Lui mi tratta male. (E’ semplicemente inaccettabile)

lui mi tratta male
Lui mi tratta male
. E’ una delle frasi più cercate su Google, pensa un po’. Centinaia di donne ogni giorno, ogni mese cercano un aiuto e un conforto sul web a un problema molto diffuso. Quello di stare con un partner scostante, maleducato, violento verbalmente e chissà che altro. Uno che le tratta male.

"Di qualunque tipo di relazione si parli, i sorrisi devono essere sempre maggiori delle lacrime. Mauro Soldano"

Già, perché dietro quell’orribile frase, lui mi tratta male, c’è un universo infinito e drammatico di atteggiamenti svalutanti, parole offensive, promesse tradite.

E ogni donna che è trattata male dal proprio compagno lo sa bene anche se non lo vuole riconoscere; e così in molte vanno su Google a cercare aiuto, perché si vergognano a chiedere aiuto ad altri (per non rivelare come è davvero la loro relazione) e non hanno il coraggio di rompere con chi le tratta male. Come se su internet ci fosse la soluzione “magica” a un problema che ha un’unica soluzione: andarsene.

La maleducazione, la prepotenza e l’arroganza di certi uomini si possono manifestare nelle forme e nei modi più vari all’interno di una coppia e nei confronti di una donna.

Sai qual è il vero problema in un rapporto nel quale lui la tratta male?

Il problema è che lei non lo lascia. Il problema è che lei lo giustifica. Con le solite stupide scuse trite e ritrite: “Poverino, è stanco, è nervoso; ha problemi sul lavoro; sta affrontando una crisi personale; gli mancano i suoi figli (ai quali non passa l’assegno); la moglie lo ha lasciato solo trent’anni fa e lui si deve riprendere dal trauma; alla scuola materna al terzo giorno del secondo anno gli hanno rubato la merenda; ha perso la partita a calcetto; la moto non gli parte; il padre ha subito un’operazione per un’unghia incarnita e lui è entrato in depressione (anche se manco si ricorda più dove il padre stia di casa)”.

E ancora: “Se lui mi tratta male avrà le sue buone ragioni… Sono io che me lo merito, perché sono consapevole di avere i miei difetti, di commettere degli errori, sono io che non faccio abbastanza per capirlo e per andargli incontro”.

Non esiste proprio: nelle relazioni bisogna stare solo se sono buone relazioni. Che si tratti di relazioni sentimentali, professionali, famigliari. E invece c’è questo disperante malinteso. Si resiste e si sta con persone tossiche: capi, colleghi, partner, “amici”, famigliari. Non è assurdo?

Quanto tempo e quanta vita trascorriamo tollerando persone intollerabili? Chi te lo fa fare di sopportare un partner che ti maltratta, che non è più che rispettoso, più che gentile? Ogni minuto della nostra vita, della tua vita è prezioso, preziosissimo, perché mai devi sprecare i tuoi giorni a farti trattare male da qualcuno, un partner per giunta?

In ogni situazione del tipo lui mi tratta male l’ostacolo consiste nelle mille giustificazioni che lei si racconta a cominciare dalla celebre “Ma lui prima era diverso”.

E poi c’è la sua paura di rimanere sola insieme alla paura di lasciarlo, per le possibili ritorsioni.

“E se poi lui me la fa pagare?” “E se fossi io a sbagliare tutto?” “E se poi non trovo un altro come lui?” (Beh, questa in effetti mi piace un sacco: non trovare mai più un altro come lui…. Mai più.)

Quando si trovano in una situazione del tipo lui mi tratta male, molte donne si colpevolizzano e danno ragione al compagno. Molte donne, quando vengono trattate male non pensano di stare con una bestia di partner, ma anzi si interrogano sui propri errori e sui propri sbagli. Un cortocircuito assurdo della mente e dell’emotività. Eppure accade, soprattutto a chi è stata cresciuta a pane e colpevolizzazione. A pane e svalutazione di sé, a pane e briciole di amore, concesse sempre “a condizione che…”.

Lui mi tratta male.  Mille modi diversi per fare gli stronzi

“Se mi tratta male è perché IO ho sbagliato in qualcosa. Non sono stata abbastanza comprensiva, tollerante e gentile. In effetti lui ha tutte le ragioni di essere arrabbiato e di trattarmi male. Devo correggermi e imparare a comportarmi meglio”.

Perché, si sa, lo dicono anche le famose nonne e lo ripetono le madri: gli uomini sono fatti così, sono aggressivi, irritabili violenti, è nella loro natura. Non sono cattivi. Sono semplicemente fatti così e bisogna accettarli.

La brutalità, la maleducazione e l’aggressività, dopo tutto, non sono i tratti tipici di un maschio, di un vero uomo?

Col cavolo.

Brutalità, maleducazione e aggressività sono tratti tipici di persone tossiche, di persone pericolose, di gente che va evitata. Altroché virilità.

"Il vero signore è simile ad un arciere: se manca il bersaglio, ne cerca la causa in sé stesso. Confucio"

Il fatto è che ci sono donne che non vedono o non vogliono vedere i comportamenti orribilmente tossici dei loro partner e dei loro corteggiatori e assumono il classico atteggiamento da zerbini.

E tale atteggiamento non fa altro che rinforzare i comportamenti maltrattanti del cafone di turno. Questo è. Perché chi maltratta, di base è un codardo e i codardi quando colgono la disponibilità altrui (o, peggio, la fragilità), ci danno dentro. Trattano sempre peggio. Se lui ti tratta male è una gran brutta persona ed è pure codardo. C’è di che andarne orgogliose, veh. Dico, di avere un partner del genere.

In che modo un uomo ti tratta male?

Ci sono un’infinità di modi diversi. Per esempio ti critica apertamente (per il tuo carattere, per il tuo aspetto fisico, per quello che fai e che ami), giudicandoti, dandoti dei “buoni consigli” o prendendoti in giro, senza alcuna benevolenza e magari in presenza di altri.

Non risponde alle tue chiamate o ai tuoi sms; non ti chiama; critica la tua famiglia; non ti tratta bene a letto e non si preoccupa del tuo piacere; usa un linguaggio insultante e un tono di voce alterato; urla; alza le mani; fa scenate; è bugiardo; usa atteggiamenti passivo-aggressivi; quando è con te è molto chiuso e taciturno o parla troppo, solo di sé e quando è con altri cambia dal “giorno alla notte”; minaccia (di lasciarti, di sputtanarti, di danneggiarti); ti sfrutta economicamente o semplicemente ti sfrutta per l’aiuto che gli dài, il supporto che gli offri, le opportunità che gli metti a disposizione.

Magari anche solo perché cucini e pulisci. Il maltrattatamento è spesso molto basico. Anche chi non usa le famose formule di cortesia “buongiorno”, “buonasera”, “per favore”, “grazie” maltratta. O chi le usa con i modi e i toni sbagliati.

Molti trattano male gli altri senza fare o parlare, semplicemente con un linguaggio del corpo, che in realtà dice tutto. Altroché.

"Per sempre non si dice, si fa. Mauro Soldano"

E ancora, l’elenco dei tanti modi in cui si compie il lui mi tratta male è infinito.

Ti tratta male quando non presta attenzione ai tuoi bisogni ma semplicemente ai suoi. Quando non ti aiuta in casa. Quando parla senza guardarti in faccia (a proposito di linguaggio del corpo). O, ancora, parla con un volume della voce inadatto alle circostanze, bofonchia, sussurra non completa le frasi.

Ti tratta male quando a letto è frettoloso e non si preoccupa di un prima o di un dopo.

Oppure quando assume comportamenti opposti a seconda delle circostanze: se è con te trascura il proprio aspetto fisico e invece si cura in modo maniacale se esce con altre persone.

Ti tratta male se son gliene importa niente di come stai e di cosa fai e non ti chiede mai: “Come stai?”, “Che cosa fai / hai fatto?”. “Come va il lavoro? La salute? La tua famiglia?”

Non ti sorride mai, non ti abbraccia mai almeno che abbia bisogno di qualcosa. Ti sta accanto solo quando le cose ti vanno bene e se ne va quando cominciano a non andare più tanto bene.

Se ti tratta male non è l’uomo per te

Un uomo che tratta male la propria compagna è un uomo da non frequentare. Perché mai sarebbe da frequentare, poi? Per avere una relazione d’odio? Ma tu sei così disperata da accettare e volere una relazione d’odio anziché una relazione d’amore?

Che amore può esserci in una relazione che si costruisce attorno al lui mi tratta male? Che te ne fai di un uomo del genere? Di una relazione del genere?

Cerchi forse una buona opportunità per metterti in luce in base al principio del contrasto: mi faccio trattare male e sopporto, così vesto i panni della vittima e della martire, di fronte al comportamento di uno stronzo di tal fatta? E’ questo che ti serve nella vita? O ti serve rispecchiarti nei maltrattamenti per avere una continua conferma esterna di quel che tu pensi dentro di te, cioè di non valere nulla?

"Nei tempi moderni sono spariti via via i gentiluomini, i valentuomini, i galantuomini, e finalmente son quasi scomparsi perfino gli uomini. G. Papini"

Vi è un altro motivo mortifero per il quale molte donne stanno in una relazione all’insegna del lui mi tratta male e subiscono sempre di più. Sono convinte che subendo convinceranno il proprio partner a cambare, a trasformarsi, a diventare rispettoso, affettuoso e generoso.

Non c’è speranza invece: nessuno cambia perché qualcun altro decide o desidera di cambiarlo.

Di più il pensiero e l’atteggiamento distruttivi che si basano sul ragionamento “Lui mi tratta male e io subisco, sopporto, paziento perché così lui cambierà” aumentano le possibilità che il “lui” in questione i propri comportamenti li peggiori.

Perché percepisce quanto infinitamente si può allargare e contrasta la volontà di controllo che la partner vuole mettere in atto su di lui.

Chiaro il concetto? Tu perdi sempre. Anche quando credi di poter vincere.

Una persona che tratta male gli altri non è una persona degna di considerazione. Non è degno di affetto e di attenzione un uomo che tratta male te e tratta bene gli altri. Così come non è degno di attenzione chi tratta male te e gli altri o chi tratta bene te e tratta male gli altri.

Il principio base è che nessuno ha diritto di trattare male nessuno. Un uomo (come pure una donna) che tratta male qualcun altro manca di un valore basilare dell’esistenza e delle relazioni umane. Va lasciato al suo orribile destino di persona maltrattante.

E per una ragione importante: la situazione lui mi tratta male è una situazione di abuso.

Se non alza le mani e non c’è violenza fisica. Ma c’è molta violenza psicologica, in frasi, comportamenti, gesti e sguardi.

Accettare e sottoporsi alla violenza sia essa fisica o psicologica è come continuare a nutrirsi di veleno.

Non permettere a un uomo che ti tratta male di avvelenare te e la tua vita.

Lascia un Commento!

338 Commenti

  1. Avatar di Evelyn

    Evelyn 1 mese fa (18 ottobre 2017 17:16)

    Quello che ho letto già mi è stato di aiuto grazie.....Avrei piacere di ricevere il libro
    1
    Rispondi a Evelyn Commenta l’articolo

  2. Avatar di Elisa

    Elisa 3 settimane fa (3 novembre 2017 22:54)

    Ci sto ancora perché purtroppo ci tengo..e mi odio per questo..perché qualcun altra l avrebbe già lasciato al mio posto..non so come faccio ancora a provare amore per lui
    0
    Rispondi a Elisa Commenta l’articolo

  3. Avatar di Elisa

    Elisa 3 settimane fa (3 novembre 2017 23:28)

    Bonaccione lo è per gli altri..per gli amici perché si mette sempre a disposizione ed è sempre pronto ad aiutare tutti.. ma non è cosi ingenuo come pensavo, per tradire la propria ragazza e anche se non lo ha fatto fisicamente, è pur sempre un tradimento..ingenuo non era soprattutto perché sapeva che io avevo le sue password e che potevo scoprirlo prima o poi. E soprattutto per rispetto a ciò che lui ha passato con la ex (che lo ha tradito) non gli avrei mai fatto del male in quel senso..ma lui lo ha fatto a me..e ancora non riesco a darmi una motivazione..non penso di meritare un comportamento simile.
    1
    Rispondi a Elisa Commenta l’articolo

    • Avatar di Emanuela T

      Emanuela T 3 settimane fa (4 novembre 2017 10:37)

      @Elisa, ma quali sono le tue intenzioni ora? mi pare che qui non ci siano dei semplici segnali negativi, ma delle prove inconfutabili che questo personaggio sia altamente irresponsabile e inaffidabile. Più che un bonaccione mi fa pensare ad un bamboccione, ossia uno che cerca anche on line le signore piuttosto mature e che non è in grado di accudire la propria partner quando questa ne ha bisogno e rimane sola, inoltre predilige giocare con gli amichetti nemmeno lo avessero portato al parco con le automobiline nuove da fare sfrecciare, e quando glielo fai notare batte i piedi per terra perché la mamma deve capire il bamboccione. Ora che la "mamma" minaccia di allontanarsi per sempre lui promette che farà il buono, pensi che durerà? Direi intanto che il tuo commento svela a tutte quelle donne che vedono nel flirt virtuale il grande amore cosa c'è dietro le quinte, ossia come personaggi davvero inutili e incapaci siano in grado di mascherarsi e poi sparire quando la mammina torna a casa e li becca con le mani nel barattolo di marmellata. Ecco svelato signore chi vi corteggia su facebook e vi fa patire quando non lo sentite più e vi lacerate pensando di aver fatto qualcosa di sbagliato. In quanto a te Elisa, i tuoi amici ritengono che lui sia una persona poco evoluta, ora ne hai avuto la prova anche tu. Come vieni vista tu a stare affianco a questo soggetto? te lo sei chiesta? Lo hai detto, meriti di più, allora liberatene.
      7
      Rispondi a Emanuela T Commenta l’articolo

    • Avatar di Gea

      Gea 3 settimane fa (4 novembre 2017 10:57)

      Certo che non lo meriti, Elisa! Lascialo annegare nella sua melma!
      2
      Rispondi a Gea Commenta l’articolo

    • Avatar di Ilaria Cardani

      Ilaria Cardani 3 settimane fa (4 novembre 2017 11:27)

      Elisa, ci risiamo. Si mette sempre a disposizione ed è sempre pronto ad aiutare tutti (tranne che poi maltratta te) perché ha una doppia faccia; è il narcisista perverso, il narcisista maligno che si crea, all'esterno, un'immagine positiva sopra la media e nel privato si comporta da stronzo quale è per davvero. Ingenuo per niente, queste persone sono quanto di più lontano ci sia dall'ingenuità. Mi spiace, ma è essenziale, e da questo deve passare la crescita di tutti, uomini e donne, e delle donne in particolare, decidere che delle relazioni bisogna capirci e non vagare per il mondo senza strumenti e impreparati. Tu dici di non pensare di meritarti un comportamento simile. E' un'affermazione che non ha senso. Nessuno merita di vedersi rubare il portafoglio o di vedersi svaligiare casa, eppure ci sono persone che vivono rubando. Che gliene frega a loro se tu te lo meriti o no? Che gliene frega a questo lurido bastardo se te lo meriti o no? Lui ha le sue perversioni da portare avanti, perversioni frutto di enormi lacune, e queste perversioni sono proprio l'impiparsi del fare del male agli altri e invece fare del male apposta. Se non altro il ladro di portafogli non ha come obiettivo quello di fare del male, ma di avere del denaro. Questo genere di bastardi hanno proprio come obiettivo di fare il male. E' ora che questa cultura di che cosa c'è alla base delle relazioni disfunzionali entri a far parte del nostro sapere, altrimenti non andiamo da nessuna parte. E, anche, è utile imparare ad amare. Tu non gli avresti mai fatto del male per rispetto di quello che ha passato con la ex? Ma che affermazione è? Ma che cosa significa? Dov'è la chiarezza di un comportamento integro in un pensiero del genere? Tu avevi le sue password? Ma per farci che cosa? Era una relazione o una prigione? Qui davvero mancano le basi di una consapevolezza emotiva di sé e di che cosa sia una relazione sana.
      12
      Rispondi a Ilaria Cardani Commenta l’articolo

    • Avatar di Elisa

      Elisa 3 settimane fa (4 novembre 2017 11:40)

      Avevo le sue password perché lui eè sbadato e ha perso varie password x questo motivo e mi disse di tenerle.. e x quanto riguarda il tradimento non lo avrei mai fatto perché primo non sono tipa che va a fare una cosa del genere...non ci pensavo nemmeno di andare con un altro e x rispetto a ciò che aveva passato anche..non andavo a prendere neanche un caffè cn un amico di vecchia data.. questo ho sbagliato ad esprimermi.
      0
      Rispondi a Elisa Commenta l’articolo

    • Avatar di Ilaria Cardani

      Ilaria Cardani 3 settimane fa (4 novembre 2017 11:44)

      Vedo che proprio il nocciolo della questione non ti interessa :) . Sbadato? No, idiota.
      6
      Rispondi a Ilaria Cardani Commenta l’articolo

    • Avatar di Emanuela T

      Emanuela T 3 settimane fa (4 novembre 2017 13:26)

      Elisa, ti sei espressa così bene che per me io fatto che lui ti desse le sue pw perché incapace lo ritenevo inevitabile conseguenza di quanto scritto sopra, ossia l’essere un bamboccione. Io ho le pw di 5 c/c bancari, mica facebook, le consegno a qualcuno perché potrei essere sbadata e ritrovare così qualche prelievo indesiderato? :) In questi giorni da me risiede una ragazzina tedesca, la sua mamma è morta a marzo per una grave malattia. Il padre ora cresce tre figli da solo. E lo fa senza chiedere qualcosa ad alcuno, senza lamentarsi e ha accudito sua moglie fino alla fine senza clamore. Questa è la normalità, quella che stai vivendo tu, senza accorgertene, non lo è. Chiediti come mai nel tuo rapporto di coppia sei poco compagna alla pari e più mamma protettiva che parla di “affetto” verso il suo compagno e non di amore.
      2
      Rispondi a Emanuela T Commenta l’articolo

    • Avatar di Emanuela T

      Emanuela T 3 settimane fa (4 novembre 2017 11:41)

      Ilaria, sul tema delle ex ho la vaga impressione che sia l'ennesima balla per dipingersi come bambino ferito e da accudire dalla grande madre matura. Sono convinta che se Elisa parlasse con queste fantomatiche ex, ne scoprirebbe delle belle. Del resto questi soggetti vedono le donne solo in due maniere: o mamme prive di sessualità ( quindi perché preoccuparsi di soddisfare la loro, è solo un concedersi per il bene del pargolone ) o zoccole estreme che la darebbero a tutti ( se avanzano richieste ).
      2
      Rispondi a Emanuela T Commenta l’articolo

    • Avatar di Elisa

      Elisa 3 settimane fa (4 novembre 2017 12:00)

      Vi ringrazio davvero di cuore..vedrò di prendere una decisione..
      1
      Rispondi a Elisa Commenta l’articolo

    • Avatar di Gea

      Gea 3 settimane fa (4 novembre 2017 12:54)

      Senza " vedro' ", Elisa: prendi una decisione e prendila bene. Ascolta profondamente te stessa per tirarti fuori dalla trappola manipolatoria. Coraggio!
      1
      Rispondi a Gea Commenta l’articolo

  4. Avatar di Chiara

    Chiara 3 settimane fa (2 novembre 2017 9:32)

    Da una settimana ho lasciato il mio carnefice dopo due anni e mezzo di umiliazioni, maleducazione, mancanza di rispetto e bugie. Diceva di amarmi ma l amore non veniva mai fuori. Non mi manca lui, mi manco io!!! Mi sento una cacca per come mi sono fatta trattare, e per esserci anche tornata insieme, per tutte le volte che gli ho permesso di farmi male. E volete sapere qual e' stata la goccia che ha fatto traboccare il vaso? Mi sono permessa di dire a sua figlia (28 anni) e alla sorella di come venivo trattata. E loro si sono offese, si sono sentite appesantite. Dovevo chiedere scusa secondo lui.... Il torto era il mio! In fondo quella era la sua famiglia.... E se volevo restare con lui, avrei dovuto subire una sorta di riunione familiare della serie tutti contro di me, chiedere scusa a tutti sentitamente. Non ce l ho fatta e me ne sono andata.
    22
    Rispondi a Chiara Commenta l’articolo

  5. Avatar di Serena

    Serena 3 settimane fa (4 novembre 2017 16:45)

    Caspita ragazze, a leggere gli ultimi commenti mi domando: ma quanto cavolo di narcisisti patologici ci sono in circolazione?? Io ormai ho attivato un radar e li riconosco alla seconda uscita... L'intuito, ragazze, bisogna ascoltare l'intuito! Una persona che ci mette i brividi, senza capire bene perché, dinanzi alla quale siamo in soggezione, oppure che si sbilancia troppo, racconta troppo di sé, non fa che dire "io, io, io" dal primo istante... Che arriva a raccontare traumi ed esperienze terribili del proprio passato, che denigra le ex (descritte a guisa di Gorgoni o Arpie), che fa troppi complimenti o dà l'idea di "leggerti dentro" - quando in realtà non ti ha chiesto nulla, non ti ha ascoltata, né aveva interesse a farlo - o che ti lascia un inspiegabile vuoto al termine di una serata, o il gelo dopo una notte di passione fisica... Ecco, questo sono tutti segnali terribili da non sottovalutare, anzi: al primo indizio scappare via! L'ultimo soggetto che ho incontrato ha sciorinato tutto il suddetto repertorio e poi si è dileguato. Meno male, direi! Aveva certamente qualcuno di più appetibile sotto le sgrinfie e ho potuto svignarmela senza conseguenze. Altrimenti temo che la mia tendenza alla dipendenza affettiva non mi avrebbe risparmiato... Comunque è questo il punto: occorre diventare indipendenti dal punto di vista emotivo, altrimenti non è possibile uscirne. Io esco con grande fatica da una relazione di dieci anni molto disfunzionale e la prima cosa che ho fatto è stata gettarmi tra le braccia di uomini... peggiori del mio ex! Ecco perché ho raggiunto questa convinzione: per il momento non voglio uomini, né bravi né cattivi. L'unica priorità è concentrarmi su me stessa, contattare la mia forza, la mia bellezza e i miei talenti. Il resto, ne sono certa, verrà da sé. Anche l'amore. Forza, ragazze, coraggio! Le brutte esperienze ci aiutano a guardarci dentro, non sprechiamo l'occasione. Un abbraccio grande a Ilaria e a tutte voi
    11
    Rispondi a Serena Commenta l’articolo

    • Avatar di Anna

      Anna 3 settimane fa (5 novembre 2017 10:31)

      Direi tanti. Non tutti sono “narcisisti maligni”, ma nessuno sa amare. Quindi o sono persone che fanno del male, o sono persone che ti lasciano (e si lasciano) morire nel deserto.
      1
      Rispondi a Anna Commenta l’articolo

  6. Avatar di Maria

    Maria 3 settimane fa (4 novembre 2017 23:11)

    Riporto la mia esperienza per avere consigli e per riuscire a capire in che abissi si può profondare per ingenuità o, molto spesso, per non dar retta al proprio intuito. Quanti sociopatici, narcisisti e manipolatori possono nascondersi dietro una bella facciata e dietro un finto buonismo? Come riescono poi a farti sentire sbagliata e bisognosa di aiuto, della loro presenza, del loro amore? Conosco quest'uomo tramite amici in comune, io 30 anni, lui 33: si presenta bene, aspetto curato, bel sorriso, parlantina sciolta. Mostra subito interesse per me, mi chiede i contatti, e tra una chiacchiera e l'altra anche a telefono, mi chiede di uscire: i suoi discorsi tutti incentrati sui suoi valori, sul sogno dell'amore puro, eterno, della famiglia stabile, dei bambini. Le prime uscite belle, sì, ma che lasciavano un grande vuoto dentro. Era una sensazione che non saprei spiegare a parole, ma credo che molte donne come me l'avranno provata: tutto è perfetto, fin troppo, studiato a tavolino, il mare, la cena a lume di candela, le rose...ma dentro, quello che ti resta, il vuoto. Avrei dovuto dar retta a quella sensazione inconscia, ma, da testarda quale sono, ho preferito far finta di nulla e continuare quella conoscenza che mi sembrava una manna dal cielo dopo due anni di solitudine. Da lì, le cose negative e le sensazioni di vuoto interiore si sono moltiplicate: a letto non c'era per niente feeling, non mi sentivo soddisfatta, e avevo come la bruttissima impressione che lui si impegnasse anche in quei momenti per compiacermi senza riuscirci. Le sue parole diventavano sempre più sdolcinate e pericolose: sei mia, voglio aiutarti in tutto, voglio offrirti la mia esperienza, voglio essere la tua guida, il tuo bastone per la vecchiaia (frase terribile da dire!) e voglio che facciamo tutto insieme. La pericolosità di tali affermazioni l'ho capita solo dopo, a mente lucida, perché prima ero completamente soggiogata dalle sue frasi ad effetto, dalle canzoni che mi dedicava, dalle sue uscite organizzate per farmi rimanere a bocca aperta, dai suoi complimenti svenevoli. Ero completamente entrata in una relazione che stava diventando una gabbia, dove a malapena riuscivo a godermi le mie ore di sonno notturne, perché il resto lo organizzava sempre lui, cose da fare insieme. A salvarmi è stata la vacanza prenotata da tempo con una mia amica: dopo mesi durante i quali mi aveva quasi completamente chiuso ai contatti con gli altri, mi prendo del tempo per me, per riflettere, lontano da tutti, con le connessioni off line, il mare, il sole, posti meravigliosi...il paradiso. E' qui che, durante una serata tra amiche al bar, incontro un ragazzo e, per ironia della sorte, cedo, per la prima volta in vita mia, ad un'avventura occasionale: mi sarei aspettata di sentirmi squallida, sporca, immeritevole di avere un uomo meraviglioso accanto che si occupava di me. Invece, inaspettatamente, non solo passai una notte stupenda, ma non sentii dentro quella terribile sensazione di vuoto che sentivo dopo i rapporti con il mio fidanzato. Tuttavia, nonostante passai le successive tre notti della vacanza sempre con quel ragazzo, tornata a casa, presa dai sensi di colpa, e dalla terribile sensazione di essere studiata come un caso clinico, confesso tutto al mio ragazzo: inizia l'inferno. Mi offende in qualsiasi modo, arriva a fare delle cose oscene, video, frasi intimidatorie per farmi capire che avevo tradito la fiducia di una persona che si era mostrata a me come mai nessuno nella mia vita e che avevo perso l'occasione di avere accanto un marito devoto e premuroso. Poi, rivelandomi che non poteva fare a meno di me, perché mi amava, con tanto di lacrime, mi fa promettere davanti ad un santuario di essergli sempre fedele e di cancellare il mio profilo dai social network. Lo faccio, perché completamente soggiogata da lui, e ritorno alla vita di prima: le mie amiche non mi riconoscono, cercano di farmi capire che non è una storia sana. Ma io nego l'evidenza: mi vieta di tutto, tranne di andare a fare un viaggio vinto con la borsa di studio all'università. Non so se credere al destino, o ai casi della vita, o al mio desiderio di riprendere in mano la mia vita, ma, per puro caso, incontro di nuovo durante quel viaggio, a distanza di tre mesi, il ragazzo della vacanza. E' stato grazie a lui che ho trovato la forza di capire che quella era una storia tossica, di quanto lui fosse pericoloso e ossessivo, di quanto mi facesse sentire in gabbia. Ritornata a casa, ho trovato la forza di lasciarlo, e nonostante mi arrivino ancora i suoi messaggi subdoli e velenosi, non tornerò indietro: voglio investire su me stessa, sulle mie capacità, sulla mia forza, sul mio lavoro e i miei studi. Scusate il poema, ma con voi, leggendo le vostre storie, mi sono sentita meno sola e avevo proprio bisogno di sfogarmi, ricevendo dei pareri più oggettivi e meno di parte rispetto a quelli che posso avere da parte delle mie amiche! Ho fatto bene a liberarmene? Perché non ho ascoltato il mio istinto? Perché sono stata così ingenua e stupida?
    4
    Rispondi a Maria Commenta l’articolo

    • Avatar di Gea

      Gea 3 settimane fa (5 novembre 2017 9:43)

      Cara Maria, innanzitutto bravissima per esserti liberata di lui. Il comportamento iniziale di lui si chiama "love bombing": lo usano anche le sette tipo Scientology & C. per far presa sulla gente, anche su chi, come te, nutre delle riserve (il senso di vuoto che provavi); la vacanza spensierata e' stata la cartina di tornasole del fatto che lontano da lui stai benissimo, ma purtroppo la manipolazione subita ha fatto si che tu, anziche' chiudere col tuo ragazzo al rientro delle vacanze, sia rimasta con lui per il senso di colpa dell'avventura con un altro e, sempre per questo senso di colpa, tu gli abbia raccontato tutto. In casi di manipolazione come il tuo, il tradimento e' una reazione sana che esprime il bisogno di vivere fuori dalla gabbia sentimentale, cioe' dal rapporto disfunzionale. Non so se ti sei confidata con qualcuno: io, che pure aborro l'idea del tradimento, ti avrei detto quello che ho appena scritto e ti avrei consigliato di tacere e lasciarlo. Concludo rispondendo alla tua domanda: a volte capitano momenti in cui si sbaglia pur sapendo di sbagliare. A me e' successo l'anno scorso: ho messo a tacere delle brutte sensazioni ed impressioni. Per fortuna e' stata un'esperienza brevissima, tuttavia me ne volevo di aver dedicato attenzioni a un essere vuoto, anche se per pochissimo tempo. Alla fine ho fatto pace con me stessa quando ho capito perche', in quel momento, ho lasciato passare cio' che normalmente avrei rifiutato. Anche tu troverai la tua spiegazione e potrai fare pace con te stessa. Tornando al tuo ex, che video ti manda? Mi raccomando, fai moltissima attenzione alle rappresaglie di quest'infame e non esitare a denunciarlo e a ricorrere a tutti i mezzi legali perche' non possa farti del male, ne' moralmente, ne' psicologicamente, ne' fisicamente. Un abbraccio!
      6
      Rispondi a Gea Commenta l’articolo

    • Avatar di Maria

      Maria 2 settimane fa (11 novembre 2017 14:23)

      Cara Gea, ti ringrazio tantissimo per il commento, ci sono tanti spunti di riflessione, come il love-bombing, sul quale mi documentero'. Nel frattempo ho riflettuto molto su me stessa e su questo rapporto disfunzionale, giungendo alla conclusione che è stato il mio sentirmi bisognosa, la mia paura della solitudine, insieme a tutta la mentalità medievale che mi hanno sempre inculcato in famiglia, ossia quella che senza un uomo e una famiglia una donna non può sentirsi realizzata, a far sì che mi sia fatta completamente soggiogare da questa persona molto pericolosa. Non scendendo nei dettagli, posso dirti che non ha continuato solo ad utilizzare i video, ma è giunto ad attuare un vero e proprio abuso di potere, che ho avuto il coraggio di denunciare, con molta sofferenza. Ovviamente, sono ancora devastata da tutta questa storia, ma ho deciso di riprendermi la mia vita è di ricominciare da qui con i miei sogni, i miei studi e il mio lavoro. Grazie per il sostegno, spero di stare presto meglio.
      4
      Rispondi a Maria Commenta l’articolo

    • Avatar di Gea

      Gea 2 settimane fa (11 novembre 2017 15:09)

      Carissima Maria, sono contenta che il mio commento ti sia stato d'aiuto. Bravissima ad averlo denunciato! Vai avanti cosi, abbi fiducia in te stessa, resta sul blog e circondati di persone competenti per sostenerti in campo giuridico e di persone equilibrate ed empatiche che possano sostenerti sul piano affettivo. Un forte abbraccio! 😘
      2
      Rispondi a Gea Commenta l’articolo

    • Avatar di Maria

      Maria 2 settimane fa (11 novembre 2017 17:36)

      Certo, andrò avanti così, lavorando su me stessa, circondandomi di persone positive che possano aiutarmi a ritrovare me stessa. Ovviamente anche rimanendo sul blog, leggendo gli articoli per migliorarmi! Un abbraccio anche a te, carissima Gea! 😘
      2
      Rispondi a Maria Commenta l’articolo

    • Avatar di Gea

      Gea 2 settimane fa (11 novembre 2017 17:51)

      Auguroni Maria! A presto! 😉
      1
      Rispondi a Gea Commenta l’articolo

    • Avatar di Carlotta

      Carlotta 3 settimane fa (5 novembre 2017 10:27)

      Hai fatto benissimo a liberartene, ti sei salvata. La descrizione di lui che hai fatto e le cose che ti diceva sono inquietanti. È un pazzo da manicomio. Pensa a te e alla tua vita e non tornare mai più indietro.
      5
      Rispondi a Carlotta Commenta l’articolo

    • Avatar di Maria

      Maria 2 settimane fa (11 novembre 2017 14:26)

      Cara Carlotta, ti ringrazio di cuore! Era davvero un pazzo da manicomio e della peggior specie per giunta! Avrei potuto avere delle brutte disavventure, col senno di poi sono stata molto fortunata, era una persona pericolosa. Sono ancora molto scossa, ma spero di riprendermi presto.
      1
      Rispondi a Maria Commenta l’articolo

    • Avatar di Carlotta

      Carlotta 3 settimane fa (5 novembre 2017 10:33)

      Aggiungo, non hai ascoltato il tuo intuito perché era più bello credere al sogno di una bella storia d'amore; di quelle stile Biancaneve con cui siamo cresciute da bambine. Non eri stupida, ma ingenua e inconsapevole, adesso mi sembra che tu abbia capito benissimo con chi avevi a che fare.
      5
      Rispondi a Carlotta Commenta l’articolo

  7. Avatar di Shy

    Shy 2 mesi fa (10 ottobre 2017 20:57)

    Elisa, ho la tua età! Credimi di capisco davvero tanto, il mio fingeva di essere malato gravemente...soprattutto mi ha colpito il fatto che quando stava con te faceva il depresso, e con gli amici tutto rose e fiori sembrava esistessero solo loro...mai un’inziativa con me, sempre i fine settimana con gli amici...non ce lo meritiamo...ma forse un giorno il tempo un giorno saprà renderci tutto...con interessi. Ti abbraccio
    1
    Rispondi a Shy Commenta l’articolo

  8. Avatar di Elisa

    Elisa 3 settimane fa (3 novembre 2017 22:28)

    Salve..scusi il disturbo..vorrei un consiglio..ho una storia di 2 anni  e ultimamente sono entrata in crisi perché recentemente ho fatto un intervento e lui i primi giorni è venuto a trovarmi..ma poi zero non si è fatto vedere per qualche giorno..al che io ci sono rimasta male xke non mi è sembrato corretto nei miei confronti..lui si è giustificato dicendo che aveva da fare..ma non riesce a trovare nemmeno 10 minuti x me? Allora se un giorno viviamo insieme e non sto bene va via lasciandomi da sola x esempio x vedersi con gli amici sarebbe giusto? E in più in questi giorni che non si è fatto vedere gli ho scoperto una chat sul suo Facebook che chiedeva di uscire ad un altra donna(che potrebbe essere sua madre) quindi unendo anche questa cosa ero decisa a lasciarlo..premettendo però che meno di un anno fa scopro un'altra chat però gliela lascio passare ma non so cosa si sono scritti purtroppo xke lo ha subito cancellato. Lui in tutto questo ha ammesso di aver sbagliato e di voler recuperare e lo sta dimostrando..ho detto che voglio pensarci e lui comunque mi cerca e mi chiama come mai ha fatto in 2'anni di storia..ma il punto è ha davvero capito di aver sbagliato e cambierà? C'è da dire che fin dall inizio sono stata sempre trascurata x i suoi amici..macchine motori ecc. .  E questa cosa mi ha sempre fatto soffrire..e lui mi ha sempre risposto che era fatto così e dovevo accettarlo se volevo..mai un messaggio della buonanotte o del buongiorno(cosa che sta facendo adesso) io x lui esistevo solo la sera..non mi chiamava nemmeno durante il giorno xke diceva che non gli piaceva stare sempre al cellulare. Ma ora lo fa? Solo xke ha capito di aver sbagliato, quando io gli ho sempre chiesto delle attenzioni in piu? Non è mai stato anche tanto affettuoso e a volte anche nell intimità mi bloccavo xke mi faceva sentire molto insicura..sembrava che ero li solo x soddisfare i suoi di bisogni. Ora sono confusa perché purtroppo l'affetto c'è ancora. A questo punto mi chiedo sono sbagliata io nella relazione? Ciò di cui mi sono sempre lamentata è stata questa sua mancanza di attenzioni verso di me.. avrà capito stavolta? Devo lasciarlo andare definitivamente? Come carattere è un bonaccione..lo dicono tutti..ma non so xke a volte si comporta così facendomi soffrire. Grazie mille per la risposta
    0
    Rispondi a Elisa Commenta l’articolo

    • Avatar di Ilaria Cardani

      Ilaria Cardani 3 settimane fa (3 novembre 2017 22:32)

      Bonaccione? No, ma l'italiano ha un senso o no? Ma questo è un povero stronzo, su, dài. Lei cosa ci sta a fare con un buzzurro del genere, scusi? La domanda è questa: che cosa ci sta a fare? Per "affetto"? Ma anche in questo caso, sappiamo il significato delle parole?
      11
      Rispondi a Ilaria Cardani Commenta l’articolo

  9. Avatar di Amon

    Amon 3 settimane fa (3 novembre 2017 12:46)

    Ciao Ilaria, spero tanto tu mi risponda, ho bisogno di un supporto morale. La mia storia con il mio ragazzo 15 anni più grande è finita. Gli accadimenti nel corso dei nostri 11 mesi sono stati molteplici. Io non capivo dove fosse il giusto e lo sbagliato. Aveva stabilito che ci saremmo visti in giorni prestabiliti, negli altri ogniuno poteva vedersi con gli amici che voleva. Però io comunque desideravo trascorrere del tempo con lui e i miei amici anche solo una volta al mese. Progressivamente fino a domenica mi ha sempre più limitata con le uscite con gli amici insieme a lui. Sabato dopo essere andati al compleanno (dopo una serie di discussioni) di un mio amico anche suo amico ha tuonato" se vuoi che la storia continui niente più compleanni e uscite con gli amici, se vuoi ci esci da sola quando non ci vediamo". Il bello che nei giorni seguenti è che lui ha negato tutto, mi ha detto che era bugia quel che dicevo avesse detto ed era semplicemente nervoso. Ha avuto sempre per qualsiasi cosa non andasse un tono minaccioso, mi ha sempre detto" Basta lasciamoci" a volte anche" così impari a parlare". Avevamo parlato anche di sposarci e lui avrebbe messo a disposizione la casa dove vive con il padre, lasciando i mobili dei genitori così come sono senza poter cambiare nulla Neanche le tende. Poi io mi opposi e voleva comprare una casa con metà soldi dei miei genitori. Sabato gli chiesi se mi avrebbe aiutato nelle faccende domestiche o per andare a fare la spesa. Lui tuona dicendo che non mi avrebbe aiutato in quanto io ero Donna ed era compito mio. Altra cosa un po' strana è stata anche la reazione in occasione di alcuni semplici inviti in famiglia, momento in cui lui si è arrabbiato perchè non voleva venire perché lo volevo rendere uno schiavetto al mio servizio. In altri eventi familiari è venuto ma ha mantenuto un tono sempre un po' distaccato con tutti. In altri eventi con gli amici prima mi faceva dare conferma poi mi faceva disdettare all ultimo.Domenica non c'è l' ho fatta più. All' ennesima minaccia di lasciarmi se non avessi fatto quello che diceva lui, invece di supplicarlo piangendo di rimanere insieme, mi sono dimostrata in accordo. Lui per ringraziarmi mi ha scritto che io non lo amo, che l ho usato, che sono stata una grande delusione. La cosa che ho notato durante il rapporto è che sosteneva che tutte le donne lo volessero, che lui fosse migliore di tutti, che non voleva essere rotto. Quando gli morí il cane io arrivai davanti al suo cancello ma non mi fece entrare perché era inutile. Voleva prendersela con mio zio perché aveva detto ad un suo collega amico che stava fidanzato. Ilaria ti prego aiutami a capire se la mia insoddisfazione è fondata. Dammi qualche consiglio su come gestire questa fase. Ti ringrazio tantissimo.
    0
    Rispondi a Amon Commenta l’articolo

    • Avatar di Ilaria Cardani

      Ilaria Cardani 3 settimane fa (3 novembre 2017 14:24)

      Cara Amon, questo è un pessimo soggetto, bene che te ne sei liberata. Pericoloso, pericolosissimo. E poi, abbi pazienza non ti fa schifo ribrezzo e orrore frequentare un tale criminale? Siamo serie... Come gestire questa fase? Ammazza il vitello grasso, fai festa come fanno festa in Oriente, settimane, mesi, anni interi di festa. La vita è una festa di per sé e dopo aver perso un soggetto del genere, ancora di più.
      17
      Rispondi a Ilaria Cardani Commenta l’articolo

    • Avatar di Amon

      Amon 3 settimane fa (3 novembre 2017 17:37)

      Grazie Ilaria, sto soffrendo molto, tanto tantissimo, ma il vederlo peggiorare nelle limitazioni mi faceva stare sempre più male. Purtroppo il minacciarmi di chiudere la storia ho capito fosse un atteggiamento manipolatorio. Temevo sarebbe arrivato con il tempo una volta sposati a non farmi vedere neanche i genitori o allontanarmi dai parenti. In famiglia lui e il padre si sono isolati da tuttim temevo avrebbe portato me alla stessa situazione. Anche dal punto di vista sessuale era egoista, eravamo fermi in un punto e non si andava avanti, non mi pensava, mi sentivo usata. Una volta dopo che aveva "raggiunto", subito dopo prese il cellulare per leggere i messaggi. Non se ne importò nulla di me. Una volta dissi di uscire con gli amici e mi voleva riaccompagnare a casa per punizione. Io sono amareggiata. E il problema è che temo di aver ingigantito o sbagliato io.
      1
      Rispondi a Amon Commenta l’articolo

    • Avatar di Ilaria Cardani

      Ilaria Cardani 3 settimane fa (3 novembre 2017 18:34)

      Amon, cara, questi sono "semplicemente" gli effetti della più classica e pericolosa storia abusiva.
      9
      Rispondi a Ilaria Cardani Commenta l’articolo

    • Avatar di Amon

      Amon 3 settimane fa (4 novembre 2017 14:32)

      In questi giorni passati quando oramai era finita con poche speranze di recupero mi scrisse che "aveva tante ferite e di non procurargliene altre"...quella frase mi tormenta, insieme a "è questo l amore che provavi per me, mi hai trattato come un accessorio, fino ora abbiamo fatto quello che volevi tu"
      0
      Rispondi a Amon Commenta l’articolo

    • Avatar di Ilaria Cardani

      Ilaria Cardani 3 settimane fa (4 novembre 2017 16:02)

      La colpevolizzazione della vittima è un classico Amon, è un classico...
      2
      Rispondi a Ilaria Cardani Commenta l’articolo

    • Avatar di Amon

      Amon 3 settimane fa (4 novembre 2017 16:11)

      Mi fa arrivare a pensare che sono stata io pretenziosa nei suoi confronti
      0
      Rispondi a Amon Commenta l’articolo

    • Avatar di Emanuela T

      Emanuela T 3 settimane fa (4 novembre 2017 16:03)

      @Amon, lo so e tutte quelle che ci sono passate qui dentro lo sanno. Ora inizia la fase più difficile, perché ti sentirai una brutta persona, o meglio, ti farà sentire tale. Non cedere. Tieni duro perché non sarà per nulla facile e non concedergli chiarimenti o altro, chiudi e basta.
      0
      Rispondi a Emanuela T Commenta l’articolo

    • Avatar di Emanuela T

      Emanuela T 3 settimane fa (3 novembre 2017 14:32)

      @Amon, questo soggetto ha dei seri, serissimi problemi e non può che fare la tua infelicità è quella di chiunque gli capiti a tiro. Non hai colpe di alcun tipo o responsabilità per il suo modo di essere malvagio, perchè quella esposta da te è pura malvagità. Una coppia sana si rispetta e sostiene reciprocamente, non esiste che uno governi sull’altro e scandisca tempi e modi in cui è possibile viversi. Mi auguro per te che sia finita del tutto e che ti lasci in pace.
      7
      Rispondi a Emanuela T Commenta l’articolo

    • Avatar di Amon

      Amon 3 settimane fa (3 novembre 2017 17:40)

      Chiamarmi perché sei nervoso, per dirmi di lasciarmi se non faccio quello che dici, chiedendomi di rinunciare a una cosa che per me è importante mi fa molto impressione. Dopo negava, non ricordava di aver detto cose simili, e mi ha fatto ancora più paura
      0
      Rispondi a Amon Commenta l’articolo

    • Avatar di Emanuela T

      Emanuela T 3 settimane fa (3 novembre 2017 18:04)

      @Amon, infatti, quel modo di comportarsi disturbato può essere molto pericoloso. Molto spesso ci soffermiamo a pensare alle nostre colpe per la fine della storia oppure a una voglia di rivalsa, invece bisogna realizzare che è andata bene così, poteva accadere molto di peggio. Come stai intuendo, e non a torto, ti avrebbe fatto terra bruciata intorno, molto probabilmente ti avrebbe messo contro anche i tuoi figli, se ti fossi sposata con lui. Non pensare che le storie terrificanti che circolano siano solo frutto della mente fantasiosa del popolo, purtroppo hanno proprio queste radici. Io ti dico che sei stata molto fortunata ad essertene uscita in tempo. Il mio consiglio è di circondarti ora di molte amicizie, solo amicizie, possibilmente non in comune con lui. Ricostruisci la tua identità e con il tempo riuscirai a rispondere da sola ad ogni dubbio, soprattutto quando incontrerai un uomo che ti voglia davvero bene.
      12
      Rispondi a Emanuela T Commenta l’articolo

    • Avatar di Amon

      Amon 3 settimane fa (3 novembre 2017 18:05)

      Scusa Emanuela T non volevo togliere il voto, scusami tanto..non so cosa ho combinato
      2
      Rispondi a Amon Commenta l’articolo

    • Avatar di Emanuela T

      Emanuela T 3 settimane fa (3 novembre 2017 18:41)

      Ecco Amon, comincia a non scusarti per cavolate :) facciamo che un down vote me lo segno da sola, così da ridimensionare ciò che davvero merita di essere oggetto di scuse :)
      6
      Rispondi a Emanuela T Commenta l’articolo

    • Avatar di Amon

      Amon 3 settimane fa (3 novembre 2017 19:18)

      Grazie di tutto il supporto. Spero di riprendermi presto.
      9
      Rispondi a Amon Commenta l’articolo

    • Avatar di Gea

      Gea 3 settimane fa (4 novembre 2017 11:01)

      Ciao Amon, ogni volta che leggo storie come la tua mi vengono i brividi perche' rivivo la vita da incubo col mio ex compagno. Da quando l'ho lasciato, quasi quattro anni fa, sono letteralmente rinata. Ce la farai anche tu! Un forte abbraccio 😘
      6
      Rispondi a Gea Commenta l’articolo

    • Avatar di Anna

      Anna 3 settimane fa (5 novembre 2017 10:29)

      Anche non stare a sentire quello che vuole dirti (letteralmente: bloccare tutto), aiuta eh. Perché non è che siamo obbligate a subire
      1
      Rispondi a Anna Commenta l’articolo

    • Avatar di Amon

      Amon 3 settimane fa (5 novembre 2017 15:22)

      Ora sto male perché mia madre non accetta che io critichi il suo modo di fare, non accetta che io dica che lui mi abbia mancato di rispetto. Ora sto ancora peggio, sto ancora con più sensi di colpa...aiutatemi.
      0
      Rispondi a Amon Commenta l’articolo

    • Avatar di Ilaria Cardani

      Ilaria Cardani 3 settimane fa (5 novembre 2017 17:07)

      Amon, sei in un momento di crisi nel quale cerchi aiuto presso le persone che di aiuto non solo non te lo possono dare, ma che probabilmente sono corresponsabili di quello che è successo. Lascia perdere tua madre, è parte del problema, non ti confidare con lei.
      7
      Rispondi a Ilaria Cardani Commenta l’articolo

    • Avatar di Amon

      Amon 3 settimane fa (5 novembre 2017 17:11)

      In che senso sono corresponsabili di quello che è successo?
      0
      Rispondi a Amon Commenta l’articolo

    • Avatar di Ilaria Cardani

      Ilaria Cardani 3 settimane fa (5 novembre 2017 17:40)

      Perché contribuiscono a creare un contesto in cui tu rimani imprigionata.
      4
      Rispondi a Ilaria Cardani Commenta l’articolo

    • Avatar di Amon

      Amon 3 settimane fa (5 novembre 2017 17:43)

      Potrei un giorno diventare anche io come lui? Oppure sono caduta nella sua trappola per il modo in cui sono stata formata dai miei? Molto spesso prendo decisioni sulla scia dei loro consigli, a volte estremi, che creano un senso di paura
      0
      Rispondi a Amon Commenta l’articolo

    • Avatar di Amon

      Amon 3 settimane fa (5 novembre 2017 17:46)

      Le considerazioni di mia madre mi fanno venir voglia di tornare da lui..di ricontattarlo io...sto impazzendo
      0
      Rispondi a Amon Commenta l’articolo

    • Avatar di Ilaria Cardani

      Ilaria Cardani 3 settimane fa (5 novembre 2017 17:54)

      Esci di casa e vai a farti un giro.
      5
      Rispondi a Ilaria Cardani Commenta l’articolo

    • Avatar di Amon

      Amon 3 settimane fa (5 novembre 2017 17:57)

      Quasi voleva comunicarmi che a via di trovare difetti agli uomini rimarrò sola, perché secondo lei sono alla ricerca dell' uomo perfetto. Specifico che questa era la mia prima storia a 25 anni.
      0
      Rispondi a Amon Commenta l’articolo

    • Avatar di Ilaria Cardani

      Ilaria Cardani 3 settimane fa (5 novembre 2017 18:44)

      E rispondi a mammà che vive nel Medioevo che rimanere sola non è il male, essere massacrata da un uomo sì! E basta di questa mentalità retrograda e suicida, e basta!
      17
      Rispondi a Ilaria Cardani Commenta l’articolo

    • Avatar di Gea

      Gea 3 settimane fa (6 novembre 2017 8:33)

      Rimango basita quando leggo o sento storie di madri che fanno pressione sulle figlie per tenersi accanto un mostro, o un tipaccio o un bamboccio, perche' devono maritarsi o restare sposate... Essere ottenebrate al punto da anteporre convenzioni e convenienze sociali malsane alla felicita', alla serenita' e alla salute fisica e mentale delle proprie figlie. Una madre cosi va cordialmente mandata a quel paese - non dico di litigarci, eh, ma di mettere dei sani paletti fra le sue idee e pressioni psicologiche e la propria vita. Se poi dovesse offendersi, peggio per lei. Lo stesso vale, ovviamente, per consigli e pressioni di sorelle, parenti vari e amici. Coraggio Amon!!!
      7
      Rispondi a Gea Commenta l’articolo

    • Avatar di Amon

      Amon 3 settimane fa (6 novembre 2017 10:59)

      Vi ringrazio tanto per la presenza, sono momenti difficili, di introspezione, del guardarsi dentro, del capire gli errori che si sono commessi.forse dovrei essere più consapevole dei miei bisogni, dei miei desideri, per evitare di attirare persone che abusano Delle incertezza altrui. Purtroppo sono cresciuta in una famiglia dove gli errori vengono evidenziati con critiche verbali, toni di voci irruenti e cose simili. Quindi forse per me era giusto essere trattata così, ero abituata quasi che lo meritassi
      1
      Rispondi a Amon Commenta l’articolo

    • Avatar di Ilaria Cardani

      Ilaria Cardani 3 settimane fa (6 novembre 2017 11:14)

      Infatti, è così, ottime intuizioni. Ora liberati, vattene, è importante.
      2
      Rispondi a Ilaria Cardani Commenta l’articolo

    • Avatar di Amon

      Amon 3 settimane fa (6 novembre 2017 11:20)

      E come si fa? Nel momento in cui voglio far valere le mie esigenze mi sento in colpa e in errore perché ho paura di fare la picciosa, penso che le mie esigenze non valgano abbastanza, penso di non rispettare l esigenze altrui. E quindi chiedo scusa per aver chiesto qualcosa
      0
      Rispondi a Amon Commenta l’articolo

    • Avatar di Ilaria Cardani

      Ilaria Cardani 3 settimane fa (6 novembre 2017 11:26)

      A nessuna delle persone con le quali sei in contatto gliene frega qualcosa delle tue esigenze. Le tue esigenze te le devi risolvere da sola, attraverso l'indipendenza: una casa tua, un lavoro, del denaro per mantenerti e un progetto di vita tuo che non c'entra nulla con le esigenze di tua madre che ti vuole vendere in cambio di un cammello morto.
      8
      Rispondi a Ilaria Cardani Commenta l’articolo

    • Avatar di Amon

      Amon 2 settimane fa (9 novembre 2017 16:12)

      Oggi mi ha contattata... vuole fare pace...
      -3
      Rispondi a Amon Commenta l’articolo

    • Avatar di Ilaria Cardani

      Ilaria Cardani 2 settimane fa (9 novembre 2017 17:37)

      Che occasione d'oro! Lui vuole fare pace! E perbacco, questa si chiama autodeterminazione. Era in crisi di astinenza da vittima da maltrattare.
      9
      Rispondi a Ilaria Cardani Commenta l’articolo

    • Avatar di Amon

      Amon 2 settimane fa (10 novembre 2017 5:54)

      La cosa che mi fa star male è che ho dei sensi di colpa allucinanti, come se dovessi perdonarlo e andare avanti...e io che non riesco a perdonarlo non lo amo veramente
      0
      Rispondi a Amon Commenta l’articolo

    • Avatar di Anna

      Anna 2 settimane fa (10 novembre 2017 13:55)

      Il perdono è una benedizione del cielo. Perdonalo, perdonati, e vai avanti. Senza di lui, ovviamente.
      -2
      Rispondi a Anna Commenta l’articolo

    • Avatar di Ilaria Cardani

      Ilaria Cardani 2 settimane fa (10 novembre 2017 17:49)

      Ma come fai ad amare e perché dovresti amare un pessimo soggetto del genere? E meno male che non lo ami, agganciati a questa parte sana di te per venire fuori da questa storiaccia e trovare, letteralmente, te stessa.
      6
      Rispondi a Ilaria Cardani Commenta l’articolo