Non farti manipolare!

La manipolazione nel rapporto di coppiaAvviso ai naviganti: questo articolo interessa sia agli uomini sia alle donne. La manipolazione non fa distinzione di genere sessuale.

Ai single e agli accoppiati.

A chi ha una bella relazione e a chi vorrebbe attrarre la persona giusta.

Soprattutto – dato che siamo su questo blog –, a chi vuole sedurre un uomo e/o lasciarsi sedurre dalla persona che gli piace.

A dirla tutta, se l’hai letta attentamente, la mia guida gratuita “Come attrrarre la persona giusta per te in 11 passi” è piena di indicazioni importanti su come evitare di farti manipolare, anche da vecchie convinzioni che non ti appartengono.

Non hai letto la mia guida? Uhm, santo cielo, è  gratuita ed è davvero utile e non l’hai letta? E in questo modo pensi forse di migliorare la tua vita sentimentale?

Va beh, dài, per questa volta ti perdono e anche se non hai letto la guida vado diretta al punto dell’articolo, la manipolazione.

No, anzi, aspetta un attimo, non so se te ne sei accorto/a, ma nelle ultime quattro righe ho fatto un tentativo di manipolazione su di te, molto, ma mooolto diffuso.

Ok, seguimi che ti spiego.

Questo articolo ti darà una serie di rivelazioni su fatti di tutti i giorni che vivi da sempre e ti fornirà qualche indicazione utile per non farti manipolare da un partner o da un partner potenziale e per vivere le relazioni con più serenità.

Di questo tema parlo spesso anche con i miei clienti di coaching.

Intanto, notizionaaa!!!

La gran parte delle azioni delle persone – cioè della stragrande maggioranza degli esseri umani, te inclusa/o – è volta a manipolare gli altri.

Sei stupito/a? Non ci credi forse?

Che cos’è la manipolazione e chi la pratica

Beh, considera che l’uomo è un animale sociale, o, detto più semplicemente, l’essere umano non può vivere da solo.

Fattene una ragione, per quanto tu sia autonomo/a e indipendente – qualità fondamentali, l’autonomia e l’indipendenza, essenziali soprattutto se vuoi attrarre la persona giusta per te e realizzare con lei una relazione soddisfacente e duratura –, non puoi vivere senza gli altri.

Un esempio?

Le mutande che indossi, al cento per cento, non te le sei fabbricate tu, ma le hai comprate fatte in un negozio dove qualcuno le ha portate, prelevandole dal fabbricante che ha cucito del tessuto di cotone, cotone colto da un raccoglitore, filato da un filatore etc. etc. (per la storia della tessitura e della confezione dei prodotti ti lascio fare le tue ricerche personali su altre fonti, se no andiamo troppo fuori tema).

Quindi, nessuno di noi è completamente autonomo e indipendente e tutti noi (tutti-tutti) abbiamo bisogno degli altri per esistere, per vivere e per progredire nella nostra esistenza.

Per questo una delle idee migliori e degli obiettivi più intelligenti che possiamo avere nella vita è quello di andare d’accordo con gli altri (fare l’amore e non la guerra).

Fatto sta che le persone possono scegliere molti modi attraverso i quali avere la collaborazione degli altri e non sempre sono modi per i quali il rapporto è alla pari.

Cioè molti – la gran parte delle persone – vogliono portare gli altri a fare quello che vogliono loro e cercano di manipolarli.

Magari non te ne accorgi, ma molto spesso lo fai anche tu…

Vediamo un po’.

Sai chi, in genere, nella vita di una persona, è la figura in assoluto più “manipolatrice”?

Indovinato!

Lei e sempre lei: la Mamma!

E vorrei anche vedere: la Mamma ha a che fare con te fin da piccolino/a, quando era veramente difficile farti fare le cose giuste in un tempo giusto e senza combinare guai.

Per cui la mamma impara in fretta a fare la manipolatrice.

Vuoi un esempio classico di manipolazione?

“Giorgino se fai il bagnetto subito dopo che ci siamo alzati da tavola, poi vengo a leggerti la favola dell’Uomo Striato di Rosso, che ti piace molto.”

In cambio di una gratificazione, la mamma ti fa fare quello che vuole lei (e in questo caso che fa bene anche a te, perché a un Giorgino/a che ha tre anni e mezzo non si può certo permettere di fare il bagnetto alle 2.33 del mattino, come forse lui/lei vorrebbe…).

Non solo: la mamma ti fa anche credere che il vantaggio principale ce l’hai tu, in tutta questa storia.

Anche perché, per quanto il nostro/a Giorgino/a sia sveglio/a e intelligente è così piccolo da non avere un senso critico tanto sviluppato da capire che la mamma fa tutta ‘sta manfrina per farlo dormire e poter riposarsi anche lei a un certo punto della serata.

Chiaro il meccanismo?

E’ uno schema, tanto semplice che diventa automatico e che con gli anni può diventare di una pericolosità diabolica.

E questo perché nella nostra esistenza incontriamo manipolatori a ogni istante e a ogni angolo di strada: ci manipolano i genitori, i nonni, i fratelli, gli insegnanti, i compagni di scuola e di giochi.

Ci manipolano coloro che ci chiedono l’offerta per i bambini poveri o coloro che chiedono l’elemosina all’angolo della strada.

E poi c’è la manipolazione per “professione”, quella scientifica, quella da università e a cinque stelle: parte dal barista che ti vuol vendere il cornetto al cioccolato oltre al caffé che tu hai ordinato, passa per l’agente immobiliare vestito in tiro, lucidato e profumato, e arriva alla tv, al cinema, ai giornali e a internet.

Nella manipolazione “professionale” poi, c’è quella per “direttissima”, la pubblicità.

A me oggi e in questo articolo non interessa rafforzare in te l’idea che è necessario prendere le distanze da questa manipolazione ufficiale e riconosciuta: ti dico solo che è importante che tu lo faccia.

E’ importante che tu pensi con la tua testa, decida con il tuo cuore e scelga per la tua vita, non in base a quello che vogliono gli altri.

Tra l’altro, quando tu fai questo – costantemente, consistentemente e con coerenza -, diventi super-attraente e costruisci una relazione a prova di bomba.

Ok, procediamo, perché ho una cosa importante da dirti.

Restringiamo-restringiamo-restringiamo il campo e lasciamo fuori i miliardi (non esagero) di manipolazioni che ricevi ogni giorno da ogni parte e arriviamo a un aspetto che ci interessa in modo particolare: la vita di coppia e la seduzione.

Ancora un inciso: dopo la Mamma, è noto che la seconda più grande manipolatrice universale è la Moglie: ogni Marito lo sa bene.

E, se la coppia funziona, il gioco della manipolazione in realtà è uno scambio alla pari –  cioè anche il Marito manipola la moglie –, è un piacere reciproco da cui si originano amore, favori e anche concessioni.

Giusto per essere precisa.

Andiamo avanti.

Il punto è che io oggi ti voglio parlare del peggior genere di manipolazione che tu puoi subire e di come può accadere che tu lo subisca da qualcuno che ti piace e che stai corteggiando (che tu sia uomo o che tu sia donna) o da qualcuno con cui sei in una relazione.

Il meccanismo perverso della manipolazione

Partiamo dal fondo con una domanda semplice semplice.

Che tu sia in una relazione o che tu sia single e magari hai appena iniziato a frequentare qualcuno, come ti senti riguardo a lui/lei?

Sei sereno/a al cento per cento?

Ti senti alla grande?

Sei davvero convinto/a di te e di lui? Davvero-davvero?

Rispondi prima di leggere.

Ok, conto che tu abbia risposto e con la massima sincerità dando retta anche alla più piccola delle emozioni che hai e che provi.

Ebbene ti dico: se tu, pensando a questa persona – partner o partner potenziale che sia – provi anche una minima sensazione di insicurezza e di disagio e questa insicurezza e questo disagio aumentano proprio mentre sei con lui/lei o subito dopo un vostro incontro, è probabile che ci sia della manipolazione.

Mi spiego meglio: se dall’esterno il vostro rapporto non ha nulla di “sospetto” (tipo litigate manifeste, o maleducazioni esagerate) eppure tu non sei così tanto tranquilla/o e rilassato/a, è molto probabile che ci sia una delle forme più pericolose di manipolazione.

Ed è la manipolazione che agisce sulla tua autostima, diminuendola.

Vuoi qualche esempio? Il tuo partner, magari “scherzando” o con un sorriso sulle labbra critica costantemente qualcosa di te. Ad esempio la tua auto, la tua pettinatura, le tue camicie, il tuo modo di camminare.

Preciso: se ti presenti con un’auto con 3 dita di fango sulla carrozzeria, giornali vecchi sui sedili e rifiuti vari nell’abitacolo e cicche di sigaretta nel posacenere e il tuo partner protesta, vuol dire che lui/lei è sano/a di mente e di cuore e tu dovresti prenderti un’ora di tempo per occuparti della tua macchina.

Se invece la tua è un’auto normalissima e il tuo/tua partner ironizza disprezzandola – e insieme a questo ha tutta una serie di atteggiamenti analoghi – ebbene, il suo scopo è quello di manipolarti, diminuendo la sicurezza che tu hai in te stesso/a.

E sai perché?

Perché chi perde stima in se stesso/a è ancora più manipolabile.

E qual è lo scopo del manipolatore in questo caso?

Lo scopo del manipolatore è quello di sentirsi forte, quindi di superare le proprie insicurezze (che non è il caso della Mamma che convince Giorgino a fare il bagnetto per farlo dormire e per dormire anche lei, magari).

Il manipolatore si sente forte in relazione a una persona che percepisce più debole. E per indebolire una persona, la si colpisce nell’autostima.

La soluzione a questo punto è molto semplice.

Sai qual è?

Fregarsene bellamente di quello che l’altro dice e fa relativamente a te per diminuire la tua autostima. Cioè non far conto del giudizio degli altri.

E’ che a questo punto sorge un problema: se tu sei interessato/a a una persona, se la stimi e se la ami in realtà il suo giudizio ha una grande importanza per te.

Quindi a quel punto è possibile che tu ti faccia manipolare…

Ora però sei avvertito/a e conosci lo schema: se in qualche modo cerchi l’approvazione di qualcuno, senti di non avercela appieno e sospetti che il disagio che provi è per il fatto che questo rapporto sta minando la tua autostima, puoi essere a rischio di manipolazione.

Bene: fai il punto. E prenditi cura della tua autostima.

Osserva il comportamento dell’altro verso di te e inizia a proteggerti. Fregandotene.

E, anche, lasciando (perdere) la persona in questione.

Non c’è niente che vale più di te e della tua vita, nemmeno un legame perverso.

Ho concluso, per oggi.

No, un momento, ti voglio specificare che nelle righe sopra in cui ti ho detto che anch’io usavo la manipolazione l’ho fatto cercando di farti sentire in colpa. Molti partner lo fanno. Tu facci attenzione, ora che lo sai.

Per favore, quando hai finito di leggere, ricordati di condividere questo articolo sui social (Facebook, Twitter, etc.) attraverso i pulsanti che trovi qui sotto. In questo modo permetti che si allarghi la comunità delle lettrici (e dei lettori) e più si allarga la comunità delle lettrici e dei lettori di questo blog, più semplice è per me dare informazioni di interesse sui temi legati ad attrarre la persona giusta per te.

Grazie!

So che questo è un articolo tosto. Dimmi che cosa ne pensi nei commenti qui sotto. E fammi le domande che desideri.

Cordialmente

Ilaria

P.S. Prenditi cura della tua autostima. Fai il percorso “I 7 Pilastri dell’Attrazione”.

Lascia un Commento!

221 Commenti

  1. Avatar di clacla

    clacla 2 anni fa (24 marzo 2016 11:49)

    NON ripararsi... volevo dire!
    0
    Rispondi a clacla Commenta l’articolo

  2. Avatar di ailisha

    ailisha 2 anni fa (16 aprile 2016 9:55)

    ilaria concordo, hai invece un modo di scrivere molto semplice e in poche righe racchiudi un mondo infinito di sfumature, ti devo ringraziare, chi non riesce a capire ciò che scrivi è perchè evidentemente non vuole capire , è perchè forse nelle tue parole c'è così tanta verità che è difficile da accettare, è perchè forse vive un disagio emotivo così grande da non rendersi conto del disagio stesso in cui vive, tu dai delle basi, ti poni come guida e questo è bello perchè ci sono persone come me che hanno bisogno di cambiare i propri schemi mentali, persone che per tutta la vita si sono sentite delle merde solo perchè qualcuno gli ha detto così e ci hanno creduto, basta sono stufa e sono stufa di vedere che anche davanti a persone come te che cercano di essere di aiuto agli altri c'è sempre qualcuno che cerca di sentirsi superiore e di scaricare la propria merda emotiva addosso sminuendo, forse per invidia o forse ignoranza il lavoro degli altri, la mia storia d amore è appena finita e l'ho fatta finire io proprio per il fatto che avevo bisogno di autostima, di non essere manipolata e di rispetto e amore per me stessa, leggendoti ho trovato conferma in tante cose e mi hai ulteriormente dato coraggio a inseguire la mia strada e non la strada di qualcun altro, grazie..grazie di cuore
    4
    Rispondi a ailisha Commenta l’articolo

  3. Avatar di Nani

    Nani 2 anni fa (24 aprile 2016 1:31)

    Ciao, sono qui da pochi giorni e leggere questi articoli mi fa benissimo. Ho avuto una relazione con un uomo impegnato per tre anni anche se a intermittenza. Il periodo più lungo in cui non l'ho visto e sentito é stato di 6 mesi. Ho sempre scelto io di interrompere la frequentazione le volte che è successo (tante!!) perché soffrivo troppo e non riuscivo a sostenere e sopportare la situazione. Mi sono fatta molto male...e non so perché l'ho fatto. Già il tipo di relazione o non relazione è dannosa per l'autostima e in più ho capito nel tempo che mi sono lasciata manipolare. Stasera leggendo questo articolo ho avuto la conferma :-( una mia amica vedendo le cose con più chiarezza di me me lo diceva ma io non volevo crederci, anzi non posso credere che sia davvero così :-( Ora non lo vedo da fine febbraio sempre per mia scelta ma ho continuato a tenere un contatto giornaliero via sms fino a 10 giorni fa. Sono consapevole da tempo che sia stata una relazione patologica e per me autodistruttiva e nonostante ciò mi mancano tante cose di lui. Mi manca tanto :-( Non so se è una dipendenza o altro o puro masochismo. Non ho mai vissuto un'esperienza così prima!! Stasera presa dallo sconforto stavo per scrivergli poi fortunatamente mi sono frenata e ho iniziato a leggere questo articolo.... É un periodo piuttosto difficile. Mi sono comportata da ingenua, credevo fosse l'uomo della mia vita...quando l'ho conosciuto avevo 43 anni. Ho vissuto nel mondo delle favole...oggi mi ritrovo nella realtà...io da sola e a pezzi e lui nella sua vita ufficiale che non ha la minima intenzione di lasciare. Minuetto suona per noi....avrei dovuto perderti invece ti ho cercato!!
    1
    Rispondi a Nani Commenta l’articolo

  4. Avatar di delila

    delila 2 anni fa (11 maggio 2016 21:33)

    Grazie mille per questo articolo! per me è stato davvero molto importante perchè da tempo sto ragionando su questo tema. Purtroppo, nella mia vita, questo problema non ha riguardato solo la sfera sentimentale ma anche quella delle amicizie. E' la prima volta che mi trovo su questo sito ma spero di trovare altri articoli come questo perchè mi sto rendendo conto che questo aspetto ha davvero condizionato molto la mia vita fin ora. Spero di risolverlo un giorno perchè la mia mancanza di autostima mi ha davvero creato problemi, soprattutto ora che sono adulta. grazie
    2
    Rispondi a delila Commenta l’articolo

  5. Avatar di Elena

    Elena 2 anni fa (19 maggio 2016 19:58)

    Mia figlia, all'età di 17 anni, si è innamorata del suo professore di liceo ed è stata ricambiata. Lentamente, nel corso degli anni, lui l'ha "modellata" a suo piacimento ed ora si sono sposati (attualmente lei ha 28 anni e lui 42 ). Adesso mia figlia è molto cambiata , non vuole vedermi , non le piace la mia compagnia ma mi telefona spesso per raccontarmi la sua giornata e mi trasferisce tutta la sua ansia , in altre parole sono solo un collettore dei suoi problemi . Le rare volte che sono andata a casa sua mio genero è sempre presente e dopo un poco si sente escluso e diventa quasi geloso di noi e cerca di attirare la nostra attenzione con delle banalità. Sto per diventare nonna e speravo che la maternità la facesse crescere per ritrovare il legame con me in un modo più adulto e più consapevole. Purtroppo non è così e ogni volta che esprimo il desiderio di vederla accampa mille scuse per evitare di incontrarmi.....mi sono lamentata con lei e mi ha risposto che mi devo accontentare di avere una figlia così. Cosa posso fare per cambiare questa situazione ed essere una mamma e una nonna come tante ?
    8
    Rispondi a Elena Commenta l’articolo

    • Avatar di Gea

      Gea 2 anni fa (20 maggio 2016 17:09)

      Ciao Elena, mi dispiace molto per questa brutta situazione. Ho il sospetto che, quando il bébé sarà arrivato, tu sarai mooolto utile a tua figlia e a tuo genero. Capisco la tua sofferenza e il desiderio di un rapporto sereno e normale con tua figlia. Spero di cuore che le cose si aggiusteranno, ma, in ogni caso, certi cambiamenti non dipendono da te, percio' fai cio' che é in tuo potere senza colpevolizzarti per cio' che non puoi fare. Un abbraccio
      6
      Rispondi a Gea Commenta l’articolo

  6. Avatar di blackstar

    blackstar 2 anni fa (28 marzo 2016 5:34)

    Sono daccordo...ma io ci ricasco sempre perchè ho bisogno di amare e all'inizio queste persone ti fanno fidare...poi te ne accorgi quando è tardi.In realtà dei segnali ci sono ma li vedi qundo ormai ti stai coinvolgendo e magari le persone in questione ti fanno capire che sono loro ad essere coinvolti e tu mai abbastanza!!!!e poi ti giudicano e fanno fare senzi di colpa di colpe che non hai e spesso hanno loro dei problemi nel giudizio delle donne in generale e tendono anche ad essere contraddittori(ad esempio persone che si presentano come dei bevitori e danno dell'alcolizzata a te,persone che si presentano come libertini e danno della p...a te..,piu' o meno velatamente...)è uno schifo insomma...e poi chissà,magari sapendo di essere inferiori vogliono farti scendere al loro livello...e più giù..per sentirsi superiori loro appunto.Vermi.
    5
    Rispondi a blackstar Commenta l’articolo

    • Avatar di ...

      ... 2 anni fa (29 maggio 2016 19:00)

      Mi ritrovo in quello che hai detto....A me non era mai successo e sebbene avessi letto articoli su articoli sulla manipolazione, quando poi mi è successo, complici le emozioni, ci sono cascata in pieno. E proprio come dici tu, magari incontri uno che ne ha fatte più di "Carlo in Francia" si è infilato in tanti letti quanti ne può avere una caserma etc etc e poi ti fa sentire come una da strada e ti fa degli interrogatori su come e cosa hai fatto, con chi, come e perchè....e ti fa sentire fuori posto anche se hai avuto una normalissima vita sentimentale/sessuale...anzi anche un po' sfigata..ma ne parla come fossi una messalina....Caspita come mi ci ritrovo...e guarda che mica me ne sono accorta subito......ci sto arrivando piano piano.....anche perchè questa era una persona che diceva di amarmi davvero, che progettava un futuro insieme etc etc....
      0
      Rispondi a ... Commenta l’articolo

    • Avatar di Gea

      Gea 2 anni fa (30 maggio 2016 10:21)

      Uomini di tal fatta (i moralisti-maschilisti che sfarfallano e pensano che tutte le donne sono zocc... tranne quella santa donna della loro mamma) vivono ancora oggi perché ci sono donne che li crescono cosi e altre donne che li accettano e ci fanno pure figli. Altro che farci progetti di casa e famiglia... bisogna farli estinguere!
      13
      Rispondi a Gea Commenta l’articolo

  7. Avatar di Paola

    Paola 1 anno fa (20 agosto 2016 23:34)

    Sono stata vittima di un narcisista perverso e manipolatore maligno. Storia finita nel peggiore dei modi da 4 mesi e ne sono uscita con le ossa letteralmente spezzate. Ora riconosco tutti i segnali e il loro modo di agire. Quello che si può fare è restare fortemente centrati su se stessi. Bellissimo il tuo articolo davvero utile per chi ancora non sa come giostrarsi da un manipolatore anche se ci sarebbero altre 1000 cose da dire. Grazie ciao
    0
    Rispondi a Paola Commenta l’articolo

  8. Avatar di Lalla

    Lalla 2 anni fa (14 aprile 2016 17:00)

    Interessante ma difficile da leggere per come è scritto...troppe divagazioni ed esempi forzati, anche lo stile colloquiale a me personalmente dà fastidio e fa perdere di credibilità cose che esposte in un modo fresco e lineare, senza arzigogolare, centrerebbero il punto
    -8
    Rispondi a Lalla Commenta l’articolo

    • Avatar di Ilaria Cardani

      Ilaria Cardani 2 anni fa (14 aprile 2016 17:01)

      E allora perché l'hai letto? Sei masochista? :D (Cosa non si raccontano le persone quando non vogliono vedere la luna, ma per sentirsi importanti e non vedere la questione importante dentro di sé, mirano al dito). :D :D :D
      6
      Rispondi a Ilaria Cardani Commenta l’articolo

    • Avatar di Lalla

      Lalla 2 anni fa (15 aprile 2016 9:54)

      No Ilaria, io non sto mettendo assolutamente in dubbio la veridicità delle cose scritte, anzi! Ho solo espresso un parere sullo stile di scrittura, la formula "ei dico a te, proprio a te"...io la trovo disturbante o esacerbata. Tutto qui
      1
      Rispondi a Lalla Commenta l’articolo

    • Avatar di Ilaria Cardani

      Ilaria Cardani 2 anni fa (15 aprile 2016 11:43)

      Oh, insisti. Masochista con una spruzzata di sindrome di Stoccolma. O stai cercando un ruolo di mia consulente di scrittura? Sai cosa? Quello che non viene capito da chi fa questi interventi è che si crede di voler esprimere dei pareri sensati e intelligenti per mostrarsi sensato e intelligente ma sortisce l'effetto opposto. Si esprimono solo dei disagi interiori, travestiti da pareri. Ecco perché pubblico questi commenti: sono lezioni preziosissime di vita. Entrare in questo blog è una scelta. Entrare per essere disturbate e cogliere qualcosa di esacerbato esprime un comportamento disfunzionale. Molto disfunzionale, cara mia. E questi comportamenti disfunzionali si riscontrano negli uffici, in famiglia, tra gli amici, su internet e ovviamente nelle relazioni. Un comportamento sano è: "una cosa non mi piace, la evito". Il tuo comportamento è: "quella cosa NON mi piace, me la vado a cercare, fingo di analizzarla senza nemmeno capirla, dato che capirla non mi interessa e non ne sono in grado, ma mi interessa farmi notare, esprimere un disagio rispetto a concetti che mi toccano ma voglio allontanare per non mettermi in discussione, devo sfogare rabbia disagio e frustrazione." Ecco, questo è profondamente disfunzionale. E profondamente istruttivo. Care amiche se anche voi usate queste dinamiche con gli uomini, sappiate che sarete destinate a una vita sentimentale infelice. Se avete colleghi, amici e parenti che si comportano come Lalla, evitateli e teneteli alla larga, sono persone che hanno schemi di comportamento profondamente disfunzionali, che meritano la vostra compassione umana, ma a distanza.
      11
      Rispondi a Ilaria Cardani Commenta l’articolo

    • Avatar di elisa

      elisa 2 anni fa (15 aprile 2016 8:10)

      Ciao, a me invece è servito molto anche perchè queste cose non te le dice nessuno e poi riesci a non farti fregare detta in termini semplici. A me è capitato varie volte di farmi manipolare purtroppo, ma poi ho cambiato schema e ho chiuso prima di farmi del male, ho ascoltato il disagio che sentivo quando la persona mi inondava di messaggi che ero bella che mi voleva nonostante io avessi detto che volevo aspettare e andarci piano,(per quanto riguarda il sesso ovviamente), ma lui diceva che erano solo delle battute..io mi sono sentita invece sotto pressione perchè troppo insistente nonostante lui dicesse che mi voleva bene..ultimo messaggio qualcuno ti ha fatto un brain wash???ahaha ho risposto che decido con la mia testa e il lavaggio del cervello non me lo faccio fare da nessuno...Grazie Ilaria ancora una volta
      9
      Rispondi a elisa Commenta l’articolo

    • Avatar di Gea

      Gea 2 anni fa (15 aprile 2016 15:19)

      Brava Elisa! La domanda del tipo é la quintessenza della manipolazione a carte scoperte. Povero cocco!, temeva che qualcuno fosse stato più abile di lui nel manipolarti... :-D
      5
      Rispondi a Gea Commenta l’articolo

  9. Avatar di Eil

    Eil 1 anno fa (19 novembre 2016 12:27)

    Grazie per questo articolo, Ilaria. Vorrei chiederti cosa si può fare per estirpare quel sotterraneo senso di colpa che si prova quando le cose vanno bene, ma si pensa di non meritarsele mai? Mi sono accorta da poco che alla base delle manipolazioni che ho subito, a ben guardare, c'è sempre lui. Grazie, e buon sabato a tutte!
    0
    Rispondi a Eil Commenta l’articolo

  10. Avatar di giulia

    giulia 12 mesi fa (27 dicembre 2016 21:23)

    Buongiorno Ilaria, sto leggendo e rileggendo il Suo articolo sulla manipolazione "perversa". Non so se lo faccio più per autoconvincermi che in fondo l'uomo che da poco mi ha rifiutata come donna mi abbia comunque in alcune situazioni ben precise manipolato, facendo come suo punto di forza il mio punto debole, ossia il mio coinvolgimento emotivo, di cui era a conoscenza attraverso le confidenze di amici in comune. Perché parlo di "manipolazione" ? Perché ragionando a mente fredda, pur in presenza di un orgoglio ferito, ho ora come l'impressione che per questioni lavorative in cui il mio appoggio gli era comodo, lui abbia sempre "giocato" con quella che era la mia simpatia per lui. Messo al corrente da un amico di quello che provavo per lui e che mi sentivo fortemente a disagio in sua presenza, e sapendo quindi il reale motivo per cui declinavo il suo invito ad una festa aziendale per evitare di incontrarlo, mi ha fatto sentire quasi in colpa, al che ho cambiato idea e all'ultimo momento ci sono andata. La sua accoglienza è stata esageratamente gentile, mi ha tenuto la mano stretta tra le sue a lungo, mi ha invitata a guardarci negli occhi nel fare il brindisi... atteggiamenti mai avuti prima con me, mai. Ha manipolato la mia emotività per unicamente soddisfare il suo desiderio di giocare come il gatto con il topo ? Grazie per quello che potrà suggerirmi in merito ... io sono dell'idea di non averci più niente a che fare e nel momento in cui mi ha rifiutata gli ho comunicato la rottura definitiva dei contatti, anche quelli formali di lavoro, e l'impossibilità di essere amici (non lo eravamo prima, non vedo le basi per esserlo adesso e in futuro): mentre ero al telefono che piangevo la sua preoccupazione "per sdrammatizzare la situazione" è stata quella di chiedermi un format di un progetto lavorativo e i relativi contatti.
    -1
    Rispondi a giulia Commenta l’articolo

    • Avatar di Ilaria Cardani

      Ilaria Cardani 12 mesi fa (28 dicembre 2016 14:01)

      Buongiorno Giulia, direi che la sua analisi è precisa, io noto in aggiunta un certo viscidume sopra la media e una falsità quasi caricaturale e grottesca nell'atteggiamento del suo amico per come lei lo descrive. Direi che è certamente una persona con la quale non avere a che fare e per molte molte ragioni. E tantomeno uno al quale mostrare le proprie debolezze e i propri sentimenti. Non so che lavoro lei faccia e se può permettersi di non collaborare con lui, anche indirettamente, è bene che lei cessi ogni collaborazione esplicita o implicita anche a rischio di perdere denaro o affari nell'immediato. Alla lunga questo distacco gioverà sia a lei sia alla sua professione. Se invece ha un lavoro che la obbliga a far buon viso a cattivo gioco, si limiti a "giocare" il meno possibile, riducendo i rapporti professionali al minimo essenziale e mantenendoli nei binari della pura professionalità e cercando una via d'uscita per il futuro (cambio di carriera, di reparto, ufficio).
      10
      Rispondi a Ilaria Cardani Commenta l’articolo

    • Avatar di Giulia

      Giulia 12 mesi fa (28 dicembre 2016 22:14)

      Grazie Ilaria ... purtroppo il lavoro mi costringe ad avere dei seppur minimi contatti con questa persona. Le dirò di più per farle comprendere quanto sarà difficile per me averci a che fare, a sforzarmi di fare comunque il buon viso alla cattiva situazione: quando gli ho manifestato apertamente il mio stato emotivo, le risposte che ho avuto sono state: 1) "avevo qualche sentore, ma non credevo fino a questo punto" [l'amico in comune giusto dieci giorni prima gliene aveva parlato]; 2) "non so che dire... come posso aiutarti ? siccome sei una persona intelligente, dobbiamo comunque trovare una soluzione... " e io "chiudiamo tutti i canali di comunicazione, vedersi, parlarsi, scriversi, anche perché sinceramente da questo in momento per me sarebbe troppo imbarazzante anche solo dirti ciao" e lui "ma almeno quelli, magari minimi essenziali, via email non possiamo mantenerli? anche solo per salvaguardare la formalità e l'apparenza del rapporto lavorativo ... [sic !]; 3) lui "posso sdrammatizzare ? il progetto a cui stavi lavorando ... hai già il format pronto ?" ...Grazie per quello che ci stai regalando con questo sito e con il tuo lavoro ... ritrovare il rispetto per noi stesse ... buon Anno !
      -1
      Rispondi a Giulia Commenta l’articolo

    • Avatar di Ilaria Cardani

      Ilaria Cardani 12 mesi fa (28 dicembre 2016 22:46)

      Molto affettuosamente, lui è un viscidone, ma lei gliele serve su un piatto d'argento. Costruisca maggior rispetto per se stessa dedicandosi mentalmente davvero ad altro :)
      8
      Rispondi a Ilaria Cardani Commenta l’articolo

    • Avatar di Giulia

      Giulia 12 mesi fa (1 gennaio 2017 11:36)

      Buongiorno e buon Anno, Ilaria. Si dice che occorre iniziare l'anno buttando via le cose ... e le persone ... vecchie e inutili, per fare spazio a novità e giovamento. Scrivendo cerco di pulire i miei pensieri del grigiore e della fuffamuffa accumulatasi a causa di quanto ho permesso agli altri di farmi, in particolare il "famoso" viscido manipolator perverso narcisista. Mi sta piacendo partecipare al tuo blog, che vedo animato da un terapeutico spirito di gruppo di auto-aiuto, e per questo vorrei condividere con te e tutte le ragazze un mio piccolo primo passo di vittoria. Due giorni fa in ufficio ho ignorato il tipo, non con un gesto plateale o eclatante, che avrebbe destato le perplessità di altri presenti: semplicemente come ho visto che faceva capolino nella stanza dove già mi trovavo a parlare con altre persone, ho rivolto altrove il mio sguardo senza il minimo accenno di una parola e ho continuato a parlare con una mia collaboratrice. Le persone che c'erano non si sono minimamente accorte di tutto questo, ma al tipo il mio gesto non è piaciuto. Tanto è vero che il giorno dopo quando dalla sua auto mi ha intravista per strada si è fermato e mi ha chiesto di parlare un secondo. E' sceso e mi ha chiesto "Hai problemi a salutarmi ? Non facciamo cagate, perché se gli altri se ne accorgono e mi chiedono se ho litigato con te, io che rispondo ?". Ero allibita. Lo guardavo e stentavo a credere che dicesse quelle cose. Gli ho domandato come una finta tonta "Perché ? Se ne è accorto qualcuno e ti ha chiesto ?" - "No, ma potrebbe succedere.". Cioè, sono io quella che sta male ed è stata trattata come una cretina alla sua festa degli auguri, ma lui è l'offeso, è lui che bisogna tutelare perché gli altri non pensino chissà cosa !?!?!? Una volta, tornata a casa, avrei scritto una email, un messaggio via WhatsApp per esternargli quello che pensavo di lui e della situazione. Ma questa volta mi sono detta di no, non ne valeva pena, perché a lui non importava/importa nulla della sottoscritta, la sua unica preoccupazione è l'apparenza e quello che possono pensare gli altri di lui. Pensavo che fosse finita, invece alla sera vado a fare l'ultimo aperitivo dell'anno con una amica e chi trovo nel locale ? Quasi una sorta di monito ... Sono entrata e sono andata diritto verso un tavolo libero lontano da lui senza salutarlo. La mia amica, che lo conosce, ha notato è mi ha chiesto "Ma non saluti *** ? O non l'hai visto ? " Ho mentito "Sì sì, perché ?". - A quanto pare il mio sgattaiolare via non appena l'ho visto l'ha lasciato con lo sguardo fisso su me e la mia amica. Nel lasciare il locale, poi ho fatto l'educata e la formale con un vago "buon anno". Oh sì, lo infastidisce parecchio essere ignorato. E questo è un punto di vantaggio per me e la mia decisione di non averci più nulla a che fare. Gli riconosco una sola cosa: che non abbia approfittato del mio debole per garantirsi la sco**ta di una notte. E forse questo mi rende più accettabile il fatto di doverlo salutare in pubblico.
      0
      Rispondi a Giulia Commenta l’articolo

    • Avatar di Ilaria Cardani

      Ilaria Cardani 12 mesi fa (1 gennaio 2017 11:49)

      Ma a lui non interassava sooooparti, a lui interessava avere l'illusione di sedurre. Un minuto di silenzio per la delusione di costui e un altro per la sua stupidità. Usate il minuto di silenzio per mangiare unna fetta di panettone se non siete gi a dieta o per sgranocchiare del sedano se invece siete già a dieta.
      4
      Rispondi a Ilaria Cardani Commenta l’articolo

    • Avatar di Giulia

      Giulia 12 mesi fa (1 gennaio 2017 13:11)

      L'illusione di sedurre è di fatto, specie nel contesto lavorativo che condivido con lui, il suo tallone d'Achille. Pensi che un carattere simile possa incattivirsi e crearmi problemi sul lavoro se continua a sentirsi colpito nel suo tallone d'Achille ?
      -1
      Rispondi a Giulia Commenta l’articolo

    • Avatar di Ilaria Cardani

      Ilaria Cardani 12 mesi fa (1 gennaio 2017 13:48)

      No. Il fatto è che tu lo devi ignorare davvero, cioè non continuare a pensarci. Basta. Il mondo è pieno di questi idioti e come tutta la merce abbondante e di poco valore la trovi dovunque. Tu hai fatto di un povero cretino un monumento. Basta di pensarci, basta di pensare a tecniche per non salutarlo o evitarlo, basta di osservarlo mentre sei al bar, mentre sei al lavoro, si scaccola o rutta. E basta. E' un cretino come ce ne sono milioni. Fai il tuo lavoro e occupati di cose più importanti.
      10
      Rispondi a Ilaria Cardani Commenta l’articolo

    • Avatar di Anna

      Anna 12 mesi fa (29 dicembre 2016 10:09)

      a queste persone non si devono spiegazioni... ridurre al minimo i contatti non significa parlare del fatto che si ridurranno al minimo i contatti. Gentaglia che davvero non merita e non è interessata neanche alle nostre spiegazioni e ai nostri chiarimenti. In bocca al lupo!
      7
      Rispondi a Anna Commenta l’articolo

  11. Avatar di Roberta

    Roberta 8 mesi fa (29 aprile 2017 13:15)

    Ciao a tutte :-) Mi sono resa conto di essere stata manipolata in tutte le relazioni che ho avuto, a parte in una in cui non so come da vittima mi sono trasformata in carnefice. Ho capito di non sentirmi mai abbastanza e di aver sempre bisogno di farmi accettare dall'altro e così finisco sempre in relazioni disfunzionali. La mia ultima storia è finita un anno fa, lui mi ha lasciato perché dopo aver risucchiato tutto l'amore che gli ho dato, probabilmente gli ho fatto pena. Mi ha detto che doveva stare solo e che cercava persone per colmare vuoti che non sapeva cosa voleva a livello sentimentale e che non me lo meritavo, sono stata un "colma vuoto" per due anni. Lui che percepivo come troppo bello e intelligente per me, non mi sentivo mai alla sua altezza e volevo tanto che mi amasse, ho fatto di tutto perché ciò accadesse, ma in realtà ho capito che lui di amare non è capace, mi ha manipolato per i suoi bisogni perché è un eterno insicuro con bisogno d'affetto che gli è mancato dai genitori, dice lui. Ho provato a salvarlo dai suoi problemi, quando in realtà l'unica persona che dovevo salvare ero io. Mi sono resa conto che mi butto sempre sui problemi degli altri, li aiuto e non risolvo i miei. Da quando è finita ho raggiunto una consapevolezza che prima non avevo. Ho notato che tendo a colpevolizzare sempre me stessa per il fatto che non mi abbiano amato come meritavo e molte volte nei momenti bui faccio paragoni con il mio ex ed altri,anche se so di averlo solo idealizzato, alcuni strascichi ci sono ancora. Ora da un anno sono single per scelta, sto provando a fare un lavoro su di me, non sono più riuscita a lasciarmi andare con nessuno e un po' questo è dovuto a tutto quello che mi ha fatto subire l'ex. Grazie anche al tuo blog. Mi si è aperto un mondo. Non ho mai avuto una relazione " normale" perché a quanto pare avevo un'idea distorta dell'amore. Spero un giorno di averne una. Grazie di tutto. :-)
    3
    Rispondi a Roberta Commenta l’articolo

    • Avatar di max

      max 8 mesi fa (29 aprile 2017 20:19)

      Roberta, il finale denota che sei consapevole di come ti sei messa da parte per questo uomo che non ha saputo amarti come meritavi...1 anno sabbatico più essere tanto o poco, io ti consiglio di riaprirti a nuovi incontri, ma con la lezione del passato da non ripetere
      4
      Rispondi a max Commenta l’articolo

  12. Avatar di Lollo1

    Lollo1 1 anno fa (6 ottobre 2016 10:34)

    CiaoVolevo fare una domanda a voi donne giusto per avere anche il vostro punto di vista. Su internet gira parecchio materiale di "seduzione" per uomini e ho già dato un'occhiata a qualcosa. Però c'è sempre qualcosa che non mi convince in tutto ciò. Sembra una serie di mosse, strategie, sfotticchiamenti e chi più ne ha più ne metta, che ha il solo fine di manipolarvi. Mi sembra qualcosa di totalmente innaturale e forzato. Non so se mi spiego: io vedo sempre dei soggetti che si approcciano a voi come se fossero degli stalker, oppure dei fenomeni fenomenali che fanno sempre battutine acide o sfotticchiamenti vari a voi o a qualcun'altro per farsi "grossi" con voi e magari impressionarvi o farvi ridere. Il problema è che spesso noto che non tutte voi, ma qualcuna in questo tranello ci casca e magari poi non guardate il tizio che vi passa a fianco, che magari forse non è come ve lo aspettate, ma che sicuramente può avere anche qualcosa in più da offrirvi rispetto al bamboccio che vi fa le battutine acide per impressionarvi. Mi sbaglio o c'è del vero in quello che dico? Mi raccomando, rispondetemi però senza sentirvi offese, non è un'offesa verso di voi ma è solo per cercare di capire se qual che penso è giusto.
    3
    Rispondi a Lollo1 Commenta l’articolo

    • Avatar di Anna

      Anna 1 anno fa (6 ottobre 2016 16:25)

      I siti di seduzione a cui fai riferimento praticano il gioco al massacro. Prima di tutto, secondo me, degli uomini a cui vengono venduti i corsi giocando sulla loro bassa autostima. Secondariamente, delle donne, che vengono presentate come idiote. In pratica: se riesci a manipolarle, sei confermato nel pensare che sono idiote. Se non ci riesci, tanto sono idiote. Tradotto, vinci sempre, ma talmente facile, che ti senti sempre più inadeguato a confrontarti alla pari. Funziona? Beh su tante donne si, altrimenti non esisterebbe neanche un blog o un approccio come questo di Ilaria. Ma non è la strada per stare bene, anzi. Io ci vedo una spirale di disistima reciproca francamente spaventosa
      5
      Rispondi a Anna Commenta l’articolo

    • Avatar di Lollo1

      Lollo1 1 anno fa (13 dicembre 2016 18:00)

      Concordo Anna, grazie per la risposta.
      0
      Rispondi a Lollo1 Commenta l’articolo

    • Avatar di LoveSummerRain

      LoveSummerRain 7 mesi fa (31 maggio 2017 19:20)

      Sì è vero ..magari lì per lì non gli diamo peso ma poi s'instilla una certa insicurezza però vorrei anche precisare una cosa: se si facesse il contrario? Se fosse la donna a stuzzicare l'uomo in maniera acida? Come la prenderebbe? si parla tanto di insicurezza al femminile ma di insicurezza maschile mai: io credo che gli uomini siano anche più vulnerabili.
      0
      Rispondi a LoveSummerRain Commenta l’articolo

    • Avatar di max

      max 7 mesi fa (1 giugno 2017 12:34)

      Ma che domanda è "stuzzicare in maniera acida"?...se è per sedurre, vorresti sedurre così?
      2
      Rispondi a max Commenta l’articolo

  13. Avatar di Demi

    Demi 3 mesi fa (17 settembre 2017 7:32)

    Ciao, come ti capisco! Faccio le stesse cose e mi domando poi sempre, sempre, sempre perché permetto a qualcuno che evidentemente non mi ama, di dirmi cose orribili. Ho superato ogni limite consentito dal buon senso e il coinvolgimento sentimentale che è un dono, se vissuto in pace e armonia, può invece far perdere le certezze di cosa è bene e cosa invece è male. Ma male male! Andiamo avanti, cara e rimettiamoci in connessione con noi stesse e con il bello che abbiamo dentro e anche fuori! Via questa gente che ferisce su un terreno un po' troppo sensibile! Fortifichiamoci riprendendo senso critico e allegria! Una bella risata, una boccata di aria pulita e fresca. Sei d'accordo?
    0
    Rispondi a Demi Commenta l’articolo

  14. Avatar di Michelle

    Michelle 3 mesi fa (26 settembre 2017 21:50)

    Cara Ilaria, da vari anni ormai leggo i tuoi articoli, oltre ad altre informazioni e libri che mi hanno aiutata a crescere, maturare e a diventare emozionalmente indipendente. Ora ho 31 anni e, guardando indietro, posso dire aver fatto molti passi avanti e di aver abbandonato tante abitudini che non mi facevano affatto bene e che non mi lasciavano avanzare. Il mio periodo da sola mi ha cambiata molto e sono riuscita a conoscermi piu` a fondo e a scoprire qualita` che non pensavo nemmeno di avere! Da un anno ho una relazione con un ragazzo che ho conosciuto parecchi anni fa in uno dei miei numerosi viaggi. Con questo ragazzo, conoscendoci meglio e frequentandoci solo negli ultimi due anni o poco meno, ho scoperto avere molta sintonia, passioni in comune, chimica ecc. Abbiamo quindi continuato a frequentarci, seppur a distanza , in quanto vivevamo in due paesi diversi. Io non mi sono fatta illusioni, finché io mi sono trasferita in Spagna e lui ha deciso di venire con me per dare alla nostra storia una possibilita` reale. Abbiamo affrontato le varie difficolta` del trasferimento insieme, in piu` proprio nei primi mesi sua madre e` venuta improvvisamente a mancare, per cui e` stato un periodo molto difficile. Ci siamo sempre appoggiati a vicenda, e lui mi e` sembrato una persona seria e matura. Ci siamo conosciuti piu` in profondita` e abbiamo entrambi sviluppato sentimenti piu` intensi. Putroppo sono venute fuori verita` molto brutte e dolorose per me. Ho scoperto che mentre eravamo a distanza lui frequentava un'altra ragazza, da vari mesi, e che ci sono stati episodi con altre ragazze. Non avevo modo di sapere queste cose di lui, e lui me le ha tranquillamente nascoste, apparentemente senza alcun senso di colpa!! Inutile dire che sono rimasta davvero scioccata dalla cosa e che l'ho voluto lasciare all'istante. Lui mi ha chiesto di dargli la possibilita` di dimostrarmi che vuole davvero stare solo con me e comportarsi seriamente, come ha fatto da quando e` venuto qui con me, ma io non penso riuscirei mai a passare sopra una cosa del genere. A me sembra tutto assurdo perché non capisco come una persona possa decidere di seguire una persona all'estero, di dimostrarsi sempre serio, premuroso, sensibile, con tanti gesti di amore.. ed essersi potuto comportare in questo modo e avermi nascosto tutto e "imporre" la sua presenza nella mia vita su basi totalmente sbagliate. Dico imporre perché se avessi saputo la verita`, non l'avrei nemmeno mai considerato! Io non ho paura a lasciarlo andare, perché so che posso superare anche questa e recuperare il mio equilibrio senza di lui. Ma davvero non capisco come una persona che ha sempre dimostrato di voler davvero stare con me, abbia potuto comportarsi in quel modo.. Davvero da quando e` venuto qui con me, non ha agito in maniera irrispettuosa. Con tutto quello che abbiamo costruito in questo anno anno insieme e vederci cosi` felici insieme, scoprire tutto cio` e` stato un gran duro colpo. Ho anche chiesto aiuto professionale, e lui e` disposto a intraprendere una terapia di coppia o qualsiasi cosa sia necessaria per non perdermi. Lo psicologo mi spinge a dargli una possibilita` e a cercare di capire le ragioni, ma davvero devo andare incontro a tutto cio` per colpa dei suoi errori? E` davvero possibile che siano stati sbagli e che lui ora sia sincero? Tutto questo mi ha risvegliato tanta rabbia e tristezza.. e davvero non vorrei impiegare altro tempo ed energia in qualcosa che e` destinato a fallire, ma non trovo la risposta. Grazie in anticipo per la lettura e per l'eventuale consiglio.
    5
    Rispondi a Michelle Commenta l’articolo

    • Avatar di Carlotta

      Carlotta 3 mesi fa (27 settembre 2017 7:53)

      Ciao Michelle, intanto complimenti per il tuo percorso! Mi sembra che dentro di te sai molto bene che dare una seconda possibilità a un uomo che si è comportato così sarebbe un errore... Lo psicologo fa i suoi interessi.
      2
      Rispondi a Carlotta Commenta l’articolo

    • Avatar di PAMELA

      PAMELA 3 mesi fa (27 settembre 2017 10:36)

      io Michelle ti faccio i complimenti per la tua maturità e il tuo coraggio. Credo - e perdona la sincerità - che tu faccia bene a lasciarlo andare. Chi tradisce e per di piu' con piu' donne penso abbia il vizietto che rimarrà ( magari non ora ma rispunta fuori ) . Quindi secondo me meglio perderlo e trovare uno moralmente alla tua altezza
      2
      Rispondi a PAMELA Commenta l’articolo

    • Avatar di London

      London 3 mesi fa (27 settembre 2017 13:55)

      Ma lui ha avuto queste frequentazioni quando stavate già insieme? E comunque, col senno di poi, si comportava come nell'Ultimo anno in cui è stato presente e premuroso? Da qui la delusione e fiducia che è venuta a mancare ...
      0
      Rispondi a London Commenta l’articolo

    • Avatar di Gea

      Gea 3 mesi fa (27 settembre 2017 16:33)

      Cara Michelle, capisco il tuo sgomento e la tua delusione e ammiro molto la tua lucidita' e integrita'. Credo che tu abbia gia' la risposta che cerchi. Ascolta te stessa innanzitutto! Non lasciare che gli altri (lui, lo psicologo o chissa' chi) decidano per te. Un abbraccio.
      7
      Rispondi a Gea Commenta l’articolo

    • Avatar di Delia

      Delia 3 mesi fa (27 settembre 2017 23:11)

      Michelle, dal tuo commento sembri molto consapevole per cui credo che tu abbia già la risposta dentro di te. Magari hai scritto per un momento di sconforto (che è normale ). Ma come tutti dovrebbero sapere, chi tradisce non ama e non rispetta e di certo non merita di essere capito o perdonato anche perché non c'è niente da capire o perdonare: è un atto infame ed egoistico. Fortuna che hai scoperto dopo non molto tempo la sua vera natura. Fa male, sicuramente , ma servirà da esperienza per non ricadere in relazioni con uomini falsi un 'altra volta. Cancellalo dalla tua vita e guarda avanti. E soprattutto non buttare più i tuoi soldi con lo psicologo, ne farti prendere dalla trappola di terapia di coppia e blah blah blah che non servono ad un emerito nulla se non a peggiorare molto spesso le cose (parere e consiglio personale ovviamente ) ;) . Fidati delle tue sensazioni. Auguri. Buone cose.
      6
      Rispondi a Delia Commenta l’articolo

    • Avatar di Michelle

      Michelle 3 mesi fa (28 settembre 2017 9:03)

      Buongiorno a tutte e grazie mille per le risposte! Si, il commento l'ho scritto in un momento di sconforto e di confusione. Lui queste altre ragazze le ha frequentate quando noi ci frequentavamo a distanza, vedendoci una volta al mese. Non avevamo definito l'esclusivitá della relazione, ma io non mi sarei mai interessata a lui se avessi saputo la veritá, che lui ha guardato bene dal farmi anche lontanamente immaginare!! Dopo 9 mesi di frequentazione a distanza, e´arrivata la sua decisione spontanea di trasferirsi qui in Spagna con me (io non l'ho mai spinto a fare nulla in questo senso perché ognuno di noi aveva la propria vita e non era una decisione facile). E` proprio assurdo che lui abbia deciso di trasferirsi qui con me quando lí frequentava altre persone e faceva la vita che voleva, In piu`, da quando siamo qui insieme lui si é sempre comportato benissimo con me e non ha mai dato nessun segnale di interesse verso un altro tipo di vita. Insomma, o ha due personalitá, o davvero tutto questo per me non ha senso! Abbiamo condiviso tantissime cose, siamo molto compatibili, abbiamo fatto tanti viaggi insieme (entrambi adoriamo viaggiare), abbiamo risolto le prime discussioni in maniera costruttiva, ci siamo sempre sostenuti e incoraggiati a vicenda, non abbiamo mai posto limiti l'uno all'altro.. Diciamo che comunque prima di io scoprire la veritá, abbiamo davvero costruito qualcosa di bello, ed é li che mi viene il dubbio che davvero possa aver fatto errori molto gravi prima di aver una relazione seria e stabile con me, anche se comunque non giustifica il suo comportamento degli inizia e l'avermi nascosto tutto..
      2
      Rispondi a Michelle Commenta l’articolo

    • Avatar di Anna

      Anna 3 mesi fa (28 settembre 2017 10:56)

      Cioè a suo tempo non ne avevate proprio parlato, oppure lui a domanda ha risposto il falso? Ci sono altre cose che ha tenute nascoste? Ti chiedeva esclusività e/o era geloso o controllante? Aveva o ha altri comportamenti strani? Anche a me sinceramente suona come una situazione poco chiara, però è pur vero che si tratta di 9 mesi di relazione a distanza, per di più in fase iniziale e senza accordi di esclusività, e non di 9 anni di bugie da sposati. Come sei venuta a sapere delle altre relazioni? Lui che pensa delle relazioni esclusive e di quel che è successo all'inizio?
      0
      Rispondi a Anna Commenta l’articolo

    • Avatar di max

      max 3 mesi fa (28 settembre 2017 11:36)

      Michelle, mi accodo al consiglio di Gea, di non dare retta a nessuno, nemmeno a chi qua ti dice dal suo punto di vista cosa dovresti fare...perché quando si entra nell' ambito del perdono è tutto totalmente a discrezione personale, è il più grande atto di fiducia possibile che uno può legittimamente fare perché da fede per la seconda volta, oppure può legittimamente non fare perché quella fede è irrecuperabile...come diceva Gea, la risposta ce l' hai dentro di te ;)
      4
      Rispondi a max Commenta l’articolo

    • Avatar di London

      London 3 mesi fa (28 settembre 2017 14:26)

      E' vero Max, il perdono è del tutto personale e varia da situazione a situazione ovviamente. Michelle ora è delusa, molto. Non avrebbe mai immaginato. Dipende da come conosce ora lui e come si è effettivamente comportato in questo anno di relazione esclusiva. Dipende come lui si è giustificato per queste relazioni che sono venute fuori in un periodo che comunque (forse) lui non considerava esclusivo? Molto personale anche se sempre doloroso. Non si dimentica, però se si decide di perdonare, si dovrebbe cercare di andare oltre e perdonare davvero. E non portarsela dietro , la delusione. Per esperienza, non si dimentica e a volte viene fuori. Ovviamente, se dovesse capitare un'altra storia del genere, non se ne discuterebbe più.
      1
      Rispondi a London Commenta l’articolo

    • Avatar di Emanuela T

      Emanuela T 3 mesi fa (28 settembre 2017 14:07)

      @Michelle, a me la situazione non pare così chiara da capire se realmente questo soggetto sia silurabile o meno. Se, come dici tu stessa, la vostra era una relazione non impegnativa a distanza, tanto da vedersi una sola volta al mese, è probabile che lui sì frequentasse senza impegno anche altre persone e poi via via si sia affezionato a te o abbia ritenuto che tu per lui fossi più importante delle altre. Insomma, lungi da me dal buttarti nelle braccia di questo uomo, ma non mi pare che gli elementi che fornisci siano sufficienti per una condanna o un’assoluzione definitiva. Però se tu accetti un forte disagio e di aver perso totalmente fiducia in lui, allora questo vale più di ogni altra giustificazione sull’operato altrui.
      4
      Rispondi a Emanuela T Commenta l’articolo

    • Avatar di Michelle

      Michelle 3 mesi fa (28 settembre 2017 15:30)

      Grazie ancora a tutti per l'appoggio e le risposte! Per spiegare meglio, all'inizio non abbiamo parlato di relazione esclusiva (non credo che dal primo momento di una frequentazione si debba specificare cio`, ma dal mio punto di vista per dare una vera possibilita´alla storia, non si frequentano piu`persone alla volta..). Nonostante ció, lui si é comportato con me come se io fossi l'unica, non ha mai dato nessun segnale di frequentazione o interesse per altre persone. Nonostante ci vedessimo solo una volta al mese, ci sentivamo costantemente e mi ha sempre fatta sentire importante per lui e speciale, sia con gesti che con parole. Passati 5 mesi gli ho detto chiaramente che io frequentavo solo lui e che non mi interssava frequentare altre persone, e lui mi ha risposto che era lo stesso per lui. Poi a settembre dell'anno passato, come ho raccontato, ha deciso di trasferirsi qui con me. Di nuovo non mi ha mai fatto minimamente pensare di aver avuto altre frequentazioni. Ho scoperto la verità quando ho notato il fatto che non ci fosse traccia della nostra relazione da nessuna parte, ad esempio facebook, e che le stesse 2-3 ragazze continuassero a lasciare mi piace e commenti alle foto che lui metteva. Abbiamo fatto un viaggio insieme di 3 settimane, e lui non ha mai messo una foto nostra, ma del viaggio si. Dopo aver chiesto chiarimenti a lui, a cui non ha saputo dare una risposta esaustiva, ho deciso di contattare direttamente le ragazze in questione e.. avevo fatto centro. Due di queste ragazze mi hanno risposto e mi hanno raccontato la verita`. Una di queste lui la frequentava da prima di iniziare a frequentare me e ha continuato a frequentarla per i primi 5 mesi della nostra "storia". Nemmeno a lei aveva mai lasciato intendere che vedesse altre persone. Lei pero´mi ha raccontato che proprio da gennaio, quando io e lui abbiamo iniziato a vederci, lui era cambiato molto con lei e non cercava mai contatti con lei.. fino a quando a maggio ha smesso di frequentarla definitivamente. L'altra l'ha conosciuta e baciata in un bar piu` avanti, ad agosto, un mese prima di venire qui con me. Questa sarà solo la superficie delle cose, il resto probabilmente non lo sapró mai.. Scrivere tutto cio´ mi fa venire la nausea.. Quando gli ho detto di quello che avevo scoperto, ha negato nonostante le evidenze.. ridicolo. Poi mi ha detto che ha negato e non mi ha mai raccontato quelle cose per paura di perdermi e perché in me e in noi ha visto una relazione seria e che ha capito col tempo quanto ero importante per lui e che anch'io ero davvero interessata a lui. Per me è tutto in incubo, se lui mi avesse raccontato la situazione dall'inizio almeno avremmo avuto occasione di discuterne, io gli avrei direttamente detto che a me non interessava frequentarlo e lui avrebbe potuto decidere cosa fare. Invece ora mi sento in preda a tanta rabbia e tristezza, e davvero non ho parole per descrivere cosa mi ha provocato tutto questo e quanto ci sono rimasta male. Per me un uomo vero non si comporta cosi, una persona su cui contare non ti nasconde cose dall'inizio e non ti mente guardandoti negli occhi. Passa il tempo ma io mi sento come il primo giorno in cui ho scoperto tutto.. E´uno schifo.
      4
      Rispondi a Michelle Commenta l’articolo

    • Avatar di Emanuela T

      Emanuela T 3 mesi fa (28 settembre 2017 19:29)

      @Michelle Se ritieni che la tua fiducia in lui sia compromessa, evita di proseguire, mi pare tu sia entrata in un loop mentale dal quale difficilmente uscirai semplicemente facendo passare del tempo.
      4
      Rispondi a Emanuela T Commenta l’articolo

    • Avatar di max

      max 3 mesi fa (28 settembre 2017 20:02)

      A prescindere da tutto, vedersi solo una volta al mese comporta rischi e dubbi legittimi da ambo le parti (perché se ha fatto così ne avrà avuto pure lui) e se non mettere foto della propria vita privata su facebook è solo un bene...e questa è la dimostrazione dei danni che contribuisce a fare facebook...e se te lo avesse detto prima, lo avresti preso male lo stesso, come tu stessa dici, quindi la conferma è che il problema (e la soluzione) è dentro di te.
      0
      Rispondi a max Commenta l’articolo

    • Avatar di Anna

      Anna 3 mesi fa (28 settembre 2017 20:16)

      Beh direi che abbia mentito... se non hai più fiducia, mi pare normale. In testa sua, può avere un senso, ma in pratica gestisce la relazione (e la tua vita) a tua insaputa e questo non va bene a prescindere.
      2
      Rispondi a Anna Commenta l’articolo

    • Avatar di max

      max 3 mesi fa (28 settembre 2017 22:17)

      Anna, in sostanza il tizio lo crocifiggi eh...dicendo che in pratica gestisce la vita di Michelle...per me conclusione totalmente fuori luogo, sballata, e mi auguro che Michelle non tenga conto di una frase così dettata dal tuo punto di vista e dalla tua esperienza....sul fatto che abbia mentito non ci piove eh
      -2
      Rispondi a max Commenta l’articolo

    • Avatar di Emanuela T

      Emanuela T 3 mesi fa (29 settembre 2017 0:14)

      @Max, è molto probabile che il ragazzo sia stato meno coinvolto di Michelle agli inizi, ma che si sia lasciato andare man mano e che abbia sentito un reale coinvolgimento dopo Michelle che invece ha intrapreso una conoscenza esclusiva fin da subito, sono propensa a pensare che lui abbia maturato un sentimento sincero e per questo abbia alla fine scelto lei, del resto trasferirsi da lei non è questione da poco. Il punto è che non è che nella relazione a due siano rilevabili solo le motivazioni di uno solo dei partner, è normale che avendo lei posto piena fiducia nella limpidezza di comportamento del tipo, resti profondamente spiazzata da un’immagine così differente. E no, non è nemmeno giusto che spetti solo a lei valutare e decidere, perché è lui che in modo maturo dovrebbe smettere di mentire e giustificarsi, ma spiegare, se in buona fede, quale sia stato il percorso interiore che lo ha portato a scegliere lei in modo esclusivo. Perdonami Max, ma lui ha agito ignorando assolutamente le esigenze delle sue partner, ma ha valutato e assecondato solo le sue e non è che ora Michelle debba correre felice perché è la fortunata prescelta dal principino. È una questione di fiducia che lui, mentendo, ha incrinato o spezzato e che solo lui può risolvere iniziando a parlare nel modo più onesto possibile.
      6
      Rispondi a Emanuela T Commenta l’articolo

    • Avatar di Michelle

      Michelle 3 mesi fa (29 settembre 2017 11:46)

      Emanuela, hai centrato il punto. Quando ho scoperto la cosa lui sembrava caduto dalle nuvole.. come se non avesse mai pensato alla gravita` del nascondermi quelle cose e soptrattutto come se non avesse mai pensato quanto avrebbe potuto farmi male la cosa. Insomma zero empatia e ha pensato solo al modo in cui lui stava vivendo la storia, insomma. Quindi si, ha fatto crollare la fiducia e, nonostante io non metta in dubbio i suoi sentimenti nei miei confronti, dato che me li ha sempre dimostrati da quando e`venuto qui con me e anche appunto prendendo la decisione di trasferirsi, mi risulta impossibile giustificare le sue bugie e le cose nascoste, e la vita parallela che faceva all'inizio. Inoltre chi mi dice che se ha mentito e nascosto cose prima, non lo faccia di nuovo in futuro? Potrebbe anche essere un tratto caratteriale. Insomma a me dispiace tantissimo perché davvero abbiamo avuto sempre sintonia, compatibilitá, passioni e progetti comuni, il che come sappiamo bene tutti non sono elementi facili da trovare in una relazione.. eppure ha rovinato tutto iniziando la storia su basi totalmente sbagliate. So che e`inutile tornare sempre con la mente al passato, pensare ai se e ma, pero` ripeto che se io avessi lontanamente immaginato che lui frequentasse già un'altra, non mi sarei proprio interessata a lui perché io di carattere sono cosí. Ora e`facile dire che non mi vuole perdere, che non rifarebbe mai cose del genere perché ora abbiamo una relazione seria ecc.. ma una relazione seria non si costruisce su queste basi! Sono sicura che possiate bene immaginare la mia delusione, lo shock e la frustrazione di aver pensato di aver trovato la persona giusta e di aver poi scoperto queste cose.. Dopo la scoperta lui ha fatto di tutto per dimostrarmi che vuole rimediare e che non vuole perdermi, che pensa di aver sbagliato alla grande e di aver rovinato tutto.. Ma quando una persona ti mente e ti delude in quel modo, credo i dubbi rimangano sempre e che non si possa tornare a dare fiducia. E senza fiducia.. che relazione è?
      1
      Rispondi a Michelle Commenta l’articolo

    • Avatar di Emanuela T

      Emanuela T 3 mesi fa (29 settembre 2017 14:09)

      @Michelle, ho l’impressione che nel vostro rapporto ci fosse tutto meno che un dialogo intimo. Il fatto che tu abbia sentito maggiore spontaneità nel cercare chi ci fosse dietro i like sui suoi facebook e contattarli e fidarti delle loro parole, piuttosto che di quelle dell’uomo che si trovava affianco a te è indicativo che il rapporto ha dei limiti importanti. In una relazione onesta tu avresti potuto chiedere a lui di dissipare i tuoi dubbi e lui avrebbe potuto serenamente comunicarti che frequentava altre persone quando ti ha conosciuta, ma di aver chiuso ogni rapporto quando la situazione con te si è fatta più seria. Versione tra l’altro confermata dalle altre ragazze.
      4
      Rispondi a Emanuela T Commenta l’articolo

    • Avatar di Michelle

      Michelle 3 mesi fa (29 settembre 2017 17:15)

      Grazie per il commento Emanuela. Sicuramente all'inizio la comunicazione aveva grandi limiti, essendo noi a distanza e vedendoci solo una volta al mese. In piu´essendo l'inizio della storia, certi argomenti ancora non erano venuti fuori. Piú avanti , dopo che lui si é trasferito qui, abbiamo approfondito il dialogo, i sentimenti.. insomma tutta la relazione si é spostata su un altro livello. Io come ho scritto prima, a lui ho chiesto il perché non pubblicare foto nostre del viaggio e ho fatto domande su quelle ragazze, e lui ha mentito e l'ho percepito. Quando mi ha risposto con bugie lo sentivo dentro di me, e invece di lasciare perdere ho chiesto direttamente alle ragazze, perché volevo la veritá. A lui la veritá ho cercato di tirarla fuori varie volte, senza successo.. Continuava a mentirmi. E quando gli ho dato le prove, la scusa é stata che sapeva di aver sbagliato e che non voleva perdermi (eh bé..). Io posso capire che all'inizio lui non fosse cosí coinvolto da me né avesse sentimenti profondi, ma la stessa cosa valeva per me, ci stavamo conoscendo, ma a differnza sua io non ho voluto frequentare altre persone appunto per dare una possibilitá vera alla nostra storia nascente. Ho guardato avanti, lui no. Avrei potuto vedere altri pensando che lui non lo sarebbe mai venuto a sapere ma non é quello che volevo fare e spero di non farlo mai a nessuno sinceramente. Io non dico che lui dovesse pensarla necessariamente come ma. Voleva frequentare altre? Bene, fallo, ma una ragazza come me non l'avrai. E lui lo sapeva, altrimenti non mi avrebbe tenuto nascosto tutto ció...
      4
      Rispondi a Michelle Commenta l’articolo

    • Avatar di Emanuela T

      Emanuela T 3 mesi fa (29 settembre 2017 18:20)

      @Michelle, non ti concentrare troppo sul fatto che tu abbia agito diversamente da lui nella fase iniziale, è importante invece la predisposizione a mentire del tuo partner. Potrebbe essere un segnale importante oppure un singolo episodio dettato da immaturità.
      1
      Rispondi a Emanuela T Commenta l’articolo

    • Avatar di max

      max 3 mesi fa (29 settembre 2017 12:14)

      Perdonami Emanuela, ma il "lui dovrebbe" , se lei dice che se lo avesse saputo subito lo avrebbe -legittimamente- allontanato in ogni caso, non si pone nemmeno, quindi dal mio punto di vista è solo lei che decide, e lui può solo rimettersi alla sua volontà, perché puoi spiegare, promettere e inginocchiarmi pure sui ceci, ma se dall' altra parte è basta, è basta...che cosa ha ignorato lui?di dirle subito che aveva avuto quelle due scappatelle?...andiamo, lei si sarebbe sentita tradita nella fiducia lo stesso, perché per lei questo è un punto cardine nel rapporto, e chi è quel pazzo che te lo viene a dire?
      -4
      Rispondi a max Commenta l’articolo

    • Avatar di Michelle

      Michelle 3 mesi fa (29 settembre 2017 13:48)

      Max, la sinceritá e la chiarezza sono alla base di un rapporto di fiducia. Senza questo che relazione vuoi iniziare? Nessuna! Se inizi su quelle basi e` meglio direttamente non inizare una relazione, perché evidentemente non si e` in grado di costruirla. La persona che hai accanto deve sapere la veritá su di te, altrimente sceglie in base a una finzione .. La veritá viene sempre a galla, quindi perché perdere il proprio tempo e quello di un'altra persona? Non ha senso.. E questi sono i risultati.
      3
      Rispondi a Michelle Commenta l’articolo

    • Avatar di max

      max 3 mesi fa (29 settembre 2017 15:23)

      Michelle, sono perfettamente d'accordo con te, ma io stavo focalizzando un' altra cosa, cioè che se per te la fiducia è stata tradita a prescindere da tutto, poteva dirtelo anche subito, che non sarebbe cambiato nulla, perché sulla fiducia c'è chi è disposto a perdonare e chi no, e su questo non c'è universalità, ma solo la legittima discrezione personale...certo è che il tradimento della fiducia del partner avviene soprattutto -ma non solo- con la carne, ma presuppone sempre altre cose nel sottobosco su cui riflettere...lui come ti hanno già detto non era coinvolto abbastanza, e se tu vuoi un uomo che sia pronto a coinvolgersi da subito, evidentemente non era l' uomo per te.
      0
      Rispondi a max Commenta l’articolo

    • Avatar di Emanuela T

      Emanuela T 3 mesi fa (29 settembre 2017 14:31)

      @Max, ancora una volta aggiungi del tuo :D La definizione di scappatella si addice all’avventura che ti fai mentre sei in un rapporto ufficiale dall’altra parte. In questo caso una delle ragazze contattate da Michelle era in relazione con il ragazzo ben prima che lui iniziasse ad uscire con Michelle e la ragazza sapeva di essere l’unica sua frequentazione ( questo ci dice Michelle ), lui faceva sentire anche l’altra come unica. Inoltre lui ha evitato accuratamente di rendere noto a tutte ( Michelle ne ha contattate due, e due su due hanno confermato i suoi sospetti, ma potrebbero essere anche di più ). Quindi lui ha tenuto più storie in piedi fin quando non ha tirato le somme. Michelle giustamente si chiede se questa sia una persona affidabile, visto che le premesse non sono rosee. Un uomo che ha agito in buona fede non ha motivo di mettersi in ginocchio sui ceci, nè di nascondersi, semplicemente risponderebbe alle domande con fermezza spiegando che ogni contatto precedente si è concluso dal momento x in poi. Altre reazioni rientrano nella manipolazione e francamente non sono gradevoli. Per darti l’idea che non sono priva di comprensione verso chi parte con dubbi vari, ti riporto una mia esperienza diretta. Tempo fa venivo corteggiata da due uomini contemporaneamente, avevano entrambi la stessa differenza d’età rispetto a me, solo uno verso l’alto e l’altro al ribasso. Avevano un approccio differente, quello più maturo era più soft e con altri tempi, quello più giovane molto più immediato. Poiché nessuno dei due ancora si era esposto in modo inequivocabile giocai un po’ su quell’attesa, ma arrivai al momento in cui per non perdere entrambi presi una decisione lasciando andare l’altro. E questo prima di avere un rapporto fisico con loro. Insomma, comprendo la fase di valutazione, conoscenza e altro, ma razionalmente non si può pensare che le proprie azioni non abbiano delle conseguenze sugli altri e che per evitarmi il peggio non si possa usare la testa. Perdonami Max, ma se tu avessi scoperto che la donna con cui uscivi da diversi mesi e che ti faceva sentire più che unico per lei, alla fine andava a letto anche con altri, non resteresti turbato? Soprattutto se lei ti avesse negato la cosa e si fosse piazzata in casa tua.
      4
      Rispondi a Emanuela T Commenta l’articolo

    • Avatar di max

      max 3 mesi fa (29 settembre 2017 19:53)

      Ovvio che se la donna con cui ho una relazione, mi mette le corna o tiene il piede in due scarpe, e lo vengo a scoprire, le faccio fare le valigie...e sono d' accordissimo con quello che dici, che ogni nostra azione determina una reazione dall' altra parte e delle conseguenze..la manipolazione non la assocerei però al non aver rivelato le sue due scappatelle, relazioni parallele o come le vuoi chiamare, perché poi in ogni caso lui aveva scelto lei
      -1
      Rispondi a max Commenta l’articolo

    • Avatar di Emanuela T

      Emanuela T 3 mesi fa (30 settembre 2017 9:16)

      @Max, trovo adorabile il garantismo che hai mostrato verso il compagno di Michelle e l'intransigenza che manifesti se i ruolo fossero invertiti. Ma come può competere con te Bradley :D p.s. Sei romano?
      2
      Rispondi a Emanuela T Commenta l’articolo

    • Avatar di max

      max 3 mesi fa (30 settembre 2017 11:22)

      Emanuela, la mia opinione sul tradimento in passato l' ho scritta più volte sul blog, e mannaggia a me che ho risposto alle tue domande, perché ero partito sul discorso del perdono, sul quale ho imparato che è totalmente a discrezione personale...ovviamente in base al grado di tradimento che si subisce, ma anche ad altri fattori...sulla mia pelle ne ho subito solo uno quando ero sui 25 anni con il primo grande amore della mia vita: è stato solo un bacio, e poi lei dopo quel bacio capì che aveva fatto una cazzata e amava ma, ma io fui intransigente e la lasciai dopo 2 anni di relazione...ecco forse se fossi stato in grado di perdonare quel tradimento della mia fiducia, magari a quest' ora saremmo ancora insieme
      0
      Rispondi a max Commenta l’articolo

    • Avatar di Emanuela T

      Emanuela T 3 mesi fa (30 settembre 2017 12:47)

      @Max, concordo con te sul fatto che il perdono sia a discrezione personale, perché ognuno di noi sente quanto sia realmente compromesso o cambiato il rapporto dopo la scoperta o rivelazione. Mi pare di ricordare una frase di quelle che Ilaria riporta durante i suoi articoli che più o meno diceva che il problema non fosse il tradimento, ma che da quel momento si era persa fiducia nell'altro. Vedi, quando il rapporto è idilliaco, come nel tuo caso o in quello di Michelle, anche un semplice bacio può far saltare la puntina sul disco e rigare l'intera facciata. Ci sono persone disposte a ingoiare l'inverosimile e altre che sentono perfettamente che da quel momento in poi ciò che si può vivere è angoscia e sospetto. Io sento di poter vivere solo in un rapporto in cui dell'altro mi posso fidare e solo quella dimensione e non un'altra, quando invece la realtà mi restituisce un quadro differente chiudo perché mi conosco e so che non guarderei la persona nello stesso modo e sarei una persona decisamente peggiore. Il problema non è l'altro e il fatto che possa aver sbagliato una sola volta e in modo più o meno lieve, ma sono io e le mie reazioni non più serene. Quindi tranquillo, non pentirti di aver risposto, perché comprendo perfettamente quello che vuoi dire ( o lo comprendo meglio dopo questa tua ulteriore precisazione ). Inoltre rispondo anche a quello che hai scritto a Gea, le persone che sul blog ritengono sia stata lesa la loro maestà perché rifiutate dopo un primo caffè insieme o ignorate dopo una raffica di sms senza risposte, non rientrano nella casistica del tradimento della fiducia, ma in quella della non accettazione dell'esistenza di un altro soggetto oltre se stessi.
      3
      Rispondi a Emanuela T Commenta l’articolo

    • Avatar di max

      max 3 mesi fa (30 settembre 2017 16:12)

      Emanuela, intendevo frequentazione iniziale compresa di rapporto sessuale, non l' ho specificato, ma mi sembrava sottinteso in un discorso come questo...posto questo punto invece come la vedi?...è sempre un tradimento della fiducia che riponiamo nell' altro, tanto quanto un tradimento come quello di Michelle?
      -1
      Rispondi a max Commenta l’articolo

    • Avatar di Emanuela T

      Emanuela T 3 mesi fa (30 settembre 2017 18:57)

      @Max, dipende sempre dalle modalità con cui uno si è rapportato. Se ho una frequentazione, anche se di breve durata, con un uomo che mi ha mentito sul suo stato, ossia mi ha detto di essere libero mentre conviveva, io sento tradita la mia fiducia anche se il rapporto si è interrotto dopo una sola notte insieme. Se un uomo libero, completamente libero, dopo una sola notte insieme preferisce non proseguire, realizzo che non fosse interessato più di tanto, o che non sia scattato nulla di speciale in lui, lo accetto e proseguo per la mia strada. Indubbiamente potrà dispiacermi, ma non posso ritenerlo una persona poco onesta o che ha messo in atto un lavoro teatrale degno della Mandragola del Machiavelli solo per una notte insieme. Come vedi è nell'onestà delle azioni la differenza nell'essere legittimati a sentirsi traditi o meno.
      2
      Rispondi a Emanuela T Commenta l’articolo

    • Avatar di max

      max 3 mesi fa (1 ottobre 2017 1:46)

      Si Emanuela, tu probabilmente sai separare bene le cose, usi un maturissimo "dispiacere" piuttosto che di delusione o altro, ma c'è da dire che non tutte sono come te, no?...penso alle tante donne che hanno scritto sul blog che si sono concesse, si sono fidate, e pure coinvolte (a torto o ragione) con il fuggiasco di turno e ne escono con una bella tranvata affettiva....bella la citazione della mandragola, mi hai fatto venire in mente la prof di italiano!
      2
      Rispondi a max Commenta l’articolo

    • Avatar di Anna

      Anna 3 mesi fa (1 ottobre 2017 13:02)

      Si cerca di maturare, invece che continuare a fare sempre gli stessi identici errori, non ti pare, Max? Se non sbatti la faccia ripetutamente allo stesso muro (peraltro tuo nel 90% dei casi), non è vero amore?
      0
      Rispondi a Anna Commenta l’articolo

    • Avatar di max

      max 3 mesi fa (2 ottobre 2017 1:01)

      Assolutamente Anna...io ho sbattuto solo una volta alla veneranda età di 39 anni, e...s'è rotto il muro!
      0
      Rispondi a max Commenta l’articolo

    • Avatar di Gea

      Gea 3 mesi fa (30 settembre 2017 17:38)

      Nostalgia? 😉 Dai, Max, non serve fare ipotesi sul passato: hai fatto cio' che hai ritenuto giusto e conforme ai tuoi valori... e va bene cosi! Comunque il tizio di Michelle si e' comportato ancora peggio, prendendo in giro tre donne in simultanea.
      4
      Rispondi a Gea Commenta l’articolo

    • Avatar di max

      max 3 mesi fa (1 ottobre 2017 1:57)

      Nostalgia?...mah, ogni tanto penso a come sarebbero state le sliding doors se avessi preso decisioni diverse in vari frangenti...magari ci impiego 5 minuti a scegliere che pizza mangiare, ma nella vita sono sempre stato un decisionista, anche fin troppo netto in passato...superati gli 'anta sto smussando certi spigoli...c'è chi impara a metterli i paletti, e chi impara a toglierli...il tizio di Michelle -perdendola- mi auguro che imparerà la lezione
      1
      Rispondi a max Commenta l’articolo

    • Avatar di Gea

      Gea 3 mesi fa (1 ottobre 2017 12:38)

      Ciao Max, sono d'accordo sul fatto che il passato possa insegnarci qualcosa, purche' si capisca la lezione e la si metta in atto, ovviamente, ma credo che pensare a come sarebbero andate le cose (in amore, negli studi, nel lavoro etc.) sia uno spreco di tempo e di energia mentale che tende ad acchiappare quando si e' in una fase di stallo e di stanca, ma che e' bene scrollarsi di dosso in fretta. Le congetture sul passato, come anche quelle sul futuro, sono paraocchi mentali che impediscono di focalizzarsi sul presente, che e' l'unico tempo nel quale possiamo agire. Buona domenica! 😊
      4
      Rispondi a Gea Commenta l’articolo

    • Avatar di max

      max 3 mesi fa (30 settembre 2017 11:30)

      P.s. Non sono romano...perché i romani, oltre a pagare "alla romana" al ristorante che fanno?
      -1
      Rispondi a max Commenta l’articolo

    • Avatar di Gea

      Gea 3 mesi fa (30 settembre 2017 9:45)

      Ciao Max, quindi se tu fossi al posto di Michelle, saresti contento che alla fine la tua lei abbia scelto te? La manipolazione e' cominciata nell'omissione di certi fatti che avrebbero messo il tipo in cattiva luce, ed e' continuata quando lui ha mentito a Michelle, negando i fatti. Come si puo' accettare un tipo simile? Magari nelle fiction, nei romanzetti e giornaletti femminili funziona cosi, e d'altronde sul blog ci sono spesso donne che (purtroppo) scrivono di accettare la qualunque da un uomo e neanche si accorgono dell'aberrazione. Quando arriva una come Michelle che ha ben chiaro che lui non corrisponde al suo sistema di valori e non intende dargli alcuna opportunita' futura, visti i presupposti, secondo me c'e' solo da farle 92 minuti di applausi!
      8
      Rispondi a Gea Commenta l’articolo

    • Avatar di max

      max 3 mesi fa (30 settembre 2017 11:58)

      Gea, ovvio che non sarei contento, ma cosa farei?...boh dovrei essere veramente nei suoi panni per saperlo...ripeto, se Michelle per quelli che sono i suoi valori, ha ritenuto di chiudere la storia con lui, bene, fantastico, ottimo per lei...ne arriverà un' altro sicuramente, che potrà o non vorrà (non usati a caso questi due verbi) tradire la sua fiducia, e potrà magari amarla alla follia per sempre...glielo auguro come lo auguro a tutte voi, ma anche quando l' Amore sembra quello giusto, non siamo mai al riparo dal tradimento della nostra fiducia e delle nostre aspettative, le testimonianze sul blog parlano chiaro...tecnicamente anche una persona che ti dice "non sono attratto da te", "non è scattato" all' inizio della frequentazione, oppure dopo anni -senza tradimento- ti dice "gea, non ti amo più mi spiace" tradisce lo stesso la tua fiducia ed il tuo ideale di amore...e in questo caso che fai, lo perdoni dentro di te, o no?
      -2
      Rispondi a max Commenta l’articolo

    • Avatar di Gea

      Gea 3 mesi fa (30 settembre 2017 17:30)

      Ciao Max, non mi e' capitato quello che dopo anni mi dice che non mi ama piu', e credo difficilmente mi capiterebbe, perche' che uno non ami piu' si puo' capire da una miriade di piccoli segni prima di sentirselo dire. Ovvio che la fiducia possa essere tradita anche dopo anni di apparente felicita', ma Michelle per sua fortuna lo ha scoperto all'inizio. Se la colf ha rubato a casa mia una volta, dopo un mese o dopo 15 anni, io non voglio piu' che ritorni da me.
      4
      Rispondi a Gea Commenta l’articolo

    • Avatar di PAMELA

      PAMELA 3 mesi fa (1 ottobre 2017 22:28)

      che ne sai che aveva scelto lei??? Questo è un furbetto. Altroche'. Dai su ...Lo ha fatto lo rifarebbe, due tre ...che differenza vuoi che faccia. Lui ora non vuole perderla? ma è il suo EGO che ha bisogno di non sentirsi schiaffeggiato per cui lasciato . Michelle liberatene scusa se mi permetto ma lo dico per esperienza vissuta purtroppo
      0
      Rispondi a PAMELA Commenta l’articolo

    • Avatar di Anna

      Anna 3 mesi fa (29 settembre 2017 16:47)

      @Max: Una persona che ti mente (cioè a domanda risponde mentendo), facendo cose che tu non condivideresti (perché per lui hanno senso, e perché possono anche non essere oggettivamente sbagliate), fino al punto di decidere con te il vostro futuro e di cambiare paese per vivere con te, come se niente fosse stato ... secondo me manipola alla grande. Cioè, come dice Emanuela, decide della SUA vita, usando la tua, ed evitando l'incomodo di un confronto. E questo vale per tutte le bugie e gli omissis, anche se certamente la mia esperienza mi insegna a drizzare le antenne subito (e meno male). In coppia si decide insieme, non è che se tu la pensi diversamente da me, o se pensi di pensarla diversamente da me, non mi dici le cose che potrebbero darmi fastidio e le fai lo stesso - tanto hai le tue buone ragioni. Altrimenti, alla fine, una piccola o grande cosa dopo l'altra, ci si ritrova ad aver vissuto una vita in cui semplicemente non si è avuta voce in capitolo. Più utile per il futuro di Michelle, in ogni caso, sarebbe capire come mai non ci fosse dialogo e trasparenza. Perché è meglio essere inflessibili nel dialogare che nel chiudere, su questo sono d'accordo senz'altro.
      5
      Rispondi a Anna Commenta l’articolo

    • Avatar di max

      max 3 mesi fa (1 ottobre 2017 2:10)

      Mah, per me -ma forse è un concetto limitato il mio- vedo la manipolazione quando un soggetto fa fare qualcosa ad un' altro soggetto, gli somministra la caramella e poi dopo lo affama, impone di fare questo e di non fare quell' altro, insomma si mette in una posizione dominante (che può arrivare alla sottomissione malsana di alcuni casi do cronaca o testimonianze sul blog)...nella storia di Michelle sinceramente ci posso vedere il tradimento, le balle, la relazione parallela, ma non la manipolazione da parte di lui...correggetemi se sbaglio eh
      0
      Rispondi a max Commenta l’articolo

    • Avatar di Gea

      Gea 3 mesi fa (1 ottobre 2017 12:31)

      Ciao Max, la manipolazione e' nell'aver taciuto cose spiacevoli per salvarsi il cubo, e sperare che, ora che Michelle e' piu' coinvolta nella relazione, passi sopra alle magagne.
      8
      Rispondi a Gea Commenta l’articolo

    • Avatar di Michelle

      Michelle 3 mesi fa (1 ottobre 2017 12:35)

      Max si, mi ha manipolata alla grande. Perché? Perché nascondendomi cose, facendomi credere di essere l'unica e trasferendosi qui senza avermi raccontato la veritá, mi ha indotta a decidere di stare con lui, a sceglierlo, su basi totalmente false. Io non avrei mai accettato di stare con lui se avessi saputo la veritá. Non avrei scelto lui, non avrei deciso di avere una relazione con lui, ecc ecc. Ti risporto qui una definizione di manipolazione: "La manipolazione psicologica è un tipo di influenza sociale finalizzata a cambiare la percezione o il comportamento degli altri usando schemi e metodi subdoli e ingannevoli che possono anche sfociare nell'abuso sia psicologico che fisico."
      7
      Rispondi a Michelle Commenta l’articolo

    • Avatar di Anna

      Anna 3 mesi fa (1 ottobre 2017 13:08)

      Le bugie e le omissioni sono la forma più frequente e diffusa di manipolazione. Fai quello che ti pare, e lo tieni nascosto. Oppure fornisci informazioni false, o non-false ma fuorvianti, e modifichi così le aspettative/azioni dell'altro. Quando esce fuori la magagna, puoi sempre dire: ma mica ce lo eravamo detti; mica ti avevo detto "ti amo"; mica ho detto (proprio) bugie, ecc ...
      7
      Rispondi a Anna Commenta l’articolo

    • Avatar di Emanuela T

      Emanuela T 3 mesi fa (1 ottobre 2017 13:40)

      @Max, dal mio punto di vista la manipolazione c’è già quando cominci a dare zuccherini mirati, il fatto poi di levare la somministrazione a proprio piacimento per generare dipendenza rientra nella perversione. Il comportamento del compagno di Michelle appare meno grave anche ai suoi ( di lui ) occhi proprio perché manipolatorio senza essere perverso. Lo ha fatto puramente nel suo interesse dispensando cuori e baci a tutte senza avere un reale sentimento per nessuna, quando poi ha deciso con chi voleva proseguire si è ritrovato nella posizione di rendere credibili oggi le stesse parole che diceva un tempo e che ormai sono inflazionate.
      12
      Rispondi a Emanuela T Commenta l’articolo

    • Avatar di max

      max 3 mesi fa (2 ottobre 2017 1:20)

      Ok, balle=manipolazione....mi mancava questo passaggio....quindi per estensione tutti i donnaioli che seducono ed abbandonano mettono in atto una manipolazione?
      -6
      Rispondi a max Commenta l’articolo

    • Avatar di Ilaria Cardani

      Ilaria Cardani 3 mesi fa (2 ottobre 2017 9:18)

      Eh sì, se no cosa, scusa Max?
      9
      Rispondi a Ilaria Cardani Commenta l’articolo

    • Avatar di Ilaria Cardani

      Ilaria Cardani 3 mesi fa (2 ottobre 2017 9:45)

      E non per estensione, proprio i seduttori, in ogni campo, sono i veri manipolatori.
      8
      Rispondi a Ilaria Cardani Commenta l’articolo

    • Avatar di Anna

      Anna 3 mesi fa (2 ottobre 2017 11:35)

      E siccome un po' di manipolazione, nel gioco della seduzione, c'è sempre, capita all'inizio di far passare in cavalleria tanti segnali che col senno del poi - o con un po' di cinismo anche da subito - sono chiarissimi. Perché un conto è presentarsi più "belli" del solito ai primi appuntamenti, o mostrarsi più disponibili e galanti per fare colpo, un altro è recitare la parte della persona che si pensa possa piacere all'altro, non essendolo, e omettendo informazioni fondamentali. Anche le bugie bianche dette "per non far soffrire l'altro" ... mmm ... tante volte servono piuttosto a parare il cubo a chi le propina, come dice Gea. Non si tratta sempre e solo di tacere del brufolone inguardabile in mezzo alla fronte (ah sì, vero, non ci avevo fatto caso, si nota appena). Fra compiacere, blandire, e manipolare, possono esserci solo sfumature.
      5
      Rispondi a Anna Commenta l’articolo

    • Avatar di max

      max 3 mesi fa (2 ottobre 2017 12:35)

      Sennò mi sembra di vedere la manipolazione dappertutto, anche in ogni corteggiamento, in ogni rapporto di lavoro, in ogni rapporto genitori-figli, cioè anche una manipolazione positiva....poi però se leggo la definizione di manipolazione che ha postato Michelle in questa discussione, i conti non mi tornano.
      -2
      Rispondi a max Commenta l’articolo

    • Avatar di Ilaria Cardani

      Ilaria Cardani 3 mesi fa (2 ottobre 2017 13:03)

      Tu hai parlato di seduttori e la seduzione è manipolazione. Poi sì, c'è moltissima manipolazione nei corteggiamenti, nelle amicizie, nei rapporti medico-paziente, genitori-figli, nei rapporti di lavoro. C'è manipolazione dappertutto, esattamente. E' un po' l'acqua calda, però, Max, non è una rivelazione...
      4
      Rispondi a Ilaria Cardani Commenta l’articolo

    • Avatar di Michelle

      Michelle 3 mesi fa (2 ottobre 2017 10:29)

      Una delle cose che succede spesso al giorno d'oggi, agevolata dalle reti sociali e dalle dating app e cose di questo tipo, e' proprio che molte persone seducono mostrando un'immagine di sé poco realista, omettendo dettagli della propria vita (esempio piu´classico, essere giá in coppia), dicendo grandi parole di apprezzamento ecc al poco tempo, per poi sparire dopo un episodio sessuale o prima di un effettivo appuntamento (a volte uno cerca solo una distrazione virtuale alla propria vita e non arriva a concretizzare). Si sentono ogni giorni casi di questo tipo. Normalmente chi "ci casca" e´ chi in quel momento é proprio alla ricerca di quelle attenzioni e si illude che siano reali. Sono tutti casi di manipolazione e noi dobbiamo imparare a non farci abbindolare da queste cose e vedere la realta` per ció che è. Ho un'amica che conosce ragazzi solo online e le continuano a succedere cose di questo tipo.. La sensazione di solitudine e il bisogno di attenzioni chiaramente non ci portano ad avere ció che meriteremmo davvero!
      3
      Rispondi a Michelle Commenta l’articolo

    • Avatar di Emanuela T

      Emanuela T 3 mesi fa (2 ottobre 2017 10:30)

      @Max, provo per un attimo a indossare i tuoi panni e ipotizziamo che tu abbia un innato senso di protezione verso la donna che abbia una qualche fragilità o difficoltà. Tra tante donne carine, inevitabilmente oltre la semplice attrazione per tutte, hai una sorta di calamita per quell'unica che rispetto alle altre ti appare più delicata, quasi un pulcino indifeso, un quadro da ottocento inglese. Ecco, esistono eserciti di ragazze che simulano disgrazie familiari inesistenti o situazioni varie di difficoltà, per stimolare un senso affettivo nell'altro che vada oltre il mordi e fuggi della semplice attrazione, che a loro non interessa. Per te è differente? il ragionamento che tu hai applicato al partner di Michelle potrebbe essere lo stesso, perché è inevitabile che se vuoi avere un tetto sulla testa, la cittadinanza, una rendita a vita non dirai mai la verità, ossia ciò che tu sei realmente, "solo un pazzo lo farebbe" ( tua cit. ). Se la valutiamo sotto il profilo della convenienza personale, vale questo quanto quello. Vale al maschile quanto al femminile. Hai indotto una persona in errore. Io sono stata ingannata da un soggetto che si dichiarava liberissimo e aveva in casa compagna e bambino di lei. E' normale che mi abbia raccontato balle, non amo avere avventure in generale, tanto meno con uomini impegnati, per me non è gratificante. Quindi quale mezzo più scontato che fingersi liberi, far trovare la casa vuota quando lei va dai suoi con il bambino, correre dal fioraio fuori città perché non sia lo stesso che ti serve sempre e ti riconoscerebbe, prenotare il ristorantino e farsi la bella serata "spezza fame", poi si riprende con la routine. Ma è ovvio, ma dal suo punto di vista. A te sembra semplicemente una simpatica canaglia? Lo so, nell'ottica maschile lui è stato uno in gamba, perché si pensa che uno che ha raggirato una donna sia sostanzialmente incapace di raggirare il collega di lavoro, l'idraulico o l'amministratore di condominio. A mio avviso una persona così è inaffidabile su tutto, perché è nella sua natura mentire per raggiungere scopi che diversamente, ossia con le proprie qualità, non sarebbero nemmeno visibili all'orizzonte.
      8
      Rispondi a Emanuela T Commenta l’articolo

  15. Avatar di Maria Ilenia

    Maria Ilenia 2 mesi fa (19 ottobre 2017 17:21)

    Ciao, ho letto il tuo articolo, ho avuto l impressione che parlassi proprio di me!!!! Mi trovo in una situazione particolare ma non capisco se possa essere manipolazione. Mi piacerebbe avere qualche informazione in più......
    0
    Rispondi a Maria Ilenia Commenta l’articolo

  16. Avatar di Luca

    Luca 1 mese fa (9 novembre 2017 16:28)

    Condivido pienamente suggerimenti molto utili. Grazie
    0
    Rispondi a Luca Commenta l’articolo

  17. Avatar di Dimmi

    Dimmi 2 settimane fa (5 dicembre 2017 17:56)

    Ho un problema con una manipolatrice, da sempre, mia mamma! Invadente da sempre, molte cose le ho capite crescendo ma su una cosa insiste ancora : che faccia un figlio... Questa da sempre, poi la mia vita sentimentale è stata abbastanza altalenante, ora da qualche anno stabile, ma non ho più 20 anni e nemmeno 30, per molti potrei già essere out per una maternità. Il fatto è che io ci ho anche provato, ma ancora non è arrivato ma più di un integratore (dato dalla ginecologa) non voglio andare, per la serie sarà quel che sarà. Invece lei martella sempre che dovrei farmi visitare, farmi aiutare... E ogni volta fa sempre riferimento a quello, del tipo se da una pianta strana nasce un fiore mi dice: sarà di buon auspicio. Tutto questo mi sta appesantendo molto ma, siccome più volte ho avuto scontri con lei su questo argomento, ma vedo che non intende... Non so come comportarmi... Come dovrei affrontarla secondo te per farla tacere? Se non capisce lei che è Invadente....
    0
    Rispondi a Dimmi Commenta l’articolo

    • Avatar di Carlotta

      Carlotta 2 settimane fa (5 dicembre 2017 21:28)

      Non lo capirà mai. Continuare a scontrarsi è inutile. In realtà è inutile anche proprio parlare dell’argomento perché non otterrai mai niente, se non false vittorie. Lei sfoga le sue frustrazioni su di te in questo modo che sei il suo caprio espiatorio. Devi imparare a gestirla - ed è difficilissimo - mettendo paletti ben saldi, non permettendole di andare sull’argomento, andandotene se insiste, prestando attenzione a non perdere le staffe, perché certe litigate fanno male a te. Purtroppo, per alcuni, è un lavoro di una vita.
      4
      Rispondi a Carlotta Commenta l’articolo

    • Avatar di Isola-sacra - ex monentourage

      Isola-sacra - ex monentourage 2 settimane fa (6 dicembre 2017 10:35)

      probabilmente il figlio non ti viene proprio per queste ansie, pensaci! in fondo in fondo non vuoi fare un figlio per tua madre! se invece tua madre ti lasciasse stare, tu lo vorresti solo per te stessa e lasceresti che le cose facciano il loro corso. Purtroppo in questo genere di cose gioca molto il lato psicologico. metti paletti, dille magari che non hai intenzione di parlare di questa tua personalissima decisione/situazione e che se insiste lei non sarà mai nonna! mettile un po' di strizza, e ogni volta che andrà sull'argomento stizziscila per bene! e facci sapere. ;)
      2
      Rispondi a Isola-sacra - ex monentourage Commenta l’articolo

    • Avatar di Ilaria Cardani

      Ilaria Cardani 2 settimane fa (6 dicembre 2017 11:11)

      Ciao Dimmi, tua madre non capirà mai che è invadente, non solo perché non gliene importa un fico secco di essere invadente e di quanto essere invadente non sia rispettoso (se no, per definizione, non sarebbe invadente), ma perché dell'invadenza fa una ragione di vita. Una leva per sentirsi importante e dare senso a un'esistenza altrimenti priva di senso. Immagino che, a parte questo fatto del figlio, la sua invadenza abbia condizionato molto la tua vita e da come ti esprimi probabilmente più di quanto tu ti renda conto. E' questo non va bene, è sbagliato. La volontà manipolatrice di tua madre non si mostra solo nella forma, ma nella sostanza: figli e nipoti per lei non sono persone, ma strumenti, mezzi. E' immorale tutto ciò. Tornando a te, se tua madre non ce l'ha presente (e non ce l'ha presente) è bene che sia chiaro a te: i figli sono una cosa seria. I figli si fanno quando si è convinti e si è convinti in due, non madre e figlia, ma futuro papà e futura mamma. E come miliardi di persone possono testimoniare, anche quando si è straconvinti, mettere al mondo dei figli rimane un'impresa seria e impegnativa. Tu dici di aver raggiunto di recente una stabilità sentimentale e, questa, detta così, non sembra una notizia molto rassicurante; in più sembra che questa stabilità sentimentali arrechi sollievo principalmente per il fatto che può essere uno strumento per compiere l'obiettivo finale: procreare. Orrore! Ancora si ragiona non considerando esperienze e persone "per sé e in sé" ma come mezzo per raggiungere qualcos'altro. E' la ricetta migliore per fare delle vite di melma, tutti quanti. E' la via maestra alla nevrosi e all'infelicità. Tu lo vuoi questo figlio? Intendo per te e per lui (il figlio/a) o per tua madre (attenta a non fare confusione)? Non volere un figlio o stare senza figli mica è una colpa. Fare un figlio, mica è un dovere, come nel medioevo, nemmeno, senti un po', se lo vuole mammà, che tutto può, prima di dio, perfino. La questione dei genitori e delle famiglie tossiche non riguarda mica solo te. Riguarda moltissime persone, delle quali alcune sono consapevoli, altre per nulla. Con tua madre e con tutte le persone tossiche non servono a niente le discussioni, le spiegazioni e i chiarimenti. Anzi, sono il male. Si prova una volta a fare una bella spiegazione, come fa il giudice con i due separandi che si accapigliano e la norma lo obbliga a tentare una riconciliazione. Poi dopo si passa ai fatti: appena la signora accenna al ricatto morale/emotivo, ci si mette, con calma estrema e senza dramma, il cappotto e si infila la porta. Si fosse anche nel bel mezzo del pranzo di Natale. L'importante è non fare scenate, stare calmi ed essere irremovibili. Se con questo comportamento la capisce, bene, si mantengono rapporti civili rispettando i confini e facendoli rispettare. Se nemmeno questo attacca, bisogna tagliare.
      21
      Rispondi a Ilaria Cardani Commenta l’articolo

    • Avatar di Dimmi

      Dimmi 2 settimane fa (6 dicembre 2017 14:23)

      Grazie mille per le vostre risposte. Dici bene Ilaria, la sua invadenza ha condizionato molto la mia vita e me ne sono accorta crescendo , sempre più, quando sono uscita di casa e sono andata a vivere da sola , un dramma , non perché fossi andata via ma perché vivevo sola e abbastanza lontano , zona campagna e non avevo un compagno/marito ma ero sola ! Dramma su dramma! Ho capito che cercava, lo fa tuttora, di dirigere la mia vita , un po' come fa con quel santo uomo di mio babbo, con mio fratello un po' meno perché lui non la considera nelle sue scenate di "rimproveri" perché lo chiama e lui non risponde mai. Io diciamo che sono sempre stata la figlia "brava" ma ho peccato in : non essere convolata a nozze, non aver avuto figli, insomma una vera pecora nera (per questo penso di essere considerata strana anche in certi falsi ambienti di apparenza). Tornando al figlio, negli anni ho sempre pensato che la pesantezza di lei (inconsciamente), un Po come dice isola-sacra , mi avesse portato ad avere il rifiuto per cui per ripicca non abbia fatto figli ma anche perché non è mai venuto come progetto in una relazione sentimentale. Ora il progetto ci sarebbe, nel senso l'uomo giusto, ma non la vivo con ansia però non è ancora venuto sto figlio , vuoi l'età, vuoi altro. Non é una colpa, certo, a parte in alcuni ambienti, ma quando hai una che ti martella da quando hai 24 anni dicendoti che a quella età lei aveva avuto mio fratello, poi l'anno dopo che aveva avuto me , e così un continuo per anni. Si, credo che lei faccia parte dei Tossici per eccellenza. Cercherò di seguire il consiglio di stare calma e non fare scenate e andarmene, perché lei è il ricatto emotivo in persona!
      10
      Rispondi a Dimmi Commenta l’articolo

    • Avatar di Dimmi

      Dimmi 2 settimane fa (7 dicembre 2017 14:48)

      Ciao Ilaria, hai qualche libro da consigliare sulle persone tossiche e su come trattarle/ comportarsi? grazie mille, ciao
      3
      Rispondi a Dimmi Commenta l’articolo

    • Avatar di Ilaria Cardani

      Ilaria Cardani 1 settimana fa (7 dicembre 2017 20:18)

      Robin Stern, Non mi puoi manipolare. Questa e altre risorse le trovate elencate nella pagina: http://www.lapersonagiusta.com/inizia-da-qui/
      2
      Rispondi a Ilaria Cardani Commenta l’articolo