Perché un uomo tradisce: tutta la possibile verità

perché un uomo tradiscePerché un uomo tradisce? E’ credibile il fatto che gli uomini siano quasi “inevitabilmente” portati al tradimento?  E’ proprio vero che gli uomini, in generale, non possono rimanere fedeli alla propria compagna?

"Non sono turbato perché mi hai tradito, ma perché non potrò più fidarmi di te! Jim Morrison"

Un tradimento fa male, malissimo. E in modo diverso a uomini e donne. Per varie ragioni. Di solito le donne tengono in modo particolare al legame sentimentale con il proprio compagno.

Tant’è che si sentono molto ferite anche da un tradimento “platonico”, non solo da una relazione che abbia avuto implicazioni sessuali.

E non per niente, di rimando, spesso gli uomini che tradiscono si giustificano dichiarando: “E’ stata una storia di solo sesso, ma sai che io amo solo te.”

Invece, come dimostrato da alcune ricerche statistiche si sentono più in colpa per un tradimento “concreto” e non per un tradimento “platonico”, mentre le donne si sentono terribilmente in colpa per un tradimento che le ha coinvolte sentimentalmente, più di quanto si sentano in colpa per un tradimento che le ha coinvolte solo sessualmente.

Anzi, le donne danno tale importanza ai sentimenti e alla fedeltà che temono di più un tradimento con coinvolgimento emotivo, mentre gli uomini si sentono feriti e minacciati maggiormente da una relazione sessuale.

E questo già ci fornisce un indizio per la prima, più ovvia ragione che spinge gli uomini a tradire: vivere esperienze sessuali diverse, fare più esperienze possibili, sperimentarsi sessualmente senza limiti. Affermare la propria virilità. Tra poco vedremo megluo.

Non è una gran scoperta e non è la sola spiegazione del perché un uomo tradisce. Eppure da qualche parte bisogna pure incominciare, dato che le ragioni per le quali un uomo non è fedele sono moltissime, di tipo emotivo, culturale, personale.

Perché un uomo tradisce: le spiegazioni scientifiche hanno senso?

In un mondo dove chi si inventa e condivide la bufala più grossa e inverosimile (“Ci sono le scie chimiche”, “Tutti i tipi di cancro si sconfiggono con limone e bicarbonato”, “Da domani sarà obbligatorio per tutti avere un chip sottopelle”), allo stesso tempo si pretende una “spiegazione scientifica” ai fatti della vita e ovviamente non mancano le “spiegazioni scientifiche” al perché un uomo tradisce. Una in particolare è arcinota.

Tale spiegazione scientifica da bar dello sport, in tante varianti, l’abbiamo sentita spesso e viene fatta passare per una tesi che ha le proprie basi nella psicobiologia.

E’ la solita vecchia storia: per natura, scopo di ogni essere vivente è riprodursi e trasmettere i propri geni ai discendenti.

Una donna per fare un figlio ci mette nove mesi. E poi ha bisogno di essere protetta (lei e la sua prole) contro i pericoli del mondo. Per cui ha molti più vantaggi a essere fedele e a non darla via a destra e a manca, ma è meglio che si cerchi uno che la protegga in quanto uomo…

Un uomo ci mette cinque minuti a procreare (sì, va beh, quelli un po’ più bravini un pochettino di più) e avendo l’opportunità di diffondere il proprio seme e riprodurre i propri geni su più larga scala, perché mai non dovrebbe avere un istinto naturale e insopprimibile ad accoppiarsi con più donne possibili?

Che cosa vuoi che conti il patto con la compagna di vita, una promessa, un sentimento, di fronte al profondo istinto naturale dell’uomo delle caverne?

Ecco, diciamocelo onestamente, secondo questa raffinatissima teoria – in base alla quale un uomo è per natura incapace di tenere la patta chiusa – qualunque partner che non tolleri l’esuberanza sessuale del compagno non solo è senza cuore e poco comprensiva, ma anche scientificamente impreparata.

Tradiscono di più gli uomini o le donne?

Siamo concrete e osserviamo la realtà con un minimo di sano e onesto cinismo: le questioni sentimentali sono tra le più complicate da comprendere e il tradimento è tra queste a pieno titolo una delle più complesse.

Quindi per fornire delle spiegazioni utili è utile affidarsi a vari fattori: le statistiche, l’osservazione, gli studi e l’esperienza professionale di chi possiede casistiche significative.

Tenendo conto, per esempio, che molte statistiche in questo ambito sono basate sulle risposte date da persone intervistate sui loro possibili tradimenti.

Se già le persone di norma, anche quando si tratta di essere protette dall’anonimato danno di solito risposte false anche a domande innocue (tipo: “Mangia più spesso riso o pasta?”, pensa quanto sincere possono essere le risposte di chi (uomo o donna) viene intervistato rispetto alla propria propensione a tradire cioè a mentire e a raccontar bugie.

"Il vero tradimento non è avere un’altra persona, ma essere un’altra persona. losca71, twitter"

Lo dico in parte per fare una battuta, ma soprattutto per mettere in rilievo un dato importante: non berti le stupidaggini delle amiche, degli oroscopi e dei giornaletti, che spesso tutti insieme appassionatamente tentano di colpevolizzarti e renderti più fragile, anche davanti a una grande offesa come il tradimento.

uomini che tradisconoIn più, come spesso faccio notare, i comportamenti sessuali e sentimentali sono molto influenzati dal contesto, dalla storia degli individui e dal clima culturale. Per cui quello che poteva essere vero (o perlomeno verosimile) cinquanta, trenta o venti anni fa oggi potrebbe essere molto, ma molto diverso.

Tu usa il tuo intuito e il tuo senso critico. E non farti infinocchiare.

Per esempio si crede comunemente che gli uomini tradiscano più delle donne e numeri alla mano sembra che sia proprio così.

Quando qualche anno fa scoppiò lo scandalo di quel sito – Ashley Madison – di incontri per persone sposate dal quale per un attacco hacker erano trapelati i nomi degli iscritti, venne fuori che il 95% di utenti del sito erano uomini (se questo è vero, essendo un sito prevalentemente per eterosessuali, mi chiedo cosa ci facessero lì, in quella specie di deserto, tutti quegli uomini. Sarà stata una pacchia per il 5% di utenti donne, credo… Infatti tuttora il sito è totalmente gratis per le donne.)

In realtà anche le donne tradiscono, sempre di più ogni anno che passa, anche se apparentemente sempre meno degli uomini.

"Ci sono delle donne talmente infedeli che provano gioia a tradire i loro amanti con il loro marito. Georges Clemenceau"

Dico apparentemente perché qualche studioso del fenomeno sospetta che le signore sappiano tradire e mentire molto, molto meglio e che quindi più difficilmente vengano scoperte.

Ok, fatte queste doverose premesse (anche per evitarmi i soliti inutili commenti “Eh, ma anche le donne tradiscono”), continuiamo a indagare il perché agli uomini piace tanto tradire.

17 motivi per i quali gli uomini tradiscono (non è perché sei brutta)

1) Il primo motivo per cui un uomo sposato, fidanzato o impegnato tradisce la propria compagna, mi tocca dirlo, è legato ai suoi valori personali.

I valori sono “le cose importanti per noi nella vita”.

Per un vegano, per esempio, (non sono vegana, nemmeno vegetariana o niente di tutto ciò, sto facendo un esempio), è un valore alimentarsi in un certo modo che considera rispettoso verso la natura animale e se il suo valore è autentico, non mangia nulla che abbia provenienza animale. Perché questo (mangiare il petto di pollo ad esempio) lo farebbe stare male con se stesso, prima di tutto.

Un uomo che tradisce non ha come proprio valore la fedeltà alla compagna e non ritiene che per rispettare, amare e condividere la vita con lei debba esserle fedele. Cioè un traditore, se tradisce, con se stesso continua a stare bene. E anche con gli altri. Ecco perché chi tradisce una volta dato che non dà valore alla fedeltà e non ha come valore la fedeltà tradirà 100, 1000 e un milione di altre volte.

2) E’ circondato da un “gruppo di pari” per i quali la fedeltà non è un valore. I suoi amici sono dei traditori come lui. Per loro tradire è concesso, giustificabile, comprensibile. Tradendo si sentono meglio con se stessi e con quelli con cui passano il loro tempo (vedi punto 3). Secondo le analisi del dottor Gary Neuman, che ha dedicato la vita a studiare la mente di chi tradisce, il 77% degli uomini che ha intervistato ha dichiarato di avere almeno un buon amico che ha tradito la moglie. “Se l’ha fatto lui, che io stimo, perché non posso farlo anch’io?”

3) Condivide il proprio tempo con persone (“gruppo di pari”, amici, colleghi, chiamali come vuoi) per i quali il tradimento è un valore positivo. Tradire fa figo; avere tresche con le colleghe aiuta a combattere il logorio della vita d’ufficio (secondo Neuman il 40% dei fedifraghi ha incontrato l’amante sul luogo di lavoro); flirtare con la giovane collega un po’ arrampicatrice, un po’ oca, un po’ illusa, fa sentire molto “gallo nel pollaio”. Pensa un po’ se poi anche, a turno, o in contemporanea, ci stanno tutti, con la stessa giovane collega. La scorrettezza professionale, la misoginia, la competizione da pollaio e tanti altri “valori” di infimo livelli non li fanno sentire delle melme, ma degli uomini di successo.

4) E’ un bugiardo: oltre alla fedeltà nemmeno la sincerità fa parte dei suoi valori “positivi”. Raccontare balle (alla compagna, all’amante, agli amici, ai creditori, ai genitori) non lo fa sentire peggio con se stesso, ma meglio.

"Cari uomini, ma le vostre mogli lo sanno che siete single? Manuela_reich, Twitter"

5) Ha un senso opportunistico del legame di coppia o per lo meno molto, molto personale: in fin de’ conti lui non fa mancare niente alla sua compagna e se lei non lo viene a sapere nemmeno ci soffre, giusto?

6) Ragiona (e sente) per compartimenti stagni. Se non è un lurido bastardo che se ne frega di tradire e non ha sensi di colpa (vedi punto 1), può darsi che sostenga (e in quel momento in cui lo sostiene è anche sincero) che non tradirà mai. Poi però, guarda un po’, si ritrova a tradire, si sente in colpa mentre lo fa (così secondo il 66% degli intervistati da Neuman), ma sa gestire molto bene il suo senso di colpa. Valuta tu, ecco. Pensa se tu riuscissi a fare la stessa cosa quando il sabato non hai voglia di passare l’aspirapolvere per casa: come sarebbe più bella la tua vita?

7)  E’ un immaturo viziato che considera le donne come le auto o gli smartphone: sempre con la stessa si annoia.

8) Anche se è sposato, fidanzato, in una relazione, non si sente legato da amore, esclusività, affetto. E’ un anaffettivo, il legame è solo una convenzione. Non gli interessa coltivarlo e non gli interessa nemmeno spezzarlo. Non gli interessa. A Un certa età, si deve pur stare in coppia, no?

9) Lo fa perché vuole avere più esperienze sessuali possibili. Che scoperta, eh? In fin de’ conti dai 12 anni in su ogni uomo moderno sogna di avere 100 donne diverse al giorno a propria disposizione. Il rapporto di coppia è una prigione (soprattutto se non si hanno come valori la fedeltà e la sincerità) quindi l’unica scappatoia è il tradimento.

"Chi non sa contare fino a tre, lo impara nel matrimonio.Georges Courteline"

10) Vuole instaurare un legame emotivo con qualcuno che gli dia ascolto per davvero: molte donne trascurano i propri compagni, magari dedicandosi troppo ai figli o ad altri famigliari o tradendoli loro per prime. Considera che solo il 12% degli uomini intervistati da Neuman hanno dichiarato di considerare la propria amante più attraente della propria compagna/moglie.

11) Cerca quello che nella propria coppia non trova più: molte donne rifiutano il contatto fisico con i propri compagni dopo un certo tempo.

12) E’ rimasto coinvolto e non è stato “fermato” in tempo: sempre secondo lo studio di Neuman (che va preso con le pinze e il dovuto senso critico e con le cui teorie di fondo non mi trovo particolarmente d’accordo, ma è utile per i dati), solo il 6% dei traditori ha tradito lo stesso giorno/sera in cui ha incontrato l’amante  e il 73% ha tradito dopo circa un mese dal primo incontro.

13) E’ un uomo sbagliato: un seduttore compulsivo, un perverso narcisista, un perverso, uno “psycho”, etc etc. Ha problemi sessuali, di immaturità da quel punto di vista o di dipendenza (hai presente quei bravi padri di famiglia che organizzano i viaggi con amici nelle “case chiuse” appena oltre confine). Stronzo, uomo sbagliato, maiale dovrebbero essere termini chiari e che non portano a dubbi o equivoci.

14) Vive in un mondo dove le tentazioni e le possibilità sono infinite: giovani o meno giovani possono avere o inventarsi un sacco di scuse per allontanarsi da casa o stare lontani in “momenti strategici” e la tecnologia (avere due/tre/quattro cellulari, 13 profili diversi su Facebook, le chat, Skype, i siti di incontri) aiuta anche i meno audaci. E si sa, l’occasione fa l’uomo ladro, se è ladro.

15) Vuole mettersi alla prova e in gioco: è ancora capace di sedurre dopo 27 anni di matrimonio e alle soglie della pensione?

16) Ha sbagliato, ha commesso uno scivolone, è stato raggirato. Ha perso la testa. Succede (l’importante è che tu di tutti i motivi non consideri solo questo, prendine in esame anche qualche altro, giusto così, per proteggerti).

17) Sta cercando una via di fuga. Consapevolmente non ha il coraggio di affrontare la questione, ma dentro di sé ha una gran voglia di interrompere la relazione che sta vivendo (matrimonio, convivenza, fidanzamento).

Lasciami i tuoi commenti e dicci che cosa ne pensi del tradimento e del perché un uomo tradisce.

 

Lascia un Commento!

140 Commenti

  1. Avatar di Bianca

    Bianca 4 mesi fa (31 gennaio 2017 15:52)

    Conosco uno sposato che ha una relazione a distanza con una più giovane.... si sono visti anche una volta. Da allora non so più nulla perché ho preso le distanze da questa persona.
    0
    Rispondi a Bianca Commenta l’articolo

  2. Avatar di Cristina

    Cristina 4 mesi fa (31 gennaio 2017 23:59)

    Grazie per la risposta Ilaria .. io non credo che sia una mia debolezza .. certe cose devono venire spontanee nel sesso secondo me ... e la troppa insistenza e anche L esagerare e' troppo o no ??? Oppure ci sono donne che accettano tutto ? Bho confusione !! Io faccio ciò che mi sento . E a volte i maschi sono davvero cattivi e pretenziosi .. senza dare nulla in cambio ..
    0
    Rispondi a Cristina Commenta l’articolo

  3. Avatar di Claudine

    Claudine 4 mesi fa (31 gennaio 2017 20:43)

    Buonasera! Trovo questo articolo pieno di spunti di riflessione per riconoscere i segnali ed i contesti del tradimento. Sono single. Fino ad oggi ho considerato gli uomini impegnati come 'zona rossa' e spero di mantenere questa posizione. Le ragioni del tradimento sono molteplici, ragionevoli, umane, ma procurano dolore. Perciò la mia posizione è mantenere un prudente distacco e allontanarsi prima di ogni coinvol
    5
    Rispondi a Claudine Commenta l’articolo

    • Avatar di Claudine

      Claudine 4 mesi fa (31 gennaio 2017 20:47)

      Allontanarsi prima di rimanere coinvolti. Non fare agli altri quello che non vuoi venga fatto a te. Prima o poi quello che facciamo, in o in male, ci torna in dietro. È un pensiero rapido e forse ha il sapore di sentenza, ma avere pochi e solidi paletti lungo il cammino, può aiutare a non finire fuori strada e a camminare più spediti.
      3
      Rispondi a Claudine Commenta l’articolo

    • Avatar di Michela

      Michela 4 mesi fa (2 febbraio 2017 22:40)

      Posso solo dirti che allontanarsi prima di rimanere coinvolta e' LA cosa giusta, l'unica. Ti trascinerebbero solo nei loro casini nella migliore delle ipotesi. Io ho sempre avuto la tua stessa posizione, per poi cadere un poco nella 'trappola' di quest'uomo sposato che mi ha ripetuto che la sua relazione era finita comunque prima del mio arrivo e che non poteva piu restare dentro casa. Non c'e stato rapporto fisico (e meno male) sempre perche ho i miei paletti, ma mi sono comunque fatta coinvolgere in qyesta storia e se tornassi indietro tirerei un bel due di picche senza neanche iniziare!
      0
      Rispondi a Michela Commenta l’articolo

  4. Avatar di Marie

    Marie 4 mesi fa (30 gennaio 2017 19:23)

    Bell'articolo, che tiene un tono oggettivo e rispetta la pluralità di cause e atteggiamenti. La cosa che mi colpisce di più è il contrasto con molti dei commenti che invece mi sembrano semplicemente giudicanti e mono-tono. Ma forse è normale. E forse mi colpisce perché io per prima anni fa ero una che su questioni del genere esprimeva un giudizio tranchant, senza se e senza ma: giudicavo male le persone coinvolte e il tradimento in genere e inneggiavo ai grandi valori. Poi sono successe un sacco di cose e soprattutto sono stata corteggiata massivamente da un uomo sposato. E' stato il periodo più brutto della mia vita: anche se de facto non è successo nulla (e mai c'è stata nemmeno la lontana intenzione di!) non l'ho "fermato" subito o ogni volta che chiudevo e lui tornava coi suoi proclami io non l'ho mandato fermamente a spigolare (vedi punto 12). Ho giudicato tanto, con "cattiveria", tutto e tutti, me compresa. Non ne ho ricavato nulla, né prima, né durante, né dopo. Perché il giudizio sugli altri (di cui non conosciamo nulla o molto poco) non ci fa muovere da dove siamo, non ci fa crescere e non ci fa comprendere gran ché. Mi pare questo articolo sia utile proprio perché tiene presenti le molteplici cause che stanno dietro al tradimento e - fatta eccezione dei casi da stronzo-doc e psyco - offre non tanto il sunto per un giudizio universale, ma una mappatura con cui muoverci e tutelarci nella misura in cui ci apre gli occhi e ci chiede: ma tu, che ci cadi anche, di questi punti quanti ne vedi? quanti ti sono presenti? quanto sei in grado di leggere gli indizi e capire chi hai davanti? e se ci cadi nonostante li veda questi punti, perché ci cadi? Sei una stronza-doc anche tu? sei una che sta ancora a pettinare le bambole e a sognare l'ammmmore? sei una che ti va ben tutto, anche quello impegnato che ti racconta balle, pur di sentirti dire "ti amo"? O, se sei una così sicura che nooooo, a te mai accadrebbe, perché tu non tradisci i tuoi valori, magari non ti conviene armati lo stesso, che nella vita i momenti di sbandamento ci sono e di cavolate se ne possono sempre fare? Ecco, a me articoli come questo mi aiutano a pormi questi utilissime domande!
    12
    Rispondi a Marie Commenta l’articolo

    • Avatar di Daniela

      Daniela 4 mesi fa (31 gennaio 2017 15:13)

      Marie, mi ha colpito molto il tuo post, anche a me è successa una cosa simile con un uomo sposato e anche io non mi ritengo affatto stupida, tanto è che di fatto non è successo niente ma anche io posso collocarlo come un periodo brutto per lo spreco di energie e tempo per nulla, diventare la peggiore versione di sé nel provare a cambiare la situazione, pur capendo che a lui andava bene una relazione extraconiugale, mi sorprendevo incattivita con lui, la sua situazione, in un continuo di insofferenza crescente, e ogni volta che provavo a chiudere poi lui tornava con le sue solite manipolazioni e via riprendeva sta strana e contorta situazione. Queste situazioni se non hanno un risvolto, e parlo per chi vorrebbe una relazione sana, mi sono accorta che disturbano parecchio. Incattiviscono e chiaramente io passavo poi per la maleducata e quella che dice sempre le stesse cose perché di fatto la realtà era chiara. Tu come sei riuscita ad allontanarlo?
      5
      Rispondi a Daniela Commenta l’articolo

    • Avatar di Marie

      Marie 4 mesi fa (31 gennaio 2017 23:01)

      Ciao Daniela, grazie per aver scritto. Non è che io non mi ritenga stupida perché non ci sono andata a letto (non penso nemmeno in queste storie c'entri essere stupidi o intelligenti, né, nella maggior parte dei casi, semplicemente egoisti o altruisti, migliori o peggiori di ipotetici standard morali). Semplicemente non ho mai pensato di essere l'"amante" dell'"uomo sposato" che "si fa una storia extra". Gli ho voluto bene davvero, forse troppo, e non avevo bisogno di andare a letto con lui, appunto perchè era impegnato. Ma non considero più stupida chi sceglie diversamente. Fossi sua moglie considereri comunque un tradimento il legame che quest'uomo ha avuto con me e io non l'ho bloccato subito. Concordo con te però che queste storie si snodano in un crescendo di sofferenza e lasciano solo la sensazione di aver buttato via tempo e vita. Perché ci sono rimasta allora? Perché mi ha travolta, al limite dello stalking per mesi e io prima mi sono - stupidamente - convinta che in qualche modo potessi dargli il mio bene e sostenerlo, poi quando ero emotivamente coinvolta ero terrorizzata di fargli del male se sparivo. E infatti ogni volta che tentavo di chiudere giocava la carta del "se lo vuoi tu lo accetto, ma mi spezzi il cuore"; spesso adirittura mi diceva che se mi perdeva avrei sì fatto male alla sua famiglia! Se rimanevo ero un pericolo per la sua tranquilla facciata, se sparivo mi faceva sentire un mostro insensibile che non apprezzava i suoi sforzi per far combaciare tutto senza ledere nessuno. Insomma ero sempre al posto sbagliato, un caos in cui regnava sovrano il senso di colpa ma che non mi impediva lo zerbinaggio totale. Poi mi sono ammalata, non da ultimo per la situazione in cui mi trovavo. Lui è sparito. E' tornato come niente fosse quando mi sono rimessa un po', ma abbassando ancora l'asticella: dovevo rimanere a sua disposizione quando capitava, come gli amici che si incontrano al bar ogni sei mesi, ma non pretendere altro, perchè voleva essere libero. Ecco, ho dovuto arrivare a questo punto per allontanarlo. Mi sono sentita come un'area discarica abbandonata in cui tutti possono entrare ed uscire come e quando vogliono abbandonando le loro immondizie. Questo ero, da anni. Solo che non mi andava più bene e ho detto basta. Come l'ho allontanato? Dicendogli semplicemente che non volevo più sentirlo e poi ignorando ogni suo tentativo di ricontattarmi. Punto. E ci sono riuscita solo perché ho finalmente visto la verità: non c'era nessun bene, nessun affetto, nulla, tutta fuffa a cui io per prima ho dato volume. Mi sono letteralmente arrovellata per capire le SUE motivazioni: impossibile, inspiegabili. Gli auguro di trovar via per vivere al meglio, ma ho abbandonato la presa, non è affar mio i suoi perchè. Questa gente si allontana con il minimo sforzo, solo bisogna capire che tutta l'energia e l'attenzione bisogna focalizzarla altrove, su di noi e sui perchè finiamo in maniere disparate in storie così tristi.
      7
      Rispondi a Marie Commenta l’articolo

    • Avatar di Daniela

      Daniela 4 mesi fa (2 febbraio 2017 15:36)

      grazie Marie! il problema più grosso secondo me è allontanarli. Una volta instaurato questo pseudo rapporto e loro, manipolatori spesso e volentieri, si fa fatica perchè non mollano. Quindi il problema più grosso è non rispondere ai tentativi di ricontatto che ci sono , da parte di questi soggetti, 9 volte su 10. Quindi tu sei stata molto brava. Poi col tempo si capisce che era il nulla quello che noi abbiamo vestito di ammmore.
      4
      Rispondi a Daniela Commenta l’articolo

    • Avatar di Marie

      Marie 4 mesi fa (3 febbraio 2017 11:41)

      Sì, il problema è liberarsene, ma non sul lato concreto. Quanto hai fatto "clic" nella testa e vedi le cose per come stanno ci metti niente a non rispondere più e a non lasciarti intimidire-indebolire dai loro tentativi di riaggancio. Davvero ci metti niente, anche di fronte a mille messaggini al giorno! Il problema è liberarsene interiormente, lasciar cadere la falsa immagine che abbiamo costruito noi e riconoscere che è responsabilità solo nostra se continua la farsa in cui ci muoviamo, nostra e dei nostri problemi personali. La capacità umana di raccontarsela o di star lì ad analizzare/guidicare tutti e tutto è infinita, e porta solo al conflitto, da qualsiasi angolo del triangolo ci si trovi, ma fare "clic" nella testa vuol dire invece scegliere la libertà concreta e il rispetto, l'amore vero, per sé e per gli altri (che fanno quel cavolo che vogliono quando vogliono - non mi/ci tange!), insomma scegliere le sole cose su cui val la pena investire! In bocca al lupo e un grazie a te Daniela!
      6
      Rispondi a Marie Commenta l’articolo

  5. Avatar di Michela

    Michela 4 mesi fa (7 febbraio 2017 17:05)

    Ok quindi per chi ha avuto la pazienza di leggere tutta la mia storia (so che e' anche noiosa, scusate. Le storie con uomini sposati suonano tutte uguali alla fine!) Il fondo e' stato toccato qualche giorno fa. Lui continua a messaggiare dicendomi che ha bisogno di un po di tempo per capire, che non e' felice a casa ma che prima di mandare una famiglia ha bisogno di fare chiarezza (e chi no? solo che a tradire la moglie non ci ha pensato su due volte invece!) Ci eravamo accordati per andare a prendere un caffe qualche giorno fa (altra mia debolezza, ovviamente. Difficile spezzare questo cordone quando lui non fa che riempirmi di dichiarazioni in pompa magna. E forse si, io mi sento sola?). La mattina del caffe cancella l'appuntamento dicendomi che purtroppo all'ultimo deve andare a prendere i figli a scuola. Quando io gli rispondo che ho capito che e' meglio chiuderla qui e che ci sta prendendo in giro a tutte - tutte e due, io e la moglie - perche secondo lui mi bevo che all'ultimo gli esce sempre fuori qualcosa? mi risponde che ha una confessione da farmi, ha capito di avere dei problemi di mente e che sta cercando aiuto da un professionista. Che in questa settimana andra' dallo psicologo perche ha bisogno di aiuto per sistemare le cose, che si sente un disastro e cosi via. Sono allucinata da due cose: 1. sta giocando la carta del pietismo pur di evitare serie responsabilita (ha 36 anni!!). Ovviamente non e' colpa sua, ha problemi di mente quindi tutto a posto, tutto accettabile. Anche il fatto che si tenga aperte entrambe le porte, cosi da poter entrare e uscire quandi gli fa comodo. Ma d'altronde ha problemi di mente quindi chi puo prendersela con lui?? Tra l'altro non so se avevo commentato gia un dettaglio importante; che questo signore si e' sposato solo 5 mesi fa (5 MESI!! Anche se la relazione con la donna dura da 10 anni) e ha iniziato a farmi il filo circa 4 mesi fa....a un mese dal matrimonio!!!!!! Un disastro. 2. perche cavolo mi sono messa io in questa situazione orrenda, da cui trovo anche difficile scastrarmi perche il lui in questione non molla la presa, ogni volta che cerco di troncare ritorna con dichiarazioni e tant'altro. Difficile perche come faccio x allontanarmi fa di tutto per rientrare dalla porta principale. Inizio a pensare di averli io i problemi. Consiglio spassionato per tutte, mettete i paletti con quelli sposati e fermateli subito prima ancora che comincino! Devo trovare la forza per fare clic come qualcuno ha detto - ma clic nel cervello, davvero - e sbattergli sta benedetta porta in faccia. Chi cavolo e' che si sposa e poi solo un mese si cerca un'altra storia?????
    -1
    Rispondi a Michela Commenta l’articolo

  6. Avatar di Monika

    Monika 4 mesi fa (8 febbraio 2017 0:15)

    A me viene da pensare che costoro che tradiscono per tutti questi motivi siano degli omuncoli, uomini che non sono in grado di amare DAVVERO, perché uno che non dà valore alla fedeltà, che rispetto vuoi che abbia della propria compagna? Aspirerà ad avere accanto una domestica o una donna-trofeo. Chi ama davvero, chi prova il Vero Amore non tradisce perché sa che ferirebbe il proprio partner, e poi non gli viene manco in mente perché desidera troppo la propria compagna per pensare ad altre stupidaggini. L'unico motivo che mi sento di "giustificare" è quando i rapporti sessuali all'interno della coppia sono praticamente assenti; in questo caso posso capire il bisogno fisico, anche se, per il mio modo di vedere le cose, il problema allora non è il tradimento ma il fatto che quella coppia ormai è scoppiata e non ha proprio più senso stare insieme. Ah sull'idiozia della "motivazione biologica" al tradimento non mi soffermo neppure perché fa acqua da tutte le parti: per dirne una, da un punto di vista riproduttivo anche per la femmina è più proficuo avere rapporti promiscui perché in caso il partner scelto fosse sterile non sarebbe saggio avere rapporti solo con il suddetto, perciò è sempre preferibile una rosa di candidati! ;)
    7
    Rispondi a Monika Commenta l’articolo

  7. Avatar di Valeria

    Valeria 4 mesi fa (31 gennaio 2017 14:34)

    Secondo me conta anche il momento della vita di un uomo. Fermo testando che se tradisce è comunque un verme. Molto spesso scelgono donne tranquille, piatte, prevedibili e controllabili, serie, in modo da non doversi preoccupare del dna dei propri figli. Ma queste donne, non li appaiano come veramente vorrebbero. Ed ecco che rompono le scatole alle donne vivaci, imprevedibili, intelligenti, sentimentali, perché attratti dalla loro forza. Per poi passare, in un secondo momento, alla sistematica distruzione di ogni sicurezza della poveretta, in modo da averla in pugno, appiattita, proprio come la moglie.
    -1
    Rispondi a Valeria Commenta l’articolo

    • Avatar di Mau

      Mau 4 mesi fa (31 gennaio 2017 17:00)

      Donne tranquille, piatte, prevedibili e controllabili, serie, in modo da non doversi preoccupare del dna dei propri figli.Ma come ti permetti? Le mogli son banali, le amanti strafighe? Le mogli sono appiattite? Oggi le mogli lavorano, sono spesso più in forma fisicamente dei mariti. Hanno interessi, amicizie ed esigenze (imperdonabile). Magari vengono tradite proprio perché le amanti sono più gheishe! Riposanti. Confermanti il loro ego! Altroché intelligenti. O, come me, perché gli viene un cancro e il povero marito si trova una che lo consola per le di lui (!!!!) sofferenze!
      10
      Rispondi a Mau Commenta l’articolo

    • Avatar di Ilaria Cardani

      Ilaria Cardani 4 mesi fa (31 gennaio 2017 17:21)

      Mau, il commento di Valeria ti dice che ciascuno vede le cose dal proprio punto di vista. Valeria esprimendosi descrive una situazione e dei personaggi che conosce molto molto bene e da vicino. Probabile si tratti della storia di una sua amica ;) . Vedi l'amica di Valeria è una donna di grande valore alla quale sfugge un dettaglio, che sfugge anche a Valeria: anche le donne di valore, soprattutto loro, spesso sono "donne che amano troppo" e che hanno schemi d'amore disfunzionali. Non sono forti per niente, perché le donne forti non si mettono con uomini impegnati e in storie disfunzionali. Per cui incrociano il perverso psycho narcisista di turno che ovviamente è stronzo e non sa amare ma sa odiare perfettamente e si fanno distruggere da lui, che è un disgraziato, un poveretto, un disperato. L'amica di Valeria e Valeria che protegge l'amica se la raccontano dicendo che la moglie di lui è una piatta che non lo appaga. E non si accorgono che stanno mostrando in questo modo grande bisognosità. La peggiore delle affermazioni di Valeria, sai qual è? "Ma queste donne, non li appagano come veramente vorrebbero". Sai cosa dice di Valeria e della sua amica questa frase? Che loro sono convinte che il bastardo traditore sia uomo dal palato fine ed esigente e che la donna esista come oggetto d'uso e d'intrattenimento come la Ferrari o il golf . Ecco perché se l'amica di Valeria non cambia la sua opinione sul maschio superiore e sulla donna intrattenimento del maschio può pensare quanto vuole di essere bella e intelligente e interessante, ma l'ultimo cretino (che lei idolatra) la considererà solo una povera cretina da distruggere, uccidere dentro. Ecco. E nel commento di Valeria c'è molta verità, si vede che ci ha messo impegno a capire la storia della sua amica. Dovrebbe suggerire all'amica di non dare importanza a uomini perversi e di cominciare a dare importanza a se stessa. Io provo grande vicinanza e solidarietà verso l'amica di Valeria e verso Valeria medesima. E ovviamente verso di te. L'amica di Valeria deve guardare dentro di sé e altrove. E tu anche devi guardare altrove. Uomini migliori di quelli che descrivete ci sono.
      38
      Rispondi a Ilaria Cardani Commenta l’articolo

    • Avatar di Serena

      Serena 4 mesi fa (31 gennaio 2017 18:43)

      Cara Ilaria, mi sa che sono proprio l'amica di Valeria...
      0
      Rispondi a Serena Commenta l’articolo

    • Avatar di Ilaria Cardani

      Ilaria Cardani 4 mesi fa (1 febbraio 2017 17:19)

      Eh, lo so. Chi trova un amico trova un tesoro ;)
      5
      Rispondi a Ilaria Cardani Commenta l’articolo

    • Avatar di Daniela

      Daniela 4 mesi fa (31 gennaio 2017 19:39)

      Quando sei invischiata in queste storie malate come si cambia schema disfunzionale? Occorre una gran determinazione, una gran razionalità? Agire l'opposto di quello che una donna che ama troppo farebbe? Cioè solo così si va oltre o occorrerebbe fare analisi?
      0
      Rispondi a Daniela Commenta l’articolo

    • Avatar di Anna

      Anna 4 mesi fa (31 gennaio 2017 21:00)

      Two is megl che one, three megl pure. Per sti tipi. Stanno con donne piatte perche le asfaltano
      3
      Rispondi a Anna Commenta l’articolo

    • Avatar di Ilaria Cardani

      Ilaria Cardani 4 mesi fa (1 febbraio 2017 17:16)

      :D :D :D Rido per la battuta al vetriolo, non per il concetto, veh. Certo asfaltano :)
      0
      Rispondi a Ilaria Cardani Commenta l’articolo

    • Avatar di Monika

      Monika 4 mesi fa (8 febbraio 2017 0:40)

      Io in un certo senso do ragione a Valeria, anche se come lo ha scritto lei in effetti può apparire offensivo delle donne sposate, viste come racchie/noiose mentre le amanti sono fighe/intraprendenti. Secondo me il suo ragionamento invece svela un modo maschile di comportarsi molto comune che anch'io - PURTROPPO! - ho stravisto in amici sposati o fidanzati. Ovvero uomini che scelgono donne che ritengono più fedeli (per una maggiore pacatezza di carattere o per altri motivi che secondo loro dimostrerebbero l'incontestabile fedeltà) a discapito di donne che li attraggono maggiormente ma che reputano troppo disinibite/sexy/promiscue/inaffidabili, insomma infedeli. Tutto ciò dà ovviamente origine a un rapporto col partner non propriamente soddisfacente, perché se nella copia manca il desiderio sessuale non funziona, rimarrà sempre una coppia monca. Attenzione però, non significa che le mogli siano scialbe, stupide, brutte... niente di tutto ciò! Il criterio di scelta è solo quello della presunta FEDELTA'. Appunto, PRESUNTA, perché alla fine sono pregiudizi e non possiamo mai sapere a priori se una donna è infedele o no; ma nella cultura comune si è portati a pensare che se una donna è tranquilla sia più fedele e viceversa. Ed ecco che l'omuncolo - sciocco dal mio punto di vista - sceglie la donna "brava", anche se sa già di non amarla poi così tanto, perché almeno così è più "sicuro" che non lo tradirà, mollerà, eccc... Ovviamente sono idiozie perché ho visti amici millantare la santità della moglie quando questa gli faceva corna a destra e a manca.
      2
      Rispondi a Monika Commenta l’articolo

    • Avatar di Ele

      Ele 4 mesi fa (8 febbraio 2017 18:05)

      Io dopo essermi sposata mi ero lasciata andare. Ingrassata di 10 kg (che x 1.54 non sono pochi). Ho iniziato a vestirmi con cose più sciatte, avevo sempre i capelli raccolti non mi truccavo quasi più (non mi truccavo chissà quanto ma almeno il sabato sera). Lavoravamo in 2 ma guardavamo le offerte del supermercato andavamo a cena solo in pizzeria il sabato a cena dai miei una volta a settimana a cena i miei da noi una volta a settimana...Forse era un rapporto un po' piatto...a
      0
      Rispondi a Ele Commenta l’articolo

  8. Avatar di ANNA-MARIA

    ANNA-MARIA 4 mesi fa (9 febbraio 2017 13:13)

    Guarda io sono una di quelle donne tradite dopo essere io stata trascurata da lui e dopo averlo servito in tante cose da arrivare a sentirmi io colpevole era lui il primo a farlo. Inoltre ci ha anche fatto un figlio con questa donna di 17 anni più giovane di lui si è creato una situazione da panico perchè lei ha altri 3 figli si è separata dal marito e l'ex marito di lei ha riconosciuto la figlia di mio marito e sa che è sua di mio marito. Inoltre lui ogni volta che dico qualche cosa mi colpevolizza dicendomi che l'ho solo rovinato io. La sua famiglia non mi parla più dopo tutto quello che ho fatto per lui. Ora sono per la separazione perchè mi voglio far risarcire e inoltre non me ne vado con la coda tra le gambe perchè la casa è solo sua non è cointestata. Lui continua a dire che è solo colpa mia che l'ho rovinato
    1
    Rispondi a ANNA-MARIA Commenta l’articolo

  9. Avatar di Mau

    Mau 4 mesi fa (30 gennaio 2017 15:55)

    Cara Ilaria, magari il prossimo articolo, potresti farlo sulle/sugli amanti. Perché quando io leggo la facilità con cui accettano "per amore" di mettersi nella posizione di causare dolore ad un/una altra/o, accettando le scuse del traditore, mi viene un nervoso... E si lamentano che lui non abbia il coraggio di lasciare mogli e figli per loro! E che la moglie non abbia la dignità di lasciarlo a loro. E cercano nei blog consigli per fargli lasciar il coniuge e mettersi con loro. E blaterano di matrimoni infelici che è meglio che finiscano, che per i figli è meglio! E giudicano la moglie, anoressica, (ottima idea lasciarla), stronza o quant'altro sia stato loro raccontato o il marito assente, ecc. Personalmente, invece, io considero l'altro/a più responsabile di tutti. Le dinamiche in una coppia sono le più disparate, i motivi di un tradimento intimi e personali. Che una donna o un uomo, invece, si mettano nella condizione di farsi complice della umiliazione, sofferenze, strazio di persone che non conoscono, di persone che non hanno fatto niente, mi fa venire voglia di .... qualsiasi cosa. A me in passato è successo. Di essere corteggiata da un uomo con cui avevo, per lavoro, una sintonia e una complicità perfetta. Io ero sola, in quel periodo, e abbastanza triste. Ma gli dissi no. Per autodifesa, certo, ma anche per sorellanza verso una donna, dei figli, che neanche conoscevo, ma che sapevo esistere e cui non avrei mai fatto del male per egoismo, superficialità, stupidità.
    10
    Rispondi a Mau Commenta l’articolo

    • Avatar di Michela

      Michela 4 mesi fa (30 gennaio 2017 20:28)

      Mau, devo risponderti subito perche tocchi dei temi abbastanza importanti. Intanto, direi che in queste situazioni (penose, purtroppo) tutti e tre gli elementi del triangolo facciano abbastanza pena, appunto. E lo dico ritrovandoci anche me stessa. Poi vorrei dire che sono d'accordo a chiedere a Ilaria un articolo sulle/gli amanti, che mi sembra abbastanza importante come tema da trattare. Allo stesso tempo pero devo dirti che: 1. L'amante normalmente e' una persona che in primis fa male solo a se stesso/a, in quanto accetta una relazione in posizione subordinata e con gravi (a volte terribili) mancanze di rispetto. 2. La colpa del tradimento e' esclusivamente di chi tradisce. Se non con te, stai sicura che si andra' ben presto a cercare un'altra e lo fara' comunque. 3. Nel caso specifico, il mio, io ho si accettato la corte di un uomo sposato per mesi, e quando ne sono rimasta coinvolta (debolezza personale, capita) gli ho messo come ultimatum che o usciva immediatamente di casa, o si dimenticava di me. Mi e' stato ripetuto ogni giorno (ogni sacrosanto giorno) per un mese che mi ama, che la sua relazione e' finita da tempo e da molto prima di conoscere me era infelice, che vuole stare solo con me e che sta tentando di uscire di casa proteggendo al tempo stesso i figli. Dammi della polla, se vuoi, per avergli creduto, forse sono polla, si, ma non avevo alcuna intenzione di rovinare una famiglia. Mi e' stato detto che dormono in camere separate e la relazione era in dirittura d'arrivo molto prima di me. Di fatto io comunque dopo un mese di promesse l'ho lasciato. 4. In queste circostanze, so che diro' una cosa molto controversa.....ma non credi che forse sarebbe stato meglio anche per moglie e figli che lui se ne andasse? D'altronde come avra' mentito a me ha mentito anche a loro.......Se gurdiamo il quadro di insieme, io fossi la moglie avrei preferito che lui SE NE ANDASSE e di corsa, cosi da darmi la possibilita di rifarmi una vita! Comunque, solo la mia opinione......
      9
      Rispondi a Michela Commenta l’articolo

    • Avatar di maua

      maua 4 mesi fa (31 gennaio 2017 12:20)

      Allora ti racconto la mia storia. Io e mio marito abbiamo vissuto alcuni anni molto difficili. Io mi sono ammalata gravemente e anche sua sorella e suo cognato. Che sono morti. Lui per anni si è occupato di noi. Poi, un giorno ha sclerato. E si è innamorato del suo capo. Fidanzata. Non dormiva più, non mangiava più. IO ero distrutta. lei messaggiava ad ogni ora, se lo portava dietro, faceva promesse. Poi lo ha scaricato, lasciando la mia famiglia distrutta. Vedi, nel mio caso, mio marito qualche ragione l'aveva. Non ha retto ad una situazione veramente pesantissima. Forse è un debole, ma ... Lei no. Ha solo accontentato il proprio ego per essere riuscita a far sclerare un uomo che certo le ha raccontato di essere in crisi con me. Ha fatto soffrire me e distrutto una famiglia che durava da trent'anni. la scusa che è meglio che una famiglia infelice si sfasci, scusa, è una scusa patetica. Saranno affari loro, io non ci vorrei entrare.
      -5
      Rispondi a maua Commenta l’articolo

    • Avatar di Ilaria Cardani

      Ilaria Cardani 4 mesi fa (31 gennaio 2017 13:14)

      Il personaggino di lei andrebbe analizzato per benino: una bella perversina, crudele mentale. Teniamone conto, per nostra esperienza. Per il resto, un abbraccio Maua, per tutto e il meglio per la tua salute, di tutto cuore.
      3
      Rispondi a Ilaria Cardani Commenta l’articolo

    • Avatar di Gea

      Gea 4 mesi fa (1 febbraio 2017 9:00)

      Infatti, la signorina in questione si è divertita alle spalle di entrambi, consapevole della situazione e del male che avrebbe arrecato. Purtroppo c'è gente cosi schifosa e crudele e per questo é importante, come dice sempre Ilaria, proteggersi da squali, sciacalli, iene e avvoltoi, uomini e donne, che sia in amore, in amicizia o al lavoro. @Mau: in bocca al lupo e auguri di cuore! Un abbraccio
      1
      Rispondi a Gea Commenta l’articolo

    • Avatar di max

      max 4 mesi fa (31 gennaio 2017 14:22)

      Obiettivamente anche l' amante, se sa che lui o lei hanno una famiglia non mi sembra esente da colpe...ma ê proprio così difficile lasciare la moglie/marito senza avere la ruota di scorta?..ma è proprio così difficile evitare gli uomini sposati che appartengono (voce del verbo appartenere) nella buona e nella cattiva sorte già ad altre donne?...poi capita, ma i segni o da una parte o dall' altra restano eccome
      6
      Rispondi a max Commenta l’articolo

    • Avatar di Michela

      Michela 4 mesi fa (2 febbraio 2017 22:49)

      Ciao Max, scusami ma il verbo appartenere riferito a persone non si puo veramente sentire. Stare insieme e' una scelta, non appartieni a qualcuno perche hai firmato un contratto. Altrimenti le coppie di fatto/i partner si appartengono meno degli sposati? Comunque ripeto, fidanzati sposati o single, il termine appartenere riferito a qualcuno mi da davvero i brividi.
      2
      Rispondi a Michela Commenta l’articolo

    • Avatar di max

      max 4 mesi fa (3 febbraio 2017 23:06)

      Per me anche due fidanzati si appartengono, ed io personalmente non vado a fare avances a donne fidanzate con altri..non sono la sua via di fuga.
      3
      Rispondi a max Commenta l’articolo

    • Avatar di Pincollo

      Pincollo 4 mesi fa (2 febbraio 2017 11:49)

      Ciao Michela .. una domanda per te: ma quando hai piantato questo tizio la moglie l'ha lasciata oppure è ancora con lei? Queste sono le situazioni peggiori ,sulle quali sarei curioso del parere di Ilaria Cardani. Persone che mollano quando sanno già dove andare da tempo,altrimenti non dicono nulla e rimangono dove sono . Qui aldilà del tradimento si configura l'imbroglio doloso o truffa d'amore .
      4
      Rispondi a Pincollo Commenta l’articolo

    • Avatar di london

      london 4 mesi fa (2 febbraio 2017 14:38)

      di solito quando qualcuno viene "lasciato", come in questi casi, dove non aveva neanche avuto il coraggio di lasciare la situazione propria nonostante i proclami d'amore, è ovvio che è ancora con la moglie. Probabilmente non ci sta così male, altrimenti avrebbe lasciato la moglie, anche se non sono situazioni facili per nessuno. Sai quante situazioni ci sono così, altrimenti non esisterebbero tante relazioni extraconiugali. Comunque mi viene da dire che se un uomo sposato lascia la moglie, lo fa solo se viene messo alle strette dall'amante. Nel 90% dei casi non lascia neanche in questo contesto.
      8
      Rispondi a london Commenta l’articolo

    • Avatar di Anna

      Anna 4 mesi fa (3 febbraio 2017 9:24)

      Io invece penso che nel 99% dei casi la crisi coniugale sia una lagna fine a se stessa, oppure proprio una bugia. Ogni tanto, raramente come raramente capita anche ai non sposati, ci si innamora. Una persona perbene non trascina per mesi o anni le bugie, si chiarisce le idee, e prende la sua decisione. Rarità fra le rarità. Ma del resto, chi vuole un capriccioso e/o bugiardo e/o lagnoso e/o senza attributi?
      13
      Rispondi a Anna Commenta l’articolo

    • Avatar di Michela

      Michela 4 mesi fa (6 febbraio 2017 0:13)

      Per Pincollo e Anna: sono abbastanza d'accordo con voi, ma una domanda/riflessione. Io non credo che la crisi coniugale sia del tutto una balla, mi spiego. Forse e' in parte una balla/scusa per tradire, e forse anche se con la moglie non c'e' piu' amore alla fine non la lasciano. Ma se fosse che davvero stessero bene nella loro relazione, se fossero davvero felici e si sentissero fortunati avrebbero motivo di cercare altrove e tradirla? Scusate ma io credo effettivamente piu ai fatti che alle parole, e una persona che tradisce poi tanto felice in una relazione non e'...... Posso raccontare un altro spezzone della mia di storia. Il lui in questione, oltre a non averci beccato nulla (non sono andata a letto con lui come detto.....) ha affrontato le nostre infinite conversazioni con me piuttosto arrabbiata che gli intimavo di prendere una decisione, lasciare la moglie o chiudere con me. Non e' stato un gran divertimento per nessuno dei due. Piu tutte le bugie alla famiglia. Se uno a casa ha una relazione soddisfacente, che motivo ha di mettersi in questa situazione........
      0
      Rispondi a Michela Commenta l’articolo

    • Avatar di Pincolllo

      Pincolllo 4 mesi fa (6 febbraio 2017 11:46)

      Michela: le situazioni non sono sempre uguali ,c è chi inventa la crisi coniugale per fare trombate extra ,e c è chi non è felice nel proprio rapporto e inventa un po' meno. Quest'ultimo si mostrerà sempre come una povera vittima e con poche o nessuna responsabilitá. Queste sono tutte balle per pulire la propria immagine . La realtà è sempre che le relazioni son fatte di due individui ed entrambi avranno le loro responsabilitá,compresol'iscariota che inventa balle per non prendersi la responsabilità della propria vita parlando con la propria compagna e mettendo fine al rapporto se non è felice. Non ci sono molte scuse,nella vita se vuoi camminare a testa alta devi avere le palle e prenderti delle responsabilità.
      3
      Rispondi a Pincolllo Commenta l’articolo

    • Avatar di Anna

      Anna 4 mesi fa (6 febbraio 2017 15:37)

      A volte è una balla, più spesso una lagna fine a se stessa ... Il matrimonio può essere molto noioso in certi momenti, capita di prendersi delle cotte, di voler provare emozioni forti e nuovo, di avere l'impressione di avere trovato una prospettiva nuova e diversa, che non tutto è oramai deciso. All'atto pratico, però, si sta bene dove si sta, con la moglie, i figli, gli affetti, la casa e la routine. Mancano le emozioni, e le si cerca altrove. Il sesso conta fino a un certo punto, anche perché questi signori lo fanno con la moglie. Io non credo che cerchino "sesso", sono convinta che cerchino il momento rosa e la fuga dalla realtà. Romanticheggiano sul serio, non è che siano tutti rimorchioni da bar. Come quando al liceo ci facevamo venire una cotta per uno qualunque per andare più volentieri a scuola. Cuoricini sul diario, scritte al bagno e via dicendo. Cose a volte anche carine, ma che per chi sta beato e tranquillo lasciano il tempo che trovano. Mi spiace, io la vedo così, come qualcosa di superficiale e adolescenziale. Un bacio
      4
      Rispondi a Anna Commenta l’articolo

    • Avatar di Michela

      Michela 4 mesi fa (7 febbraio 2017 12:07)

      Anna e Pincollo: si credo che abbiate proprio ragione. Per le responsabilita' nemmeno a parlarne, per fortuna ci sono i bambini cosi possono sempre usare la scusa dei figli sono piccoli per non avere le palle di fare una mossa. Per quanto riguarda il tuo commento, Anna, credo che tu abbia proprio ragione: e' la ricerca di emozioni forti, perdute, dopo una relazione di anni in cui e' subentrata la completa monotonia - e' la cotta adolescenziale che li spinge. In effetti ho sempre pensato che quest'uomo avesse una cotta per me, anche perche' rappresento tutto quanto di diverso non c'e' nel suo matrimonio - e magari alcune cose che non trova o non trova piu nella sua relazione. Nel concreto pero non fa nulla, e nulla vuole fare. Ancora peggio. Quando ho detto che non volevo piu vederlo, mi ha chiesto se per lo meno possiamo ancora sentirci/messaggiarci. A lui spesso basta l'emozione del messaggino con scritto ti penso. Anche se poi di concreto non avviene nulla.... piu adolescenziale di cosi. E' come mantenere una finestra di emozioni nuove al di fuori di una relazione probabilmente stanca. Mi aveva stupito il fatto che tenesse tanto a sti messaggi ma a chi gliene puo fregare tanto? Grazie per avermi fatto riflettere ragazzi! patetico......
      3
      Rispondi a Michela Commenta l’articolo

    • Avatar di max

      max 4 mesi fa (7 febbraio 2017 17:48)

      Per fortuna si che ci sono i bambini, e meno male!...perché grazie a loro tante coppie trovano la forza di restare insieme, e di restarci meglio di prima, dopo che puntualmente arriva la crisi, cara Michela!...ho recentemente rivisto il mio migliore amico, del quale sono stato testimone di nozze, ed era ancora in crisi con la moglie (una brava moglie comunque) dopo la crisi del 2007...beh, mi sono permesso di parlare con loro per qualche giorno (in quanto testimone lo considero un dovere), e stanno cambiando di nuovo il modo di vedersi, di affrontare le cose fra loro...non è facile quando i comportamenti sono cristallizzati, e quando non si è capaci a dire scusa, mi dispiace, e non si dialoga più, ed è più facile trovare emozioni con una amante, ma fidati che se fra la moglie ed il marito si chiariscono le cose (spesso in conversazioni -come quelle del mio amico e della moglie- ricche di lacrime, abbracci, risate sceme, che ristabiliscono per magia connessione profonda), le amanti diventano estranee, non possono competere con la compagna di una vita...ovviamente non va sempre così, e le persone si separano, ma fra marito e moglie è "solo" un problema di comunicazione profonda
      1
      Rispondi a max Commenta l’articolo

    • Avatar di Michela

      Michela 4 mesi fa (8 febbraio 2017 9:57)

      Ciao max, scusa ma non è che io sia contro la coppia, il matrimonio, l'unione che dura e che si ritrova nel tempo! Sono contenta che i tuoi amici stiano meglio di prima è come hai detto tu, a volte capita che l'unione di un tempo si ritrovi grazie alla comunicazione. Non è sempre così. Io sono contro a quelle coppie che trascinano un rapporto stanco è concluso per anni, senza trovare la forza di lasciarsi (spesso perché ci sono i bambini....o perché si ha paura di prendere una decisione e di cambiare) ma non hanno nessun problema e ripeto nessuno, a usare la crisi coniugale per farsi l'amante. Per coinvolgere altre persone. Per dire ad altre persone di essersi innamorate di loro. Il matrimonio si prova a salvarlo, e certo, mica si butta via una relazione di anni in una notte!! Ma se la relazione è conclusa (e a volte perdonami lo è, è successo anche a me in prima persona) non è meglio chiudere che trascinarsi per anni e riempirsi di bugie?
      3
      Rispondi a Michela Commenta l’articolo

    • Avatar di Michela2

      Michela2 4 mesi fa (8 febbraio 2017 17:59)

      Sì ma il loro matrimonio durava da un mese...Le loro vicende non ti riguardano. Se il loro rapporto è in crisi o meno non ti riguarda. Ti ha corteggiata pur avendo una compagna da anni, 2 figli, dopo essersi sposato da un mese. È ovviamente disonesto...chissà quante bugie ti ha detto...Il suo rapporto secondo me va benissimo solo che ti ha mentito per farti cascare nella rete.
      3
      Rispondi a Michela2 Commenta l’articolo

    • Avatar di Michela

      Michela 4 mesi fa (8 febbraio 2017 22:05)

      Si Michela perdonami ma a volte ho la sensazione di non spiegarmi bene. Credo anche che molti dei commenti che sono stati fatti riguardo all'articolo abbiano un'atteggiamento piuttosto giudicante (non mi riferisco ai tuoi, sia chiaro) ed e' per questo che mi inalbero ed entro in tono polemico. Avverto in qualche modo il giudizio e forse il dolore di molte persone dietro a molti commenti, e non credo sia giusto davvero perche nessuno conosce la vera storia e le reali motivazioni delle persone che stanno parlando in questo forum. Mi dispiace ma e' impossibile giudicare le relazioni facendone di tutta l'erba un fascio, le situazioni sono varie ma io credo fermamente che CHIUNQUE e ripeto chiunque decida di tradire il proprio partner a) vive una crisi relazionale, che il partner ne sia al corrente o no; Non e' vero che una relazione va BENISSIMO eppure per mesi si cerca altrove. b) e' persona che da poco rispetto nelle relazioni. Tutto qui. Non cerco di salvare la faccia del signore in questione, figuriamoci. Sto solo dicendo che molte relazioni si reggono su convenzioni e facciate e che sarebbe meglio terminarle piuttosto che prendere tutti i partecipanti per i fondelli.
      7
      Rispondi a Michela Commenta l’articolo

    • Avatar di Michela2

      Michela2 4 mesi fa (9 febbraio 2017 10:06)

      Ciao Michela. Io non ti giudico anche perché sono stata per un piccolo periodo amante.Ti racconto brevemente. Mi corteggia un tizio che penso single. Ci esco mi accorgo che c'è qualcosa di strano.Morale, era fidanzato e conviveva da 3 anni. Ho continuato a vederlo per qualche mese pensando come te che per me l'avrebbe lasciata che probabilmente la sua storia non andava etc etc. Dopo qualche tempo lei rimane incinta io non lo vedo più ma viene fuori che lui aveva un'amante da 2 anni. La sua compagna lo lascia. Aveva un'amante da 2 anni su 3 che stava con lei. Aveva me di amante che non lo sapeva nessuno ed aveva rapporti con la moglie cercando probabilmente un figlio. Dopo qualche mese la compagna l'ha perdonato. Hanno avuto un figlio dopo 2 anni un altro figlio hanno comprato una casa.Da quel periodo sono passati 7 anni. La storia non andava?io penso di sì. Penso che lui sia il classico traditore seriale.Michela, sii felice che tu puoi ancora scegliere e che lui non sia il tuo compagno. Certi uomini e certe donne non cambiano non amano...io non lo so spiegare ma è così.
      9
      Rispondi a Michela2 Commenta l’articolo

    • Avatar di Michela

      Michela 4 mesi fa (9 febbraio 2017 22:45)

      Ciao Michela, ecco vedi quello che volevo dire e' che ognuno ha la sua storia e le sue motivazioni e ognuno e' a se: ci sono persone, uomini e donne, che semplicemente non sanno amare; - io sono una ricercatrice in psicologia - e purtroppo confermo che molte persone per la loro storia personale semplicemente non 'sanno' amare. Ovviamente non posso giudicare il tipo di cui parli senza conoscerlo, ma non credo affatto che fosse tutto felice e soddisfatto con la compagna e si andasse a cercare amanti a destra e a manca; anche perche ricordiamoci che farsi l'amante 'costa', tempo energia e fatica. Non e' tutto rosa e fiori. Poi ci sono anche persone che si sono messe in relazioni di cui non sono contenti - per insicurezza, forse, si sono accontentati senza essere abbastanza acuti/selettivi? - e che pur non soddisfatti o innamorati non lasciano la compagna per numerosi motivi, primo tra tutti la famosa sicurezza. Breve aneddoto. Il 'mio' uomo sposato mi ha raccontato spesso del suo migliore amico. Quest'uomo dopo pochi mesi con una donna gia aspettano un figlio - inaspettatamente. Da li in poi e' rimasto invischiato nella relazione - comprano casa, fanno un secondo figlio....eppure lui continua a dire di non amarla, e di volere una via d'uscita da questa relazione, e di vivere una relazione di miseria. Ora, non credo che siano menzogne visto che erano chiacchiere pour parler, a me di questo tipo che mi frega che nemmeno lo conosco! Purtroppo queste situazioni di tristezza esistono........spesso restano lagne fini a se stesse, ma non possiamo definirle relazioni d'amore perche io qui d'amore ne vedo poco. Comunque vale per tutti e tutto, io credo che quando riesci a mentire a qualcuno non ne sei innamorato veramente. Magari gli vuoi bene, provi affetto, lo stimi o ti ci diverti. O ti fa comodo. O quant'altro. Ma l'amore presuppone onesta'. Mia opinione personale.
      6
      Rispondi a Michela Commenta l’articolo

    • Avatar di max

      max 4 mesi fa (11 febbraio 2017 10:50)

      L' amore presuppone onestà, cura, presenza e fiducia. Come dice Rocky quando ricorda la sua Adriana "io volevo solo che avesse fiducia...e così è stato"...una delle frasi più belle che abbia mai sentito.
      2
      Rispondi a max Commenta l’articolo

    • Avatar di Michela

      Michela 4 mesi fa (8 febbraio 2017 9:59)

      Ps poi ringraziando dio ognuno la pensa ancora come gli pare ;)
      0
      Rispondi a Michela Commenta l’articolo

    • Avatar di Michela

      Michela 4 mesi fa (2 febbraio 2017 22:53)

      Ciao Pincollo, ti risponso subito. No! Non l'ha lasciata. Ma nel frattempo continua a scrivermi, che non puo stare senza di me, che vuole un'altra chance, che non puo immaginarmi con un altro. Io ovviamente non ho riabboccato. Ma quello che dico e': se devi continuare cosi, questa benedetta moglie non sarebbe meglio lasciarla piuttosto che prenderla in giro? Una persona nella pagina facebook sotto questo articolo aveva lasciato un commento interessante, chiamando molte coppie 'unite da un patto fraudolento': ovvero, stiamo insieme perche da soli si sta male, in due si sta meglio, spende meno e fatica di meno a tirare su i figli. Non so cosa ne pensi tu ma ne ho viste varie di coppie unite dal patto fraudolento. Triste!
      4
      Rispondi a Michela Commenta l’articolo

    • Avatar di Pincollo

      Pincollo 4 mesi fa (5 febbraio 2017 11:39)

      Quoto Anna che dice che spesso la crisi coniugale è una balla per avere una buona scusa per tradire. Non avevo dubbi che il tizio di Michela fosse ancora con la moglie . Credo che la capacità di mettersi nei panni degli altri di queste persone sia uguale a quella di un asino che si improvvisa cantante .
      3
      Rispondi a Pincollo Commenta l’articolo

    • Avatar di Michela

      Michela 4 mesi fa (2 febbraio 2017 22:54)

      Ps oltretutto ovvio che ora la moglie non la lascia......mi aveva chiesto di venire a vivere da me. Probabilmente non vuole ritrovarsi da solo. Ora che io mi sono tolta dall'equazione......
      1
      Rispondi a Michela Commenta l’articolo

    • Avatar di Gea

      Gea 4 mesi fa (1 febbraio 2017 9:08)

      Mau, sono d'accordissimo. Anch'io ho rifiutato un paio di occasioni, anche se col mio allora compagno le cose andavano malissimo, e ho sempre evitato i tipi impegnati o comunque "sospetti" (quelli che non lo dicono, ma hanno qualcuno). Purtroppo, pero', non tutte ci arrivano. Mi pare che Ilaria abbia già scritto un articolo su quelle che corrono appresso agli uomini impegnati. Ovviamente, si puo' approfondire. A me piacerebbe un articolo sulla solidarietà femminile, di cui giustamente parli, e che é un valore in caduta libera oggigiorno.
      5
      Rispondi a Gea Commenta l’articolo

    • Avatar di Pincollo

      Pincollo 4 mesi fa (2 febbraio 2017 11:37)

      Ciao Mau .. concordo pienamente con la tua riflessione . A volte credo non sia facilissimo mettere in pratica tutto ciò però sulla carta non fa una piega. Penso che in una relazione ci voglia (oltre che tutto il resto) anche tanta intelligenza e buon senso . Prima o poi una buccia di banana lungo il percorso la trovi... e qui c è il bivio tra chi ha un cervello e chi no . L'errore è umano ci mancherebbe ,però una volta fatto il danno è fatto. Motivi per cui relazione che durano per tutta la vita si contano su una mano .
      3
      Rispondi a Pincollo Commenta l’articolo

  10. Avatar di Sonia

    Sonia 3 mesi fa (18 febbraio 2017 9:31)

    Ciao, sono sposata, con figlie adulte e nipotini. Non ci manca niente, in famiglia tutto va bene, lavoriamo, non abbiamo problemi finanziari. La coppia e famiglia ideale. Molte mie amiche mi invidiano etc. Ho 52 anni. A marzo 2016 ho conosciuto un uomo di 39 anni. Sposato con due figli. Ci incrociavamo in stazione quasi quotidianamente. Lui non va d'accordo con la moglie e stanno insieme per i figli. Abbiamo cominciato a salutarci e in seguito è stato lui a cercarmi e ad invitarmi. Io non cercavo assolutamente niente. Da qui è nata una relazione adulteria da marzo 2016.. Ci siamo visti qualche volta. Due volte ha fatto tanti chilometri per venire a trovarmi dove io ero in vacanza. Poi ha iniziato a dirmi che non aveva tempo, che aveva molto lavoro ed è stato più difficile vedersi. Ma è sempre stato molto gentile,cortese, non ha mai svelato i suoi sentimenti. Forse sono stata abbagliata dalle sue premure e gentilezze da principe azzurro. A settembre dopo aver ben riflettuto ho troncato questa relazione dicendogli che questa relazione mi perturbava che ero destabilizzata e che amo mio marito e che non voglio mandare tutto in aria solo per ritrovarlo ogni tanto e per qualche attimo e qualche carezza in stazione tra due treni. Gli ho detto che il fatto di non aver tempo è solo una scusa, che quando si vuole si trova il tempo. Mi ha solo risposto che stavo prendendo una saggia decisione e che non avrebbe mai pensato che sarebbe finita così. Il tutto è durato meno di cinque minuti. Dopo 15 giorni non ha resistito all'impulso di mandargli un messaggio al quale ha risposto come sempre molto gentilmente. Da fine settembre ai primi di dicembre mi aspettava di nuovo all'arrivo del treno la mattina, e abbiamo continuato a vederci durante 7-8 minuti prima della partenza del suo treno. Abbiamo continuato a scambiarci sms etc. Ai primi di dicembre avevamo previsto di rivederci, ma abbiamo dovuto annullare il nostro appuntamento, lui aveva degli impegni di lavoro. A questo punto me la sono presa, e gli ho detto che stava mentendo e che mi prendeva in giro. Lui ha sostenuto che era la verità. Dopo di questo gli ho scritto la seguente mail : ritengo che non si possa costringere nessuno a fornire spiegazioni che non si vogliono dare e che non sia corretto giocare coi sentimenti altrui. Penso che non è un modo di comportarsi quello di non dare nessuna spiegazione dopo aver condiviso qualcosa con una persona che dall'altra parte desidera comprendere e confrontarsi. Egoismo ? Se tu fossi un vero "Principe Azzurro", non mi lasceresti in una situazione di ansia e pendenza. E' violenza illudere le persone e credo anche che rientri tra le forme peggiori ! Basterebbero poche parole per rassicurarmi oppure sarebbe corretto anche solo dirmi che non ti interessa più continuare questa relazione.Tu invece preferisci il silenzio. Sto perdendo la mia dignità ! Sono profondamente dispiaciuta. In seguito a questa mail lui non si è fatto più vedere in stazione. Dopo una settimana gli ho scritto un messaggio per sapere se ci saremo rivisti. Lui non ha risposto subito come faceva sempre e io ho cominciato a insistere, gli ho scritto che avrei voluto essere nelle sue braccia prima di lasciarlo, forse questo è stato il mio ultimo errore….mi ha risposto che aveva un dossier complicato, che gli prendeva un sacco di tempo e che non sapeva se avrebbe preso il treno la settimana seguente augurandomi un buon week-end. Dopo questa ultima email non ho più avuto notizie. Devo comunque dire che non ci siamo mai promessi niente e che non ha mai parlato dei suoi sentimenti, tranne in un messaggio dove mi ha detto che era "perso e che non sapeva quello che voleva". Parlavamo molto, di diversi argomenti ma di noi due non abbiamo mai parlato. Con mio marito le cose vanno abbastanza bene, andiamo d'accordo, non ho niente da rimproverargli, ma penso tutti i giorni a lui. Non so se mi sono innamorata, Forse è solo perchè questo gioco metteva un pò di vivacità e di eccitazione nella mia vita. Ho tanta vogli di rivederlo perchè abbiamo passato dei momenti magici e mi sembrava tutto molto sincero. Com'è possibile che dopo aver vissuto dei momenti bellissimi tutto svanisce … Cerco delle risposte ma non le trovo. Cerco di capire il senso di tutta questa storia ma non la trovo…. E difficile continuare senza capire il perchè? Senza avere risposte. Lei cosa ne pensa di tutta questa storia ? Cosa mi consiglia ? Grazie infinite e cordiali saluti. Sonia.
    -8
    Rispondi a Sonia Commenta l’articolo

    • Avatar di Ilaria Cardani

      Ilaria Cardani 3 mesi fa (18 febbraio 2017 11:47)

      Io penso Sonia che lei è molto arrabbiata con lui perché non si è comportato in maniera rispettosa, onesta, comprensiva. Accade, accade che le persone non rispettino impegni e promesse. Accade che le persone se ne infischino dei sentimenti altrui e cerchino consolazione alla noia in divertimenti passeggeri senza interessarsi del rischio di poter danneggiare gli altri. Lei dovrebbe capirlo che può succedere che le persone non siano né oneste, né corrette. Il suo, oltre a essere un caso di bovarismo e kareninismo (bellissima l'analogia dei treni e della stazione) è un caso di "chi la fa l'aspetti" e anche di "chi è senza peccato tiri la prima pietra". Ecco.
      8
      Rispondi a Ilaria Cardani Commenta l’articolo

    • Avatar di Gea

      Gea 3 mesi fa (18 febbraio 2017 17:24)

      Trovo tristissimo quell'"amo mio marito" annegato in tutto il resto, dove di amore e rispetto ce n'é assai poco, anche per se stessa. Cosa non fa fare la noia a certe donne e a certi uomini...
      7
      Rispondi a Gea Commenta l’articolo

    • Avatar di max

      max 3 mesi fa (18 febbraio 2017 19:37)

      Già, le storie impossibili chissà perché attirano di più anche di quello che già si ha, anche se si ama il proprio partner e tutto va bene, non è mai abbastanza per troppe persone
      2
      Rispondi a max Commenta l’articolo

  11. Avatar di Mari

    Mari 2 mesi fa (20 marzo 2017 12:57)

    Buongiorno Ilaria, mi presento, sono una “ragazza” alle soglie dei fatidici 40 anni, un buon lavoro, una famiglia affettuosa e presente, amiche vere che mi sostengono, al momento single, mai sposata, niente figli. E’ tanto che ti seguo ma non ho mai trovato il coraggio di scriverti, forse perché ho sempre avuto paura di quella che poteva essere la tua risposta, ma adesso diciamo che avrei bisogno di una sana "scrollata". Cercherò di essere sintetica e chiara anche se un po' mi è difficile considerando la confusione che ho in testa. Due anni fa conosco un uomo, separato da poco, con due bambini di 9 e 10 anni, iniziamo una frequentazione che si trasforma ben presto in una relazione, per me seria ed esclusiva, per lui un po' meno. Il primo anno e mezzo è caratterizzato dal suo continuo fuggire anche di fronte a piccole cose che sono il segno però di un impegno più importante, il tutto sempre giustificato dal suo essersi appena separato e dall’aver bisogno di tempo. Nonostante questo mi presenta i figli, i genitori e fa tutte quelle che mosse che mi fanno credere che finalmente abbia preso una decisione nel senso di stabilizzare la sua vita e di farlo con me. Con il tempo mi accorgo di diverse bugie e mi cresce il sospetto, concreto, di suoi eventuali tradimenti. Tradimenti che saranno poi confermati. Ci lasciamo, passiamo un mese e mezzo separati. Torna. Mi dice di aver capito quanto sono importante per lui e di essere finalmente pronto per una relazione seria ed esclusiva che guardi al futuro. Mi chiede scusa per il passato e sostiene che da lì in avanti tutto sarà diverso. Riprendiamo a frequentarci e tutto sembra perfetto, ovvero finalmente una relazione normale, frequento assiduamente i suoi bimbi, loro cominciano a fidarsi di me ed io inevitabilmente mi affeziono. Viene fuori che ha mentito ancora una volta riguardo al momento in cui siamo stati separati. In realtà in quel periodo oltre ad altre frequentazioni si vedeva con una donna del suo passato, la sua vecchia amante, a causa della quale si era separato dalla moglie. Mi assicura che con lei è tutto finito nel momento stesso in cui siamo tornati insieme. Lo perdono ancora una volta. Le cose fra di noi vanno bene, sempre meglio, tanta complicità, tanta condivisione, finché non scopro che a fine gennaio, nonostante tutto all’apparenza sembri andar bene, è tornato ancora una volta con lei, chiudendoci ancora una volta subito dopo (un eterno ripetersi, direi, di ritorni e chiusure). Adesso mi dice di non buttar via tutto quello che abbiamo costruito insieme, che è stato debole ma che è stata l’ultima debolezza, sa che io sono la persona per lui e che è con me che vuol passare il resto della sua vita, cercherà una casa per noi, andrà anche da uno psicoterapeuta. E io nonostante il dolore, la rabbia, il fatto che comunque lo abbia allontanato dalla mia vita, continuo ad ascoltarlo, perché nella mia piccola e vuota testa continuo a sperare che sia sincero, che magari uno psicoterapeuta lo aiuti, perché con lui sto bene, quando siamo insieme sono felice, condividiamo tempo, interessi, ci scambiamo opinioni, consigli, facciamo progetti, sembra davvero amore, ma ovviamente non riesco ad accettare serenamente l’idea di condividere il resto della vita con un traditore seriale, che per quanto intelligente, simpatico, buono possa essere, sembra non condividere nei fatti (perché a parole ovviamente condivide tutto, ma le sue parole ormai hanno davvero una scarsa importanza) quei valori di sincerità, rispetto e fedeltà che per me sono fondamentali. Ti chiederai che ti ho scritto a fare visto che le risposte ci sono già tutte, non lo so nemmeno io, forse per la famosa “scrollata” che ti ho scritto all’inizio. Mi considerano tutti una donna matura, intelligente, forte e invece è così che mi son ridotta. Spero di non essermi dilungata troppo. Grazie per la lettura.
    3
    Rispondi a Mari Commenta l’articolo

    • Avatar di Ilaria Cardani

      Ilaria Cardani 2 mesi fa (20 marzo 2017 13:14)

      Beh, per non fare la parte di quella che intimorisce le lettrici dò la risposta rassicurante e criminale: ma sì, aspetta che vada dallo psicoterapeuta. Ti dirà che ci va anche se non ci va. Lo psicoterapeuta ci farà su un sacco di soldi senza capirci niente, soprattutto fregandosene altamente di chi soffre davvero, che sei tu. Tu intanto farai a lui da paracadute, sprecherai gli anni migliori della tua vita, ti ritroverai invecchiata e svuotata e questo sarà per lui motivo per angariarti ulteriormente. Però non sia mai detto che io ho scritto che il tuo partner è una bestia, non sia mai detto che ti ho consigliato di rimanere single per qualche tempo e non sia mai detto che io ti abbia consigliato di allontanarti dai teneri, adorati pargoli (non tuoi). Va bene così? Unica nota negativa: gli psicoterapeuti non si sa bene che cosa curino, di certo non curano la stronzaggine degli umani.
      12
      Rispondi a Ilaria Cardani Commenta l’articolo

    • Avatar di Mari

      Mari 2 mesi fa (20 marzo 2017 13:52)

      Grazie Ilaria, era questo che intendevo per "scrollata"!
      4
      Rispondi a Mari Commenta l’articolo

    • Avatar di Mari

      Mari 2 mesi fa (20 marzo 2017 14:14)

      Non so se sono già riuscita a risponderti perché ho fatto un pò di confusione con il telefono! Grazie! Credo che farò tutte quelle cose che non mi hai detto!!!!
      1
      Rispondi a Mari Commenta l’articolo

    • Avatar di max

      max 2 mesi fa (20 marzo 2017 15:07)

      Mi stupisce sempre come certe donne (ma anche certi uomini) accettino determinati comportamenti fatti di tradimenti, bugie, maschere, manipolazione-da-mi-fa-pena-poverino/a, distacchi e ripensamenti in circolo vizioso sempre crescenti e sempre più malsani...unico appunto: Nel classico periodo di separazione in situazioni come queste, ognuno è libero di fare ciò che vuole, senza rendere conto di nulla all' ex-partner...che poi l' ex-partner accetti il tipico ritorno da "minestra riscaldata" dell' ex, ma rosichi per quello che l'ex ha fatto nel frattempo, è farsi cornuti&mazziati con le stesse proprie mani
      3
      Rispondi a max Commenta l’articolo

    • Avatar di Ilaria Cardani

      Ilaria Cardani 2 mesi fa (20 marzo 2017 15:22)

      Max, diciamo che a me impressiona e non stupisce, dato che io nutro la massima comprensione umana per questi atteggiamenti "disfunzionali", che hanno delle ragioni nel vissuto e nell'emotività delle persone, ragioni che sono ben motivate (un'educazione priva d'amore, una serie di avventure di vita che non hanno mai fatto incontrare il bene, e tanto altro). So anche quanto devastante sia la sofferenza per un amore malsano e quanto tutto ciò si trasformi in un effetto "gatto che si morde la coda". A qualcuno può accadere di scoprire il gioco e di voler cambiare i propri schemi: per queste persone esiste questo blog. Quindi, giunti qui, premesso che la comprensione per quanto è successo è totale e anche scontata (per me è scontata, la sofferenza che si è passata la dò come dato di fatto), quello che può sorprendere in alcuni casi è l'insistenza e la cocciuttagine rispetto a determinate situazioni.
      7
      Rispondi a Ilaria Cardani Commenta l’articolo

    • Avatar di mari

      mari 2 mesi fa (20 marzo 2017 16:52)

      Credo di essermi espressa male seguendo il tono ironico della tua prima risposta, intendevo dire che seguirò i consigli che non sia mai detto che tu mi abbia dato, ossia starò un pò da sola (il che per me non è un grosso problema, ci sono stata sette anni, parte dei quali anche molto bene, proprio perchè non volevo ritrovarmi come poi mi sono ritrovata ) e mi allontanerò da lui e dai suoi pargoli!So da sola che è l'unica cosa sana che posso fare, avevo solo bisogno di uno "scapellotto" virtuale. Sono cosciente del gioco e soprattutto dei miei atteggiamenti "disfunzionali", con i quali, a fasi alterne, lotto da anni. E Max che dire? Io per prima mi meraviglio di me stessa, della situazione in cui mi sono andata a infilare e della perseveranza con cui l'ho portata avanti e il rosicare per come lui abbia impiegato il suo tempo nel periodo della separazione sinceramente è sempre stato l'ultimo dei miei problemi, se non addirittura irrilevante. Grazie ancora.
      5
      Rispondi a mari Commenta l’articolo

    • Avatar di London

      London 2 mesi fa (20 marzo 2017 16:44)

      Questa risposta è il top! grazie Ilaria! bellissimo leggerti.
      3
      Rispondi a London Commenta l’articolo

  12. Avatar di Veronica

    Veronica 2 mesi fa (20 marzo 2017 16:19)

    Cara Ilaria, mi piacerebbe conoscere il tuo parere in merito ad una questione: è normale che il proprio compagno qualora incroci una bella ragazza gli caschi l'occhio, magari più volte, sul suo fisico? Cioè, pure a noi donne anche se fidanzate ci capita di notare uomini e donne affascinanti, ma diciamo che gli uomini hanno più stimoli su cui cade la loro attenzione (seno, sedere etc...) non so se mi son spiegata...cioè qual'è il limite da considerare normale e sano o irrispettoso per non passare da isteriche ossessive paranoiche o coglione che stanno con un uno che non le rispetta? Inoltre anche se uno è fedele potrebbe essere un segnale da tenere in considerazione anticipatorio di un tradimento? Grazie mille se mi vorrai aiutare a fare chiarezza
    2
    Rispondi a Veronica Commenta l’articolo

    • Avatar di Ilaria Cardani

      Ilaria Cardani 2 mesi fa (20 marzo 2017 16:38)

      La definizione tecnica di un personaggio del genere (uomo al di sopra dei 18 anni) è "morto di figa". La "morte di figa" di un soggetto è qualcosa che possiede nella carne e nel sangue e che gli proviene da costrutti mentali non proprio sanissimi. Un uomo un filo più maturo (il minimo sindacale) dovrebbe trattenersi da occhiate tanto evidenti sia per non dare l'idea di sé di un morto di figa, sia per semplice educazione. So che le dichiarazioni del macho di turno esprimono una serie di giustificazioni accampando un "istinto primordiale" tipicamente maschile e incoercibile, un'ammirazione generalizzata e purissima per il corpo femminile e scempiaggini di questo genere. Fatto sta che anch'io possiedo una serie di istinti primordiali che per buona creanza e per non rovinare la mia immagine controllo anche se spesso mi costa gran fatica. Ecco, facciano un po' di fatica anche loro. Ci sono anche morti di figa, facilmente smascherabili, che occhieggiano di qua e di là di sottecchi, cercando di non farsi scoprire. Non danno nemmeno loro l'idea di essere uomini adulti e capaci di controllare se stessi. Poi, fatte tutte le considerazioni, valuta tu se ti ritieni il tipo di donna che si accontenta di uno che rimira senza pudore le sporgenze femminili. E' un atteggiamento-spia. Dice del soggetto molto di più di quanto si creda.
      12
      Rispondi a Ilaria Cardani Commenta l’articolo

    • Avatar di Veronica

      Veronica 2 mesi fa (21 marzo 2017 18:10)

      Ok, e se è uno che ha 20 anni , più maturo sentimentalmente di un quarantenne..come dirglielo?
      0
      Rispondi a Veronica Commenta l’articolo

    • Avatar di Veronica

      Veronica 2 mesi fa (21 marzo 2017 18:32)

      aggiungo che è innamorato di me
      0
      Rispondi a Veronica Commenta l’articolo

    • Avatar di Ilaria Cardani

      Ilaria Cardani 2 mesi fa (21 marzo 2017 18:35)

      Dirgli cosa, scusa?
      0
      Rispondi a Ilaria Cardani Commenta l’articolo

    • Avatar di Veronica

      Veronica 2 mesi fa (21 marzo 2017 18:39)

      come fargli capire che è un atteggiamento poco educato..o dici è inutile? non può essere perchè è così giovane?
      0
      Rispondi a Veronica Commenta l’articolo

    • Avatar di Ilaria Cardani

      Ilaria Cardani 2 mesi fa (21 marzo 2017 18:46)

      Eh, ma qui lo scenario che si apre è un po' più ampio, allora del: "guarda le altre"... Ci sono altre questioni non chiare mi pare o che non si vuole che siano chiare :)
      2
      Rispondi a Ilaria Cardani Commenta l’articolo

    • Avatar di Veronica

      Veronica 2 mesi fa (21 marzo 2017 18:52)

      non ho capito perdonami..che tipo di altre questioni? è un ragazzo con cui sto, siamo innamorati l'uno dell'altro e facciamo progetti insieme, è una persona buona. Ti chiedevo, dato che è molto giovane, forse inesperto riguardo alle buone maniere e controllo dei propri istinti ancora.. quindi per questo t'ho chiesto quale può essere da parte mia il modo migliore per dirgli che per me è un atteggiamento non educato e che non accetto dal mio compagno?
      0
      Rispondi a Veronica Commenta l’articolo

    • Avatar di Emanuela

      Emanuela 2 mesi fa (21 marzo 2017 19:34)

      Perché ritieni che esista un modo differente di comunicare con lui rispetto a quello che utilizzi qui con noi? Perché con lui dovrebbe essere più difficile usare le stesse parole che usi qui? Sei stata breve e chiara, il suo è un atteggiamento per te poco educato e non gradevole. Il fatto che comunque lo sia per te tanto da doverlo scrivere su un sito, non è da meno se per caso per altri non è così e hanno una diversa sensibilità sul tema. A me infastidisce molto entrare nella macchia di un fumatore e impregnarmi gli abiti di cattivo odore, poco importa se altri ci stanno benissimo. È bene comunicare al proprio partner i propri gusti, interessi, disappunti e questo serve per conoscersi e fornire i parametri entro i quali muoversi rispettandosi. Se tu fai fatica ad esprimere con lui il tuo punto di vista, forse il problema non sono gli sguardi rivolti alle altre, ma la mancanza di comunicazione.
      3
      Rispondi a Emanuela Commenta l’articolo

    • Avatar di Gea

      Gea 2 mesi fa (21 marzo 2017 19:56)

      Sono d'accordo con Emanuela. Comunicare, ovviamente in modo chiaro e assertivo e non confuso e/o aggressivo, é importante e aiuta a crescere. Se é un ragazzo in gamba (come spero), capirà; se é un inguaribile morto di figa... capirà lei e saprà cosa fare.
      1
      Rispondi a Gea Commenta l’articolo

    • Avatar di Veronica

      Veronica 2 mesi fa (21 marzo 2017 19:56)

      ah ok ho capito, grazie per il tuo intervento Emanuela. Beh che dire è un rapporto fresco, ci dobbiamo conoscere ancora approfonditamente. Ti spiego il motivo della domanda: sono molto gelosa, derivante da insicurezza e brutte esperienze con uomini, e spesso ho il timore di esagerare. Inoltre è il primo rapporto equilibrato e reciproco che sto vivendo, quindi mi ritengo un pò inesperta sui metodi giusti di comunicazione, il modello che ho introiettato è quello di mia madre: lamentela, rabbia, permalosità e tendenza a far sentire in colpa l'altro. Ho una reattività emotiva che mi ha causato diversi problemi e sto cercando invece di crescere su questo aspetto anche insieme a lui. Mi piace quindi potermi confrontare con altre donne anche. :)
      0
      Rispondi a Veronica Commenta l’articolo

    • Avatar di Emanuela

      Emanuela 2 mesi fa (22 marzo 2017 6:42)

      Forse hai paura che iniziando un discorso incentrato sui tuoi bisogni tu possa non essere compresa e di conseguenza possa perdere il controllo del dialogo? Magari scatenando un litigio che lo possa allontanare. Se è così devi importi di parlare in modo franco e sereno e non usare giochini finto leggeri che lasciano insoddisfatte. Comincia a pensare che è normale esprimere i propri bisogni.
      0
      Rispondi a Emanuela Commenta l’articolo

    • Avatar di Veronica

      Veronica 2 mesi fa (22 marzo 2017 10:38)

      no non ho paura di un litigio, è già successo che gli ho espresso bisogni o perplessità e la sua reazione è quella di un dialogo aperto. Conoscendolo mi chiederebbe scusa e direbbe che cercherà di fare diversamente, è giovane e che non è perfetto come essere umano. Per lui è importante comprendersi l'un l'altro. Poi vedrò come reagirà stavolta, la palla di vetro non ce l'ho. Il mio timore per cui sono interventua con leggerezza è quello di appesantire la relazione e passare da gelosa che lo controlla. non vorrei ottenere l'effetto contrario inconsapevolmente
      0
      Rispondi a Veronica Commenta l’articolo

    • Avatar di Anna

      Anna 2 mesi fa (22 marzo 2017 12:00)

      Questa cosa che è giovane mi pare torni con troppa insistenza. È molto più giovane di te e guarda le altre, magari sue coetanee? Questo è il motivo del tuo disagio?
      1
      Rispondi a Anna Commenta l’articolo

    • Avatar di Veronica

      Veronica 2 mesi fa (22 marzo 2017 12:56)

      no non è che guarda quelle più giovani di me no..il fatto che è più giovane potrebbe significare che ha la tempesta ormonale in corso ancora e non ha introiettato maniere più da uomo maturo che sa controllare i suoi bassi istinti
      -1
      Rispondi a Veronica Commenta l’articolo

    • Avatar di Veronica

      Veronica 2 mesi fa (21 marzo 2017 20:39)

      racconto un altro dettaglio al riguardo. Pochi giorni fa ci ho scherzato su con lui, cioé gli ho fatto un appunto ma ironico e leggero..lui ha risposto che non le guarda , e se lo fa di farglielo notare , cosa che farebbe anche lui se mi scorgesse soffermarmi a guardare un altro uomo.. Tutto questo mentre ridevamo insieme. Peró la volta dopo di fronte alla ragazza di mio fratello ho notato in tralice che l ha più volte squadrata.. Una volta soli ho solo commentato con leggerezza che mio fratello si trova sempre belle ragazze, al che lui ha risposto solo con "anche io ne ho trovata una bellissima"
      -2
      Rispondi a Veronica Commenta l’articolo

    • Avatar di max

      max 2 mesi fa (21 marzo 2017 22:05)

      Ah Vero' ma che problemi ti fai?...goditi il tuo uomo innamorato, e fatti dire che sei bellissima, che ti ama, e che sei unica, tutti i giorni...state insieme, godete di voi, ridete, parlate, condividete emozioni, fate cose normali e cose improvvisate, fate l' amore, conoscetevi giorno per giorno, e vedrai che le tue insicurezze saranno solo un ricordo del passato...daje!
      -5
      Rispondi a max Commenta l’articolo

    • Avatar di Veronica

      Veronica 2 mesi fa (22 marzo 2017 7:22)

      Ah Max! lo stiamo già facendo. Non mi sembra che siano problemi che mi faccio solo io come se me li fossi inventati, la risposta di Ilaria ne é l'esempio e se il mio intuito mi dice che c'é qualcosa che non va tramite tale sofferenza un motivo valido c'è. Che poi sia comunque risolvibile me lo auguro , e gliene parleró con molta serenità ma fermezza.
      2
      Rispondi a Veronica Commenta l’articolo

    • Avatar di Ilaria Cardani

      Ilaria Cardani 2 mesi fa (22 marzo 2017 10:00)

      Brava! Qualche dubbio fattelo venire. Questo sempre.
      4
      Rispondi a Ilaria Cardani Commenta l’articolo

  13. Avatar di Manuela

    Manuela 1 mese fa (15 aprile 2017 18:35)

    Sarebbe interessante girare la frittata.. perché una donna tradisce? Per quanto mi riguarda trovo la questione al pari del tradimento esercitato dall 'uomo. Grazie
    0
    Rispondi a Manuela Commenta l’articolo

  14. Avatar di migliorfortunalaprossimavolta

    migliorfortunalaprossimavolta 4 mesi fa (31 gennaio 2017 6:32)

    Articolo come sempre interessante su cui ho riflettuto per capire, con mio grande sollievo, che a ma non interessa, o, meglio, non interessa più. Per troppo tempo ho scavato analizzato rimuginato per cercare di dare un senso al tradimento subito, finché ho finalmente capito che non c'era niente da capire, e che semplicemente dovevo accettare il fatto che una persona che si era comportata in quel modo non era la persona giusta per me, nonostante i trent'anni passati insieme e due figli. Ho lavorato e sto lavorando per rimettere insieme i cocci e per rinascere e vivere la mia vita nel modo giusto per me
    14
    Rispondi a migliorfortunalaprossimavolta Commenta l’articolo

    • Avatar di Anna

      Anna 4 mesi fa (31 gennaio 2017 11:23)

      Infatti. Non mi sono mai chiesta il perché del tradimento... tanto il colpo all'autostima in qualche modo arriva (se non altro perché ti sei bevuta le bugie); a meno che non ci siano le rare e poche condizioni per ricominciare.
      0
      Rispondi a Anna Commenta l’articolo

    • Avatar di roccia50

      roccia50 1 mese fa (18 aprile 2017 13:48)

      fAI MALE A NN AVERTELO CHIESTO. PERCHE CON LUI NN CI PARLI? PARLACI E' POI VEDI CHE COSA TI DICE, MAGARI C'E UN PROBLEMA DI COPPIA??
      0
      Rispondi a roccia50 Commenta l’articolo

    • Avatar di Maria

      Maria 4 mesi fa (6 febbraio 2017 14:55)

      Concordo pienamente, come te, il mio matrimonio è finito dopo trent'anni stupendi, trascinato per altri dieci, oggi sono felicemente divorziata. Non ci sono domande, ne risposte, finisce, punto, bisogna accettarlo e andare avanti.
      0
      Rispondi a Maria Commenta l’articolo

  15. Avatar di Giorgia

    Giorgia 2 mesi fa (4 aprile 2017 10:16)

    Mi piacerebbe molto uscire dalla mia situazione..io non ho mai trovato un uomo che mi amasse per quella che sono..sono una madre single di due meravigliosi maschietti.. 40enne da poco..capisco che ce tanto da poter cambiare in me..potrei avere il materiale in un prezzo più accessibile possibile..in quanto non sono economicamente avvantaggiata.purtroppo. max 10€
    -5
    Rispondi a Giorgia Commenta l’articolo

    • Avatar di Ilaria Cardani

      Ilaria Cardani 2 mesi fa (4 aprile 2017 10:35)

      Ci sono una guida, quasi 500 articoli, decine di migliaia di commenti e una pagina Facebook completamente gratuiti. Più le mail che mando regolarmente alle iscritte. Tirati su le maniche e datti da fare, ché le persone non hanno nessun dovere di amarti per quella che sei, dato che qualche piccolo sforzo nella vita va fatto, e non è il caso di mettersi sempre in una posizione subordinata o di vittima.
      7
      Rispondi a Ilaria Cardani Commenta l’articolo

    • Avatar di roccia50

      roccia50 1 mese fa (18 aprile 2017 14:00)

      Bravissima.......... fare la vittima e' un pessimo gioco per chi lo fa' e' per chi lo deve subire. se trovate uno che fa' la vittima perche nn sa fare l'uomo, lasciatelo perdere. se invece siete voi donne a fare del vittimismo per farvi Amare, andate sotto di AUTOSTIMA, uscite allo scoperto, e' fatevi valere per cio' che siete in reale!!!
      0
      Rispondi a roccia50 Commenta l’articolo

  16. Avatar di Mery

    Mery 4 mesi fa (29 gennaio 2017 12:04)

    I motivi sono diversi e disparati... Non devo giustificare uomini e donne che lo fanno , ma in effetti c'è in punto nella lista che io considero (parer mio ) emotivamente il più pericoloso , quello che mina il rapporto della coppia, quello di ritrovarsi , a volte ,anche per caso in perfetta sintonia con un altra , sentirsi capiti , apprezzati , come a casa ormai non accade da tempo. Ok , possediamo la nostra etica , il lume della ragione è stata dato a tutti , ma non sempre è facile trovare nel nostro compagno , a distanza di anni , quella complicità morale o fisica che sia , di cui abbiamo bisogno. A Vent anni hai determinati bisogni , incontri una persona che ti fa sentire completo , vi sposate, casa figli lavoro... A quarant'anni , forse ti sembra tutto noto e conquistato, sta all intelligenza di entrambi capire che si è cambiati e che sono cambiati anche i bisogni nella coppia. Ci vuole buona volontà da parte di entrambi ,parlarne , lavorare ad un progetto comune , cercare sempre di vedere il sesso come un esperienza divertente e non un dovere. La passione andrebbe coltivata ogni giorno ,nonostante la routine dei doveri famigliari , ma molti non la vedono così e per quanto una moglie o un marito possano impegnarsi per permettere ciò, se l altro non vede indispensabile reinventarsi ed a volte addirittira sbuffa o ti snobba quanfo provi a mostrare questo disagio ,ad un certo punto subentra la noia, la stanchezza e l apatia, il non sentirsi amati credo non piaccia a nessuno. Ciò non giustifica un tradimento , ma in questo caso se dovesse accadere ?la colpa è di entrambi, sta all intelligenza di chi vorrebbe tradire , capire che la cosa più saggia , dopo vari tentativi di riavvicinamento, dopo aver battuto ogni strada posdibile ,sia quella di separarsi, così da permettere a sè ed all altra persone di potersi rifare una vita . Poi esistono altri casi che non giustifico affatto , quelli che collezionano donne come figurine , quelli che devono fare sesso sempre e comunque , questi non li chiamerei neppure uomini ....
    14
    Rispondi a Mery Commenta l’articolo

    • Avatar di max

      max 4 mesi fa (29 gennaio 2017 15:20)

      Io non sono d' accordo con chi dice che la colpa è di entrambi...la colpa del tradimento è di chi tradisce...la colpa se un rapporto di coppia o un matrimonio non funziona più è di entrambi....si può risolvere o si può chiudere anche senza un tradimento, ma è -apparentemente- la via meno facile
      17
      Rispondi a max Commenta l’articolo

    • Avatar di roccia50

      roccia50 1 mese fa (18 aprile 2017 14:09)

      non condivido. non tutti i casi sono uguali. e chi nn conosce nn puo' giudicare
      0
      Rispondi a roccia50 Commenta l’articolo

    • Avatar di max

      max 1 mese fa (18 aprile 2017 16:45)

      Roccia lo sai qual'è il significato letterale di tradimento immagino?..quello, l'atto del tradire non lo giustifico, che sia amoroso, di amicizia, d' affari, l' atto non lo giustifico...che poi a monte le colpe (in tante ma non in tutte le situazioni) siano di entrambi assolutamente non lo discuto, piuttosto prendo atto -da persona non sposata- quale sono, dell' incapacità delle persone di amarsi, rispettarsi, conoscersi anziché darsi per scontati, e fare andare bene le cose anche quando i tempi si fanno difficili
      0
      Rispondi a max Commenta l’articolo

  17. Avatar di Cristina

    Cristina 4 mesi fa (31 gennaio 2017 12:33)

    Ciao Ilaria, ho letto domenica questo articolo , ho un dubbio su quello che hai scritto sulla esuberanza sessuale degli uomini .. e sul nostro essere senza cuore.. a volte io sono scappata pet la troppa esuberanza ... grazie mille
    -2
    Rispondi a Cristina Commenta l’articolo

    • Avatar di Ilaria Cardani

      Ilaria Cardani 4 mesi fa (31 gennaio 2017 13:11)

      Cara Cristina si trattava di una battuta: molti uomini dicono che non possono non tradire sostenendo che quella è la loro natura (e sottintendendo che lo ce l'hanno sempre duro, sono dei maschi super, alfa, di più e necessitano di un harem) e che quindi meritano la comprensione della compagna che non solo deve tenersi le corna, ma deve pure comprenderli. Era una battuta relativa al tradimento. Se invece, come mi pare, tu parli di "esuberanza sessuale" (termine, ripeto, ironico e utile a intenderci) all'interno della relazione, vanno, come per ogni cosa, fatti dei distinguo: si tratta di eccesso di lui nel chiedere, pretendere o magari sopraffare o si tratta di un punto debole di lei? Sono temi diversi che vanno affrontati con argomenti diversi.
      3
      Rispondi a Ilaria Cardani Commenta l’articolo

    • Avatar di roccia50

      roccia50 1 mese fa (18 aprile 2017 13:45)

      l'opzione n. 10 e' quella che piu mi si addice, o addice anche ad un uomo che in casa nn ha piu dialogo con la moglie tra tt i casi perche un uomo tradisce o una donna...... ci sono altri mille casi, ancora opiu personali, ed io appartengo ad uno di quelli. molti uomini si lamentano perche lei e di cemento, farlo con lei o con un palo di cemento e' la stessa cosa. l'uomo che nn viene capito dalla propria donna, o la donna che ha un marito gelido, e senza saper esporre i suoi sentimenti. l'uomo gelido senza emozioni, freddo. chi nn conosce questi termini, nn sa di cosa stiamo parlando.per nn parlare dei matrimoni bianchi, con prima notte di nozze da dimenticare...quindi mai esistita. ci sono uomini e donne che tradiscono per mille motivi, cioe' anche quelli sopra indicati dalla Ilaria; ma ci sono anche situazioni, che per nessun motivo devono esssere GIUDICATE.... QUESTA N E LA SEDE PER PARLARNE SE NN IN PRIVATO DA UN MEDICO!!!!
      0
      Rispondi a roccia50 Commenta l’articolo

    • Avatar di max

      max 1 mese fa (18 aprile 2017 19:00)

      quindi metti le corna a tua moglie perché non ti da emozioni o non vi date emozioni?...lei ti tradisce?..se non vi amate più ci si può separare e ripartire da zero...non ti sto giudicando, non conosco e non mi interessa la genesi e lo sviluppo del tuo matrimonio, ma come tanti & tante, hai molto a cuore la annosa questione del giudizio, ma se quello di chi scrive qui è irrilevante, quello di noi stessi, e chi ci sta attorno, è inevitabile, ed a volte perfino sacrosanto.
      0
      Rispondi a max Commenta l’articolo

  18. Avatar di Stefania

    Stefania 3 settimane fa (7 maggio 2017 1:36)

    Ho avuto una relazione con un traditore. Ero l'altra. E quando ho cominciato a capire che mi stava manipolando, ho avuto la forza di andarmene. Dopo un po' di idillio l'inferno. Era il classico bravo ragazzo nell'aspetto , ma che ti inganna proprio per questo. Rivedo quasi tutte le motivazioni. Mai più
    1
    Rispondi a Stefania Commenta l’articolo

  19. Avatar di Chiara

    Chiara 2 settimane fa (17 maggio 2017 9:33)

    Secondo me per quanto riguarda il tradimento così come per tutto, non c e una regola fissa. Io credo che comunque quando un uomo e' davvero innamorato, ma per davvero intendo pienamente appagato non tradisce. ( ma anche qua non è una regola dove due più due fa quattro) Nelle mie esperienze e' capitato che quando eravamo ai ferri corti prima della chiusura spesso ho visto il mio lui gettare ami.... E questo fa malissimo. Poi oggi con tutta la tecnologia e' molto semplice farlo. Non so perché ma anche con l ultima storia appena chiusa l ultima volta che l ho visto avevo avuto questa sensazione. Ho fatto una cosa che non avrei dovuto fare, gli ho controllato il cell... Aveva fatto degli aggiornamenti e in rubrica aveva molti numeri senza nome. Beh...: di sabato sera quando era con me ha mandato un video divertente ad un numero senza nome, nell avatar c era la foto di una donna. E lei gli ha risposto: grazie! E' proprio vero che i cani sono i nostri migliori amici. Buona serata! Con tanto di faccina con bacetto. Era una chat senza cronologia come se lui avesse cancellato i messaggi precedenti...... Non conoscevo questa tipa mai vista tra i suoi conoscenti e la cosa mi fa pensare !
    0
    Rispondi a Chiara Commenta l’articolo

    • Avatar di Emanuela

      Emanuela 2 settimane fa (17 maggio 2017 10:09)

      Pochi giorni fa leggevo un articolo su una scoperta di un neuroscenziato, tale Rodolfo Llinás , in base alla quale la fedeltà è una caratteristica delle persone più intelligenti. Puoi googlare se vuoi approfondimenti, e metterti l'anima in pace sul tuo valore e su quello della persona che oggi ti è affianco.
      1
      Rispondi a Emanuela Commenta l’articolo