Fai sesso solo per essere felice

Il momento giusto per fare sesso con un uomoUna delle domande più scottanti per molte donne è: “Quando sono all’inizio della relazione con un uomo che mi piace, qual è il momento giusto per fare sesso con lui?”.

E’ una domanda importante, perché il significato e il senso che gli uomini danno all’avere intimità, a iniziare a fare sesso con una partner, è ben diverso da quello che danno le donne.

Gli uomini infatti, in genere, anche se hanno una mentalità “aperta” e “moderna” tendono a usare il criterio “due pesi e due misure” quando si tratta di valutare l’atteggiamento di una donna nei confronti del sesso.

Sentono di avere tutte le migliori ragioni per fare sesso quanto prima con una donna (è ben difficile incontrare un uomo che preferisca “aspettare” invece che bruciare le tappe e, se fosse, ci sarebbe da interrogarsi al proposito) e, nello stesso tempo, non hanno una grande considerazione di una donna che si concede troppo presto.

Le donne invece generalmente attribuiscono un significato profondamente emotivo all’incontro intimo con un uomo e, non appena iniziano a fare sesso con lui, si sentono molto coinvolte, prese dalla storia e anche innamorate del partner.

Questo è un elemento molto importante da valutare quando sei all’inizio di una relazione e vuoi che diventi una storia d’amore bella, appagante e duratura.

Fare sesso ti rende sempre felice?

Tenendo conto di quanto ti ho appena detto – e cioè che le donne attribuiscono un significato di forte legame sentimentale al fatto di avere rapporti intimi con un uomo – ti invito a considerare un altro aspetto.

Molte donne che sono alla ricerca di sentimenti profondi e di amore sincero, scambiano e confondono il sesso con l’amore.

Cioè, da una parte si convincono che fare sesso con un uomo significhi ricevere amore da lui, dall’altra, come conseguenza, quando sentono il bisogno di una connessione profonda con qualcuno e desiderano dare e ricevere affetto, si concedono sessualmente, convinte di ottenere attraverso il sesso il tipo di gratificazione che cercano.

Ovviamente non vi è nulla di male in questo.

Io però non sono qui a parlare di “bene o male”, sono qui a parlare di quello che può renderti davvero felice in amore. E sappiamo che tu puoi essere felice in amore nel momento in cui ti senti tranquilla, non bisognosa e in controllo delle tue emozioni.

Una decisione rivoluzionaria

Questa settimana molti giornali italiani online hanno dato rilevanza alla notizia della pubblicazione di un romanzo in Francia intitolato “L’envie”, (in francese significa “voglia” o anche “bisogno”) in cui l’autrice, Sophie Fontanel, giornalista e autrice affermata, racconta la propria esperienza personale.

Mi sono incuriosita, ho comprato il libro e ho iniziato a leggerlo.

Che cosa ha di particolare questa storia?

La nostra amica racconta che dopo anni in cui ha vissuto molte storie sentimentali e molte storie di sesso, ha deciso di scegliere la castità.

Che cosa c’è stato di positivo per lei nella scelta della castità?

Intanto che è stata una castità piena di sensualità. Per lei è stato come tornare padrona del proprio corpo, delle proprie emozioni, della propria capacità di provare piacere, senza dover ricorrere per forza al dovere di fare sesso.

Accade molto spesso che molte persone, molte donne, facciano sesso non perché ne hanno un sincero desiderio, ma perché si sentono in “dovere” di farlo, per mostrarsi aperte, “moderne”, disponibili e capaci di godersi la vita e di essere felici.

Sophie Fontanel dice che al giorno d’oggi tante persone preferirebbero morire piuttosto che ammettere di non fare sesso.

In questo modo molte donne si buttano in certe storie senza ascoltare ciò che vogliono veramente e a furia di non ascoltare ciò che vogliono, vivono una vita che non vogliono, entrando in una zona d’ombra nella quale loro stesse sono in ombra.

Ricordo che qualche anno fa chiacchieravo con un’amica e collega che si occupa di coaching. Ci stavamo scambiando le nostre confidenze e ci stavamo raccontando un po’ come andava. A un certo punto, parlando di sentimenti e di sesso mi ha detto una frase che mi ha colpito molto dato che non me l’aspettavo da lei – una donna molto bella, giovane e tanto vitale – “Io credo che evitare di fare sesso, essere casta, mi rafforzi, anche per la prossima storia che voglio vivere”.

Probabilmente talvolta uscire da certi schemi preconfezionati o da certe abitudini mentali aiuta a trovare una via inaspettata alla vera felicità, anche nella vita di coppia.

Forse decidere di salvaguardare la propria tranquillità interiore senza mettersi in storie “a metà” può facilitare nel percorso di realizzare una storia sana e appagante.

E tu che ne dici?

Dire di no per ritrovare se stesse può avvicinarci alla vera felicità?

Lascia un Commento!

52 Commenti

  1. Avatar di Fra

    Fra 4 anni fa (17 dicembre 2012 0:58)

    Spero che tu mi legga ilaria, perchè questa bomba non l'hai sicuramente mai sentita! Insieme da 2 anni e mezzo, primo rapporto dopo 9 mesi (io era vergine), innamoratissimi, giovani (ora 22 anni), gioisi ecc....5 mesi fa rotto il preservativo e il mio ragazzi va in paranoia...ora non siamo mai stati molto frequenti (1 volta ogni 2 sett o anche 1 volta al mese....xkè lui preferiva passare + tempo di qualità con me visto che nn ci vediamo tutti i giorni)...ma oggi sn 5 mesi che nn facciamo sesso, Petting si, TANTISSIMO, ma niente + sesso fino alla fine qi questo funesto (per noi) 2012...xkè lui ha paura, xkè vuole essere sicuro che nulla sia successo....ma dopo 5 mesi nn è ancora certo, troppo shock x lui (è parecchio insicuro d se e terrorizzato da una gravidanza)..a inizio anno ioncomincerò a prendere la pillola e cn la doppia protezione ricominceremo....a me questa situazione fa rabbia etristezza...però, c'è un però, a parte qualche nostalgia sessuale, il nostro rapporto amoroso si è rafforzato tantissimo! Molto + di prima! Abb superato molte altre difficoltà in questi mesi a gonfie vele....quindi siamo + affiatati che mai....tu dici che nn esiste una coppia sana senza sesso...pensi che ti ricrederai?
    -1
    Rispondi a Fra Commenta l’articolo

  2. Avatar di Fra

    Fra 4 anni fa (17 dicembre 2012 1:00)

    Cmq preciserei che la scelta di stare casta perde valore quando si è single....la vera castità è all'interno di una coppia, nella singletudine è solo ricerca di un fidanzato serio (e quindi nn darla via gratis ad altri)...nn trovo molto "merito" nell'essere casti da single
    -1
    Rispondi a Fra Commenta l’articolo

  3. Avatar di ilariacardani

    ilariacardani 4 anni fa (17 dicembre 2012 10:11)

    @ Fra, contenta tu. Sei contenta, vero? :)
    3
    Rispondi a ilariacardani Commenta l’articolo

  4. Avatar di marcello

    marcello 4 anni fa (19 dicembre 2012 0:06)

    "certo, se si modifica un po' il proprio atteggiamento verso persone ed eventi :)." E quindi? E' pleonastico che uno deve migliorarsi ma più che altro per me e per non restarci male davanti alle avversità.
    0
    Rispondi a marcello Commenta l’articolo

  5. Avatar di ilariacardani

    ilariacardani 4 anni fa (19 dicembre 2012 11:21)

    Marcello, tu hai detto che "uno deve migliorarsi", non io. Io sostengo che modificare il proprio atteggiamente è indispensabile per ottenere i risultati che si desiderano. Se hai sete non serve a niente migliorarti (che vuol dire migliorarti?) serve che tu sappia trovare l'acqua, un bicchiere, versare l'acqua e portare il bicchiere alla bocca. E bere ovviamente.
    2
    Rispondi a ilariacardani Commenta l’articolo

  6. Avatar di marcello

    marcello 4 anni fa (19 dicembre 2012 22:11)

    Sì ma non capisco che c'entrava l'atteggiamento in quello che ho detto 2 post fa, che queste persone che fanno tutto facilmente credo siano poche (e se così fosse non sarebbe neanche vero che la società è bigotta). Sempre senza polemica ;).
    0
    Rispondi a marcello Commenta l’articolo

  7. Avatar di Fra

    Fra 4 anni fa (20 dicembre 2012 1:29)

    per Ilaria, non mi hai risposto con una tua idea! è proprio il tuo parere quello che mi interessava! Il mio lo so già
    -1
    Rispondi a Fra Commenta l’articolo

  8. Avatar di ilariacardani

    ilariacardani 4 anni fa (20 dicembre 2012 11:23)

    Il mio parere si evince bene dalla mia risposta. Tu pati entusiasta della tua storia, la chiami "bomba" addirittura. La mia impressione è che avrei qualche dubbio a su una storia in cui un giovane di 22 anni con una scusa o con l'altra limita gli approcci sessuali per così tanto tempo. I momenti dedicati al sesso non sono tempo di "minor qualità" rispetto agli altri.
    2
    Rispondi a ilariacardani Commenta l’articolo

  9. Avatar di Fra

    Fra 4 anni fa (22 dicembre 2012 0:30)

    no bomba lo intendevo come "notiziona mai sentita"..."inusuale" nn aveva accezione positiva o negativa! cmq credo che dipenda dalle persone....x alcuni il sesso nn è tutta questa gran cosa....nn credo sia così anormale....solo che forse molti lo negano e nn dicono che il sesso è si bello ma il vero amore d coppia è altro.tutto qui nn voglio imporre il mio pensiero a nessuno!
    -1
    Rispondi a Fra Commenta l’articolo

  10. Avatar di Arianna

    Arianna 4 anni fa (26 dicembre 2012 13:53)

    Ora, leggendo tutti i commenti, leggendo bene, mi sento la pecora nera.....Da quasi 3 mesi sto facendo sesso con un uomo con cui non ho alcuna chance di relazione (e cominciando a conoscerlo non voglio neanche averla!). Faccio sesso e mi sta bene cosí, sia a me che a lui (preciso che ci vediamo ogni 2 settimane, mica tutti i gg!!!). Ma devo lavorare per non dipendere da questa situazione, tenuto conto che sono uscita da circa un anno da una relazione ultradecennale, una relazione stabile e dalla quale sono nate 2 figlie. Ma dopo anni di amore e anni buii nei quali il mio partner mi rifiutava anche fisicamente, questa relazione di letto-amicizia mi aiuta a farmi sentire desiderabile. Se sono qui tra queste pagine mi rendo conto di sbagliare qualcosa, ma finché non acquisteró sicurezza, continuerò per la mia strada ... non giudicatemi ...
    1
    Rispondi a Arianna Commenta l’articolo

    • Avatar di ilariacardani

      ilariacardani 4 anni fa (26 dicembre 2012 16:08)

      @ Arianna: non è utile pensare di sbagliare. E chi mai dice che sbagli? Tu stai semplicemente facendo quello che ti senti in questo momento della tua vita, con quello che la tua storia e le tue risorse del momento ti spingono a fare. Continua per la tua strada e non temere di sbagliare o, peggio, il giudizio degli altri: il primo atteggiamento ti danneggia, il giudizio degli altri è irrilevante. Ed evita tu stessa di giudicarti: mi sa che peggio di quello degli altri è la tua severità verso te stessa.
      1
      Rispondi a ilariacardani Commenta l’articolo

  11. Avatar di luana

    luana 3 anni fa (26 gennaio 2013 15:17)

    io vorrei con poche parole dirvi cose verossimili per l'uomo che credevo che mi amassi...spero al piu' presto dirle ora sono troppo ferita, ma le vostre esperienze mi stanno aiutando..grazie a tutti voi..Luana
    0
    Rispondi a luana Commenta l’articolo

  12. Avatar di Sara

    Sara 3 anni fa (15 aprile 2013 3:49)

    Ciao a tutti, ho letto davvero di tutto negli interventi precedenti e pare che il quesito principale sia darla dopo poco o più tempo che si conosce un nuovo partner, non so se le mie esperienze possano aiutare il prossimo, ma quello che so per certo è che in ognuno di noi esiste una "vocina" che spesso si ascolta e spesso no, ma se la si ascolta molto spesso è quella che ha ragione, poi è altrettanto vero che esistono dei sentimenti, la ragione, l'orgoglio ecc ecc che possono variare le condizioni delle nostre scelte. rimango dell'idea, almeno per me stessa, che ogni storia bella, brutta, innamorata o no, solo di sesso o platonica,o qualunque altra cosa sia, faccia ormai parte di noi, quello che credo sia invece molto più importante, è che queste vengano vissute appieno, e volenti o meno, ormai fa parte di noi e solo noi possiamo decidere se crescere o meno su queste. Non credo esista un metodo, o un'arma vincente in amore. nella mia vita sono stata lasciata e ho lasciato, ho avuto rapporti platonici come passionali fino al punto di avere il vuoto allo stomaco per giorni, ho sofferto e fatto soffrire, rapporti brevi e lunghissimi, ma ritengo che la vita sia una sola e vada vissuta al meglio. L'amore come il sesso, sono tra quelle poche cose troppo belle e uniche che vita ci dona, perchè avere rimpianti o rimorsi? ... Se "quella persona" l'ho incontrata percorrendo la mia strada ci sarà pur una motivazione? ..... In questo periodo sto male perchè la mia storia non va più così bene e forse finirà, o forse no chi può saperlo? Un saluto a tutti Sara...............................P.S. non lo sento da una settimana e mi manca da impazzire!!!
    0
    Rispondi a Sara Commenta l’articolo

  13. Avatar di Tina

    Tina 3 anni fa (1 luglio 2013 23:26)

    Ciao, la mia storia personale e familiare mi hanno condotto gradualmente a scegliere di non vivere mezze storie o solo x avere la cosidetta inesistente normalita' scegliere di avere un compagno solo per paura della solitudine, ho 51 anni, sono una bella donna dicono ma da circa 3 anni non ho alcuna relazione di nessun genere, sento l'impulso sessuale,però cerco di riempire quei momenti con altre forme di amore, canto lavoro amo i miei figli ed il mio cane, no non ho fatto voto di castita' ma voglio trovare un uomo che mi piaccia davvero e che mi meriti, credo che una buona sessualita' non sia sinonimo di facilita' vivere le storie che ci danno emozioni vere (quelle nelle quali pensi che non finira') Ah ho scoperto dopo 4 anni che ho un vicino di casa che vorrei conoscere meglio! :-)
    1
    Rispondi a Tina Commenta l’articolo

  14. Avatar di anna

    anna 1 anno fa (11 marzo 2015 17:42)

    Ciao Ilaria, non ho avuto "problemi" di questo tipo per anni ma ora da mesi mi pongo tutte le domande che poni anche tu! io ho appena iniizato la mia cosiddetta clausura: ho chiuso un matirmonio dopo 8 anni scoprendo che l uomo che pareva bravo è un vampiro, un bugiardo dalle mille facce, una persona spregevole, ne ha combinate e ne combina di tutti i colori. Comunque. Dopo qualche mese dalla fine (legale) ho iniziato qualche relazioncina senza impegno: sesso, divertimento, poco altro. Tutto molto complicato perchè mi sono imbattuta volente o nolente in uomini fidanzati, sposati, ecc quindi la mia bassa stima per il genere è crollata. Comunque. Ho deciso di dire basta perchè mi accorgo che mi aspetto altro quando mi diverto, o meglio per la prima relazione no ma poi si. QUindi ho deciso di smettere. Perchè il sesso cosi per crearsi malumori e non per goderne non ha nessun senso. Non lo so se sia una via per la felicita ma anche io penso sia una via per dedicarsi di piu a se stesse. Ho ricominciato a fare sport, mi tengo in ordine, mi depilo come sempre, e tutto per me. Mi guardo allo specchio e voglio piacermi oltre che amarmi. Sono immersa nella nebbia da mesi, spero sia una buona scelta. un abbraccio A
    -1
    Rispondi a anna Commenta l’articolo

  15. Avatar di Giorgio75

    Giorgio75 3 anni fa (1 ottobre 2013 11:20)

    Non sono d'accordo con molte opinioni espresse. Secondo me la sessualità tra uomo e donna, in particolar modo quando questi sono "navigati", dovrebbe essere vissuta con maggior naturalezza senza farci su troppe "seghe mentali". Vi spiego come la pensa la maggior parte degli uomini me compreso. Premesso che ognuno è libero di agire come meglio crede e non bisogna forzarsi a far nulla, a mio avviso non ci sono più i presupposti (come lo era una volta) a far sì che il sesso con il parner del momento diventi per la donna un motivo di giochi mentali ed aspettative. Sicuramente è errato dare troppa superficialità a questo aspetto ma lo è altrettanto darne poca. E' errato andare a letto col primo che capita ma altrettanto errato "scaricare" il peso sessuale delle proprie relazioni precedenti andate a male sul malcapitato di turno. Semplicemente non è giusto. Poi le donne si lamentano che gli uomini di oggi non sono piu' come quelli di una volta. Personalmente ho l'impressione che la maggior parte delle donne "giochi" con questo aspetto della sessualità, salvo poi lamentarsi quando è l'uomo che inizia a "giocare" su questo o altri aspetti. RIassumendo: viviamo tempi in cui si parla sempre piu' di parità tra uomo e donna. Ecco, la parità va vissuta anche dal punto di vista sessuale. Avete mai sentito parlare di uomini che fanno un caso mediatico parlando di sesso con la propria partner? Fermo restando che nessuno puo' essere obbligato a fare cio' che non piace. Pertanto la donna è libera di attendere prima di fare sesso ma l'uomo è altrettanto libero di attendere, ad esempio, di rinunciare al proprio tempo libero per il proprio partner, di sacrificare parte della propria "economia", di saper ascoltare la compagna anche quando lei causa stress mentale, di sposarsi dopo una convivenza, e via discorrendo. Coerenza di libertà. Il sesso è solo un aspetto degli approcci e della formazione di coppia uomo-donna. Dare tutta questa importanza a causa spesso di pregresse "batoste", non è leale nè paritario nei confronti del nuovo partner maschile. E' lecito farlo, ma è altrettanto lecito attendersi conseguenze da parte di lui. Immaginate se il vostro lui dovesse attendere a fare tutto il resto con voi donne, a causa di "batoste" ricevute dalle sue ex (magari non sessuali ma su tanti altri aspetti non meno importanti).
    -1
    Rispondi a Giorgio75 Commenta l’articolo

    • Avatar di Giulia

      Giulia 9 mesi fa (3 ottobre 2015 13:09)

      Ciao Ilaria e salve agli altri amici del forum. Intervengo.in.merito a quanto scritto da Giorgio, che è appena tre anni più grande di me, per portarvi la mia esperienza.come ho già scritto nei precedenti post sono separata da un anno e mezzo e non ho figli. Ho passato un anno da sola poi ho provato a frequentare un coetaneo libero senza figli anche lui per provare a ricostruire qualcosa. Ho aspettato un mese e mezzo perché avessimo rapporti senza fare nessuna strategia, solo per conoscersi e parlare. Un pochino anche per riscoprire la gioia del corteggiamento (visto che il mio ex marito mi ha scaricata per un'altra)...ad ogni modo adesso è lui che mi dice "non voglio assolutamente ascoltare i tuoi problemi perché le mie ex mi stressavano"," non voglio spendere una lira appresso ad una femmina perché le donne che ho avuto sono state approfittatrici" ed ancora"non mi sposo perché hp visto troppe puntate di Forum con mogli spenna mariti"...che ne dici Giorgio :) ?
      -3
      Rispondi a Giulia Commenta l’articolo

    • Avatar di helen

      helen 9 mesi fa (3 ottobre 2015 14:39)

      Giulia ma te lo sei tenuto?
      1
      Rispondi a helen Commenta l’articolo

  16. Avatar di Laura

    Laura 4 mesi fa (27 febbraio 2016 0:21)

    Ilaria io sono d'accordo, l'ho sempre pensata cosi, anzi non ho mai fatto sesso per appagare bisogni o altro, poi ovvio capitano periodi in cui ci si può cascare, l'importante è essere sempre consapevoli come dici tu. Ed é vero conosco tanta gente che fa sesso a casaccio e non é neppure soddisfatta, ovviamente direi perché fare sesso non significa che automaticamente soddisfi. Io lo voglio fare quando lo sento, lo voglio, anche perché io attribuisco tanti significati a quel momento, ho capito che per gli uomini é spesso invece più un "istinto" quindi a questo punto voglio esserne padrona io al 100%. Grazie Ilaria mi fai sempre riflettere
    0
    Rispondi a Laura Commenta l’articolo