenti”? Natale e Ferragosto. E indovina un po’ perché?

Giusto! Hai indovinato. Perché chi si sente  sola tutti i giorni dell’anno, a Natale e a Ferragosto si sente ancora più sola. E allora che fa?

Cerca una soluzione rapida e urgente a una serie di sensazioni molto negative, che in certi momenti raggiungono il loro picco diventando totalmente insopportabili e insostenibili.

Triste e sola: che cosa stai facendo per te?

"Non è rompendo la solitudine, bensì approfondendola, che gli esseri diventano capaci di comunicare.Louis Lavelle"

Sai che cosa mi colpisce di più dei tanti messaggi di richiesta di “aiuto urgente” che ricevo tutti i giorni e che a Natale e a Ferragosto si moltiplicano? La leggerezza e la superficialità con le quali le persone trattano se stesse e i propri sentimenti. Si tratta di vera e propria sciatteria nei confronti di se stessi e della propria vita.

Perché uso questo termine “sciatteria”? Perché una persona che “per caso”, il giorno prima di Ferragosto “finisce” nel mio blog e mi scrive, chiedendomi un aiuto “immediato e urgente” di certo suscita in me solidarietà e affetto, oltre che attenzione. E nello stesso tempo mi dà l’idea di prendere la propria vita davvero come una cosa poco importante. Infatti, la mia reazione spontanea, di “pancia” a quello che leggo in questi casi è: “ma scusa, ti sei accorta di essere sola proprio il giorno prima di Ferragosto? E per tutto il resto dell’anno non ci hai pensato? Forse hai preferito cacciare il pensiero, ma questo non ti è stato utile, probabilmente. Non ti sei occupata di te e della tua vita sentimentale? Forse non pensi che sia importante per te occuparti della tua serenità?”

E’ proprio questo che mi crea sconcerto: il fatto di non occuparsi a dovere di sé e della propria vita, il fatto di lasciare un po’ tutto in mano al “caso” e alla fortuna. O agli altri. Che, forse-forse è ancora peggio.

Mi sento dire decine di volte in giorno: “le mie amiche sono tutte sposate con figli”. Bene, questa non deve essere una scusa, perché la tua vita e la tua serenità non dipendono dalle amiche, come nemmeno dipendono da un uomo.

Inoltre: è naturale che le amiche a un certo punto si creino la loro vita. Siamo forse esseri dipendenti? No. Conviviamo con gli altri, ma non dipendiamo dagli altri. Chi sono le amiche? Persone dalle quali dipendere, in attesa o in sostituzione di un uomo? E quando ci fosse quest’uomo, a quel punto è da quell’uomo che dipenderesti?

Attenzione, perché questo è un passaggio molto spesso automatico del quale molte donne non sono consapevoli, anche se ne sono vittime: entrare in una relazione e viverla come ragione necessaria ed esclusiva per dare un senso alla propria esistenza. Se non sono in una relazione, la mia vita non ha senso. O non ha abbastanza senso.

Da questa equazione mentale nascono gli atteggiamenti di “bisognosità”,  l’”insistenza” nei confronti di un uomo e l’”appiccicosità” con un uomo. Cioè, se nel fondo del tuo animo c’è un pensiero per il quale “essere sola” significa “essere sfigata”, “valere meno”, è chiaro che metterai in atto degli atteggiamenti di “disperazione”, come l’essere troppo attaccata a un uomo o anche – attenzione, attenzione – innamorarti del “primo che passa”. Fenomeno molto comune a tutte le età, ahimé.

Triste e sola: quella sensazione insostenibile

"La solitudine esalta le qualità, la frequentazione delle compagnie i difetti dell’uomo.Morandotti"

Ed è proprio questo ciclo di pensieri distruttivi che ti porta a quella sensazione che ti distrugge, per cui quando sei sola ti senti paralizzata e non riesci a godere della tua esistenza e delle tue esperienze.

Se essere sola significa essere sfigata, allora quando sei sola ti senti malissimo. E se essere sola significa essere sfigata, allora quando sei sola non hai neanche il “coraggio” di prendere un treno o un aereo o di entrare in una pizzeria. Che sono tutte esperienze che io suggerisco caldamente di fare proprio quando sei sola.

E ora veniamo al punto. Imparare a stare da sola e a stare bene da sola è un passaggio essenziale verso la maturità personale. Verso il diventare e l’essere persone adulte. Solo le persone adulte godono di relazioni realmente appaganti (oltre che di vite davvero piene). Per questo è importante fare il passaggio verso la maturità e verso l’essere adulti: serve per divertirsi di più, per godere di più, per provare più piacere.

Puoi farlo seguendo queste tre facili tappe:

1)      per godere di più e trovare relazioni appaganti: occupati di te, 365 giorni all’anno. Non appassirti su te stessa il giorno di Ferragosto o il giorno di Natale, cercando la soluzione rapida che risolva la tua vita e atterrando “per caso” su questo blog. Per esempio, questo blog puoi leggertelo tutti i giorni: un articolo al giorno, sempre diverso, oppure sempre lo stesso articolo per un po’, se per te è importante un determinato argomento. Ripetere, ripetere, ripetere è importante. E mettere in pratica, poco per volta

2)      Continua a interrogarti, a osservarti, a prestare attenzione amorevole a te stessa. E’ bene che tu sia concentrata sempre sulle soluzioni che di volta in volta ti permettono di compiere il passo decisivo verso una vita più piena, più bella, più a misura di quello che sei e di quello che vuoi. La nostra vita è evoluzione continua: non puoi pensare che quello che ti piaceva dieci anni fa continui a piacerti oggi o tra dieci anni. Vivi la tua vita come un progetto grandioso, continuo e ininterrotto del quale tu sei nello stesso tempo l’architetto e il muratore, il costruttore. Ci metti sia l’idea creativa, sia la realizzazione pratica. Non vivere la tua vita come un “caso” o un’”emergenza”.

3)      Sfida te stessa, cercando sempre il meglio per te: essere sola è un’opportunità di scoperta e di crescita straordinaria, che nessuna più o meno rassicurante cerchia di amiche più o meno provvisorie può offrirti. Quindi sì, di certo, comincia a fare tante cose da sola. Diventa autonoma, indipendente, forte. E’ costruendo la tua autonomia, la tua indipendenza e la tua forza che diventi una donna davvero interessante, affascinante, attraente. Che diventi una donna capace di proteggersi dalle violenze esterne, dagli uomini sbagliati e dalle delusione amorosi. E’ in questo modo che scopri la tua capacità di amare e di essere amata.

Articoli Correlati

Gratis per te!

Non sbagliare e non soffrire più! Trova l'amore! Vuoi capire quali sono i tuoi comportamenti sbagliati con gli uomini e come puoi evitarli? Vuoi aumentare la tua autostima e avere più sicurezza nelle relazioni?

Lascia un Commento!

124 Commenti

  1. Avatar di Gretel

    Gretel 4 mesi fa (20 luglio 2017 2:24)

    Accipicchia! Ho il problema quasi opposto. Spesso mi isolo, bramo la solitudine, il silenzio, il raccoglimento, la mia musica, i miei libri, il girare da sola (è anche vero che vivo in un posto che favorisce tutto questo ovvero fra le montagne). È che temo di essermi abituata un po' troppo a questo andazzo. C'è da dire che apprezzo la buona compagnia, la conversazione brillante, magari una cena con amici e con persone che conosco e che mi vogliono bene, ma li apprezzo se sono eventi rari, li assaporo di più. Ultimamente mi sto "rieducando" alle relazioni, intendo quelle nuove perché dopotutto non ho problemi ad attaccare bottone, mi sono iscritta pure su qualche piattaforma di incontri e chiedo l'incontro reale, cerco sempre di esserci quando gli amici mi invitano (anche se questo comporta farsi km su km in auto) ma devo dire che faccio un po' fatica ad uscire dal mio mondo perché in fondo ci sto bene - o forse comoda? - (impegno civile e volontariato a parte che porto avanti in ogni caso). Desidero però ed anche - ed è questo il punto cruciale - una relazione piena e appagante perché sono convinta che questo debba far parte della mia crescita e che possa portarmi nuova gioia, belle esperienze (e condivisione), ma so che ciò richiede anche una capacità di adattamento e di condivisione degli spazi vitali che a volte temo di avere un po' atrofizzata. E vengo presa talvolta dallo sconforto perché fatico ad immaginarmi, per dire, in una convivenza a tempo indeterminato...
    4
    Rispondi a Gretel Commenta l’articolo

    • Avatar di Anna

      Anna 4 mesi fa (20 luglio 2017 15:23)

      Qualche tempo fa, in più di uno scambio con Ilaria, dicevo che dovevo cambiare giro, e lei mi consigliava di rivolgere il mio interesse a tipi diversi dai soliti. Ho fatto miei questi propositi e... sto quasi sempre da sola. Però sto molto meglio. Stare da soli, o in compagnia di gente tossica o comunque non tanto significativa alla fine della fiera non è tanto diverso, ma almeno da sole ci si coltiva un po' di più e non ci si espone alle brutture.
      2
      Rispondi a Anna Commenta l’articolo

    • Avatar di Gretel

      Gretel 4 mesi fa (20 luglio 2017 17:59)

      Forse così come ci dedichiamo alla pulizia del corpo così dovremmo dedicarci alla pulizia "emotivo-relazionale". E il tuo caso lo dimostra. La serenità spesso è impagabile ed è solo nell'aria pulita, fresca e ossigenata che si possono sentire anche i profumi.
      2
      Rispondi a Gretel Commenta l’articolo

  2. Avatar di Angela

    Angela 3 mesi fa (8 settembre 2017 9:12)

    Proprio in questo momento sto passando un momento in cui penso che mi sento lasciata da sola. Il mio futuro compagno (non uso questa definizione a caso, andremo a convivere fra qualche mese) è in ferie e torna domani, le mie amiche di sempre hanno la loro vita e i loro impegni, per cui le vedo poco, i miei genitori e le mie sorelle, con cui vivo ancora, sono partiti giusto oggi per le ferie. Io sono a casa perché le mie le ho già fatte. Considerando che sono mesi che soffro di ansia generalizzata, ritrovarmi improvvisamente da sola è stato un bel mattone da mandare giù. Ho girato in tondo come una trottola su me stessa per trovare delle soluzioni a questo mio senso di solitudine. Ho pensato di contattare delle mie vecchie conoscenze, per rinverdire un po' i rapporti e sentirmi meno sola. Poi ho capito che non è questa la soluzione. In pratica, userei le persone come diversivo, e non va bene. La verità è che il fatto di sentirmi sola è una conseguenza del fatto che non voglio affrontare la mia tristezza e la mia paura del futuro. La mia storia attuale è cominciata da pochi mesi, e già andremo a convivere. Non mi fa paura la convivenza in sè, anzi, non vedo l'ora, ma giustamente l'ansia c'è e più la ignoro più peggiora. E parlarne mi sembra inutile, più che altro perché nessuno può rimediare a questo senso di solitudine. Neanche lo voglio, in realtà. Poi noto che, in effetti, io non ho realmente problemi con lo stare sola. Il mio compagno ed io ci sentiamo tutti i giorni, ma senza assillarci, mediamente è per il buongiorno e per scambiarci link di annunci su case in affitto. E mi sta bene così, ho completa fiducia in lui e nei suoi sentimenti per me, e nei miei per lui. Per quanto riguarda le mie amiche, sì, non si fanno sentire, ma nemmeno io con loro. Alla fine il mio problema è veramente il fatto che non mi piace l'ansia che sento e vorrei fare di tutto per anestetizzarla.
    0
    Rispondi a Angela Commenta l’articolo

    • Avatar di Emanuela T

      Emanuela T 3 mesi fa (8 settembre 2017 10:34)

      @Angela, mi pare tu abbia fatto involontariamente la descrizione di una persona depressa. Posso chiederti se hai, o avevi in passato , interessi particolari da poter rispolverare? Intendo darsi la possibilità di frequentare un corso di arte, di yoga, di recitazione o qualsiasi altra cosa che possa stimolarti a seconda dei tuoi gusti. Poni attenzione a non sottovalutare questi segnali e a non lasciar passare troppo tempo.
      0
      Rispondi a Emanuela T Commenta l’articolo

    • Avatar di Gretel

      Gretel 3 mesi fa (8 settembre 2017 11:41)

      Voglio andar cauta con definizioni varie dato che non ti conosco e non voglio complicarti ancora di più le idee. Tu, in un messaggio dal quale emerge la tua confusione, chiedi: "voglio anestetizzare l'ansia perché non mi piace". Soffermati su questa frase, la simbologia che vi è legata è interessante. L'anestesia è in genere una procedura esterna per evitare (momentaneamente!) un dolore legato a un intervento, a un'infiammazione, ecc. Non sarebbe meglio comprendere come fare a passare l'ansia senza anestesia, a risolverla alla radice, ad affrontarla di petto con intelligenza? L'ansia è in genere un sintomo, come la febbre. Prendere l'aspirina per fare abbassare la febbre dimenticandosi delle possibili cause della febbre stessa non è prendersi cura di sé ma solo rimandare il problema, col rischi che si ingrossi. La prospettiva di una convivenza dovrebbe darti gioia, magari un po' di agitazione certo, ma non caricarti così di malessere, paturnie e angoscia. Sono stata con un ansioso cronico con gravi attacchi di panico. Ha distrutto sé stesso, la nostra relazione e ci è mancato poco che non distruggesse pure me. Fai ordine e pulizia. E come dice Emanuela, dedicati a discipline come lo yoga, il taijquan, il qi gong, il reiki, la meditazione, possibilmente con maestri seri e preparati (sempre come supporto, non come soluzione).
      0
      Rispondi a Gretel Commenta l’articolo

  3. Avatar di Margherita

    Margherita 3 mesi fa (8 settembre 2017 12:16)

    Ho conosciuto molte ragazze sole,che si rinchiudevano in se stesse. A me non e' mai successo,mi piace molto uscire e fare amicizia. Con il lavoro e la vita di tutti i giorni e' difficile conciliare vita sociale con la vita privata(che non e' per forza avere un uomo,ma avere tempo x se stessi e avere hobbies ecc). In effetti e' piu' facile non avere amicizie,che coltivarle! Io ho vissuto in piu' citta' per motivi di studio e lavoro e inizialmente a parte il sentirsi spaesati si sente molto la mancanza delle amiche care. Pero' ho capito una cosa fondamentale : C'e' sempre qualcuno che ha bisogno o che vuole fare nuove amicizie. Con i colleghi dopo tre chiacchere c'e' sempre quello che propone l'uscita settimanale(e se non c'e',quel collega potresti essere tu)o le tue compagne di fitness che propongono la pizzata il mercoledi'. Anche su facebook ormai e'facile approcciarsi. Se ti iscrivi in un qualsiasi gruppo della tua citta' e proponi una uscita stai certa che qualcuno rispondera'. Io ero libera un lunedi',ero annoiata e i miei amici lavoravano,scrissi su un gruppo di facebook se qualcuno era libero per una birra o un giro in centro. Mi hanno risposto piu' di una 20ina di persone! Magari qualche povolone in mezzo lo trovi,ma ho trovato molti ragazzi e ragazze piu' o meno mieimie coetaneiee e siamo usciti e abbiamo passato una bella serata assieme. Con alcuni usciamo tutt'ora ogni tanto. Questo per dirvi che se vi sentite sole c'e' sempre qualcuno nella vostra stessa situazione che vorrebbe fare amicizia,proponetevi! Ma ricordatevi che pure stare da soli e' bello,quello che fa male e' l'isolamento
    3
    Rispondi a Margherita Commenta l’articolo